I camerieri delle banche


Questo non è il governo delle banche, per carità! A forza di dirlo, forse sperano che finiremo anche per crederci. Ma intanto che lo dicono, piazzano l’ennesima norma salva-banche, mentre il paese si impicca. Hai un debito con il fisco? Se ti chiami signor Rossi, Attilio Befera di Equitalia te lo triplica e poi ti porta via la casa (con te dentro, non fa differenza), la macchina e da ultimo la vita. Se invece ti chiami Alessandro Profumo e la tua casa è Unicredit, il Governo approva una norma che depenalizza l’abuso di diritto, stralciando tutte le indagini in corso a tuo carico per ogni “allegra” denuncia dei redditi. E intanto gli anziani non autosufficienti che sono costretti a vivere all’ospizio (chiamiamolo con il loro nome) devono pagare l’IMU sulla loro abitazione rimasta vuota come se si trattasse della seconda casa, mentre le fondazioni bancarie, che sono notoriamente enti caritatevoli che non vedono il becco di un quattrino, ne sono totalmente esonerate, così come la Bocconi.Mentre qualcuno tra di voi si ostinerà a difendere questi affamatori di popoli, sbugiardati perfino da premi Nobel per l’economia come Stigliz che il 2 maggio si è confrontato pubblicamente con Mario Monti, il vampiro transilvano senza cuore chiamato a liquidare il Bel Paese, tutti gli altri, quelli che hanno ancora un po’ di coglioni sotto, si preparano alla rivoluzione.

52 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Caro Claudio, fortunatamente non ho ancora nessun debito con nessuno. Ma il giorno in cui riceverò la prima cartella esattoriale farò qualcosa di simile a quel signore di due giorni fa. Preferisco farmi arrestare e vivere a spese dello Stato, piuttosto che pagare debiti a questa casta di banchieri.

  • alecs81 ha scritto :
    Caro Claudio, fortunatamente non ho ancora nessun debito con nessuno. Ma il giorno in cui riceverò la prima cartella esattoriale farò qualcosa di simile a quel signore di due giorni fa. Preferisco farmi arrestare e vivere a spese dello Stato, piuttosto che pagare debiti a questa casta di banchieri.

     

    quoto

     

    farò come te se ne fosse necessario…

  • Non c’è stato un solo frame di questo video che sia riuscito a reprimere i conati di vomito di cui ho sofferto nel guardarlo… E ancora non mi spiego, nonostante la fruibilità delle informazioni, come ci sia in rete gente che ancora commenta i video con post dai testi e dal nickname evocanti “Silvio”, come se fosse solo lui il cancro di questa povera Italia. Vorrei tanto sapere cosa pensano coloro che scesero in piazza a festeggiare la caduta del governo Berlusconi, stappando bottiglie di spumante. A ben intenderci: non lo sto difendendo, anzi. E come lui tutti gli altri, senza alcuna esclusione.
    Come poter cambiare? C’è una soluzione?….la guerra? una guerra??!

    Magari… E’ assurdo augurarselo, me è pur sempre utopia. Quindi: tranquilli.

    • Dimenticavo…
      A proposito di “cambiamento”. Io non guardo la tv, e non so come si stiano comportando i media (allineati) italiani: qualcuno si ricorda che domani la Grecia andrà alle urne per eleggere il nuovo governo?

  • Anche Monti dice che di sola austerità non si vive. E poi ci è andato a quell’incontro, mica ha fatto arrestare i partecipanti! 

    Su Profumo non saprei… può essere…. è un tipo potente. Sarebbe molto grave, almeno quanto le leggi ad personam del predecessore, ma bisogna vedere chi è l’artefice/promotore della norma: Profumo, se non ricordo male, fino a poco tempo fa veniva corteggiato dal PD come un futuro possibile leader della sinistra(mi sto ancora sbellicando!). Io sarei cauto… qualcuno sa chi è che ha voluto la norma?

    Non capisco tutto quest’odio verso l’agenzia delle entrate. Qual è la rogna? Un esattore delle tasse serve, specialmente in Italia. E’ colpa dei modi o delle cartelle pazze? Sarà che c’è un po’ di astio anche perché ora si deve pagare davvero? Molti professionisti e commercianti di mia conoscenza hanno, con mia gran sorpresa, iniziato a fare gli scontrini e non si azzardano più a chiedere “Con o senza ricevuta?”. Non so dalle vostre parti…

    A proposito: spero che nessuno voglia difendere un pazzo che ha preso degli ostaggi e ne ha tenuto uno per ore per via di una cartella di 1000 euro. Voglio ben sperare. Anche lui si è reso conto di aver esagerato.

    Sui coglioni 😀 : sommetto quello che volete che non ci sarà alcuna rivoluzione e che non appena inizierà la ripresa(siamo usciti da crisi peggiori) tutti torneranno ai propri affari.

    Nota negativa: il panettiere ha detto al mio babbo che il pane sta andando a ruba. A quanto pare la crisi inizia a colpire anche la dieta e, quindi, il benessere fisico delle persone. Mi ha fatto impressione.

    • Quando ti triplicheranno una tassa sui rifiuti non pagata, o pagata "un po’ meno" (anche per un semplice errore), nel giro di pochi giorni, e se non paghi ti pignorano la casa, mentre a Unicredit fanno la norma per abolire il reato di "abuso di diritto" che in sostanza è come dire che le loro tasse, ELUSE (e non "dichiarate ma non pagate per mancanza di soldi", come accade per i signor Rossi qualsiasi), non le pagheranno mai "PER LEGGE", allora, forse, ti darai una svegliata e capirai anche tu come mai "tanto astio" per chi fa il semplice mestiere di esattore.

      Ci dev’essere equità sociale in una democrazia perché ognuno rispetti il suo ruolo fino in fondo, altrimenti, come già diceva Miglio, il cittadino è autorizzato alla disobbedienza civile.

      Ti consiglio di usare meno la calcolatrice e di applicarti di più sulla filosofia del diritto: niente è semplicemente "dato": tutto è costruito dall’uomo applicando principi e, troppo spesso, interessi personali, sbagliati. Tutto, viceversa, è ridefinibile in base alle spinte sociali che lavorano, usando ogni mezzo, per ripristinare l’equità, se questa equità viene elusa.

      La storia insegna. 

    • Scusami per la risposta secca, ma non puoi offendere la sacra matematica

      La matematica l’ho studiata e la amo, ma non puoi applicarla alla società, che deve essere governata (e quindi governare supremamente ogni altra disciplina) mettendo sempre al centro, come sommo e supremo bene, l’uomo e la sua felicità. Qualsiasi disciplina che porti all’infelicità umana è sbagliata, perché non vi è nulla di più importante della vita.

  • Per l’ennesima volta invito tutti a FARE qualcosa di estremamente efficace, dal momento che sono totalmente d’accordo con Messora, e nel mio piccolo l’ho scritto anch’io, che chi ha i soldi ha il potere, invito dicevo TUTTI I CORRENTISTI PRESSO LE GRANDI BANCHE A RITIRARE I LORO RISPARMI e comunque a chiudere i loro conti correnti, che in ogni caso portano guadagno a tali banche, e PASSARE A BANCA ETICA, che lavora con metodi e per obiettivi totalmente opposti… trovate le info più significative nella mia sezione “Finanza Etica“… http://giannigirotto.wordpress.com/finanza-etica/

  • Ma insomma alfrè te voi sveià?Con tutte queste leggi anticostituzionali,antiequità e sopratutto di loro convenienza(perchè aldilà delle loro stupide promesse non ho ancora sentito la parola “sarà il popolo a decidere se finanziarci o no,quanto sarà il nostro stipendio”insomma un pò come noi comuni mortali quando si lavora ed è il padrone che decide)tu ancora fai il ragioniere economista?Si vede che stai bene e in questo momento non hai disagi e ti puoi permettere di fare il ragioniere anche quando ormai abbiamo strasuperato la soglia dell’assurdo,come monti che lavora gratis poverino,ma sulla nomina di parassita a vita non ha battuto ciglio,comunque non te la prendere alfrè e continua a sognare finchè puoi

     

    • Su una cosa hai ragione: per ora me la passo bene. Per ora. E non vale certo per tutta la mia famiglia. Non ti credere però che sia sempre stato tutto rose e fiori. Io le ho prese mentre tutti stavano bene. Ho perso la casa a causa delle banche(ed era in campagna. sigh!), il mio babbo era spesso all’estero(l’unico manager pagato poco) e a fine 2008 fu licenziato a quasi 50 anni con 20000(ventimila, contare gli zeri, please) euro di liquidazione e un calcio nel culo. Ce la siamo vista brutta. Adesso va un po’ meglio: si è messo in proprio e sfruttando la sua esperienza e abilità ha iniziato a guadagnare bene(per ora decisamente bene, per ora).  La situazione però rimane precaria(ergo risparmiamo). E considera una cosa: io voglio fare lo scienziato= dovrò emigrare.

      La mia attuale situazione mi permette di ragionare a mente fredda ed è proprio per questo che mi preoccupano le tensioni sociali e le pulsioni violente causate dalla crisi.

       

  • @Dad

    Ho letto un articolo sul caso sul Fatto Quotidiano.

    L’Agenzia delle Entrate dice 2000, l’imprenditore 44.000. Due fonti interessate.

    Grazie della segnalazione. I numeri contano. 😉

  • Caro Claudio,

    le rivoluzioni hanno una loro dignità. Però, perché siano giuste ed efficaci, occorre:

    A) sapere chi è il ‘nemico’, ossia avere le idee chiare rispetto al sistema che vuoi abbattere

    B) sapere con quali mezzi la vuoi combattere (disubbidienza civile nonviolenta; oppure la violenza)

    C) quali sono i leader (il popolo da solo non combina niente) e quanta parte della popolazione è davvero con te

    D) sapere già e con sufficiente chiarezza che cosa vuoi instaurare al posto di ciò che vuoi combattere. E corollario: cercare di avere una visione degli effetti a breve e a lungo termine, nel caso di successo.

    Altrimenti non è una rivoluzione, è solo una rivolta, che non porta assolutamente a niente perché è repressa con molta facilità e con putroppo il solo effetto negativo di aver sparso del sangue. Noi non siamo nelle condizioni dei paesi arabi che si sono rivoltati (e non hanno ancora finito), non ci può essere alcuna primavera araba da noi, per il semplice motivo che, nell’eventualità di una insurrezione violenta (occupazione delle istituzioni) oltre ai carri armati nostri, se non dovessero bastare arriverebbero anche quelli europei o americani di rinforzo (e non di rinforzo a chi si ribella!).

     

    • Non sono Claudio ma uno che ha chiuso sempre un’occhio sulle angherie della vita,lavoro,tasse,governo ladro ecc.Ero convinto di fare la cosa giusta,così mi avevano insegnato,poi c’era “chi non lavora non fa l’amore e altre stronzate forvianti”,ma ora alla luce dei sacrifici fatti e delle fregature prese permetti che io o qualcun’altro sentano finalmente la voglia di liberarsi di tutte queste stronzate?pensa ai sacrifici fatti per ingrassare i porci mentre invece pensavi di essere una persona onesta lavoratrice,e tutti dicevano che brava,che brava…e ora invece dovrai cominciare a pensare che quando avranno finito con quelli che un computer nemmeno lo hanno passeranno a quelli più fortunati,l’economia è anche consumismo e se i poveri non consumano e muoiono di fame,dovranno alzare i prezzi per i pochi fortunati rimasti,un pò distruttivo non ti pare?E nonostante tutto c’è ancora chi pensa alla pellaccia al quieto vivere,si da pecore

    • Rox, tutto giusto, soprattutto riguardo alla considerazione rispetto al quieto vivere da pecore. putroppo è proprio questo il punto! Non ci sono solo i LORO che stanno in parlamento o LORO che guidano la Ue o LORO che dirigono la finanza mondiale. Alcuni di quei LORO sono stati anche in mezzo a NOI fino a ieri; ora vorrebbero farsi passare per stufi, ma sono gli stessi che, mentre tu facevi l’onesto e subivi, non emettavano scontrini, fatture, chiamavano l’amico dell’amico per farsi mettere la pratica in cima alla pila, facevano gli assenteisti di professione, i finti ciechi e via dicendo. Questi qua, che ora dicono di essere stufi anche loro, sono quelli dell”armiamoci e partite’, ti dicono che ci sono, ma poi al momento buono hanno altro da fare, tengono famiglia e soprattutto hanno la partita da guardare in tv. Fossero pochi …invece sono tanti, incapaci di alcuna solidarietà fattiva perhcé non sanno che cosa sia. Gente che reclama, reclama, basta che non devono metterci la faccia loro e poi al momento buono ti voltano pure le spalle.

      Ciononostante, dico che un cambiamento, chiamala rivoluzione, ben venga, ma che abbia un senso, un significato, che sia non violento, perché una guerra civile per impoverirci ancora di più e non risolvere un c…. non credo sia utile

    • Scusa ma non ti offendere,ma dai troppo valore a quello che credi di essere e non a quello che sei veramente e sei bloccata da vecchi concetti che ora non hanno più valore,le cose sono cambiate e vecchie idee sono state smascherate per quello che sono,questa non è libetà,io voglio quella vera,l’ho persino sognata e mi sono svegliato con una gioia che è durata tutta la giornata,credimi me ne fregavo di tutto e di tutti,ma vorrei che anche altri provassero la stessa cosa,me ne frego di chi si tira indietro,io rifiuto questo sistema distruttivo che ci ha tenuti per un pò in una gabbia invisibile,hanno sempre creato problemi,guardavano come reagivamo e poi si inventavano la soluzione,che geni e dopo la gabbia hanno deciso che dobbiamo morire di fame,io dico che è meglio morire dopo aver sfogato la rabbia,e comunque ci ammazzano lo stesso,almeno la soddisfazione di tirare qualche pugno azzarola!!!

    • Rox,

      non so bene cosa intendi. Ognuno di noi cerca di vivere secondo i propri standard morali e possibilmente cerca di vedersi anche i propri difetti. Io di difetti ne ho sicuramente. Se ho parlato come ho parlato, è perché ho avuto modo nella vita di prendermi responsabilità anche per altri, di combattere anche per altri, in un caso anche a costo di rimetterci pesantemente in prima persona perché credevo nella bontà e giustezza della cosa. Il mio non vuole essere disfattismo, ma cercare di ragionare e mettere in guardia rispetto a scorciatoie che darebbero una qualche soddisfazione immediata ma niente di più. Poi, se tu senti gioia e libertà, non sono certo le mie parole che te la possono togliere.

    • Nemmeno quelli al potere sanno cosa intendo,troppo accecati dal possesso e credono di provare la vera gioia,in realtà la loro è una sete senza fine,non sapranno mai cos’è la vera gioia e come vedi non sono mai contenti,fanno solo pena perchè sono schiavi di quello che chiamano possesso,anche per questo rifiuto il sistema,io non voglio essere schiavo dei soldi perchè essi dovrebbero essere invece lo strumento per facilitare la vita,e non dico questo per invidia ma perchè solo così si possono aprire gli occhi per cose che avevamo d’avanti agli occhi e che ignoravamo,invece l’unica cosa che vediamo e compra li,compra qui,accumula,proteggi,attento ai ladri,chiamalo stress continuo al fegato,non è salutare

  • I partiti politici non vivono solo d’aria…pero’ voi politici di destra sinistra centro parlate solo di aria FRITTA!

    Hanno dichiarato:” abbiamo votato la fiducia ma non condividiamo i provvedimenti”…allucinante! Noi diciamo: ” invece, voi politici, la NOSTRA fiducia DOVETE meritarla”.

    Anch’io sono sempre piu’ dell’idea che non si riesca a mandarli a casa in maniera civile. Piu’ passa il tempo e questi sentono il fiato al collo,guardiamo le dichiarazioni delle ultime ore da parte di ABC, cominciano a smarcarsi dalle posizioni filo governative…domani votiamo, dai, coraggio, anche se il voto delle amministrative dovrebbe essere distinto dalle politiche, dobbiamo mandar loro un bel messaggio.  

    Per quanto riguarda il discorso banche, se il mio nik da novembre e’ bancocrazia, qualcosa vuol significare, d’altronde bastava guardare i nomi dei ministri e dei sottosegretari e si intuiva subito l’andazzo. Non ci voleva certo una laurea alla bocconi per capirlo, vero Monti?

    • Purtroppo ci sarà il messaggio e non è una cosa buona. Possibile che si debba votare per dare un messagio. Mettiamo che una città abbia avuto un bravo sindaco del PDL, perchè mandarlo a casa per punire Berlusconi?

      Idem per il referendum. Gli italiani scambiano ogni voto per un televoto sul governo. Per questo dico che gli italiani non sono molto furbi e razionali. E poi hanno il coraggio di lamentarsi che non vengono rifatti i marciapiedi. Bella forza. Nella mia città non c’è stato un sindaco di destra o di sinistra che sia uno dal ’48. E non è uno scherzo.

  • Bigalfry2 ha scritto :
    Purtroppo ci sarà il messaggio e non è una cosa buona. Possibile che si debba votare per dare un messagio.

    scusa big, ma come devo darglielo il messaggio: l’unica arma che abbiamo e’ la matita, ricordatelo sempre! se mi togli anche quella allora cominciamo a menare, ma (per ora) nessuno e’ ancora pronto…

    se hai letto bene, ho scritto che il voto delle amministrative DOVREBBE ESSERE DISTINTO DALLE POLITICHE, pero’, visto il momento storico catastrofico, dobbiamo pensare diversamente, anche perche’ i nostri cari “onorevoli” stanno aspettando il voto degli italiani per poi orientere le loro politiche, quindi vedremo lunedì pomeriggio…

  • Maddalena ha scritto :
    Rox, tutto giusto, soprattutto riguardo alla considerazione rispetto al quieto vivere da pecore. putroppo è proprio questo il punto! Non ci sono solo i LORO che stanno in parlamento o LORO che guidano la Ue o LORO che dirigono la finanza mondiale. Alcuni di quei LORO sono stati anche in mezzo a NOI fino a ieri; ora vorrebbero farsi passare per stufi, ma sono gli stessi che, mentre tu facevi l’onesto e subivi, non emettavano scontrini, fatture, chiamavano l’amico dell’amico per farsi mettere la pratica in cima alla pila, facevano gli assenteisti di professione, i finti ciechi e via dicendo. Questi qua, che ora dicono di essere stufi anche loro, sono quelli dell”armiamoci e partite’, ti dicono che ci sono, ma poi al momento buono hanno altro da fare, tengono famiglia e soprattutto hanno la partita da guardare in tv. Fossero pochi …invece sono tanti, incapaci di alcuna solidarietà fattiva perhcé non sanno che cosa sia. Gente che reclama, reclama, basta che non devono metterci la faccia loro e poi al momento buono ti voltano pure le spalle.Ciononostante, dico che un cambiamento, chiamala rivoluzione, ben venga, ma che abbia un senso, un significato, che sia non violento, perché una guerra civile per impoverirci ancora di più e non risolvere un c…. non credo sia utile

  • cranius ha scritto :
    non ci sara’ una ripresa, almeno per molti anni

    E’ proprio così. Non ci sarà nessuna ripresa, perché il sistema è definivamente fallito.

    Chi parla di ripresa o è in malafede o non si è accorto ancora di quello che sta succedendo in tutto l’occidente.

    Ecco perchè ci sono rivolte paurose in Europa e America e in Italia non succede mai niente. Forse per darsi una mossa aspettanno di morire sui cigli delle strade o di essere presi a martellate dieci volte al giorno.

    Mi vergogno di esssere nato in un Paese dove l’ignoranza regna sovrana.

  • Ribellione assoluta!!!

    Creiamo una nostra massoneria con la quale ci dovremo trovare tutti d’accordo per muoverci nell’ombra,insomma freghiamoli con le loro stesse armi,i partiti il governo anche quelle lo sono,invece di fare manifestazioni a vuoto perchè il nemico è sordo e ti costringe a diventare violento,poi però non sei più un manifestante ma un populista violento,ma vi rendete conto che sanno tutto di tutti e noi quel pò che sappiamo di loro viene anche falsato dall’informazione?

    Chi aspettiamo?Avremmo dovuto farlo da un pezzo

  • riguardo alla norma di depenalizzazione , credo che se venisse introdotto il concetto che i reati vanno contestati, perseguiti e giudicati con le norme IN VIGORE AL MOMENTO DEL FATTO (e non con le ultime), il governo e il parlamento la smetterebbero di legiferare per condonare, sanare, amnistiare tutte le porcate fatte. i processi non morirebbero e le persone condannate.

    la giustizia dovrebbe ripartire da qui.

     

  • è altamente ingiusto triplicare una cartella esattoriale per mancato pagamento. Io la triplicherei a chi i soldi li ha veramente e le tasse non le paga. Ma ad un cittadino che non le paga perchè non ha i soldi le dimezzerei , le rateizzerei.. invece ti tolgono i pochi beni che hai guadagnati con il lavoro di una vita…. 

     

  • di solito le fondazioni bancarie sono quelle che hanno la maggioranza delle azioni ,  pertanto i soldi gli arrivano eccome !!!

  • rox ha scritto :
    Creiamo una nostra massoneria con la quale ci dovremo trovare tutti d’accordo per muoverci nell’ombra

    Questo mi ha fatto riflettere molto, perchè io son convinto che qualcosa sotto sotto e di nascosto si sta già muovendo. Prima o poi verrà fuori…

    Mi fa solo paura però pensare quanto estremista possa essere questo movimento, che sia di destra o di sinistra………

    • No i movimenti estremisti danno troppo nell’occhio e non sempre sono efficaci,io parlavo di una vera società segreta,non è impossibile e visto che chi dovrebbe fare i nostri interessi nemmeno ci ascolta più,che aspettiamo ad unirci,sarebbe un’ottima idea anche se di origini antiche,esiste ancora però

  • Ieri non sono riuscito ,per ragioni di tempo, a commentare e lo faccio oggi. I punti che secondo me vengono dimenticati o fatti passare in secondo piano, sono la mancanza di denaro per far fronte alle spese correnti, e quindi anche al pagamento di tasse, la pressione fiscale che è vicina al 50% ma che con altri calcoli arriva a oltre il 70%. Logicamente c’è il discorso di Equitalia e il suo modo di riscuotere, con le moltiplicazioni e le percentuali, c’è l’accesso al credito negato, la mancanza di lavoro. Ora se tutti questi interventi di miglioramento non vengono fatti o se si salta anche solo uno di questi provvedimenti, non si ottengono risultati positivi e ci saranno ancora, come pure ieri, suicidi o atti di violenza. Per chi condanna chi critica i funzionari di Equitalia, ricordo che quando ci fa comodo si può condannare e criticare il “capo” e solo lui, quando invece ci conviene allora la critica può essere estesa anche ai funzionari e agli usceri. Non faccio esempi perchè dal nazifascismo allo stalinismo bastano e avanzano.

  • rox ha scritto :
    No i movimenti estremisti danno troppo nell’occhio e non sempre sono efficaci,io parlavo di una vera società segreta,non è impossibile e visto che chi dovrebbe fare i nostri interessi nemmeno ci ascolta più,che aspettiamo ad unirci,sarebbe un’ottima idea anche se di origini antiche,esiste ancora però

  • RIVOLUZIONE….ecco, la parola impronunciabile che metterebbe fine al regime. che METTERA’ fine al regime. speriamo presto.

  • illupodeicieli ha scritto :
    Ieri non sono riuscito ,per ragioni di tempo, a commentare e lo faccio oggi. I punti che secondo me vengono dimenticati o fatti passare in secondo piano, sono la mancanza di denaro per far fronte alle spese correnti, e quindi anche al pagamento di tasse, la pressione fiscale che è vicina al 50% ma che con altri calcoli arriva a oltre il 70%. Logicamente c’è il discorso di Equitalia e il suo modo di riscuotere, con le moltiplicazioni e le percentuali, c’è l’accesso al credito negato, la mancanza di lavoro. Ora se tutti questi interventi di miglioramento non vengono fatti o se si salta anche solo uno di questi provvedimenti, non si ottengono risultati positivi e ci saranno ancora, come pure ieri, suicidi o atti di violenza. Per chi condanna chi critica i funzionari di Equitalia, ricordo che quando ci fa comodo si può condannare e criticare il “capo” e solo lui, quando invece ci conviene allora la critica può essere estesa anche ai funzionari e agli usceri. Non faccio esempi perchè dal nazifascismo allo stalinismo bastano e avanzano.

     

    La diminuzione della base monetaria circolante, ossia l’assenza di liquidità sul mercato reale e il credit crunch, sembrano studiati a tavolino perchè a queste si aggiunge l’imposizione fiscale con i metodi più o meno leciti che ormai conosciamo tutti.

    Ribadisco, come fatto in precedenza, che non impugnare una cartella equitalia entro i termini, significa farla passare in giudicato ossia renderla definitiva, pertanto si rende definitivo anche l’importo.

    Così una S.p.a. dello Stato, percepisce l’imposta con gli interessi oltre l’aggio per la riscossione, le spese di notifica oltre alle sanzioni amministrative.

    Tornando al quadro generale, si profila una chiara intenzione dell’attuale governo verso la rivolta sociale, le finalità non sono note, forse per effettuare un ripulisti generale al sollevarsi di disordinate rivolte o forse voluta perchè imprescindibile per un vero cambiamento nazionale o europeo. 

    Come qualcuno ha fatto notare, la violenza porterebbe ad un intervento massiccio tale, da far impallidire anche il Congo e l’Angola, senza contare che chiunque tentasse un’azione disperata sarebbe fatto passare per un carnefice o uno scellerato, come quel disperato che ha sequestrato l’ufficio di equitalia.

    Usare la tecnologia, significa metterci a nudo, dire cosa stiamo pensando di fare e cosa vorremmo. Ho pensato molto a questo, anche al fatto di interpolare decine di forze popolari mondiali, contattando su twitter, facebook, blogs, siti e altro i leaders dei vari movimenti popolari mondiali e tutti temono la stessa cosa, il depistaggio, la demonizzazione, la demagogia, insomma, usare la rete va bene, ma non ci farà cambiare molto, usare la violenza ci trascinerà nel baratro dell’oppressione americana, così chiedo a tutti quelli che se la sentono di fornire idee per cambiare le cose, servono programmi, serve un’alternativa che per il momento vede come sua unica speranza il Movimento Cinque Stelle.

    Il momento italiano, è più assurdo di quanto ci dicano, siamo come sempre di importanza strategica internazionale sia per collocazione che per legami economici e finanziari con i paesi esteri. Tutto sembra girare al contrario, lo stato dovremmo essere noi e non lo siamo, i governi dovrebbero essere eletti e non lo sono, i referendum dovrebbero essere legge e se ne fottono, i meno abbienti dovrebbero essere tutelati e vengono abbandonati, la distribuzione della ricchezza della nazione si concentra verso pochi vertici, le banche non sono banche, il lavoro non è più lavoro, le tasse e le imposte sono la stessa cosa, la costituzione è solo un documento solenne necessario a tenere uniti il popolo ed i confini.

    Per gli amanti della matematica, la situazione dell’economia popolare potrebbe essere rappresentata con delle equazioni, cercate di calcolare e vedrete che succede:

    Indice inflazione = A

    Accesso al credito = B

    Ammortizzatori sociali = C

    Denaro prodotto = D

    Pressione fiscale = E

    Potere d’acquisto = X

    Ricchezza = Y

    X = (D + C) / E

    Y = ((D + B) * A) / E

     

    Siamo ad un passo dal cambiamento, serve ancora qualche mese non arrendiamoci,

    Buona fortuna a tutti

     

  • La politica non vive di aria, la Democrazia ha un costo… ma nel momento in cui finiscono del cesso perfino dei risultati referendari, per che diamine stiamo pagando?!?

     

  • Bigalfry2 ha scritto :
    Senza offesa, ma credo che se l’intera economia globale fosse riassumibile in 2 formulette, la crisi non ci sarebbe. Le cose sono molto più complicate. Una volta presi per sbaglio un quaderno a uno studente del classico che frequentava una sperimentazione economica. Erano calcoli più complicati e parecchio.

    Gentile Bigalfry,

    sono rammaricato come il mio messaggio, che proprio cercava di dipanare alcuni quesiti anzi letti, non sia riuscito a infondere il suo vero significato.

    Sono altresì rammaricato ma rincuorato allo stesso tempo, di come la sua giovane età le dia tanto vigore e che da esso non derivi purtroppo disciplina e approfondimento, ma come è consueto nei giorni che viviamo, solo sufficienza e autocelebrazione. La invito pertanto, sempre con il dovuto rispetto, a far suo, quanto da me scritto, semplicemente cercando di vedere dietro quei valori alfabetici, le famiglie che rappresentano, avendo cura di rintracciare debitamente la parte motiva del discorso, senza trascurare, per sentito dire, la naturale equivalenza di quei dati, che seppur semplici e sintetici, racchiudono in essi, non già, l’autorevole dispiclina dell’economia, ma i problemi a cui vanno incontro le famiglie italiane.

    Forse ho solo il doppio dei suoi anni, o forse addirittura il doppio, ma mi creda, non con il cinismo o la demolizione si uniscono i popoli, rifletta su come e cosa scrive, perchè essere definitivamente critico Le porterà solo problemi nella vita.

    Quando ci proponiamo e commentiamo dovremmo sempre tenere a mente che se non si è parte della soluzione allora si è parte del problema.

    Spero che non se ne abbia e che legga fra le mie, un affettuoso paterno parere, forse da chi proprio come lei, ha sempre cercato risposte e che sta trovando solo ora.

    Vorrei inoltre che siano intuibili le mie intenzioni e qualora non lo fossero, preciso che il principio ispiratore è sempre l’informazione.

    saluti

  • mah, un governo tecnico puo’ ovviamente occupare una posizione redditizia per una serie di circostanze e tentare di realizzare i propri misteriosi disegni tecnocratici a spese di un intero paese, teoria passabile ancorche’ pittoresca

    piu’ verosimile l inverso: che cioe’ non sia affatto completamente tecnico, ovverosia non sia assolutamente in grado di applicare i propri disegni orientati verso il proprio minuscolo tornaconto, ma sia tuttora infettato da componenti politiche, tali per cui il governo stesso viene ostacolato nel portare a compimento in modo metodico e senza compromessi il proprio programma

    certo nel non riuscire a sbrogliare una situazione preoccupante e’ un governo non esente da lacune, ma io le colpe le vedo nell inevitabile interferenza esistente e proveniente dalla politica; dopodiche’ che non si tratti di un governo immune da conflitti di interesse anche quello e’ vero, ma qui non vedo un granche di lucidita’ nella critica

     

     

  • salve,

    questo video e l’articolo sono davvero interessanti, claudio tu e non solo tu da dicembre avevi minacciato che si potesse creare un governo di banchieri ma nessuno si è posto una domanda del perchè sia stato creato questo governo, oltre l’affamato "spread" il mostro che tutti temono, credo che nessuno di noi possa più credere ai politici, io, quando li sento in tv, leggo le loro interviste ecc,,,rido, rido! l’unica cosa che si può fare vedendoli è ridere. fa davvero tanta rabbia tutto questo! spero che l’italia si alzi in piedi e faccia cadere dalle loro poltrone tutte queste sanguisughe della società ITALIANA! vorrei che tu ci informassi poi sulla votazione della legge salva banche, che sicuramente andrà a buon fine.

    ps: il sigonre che acccusa i politici di essere "camerieri delle banche" vorrei informarmi su di lui 🙂

    grazie continuate così!

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi