Lezioni di giornalismo dalla Turchia


E ora prendiamo lezioni di giornalismo anche dalla Turchia. Il primo ministro Erdogan, nel corso della conferenza stampa seguita al vertice tra Italia e Turchia tenutosi oggi a Roma, ha redarguito un giornalista del Corriere della Sera per il modo in cui è stato scritto il titolo di un articolo che riportava una sua intervista. Il titolo lasciava intendere una Turchia pronta all’intervento militare Nato in Siria.

Erdogan ha accusato il giornalista di non essere leale. Nel rapporto PRESS FREEDOM INDEX 2011-2012, di Reporters Without Borders, che misura la libertà di stampa nei vari paesi del mondo, la Turchia viene al 148° posto. L’Italia al 61°. Il bue che dà del cornuto all’asino.

3 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    • La cosa paradossale è che quando cerchi di farlo notare a quelli che secondo te sono “manipolati”, passi tu per sciroccato marziano che na dove vive…

  • Ahahah ! Risatona.

    Se l’avesse rilasciata a Libero quell’intervista il giorno dopo avremmo letto ” La Turchia vuole annettersi la Siria con l’aiuto della NATO”.

    Mi pare che in Turchia siano stati ammazzati vari giornalisti o sbaglio?

    Nessun italiano farebbe il titolista di un giornale con Erdogan come presidente,questo è poco ma sicuro.

    C’è da dire che la tragedia della nostra stampa con i titoli si trasforma in farsa.Con gli articoli che seguono diventa spesso una pagliacciata.

    Non vale per tutti ovviamente ma le cosiddette grandi testate le danno contro i muri.Forse il titolista del Corriere della Sera non ha tutti i torti però…Speriamo di no.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi