Brindisi, le prime immagini: morire a 16 anni


Ci sono giorni, come questi, in cui si cerca disperatamente una ragione e non la si trova, mentre tutto crolla e ogni significato si perde nella vergogna e nella prostrazione.
Sono i giorni in cui bisogna reagire subito. Sarò in piazza San Fedele, a Milano, alle 17.00.
 

8 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Beato te Claudio,

    tu almeno qualche parola sei riuscito ad articolarla.

    Mi unisco al cordoglio delle famiglie di quei minorenni che hanno solo la colpa di aver fatto il loro dovere : andare a scuola !!

    R.I.P.

  • Questa roba non l’ha fatta la mafia. Ci sono dietro i servizi. Come nelle stragi del ’92 e come in quelle degli anni ’70 e ’80. Cosa gliene fotte alla mafia di accoppare dei ragazzini delle scuole? Per ottenere quale vantaggio? Non esiste! Questo è un pretesto per introdurre qualche misura speciale per conservare questo sistema sociale immutato (anzi peggiorato). Tutto questo guarda caso dopo improbabili attentati anarchici, volantini delle BR riesumati, dopo che il ministro Cancellieri ha sfornato la lista degli obiettivi sensibili e l’appello a “più intelligence”, dopo che De Gennaro diventa sottosegretario con “incarico di Autorità sulla intelligence”… dai cazzo! Vogliono giustificare coi fatti qualcosa di tremendo che ci deve piombare in testa di qui a breve! Dai cazzo svegliamoci!

  • Se ne parlava molto in questi giorni: questo a mio avviso e’ uno di quegli altri atti di terrorismo di Stato, compiuto da 1 parte del governo in carica. Tutte le volte che un governo di delinquenti come questo voluto dalle banche private, dal gruppo Bilderberg o dal governo ombra mondiale, comincia a vacillare nel gradimento del pubblico, ecco che per creare paura e quindi una piu’ facile manipolazione delle persone, si crea il terrorismo, i cui veri protagonisti sono i servizi segreti deviati.

  • Io non posso esser presente li, ma, col pensiero ora, è come fossi li con voi…
    (Una goccia non fa differenza, ma, tante gocce assieme fanno un lago).

  • Altri presidi sono in programma in tutta Italia: 

     a Brescia in piazza della Loggia alle 19,

     a Brindisi in piazza della Vittoria alle 18.30,

     a Genova in piazza De Ferrari alle 17,

    a Livorno in piazza del municipio alle 18.30,

     a Napoli a Palazzo San Giacomo alle 19,

    a Padova davanti al municipio alle 19,

     a Roma al Pantheon alle 18.30,

     a Treviso davanti al municipio alle 19.

    Coraggio, ce la faremo!

  • Una settimana fa, dopo aver visto che in TV si parlava di fantomatici gruppi terroristici e di un ministro che associava tutto questo a frange terroristiche legate al movimento NO TAV (devo capire ancora adesso con che criterio e presunzione), a mia figlia, durante il pranzo, avevo detto che trovavo in questa campagna mediatica molte analogie a quelle eseguite ai tempi delle stragi piazza Fontana, piazza della loggia, stazione di Bologna ecc.., e che temevo visto che adesso come allora si voleva soffocare la protesta popolare verso le istituzioni corrotte, potessero scoppiare nuovi attentati. Purtroppo tutto cio’ si e’ avverato. Come padre di tre figli ho un grosso peso al cuore. Spero solo che una maggiore coscienza della gente possa fermare e far si che vengano puniti gli esecutori ma soprattutto i mandanti di queste atrocita’.

  • in perfetto accordo con miccr. teoria della tensione? sviare l’opinione pubblica da fatti più importanti? gli elementi ci sono tutti. 20 anni dalla strage di capaci, il nome della scuola. mi sembrano elementi troppo studiati per la massa che facilmente pensa 2+2=4. se troveranno il probabile colpevole ci sarà un altro “suicidio” alla pinelli. e tutto si chiuderà.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi