Gallina che canta…


Subito dopo l’attentato, Roberto Castelli ha detto «Via la Lega dal governo, la criminalità rialza la testa».  Calderoli gli ha fatto eco: “Cui prodest? Non voglio osare pensarlo ma a pensare male alla fine ci si azzecca…”.
 
Chi strumentalizza la morte di una ragazzina di 16 anni per fini politici dovrebbe essere perseguibile penalmente. Altro che apologia di fascismo! Anche perché, se proprio volessimo giocare al giochetto delle strumentalizzazioni un tanto al chilo, al “cui prodest” di Calderoli si potrebbe fin troppo facilmente rispondere che in questo momento bisognerebbe guardare a quelli che hanno perso tutto e stanno per scomparire. Gallina che canta ha fatto l’uovo?
Come vedete, è un gioco pericoloso e soprattutto stupido. Meglio frenare le proprie bassezze.

5 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Anzitutto condolianze alla famiglia di questa ragazza. Spero che anche chi è stato ferito si riprenda al piu presta e sopratutto senza conseguenze. Morire a 16 anni mentre si è scuola non ci sono parole per descrivere l’orrore di questo gesto! In galera i colpevoli e minimo che si può fare contro chi lo ha compiuto, è il 41bis! Mafiosi schifosi! Siete sempre in meno perché siete schifosi! Siete la fecia della società! La prendete con i bambini! Schifose bestie!

    Per quanto riguarda il partito che non voglio nemmeno nominare, devo dire che mi fanno vomitare! Ignoranti e cinici nonché razzisti! Voglio proprio vedere quanto persone li voteranno alle prossime elezioni. 

  • Io un idea, al di là di tutto, me la sono fatta: in qualche modo, e tra le altre cose, questo potrebbe anche essere un deterrente per chi,  questa domenica dovrà recarsi a votare nelle scuole per i ballottaggi.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi