Attentatori fai da te


Dunque avete capito bene? Prendente nota: recuperate un paio di bombole di GPL. Le svuotate. Poi comprate 10 kg di polvere da sparo per ogni bombola. Magari evitate di comprarle tutte dal vostro rivenditore di fiducia: qualche etto qua e un chiletto là, giusto per non dare nell’occhio. Poi comprate delle lampadine comuni da 12 volt, di quelle a incandescenza, un po’ di filo elettrico, una batteria da auto, una centralina elettronica di facile reperibilità e un telecomando sulle Pagine Gialle.
A questo punto non vi resta che mettere la polvere pirica nelle bombole, aggiungere una lampadina cui avrete  precedentemente rotto il vetro e che avrete collegato a una coppia di fili elettrici, collegare i fili alla batteria passando per la centralina e sistemare per bene il tutto sotto al vostro culo malato. E siete pronti per farvi saltare in aria con il telecomando delle Pagine Gialle.
Come dite? Così si finisce per dare utili elementi agli psicopatici per costruire ordigni esplosivi? Avete perfettamente ragione! Ma non rifatevela con me: queste istruzioni sono pubblicate per filo e per segno sui maggiori quotidiani a diffusione nazionale. Nella fattispecie, sono disponibili a pagina 20 del Corriere della Sera di oggi, venerdì 8 giugno 2012.
No, giusto per sfatare i luoghi comuni secondo i quali internet va regolamentata perché si trovano le istruzioni per costruire le bombe e, ove necessario, va censurata. Ora che facciamo: chiudiamo per coerenza anche il Corriere della Sera?
 

32 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Ho in mente strani pensieri circa dove potrei testare *****************************************************

    NDRCerchiamo di non fare commenti che istighino a una malintesa forma di violenza, che se no forniamo un facile alibi a far chiudere il blog 🙂

     
  • già dal primo giorno proprio su vari blog erano comparsi alcuni post di esperti in esplosivi che spiegavano l’incongruenza dei danni evidenziati dai filmati ufficiali con quelli che avebbe provocato l’ordigno così come era stato descritto altrettanto ufficialmente..

    sul blog di grillo era comparso immediatamente il post a titolo “cui prodest”, che  era un preciso monito nei confronti delle fonti ufficiali che già tentavano di attribuire l’attentato secondo convenienza..come dire: “state attenti che stavolta non potete raccontarci le solite balle..”

    Ergo, regolamentare internet servirebbe solo a questo loschi figuri, ai nostalgici della “pravda” italiana, che solo in tal modo ci potrebbero di nuovo propinare realtà distorte o finte a loro piacimento..

    Stiamo in campana!!!!!!!!

    PS

    Grande Claudio..le elezioni sono ormai vicine e ti rinnovo l’invito ad aderire al movimento e candidarti..

    • Se Messora e Grillo collaborassero che sinergia sarebbe,!!!

      Credo che abbiano bisogno l’uno dell’altro ma non lo ammettono, 

      è molto difficile trovare qualcuno di cui ptersi fidare veramente….

  • La tesi dell’attentatore fai da te mi lascia qualche dubbio. Da quel che ho capito “l’immondo” che ha confessato la strage, naviga sui 70 anni; avrebbe assemblato l’ordigno composto da tre bombole di gas GPL che complessivamente da sole pesano non meno di 30-40 chili e come se non bastasse li ha infilati in un cassonetto della spazzatura per poi posizionarli nottetempo davanti alla scuola. Come ha fatto a far tutto da solo? Quì gatta ci cova. Dal filmato mi par di vedere una persona che aziona il telecomando molto più giovane. Ai posteri la fortuna di conoscere come sono andate realmente le cose. Accettiamo la storia come ci viene raccontata e sempre meglio di niente che di questi tempi non è poco.

  • Il tizio sembra il cugino di Santoro 🙂

    Movente? Dice di avercela con il preside per una questione giudiziaria successa anni fa.. e sto cojone fa tutto sto casino rischiando di massacrare decine di persone (purtroppo una è deceduta), quando il suo obiettivo è il preside? A poche centinaia di metri il palazzo di giustizia.. Non ci capisco un cazzo…

  • Mi dispiace, ma mi convince sempre meno la spiegazione che i mercati finanziari scommettano sulla possibilità di uno stato di ripagare il proprio debilto. Questo debito per sua natura non può essere ripagato interamente, può solo aumentare, a meno che quello stato non abbia un’improvvisa espansione economica inarrestabile tale da farlo diventare una superpotenza minacciosa ed imperialista. Il debito è prima di tutto un forte meccanismo di controllo sociale e più si crede in esso e più se ne è soggiogati, è come una divinità irrascibile e despota alla quale puntualmente si devono immolare agnelli sacrificali per ingraziarsi la sua benevolenza. Prima viene il debito, poi viene la patria, poi la famiglia e all’ultimo posto forse il buon senso. Lo stesso buon senso posseduto da quei benpensanti che nelle trasmissioni televisive affremano che “lo spread è il termometro che misura la sfiducia dei mercati (gli dei) nei confronti delle politiche economiche di un paese”.

    Se una persona è ricca, ma attaccata al proprio denaro e per nulla generosa, che interesse avrebbe a prestare soldi ad una persona squattrinata, ben sapendo che questi non sarà mai in grado di ripagare il suo debito? Magari quella persona ricca avrà guadagnato uno schiavo che potrà controllare a suo piacimento perché quest’ultimo si sentirà in debito nei suoi confronti.

    Il MES avrà la funzione di rafforzare questo meccanismo di controllo sociale. Quando finalmente la cosiddetta tv generalista si deciderà a parlarne (del MES), lo descriverà come una divinità salvatrice che ci libererà di ogni male a patto di qualche sacrificio umano.

  • Come si fa a dare credibilità alle parole di un uomo che si proclama autore di quella strage…senza dare la benchè minima ragione plausibile del perchè?Non stiamo parlando di un uomo colto da raptus omicida che impazzisce afferra una pistola o un’arma e si avventa sui passanti…ma di una persona che avrebbe pianificato e realizzato un attentato con quella lucidità e quella perizia col quale s’è svolto.Semplice…spiegando attentamente all’opinione pubblica…che un po di polvere da sparo qui…un po di bombole li..anche un pazzo poteva realmente compierlo….E’ questa dimostrazione pratica che vogliono propagandare come prova di colpevolezza inappellabile. A me non basta. Non c’è un movente. Dice di essere arrabiato col tribunale…avesse almeno detto…li dove c’era la scuola…passano i magistrati..volevo colpire loro….ma il tribunale è 200 metri….quell’esplosivo al massimo aveva un raggio d’azione di 60m….Per me ….E’ palesemente un capro espiatorio…come i piccoli pesci dei mafiosi che vennero arrestati in un primo tempo per Via D’Amelio.. giusto il tempo per placare la sete di giustizia dell’opinione pubblica…e poi iniziare a depistare e insabbiare … i collegamenti che emersero in seguito coi servizi segreti..e le responsabilità e le reticenze delle istituzioni. Anche di questo attentanto probabilmente emergerà qualche indizio…sulle reali motivazioni solo fra una 20ina di anni…quando alcune persone moriranno…altre si ritireranno in pensione….altre si sentiranno al sicuro per parlare…

  • A uno con questa faccia se gli ordini di schiacciare il pulsante quando si accende il led ti risponde: “che minchia è sto led” figuriamoci ad architettare sto pò pò di casino.

  • A uno con questa faccia se gli ordini di schiacciare il pulsante quando si accende il led ti risponde: “che minchia è sto led” figuriamoci ad architettare sto pò pò di casino.

  • A uno con questa faccia se gli ordini di schiacciare il pulsante quando si accende il led ti risponde: “che minchia è sto led” figuriamoci ad architettare sto pò pò di casino.

  • In Italia, la polvere da sparo la si puo’ comperare liberamente come gli spaghetti???

    O conosceva la formula della sua composizione (concime,…,…)

    Inoltre mancano due particolari che a un’addetto dei lavori sà per cui questa bomba non poteva esplodere.

    informazione completa… per dovere di cronaca, come al solito scoopistacamente di parte

  • 68 anni,venditore di gasolio agricolo……..30kg di polvere pirica ,innesco e in fine telecomando…..Ma andate a cagare….Se ricordate subito dopo dell’attentato parlavano di una persona che masticava di elettronica per il tipo di ordigno utilizzato.Questa è la classica farsa all’ataliana, trovato un colpevole il popolo è contento e andiamo avanti sulla stessa strada come pecore al pascolo…..Ma questa volta hanno fatto male i conti non vi èsolo un cubo luminoso a dettare legge….ci sono milioni di rettangoli colorati che respirano,sudano e comunicano.

  • Il diavoletto custode mi sta dicendo, da un po’ di giorni a questa parte, che questo è solo il mitomane adatto come capro espiatorio…

    A pensar male si fa peccato, lo so.

    Ma io sono un grande peccatore (a sentire il mio diavoletto custode…)

  • Ho, come dire, grossi dubbi che un settantenne ex venditore di gasolio, con due figlie e yacht al seguito , si metta acercare un telecomando, una centralina , sincronizzare le due parti, svuotare le bomole di gas, riempirle di polvere pirica….. ma non dite cazzate ….chi c’é dietro??? comunque saprei io come farlo parlere quel tizio li….

  • Prima di leggere queste istruzioni ero una persona normale.

    Ma ora qualcosa è cambiato, mi sento diverso. Sto diventando psicopatico, l’articolo del Corriere mi ha aperto la mente. Anche se avrei gradito qualche schemino in più, magari uno spaccato per capire meglio come va messa la lampadina.

    Potevano impegnarsi di più, chessò allegare anche i primi pezzi per costruirla!

  • ma c’e’ una bella differenza tra eliminare preventivamente video esplicitamente violenti o pornografici o che insegnano come commettere reati,e censurare internet e google come fanno i cinesi.

    non ho mai capito perche’ e’ tantpo semplice e immediato coi porno mentre se si parla di altri generi diventa ” o censuriamo tutto internet o non si puo’ fare”

    • il problema non e’ “incitare alla violenza” ma fornire istruzioni dettagliate per commettere reati.direi che c’e’ differenza ,tu confondi le polemiche sui film horror con le istruzioni online per costruire na bomba atomica o un gas nervino.

  • Quindi secondo chi scrive questo articolo il problema sta nell'”incitamento al disordine pubblico”?.

    Io mi chiedo come fa una persona con un livello culturale da” 3^ media”, e forse sono largo di manica, a costruire una bomba come quella, non basta avere le istruzioni da internet, svegliatevi!

    • Non hai colto il senso.

      Si parte dal presupposto che diversi giornalisti, carta stampata e tv, hanno più volte demonizzato internet adducendo varie motivazioni tra cui quella in cui si afferma: “Su internet è perfino possibile trovare istruzioni per costruire una bomaba”.

      Ovviamente tale affermazione fa a cazzotti con l’articolo di cui sopra.

      Chiaro?

  • Secondo me, anche se non ho una grande conoscenza in piro tecnica, con cosa hanno descritto si riesce a costruire un buon razzo.

    Visto lo spessore delle bombole ed il foro (valvola svitata ed estratta?) abbastanza grande, e visto che la lolvere da sparo di per se non ha una combustione violenta, se non innescata da un apparato apposito, “brucia”, aumento di pressione immane e, visto che quelle bombole sopportano pressioni di tutto rispetto, sarebbe dovuta partire a razzo.

    Ergo, lasciate perdere le lampadine, e provate a svitare una valvola di una bombola, vediamo come ve la cavate :D.

    Lo avevo fatto su una da 10 Kg per poi usarla su di un compressore piccolo. Subito dopo riempita d’acqua sino al bordo, poi utilizzata da serbatoio.

  • A me mi pare una srtuzata, ed io sono un perito elettrotecnico:

    Provate voi a rompere una lampadiana e salvare intatto il filamento interno della lampadina e poi infilatela dentro ad una bombola del gas sempre mantenendo intatto il filamento interno della lampadina. Poi trasportate la bombola del gas sul luogo del attentato sempre evitando che polvore da sparo urti il fialmeto della lampadina e lo rompa, polvore da sapro che per forza deve essere a contatto diretto con il filamento della lampadina, altrimenti quado con il radio comado si attiva l’innesco della bomba, il filameto della lampadina non diventa incandescente e la polvere da sparo non s’incendia e non esplode.

    Ci sono modi più semplici per fare eslodere una bombola di Gas. E’ una struzata

  • NeroLucente ha scritto :
    gino

     

    intendi come fa beppegrillo con bossi ? oppure anche solo lontani riferimenti tirando a indovinare?

  • Ecco un’altra delle miriadi di questioni che saranno rese pubbliche fra 50 e più anni per dare quella verità che tutti sappiamo e che nessuno osa dire. Vi ricordate che qualche anno fa’ i servizi segreti (si, proprio loro!!!) al termine di una lunga indagine conclusero che il 95 % degli incendi boschivi era doloso….

    Non faccio per vantarmi, ma già alla mia veneranda età di 60 e oltre comincio a verificare che  avvenimenti clamorosi e tragici di tanti anni fa vengono oggi spiegati (e documentati) in accordo con quanto si pensava all’epoca e nessuno poteva dire.

    Intanto, con l’occasione, vorrei rinnovare un paio di proposte che apparentemente non c’entrano con il fatto di cui si commenta, ma tutto è collegato:

    1. aboliamo il finanziamento ai partiti (un referendum lo aveva già chiesto) e aboliamo anche quello alla stampa. Perché questi giornali, che già hanno la raccolta pubblicitaria, li devo mantenere anche io? Se non ce la fanno ad andare avanti si abbassino gli stipendi e tirino la cinghia come fanno tutti.

    2. Per i politici, visto che sono eletti su un programma e che sono a tempo determinato, vedrei perfetto un contratto Co.Co.Pro, con tanto di versamento all’INPS nella gestione separata. Poi, quando hanno finito, ritornano a fare quello che facevano prima, senza dover creare posti improduttivi eben retribuiti.

    Saluti a tutti e grazie per il tempo che mi avete dedicato se siete arrivati a leggere fino qui.

     

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi