Roubini sta male

di Paolo Becchi
Qualche giorno fa è apparso su “La Repubblica” un articolo dal titolo “Il destino del Professore” attribuito al grande economista (professore di economia alla New York  University e presidente di RGE Monitor, una società economica specializzata in analisi finanziaria). Ed ecco la tesi che non ti aspettavi: una difesa a spada tratta dell’ euro e di colui che in Italia si sta battendo per difenderla, Monti. «La continuazione del “montismo” (un governo impegnato in una graduale austerità fiscale e progressive riforme strutturali auspicando politiche di crescita europee) – vi si legge – è l’unica via perché l’Italia possa sopravvivere e svilupparsi all’interno dell’Eurozona». “Panorama”, oggi, annuncia che sul numero in uscita pubblicherà un’intervista con Roubini, il quale avrebbe confermato: «Situazione complicata, ma l’Italia ce la può fare e Monti è l’uomo giusto». Come? Roubini ha detto questo? Lui, il “Dr. Doom” (“Dottor Catastrofe “), che aveva predetto la “tempesta perfetta” e l’apocalisse dell’Eurozona per il 2013? Lo stesso Roubini che, in un articolo pubblicato sul “Financial Times” del 14 giugno 2011, aveva scritto: «c’è soltanto un modo per riportare competitività e crescita […]: uscire dall’euro, ritornare alle monete nazionali ed ottenere il massimo deprezzamento nominale e reale» (The euro zone heads for a break-up)? Come è possibile? Roubini che fino a tre mesi fa vedeva nell’uscita dall’euro l’unica condizione per evitare l’apocalisse? In pochi giorni, la folgorazione: il 22 giugno dichiara che, se l’Italia uscisse dall’euro, gli unici vantaggi andrebbero agli evasori ed agli imprenditori, rispondendo alla frase di Berlusconi “uscire dall’euro non è una bestemmia”. Però a maggio aveva sostenuto che la Grecia avrebbe dovuto liberarsi dall’euro. La Grecia sì, l’Italia no? Ma l’11 Novembre 2011 non aveva scritto: «Italy may need to exit the euro zone and revert to its own national currency to resolve its debt crisis, thereby forcing the break-up of the euro zone»? Come si spiega tutto questo? Una folgorazione, come quella dell’apostolo Paolo, sulla via che porta a Mario Monti.

16 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Due sono le cose: ho la Repubblica ha riportato una notizia falsa, ma non credo che possa farlo, o gli avranno dato un botto di soldi per fargli cambiare idea!

    Che ne pensate?

  • Gli hanno infilato il microchip col veleno… se non dice quello che vogliono quelli della spectre… lo fanno fuori! Pensate che sto scherzando?

  • A me ‘sti Guru dell’economia fanno innervosire per la loro irreale dimensione!!! Che caXXo di previsioni fanno se il giorno dopo va tutto a rovescio? Si prevedessero di non spaccarsi le corna, passando da un locale all’altro, sarebbe già meglio! Sono tutti calcoli “ad futurum” che contano poco se non c’è una solida base e se ogni persona non si comporta a dovere. E tra le persone ci sono loro, che lanciano espedienti (leggi) ed altro che tendono al loro solo profitto personale, i POLITICI… torniamo indietro nel tempo: come si chiama(va) quel “nostro dipendente” che fu pescato a nascondere d’ogni cosa a casa propria e con l’aiuto della moglie? Sì dai quello che nascose banconote, oro e gioielli anche nel puff del salotto? Quanti anno sono passati da allora? Cosa è cambiato? Solo il fatto che ora esportano enormi capitali ESENTASSATI all’estero, con le scuse più colorite..! A calcioni nel loro grasso grosso didietro! Ecco cosa bisogna fare! Una bella curetta dimagrante anche a loro! E tanto ossigeno per la gente che ormai è allo stremo vero. Altra “manovrina”? La faremo tutti quanti nelle piazze e INCAxxATI NERI!

    I segnali ci sono, e forti, quindi…

  • Dal blog di grillo: Un disegno degno di menti criminali, di alieni che si sono impossessati dei corpi dei manager delle multinazionali e del WTO per distruggere il pianeta Terra. 😉

  • …il vero problema è un altro….

    fino a quando si discute di euro, spread, mes etc. non se ne esce.

    ad agosto gli usa si avvicinano al limite dei 16 triliardi di dollari……

    secondo voi quelli che hanno in mano i loro debiti come reagiranno nel caso che decidessero di lzare ancora l’asticella?

  • Dicono che solo gli idioti non cambiano idea. Credo anche chi è al soldo di qualcuno.

    Monti il comandante ideale per la tempesta perfetta. Ci dovrebbe dire anche in prossimità di quale costa dovrebbe fare l’inchino.

    Ma che vada affanculo!

    Ridateci Bernacca!

  • chissà, magari avrà fatto il seguente ragionamento: se il nano è favorevole a cestinare l’euro deve per forza esserci sotto l’imbroglio !  non sembra eccessivo, il lo psicopedo è uno che anche se si butta di sotto da un grattacielo lo fa perchè è funzionale ai suoi interessi…

  • Rivoluzione ha scritto :
    Sbaglio o anche Eugenio Benetazzo è impazzito? Secondo me se li stanno comprando tutti, non è possibile!

     

    Ho visto un intervista…sono rimasto basito. In pratica è favorevole al mes?

    Questo ho capito…Definendolo un bazzooca contro la speculazione!!!!

    Mha!!!

  • Non è un classico? Ci sono i cattivoni da una parte e qualche “eroe” tipo benetazzo, grillo, travaglio, roubini, qualche premio nobel, etc. Una volta che hanno raggruppato una certa quantità di “pecorelle smarrite” (e incazzate..) si redimono clamorosamente. Il 99% delle pecorelle è così portato a pensare che..bè..se ha cambiato idea il guru forse avevamo torto anche noi? 🙂

    Fanno quasi tenerezza..

  • Date le ultimissime dichiarazioni di Draghi puo’ essere che Roubini abbia contatti molto importanti in BCE e gli hanno assicurato che tutto quello che sta succedendo in queste ore in Europa terminera’ prestissimo, quando la Germania capira’ che non puo’ reggere ancora per molto senza il sud Europa, e così finirà ‘sto incubo (euro si/euro no), la disoccupazione scendera’, i ristoranti torneranno pieni, come gli aerei ed i negozi, e tutto risplendera’ magicamente, o meglio, grazie ai supermario italiani. O no?

  • IO , pur essendo digiuno di materia economica ho visto fior di persone fare “tuffi carpiati con avvitamento” di questo tipo , specie nelle aule di tribunale.

    testimoni e periti che all’improvviso decidono che il bianco è nero o viceversa.

    E la massima che ho dedotto da tutto questo si sriassume in due commi.

    1- uno lavora per chi lo paga

    2- uno lavora per chi lo paga , di più.

    e per “lavoro” intendo la sua attività , ovvero l’impiego del tempo e delle energie.

    per “paga” intendo non solo i soldi , ma la promessa di un beneficio , anche qualcosa di non materiale.

    Questi “signori”, così come o nostri “governanti” non sanno che cosa succederà da qui a pochi mesi , potrà cadere l’Euro ma anche no , senz’altro prima o poi succederà qualche cosa, ma non si sa esattamente quando.

    La sapete quella del primo ministro e del cavallo?

    Un tempo un primo ministro era stato condannato a morte, si inginocchiò davanti al Re e disse:

    ” ti prego , dammi un anno di tempo e insegnerò al tuo cavallo preferito a cantare!”

    e si mise d’impegno tutti i giorni ad insegnare il bel canto al cavallo.

    dopo alcuni mesi un amico del ministro gli chiese:

    ” ma tu pensi davvero di riuscirci?”

    e lui rispose:

    “in un anno possono succedere tante cose, il re può morire, posso morire io o anche il cavallo , e chissà, magari lui può imparare a cantare!”

    questo spiega ESATTAMENTE cosa stanno facendo i nostri politici:

    “aumentare le tasse porta ad una riduzione dei consumi , quindi ad una riduzione complessiva del gettito fiscale , quindi sarà necessario tagliare la spesa pubblica , facendo scendere ulteriolmente i consumi…..quindi bisognerà aumentare le tasse”

     l’aumento delle tasse per la crescita è come dare il nobel per la pace ad uno che il giorno dopo invia quindicimila soldati in guerra (sic!) .

    Per finire non solo il rè e nudo , ma è anche visibilmente eccitato e dice ” visto da dietro mi ricordi qualcuna che conoscevo”

     

    ciao!

     

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi