Quello che facciamo è incostituzionale.


Antonio Polito, ieri sera a L’Ultima Parola, diceva sostanzialmente: si può battere moneta, va bene la sovranità, ma poi non ti danno i soldi… Ed è esattamente quello che è successo, come testimoniano le parole del senatore Garavaglia, che ieri sera sono riuscito a far ritrasmettere dalla Rai. Il tema è cioè quello del ricatto economico-finanziario, ma sembra ormai sfuggire a tutti cos’è che tiene unito un popolo, ovvero qual è l’essenza di uno Stato.
 
Uno Stato è un ordinamento giuridico. Ovvero: si compone di norme superiori che ne legittimano altre, che danno forza di legge ad altre ancora e così via. L’insieme di norme di più alto livello è la Costituzione italiana. E’ quella, essenzialmente, che rende tutti noi, insieme, uno Stato: lo Stato italiano. Se non si capisce questo – e togliendo l’educazione civica dalle scuole mi rendo conto sia diventato difficile da capire – allora diventa possibile legittimare qualsiasi cosa.
La Costituzione prevede le condizioni in base alle quali sciogliere un Governo, poi prevede un eventuale giro di consultazioni del Presidente della Repubblica per verificare la fattibilità di un nuovo esecutivo, poi prevede l’incarico, la scelta dei ministri, poi il giuramento, poi la fiducia dei due rami del Parlamento e così via. Se non si segue questa procedura, è un colpo di Stato. E’ alto tradimento. Non sono paroloni: violare la Costituzione, in qualsiasi modo o forma, oltreche essere ovviamente “incostituzionale”, in caso di particolare gravità rappresenta un vero e proprio attentato allo Stato, che come abbiamo visto è tutto e solo ciò che ha valore nel nostro ordinamento.
La Costituzione dice anche che il popolo è sovrano, non i mercati. Oggi abbiamo tuttavia sdoganato ogni forma di paradosso. Bersani, su richiesta di una giornalista che lo interrogava circa la candidatura del PD alle prossime elezioni, qualche mese fa rispose che era tranquillo, perché i mercati conoscevano bene il suo partito: avevano già governato in passato. Non rispose “sono tranquillo perché gli elettori ci conoscono”, ma “perché ci conoscono i mercati”, che sono composti perlopiù da soggetti privati stranieri. Forse sarebbe dunque il caso allora di cambiare la Costituzione, modificando l’articolo 1 in maniera da stabilire che “la sovranità appartiene ai mercati”. Anche perché sta diventando ormai una sorta di costituzione materiale.
E’ comprensibile che uno Stato indebitato, senza sovranità monetaria e che dipende dunque dai “mercati” per garantire servizi e welfare ai propri cittadini, non possa eludere completamente la questione, ma la domanda che bisognerebbe farsi é: fino a che punto è lecito spingere in avanti la linea del ricatto? Esiste un punto preciso, una sorta di Linea del Piave, che non si può superare senza cadere nel ridicolo e arrendersi ad una invasione in piena regola?
Per capire di cosa sto parlando, ieri sera ho mostrato uno spezzone del senatore Garavaglia, che spiega cosa successe negli ultimi giorni del Governo Berlusconi. Rappresentanti della BCE e della Commissione Europea comunicarono a senatori e deputati che era già stato deciso un Governo Monti, e che se non l’avessero sostenuto avrebbero fatto in modo che nessuno più acquistasse le nuove emissioni dei titoli di Stato per i successivi due mesi, causando così il fallimento del nostro Stato.
Non solo un ricatto, e della peggior specie, ma anche la prova che la Costituzione era stata violata, perché prima ancora della decisione delle Camere di sciogliere il Governo, prima ancora del giro di consultazioni del Presidente della Repubblica, prima ancora dell’attribuzione di un mandato, della scelta dei ministri e dell’incarico, qualcuno (loro, che non sono italiani) aveva già deciso che ci sarebbe stato un Governo Monti. Non solo: avevano anche esautorato il Parlamento, togliendogli l’unica strumento residuo di controllo, ovvero l’esercizio del voto di fiducia, mediante il ricatto. L’esautorazione del Parlamento equivale all’esautorazione del popolo dalla sua funzione di sovranità. Equivale, cioè, alla distruzione delle fondamenta dello Stato.
Per chi conosce la storia, queste sono ingerenze e imposizioni che i vinti subiscono dai vincitori. Chi dice che la Costituzione è stata rispettata, commette volontariamente un atto di falsificazione storica e di manipolazione mediatica.
Anche tutte queste cessioni di sovranità sono eminentemente incostituzionali, perché è vero che la Costituzione – che è del 1948 ed è quindi antecedente ad ogni forma di organizzazione europea, che risale solo al 1951 – “consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni” [Arti.11], ma la condizione fondamentale è “in condizioni di parità con gli altri Stati“. Altrimenti si chiama svendita. Quale parità può esserci tra gli sforzi necessari ad un paese come il nostro, con un rapporto debito/Pil del 120%, per raggiungere un rapporto del 60% (come vuole il Fiscal Compact), e gli sforzi della Germania, per esempio, che ha un rapporto debito/Pil dell’80%, o l’Olanda, che è già al 66%, o addirittura la Finlandia, che è abbondantemente sotto al 50% e quindi non deve fare niente? Che parità è quella che costringe un paese a pesanti inflizioni economiche, a tagli, alla disoccupazione, e un altro paese a godersene i frutti (ricordatevi che abbiamo appena speso 10 miliardi che andranno probabilmente a finanziare proprio Finlandia, Olanda e Germania)?
Ma soprattutto, di quale parità stiamo parlando se ratifichiamo un trattato come il MES, che ci impone da subito 125 miliardi di esborsi e poi consente all’infinito di infliggerci nuovi debiti, al di fuori del controllo parlamentare, mentre lo stesso trattato, ratificato dalla Germania, non consente indebitamenti illimitati ma obbliga il Parlamento alla discussione e all’approvazione esplicita di ogni futuro esborso?
Se non c’è parità, allora una cessione di sovranità è incostituzionale. Ma sembra che a noi, di questa benedetta Costituzione, ormai non importi più nulla.
 

69 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Claudio stellare! sentire alla tv parlare di mes e’ stata una graditissima sorpresa! Non ci sono parole adeguate per quello che stai facendo…

  • Io intravedo anche l’alto tradimento se risulta dimostrato che i politici si sono prestati a questo ipotetico ricatto che per certi versi si può equiparare ad un colpo di stato.

    Quindi andrebbero mandati sotto processo anche solo per rendere pubblici i fatti e gli avvenimenti all’opinione pubblica per far si che essa possa prendere coscienza di cosa si celi dietro questa politica del rigore che ha tutte le caratteristiche e i caratteri somatici di un bel “mezzo lecito per un fine scorretto”.

  • GRANDE GRANDE GRANDE CLAUDIO!!!!!!!!!!!

    Finalmente ti hanno lasciato parlare e finalmente un po di verità è uscita fuori, incredibile vedere sulla TV una trasmissione che non parla solo di crisi, disperazione, elogio al potere di Monti, ecc. ma una trasmissione che spiega come si è arrivati a questo punto terribile e come con le misure messe in campo dal governo le cose sono drasticamente peggiorate.

    Stiamo andando verso un punto di non ritorno, solo con l’informazione a più gente possibile possiamo salvarci noi e i ns. figli

    Alla domanda “come mai gli Italiani non sono andati in piazza a differenza di Greci e Spagnoli” oltre alle tre motrivazioni che hai fatto aggiungerei che noi siamo da sempre un popolo diviso ossia non siamo mai stati uniti, sempre divisi tra Nord e Sud, tra destra e sinistra, addirittura tra città e città, e questo ha favorito oltre modo i poteri forti che trovano la strada più facile per condizionare le masse disunite.

    Speriamo che oltre a mandarvi in onda all’ una di notte non vi facciano chiudere.

    Buon lavoro e che il tuo coraggio sia premiato………..

  • Ciao Claudio.

    ti seguo da tanto, condivido pienamente quello che dici ed, ovviamente, ti ho seguito anche ieri sera su L’ultima parola.

    ti ho anche scritto una mail una volta, alla quale hai puntualmente risposto.

    Tramite facebook ho contattato Gianluigi Paragone e mi sono permesso di consigliargli di invitare il prof. Albero Bagnai in trasmissione.Spero, ovviamente, che sia il Prof.Bagnai che Paragone decidano di fare una trasmissione insieme per far capire alla gente che non è la corruzione il problema nè tanto meno l’inerzia della politica, piuttosto uno sistema monetario sbagliato creato ad hoc.

    Ecco, dal momento che ho visto che sei stato pubblicato anche sul blog di Grillo, potresti far capire anche a lui qual’è il centro del dibattito e convincerlo a sventolarlo ai 4 venti potendo contare su milioni di visualizzazioni giornaliere?

    Grazie mille per la tua opera di divulgazione!

  • D’accordo su tutto e già da tempo, ma mi domando: è ancora possibile fa giudicare le suddette quastioni?

    C’è un organo super partes che possa giudicare e determinare come illegittime le suddette vicende?

    Si? Bene

    No? Come si può fare e chi bisogna interpellare per far giudicare adeguatamente tali vicende ed i lestofanti che le hanno permesse?

  • Grazie ancora una volta Claudio. Ti ho visto e son stato felice nel vedere che hai potuto parlare “abbastanza”, senza interruzioni e, soprattutto, che ti hanno permesso di far vedere il servizio sul senatore Garavaglia. E grazia anche a Lidia, che mi è parsa un po’ emozionata, forse non le sembrava vero di poter dire la verità sul MES in un canale RAI

  • byoblu ha scritto :
    Credo di essere riuscito ad invitare Bagnai per il 12 ottobre. State sintonizzati! 🙂

     

    Mio Dio è incredibile. Forse ci sveglieremo prima di essere uccisi nel sonno. Spero che vada in porto.

  • byoblu ha scritto :
    Credo di essere riuscito ad invitare Bagnai per il 12 ottobre. State sintonizzati! 🙂

     

    SEI UN GRANDE !!!!! 😀 😀 😀

  • Mio dio Claudio che figuraccia la Undiemi ieri sera, sembrava una intossicata di alcool che voleva dire cento cose tutte inseme lasciandole a metà e alla fine non se n’è capita neanche una… nel pallone piu totale. Alla fine sei dovuto intervenire tu. E’ tanto bella e brava ma ieri sera non sebrava lei.

  • Claudio, mi permetto di darti del tu.

    Sono profondamente riconoscente a te e Lidia Unidiemi per il lavoro informativo che state svolgendo da mesi. Per la prima volta mi consolo nel vedere (in una trasmissione televisiva!) che la “palla” del discorso viene rimessa nel proprio capo: continuano a volerci distrarre e ancora una volta ci stanno riuscendo… prima col Grande Fratello, oggi con lacorruzione della classe politica italiana… è una gioia veder cadere (seppur raramente) quei “paraventi” dietro cui quei criminali agiscono.

    Grazie di non essere morti. GRAZIE da parte di una studentessa di filologia moderna che per capire quest’Unione Europea ha scritto una tesi di laurea sul neoliberismo, il processo d’integrazione europea ed il suo corollario: il MES.

  • Sa, signor Messora, la seguo da tempo su Internet e in TV, lo confesso, con una punta di invidia. Io sono un giornalista e, scrivendo notizie vere, non riesco a raggiungere neanche un decimo dei contatti che lei riesce a raggiungere con le sue menzogne terroristiche (nel senso di “menzogne pensate per ispirare terrore”). Quindi complimenti. 

    Tornando al testo appena letto, lei dice: “Quale parità può esserci tra gli sforzi necessari ad un paese come il nostro, con un rapporto debito/Pil del 120%, per raggiungere un rapporto del 60% (come vuole il Fiscal Compact), e gli sforzi della Germania, per esempio, che ha un rapporto debito/Pil dell’80%, o l’Olanda, che è già al 66%, o addirittura la Finlandia, che è abbondantemente sotto al 50% e quindi non deve fare niente?”. Sarebbe a dire che, siccome noi abbiamo Usain Bolt che fa i 100 metri in 9″56, alla prossima gara gli mettiamo i pesi alle caviglie così fatica di più degli altri che si sono allenati di meno o che sono meno preparati. 

    Perchè, anzichè dire che è colpa del fiscal compact, non dice che è colpa di chi negli anni passati ha sperperato il denaro pubblico? Perchè non dà la colpa ai governi Craxi e Berlusconi (oltre al governo Monti) che hanno creato questo debito pubblico? Perchè non dice che con i governio di centrosinistra (anche se non lo ammetterà mai sotto tortura, i dati sono evidenti) il debito è crollato e il Pil cresceva del 3% all’anno? Se avessimo proseguito così, anzichè eleggere degli incapaci come il governo Berlusconi, ora saremmo sotto il 60% o nelle immediate vicinanze. 

    Ma certo, questio sono DARTIO CERTI ED INDUBITABILI, che non si prestano bene alle sue fantasie di complotti anti-italiani 

    • Quello del debito è un sistema, la causa del debito è del sistema, i nostri amministratori pubblici non sono ne di destra ne di sinistra sono semplicemente complici (in)consapevoli.

      Claudio, non credo convenga anticipare la presenza dei tuoi ospiti, potrebbero essere avvicinati e convinti a rinunciare all’invito… sarebbe anche il caso di dare maggiore visibilità alla avvocatessa sarda (mi sfugge il nome) che ha spoto denuncia per alto tradimento.

    • Antonio, per come esponi le cose, per le argomentazioni che usi, per i toni denigratori di cui ti fai scudo (ancora con sta retorica desueta del complottismo?), e soprattutto per gli esempi strampalati che fai, del tutto inappropriati per descrivere le tue idee, non faccio fatica a credere che tu, giornalista (e quindi?) faccia pochi contatti. Io credo invece che dovresti iniziare a scendere dal piedistallo e domandarti seriamente che tipo di informazione proponi, senza farti scudo delle etichette (menzogna, complottismo) che attribuisci agli altri nell’estremo tentativo di difenderti dalla consapevolezza di non avere capito niente. Rimetti in discussione le tue idee e torna a studiare. Io l’ho fatto. Non farebbe male anche a te.

    • Giornalista su Julienews.it, editorialista, analista, responsabile dei settori economia ed esteri per il sito

      Profilo Twitter abbandonato da mesi e mesi.

      Ora,io immagino che questa persona sia il classico frustrato il quale cerca di mettersi in mostra usando quel che può,compreso questo blog.

      I suoi post e i suoi twitt sono impersonali,inutili.Come inutili  e provocatorie solo le sue disamine offensive su Claudio Messora.

      Lei mi fa venire in mente una frase di O.Wilde:

      L’ambizione è il rifugio dei falliti.

      E con questo la lascio alla sua inutile attività.

      _____________________________________________

      Complimenti Claudio…Tu ed altri ci fate respirare un po’ d’aria sana.Ti seguo sempre,come seguo altri,e l’informazione che riesci a far passare in TV è l’unica che possa aprire uno spiraglio di verità e far ragionare i telespettatori.Almeno spero!

      Anche se,passando per i vari media di regime,credo che moltissimi italiani siano intossicati definitivamente e senza speranza.

      Io credo che se potesse Gobbels verrebbe a prendere lezioni da noi.Il punto di Mineo è una chicca di disinformazione stupefacente.

      Cito lui perchè i Piddini come questo giornalista (lo so che chiamarlo giornalista è esagerato)sono il peggio del peggio.


       

       




  • Tu dici: “Uno Stato è un ordinamento giuridico. Ovvero: si compone di norme superiori che ne legittimano altre, che danno forza di legge ad altre ancora e così via. L’insieme di norme di più alto livello è la Costituzione italiana. E’ quella, essenzialmente, che rende tutti noi, insieme, uno Stato: lo Stato italiano.” Non è vero. Lo “stato” è una finzione, un fantasma, una cosa INESISTENTE, inventata da machiavelli nel 1513. Prima di allora la parola non esisteva. C’erano la Polis greca e la Civitas romana. Machiavelli la introdusse proprio all’inizio de “Il Principe” la sua opera più famosa, per indicare il DOMINIO che il principe poteva esercitare sul popolo che viveva su un territorio. Quanto scrisse Machiavelli si dimostrò molto adatto a giustificare il POTERE che chiunque detenesse il governo avrebbe potuto esercitare nei confronti della massa dei cittadini inermi. Per questa ragione fu adottato dai grandi sociologi del sedicesimo e dal diciassettesiamo secolo, per essere poi secolarizzato e giungere fino al presente. Quanto alla Costituzione italiana è ILLEGITTIMA, perchè mai sottoposta al giudizio del popolo, come i partiti della resistenza avevano promesso di fare a Bari nel 1944. Pertanto il presente governo, qualunque cosa faccia, non è legittimato da alcuna norma giuridica approvata dal popolo, inteso come società, universitas politica di uomini liberi e sovrani Inoltre la nostra costituzione deriva la sua forza impositiva da una invenzione (lo “stato secolarizzato” funzionale al potere delle caste), resa solo formalmente legittima da un’autorità inesistente, fondata sull’arbitrio e sull’abuso di pochi nei confronti di molti. Il contrario della Democrazia che è “Governo del popolo, dal popolo, per il popolo”, e del Federalismo vero che richiama all’idea di “Unione nella libertà e nella diversità, lasciando ognuno padrone a casa propria”: il contrario dell’ “accentramento”, ovvero il “centralismo democratico” caro alle sinistre, costituzionamente cementificato in una costituzione arbitraria.

    • Beh.. Tu fai della filosofia politica, e risali a periodi storici molto indietro nel tempo. Dovendo fissare un punto di inizio della realtà in cui viviamo oggi, essenza della contemporaneità, la Costituzione del 1948 è ciò che fonda tutto quello su cui oggi possiamo contare. Poi se vuoi fare la rivoluzione e cambiare la forma di governo, è un altro paio di maniche.

    • Sig. Rispoli può capitare a tutti di prendere una cantonata. A me succede spesso purtroppo, ma cerco sempre di pormi con umiltà e capire cos’è che sbagliavo, l’importante è rendersi conto che si sta dicendo delle cose inesatte.

      In questo caso l’errore di fondo è la sua incompleta preparazione sul fronte economico e sociale.

      Di conseguenza lei parla da ignorante. Dice delle cose perchè ha una visione ridotta di cosa rappresenta uno Stato e quanto l’economia sia un fattore che dipende dallo Stato e non il contrario.

      Mi auguro che lei dimostri la giusta umiltà, facendo uno sforzo per approfondire la materia, magari informandosi meglio, altrimenti la sua opera di giornalista sarà quella di tanti che fanno il proprio mestiere senza conoscere a fondo la materia di cui pretendono di divulgare.

  • Le dichiarazioni del deputato del PDL Roberto Rosso hanno fatto scattare le indagini sui conti regionali in Piemonte da parte della Procura di Torino. Ok.
    Ora, con le dichiarazioni del Senatore Garavaglia, cosa ci vogliamo fare?! Perché stamattina non è scoppiato il putifèrio?

    Claudio, con tutto il rispetto per Paragone, che sto apprezzando sempre più, ieri sera ho avuto la netta sensazione che buona parte della trasmissione era stata impostata di tuo pugno (compresi alcuni ospiti).

    Insieme a Bagnai, MI RACCOMANDO, portate nuovamente Barnard, è l’unico che ha un’efficace capacità di sintesi perfettamente aderente alla realtà.

    La Troika che vince: Messora, Barnard, Undiemi (Paragone in panchina 😉

    • Beh, considerato che la trasmissione è sua, ed è lui, insieme agli autori, che decide o avalla gli ospiti, il format, i servizi e tutto il resto, mi sembra un po’ ingeneroso nei confronti di Paragone metterlo in panchina. Direi che sta bene a centro-campo. 🙂

  • Io sono d’accordo che quello che è successo è gravissimo, e questo si era capito già nell’intervista di ieri, ma lo scopo di questo articolo qual’è? Colpire i politici Italiani o quella cattivona dell’Europa?

    No fatemi capire perché, allo stato in cui si trovava l’Italia, mi risulta che Monti era l’unica via di uscita. Allo stato attuale qual’è la soluzione alla crisi? Mi sembra sempre Monti e le sue riforme che stanno massacrando questa Italia! Non vedo altra via di uscita se non il default!

    Il messaggio che deve passare a mio avviso, è quello di eliminare i dinosauri della politica(eccetto qualcuno che si salva ancora perché onesto)! Quindi spazio a M5S e ai piccoli partiti! Io lo dico sempre a amici, parenti..etc. Alle elezioni bisogna votare i piccoli. Quale? Non lo sò, scegli uno a caso, basta che non siano i soliti dinosauri che hanno rovinato questa Italia in questi ultimi 25 anni!

  • Sto guardando adesso la puntata perche ieri sera ero impegnato a spiegare piu o meno le stesse cose ad acluni amici (con scarso successo per il momento).

     

    GRAZIE GRAZIE GRAZIE a te Caludio a Lidia (grazie a le che mi sono letto e riletto l’ESM nei mesi scorsi) e ovviamente a Paragone che vi a dato l’opprtunita di esprimere bene le vostre idee.

     

    Barnard è un personaggio che tengo sotto osservazione anche se non mi ritrovo perfettamente in linea con le su idee  (baratterei comunque ed immediatamnte gli scenri che lui propone con la situazione attuale).

    Fantasctica l’idea della trasmissione di mettere finalmente avanti i problemi primordiali della sovranita’ rispetto al marcio della politica.

  • Buonasera Sig,Claudio,ho visto anche io la trasmissione  L’ultima parola di ieri sera e mi ha fatto molto,molto  piacere vedere che si inizia a parlare in Tv di queste cose.

    Sono così sdegnata su tutto quello che ci succede intorno e ho proprio il bruciante desiderio che il popolo Italiano possa avere l’informazione libera che ha il sacrosanto diritto di avere e di capire quello che sta succedendo  per avere il potere di decidere in modo autonomo , .ahimè,….. però credo che  il pubblico che stava seguendo  il momento in cui la Signora  Undiemi sintetizzava cos’è il MES   ,non penso abbia capito un granchè..eheheh pazienza, avrete, spero, altre occasioni,. è troppo importante che il popolo italiano capisca  bene!

    Una tv libera chissà quando.. e ..se ci sarà..

    Almeno una radio?.. qui Radio Londra opsss no.!  Qui Radio Italia ITALIA !!…informazione  libera,per tutti,Tutti!  J.. chissà che non possa succedere.

    Grazie ,grazie e ancora grazie di tutto

  • Quello che non capisco è Barnard. Sostiene le tesi antieuro (generalizzando) argomentandole chiaramente e lucidamente anche se in maniera infervorata (tanto che lo fanno passare per allucinato… portando percio discredito a tutta la causa). Ma quando individua le responsabilita si “dimentica”di Silvio (che è riuscito a portare dalla sua parte in questa campagna, dimenticando pero di quanto quel soggetto sia poco incline agli ideali e molto agli interessi) e tira in mezzo Grillo con non so quale motivazione. Mi sento in imbarazzo a condividere una linea politica con uno cosi

  • SuperM ha scritto :
    Insieme a Bagnai, MI RACCOMANDO, portate nuovamente Barnard,

    dubito che il professore voglia di partecipare con barnard vista la scarsa considerazione che ha nei suoi confronti, ci sarebbero scintille…

    La Troika che vince: Messora, Barnard, Undiemi (Paragone in panchina 😉

    visto che stiamo giocando al posto del fantacalcio perche’ non facciamo gia’ il fantagoverno?

    claudio al ministero dell’informazione e allo sviluppo tecnologico

    bagnai ovviamente all’economia con sottosegretaria la udemi

    alla giustizia becchi

    politiche comunitarie borghi

    grillo,  ministero delle politiche sostenibili

    mi manca pero’ il primo ministro, e questo mi preoccupa…

     

  • Durante la trasmissione (http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-9d55d822-dfd8-4a95-9a56-7952f1534808.html#p=) a 01:02:45 mentre Polito parla di sovranità monetaria (quella che l’italia non ha più da anni) la telecamera fa una ripresa a mio avviso emblematica. In rassegna passano le facce di Civati e Galan, oltre a salvini che gioca con il suo “tablet”, che hanno un esprressione corrucciata, quasi stranita come se si stessero sforzando per capire l’argomento, di contro quella rilassata (l’espressione) di Claudio Messora che sul medesimo è ben informato. ebbene penso che sia il riassunto della situazione in italia. Un privato cittadino ben informato ne sa, su certi argomenti, più di quelli che dovrebbero essere gli addetti ai lavori, i politici. da cartolina il fermo immagine al 01:02:50…

    p.s. il nome dell’avvocato di cagliari è Paola Musu e ha denunciato tutti i vertici delle istituzioni per cospirazione contro la repubblica. credo che questa sia una mossa abile da seguire e da diffondere.

  • sai perchè la Germania ha un rapporto debito/Pil dell’80%, l’Olanda del 66% e la Finlandia del 50% ? forse perchè NON hanno delegato IN BIANCO PDL e PD-L per 20 anni? o perchè nei 30 precedenti non hanno creduto alle fiabe alla don camillo e peppone lasciando la gestione della cosa pubblica in mano alle mafie e agli incompetenti?

    tutto giusto quel che dici Claudio, ma rimane questo piccolo particolare, non si può giocare a poker facendo gli sboroni e bluffando e quando gli altri ti chiedono di vedere le carte, buttare in aria il tavolo…

  • Come al solito Claudio ha portato una ventata di concretezza e verità.Io avrei detto denunciato con maggiore sottolineatura il fatto che oggi il caso Fiorito e la guardia di finanza nelle regioni (da ultimo il Piemonte) non sono altro che un meccanismo per distogliere l’attenzione da temi quali il mes!ulteriore tassello di un disegno studiato vari anni fa.

  • Come al solito Claudio ha portato una ventata di concretezza e verità.Io avrei detto denunciato con maggiore sottolineatura il fatto che oggi il caso Fiorito e la guardia di finanza nelle regioni (da ultimo il Piemonte) non sono altro che un meccanismo per distogliere l’attenzione da temi quali il mes!ulteriore tassello di un disegno studiato vari anni fa.

  • Come al solito Claudio ha portato una ventata di concretezza e verità.Io avrei detto denunciato con maggiore sottolineatura il fatto che oggi il caso Fiorito e la guardia di finanza nelle regioni (da ultimo il Piemonte) non sono altro che un meccanismo per distogliere l’attenzione da temi quali il mes!ulteriore tassello di un disegno studiato vari anni fa.

  • Certo, tu Claudio stai facendo un ottimo lavoro, cercando di informarci

    su quello che accade nel panorama finanziario…

    Ma noi purtroppo cosa possiamo fare, quando sembra che alla maggior

    parte di noi interessa solo come acquistare il nuovo iphone, oppure aspetta

    solo di vedere la partita in tv…..

    Sembra proprio che non ci interessi nulla il fatto che stiamo sprofondando

    sempre di piu’….

    Fare una vera rivoluzione? Non siamo capaci, non abbiamo il coraggio di

    metterci in gioco e rischiare qualcosa di nostro…

     

    • @ gianniguelfi

      io l’ho letto, un po’ lungo (probabile motivo) ma non era affattamente (cit.) una str… come dice quel gentleman di vascolabile, anzi, aveva degli spunti che avrebbero fatto salire il livello della discussione.

      prima di ghignare con i tuoi “ahi, ahi”

      PROVA A RIPUBBLICARLO dopo aver letto le avvertenze degli interventi non consentiti. se claudio messora non avrà tempo o voglia di rispondere lo farò io

      cordialitezzamente

  • Sig.Antonio Rispoli, come pretende di avere gli stessi contatti di Claudio Messora quando lei crede alle favole( o a finta, perchè magari qualcuno la paga per venire qua sperando di confondere le idee) e qui invece la maggior parte delle persone abbiamo capito qual’è la realtà che ci circonda? Leggere i suoi discorsi mi ricorda qualcun’altro che ogni tanto viene a commentare, parlondoci del suo bel partito per cui simpatizza, il PD e ci racconta di quello che il PD ha fatto o potrerbbe fare , si, perchè le sue convinzioni sono le stesse del resto della Casta che hanno votato a favore del MES…. Sa che le dico? prosegua pure per la sua strada, noi per un’altra

  • Grazie per aver divulgato il video da me girato il 21 settembre 2012 a S. Ambrogio relativo alle dichiarazioni del Senatore Garavaglia. L’incarico a Monti fu UN COLPO DI STATO. 

     

    Saluti

    E.M.

  • Rispoli mi vergogno di avere un compaesano come lei ! Prima di sparlare così del lavoro prezioso di Claudio e prima di di dare fiato alla boca si informi meglio ! Quello che dice Claudio è tutto documentato e verificabile !

  • gcpuccini ha scritto :
    @ gianniguelfi io l’ho letto, un po’ lungo (probabile motivo) ma non era affattamente (cit.) una str… come dice quel gentleman di vascolabile, anzi, aveva degli spunti che avrebbero fatto salire il livello della discussione. prima di ghignare con i tuoi “ahi, ahi” PROVA A RIPUBBLICARLO dopo aver letto le avvertenze degli interventi non consentiti. se claudio messora non avrà tempo o voglia di rispondere lo farò io cordialitezzamente

    Qualcuno lo ha letto allora quel post, non ho sognato di scriverlo. Era un po’ lungo è vero (ma non più della foto di Maghirko qua sopra), ma per il semplice fatto che commentavo il post di Claudio quotandolo pezzo per pezzo. Proverò a riscriverlo.

  • Mi sembara splendido che certi argomenti vengano trattati in una trasmissione che è stata molto piacevole da vedere e sentire….ma vedo che i pareri  alla base della crisi Italiana o Europea, a seconda di come uno la vuole interpretare, sono ancora molto divisi tra responsabilità del governo o della leadership UE, anche se secondo me sono direttamente collegati tra loro, e mi scoccia un po continuare a sentire politici daccordo sui cambiamenti che vanno portati a questo sistema basato sul debito ma che ancora di concreto non hanno fatto nulla….dicono “Faremo una volta eletti….”

    A questi politici dico che mi augoro e augoro a loro si possa arrivare alle elez ma, come ipotizzato da uno dei partecipanti alla trasmiss, forse il mandato di Monti verrà riconfermato senza permetterlo, pena l’ ennesimo attacco alla finanza Italiana.

    Credo  che si debba comunque essere consapevoli di una cosa: Sia con l’uscita dall’euro che con la costituzione della grande Europa unita per alcuni anni a venire di sicuro file per l’acquisto dell’HiPH5 se ne vedranno molto meno, a noi sta solo decidere per quali motivi passare anni di crisi e sacrifici, se per recuperare un’autonomia in termini politici ed economici o se per rientrare nei parametri dettati da paesi stranieri che indubbiamente non ppossono avere a cuore il nostro destino.

    L’intervento della Audiemi penso sia stato non troppo efficace forse perchè vistosamente infastidita dai discorsi che la hanno preceduta.

  • io sapevo che il governo 2001/2005 aveva modificato la costituzione per quanto riguarda il colpo di stato “senza uso di forza” ma non riesco più a trovarlo anche Grillo ci aveva fatto un post, tu Claudio ti ricordi qualcosa?

  • byoblu ha scritto :
    cioè prima dici che non c’è alternativa a Monti, e poi che l’unica alternativa è votare M5S? Sono confuso…

    No, intendo per adesso non c’è via d’uscita che Monti. Ma nel futuro buttare giù i dinosauri!

  • Claudio ha scritto:

    “La Costituzione prevede le condizioni in base alle quali sciogliere un Governo, poi prevede un eventuale giro di consultazioni del Presidente della Repubblica per verificare la fattibilità di un nuovo esecutivo, poi prevede l’incarico, la scelta dei ministri, poi il giuramento, poi la fiducia dei due rami del Parlamento e così via. Se non si segue questa procedura, è un colpo di Stato. E’ alto tradimento.”

    La costituzione tratta del venir meno di una maggioranza, non dello scioglimento di un governo. Ma nel nostro caso la maggioranza non è affatto venuta meno, anzi si è allargata a partiti che prima erano all’ opposizione. Se Berlusconi fosse caduto su di un voto di fiducia, quello si che sarebbe stato il segno del venir meno di una maggioranza e il ricorso ad elezioni sarebbe stato inevitabile. Ma non è andata cosi, Berlusconi si è dimesso. E tutti i passaggi che tu richiami, l’ incarico, la scelta dei ministri, il giuramento, il voto di fiducia, sono avvenuti regolarmente.

    “Bersani, su richiesta di una giornalista che lo interrogava circa la candidatura del PD alle prossime elezioni, qualche mese fa rispose che era tranquillo, perché i mercati conoscevano bene il suo partito: avevano già governato in passato. Non rispose “sono tranquillo perché gli elettori ci conoscono”, ma “perché ci conoscono i mercati”, che sono composti perlopiù da soggetti privati stranieri.”

    Sono certo che la domanda verteva su un possibile timore dei mercati sul fatto che un partito excomunista andasse al potere. Per qeusto Bersani dice “ci conoscono, siamo già stati al governo”.

    “E’ comprensibile che uno Stato indebitato, senza sovranità monetaria e che dipende dunque dai “mercati” per garantire servizi e welfare ai propri cittadini, non possa eludere completamente la questione, ma la domanda che bisognerebbe farsi é: fino a che punto è lecito spingere in avanti la linea del ricatto? Esiste un punto preciso, una sorta di Linea del Piave, che non si può superare senza cadere nel ridicolo e arrendersi ad una invasione in piena regola?”

    Ma anche se uscissimo dall’ euro e dalla UE, riprendendoci la sovranità sulla moneta, avremmo sempre bisogno dei mercati, degli investitori stranieri per vendere i nostri titoli di Stato (al momento il 40% del totale è in mano straniera) che a quel punto saranno denominati in lire. Ma chi se li comprerà sapendo che magari, a scadenza, siccome il Paese è andato in malora non rivedrà più i propri soldi o ne rivedrà la metà? E’ ciò che accadde a quegli italiani che acquistarono i tango bond argentini, quella storia dovrebbe insegnarci qualcosa.

    “Perché prima ancora della decisione delle Camere di sciogliere il Governo, prima ancora del giro di consultazioni del Presidente della Repubblica, prima ancora dell’attribuzione di un mandato, della scelta dei ministri e dell’incarico, qualcuno (loro, che non sono italiani) aveva già deciso che ci sarebbe stato un Governo Monti. Non solo: avevano anche esautorato il Parlamento, togliendogli l’unica strumento residuo di controllo, ovvero l’esercizio del voto di fiducia,”

    Come ho scritto sopra le camere sfiduciano un governo, non lo sciolgono. Ma qui non c’ è stato alcun voto di sfiducia, bensi un semplice cambio di esecutivo. Entrato poi nella pienezza dei poteri dopo un regolare voto di fiducia. Se al parlamento quel cambio non stava bene, se non voleva piegarsi a quello che secondo te fu un ricatto, poteva sempre negare la fiducia a Monti.

    “La condizione fondamentale è “in condizioni di parità con gli altri Stati“. Altrimenti si chiama svendita. Quale parità può esserci tra gli sforzi necessari ad un paese come il nostro, con un rapporto debito/Pil del 120%, per raggiungere un rapporto del 60% (come vuole il Fiscal Compact), e gli sforzi della Germania, per esempio, che ha un rapporto debito/Pil dell’80%, o l’Olanda, che è già al 66%, o addirittura la Finlandia, che è abbondantemente sotto al 50% e quindi non deve fare niente?”

    La parità sta nella soglia del 60%, uguale per tutti. Alcuni Paesi l’ hanno già raggiunta o vi sono più vicini di noi, quindi dovranno fare meno sacrifici? Beati loro. E’ dal 1992 che conosciamo quel parametro di Maastricht che impone un debito non superiore al 60%. Se in ventanni non siamo stati capaci di rispettarlo, la colpa è solo nostra non della BCE o della Troika.

    “Ma soprattutto, di quale parità stiamo parlando se ratifichiamo un trattato come il MES, che ci impone da subito 125 miliardi di esborsi e poi consente all’infinito di infliggerci nuovi debiti, al di fuori del controllo parlamentare, mentre lo stesso trattato, ratificato dalla Germania”

    Subito abbiamo sborsato circa 5 mld. Altri 5 li sborseremo nel 2013 e gli ultimi 4 nel 2014, raggiungendo cosi il totale di 14 miliardi, la nostra quota parte degli 80 di capitale versato dall’ insieme degli Stati (sui 700 che fanno la dotazione del MES). I 125 di cui parli tu, sono la nostra parte dei restanti 620 mld. che costituiscono il capitale di scorta, che verrà eventualmente utilizzato “a chiamata”. Cosa che può anche non avvenire mai. Qui è spiegato molto bene http://it.reuters.com/article/topNews/idITMIE86I02920120719?pageNumber=1&virtualBrandChannel=0

    Cordialità

  • finalmente l’ho trovato Claudio è un post del settembre 2008 di beppe Grillo ma su google non riuscivo a trovarlo ho usato ALTAVISTA americano, ma alla fine eccolo quà:

     

    Un blogger mi ha segnalato una modifica del Codice Penale che abolisce il reato di colpo di Stato. E’ successo due anni fa, con il penultimo governo dello psiconano. Ma nessuno se ne è accorto. Lo ammetto, neppure io. Giornali e televisioni ripieni di giornalisti e direttori piduisti neanche. Si sono voltati dall’altra parte di fronte allo stravolgimento dell’articolo 283.
    Dal 2006 partiti, massonerie coperte e organizzazioni criminali possono fare un colpo di Stato senza conseguenze. Purchè non usino ‘atti violenti’. Lo possono fare con la corruzione, con l’informazione deviata, con i criminali in Parlamento sottratti alla scelta elettorale per l’abolizione della preferenza.
    Questi, sia i PDL che i PDmenoelle, si sono cautelati per il futuro. Metti che le cose cambino. Che in Italia si affermi la democrazia. E che qualcuno chieda conto a questi impuniti delle loro azioni, anche del colpetto di Stato che hanno già fatto. In quel caso si appelleranno al nuovo Codice Penale, il Codice P2, in nome della giustizia.

    Caro Beppe,
    il 13 marzo 2006 sono stati modificati vari articoli del Codice Penale riguardanti gli attentati allo Stato. Di sicuro il paese sentiva un gran bisogno di queste modifiche. La più interessante è la quella dell’articolo 283 del Codice Penale. Così recitava:
    ‘Chiunque commette un fatto diretto a mutare la costituzione dello Stato, o la forma del Governo, con mezzi non consentiti dall’ordinamento costituzionale dello Stato, è punito con la reclusione non inferiore a dodici anni.’ E’ stato modificato in: ‘Chiunque, con atti violenti, commette un fatto diretto e idoneo a mutare la Costituzione dello Stato o la forma di governo, è punito con la reclusione non inferiore a cinque anni‘.”
    Con atti violenti, non attraverso il partito di cui è padrone o corrompendo parlamentari attraverso le loro amanti. Preparati al Golpe, ma non temere se non ci saranno ‘atti violenti’, sarà perfettamente ‘legale’. Per pura coincidenza ricordo che l’articolo 283 è quello che fece processare la P2.”

    http://www.beppegrillo.it/colpetto_di_stato/index.html

     

  • CIAO CLAUDIO….RIESCI A CHIEDERE AL SENATORE GARAVAGLIA DI FARE NOME E COGNOME DEGLI ISPETTORI BCE DI CUI PARLA?

    NON CREDO SIANO COPERTI DA SEGRETO E SE ANCHE LO FOSSERO, POICHE’ SONO DEI CRIMINALI, BISOGNA DENUNCIARLI.

    E’ STATO UN GRANDE AD ESPORSI MA ADESSO DEVE ANDARE OLTRE E NON FARE L’OMERTOSO PERCHE’ RISCHIA CHE LE SUE AFFERMAZIONI NON SIANO CREDIBILI.

    YANKA

    P.S. COMPLIMENTI ANCHE A TE PER I DEMONI CHE STAI PORTANDO SOTTO I RIFLETTORI

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi