Continuate pure a parlare di Batman


Mentre tutti si occupano di Fiorito, denunce di livello ben più grave vengono esposte alle Commissioni Bilancio riunite di Camera e Senato. Quella che potete vedere sopra è la registrazione dell’intervento integrale di Luigi GIampaolino, presidente della Corte dei Conti, oggi in Parlamento di fronte alle Commissioni Bilancio riunite di Camera e Senato. Riassunto: con l’austerity e le tasse di Monti, il paese stra sprofondando in una recessione ben oltre tutte le previsioni. Ma noi continuiamo a parlare solo di Batman…
 
Per chi volesse, visto che in giro si trovano solo brevi stralci, metto a disposizione sia il testo che la registrazione multimediale dell’audizione in forma integrale. Quello che segue è un piccolo estratto del PDF completo (scaricabile da qui, se non volete guardare il video):

« La somministrazione di dosi crescenti di austerità e rigore al singolo paese, in assenza di una rete protettiva di coordinamento e di solidarietà, e soprattutto se incentrata sull’aumento del prelievo fiscale, si rivela, alla prova dei fatti, una terapia molto costosa e, in parte, inefficace. E che, neppure, offre certezze circa il definitivo allentamento delle tensioni finanziarie. Questa spirale negativa è ben evidenziata dall’esame della situazione italiana. Ma, più in generale, essa appare proprio la conseguenza di una visione distorta e incompleta delle ragioni della crisi che l’Europa sta attraversando. »

 

65 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Io invece continuo a chiedermi, a che servano tutti questi magistrati della corte dei conti? perchè continuiamo a pagarli? cosa controllano, sono a Roma hanno pure la Sezione Regionale “di Controllo per il Lazio”! ma che controllano? tutti rubano e loro dormono sono collusi?

  • scandalo fiorito= tentativo di distrazione di massa.

     

    per quanto possa essere scandaloso, i media stanno attribuendo alla vicenda un’importanza ben maggiore rispetto ad altre ben più gravi.

    del resto se siamo in queste condizioni, se siamo un paese commissariato, se siamo un popolo ignaro delle notizie che contano, se la nostra sovranità e indipendenza viene fagocitata giorno dopo giorno per mezzo di un cavaliere bianco calato dall’alto è anche e soprattutto colpa dei giornalisti sofferenti di cifosi

    • o forse è solo colpa nostra che pretendiamo senza volere,che comandiamo senza governare,che guardiamo senza vedere e che ascoltiamo senza udire

      …SINE IRA ET STUDIO…

  • Al peggio non c’è mai fine!…il  bello è che non abbiamo neanche le caratteristiche dei rivoluzionari, come portoghesi, spagnoli, greci e francesi, se è vero che quest’ultimi stanno pure protestando in piazza!…Ancora non ho verificato!

     

    • Tutti i popoli sono in piazza!

      Anche in India (contro l’introduzione delle lobby dei supermercati nel paese erano in 50 milioni a protestare), nello Yemen, nel Burundi, dappertutto la gente si ribella. Solo qua da noi non si muove foglia.  Si è dissociato persino l’esercito portoghese dalle misure di austerità del governo. Ma noi niente!!!

      La risposta o le risposte ci sono e partono anche da lontano.

      Una per esempio è che troppi italiani sono legati al sistema e vivono e magnano di quello per cui gli ultimi 4-5 milioni li mantengono.

      Secondo…, ma i motivi sono troppi per starne a parlare.

      E la storia dell’abolizione di Erasmus per mancanza di fondi alla BCE. Non è uno scandalo? Forse, Claudio, ne hai già parlato, ma questo sarebbe davvero un tema da approfondire ei giovani dovrebbero veramente incazzarsi perchè a farne le spese saranno ancora quelli dei paesi in crisi: Italia, Spagna, Grecia, Portogallo e forse anche l’Irlanda.

  • http://paolofranceschetti.blogspot.it/2012/09/i-recenti-provvedimento-del-governo.html

    1. Premessa e una domanda. I recenti provvedimenti del governo Monti in materia agricola.

     

    In questo periodo si fa un gran parlare dei soldi che alcuni esponenti del PDL avrebbero rubacchiato (quasi come se gli altri partiti non rubassero allo stesso modo). E si fa anche un gran parlare delle somme che i parlamentari prenderebbero come stipendio.

    Sacrosanto per carità. Ma a me vien da ridere quando leggo queste petizioni per ridurre gli stipendi dei parlamentari o che gridano allo scandalo per le troppe auto blu.

    Infatti altri e ben più gravi sono i problemi economici e i furti dei politici ai danni della popolazione.

     

    Vediamo quali, partendo da alcuni demenziali provvedimenti presi dal governo Monti in questo periodo, per poi spiegare dove andranno a finire questi soldi che verranno rubati ai cittadini.

     

    Recentemente Monti ha fatto ricorso alla Corte Costituzionale al fine di vietare i cosiddetti prodotti agricoli a KM 0 nei supermercati.

    Questo significa, in altre parole, che i supermercati – se la Corte Costituzionale darà ragione al presidente del consiglio – non dovranno più comprare prodotti agricoli dai coltivatori locali, ma dovranno servirsi della grande distribuzione (che fa venire frutta e verdura dai mercati dell’est, dai mercati africani, o orientali).

    Apparentemente è solo uno dei tanti provvedimenti tesi a tartassare l’agricoltura e a distruggere i nostri produttori locali. Uno dei tanti, che si aggiunge alla miriade di provvedimenti – ultimo in ordine di tempo l’IMU – che hanno inginocchiato l’agricoltura rendendo la campagna un hobby per ricchi o per agricoltori talmente appassionati del loro lavoro da continuare a produrre in perdita.

    Ma altre e ben peggiori sono le finalità del demenziale provvedimento montiano.

    • …come darle torto! come corollario alla veridicità di quanto da lei pubblicato,avrei una domanda da porre: – a che punto sta l’attuale governo con le pressioni esercitate in questo periodo sulla CE dalle multinazionali degli OGM?E di quelle della carne made in USA? No,perchè questo attacco diretto ad uno dei settori di maggior pregio per la nostra economia assomiglia tanto al giro di boa ferale che presenterà la distruzione del settore agroalimentare indigeno come liberale e l’invasione,con relativo appestamento,di queste merci estere come inevitabile!

  • Premesso che per giudicare dell’ efficacia o meno delle misure del governo bisogna attendere almeno la fine dell’ anno per vedere i dati definitivi su deficit e debito, i due buchi neri della nostra economia ai quai andava posto rimedio prima ancora di pensare alla crescita, ma Giampaolino dice anche che “L’azione di governo apre, dunque, fondamentali prospettive di recupero per l’economia italiana.”

    L’ alternativa all’ austerità montiana, aumento della spesa per stimolare la crescita, era improponibile perché avrebbe aumentato il debito. E noi dobbiamo metterci in testa che la crescita fondata su di un aumento della spesa pubblica, cioè facendo debiti, è una falsa crescita, una crescita drogata, perché prima o poi i nodi verranno al pettine (come stanno venendo ora per colpa della crescita drogata degli anni della Milano da bere). Quindi non ci resta che stringerci a coorte e RESISTERE RESISTERE RESISTERE, ha da passà a nuttata.

    • Ehm….. Mi scusi, guardi che il debito in rapporto al pil E’ aumentato !E i giudici questo hanno detto, cioè che con queste politiche montiane si e’ depresso l’economia. Se abbassi il PIL, e non tocchi le uscite, il rapporto peggiora, e quindi il motivo per cui il Monti ci e’ stato imposto va a farsi friggere. Quindi perché e’ stato messo li’ ?

    • Gianniguelfi perchè ancora ci devi far leggere messaggi del genere? Con moneta sovrana, quindi non soggetta a interessi speculativi, se lo stato investe (lo deve fare bene, ecco perchè se proprio un parlamento deve esistere ci deve stare gente seria e non questi cialtroni venduti..) in opere pubbliche i soldi circolano ed ecco la crescita, punto. E’ così, inutile smentire o girarci intorno, o a lei piace sbavare su qualche euro proveniente esclusivamente dall’estero? TUTTI i dati macroeconomici e le analisi confermano la crisi e la caduta a picco di ogni settore, poi c’è una cosa che si chiama buon senso ma spesso non viene usato..

      Poi mi tolga una curiosità, che che versione da della risposta classica a questa domanda?

      “Perchè i soldi ce li devono prestare?”

    • gianniguelfi: In rapporto al pil il debito è aumentato percentualmente, e non poteva essere altrimenti visto il calo della produzione, ma in valori nominali, ossia in soldoni, tra giugno e luglio è sceso.

      gianniguelfi scusa ma ti mancano credo le basi di economia, lo si capisce gia quando inserisci la tua opinione “in soldoni” all’interno di alcuni dati che non leggi correttamente. Ti faccio un esempio da scuola elementare:

      – mettiamo che io ho un debito di 100 e guadagno 10 all’anno; lasciando stare le altre spese/costi ci impiegherei 10 anni a rientrare dal debito.

      – se invece il mio debito fosse 90 ma io guadagnassi 5 all’anno io impiegherei 18 anni a ripagarlo.

      Ecco perché il debito si misura sempre rispetto al PIL ed ecco perché stiamo molto peggio (e peggioreremo sempre più) rispetto a prima. 

      Ma questo che raccontano in pochi in Italia, viene invece discusso ampiamente in Europa. Qui la discussione aperta in francia.

    • Non so perché quando si parla di economia alcuni esordiscano con un “ti mancano le basi”. Perchè, lei è forse un professore di economia? Non credo, e allora? Guardi che lo so anch’ io che il debito in rapporto al pil si misura percentualmente. Infatti l’ ho premesso, c’ è scritto chiaro e tondo nella frase da lei riportata. Tuttavia se in soldoni tra giugno e luglio è diminuito vorrà pure dir qualcosa, o no? diversamente non si vede perché i giornali avrebbero riprotato la notizia

  • Xgianniguelfi

    la nottata non passerà. Continuando a rimanere nell’euro e aderendo ai trattati Ue, è prroprio inutile tentare di resistere, la nostra economia, le nostre industrie saranno spazzate via. Attualmente il debito pubblico non aumenta a causa della spesa pubblica che è quasi inesistente. Aumenta perchè ci stiamo indebitando (prendiamo soldi a prestito…e vai con gli interessi da pagare!) per aderire ai trattati europei come lo SME. Lo hai letto? Se la risposta è no, te lo consiglio, guarda cosa prevede, quali norme impone e sappi che il parlamento italiano lo ha già ratificato e che quindi è presumibile che stiamo già versando la nostra quota anche se questo Monti e C. non ce lo dicono! E quando mai, perchè dovremmo essere informati di qualcosa che ci rovinerà il futuro per generazioni!!!

    • Per gianniguelfiTi ho gia’ dimostrato come l’ESM sia Uno strumento antidemocratico e di fatto hai concordato (Per te Una inevitabile conseguenza di chiede un prestito). Ci sono stati molti commenti con spiegazioni esaustive delle evidenti conseguenze negative che questo meccanismo ha portato e porterà. Nonostante questo non hai cambiato il tuo punto di vista di una virgola. Mi domando sinceramente quali siano le tue aspettative dalla partecipazione a questo blog.

    • L’ ESM uno strumento antidemocratico dalle evidenti conseguenze negative? Secondo te salvare l’ euro sarebbe una “conseguenza negativa”? Di la verità, tu devi essere uno di quelli che avendo portato già da anni il malloppo (in euro) in Svizzera, non vedono l’ ora che l’ Italia torni a una liretta supersvalutata per venir qua a comprarsi di tutto e di più con la loro moneta forte.

      Ho indovinato?

    • Mi scusi ancora gianniguelfi, cortesemente mi risponde ad una domanda:

      Cosa succede esattamente quando si vendono titoli di stato?

      Lo dice anche wikipedia qui e cioè che si ottiene un finanziamento in cambio di obbligazioni. Quindi dire “Finora a prestito l’ Italia non ha preso un euro dalla UE” è palesemente falso, in quanto i titoli di stato oltre a farci accumulare debiti ci fanno perdere pezzi di sovranità nazionale in favore dei paesi ai quali li vendiamo.

      Vorrei inoltre chiarirle un altro punto. Con l’eventuale uscita dall’euro è vero che ci sarebbe la svalutazione (e menomale) stimabile secondo i precedenti storici al 25%, quindi i nostri prodotti saranno più facilmente acquistabili con altre valute più forti, in altre parole maggiori esportazioni… non mi sembra brutto no?!

    • gianniguelfi ha scritto:

      Svalutazione del 25% significa inflazione e mutui al 30% come minimo

      Mi piacerebbe sapere la fonte di questi numeri in libertà, ma credo in fondo di saperla… sono i giornali e quindi non è colpa sua se è maleinformato.

      Però è un errore suo accomunare la svalutazione ai mutui, oppure tutti quelli che avevano prima i mutui in lire con il passaggio all’euro hanno avuto uno sconto? La risposta è no quindi non si spiega l’opposto, i mutui verrano riconvertiti nella nuova valuta e basta. Fonte 1

      Per quanto riguarda l’inflazione al 30% beh a parte il numero a vanvera forse non sa che la svalutazione non coincide con l’inflazione e che l’inflazione non coincide con la perdita di potere d’acquisto da parte dei lavoratori. Le linko un post che spero le farà piacere. Fonte 2

      Le ricordo infine che la storia ci racconta gia cosa sta succedendo e cosa succederà quindi per dei numeri più precisi può cercare cosa successe dopo l’uscita dell’Italia dallo SME, perché come disse Monti :”…vi è una tendenza in Italia a considerare la svalutazione come uno degli elementi positivi del nuovo panorama, anche da parte di coloro che fino al 13 settembre scorso si erano pronunciati a favore del mantenimento del cambio

    • La fonte dei numeri è la mia capa, non i giornali. Vedo che anche lei non s’ informa sui giornali considerandoli tutti disinformati e di parte, poi però mi cita un blog che più di parte non si potrebbe.

      Una svalutazione della lira di quel 25% da lei pronosticato, significherà per Bankitalia, tornata ad avere la sovranità sulla moneta, dover stampare montagne di banconote necessarie ad acquistare quella valuta forte indispensabile per pagare le importazioni di petrolio, gas, elettricità e altre materie prime (i paesi produttori non vorranno certo essere pagati in lire). Altre montagne di lire dovranno essere stampate per acquistare la massa di titoli di Stato rimasti invenduti per la fuga degli investitori esteri e per ripagare gli stessi investitori esteri dei loro titoli in scadenza (avendoli comprati in euro non vorranno certo essere ripagati in lire).

      L’ immissione sul mercato di una tale enorme massa di liquidità, avrà come conseguenza un’ inflazione a due cifre. I titolari di mutui a tasso fisso non pagheranno pegno, ad essere penalizzati saranno quelli a tasso variabile e i nuovi mutuatari.

      Percettori di reddito fisso quali dipendenti e pensionati, saranno fortemente penalizzati nel loro potere d’ acquisto. Per il semplice fatto che stipendi e assegni di quiescenza vengono adeguati all’ inflazione MOLTO DOPO che i prezzi sono aumentati, i secondi addirittura a fine anno. E l’ adeguamento non copre MAI l’ intero ammontare dell’ inflazione, restandone ben al di sotto. Potendo ritoccare prezzi e tariffe settimanalmente, o volendo persino giorno per giorno, professionisti e commercianti invece non subiranno grosse perdite. Lei è un autonomo?

       

    • E perché non anche grandine, peste e cavallette…

      Vedo che si compiace di avere come fonte la sua testa, e dai ragionamenti che fa si nota bene.

      Come le ho scritto (anche se ha visto le mie fonti senza leggerle) quello che sta succedendo con l’euro è successo con lo SME solo che alla svalutazione non coincise inflazione, la quale anzi scese per la felicità (postuma) di Giuliano Amato, Monti e co.

      Poi sta storie delle materie prime… ma sembra che noi siamo sempre stati nell’euro sotto questa fantomatica protezione dai costi dell’energia. Invece no, come facevamo prima dell’euro così faremmo dopo, daltronde eravamo una delle maggiori potenze industriali al mondo (e in parte lo siamo ancora) e di certo non lo dobbiamo alla moneta unica.

      Infine prova a chiedere lumi ai “Percettori di reddito fisso quali dipendenti e pensionati” sull’attuale potere d’acquisto, sempre che non facciano parte del 34% di giovani italiani disoccupati (Istat) o che rientrino tra gli esodati, per i quali il prblema non si pone: potere d’acquisto = zero.

      P.S.

      Evviva le fonti di parte, quando ti spiegano le cose con tabelle, dati e altre fonti ufficiali. Se me ne fornisce una lei della sua parte altrettanto attendibile la leggo con piacere… perché sa non ho letto da nessuna parte “significherà per Bankitalia, tornata ad avere la sovranità sulla moneta, dover stampare montagne di banconote”

      saluti

  • Ma a cosa vuoi resistere gianniguelfi ????? Fin quando non usciremo dall’euro la sistuazione economica italiana peggiorerà sempre di più …e questo rallegrerà Monti & Co che sta aspettando che la crisi aumenti per svendere l’Italia ai ……mercati. I mercati stanno già appollaiati come dei falchi in attesa di un nostro bisogno di soldi per farci a pezzi. Da Stato sovrano i politici ci hanno costretto a prendere a prestito soldi che potremmo emettere noi. Si potrebbero fare investimenti creando posti di lavoro semplicemente eliminando le sanguisughe che abbiamo in politica a tutti i livelli, centrali e locali e riprendendoci la nostra sovranità monetaria. Ma piano piano tutti capiranno come in nome dell’ europa, propostaci come nostra salvatrice,….ci stanno invece sfruttando e riducendo alla fame !!!!!

  • gianniguelfi ha scritto :
    In rapporto al pil il debito è aumentato percentualmente, e non poteva essere altrimenti visto il calo della produzione, ma in valori nominali, ossia in soldoni, tra giugno e luglio è sceso. fonte http://www.manageronline.it/articoli/vedi/6954/bankitalia-cala-il-debito-e-aumentano-le-entrate-fiscali/

    E in valori di gente (ossia in soldoni..) che muore di fame come siamo messi? Hai qualche grafico che magari colleghi la morte per fame, per inedia, per abbandono, per stenti alla concimazione dei campi? A gia…a proposito dei campi..il tuo amico Morti ha fatto ricorso per bloccare la vendita delle merci a km. zero con motivazione: “fanno concorrenza sleale alle merci importate..”. Ma che si può difendere uno che fa una cosa del genere? Non ti vergogni punto?! Come si dice qua..

  • Senti gianniguelfi in italia c’e’ bisogno di lavoro e di conseguente guadagno per poter vivere, una classe politica onesta che stia dalla parte degli Italiani visto che abbiamo perso credibilita’ nel mondo vedi India coi Maro’ e Brasile con quell’altro tutti ci sbraitano contro (fai la cuccia Italia) le tue analisi arzigogolate sui vari MES ecc. non ci interessano. Quindi?

  • Per chi ancora avesse qualche dubbio sulle teorie del complotto, si legga questo articolo del Guardian, che denuncia il fatto che grosse corporation e investitori, attraverso i think-tank neo-liberisti (l’articolo cita l’Adam Smith Institute, ma Bilderberg, Trilaterale e Aspen Institute sono organizzazioni analoghe) stanno usurpando la democrazia nel Regno Unito e per ora stanno vincendo:

    http://m.guardian.co.uk/ms/p/gnm/op/sUl7_DF8F51Wuj41C1_S3Xg/view.m?id=15&gid=commentisfree/2012/oct/01/rightwing-insurrection-usurps-democracy&cat=most-read

    Da notare che il Guardian è un giornale serissimo, uno dei maggiori e più autorevoli quotidiani britannici, non un volantino dei punk-a-bestia.

  • bellissimo: visione distorta ed incompleta delle cause della crisi. e’ meglio che monti cambi oculista…

    ps avviso ai naviganti. se corriamo dietro ai discorsi assurdi, triti e ritriti di gianni non ne usciremo piu’, non pensate mica di farlo ragionare, e’ una battaglia persa!

  • Per chi ancora avesse qualche dubbio sulle ragioni alla base di scelte apparentemente contrarie alla logica economica di molti governi europei si legga questo articolo del Guardian, che denunciacome sia in atto un tentativo (per il momento vincente) di usurpazione della democrazia nel Regno Unito da parte di  corporation e grossi investitori internazionali attraverso i think-tank neo-liberisti (l’articolo cita l’Adam Smith Institute, ma lo stesso ragionamento si può applicare a Bilderberg, Trilaterale, Aspen Institute, etc.). Addirittura dimostra come le politiche del governo inglese siano state di fatto dettate dalla longa manus di big business anche in passato.

    http://m.guardian.co.uk/ms/p/gnm/op/sUl7_DF8F51Wuj41C1_S3Xg/view.m?id=15&gid=commentisfree/2012/oct/01/rightwing-insurrection-usurps-democracy&cat=most-read

    Da notare che il Guardian è un giornale serissimo ed uno dei più autorevoli quotidiani inglesi, non un volantino dei punk-a-bestia.

    Qualcuno ancora pensa che davvero Monti stia perseguendo il bene dell’Italia e dei suoi cittadini? Se è così o è scemo o incompetente (e non mi sembra nè l’uno nè l’altro).

    • Per anni mi son sgolato a dire che il comunismo era il sistema migliore. In Unione Sovietica non vi erano mercati e tutti vivevano più tranquilli. Ma voi non mi avete dato ascolto: vogliamo il capitalismo, vogliamo il libero mercato! Ebbene, siete stati accontentati perciò beccatevi le corporation, gli speculatori finanziari, i complotti del Bilderberg e zitti e mosca.

    • attenzione alla terminologia,soprattutto attenzione all’impiego che se ne fa! Il libero mercato non ha nulla a che vedere con il mercato odierno,che è praticamente un monopolio a sette/otto teste al massimo per tutta la torta! Il liberismo è sempre stato contrario ai monopoli,lo è per logica e lo è nella pratica! Basta scorrere un pò di testi dei veri autori liberali per accorgersi subito delle aporie oggettive del mercato attuale…

      Per quanto concerne il comunismo,è evidente che la storia ad oggi non ha insegnato nulla a più di uno! Si può comprendere la simpatia verso determinate forme di pensiero politico,verso determinate dottrine politiche per carità,ma solo a patto che non sconfinino nel negazionismo ideologico…che è sempre controproducente,perchè umiliante per chi lo sostiene!

  • Lasciatelo stare poverino!…o è un mentecatto che non ha capito i fondamenti del sistema monetario e le ragioni vere di questa crisi o è un altro colluso esponente degli interessi delle alte sfere che va in giro per la rete a seminar scompiglio…

    vedendo però la qualità dell’intervento e gli elementi a supporto credo però che appartenga alla prima categoria…

    la gente prima di parlare dovrebbe studiare un pò invece di allinearsi agli slogan qualunquisti e illogici che il mainstream mediatico proprone a giustificazione della distruzione delle libertà democratiche degli Stati non più sovrani…

  • Forse non lo hai sottolineato abbastanza “il sunto”.Cioè….che il sunto lo dia la Corte dei Conti è una cosa ultra incredibile e quindi ancora più grave.

    Lì dentro c’è sempre stato di tutto (Magistrati,Generali,avv. ecc… e penso anche molta corruzione,forse ne sono abbastanza sicuro .

    Non sono riuscito a vederemi tutto il filmato,mi nauseano anche a stomaco vuoto.

    Li per li mi son detto ” Da che pulpito !”. Poi,ripensadoci,dato l’ostentato europeismo a favore di Fiscal Compact ed ESM,mi son detto che i dati sono dati e,seppur indorando la pillola,il sasso dalla scarpa se lo è tolto.

    Ma queste cose a Monti e agli altri,giornalisti pennivendoli compresi,gli scivola tutto addosso.

    Come sempre.

  • Caro Byoblu,

    questa notte abbiamo avuto la stessa idea! La “Casta dei cretini” porterà tutti alla rovina, ma anche perché la DODI&C cioè la Compagnia Dove Ogni Deficiente Impera, è fatta non solo dai vari Fiorito e dai vari Gianpaolino, ma anche da noi stessi che non ne vogliamo sapere di ripartire dai punti essenziali della questione sociale… http://digilander.libero.it/VNereo/consultorio.htm Ciao. E grazie per il tuo illuminante lavoro.

    Nereo

  • gianniguelfi ha scritto :
    Quindi come diceva Stalin (o frose era Voltaire?), anche se le mie analisi non ti interessano ti batterai affinché io le possa esprimere. Dico bene?

    allora mi batto, grande popolo quello sovietico trattato malissimo, cosa diceva Stalin? esprimiti esprimiti!

  • Forse è giunto il momento di guardarci allo specchio.Chiederci COSA vogliamo nel nostro futuro e QUANTO siamo disposti a pagarlo. Questo tempo è nostro,non dei nostri genitori e forse ( meglio probabilmente) quando saremo vecchi moriremo di rimpianti chiedendoci: Perchè non ho fatto niente??  . .e io non voglio morire cosi.
    Adesso basta parlare,è tempo di pretendere e alzare la testa! Auguri a tutti quanti

    Forse è giunto il momento di guardarci allo specchio.Chiederci COSA vogliamo nel nostro futuro e QUANTO siamo disposti a pagarlo. Questo tempo è nostro,non dei nostri genitori e forse ( meglio probabilmente) quando saremo vecchi moriremo di rimpianti chiedendoci: Perchè non ho fatto niente??  . .e io non voglio morire cosi.Adesso basta parlare,è tempo di pretendere e alzare la testa! Auguri a tutti quanti

  • x gianniguelfi

    Ti voglio fare delle domande:

    Hai mai letto il trattato di Mastr.?

    la BCE è pubblica o privata?

    chi stampa ed emette l’euro?

    come viene erogato?

    l’euro viene accreditato o addebbitato?

    Inizia con queste domande, ricercati delle risposte supportate da documenti ufficiali e solo allora potrai sostenere dei ragionamenti consoni a questo forum.

     

  • gianniguelfi ha scritto :
    L’ ESM uno strumento antidemocratico dalle evidenti conseguenze negative? Secondo te salvare l’ euro sarebbe una “conseguenza negativa”? Di la verità, tu devi essere uno di quelli che avendo portato già da anni il malloppo (in euro) in Svizzera, non vedono l’ ora che l’ Italia torni a una liretta supersvalutata per venir qua a comprarsi di tutto e di più con la loro moneta forte. Ho indovinato?

    Gradirei che tu rispondessi nel merito invece di fare illazioni sulla vita delle persone di cui non conosci niente. Questa è l’ennesima prova che cerchi solo lo scontro e non il confronto. Io cambierei immediatamente e alla cieca il mio “malloppo” (il mio mutuo in Euro) con il tuo!

  • gianniguelfi ha scritto :
    Per anni mi son sgolato a dire che il comunismo era il sistema migliore. In Unione Sovietica non vi erano mercati e tutti vivevano più tranquilli. Ma voi non mi avete dato ascolto: vogliamo il capitalismo, vogliamo il libero mercato! Ebbene, siete stati accontentati perciò beccatevi le corporation, gli speculatori finanziari, i complotti del Bilderberg e zitti e mosca.

    Breznev sta al comunismo come Pinochet sta al liberismo. 

    Si può dire che sei rimasto coerente, dopo questa affermazione la tua ideologia è più chiara: ecco perché ti piace tanto l’euro.

     

  • gianniguelfi ha scritto :
    L’ ESM uno strumento antidemocratico dalle evidenti conseguenze negative? Secondo te salvare l’ euro sarebbe una “conseguenza negativa”? Di la verità, tu devi essere uno di quelli che avendo portato già da anni il malloppo (in euro) in Svizzera, non vedono l’ ora che l’ Italia torni a una liretta supersvalutata per venir qua a comprarsi di tutto e di più con la loro moneta forte. Ho indovinato?

    Cioè stai affermando che un ritorno ad una moneta sovrana farebbe rientrare i capitali?!

    Rido quando sento Bersani sparare queste cazzate, in realtà dovrei piangere perché non penso che c’è gente con diritto di voto che se le beve.

  • Ma vi rendete conto che Squinzi si augura la ripresa nel 2015?

    Questo vuol dire che è già previsto da confindustria che il 2013 la crescita sarà ancora negativa e nel 2014 sarà alla pari dell’anno precedente.

    Se si ripartirà nel 2015 per ritornare ai valori “merdosi” di quest’anno bisognerà aspettare la fine del 2016, quindi se va bene ancora almeno 4 anni di crisi!

    La corte dei conti fà solo il suo dovere, ma la politica e le lobby semplicemente se ne fottono, nessuna legge li obbliga a seguire le indicazioni che loro danno, e questo è peggio per noi.

    Oggi il nostro grande presidente ha detto che è impossibile e controproducente uscire dall’euro e bisogna continuare sulla strada delle riforme…..

    Insomma riprenderci la sovranità monetaria ritornando alla lira e quindi dare allo stato il potere di aiutare l’economia stampando moneta a costo 0 non se ne parla neppure.

    Probabilmente per lui è meglio continuare ad indebitarsi con il mercato (e le banche) ai tassi che decidono le lobby che comprano i CDS sui debiti sovrani condizionando i rialzi degli spred!

    Per tutti i timorosi del ritorno alla lira a riguardo “all’incredibile inflazione che questo gesto comporterebbe” tranquilli non capite niente di finanza, l’inflazione arriva quando c’e troppa liquidità iniettata nel sistema.

    Vi sembra che ci sia troppa liquidità nel sistema? dopo 10 anni di euro e quindi 10 anni che non c’è uno stato che inietta liquidità nel sistema per favorire la crescita????

    • Caxxo allora dovrò aspettare di trovare lavoro fino al 2015….però la soddisfazione di non pagare le tasse per 3 anni non ha prezzo…..Se tutte le ditte sono in crisi ORA chissà come saranno messe l’anno prossimo, e quello dopo, e quello dopo ancora ?

      Monti ma con le tasse di chi pensi di risollevare l’italia se ci fai chiudere tutti ??? Ah scusa è vero basta fare debiti con l’unione e ci teniamo in piedi…ammesso che Germania e compagnia bella continuino a crederti !!!!

    • Pultroppo non ci permetteranno di accumulare ulteriore debito, anzi questo lo stanno facendo apposta per avere la scusa di vendere gli asset strategici nazionali (Finmeccanica, Enel, Eni, IMPS, Immobili ecc.)per quattro soldi.

      Del resto in Grecia e Portogallo  lo stanno già facendo e in Spagna si stanno preparando, naturalmente dopo aver regalato anche la sovranità politica.

      Anche se oggi Grilli lo ha negato e visto che tanto mi da tanto io personalmente lo valuto come una conferma.,

  • Gianniguelfi ho trovato il tuo blog e ora mi iscrivo e ti straccio le balle fino alla morte… scherzo stai tranquillo te lo faccio solo hackerare. Detto ciò è assolutamente logico e giusto che ogniuno abbia le proprie idee ma ogni tanto bisogna pure aprire gli occhi alla realtà ammettere di aver sbagliato se no !!!!! Se a tanti fà girare le balle basta che non gli rispondiate ma a dire la verità è un bello sfogo infamarlo eh !!!! 

    Forza Gianni, forza UE, forza Monti, forza4 e vi affondiamo tutti…..ma con simpatia eh!!!!

  • braveheart ha scritto :
    Ehm….. Mi scusi, guardi che il debito in rapporto al pil E’ aumentato ! E i giudici questo hanno detto, cioè che con queste politiche montiane si e’ depresso l’economia. Se abbassi il PIL, e non tocchi le uscite, il rapporto peggiora, e quindi il motivo per cui il Monti ci e’ stato imposto va a farsi friggere. Quindi perché e’ stato messo li’ ?

    A Monti è stato dato un compito preciso: affossare la democrazia. Accelerando la deligittimazione della nostra classe dirigente che per lo meno è stata eletta e aumentando in maniera esponenziale la crisi iconomica. Obbiettivo: commissariamento del paese da parte fel Fondo Internazionale e Troika. Mandanti: i nostri alleati patner europei Germania in testa(con l’assenso USA). Motivo: il timore che potremmo a mandare a monte la truffa globale dell’area euro. La partita è troppo importante: non avranno pietà a schiacciarci. GUardare Grecia e adesso Spagna

     

  • Ma questo e” un imbecille…. Gianniguelfi! sei rimasto l unico nel paese a difendere l euro! basta con le stronzate! su, vai a nanna… che adesso ti tolgono pure la pensione!

  • SE DOMANI CI FOSSERO LE ELEZIONI POLITICHE, QUALE PARTITO VOTERESTI?

    (Voti raccolti: 22033 dal 21/09/2012)
    ALLEANZA PER L’ITALIA
    0.31 %
    COMUNISTI SINISTRA POPOLARE
    2.52 %
    FEDERAZIONE DELLA SINISTRA
    1.56 %
    FORZA NUOVA
    10.02 %
    FUTURO E LIBERTA’
    1.18 %
    ITALIA DEI VALORI
    3.82 %
    LA DESTRA
    2.52 %
    LEGA NORD
    9.79 %
    LISTA BONINO-PANNELLA
    0.95 %
    MOVIMENTO 5 STELLE
    35.22 %
    PARTITO DEMOCRATICO
    11.12 %
    PARTITO SOCIALISTA
    0.67 %
    POPOLO DELLA LIBERTA’
    10.58 %
    SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA’
    2.60 %
    UNIONE DI CENTRO
    2.17 %
    VERDI
    0.43 %
    ALTRI DI CENTRO-DESTRA
    0.80 %
    ALTRI DI CENTRO-SINISTRA
    0.25 %
    ALTRI NON ALLINEATI
    3.49 %
    Questo sondaggio è pubblicato dal quotidiano online Affari Italiani dove dal 21/09/2012 hanno votato circa 22000 persone che ne dici Claudio? Io spero che alla fine prevarrà il buon senso e il popolo Itaiano riuscirà a riprendersi il proprio paese cacciando questa massa di predatori.Sai che mi preoccupa? Bè oggi sui tg danno una notizia  di ciò che succede  in IRAN a causa dell’embargo voluto dagli Stati Uniti…questo mi preoccupa hai capito che voglio dire?

  • gianniguelfi ha scritto :
    Qualcuno sa quando si terranno le primarie del M5S?

    Dalle informazioni trapelate dal palazzo d’inverno di via Morone, dovrebbero tenersi approssimativamente tra il mese di mai e il giorno di poi…

  • Ma se l’euro è così bello perché sparare stronzate per sostenerlo?

    gianniguelfi ha scritto :
    La fonte dei numeri è la mia capa, non i giornali. Vedo che anche lei non s’ informa sui giornali considerandoli tutti disinformati e di parte, poi però mi cita un blog che più di parte non si potrebbe. Una svalutazione della lira di quel 25% da lei pronosticato, significherà per Bankitalia, tornata ad avere la sovranità sulla moneta, dover stampare montagne di banconote necessarie ad acquistare quella valuta forte indispensabile per pagare le importazioni di petrolio, gas, elettricità e altre materie prime (i paesi produttori non vorranno certo essere pagati in lire). Altre montagne di lire dovranno essere stampate per acquistare la massa di titoli di Stato rimasti invenduti per la fuga degli investitori esteri e per ripagare gli stessi investitori esteri dei loro titoli in scadenza (avendoli comprati in euro non vorranno certo essere ripagati in lire). L’ immissione sul mercato di una tale enorme massa di liquidità, avrà come conseguenza un’ inflazione a due cifre. I titolari di mutui a tasso fisso non pagheranno pegno, ad essere penalizzati saranno quelli a tasso variabile e i nuovi mutuatari. Percettori di reddito fisso quali dipendenti e pensionati, saranno fortemente penalizzati nel loro potere d’ acquisto. Per il semplice fatto che stipendi e assegni di quiescenza vengono adeguati all’ inflazione MOLTO DOPO che i prezzi sono aumentati, i secondi addirittura a fine anno. E l’ adeguamento non copre MAI l’ intero ammontare dell’ inflazione, restandone ben al di sotto. Potendo ritoccare prezzi e tariffe settimanalmente, o volendo persino giorno per giorno, professionisti e commercianti invece non subiranno grosse perdite. Lei è un autonomo?  

    Le conseguenze pratiche di questo principio sono disciplinate dagli art. 1277 e seguenti del Codice Civile (Torny santo subito dopo il concerto di Ligabue): 

    Art. 1277 Debito di somma di danaro I debiti pecuniari si estinguono con moneta avente corso legale nello Stato al tempo del pagamento e per il suo valore nominale. Se la somma dovuta era determinata in una moneta che non ha più corso legale al tempo del pagamento, questo deve farsi in moneta legale ragguagliata per valore alla prima.
    Art. 1278 Debito di somma di monete non aventi corso legale Se la somma dovuta è determinata in una moneta non avente corso legale nello Stato, il debitore ha facoltà di pagare in moneta legale al corso del cambio nel giorno della scadenza e nel luogo stabilito per il pagamento.
    Art. 1281 Leggi speciali Le norme che precedono si osservano in quanto non siano in contrasto con i princìpi derivanti da leggi speciali. Sono salve le disposizioni particolari concernenti pagamenti da farsi fuori del territorio dello Stato.

    Maggiori dettagli su http://goofynomics.blogspot.it/2012/09/a-rata-der-mutuo.html

    I tassi si adegueranno all’inflazione, così come gli stipendi, i rentiers invece, a cui tieni tanto, per una volta nella storia si potranno fottere.

    Idem per quanto riguarda invece i Titoli di Stato, non è nemmeno il caso di citare una fonte, si trova ovunque, quale ad esempio una del tuo giro: vorresti dire che il Sole24ore dice il falso quando sostiene che con i tassi attuali gli investitori si stanno cautelando perché presumono di essere ripagati in moneta svalutata?

    Ma se le vostre teorie sono tanto fondate perché sparare stronzate per ottenere consensi?

  • malsano ha scritto :
      ” Le conseguenze pratiche di questo principio sono disciplinate dagli art. 1277 e seguenti del Codice Civile (Torny santo subito dopo il concerto di Ligabue):  Art. 1277 Debito di somma di danaro I debiti pecuniari si estinguono con moneta avente corso legale nello Stato al tempo del pagamento e per il suo valore nominale. Se la somma dovuta era determinata in una moneta che non ha più corso legale al tempo del pagamento, questo deve farsi in moneta legale ragguagliata per valore alla prima. Art. 1278 Debito di somma di monete non aventi corso legale Se la somma dovuta è determinata in una moneta non avente corso legale nello Stato, il debitore ha facoltà di pagare in moneta legale al corso del cambio nel giorno della scadenza e nel luogo stabilito per il pagamento. Art. 1281 Leggi speciali Le norme che precedono si osservano in quanto non siano in contrasto con i princìpi derivanti da leggi speciali. Sono salve le disposizioni particolari concernenti pagamenti da farsi fuori del territorio dello Stato. Maggiori dettagli su http://goofynomics.blogspot.it/2012/09/a-rata-der-mutuo.html I tassi si adegueranno all’inflazione, così come gli stipendi, i rentiers invece, a cui tieni tanto, per una volta nella storia si potranno fottere. Idem per quanto riguarda invece i Titoli di Stato, non è nemmeno il caso di citare una fonte, si trova ovunque, quale ad esempio una del tuo giro: vorresti dire che il Sole24ore dice il falso quando sostiene che con i tassi attuali gli investitori si stanno cautelando perché presumono di essere ripagati in moneta svalutata? Ma se le vostre teorie sono tanto fondate perché sparare stronzate per ottenere consensi?

     

    Non vedo dove, o in che modo, questi articoli del codice civile smentirebbero quel che ho scritto.

    Art. 1277 E’ chiaro che se io ho un mutuo residuo di 10 mila euro a tasso variabile, il giorno in cui dovessimo tornare alla lira la banca (A PATTO CHE IL CAMBIO RESTI ALL’ INCIRCA 1936.27, COSA CHE DUBITO) non potrà chiedermi più di 19.362.700 lire. Ciò che sicuramente aumenterà è il TASSO DI INTERESSE applicatomi. Lo si ammette anche nel pezzo da te copiaincollato : I TASSI SI ADEGUERANNO ALL’ INFLAZIONE

    Art. 1278 Pagare con moneta legale (lire, nell’ esempio sovracitato) un mutuo contratto con moneta non più legale (euro) alla scadenza prefissata e al cambio del giorno? Nessuno lo impedisce, ma poiché la svalutazione della lira procederà a grandi passi, se uno ha le lire necessarie è meglio che il debito residuo lo estingua il più presto possibile.

    Qunto all’ adeguamento degli stipendi all’ inflazione, magari fosse cosi. Non è accaduto nemmeno in questi anni di inflazione bassa, durante i quali l’ adeguamento è sempre stato inferiore di un punto un punto e mezzo, figuriamoci con un’ inflazione al 20-25%. Ma sopratutto, come ho ricordato a Francesco, mentre supermercati e negozi potranno all’ occorrenza ritoccare all’ insù i prezzi anche giorno per giorno (lo fanno già oggi), il povero dipendente dovrà attendere mesi prima di vedere il proprio stipendio o salario adeguarsi all’ inflazione. E quando finalmente otterrà l’ aumento, i prezzi avranno già fatto un altro balzo in avanti.

    La questione degli investitori che si stanno cautelando non l’ ho capita, certo per colpa mia. Prova a riscriverla

  • non vi preoccupate.. tanto fra un pò Monti raggiungerà il suo obiettivo e ci lascierà “IN PACE”: 

    E’ l’ultima spiaggia. La carta della disperazione. Sta chiusa nei cassetti del governo e potrebbe venire fuori quando saremo con le spalle al muro, ad un passo dal default. E’ l’operazione “oro di Bankitalia”. I presupposti del diabolico meccanismo sarebbero due: il primo è che l’Italia è il !TERZO! paese al mondo per consistenza di riserve auree (dopo Stati Uniti e Germania) con 2.451,8 TONNELLATE di metallo giallo nei propri forzieri. Il secondo è che il prezzo dell’oro dopo la crisi del 2007 è schizzato da 667 dollari l’oncia ai 1.756 di venerdì, elevando il valore teorico del patrimonio di Bankitalia del 163 per cento a quota 152 miliardi di dollari, circa 110 miliardi di euro.

    Un patrimonio enorme, quello di Via Nazionale, che aveva già suscitato l’interesse del governo Prodi (che suggeriva vendite per finanziare lo sviluppo e fu attaccato violentemente in quella occasione dal centrodestra) e dello stesso Tremonti, che nel 2009 tentò di tassare le plusvalenze sull’oro di Bankitalia, ma fu bloccato dalla Bce di Jean-Claude Trichet. “Siamo sicuri che l’oro sia della Banca d’Italia e non del POPOLO?”, disse il ministro dell’Economia in Parlamento. 

     

    Solo dopo che Monti (mondo finaziario) sarà riuscito a metterci le mani.. ci lascieranno IN PACE!  Tanto il POPOLO italiano non scenderà in piazza, poichè abbiamo ancora un piatto sulla tavola e del resto nun ce frega un ….!

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi