Il club degli intoccabili


di Gianluigi Paragone

Per Mario Monti i festini di Fiorito ci stanno arrecando un grave danno d’immagine al pari di quella grave piaga che è l’evasione fiscale. Parole di richiamo a una maggiore moralità sono arrivate anche dal capo dello Stato Napolitano. Insomma, il vento della moralizzazione soffia forte e rischia di provocare un tornado dagli effetti sconosciuti. Se ciò deve accadere, che accada pure: buona parte della colpa è della classe politica, colpevole di non essersi data un limite allo sbraco più che allo spreco. Evitiamo solo di disturbare parole finora violentate come morale ed etica. Quindi, ben vengano bufera e tornado, vorrà dire che ricominceremo daccapo. Con chi? Con Mario Monti, ca va sans dire.
 
Il professore della Bocconi è ben voluto dalla stampa moderata che si fa badante di un governo sterile di risultati concreti. Evidentemente la ripresa economica non è affatto una priorità; sono altre le cose che interessano. Monti è sponsorizzato dagli ambienti che contano, è stato adottato dal club degli intoccabili. Chi sono gli intoccabili? Quelli per cui le ombre e l’arroganza non finiscono mai in prima pagina con il clamore dei Fiorito sparsi nei palazzi della politica italiana. Eppure di cose da dire ce ne sarebbero tante. Monti s’imbarazza per i festini e per l’evasione fiscale degli idraulici, delle insegnanti, dei negozianti? Bene. Ma il macigno non sta lì. Chi parla della montagna di soldi (altro che Fiorito) che il mondo finanziario si beve alla faccia dei clienti? E di quelli che distrae alle casse dello Stato. Monti lo sa che Agenzia delle Entrate ha contestato a Unicredit, a MontePaschi e a Intesa San Paolo qualcosa come due miliardi di euro tra imposte non pagate, sanzioni e interessi? Due miliardi di euro! Per non dire del caritatevole soccorso del suo governo e del compare Bce tutte le volte che vanno ripianati i caveau delle banche per le spericolate avventure nella foresta speculativa. Su quello né Napolitano né Monti aprono bocca. Per non dire dei giornali, i cui patti di sindacato sono piantonati dai colletti bianchi. I festini sono ridicoli, sono nauseabondi per sconcezza estetica. Ma i festini che si consumano nel nome e per conto della finanza sono una violenza vera e propria. Eppure tutto tace, per quanto sotto indagine ci siano manager di grido come Profumo o come Passera tanto per citare due nomi noti al grande pubblico, ognuno con le proprie responsabilità da accertare.
Una cosa è certa: le imposte sui dividendi di certe operazioni finanziarie non sono state pagate nelle somme dovute. E qui si parla di soldi veri, non delle ripetizioni private o delle riparazioni pagate in nero. Per carità, ognuno paghi la sanzione in proporzione. Fare la voce grossa coi politici spacconi e “maiali” è sacrosanto perché in un paese normale col cavolo che Fiorito può permettersi di fare quella bella vita solo perché fa il consigliere regionale. Ma attenzione a non scambiare la pagliuzza per la trave. Perché qui tutto sta andando verso quella direzione. Abbiamo un governo pieno di banchieri, pieno di uomini e donne inzuppate di potere finanziario, che sta mettendo in pratica un progetto di deprezzamento del sistema Italia. Lo sta mettendo in ginocchio sul piano della sovranità, sul piano dei diritti, sul piano del suo benessere. Tutto col plauso dei giornali che stanno costruendo questo clima di emergenzialità finalizzato al Monti bis. A ciò potrei aggiungere i soldi che il governo attuale – con l’appoggio di Berlusconi, di Bersani, di Casini – ha impegnato per il fondo salva Stati, altro marchingegno mangiasoldi europeo glorificato senza motivo visto che non risolverà un problema che sia uno degli Stati in crisi. Peggio, pareggio di bilancio e fondo salva Stati sono due giri di corda attorno al nostro collo. Nessuno ne parla, nessuno spiega: restiamo noi quattro gatti sui media tradizionali. Al contrario l’argomento tira forte in rete (un sito per tutti www.byoblu.com) e tira forte tra i giovani, quegli stessi giovani cui l’Europa dei tecnocrati ha interrotto il progetto Erasmus con la scusa che non ci sono abbastanza soldi! Ebbene, saranno proprio i giovani a spogliare la retorica europea. Lasciando il giocattolo nelle mani dei Napolitano, dei Monti, degli Amato, dei Fini, dei Prodi e di tutti quegli altri senza un voto popolare.
Post Scriptum. Il paradosso di tutta questa boccaccesca storia legata ai Fiorito d’Italia è che, come dice il mio amico Paolo Barnard (www.paolobarnard.info; troverete tanti spunti interessanti), almeno Fiorito ha fatto girare moneta spendendo in cene, in macchine, in case. Cioè in economia reale. La finanza manco quello… Domanda provocatoria: allora, chi spreca?
 

30 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Bene Signor Paragone è un piacere leggere il Suo pensiero in questo blog. Abbattiamo questo muro di omerta’ editoriale. Bravo Claudio

  • Claudio

    non sai che gioia iniziare a vedere concretamente  gli artefici della vera informazione, soprattutto quella documentata e spiegata, insieme. Tu, Barnard e……Grillo?

    La risposta “e ma se torniamo indietro facciamo la fine del terzo mondo”, oppure…ed e’ quella che mi fa piu’ incazzare….”dire che basta tornare alla lira e’ semplicistico”  sono comunque ancora di uso comune.

    E’ quindi inutile negare che, nonostante il lavoro eroico e indescrivibile che tu e Barnard fate, serve un volano ancora piu’ potente per portare le vostre lezioni alla gente comune, a quella che e’ ancora convinta che Fiorito sara’ la causa di altri aumenti dell’iva.

    Ho visto che Grillo ha iniziato a dare ad alcuni tuoi post un po’ di ridondanza (il ritardo su quello del Mes e’ un po’ imbarazzante) pero’ non si capisce ancora bene che direzioni stia prendendo , tu che sensazioni hai?

    Dopo anni di voto al PD, mi rendo conto che io stesso sono stato drogato dall’informazione anti-Berlusconiana…..sacrosanta, ma e’ evidente che si sono celate operazioni ben piu’ gravi….quindi la mia unica arma concreta, il voto, puo’ vertere solo sul M5S, ma solo se avro’ chiaro che qualcosa di quello che tu e Barnard trattate sia penetrato nelle loro intenzioni.

    Ciao, continua cosi’.

    Michele

  • e aggiungerei  che lo stato incassa persino  l’iva dalle spese documentate dalle fatture dei ristoranti, dei concessionari d’auto ecc.. altra cosa e’ la corruzione in mazzette stile prima repubblica, dove lo stato ci perde due volte se poi i soldi vengono portati all’estero. concordo in pieno con l’articolo ricordando anche i paradisi fiscali e la legge vergogna sui capitali tassati al 5%…

     

    se questa non e’ una bancocrazia, cos’e’?

  • Il sistema economico sociale italiano deve essere riformato alla radice

    Le disuguaglianze sono arrivate a livelli che la maggior parte della popolazione nenache resce ad immaginare.

    Quando vedo pesionati a 500 euro al mese e li paragono a persone che spendono migliaia di euro per una cena al ristorante penso sia necessario dire basta occorre accertare e punire in tempi brevissimi

    Quando penso che quei 500 euro sono frutto di un accumulo di contributi mentre le pensioni d’oro della attuale classa deirigente sono il frutto di un furto legalizzate pensp che bisogna dire adesso facciamo una legge che ridia ad ognuno quello che gli spetti in base ai contributi versati eliminando tutti i privilegi immorali e illegittimi

    Quando penso che un operaio italiano debba essere messo in concorrenza con un operaio serbo o rumeno penso che che non impedisce questo sia un affarista senza scrupoli che si avvantaggi della connivenza dei politici che glielo consentono. E glielo consentono perchè ne traggono vantaggio

  • Bene, vogliamo chiedere al Sig. Paragone se, nella prossima puntata de “L’ ultima parola” può mandare in onda il filmato censurato per anni da tutti i media?

    Così che tutti possano sapere che anche il Presidente degli Italiani ha fatto “la cresta” sui rimborsi….. e chissà in quanti e quali altri modi…(oltre a quello del filmato che vi allego)

    http://www.youtube.com/watch?v=QvSQAQ0XWAg

    • Credo ti stia sfuggendo forttemente l’ordine delle grandezze.

      Il malcostume o lo sperpero dei politici sono la pagliuzza (come dice Paragone nel suo articolo) la trave è un’ altra.

      Stiamo parlando di cifre tali, che se mettessimo insieme tutti questi cosiddetti sprechi, non raggiungeremmo l’1% delle cifre che hanno in mano i finanzieri che stanno spolpando il paese.

  • Il club non ha in mano “solo” i media mainstream ma anche il mondo dell’istruzione universitaria che “conta”. I pargoli del club vengono sottoposti (a loro insaputa?) al lavaggio del cervello prima di essere introdotti in ruoli chiave quali la finanza, la politica, il giornalismo e la chiesa cattolica romana.

    La rete degli Illuminati affamapopoli si allarga sempre di più e per riconoscerli basterebbe conoscere i simboli, di stampo massonico, che utilizzano.

    Perchè politici, magistrati e preti si vestono di nero, mentre svolgono il loro ufficio.

    Perchè le polizie inglesi, americane, australiane, spagnole ed altre hanno sui loro cappelli una fascia a scacchi bianchi e neri.

    Perchè i politici, quando parlano, uniscono le mani a mo’ di piramide…ci sarebbero decine di altri esempi.

    Per evitarli impariamo a ricinoscerli!

  • dopo la trasmissione del 29 di “l’ultima parola” ho pensato: Pargone sta cominciando a capire. l’apoteosi sarebbe se volesse mandare le telecamere a Rimini o a Cagliari per il summit dell MMT e poi, non come fece Santoro, trasmetterne, anche solo degli spezzoni, su rai 2. non importa se a delle ore imposibili.

    dai Gianluigi……..

    p.s. magari lo avevi già pensato.

    Raffaele

  • E’ con non poca soddisfazione che torno a constatare quanto in Italia, nonostante il virus del servilismo abbia contagiato la quasi totalità dei giornalisti e di chi si occupa di “informazione” in genere, ci sia ancora qualcuno con gli “anticorpi co’ i controcojoni” (cit. da Troppo forte), disponibile a mettere la propria faccia al servizio della libertà d’Informazione.
    Sono certo che Lei, Sig. Paragone, vorrebbe (e potrebbe) calzare la mano con più decisione, ma capisco la Sua posizione, e quanto sia prezioso quello strumento che si chiama “Ultimaparola”, stranamente (sopratutto dopo la terza puntata) ancora nel palinsesto di una tv di stato. Certo, mi piacerebbe sentire parlare ancor più di una nuova politica monetaria, di “come” uscire dall’euro, di signoraggio e di sovranità. Probabilmente la pazienza porterà i frutti sperati.
    La “goccia che spacca la roccia” pian piano diventerà un fiume in piena, in tv, o da qualche altra parte.
    GRAZIE Gianluigi, GRAZIE Claudio, GRAZIE Paolo Barnard.

     

  • Grande Claudio!

    Che gioia leggere questo posto di Gianluigi Paragone.

    Cavolo, un giornalista RAI che si unisce a noi!!

     

  • Ho una paura trmenda ed è quella che Rigor Mortis possa diventare presidente della repubblica. Le tempistiche sono giuste. nessuno o quasi vuole appoggiare un monti bis e in compenso tutti sarebbero pronti a votarlo come èresidente della repubblica il che ci trasofmerebbe veramente in un commisariati europeo per di più metterebbe il veto pro europa su tutti i decreti legge e le manovre che verranno fatte in futuro.Dopo Monti metteranno Draghi e tutto sembra veramente inesorabile andare nella direzione di questo scellerato ordine mondiale. Penso che se i cittadini non si accorgono del pericolo democratico verso cui ci stiamo dirigendo, molto presto sarà troppo tardi e tutto sarà gia compiuto secondo i loro progetti e noi saremo schiavi.E necessario che ogni persona faccia la sua parte divulgando tutte queste notizie, si deve creare una rete di informazione tra la gente che porti finalmente alla ribellione verso questo sistema fallimentare sia con le buone che con le cattive maniere. Non è più tempo di avere paure. E’ tempo di agire.

  • Grande Gianluigi!

    Parole sante. E’ sempre un piacere trovare conferma delle proprie idee ed opinioni provenienti da persone competenti ed intelligenti. Ma soprattutto, dal pensiero libero e senza padroni!!

  • Forse una puntata che provi a prevedere i prossimi 5/10/15 anni in Italia e in Europa/mondo con al potere queste persone potrebbe essere un metodo efficace per far capire alla gente a cosa stiamo andando incontro.

    Le basi per prevedere questo futuro ci sono, le persone che girano in questi clubs sono sempre le stesse, dare un input anche internazionale al programma potrebbe veramente svegliare gli animi addormentati.

    Sarebbe importante spiegare alla gente anche il motivo fondamentale dietro a questa spinta verso il taglio dei comuni, regioni e provincie oltre a far capire una volta per tutte cosa significa aver perso o quasi la sovranità. Una puntata che spieghi il  nuovo ordine mondiale magari partendo dal famoso discorso di George Bush Senior del 11 Settembre del 1991 potrebbe veramente dare una scossa al popolo perchè se come sembra il prossimo governo continuerà sulla stessa lunghezza d’onda dell’attuale, non avremo più tempo per poter tornare indietro.

    La distruzione dell’italia viene si dall’alto ma anche è principalmente dal di fuori dei nostri confini e se si vuole capire a cosa stiamo andando incontro tocca solo concentrarsi non solo su cosa vota il parlamento europeo e su cosa sia la commissione europea ma direi che parlare di cosa stanno programmando alle nazioni unite sia semplicemente la priorità, tutto viene deciso in quel palazzo anche i nostri destini.

     

     

  • Lopa58 ha scritto :
    Bene, vogliamo chiedere al Sig. Paragone se, nella prossima puntata de “L’ ultima parola” può mandare in onda il filmato censurato per anni da tutti i media? Così che tutti possano sapere che anche il Presidente degli Italiani ha fatto “la cresta” sui rimborsi….. e chissà in quanti e quali altri modi…(oltre a quello del filmato che vi allego) http://www.youtube.com/watch?v=QvSQAQ0XWAg

    sottoscrivo

  • james62 ha scritto :
    Il tringolo Messora-Barnard-Grillo? Non credo possa mai chiudersi. Barnard non risparmia bordate “pesantissime” nei confronti di Grillo e non nutre molte simpatie neanche per Messora (ma ha simpatia per qualcuno Barnard?! ultimamente ha “licenziato” anche alcuni dei suoi tanto osannati beniamini della MMT), la cui vicinanza a Grillo, invece, e’ evidente. Ora scopro che Gianluigi Paragone si dichiara amico di Barnard e scrive sul blog di Messora, che e’ amico di Grillo … non ci sto capendo piu’ niente.

    Hai ragione, però Barnard ha recentemente cercato riscontri nel M5S tramite Twitter (almeno per quello che ho visto io)…quello che deve prendere posizioni su argomenti caldi così è Grillo, è lui che chiede voti (anche se lui stesso direbbe che non chiede di votare lui)

    Aspettiamo e vediamo, magari proviamo a stimolare

    ciao

  • L’Italia ha sempre avuto il problema della corruzione e la prova più “simpatica” è il film del 1963, diretto da Sergio Corbucci interpretato da Totò, Gli Onorevoli.

    Ma ora il livello è di gran lunga salito, non nel senso che sia aumentata la corruzione, ma alla corruzione si è aggiunto il golpe realizzato con gli strumenti finanziari. La cosa più grave è che il golpe è stato realizzato con la complicità o l’ottusità o entrambe, dei nostri politici che ora oltre all’aggettivo ladri dovrebbero essere chiamati pure criminali.

    E’ stato sovvertito l’ordine naturale delle cose, le decisioni dei Governi sono imposte dalla finanza, ma com’è riuscito il golpe? Credo che la leva più grande sia stato il liberismo, quello che ha portato a sciogliere i cani, ovvero ad eliminare alcuni lacci fondamentali per il mantenimento della democrazia, dando spazio a chi muovendo capitali è in grado di decidere il destino di intere nazioni.

    Se in Italia succedesse un miracolo elettorale, l’azzeramento dei partiti attualmente in carica, sono certo che i poteri forti non starebbero a guardare.

     

     


  • Resto impressionato dalla forza e dalla determinazione con qui la finanza internazionale stà riuscendo a modificare le cose in modo da aver spianato il percorso verso i propri obbiettivi di conquista del consenso popolare.

    Stanno spazzando via tutto quello che si frapponeva tra loro e la difesa della democrazia, tutti i TG sembrano innamorati dalle manovre di questo governo, non posso stupirmi se gli italiani non scendono in piazza a manifestare per i loro diritti, con un potere di fuoco mediatico di questo genere, trasversale, peggio del regime Berlusconiano, con la complicità esplicita del capo della stato senza nessun tipo di opposizione seria.

    Pensare che dopo 10 mesi di “cura Monti” il consumo dei beni durevoli nel nostro paese in un anno è sceso del 11%!! la disoccupazione è al 12%!! e il PIL è crollato del quasi 3% con previsioni di crescita da parte di confindustia nulle o addirittura in perdita fino almeno il 2015!!

    Nel mondo ci sono 1210 persone che possiedono un patrimonio personale di almento 1 miliardo di dollari, 1200 persone controllano un patrimonio di 4.000 miliardi di euro in totale, quindi in 1200 posseggono una ricchezza  maggiore di 4 miliardi di persone nel mondo!!

    Questo fenomeno che io chiamo “CONCENTRAZIONE” è il vero cancro del mondo, fintantoche non si tornerà a politiche di RIDISTRIBUZIONE dei redditi non ci sarà una reale crescita e sviluppo, specie ora che sembra che l’unica cosa che conti sia tagliare.

    A Paragone auguro buon lavoro fintantochè ne avrà la possibilità, unica arma contro la distruzione della sovranità popolare è la vera informazione, non c’è cosa che faccia paura ai massmedia che la gente preparata e informata in cultura economica, finanziaria e politica, nella speranza che durante la trasmissione (in questo blog l’ho già scritto) si voglia valorizzare il reciproco dialogo nel reciproco rispetto, chiudendo i microfoni a chi abusa del buon gusto e utilizza lo spazio messogli a disposizione per scatenare scontri o linciaggi ai telespettatori non frega niente chi urla di più o chi c’e l’ha  più lungo!

    Per informare la gente serve calma e pazienza ma anche conoscenza e serietà e se riusciremo a creare una classe di Italiani preparati, forse potremo sperare in un futuro migliore nella speranza un giorno di arrivare a cancellare la politica di tipo “Rappresentativo” ed arrivare a un sitema politico di tipo diretto, dove i cittadini decidono a maggioranza direttamente dal loro Computer nel sito del Parlamento. 

    Ma questo non ditelo a Monti e Napolitano…………….

    Mi fa specie e orrore i fischi ad Adriano Celentano che ieri provava a introdurre all’interno della sua trasmissione musicale, degli elementi, molto elementari  ma basici di economia e finanza, criticato come se questo tipo di informazione non possa interessare ai cittadini che avrebbero tutto da guadagnare), del resto anche l’ultima parola la mandano in onda solo dopo 2 ore di Kazzenger! 

     e questo la dice tutta sul grado di interesse che si vuole dare a quelle trasmissioni che parlano e informano sulla cultura economica e finanziaria.

     

     

    • Concordo in pieno con quel che dici e penso che l’ unico partito che in questo momento abbia le caratteristiche necessarie a far sì che tutto il popolo decida del suo futuro sia il M5S. Temo però che non solo la disinformazione o la campagna denigratoria che si fa contro Grillo saranno motivo di una vittoria incompleta, visto che tutti i partiti mi sembra stiano già facendo campagna elettorale tranne loro, questa almeno è la mia visione delle cose!! Sicuramente maggiore presenza sui video potrà fare meglio conoscere la SERIETA’ del movimento, soprattutto la presenza di Grillo che, anche se solo un tramite, è l’unico che penso possa reggere un confronto diretto senza cadere in fallo. Per quanto riguarda Celentano, anche io in un primo momento sono rimasto colpito dai fischi ma poi ho capito che l’argomento trattato, penso intendesse la devoluzione, era da me apprezzato perchè capito e compreso ma da chi non vuole sapere e capire era solo una noiosa perdita di tempo sottratto ad uno spettacolo musicale in cui invece mi aspettavo proprio di sentire parlare di questi ed altri argomenti. Chissà il povero Adriano cosa avrà pensato!!!! 

  • Completamente d’accordo con lei, Paragone! Finalmente qualcuno che parla di queste cose.. Ormai siamo alla DITTATURA, nel 45 per lo meno la gente si unì x sconfiggere il nemico.. Oggi tutti zitti a pagare l’imu di Monti, mentre le sue amiche banche non lo fanno!

  • E’ gente che produce carte false per tenersi il culo attaco alla poltrona, dei veri parassiti, che l’unica attività che svolgono e conoscono è  quella della sanguisuga.

    Sono capacissimi soltanto a rubare, e ciechi e sordi ad ascoltare e vedere le necessità della nazione.

    Dobbiamo attuare un cambiamento radicale di tutta la classe politica, è una missione impossibile contro questi mostri accentratori di ogni potere.

  • Come molti altri mi sono perso in passato la possibilità di seguire Paragone, in parte perchè confinato in un orario sfortunato, in parte perchè l’eccesso di offerta televisiva lo svantaggiava.

    Da quando invece ho avuto modo di comprendere la sua preparazione e approccio alla conduzione del programma, mi sono ritrovato a parlare con molti altri che lo seguono con interesse, sarà che gli spazi occupati dal resto dell’offerta si sono dimostrati essere strilloni con uno stuolo di invitati autoreferenziati?

    Per Natale ho 2 desideri:  Paragone in prima serata e Bagnai co-conduttore.

    Chiedo troppo? Sognare è ancora legale, e pare che Monti non abbia pensato di tassarlo!

  • semplice la pagliuzza o la trave ?
    oltre 100.000.000.000. di Euro anno di interessi “spariscono” nei conti della Banche che Italiani con il debito pubblico pagano = bufale il debito non esite e Befera Agenzia delle Entrate a dato l’elenco dei C/C di tutta Italia – Privati e Aziende a Facebbok – (vedi sito Agenzia Entrate ) non c’é nulla da dire = solo suicidrsi che altro – ora gli Americani sanno tutto di noi e possono si aggrdire l’economia rimasta GRAZIE Befera oltre a pagrti bene, Grazie

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi