Siamo noi che li salviamo, altro che balle.

Dal 2000 al 2011 l’Italia ha contribuito ai bilanci UE con 145,11 miliardi di euro. Di contro, ha beneficiato di fondi UE per 120,29 miliardi. Abbiamo regalato a questa Europa ben 25 miliardi di euro: 50mila miliardi di lire.
 
Si potrebbero aggiungere molte altre somme, una su tutte la recentissima contribuzione di 15 miliardi a titolo di anticipo per i 125 miliardi che dobbiamo al fondo salva-stati: sono confluiti in un fondo che ha investito in titoli di paesi a tripla A: Germania, Danimarca, Svezia, Gran Bretagna, Lussemburgo, Finlandia e Olanda. Stiamo finanziando i paesi puzzoni che guardano all’Italia come a uno stabilimento balneare gestito da accattoni.
Altro che salvarci: li stiamo salvando noi. Una tassa infinita che paghiamo per avere la tesserina del club esclusivo della Mitteleuropa, che esibiamo tronfi mentre ci lasciano fuori dalla porta a parcheggiare le loro Bmw. Siamo come quei pronvinciali che si indebitano per fare le vacanze nei luoghi più costosi e credono di essere vip perché passano le serate al Casinò, mentre i croupier e i clienti snob si divertono a guardarli perdere anche le mutande.
Non saremo mai come loro. Quando abbiamo cercato di fare la voce grossa nei salotti dell’Europa che conta, storicamente le abbiamo sempre prese, che oggi si traduce in un’emorragia continua di ricchezza, di decime che paghiamo, e per di più nel totale disprezzo.
Dobbiamo metterci in testa di ricominciare a sfruttare le nostre grandi doti: la genialità, l’imprevedibilità, la capacità di dare il meglio proprio quando sperimentiamo il peggio. Siamo come una sportiva da 700 cavalli tenuta ai box da un pilota che continua a rombare in folle, perché alla gara preferisce l’inciucio con le altre scuderie. Coraggio, signori, di cosa abbiamo paura? Ingraniamo quella maledetta marcia.
 

43 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • cominciamo mandando a casa questa classe dirigente, sarà il vero segnale per cominciare ad aprire gli occhi sull’europa andandoci  a riprendere, con  voce grossa gran parte della sovranità poipolare svenduta in questi anni.

     

  • Io aggiungerei che oltre al costo materiale in euro, ci sono le continue richieste di migliorare produttività, flessibilità, il che tradotto in termini pratici significa perdita di diritti per i lavoratori.

    Quest’Europa ci costa cara e i nostri politici sono i meno adatti a migliorare la nostra qualità di vita il BIL BENESSERE INTERNO LORDO, a loro interessano i mercati, lo spread, il pil, mandiamoli a zappare.

  • Complimenti Claudio per ques’altra analisi sempre precisa e mai come ora puntuale.

    Le chiacchiere però stanno a zero.

    Siamo tutti consapevoli degli impensabili, per la loro enormità, interessi che stanno dietro a questo colossale baraccone che è l’Eurozona.

    Vediamo tutti con i nostri occhi i patetici e demagogici tentavivi di difendere l’indifendibile, soprattutto da parte delle più alte cariche dello Stato con espliciti e minacciosi riferimenti, ma anche da parte di tutti quei servi di secondo livello del potere politico che, pur di mantenere i piedi al caldo, denuncerebbero la propria madre.

    Ho ancora fissato nella mente lo sguardo invasato di Tabacci, quando ospite a “l’Ultima Parola” starnazzava con le gote infiammate dal livore, anatemi a go go verso gli ospiti “eretici” che stavano cercando di smontare il dogma innominabile.

    Con queste drammatiche consapevolezze, mi chiedo e vi chiedo, che fare politicamente per cercare di salvarci?

    Qual’è la migliore strategia politica da perseguire (quella economica lasciamola per il momento ai vari Bagnai, Borghi, Galloni ecc.)?

     

  • Potremo ingranare davvero la marcia solo costituendo l’alleanza degli Stati Uniti del Sud del Mondo, inizialmente composta almeno da Sud America, Sud Europa e Africa; con una Banca Centrale etica, una relativa moneta unica e soprattutto con un’indiscussa produttivatà sinergica che si svilupperebbe tra le materie prime presenti nel Sud del Sud e le capacità manifatturiere del Nord del Sud.

    • Anche parecchi Stati del Sud America, fino a quando non si sono liberati dal cappio del FMI, erano paesi giudicati instabili, pieni zeppi di colonnelli e dittatori che duravano giusto una stagione solo per essere sostituiti da loro simili in quella successiva.

      Ad oggi, è vero,  è un’utopia ma a medio-lungo termine potrebbe trasformarsi in realtà.


  • Cazzo Claudio…

    ci vuole gente che porti avanti le idee come tu le esponi…

     

    Dovresti cominciare a prendere il considerazione (SERIAMENTE), DI PROPORTI COME CANDIDATO POLITICO…

     

     

  • lumacose ha scritto :
    cominciamo mandando a casa questa classe dirigente

    Le elezioni sono alle porte ormai,la situazione di certo non migliorerà.Vedremo come gli Italiani decideranno di risolvere la situazione.Se,dicono,le elezioni Siciliane danno una certa anticipazione di ciò che succederà a livello nazionale quel 53% di astensionismo secondo me non è un gran bel segnale

  • Abbiamo solo questa possibilità,tra pochi mesi.

    Le prossime elezioni tra 5 anni

    allora sarà troppo tardi !!!!

     

    GRILLO,DILLO: “FUORI DALL’EURO”

    CAZZO MUOVITI !!!!

    • uff… sono dati acclarati, non conti astrusi che arrivano dai servizi segreti. Le fonti sei obbligato a citarle quando mostri cose che altrimenti non sono verificabili. Ma queste sono cose che chiunque può smentire, se non scrivi il vero. Comunque, puoi trovare i dati singoli sul Corriere della Sera di oggi, e fare le somme tu stesso. Oppure scaricati tutte le tabelle dal Ministero dell’Economia e poi accendi la calcolatrice.

  • Io già mi immagino Claudio in un talk show dover fare i conti con chi risponde: “I fondi europei siamo noi che non siamo abbastanza svegli da chiederli e li perdiamo, bla, bla…”

    Il che presuppone una riflessione: “Si tratta di essere più scaltri a mettere le mani sul ‘piatto’? Si tratta di fare domande e passare attraverso buracrazia intricata e contorta per richiedere soldi nostri?”

    Qui c’è qualcosa che non va. E chi dice il contrario è chiaramente un ingenuo disinformato o un ipocrtita in mala fede.

  • Senza contare che, se anche il bilancio fosse ZERO, cioè se avessimo dato quanto abbiamo ricevuto, sarebbe come regalare il nostro stipendio a uno che sta a Bruxelles per poi farci dire come dobbiamo spenderlo.

    Cose da pazzi. Meno male che c’è byoblu

  • Non importa quale valuta usiamo, la propensione al risparmio, la prudenza, il “non si sa mai” sono una nostra prerogativa. I barbari Nord Europei, abbracciando luteranesimo e calvinismo, immaginano di poter sovvertire mentalità radicate nei secoli per dimostrare il loro destino benevolo. Nel Mediterraneo abbiamo il clima e la storia, non potranno mai sottometterci, se spegnamo i pc l’economia e i mercati non esistono, i derivati spariscono, tutta fuffa per riempire bocca e tasche di abili oratori e manipolatori. Resta il fare, di cui in Italia è pieno di maestri, gli altri possono solo guardare.

    • Sono un “fan” di Bagnai e Borghi, volevo porre l’accento sulla mentalità, avulsa dal conio, ma non dalla moneta, legata alla zona climatica e alla religione. Col tempaccio che hanno al nord come si fa a pensare ad altro se non a invidiare chi vive al temperato? 

  • Questa primavera il voto deve essere a senso unico.

    Forza M5S forza BeppeGrillo.

    Non possiamo perdere questa occasione,mandiamo a casa questa banda

    di incapaci,corrotti,attaccati alle poltrone.

    Meglio morire in uno stato sovrano, che schiavi di questa europa.

    Sono veramente stufo di vedere questa polizzia che bastona i nostri

    ragazzi,gli operai,ec…..

    Propongo di acquistare scudi,caschi e manganelli , da fornire ai cittadini,durante le manifestazioni di protesta,cosi da rendere un pò di manganellate, con gli interessi.

    A mali estremi estremi rimedi.

     

  • Proseguendo con l’argomento del mio post precedente, provo timidamente ad analizzare un auspicio.

    A tutt’oggi, l’unico movimento/partito di una certa struttura che ha preso le distanze dalle politiche del Governo Monti è il M5S.

    E  questo è un fatto acclarato.

    Non ha ancora lanciato l’anatema proibito, ma secondo me è solo una tattica prudenziale per evitare pesantissimi attacchi diretti, quando il ferro sarà ben caldo (è questione di due/tre mesi) vedrete che ci sarà il tanto atteso outing.

    Nel frattempo, il popolo di sinistra capirà che tutte le promesse dei loro paladini dovranno essere considerate alla stregua di aria fritta.

    Qualsiasi governo pro-europeista che dovesse andare al potere, qualora non obbedisse ai pizzini della BCE, farebbe la fine di un noto tifoso milanista.

    Siccome Monti, non lascerà la tovaglia apparecchiata, se si dovessero usare le teorie neo-liberiste per ripristinare la nostra ancora più squinternata economica, dopo un anno di cura bocconiana, è facile presagire un’immediata caduta di ogni governo che volesse proseguire su questa linea.

    Se riesce a passare tale messaggio, è auspicabile pensare che il M5S potrà attingere sia ai voti di molti elettori del csx, sia saoprattutto, al grande bacino degli indecisi o possibili astenuti.

    A quel punto con un governo eletto democraticamente dal popolo, ogni azione di destabilizzazione esterna, in stile ellenica, dovrà essere valutata per quello che è: un’intollerabile ingerenza.

    • Framelio se ci 6 prova a spiegarmi il grafico che citi…..sono di coccio e non capisco ad es. se Germania e Polonia sono agli antipodi o sullo stesso piano e poi le cifre se sono quelle ricevute o il rapporto tra quello versato/ricevuto…Grazie

  • Scusa Claudio puoi chiarire cosa intendi per soldi dati e presi?

    A che titolo? Si tratta di prestiti con iteresse?

    O meramente di soldi

    – dati a fondo perduto (cioe’ le contribuzioni all’EU in base al PIL) 

    – presi a fondo perduto (come contribuzioni allo sviluppo, agricoltura e sussidi vari) 

    ???

    Grazie
    Sergio

     

  • Scusa Claudio puoi chiarire cosa intendi per soldi dati e presi?

    A che titolo? Si tratta di prestiti con iteresse?

    O meramente di soldi

    – dati a fondo perduto (cioe’ le contribuzioni all’EU in base al PIL) 

    – presi a fondo perduto (come contribuzioni allo sviluppo, agricoltura e sussidi vari) 

    ???

    Grazie
    Sergio

     

  • Scusa Claudio puoi chiarire cosa intendi per soldi dati e presi?

    A che titolo? Si tratta di prestiti con iteresse?

    O meramente di soldi

    – dati a fondo perduto (cioe’ le contribuzioni all’EU in base al PIL) 

    – presi a fondo perduto (come contribuzioni allo sviluppo, agricoltura e sussidi vari) 

    ???

    Grazie
    Sergio

     

  • Vorrei commentare che con i 4 milioni di possibili firmatari referendum si prendono altri 16 miliardi di vecchie lire rigorosamente in nero esenti tasse poi tocca agli altri nessuno dice niente

    • Grazie per l’aggiornamento!

      Prendi tutto il tempo di cui hai bisogno!

      I risultati del sondaggio hanno per me una grande importanza e rimango in trepida attesa.

      Ciao!

  • Io ci sto. Ma siamo disposti a lottare veramente? O ci ritroveremo come al solito in 4 coglioni che alla fine le prendono di brutto? Ci sarebbero diverse cose da fare: prima di tutto smascherare il colpo di stato che ha consentito a Monti di andare al governo e per far questo bisogna trovare un giudice che sia disposto a mettersi contro il potere. Dopodiché, chiedere le dimissioni di Monti e l’uscita immediata dalla EU, dall’Euro, possibilmente dalla Nato, la rinuncia ai vari trattati… Siamo in grado di far questo come popolo? Io credo di no, dobbiamo sperare che si sveglino Spagna, Grecia e forse la Francia.

  • Grazie per aver citato in televisione alcuni esempi da “other 50 examples of EU waste”, è ora di fare una bella campagna su tutto questo schifo!

  • Questa è una notizia che fa riflettere. Vorrei consigliarti di citare sempre le fonti di informazione per essere preso sul serio da tutti…chi non ti conosce come il sottoscritto potrebbe pensare che non sono dati autentici. continua così, grazie  

    F

  • Questa è una notizia che fa riflettere. Vorrei consigliarti di citare sempre le fonti di informazione per essere preso sul serio da tutti…chi non ti conosce come il sottoscritto potrebbe pensare che non sono dati autentici. continua così, grazie  

    F

  • Questa è una notizia che fa riflettere. Vorrei consigliarti di citare sempre le fonti di informazione per essere preso sul serio da tutti…chi non ti conosce come il sottoscritto potrebbe pensare che non sono dati autentici. continua così, grazie  

    F

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi