Esclusivo: Monti è pronto al passaggio alle nuove lire. Eccole!

Mlile lire Paolo Barnard

le nuove 1.000 lire

Duemila lire Gianluigi Paragone

le nuove 2.000 lire

 

Cinquemila lire byoblu

le nuove 5.000 lire

 

Diecimila lire Alberto Bagnai

le nuove 10.000 lire

 

Cinquantamila lire Claudio Borghi

le nuove 50.000 lire

 

Centomila lire Lidia Undiemi

le nuove 100.000 lire

 

Centomila lire Paolo Becchi

le nuove 100.000 lire – versione 2 – special edition

 

Cinquecentomila lire Claudio Messora

le nuove 500.000 lire

 

Cinquecentomila lire Gianluigi Paragone

le nuove 500.000 lire – versione 2 – special edition

p.s. la Banca d’Italia sarà ovviamente pubblica
p.s.2 le banconote sono state stampate nella zecca del blog (byoblu.com), tranne quella dalle 2.000 alle 100.000 (versione con Lidia Undiemi), che sono state realizzate da @silviocossu
 

53 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Si ma REPUBBLICA ITALIANA e non BANK ITALIA! E’ importante!!!!

    Che nostalgia avevo 16 anni, con 10.000 Lire in tasca mi sentivo un re!!!

  • “siamo i ribelli della montagna, viviam di stenti e di patimenti, ma quella fede che ci accompagna, sarà la legge dell’avvenir…”

  • segnalo un post (http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&t=54312) in cui si parla di nuove misure della commissione europea. il documento di cui si parla nel post sarebbe da tradurre per capire bene quali sono le intenzioni. segnalo anche un Piano della commissione europea per la “piena integrazione economica, monetaria, di bilancio, monetaria e politica” (http://ec.europa.eu/news/economy/121129_it.htm). da approfondire bene e divulgare le intenzioni contenute.

  • qui http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&t=54403 un utente scrive questo “Buone Notizie: respinta una proposta di legge che mirava a fare reato una critica specifica alla BCE o alla Commissione Europea. 
    E’ l’ennesima proposta di questo tipo. ” ma in rete non ho trovato nulla, almeno con parole chiave in italiano su google. se qualcuno sa qualcosa in merito sarebbe utile se divulgasse ciò.

  • Scusate, mi e’ venuto un dubbio che mi ha divertito: se avessi due banconote di diverso valore e dovessi scegliere fra due facce di diversi personaggi, uno evidentemente piu’ influente (tematicamente parlando) dell’altra, come potrei scegliere la banconota piu’ importante fra le due cosicche’ la possa assegnare al rispettivo personaggio?

    E’ vero una vale di piu’, d’altro canto pero’ l’altra con meno valore sara’ presente in molte piu’ tasche, e questo proporzionalmente al divario di valore… cosa scegliere: quindi l’importante sulle 1000 lire o sulle 500.000?

     

    🙂 ciao.

    • Grillo?????????Vedo che l’italiano medio e’ sempre piu’ informato!!! La moglie di Grillo compra casa a Malindi dove si osteggia il nuovo lusso internazionale e tu lodi Grillo da mettere insieme agli unici uomini e donne che dicono la verita’ sulle lobby che dovrebbero essere processate per crimini contro l’umanita’? Ascolta….non seguire Messora,segui Bersani-Grillo- Berlusconi-DiPietro!!!!!

       

  • Oltre alla scritta banca d’Italia sarebbe il caso di togliere anche la firma del governatore, mi sembra che stonino pò.

    Per il resto molto simpatiche e divertenti!

     

  • Non ricordavo nemmeno come fosse fatta la cinquecentomila lire.

    Di sicuro, per come è fatto il nostro paese, torneremmo a vedere i negozi inventare i prezzi.

  • Nella spesa pubblica 
    60 miliardi di ruberie

    Martedì, 4 dicembre 2012 – 10:29:00

    Sull’evasione fiscale più apparenza che sostanza: il governo fa la faccia feroce, ma poi non vara le leggi necessarie: è il j’accuse di Carlo Nocerino, uno dei sostituti procuratori presso la Procura della Repubblica di Milano, che ha seguito e segue numerose tra le inchieste societarie e finanziarie più spinose degli ultimi anni, quasi tutte “condite” da ricche evasioni fiscali collaterali.

    “Nel codice penale tributario italiano ci sono lacune gravi che non aiutano la lotta all’evasione. Per esempio, l’evasione totale è punita meno di quella parziale, inoltre non è punita dal codice l’elusione fraudolenta, nè l’autoriciclaggio, cioè tutte le attività illecite che gli evasori mettono in atto per occultare il denaro accumulato evadendo le tasse: dal portarlo all’estero a nasconderlo sotto il materasso, a spenderlo in attività presentabili”.
    Per Nocerino, inoltre, il confine tra l’evasione fiscale originata dall’occultamento dei proventi di attività lecite – insomma, il caso classico del professionista o del commerciante che non rilasciano lo scontrino o la fattura – e l’evasione che nasce invece da attività criminali è un confine sempre più sottile, a causa delle sempre più frequenti e pervasive intrusioni dell’economia delinquenziale in quella regolare. Su un punto, invece, Nocerino – che parlava durante il talk-show Roma InConTra-Ara Pacis, condotto da Enrico Cisnetto – ha introdotto una proposta di “ammorbidimento” della normativa in vigore, ed è sul trattamento giudiziario dei grandi episodi di conciliazione tra Fisco e contribuenti, quelle trattative che fanno notizia – chi non ricorda i casi di Pavarotti o di Valentino Rossi – ma che se poi arrivano alla transazione, non vengono per questo archiviati come procedimenti giudiziari, il che naturalmente “raffredda” gli evasori dall’idea di “conciliare”: “E’ chiaro che quelle transazioni sono compromessi”, ha detto Nocerino, “ma una volta che lo Stato decide di accettarli, dovrebbero almeno estinguere il contenzioso collaterale”…

    Ma c’è di più: in un Paese che ha rischiato di morire di troppo debiti ma, per salvarsi, sta adesso morendo di troppo fisco, ciò che clamorosamente continua a mancare è la soppressione degli sprechi della spesa pubblica, che alimentano un fiume di ruberie e inrrallazzi: è la tesi di Mario Baldassarri, presidente della Commissione Finanze del Senato: “L’ha sentenziato la Corte dei conti, ci sono 60 miliardi di sovracosti nella spesa pubblica, tra prezzi gonfiati negli acquisti di beni e servizi, fondi perduti e spese fuori controllo delle 7000 società ex-municipalizzate che nessuno governa. Su questo fiume di denaro prospera una casta burocratica che non dà al Paese alcuna produttività. In questo senso, la pomposa “spending review” del governo Monti si è risolta in un solenne flop”.
    “Di spending review sento parlare da trent’anni”, insiste Baldassarri, “ma anche stavolta sostanzialmente non è stato fatto niente di risolutivo”Ed è per questo che nonostante da vent’anni in Parlamento molti esponenti politici di molti partiti abbiamo denunciato tutto questo, come del resto ha appena nuovamente fatto la Corte dei conti, tutto resta come sempre. Io li chiamo gli scorpioni, che stanno in groppa alla fana, le gravano addosso, quella nuova e loro la uccidono, finendo con l’uccidere anche se stessi. In Italia c’è un milione di approfittatori, di scorpioni, e 56 milioni di rane. E’ l’ora della rivolta delle rane!”.

    articolo di “Affaritaliani”

    per la serie “Le colpe dell’Europa e dell’Euro”

    unviaggiatoreblog

  • Prima di stamparle bisogna correggere:

    1. sostituire “banca d’Italia” con “repubblica italiana” non basta dire che la banca sarà pubblica, la conoscete la storiella di come siamo venuti a sapere che la b.d’I. era controllata da privati? a quanto pare dobbiamo ringraziare il quotidiano Avvenire

    2. sostituire “pagabili a vista al portatore” con “biglietto di stato a corso legale”

    3. sulle 100mila con l’immagine della Undiemi eliminare quei tre personaggi che la importunano, sono geloso…

  • Vorrei chiedere a qualcuno competente:”Ma questa IMU è una tassa sulla proprietà o sul reddito delle proprietà? ” Perchè nel 1 caso vorrei sapere perchè la Ciesa e le Fondazioni bancarie non la pagano; nel 2 caso ,se io ho un immobile sfitto e quindi privo di reddito,perchè dovrei pagarladal momento che i no profit non la pagano?

    Mi sapete dire perchè  nessuno si chiede ” cosa sta succedendo in Italia con tutte queste manifestazioni di piazza? nemmeno Napolitano?

  • NAZIONALIZZAZIONE DELLA BANCA D’ITALIA.

    Facciamo sentire la nostra voce anche se solo con un gesto simbolico.

    La perdita’ di sovranita’ da parte del popolo Italiano e’ cio’ che alimenta il debito pubblico che nessuno riesce a fermare. Lo sapete che la Banca d’ Italia e’ un’ organizzazione privata che presta i soldi allo stato pretendendo garanzie e alti tassi d’ interesse? Ogni anno pagate fior di quattrini ad un gruppo di vecchi dirigenti sclerotici che speculano sulla vita dei vostri figli e nipoti! Allora vi prego di aiutarmi e aderite alla seguente iniziativa senza fini di lucro. Anzi i soldi della donazione li ho tirati fuori di tasca mia:

    Ho iniziato una petizione per la

    Nazionalizzazione della Banca d’ Italia.

    Aiutatemi perche’ l’ obiettivo e’ ambizioso. Raccogliere un milione di firme.

    Visitate il seguente sito:

    http://www.activism.com/it_IT/petizione/nazionalizzazione-della-banca-d-italia/40459

    Vi sarei riconoscente se giraste questo messaggio ai vostri amici e conoscenti.

  • Visto che siamo in tema di cazzeggio vi lancio la mia idea balzana.

    Mettiamo intorno ad un tavolo Bagnai, la Musu e Messora e gli facciamo studiare il progetto di una moneta a circolazione locale alternativa all’euro (fintanto che non ce lo togliamo dalle scatole), sull’idea del SIMEC del compianto Auriti.

    E poi…divertiamoci a vedere in quanti minuti arriva la “Eurogendfor” e li arresta tutti.

  • Se dobbiamo tornare alla lira ci vogliono solo le seguenti banconote a mio parere:

    5 lire = 5 Euro

    10 lire = 10 Euro

    20 lire = 20 Euro

    50 lire = 50 Euro

    Per di più il numero di banconote da 50 Lire dovrà essere molto basso rispetto alle 20 Lire onde evitare l’evasione (vedi Inghilterra).

    Bye

  • Ma Lidia Undiemi non auspica il ritorno alla sovranità monetaria, insiste “solo” sul MES, poco fa dichiarò che “era errato attribuire tutti i problemi alla moneta”, aggiungendo le solite menate sulla corruzione dei politici ladri di polli ecc ecc. Ha cambiato idea nel frattempo? Mi auguro di sì.

  • le mille lire con barnard fanno un po’ paura…pero’ grande idea!

    mancano le monete.

    sulle cinquecento lire al posto dell’uomo vitruviano di leonardo  mettiamo messora, certamente non nudo, vero? 🙂

  • barnard va bene se lasciamo banca dítalia, io metterei invecie repubblica italiana e sopra la foto di pertini, l’unico volto sul quale tutti gli italiani non possono che essere daccordo, credo.

  • http://www.vocidallastrada.com/2012/12/olanda-chi-vuole-lasci-luro.html

     

    OLANDA: « Chi vuole lasci l’€uro »

    Il governo olandese vuole consentire l’abbandono dell’euro ai paesi in crisi con le regole dell’unione monetaria ed economica. Una svolta annunciata da un’intervista del premier dei Paesi Bassi, Mark Rutte, a “Süddeutsche Zeitung” e “Financial Times”, la prima effettuata dal leader dei liberali dopo la formazione del nuovo governo. L’esecutivo olandese, scrive il blog di Gad Lerner, si è contraddistinto finora per essere uno dei più fedeli alleati di Angela Merkel nella difesa dell’austerity come politica economica per risolvere la crisi dei debiti sovrani. E nonostante il recente cambio di maggioranza – al posto del centrodestra ora i Paesi Bassi sono governati da un’alleanza tra liberali e sinistra riformista – questa posizione non cambierà, almeno secondo Rutte. I paesi dell’eurozona che sono in difficoltà con i programmi di austerità però potrebbero lasciare la moneta unica, se lo volessero.
    LibreIdee

  • torniamo alla lira, usciamo dall’unione europea tanto unione non c’è ogni nazione pensa per se e ultima cosa mandiamo a fare in cu..o tutti i politici,ladri.

  • Caro Claudio,

    ho letto solo ora una notizia postata tre giorni fa sul sito http://www.ecplanet, che se fosse vera, andrebbe a mio avviso pubblicizzata il più possibile.

    Nel post in questione un certo Eduardo Capuano afferma che una coppia di coniugi tedeschi e attivisti dei diritti umani ha denunciato penalmente la Merkel, Van Rompuy, Barroso, Schauble e la Lagarde per crimini contro l’umanità. Sembra che la coppia di attivisti abbia girato la Grecia e raccolto molte testimonianze dalla popolazione e anche da alcuni politici e giornalisti greci.

    La denuncia si estende anche alla troika e  a tutti coloro che hanno firmato il Mes ; anche nostri parlamentari sarebbero indagati.  Inoltre afferma che il notissimo professore di diritti umani Peter Michel Huber abbia assicurato alla coppia denunziante tutto l’appoggio delle organizzazioni mondiali per i diritti umani compresa la sua.                                                                                             Non ho la possibilità di verificare questa notizia al di là di quello che appare sulla rete. Sicuramente tu puoi avere altre risorse e canali informativi per riuscire a stabilire l’autenticità o meno di questi fatti per questo motivo te l’ho segnalata.

    Secondo la mia opinione, se fosse autentica meriterebbe il sostegno di tutti e andrebbe divulgata

     

  • oltre a condividere la modifica da “banca d’italia” in “repubblica italiana” toglierei 3 zeri trasformando almeno le 1000 in monete metalliche come del resto era già accaduto poco prima del passaggio alla moneta unica… Personalmente penso che sarà solo questione di tempo; l’unione monetaria salterà entro pochi anni.

  • approposito di immagini scherzose (ma non troppo)

    chi e’ l’uomo dietro al vitruviano di leonardo simbolo dell’euro?

    prodi? monti? draghi? mr goldman? la merkel?

    si doveva capire subito che l’euro sarebbe stata un’inc…ops una fregatura!

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi