Sgarbi dà del cretino a Grillo

Vittorio Sgarbi che caxxo e cinque stelle

A un convegno organizzato da Casapound, Vittorio Sgarbi insulta Grillo e il Movimento Cinque Stelle.
 
 

20 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Che ci vuoi fare, da quando ha incrociato la strada con Piero Ricca non si è più ripreso….nemmeno quando offende riesce più ad essere convincente.

  • Io mi chiedo solo come mai un personaggio del genere continua ad avere spazi televisivi e non solo a disposizione; come minimo dovrebbe cadere nel dimenticatoio, ma forse la colpa è anche nostra che continuiamo ad ascoltare le sue scemenze

  • vernetto ha scritto :
    un motivo in piu per votare Grillo

    Per lo meno sufficiente. 

    Come chiedere ai politici cosa succederebbe se uscissimo dall’euro.       UN DISASTRO!! UNA CATASTROFE!!

    Bene.Allora usciamo.

  • ce l’ha con grillo perché quest’ultimo, neli anni 70 o 80, pare “gliela calzasse” alla sorella del sù raffigurato belliCapelli… “veniva da milano a ferrara con il suo spider per vedersi con mia sorella ancora minorenne…” dice bellicapelli in un’intervista… più o meno, cito a memoria…

    insomma pare che grillo si bombasse, gliela calzasse, gliela inforchettasse, gliela spalmasse alla sorella minorenne di bellicapelli… pare… 

  • Grazie per aiutarmi nella mia indecisione.

    Ho le idee piu chiare ora.

    Se Sgarbi e’ contro Grillo, allora io sto CON Grillo!

     

    Sgarbi: 

    http://it.wikipedia.org/wiki/Vittorio_Sgarbi#Condanne_giudiziarie

    Notare come meta’ dei sui processi siano per diffamazione ed ingiurie oltre alla piu famosa delle suecondanne:

    • Condanna per assenteismo e produzione di documenti falsi

    Nel 1996, con sentenza definitiva della Pretura di Venezia, è stato condannato a 6 mesi e 10 giorni di reclusione per il reato di falso e truffa aggravata e continuata ai danni dello Stato, per produzione di documenti falsi (per la richiesta di aspettativa per motivi di salute) e assenteismo nel periodo 1989-1990, mentre era dipendente del Ministero dei Beni culturali, con la qualifica di funzionario ai Beni artistici e culturali del Veneto, e al tempo della sua partecipazione al Maurizio Costanzo Show. Condannato a pagare un indennizzo di 700 000 lire, il critico d’arte si giustificò affermando che la sua assenza dall’ufficio dipendeva dall’impegno per la redazione d’un catalogo d’arte, e parlando di “arbitrio, discrezionalità e follia” a proposito della sentenza

  • Molto difficile non cadere nella tentazione dell’insulto quando si ha a che fare con prepotenti del calibro di Sgarbi. Il signor Sgarbi non è un uomo di cultura ed arte, bensì un acculturato che ama esprimersi da esperto…ma la sua pochezza trova un amara conferma nel suo modo irrispettoso nei confronti di chiunque osi solo contraddirlo…figurarsi quando si tratta di qualcuno che non gli và a genio. 

     

    • Per favore!

       NON C’é bisogno alcuno neanche di parlarne!!! Ma davvero dobbiamo prendere in considerazione il blaterare di un essere simile? Si é ampiamente qualificato, procura solo noia con i suoi starnazzi e nessun essere pensante potrebbe considerarlo umanamente accettabile. Lasciamolo al suo triste destino…Si autoestinguerà da solo. Esistono anche gli insetti fastidiosi e li eliminiamo con il DDT, mica ci mettiamo a discutere…

  • Era la sera dell’8 settembre 1994. Ero uscito per fare due passi in centro a Padova. Passando davanti al Caffe’ Pedrocchi vidi che c’era Vittorio Sgarbi, invitato da AN (allora appena formatasi dal vecchio MSI) per l’imminente campagna elettorale. Entrai in mezzo alla folla per sentire cosa aveva da dire.

    Sgarbi stava parlando di un quadro. Improvvisamente comincio’ ad insultare Antonio Di Pietro (in quei giorni era morta la madre del PM). In me si risveglio’ la congenita allergia ai prepotenti e cafoni: non accettando che si insulti una persona assente, iniziai a contraddirlo sulle scemenze che vomitava.

    Sgarbi, come ben si sa, non sopporta di essere contraddetto, e comincio’ ad insultarmi. Mi ricordo che “se la prese con mia madre”. Gli risposi, con flemma, che, visto che non conosceva mia madre, probabilmente si riferiva all’esperienza sulla sua. Ormai era diventato un “botta e risposta” e l’iracondo Sgarbi non sapeva piu’ cosa dire. L’ambiente si riscaldava e uno dei vari scagnozzi di AN che presidiavano la sala mi si avvicino’ e mi afferro’ un braccio con fare minaccioso. Non aspettavo altro, ed ero pronto a prenderle. L’MSI aveva cambiato nome, ma i metodi rimanevano sempre gli stessi.

    Fui invece sollevato da 4 persone e portato di peso fuori della sala. I quattro in borghese si qualificarono della DIGOS e quando fummo fuori si scusarono, dandomi ragione, ma giustificarono di essere obbligati a portarmi fuori per prevenire una rissa tra il pubblico (dalla mia parte) e i picchiatori di AN.

    Ma intanto Sgarbi era ormai fuori dai gangheri e, sbattendo il microfono per terra, se n’era andato.

    Basta ribattere e Sgarbi perde le staffe.

    Mah! Ho notato che Sgarbi sta sempre ad aggiustarsi la cravatta! Che sia la catena del suo padrone che gli da’ fastidio al collo?

  • “Ezechiele 25,17.Il cammino dell’ uomo timorato è minacciato da ogni parte dall inequità degli esseri egoisti e dalla tirannia degli uomini malvagi. Benedetto sia colui che nel nome della carità e della buona volontà, conduce i deboli attraverso la valle delle tenebre, perchè egli è in verità il pastore di suo fratello e il ricercatore dei figli smarriti. E la mia giustizia calerà sopra di loro con grandissima vendetta e furiosissimo sdegno su coloro che si proveranno ad ammorbare e in fine a distruggere i miei fratelli e tu saprai che il mio nome è quello del Signore, quandrò farò calare la mia vendetta sopra di te.”

    “Rivolterò il mondo per trovarlo, e anche se andasse in Indocina uno dei nostri starà nascosto in una ciotola di riso pronto a sparargli nel culo.”

    E sia come dev’essere…Amen.


  • Povero Sgarbi, mi fa pena. Ormai è diventato quasi come Berlusconi. Non ha più visibilità e si attacca a inezie linguistiche senza senso. Se lo avesse il senso mi dovrebbe spiegare come mai nel ’94 è nato un partito politico denominato “Forza Italia” locuzione rubata agli stadi nelle speranza di ottenere il maggior consenso possibile. Lui è un critico d’arte ma dovrebbe cominciare a diventare critico di se stesso.

  • H_nYto ha scritto :
    Grazie per aiutarmi nella mia indecisione. Ho le idee piu chiare ora. Se Sgarbi e’ contro Grillo, allora io sto CON Grillo!

    Il motivo per il quale è stato scritto questo articolo evidentemente è proprio farti ragionare in questo modo.

     

    Non ho avuto tempo di vedere il video, ma ne vidi uno spezzone tempo fa, infatti è vecchio. Se non ricordo male qualcosa di giusto Sgarbi lo dice, ma ho dubbi sul fatto che qualcuno abbia solo ascoltato le sue parole.

    • Se devo essere sincero un po’ mi è salito da quando ho saputo che appoggia l’avvocato Marra alla lotta contro le banche, quindi non mi faccio pregiudizi, non serve a nulla ricordare sgarbi solo con la parola “Capra”.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi