L’Italia che sale – lo spot ufficiale

Ecco lo Spot elettorale di Monti, presentato oggi a Bergamo, all’inaugurazione della campagna elettorale di Scelta Civica. Viene presentato come il riassunto delle cose fatte, ma non si vede nulla, tranne strette di mano. Forse perché non c’è nulla da vedere? Però parte con la Grecia che crolla, con lo spread che si impenna, e termina con lo spread a 287. Ora è chiaro perché, nonostante tutti i parametri economici siano peggiorati in Italia dal 2011, e nonostante l’incertezza di una campagna elettorale alle porte, lo spread si mantiene basso: serve a fornire al professore una ragione d’essere, altrimenti non avrebbe più nessuna credibilità. Ecco l’ennesima manipolazione dei mercati ai danni della democrazia.

 

Questo è lo spot elettorale di Mario Monti, per Scelta Civica, appena presentato al convegno di Bergamo. Si apre con lo spread alle stelle, con il “Fate Presto”, con il disegno della Grecia che cade a pezzi, e si chiude con lo spread che tocca i 287 punti base.

 

Una circostanza fortunata quella per cui, nonostante tutti i dati siano peggiorati rispetto al novembre 2011, dall’occupazione al Pil, passando per il debito pubblico e senza contare l’incertezza politica, gli investitori manifestino un’inaspettata fiducia nel mercato italiano, al punto da mantenere il differenziale BTP-Bund a 287 punti base. E’ così possibile sostenere una campagna elettorale. Cosa sarebbe successo infatti se lo spread fosse salito, proprio quando anche Monti “saliva” in campo? La gente avrebbe pensato che votarlo sarebbe stato inutile, visto che la sua ascesa, voluta dal Colle, non aveva cambiato niente. Si preparano così le condizioni ideali per un Governo Monti-bis.

Il discorso inaugurale della campagna di Monti, oggi a BergamoMonti inaugura la campagna elettorale a Bergamo

A voi giudicare un video che, nelle intenzioni dei suoi creatori, dovrebbe elencare tutte le cose fatte dal Governo dei Banchieri. Per parte mia vedo molte strette di mano, ma nessun numero ad avvalorare il conseguimento di risultati concreti. Forse perchè non ce ne sono, e i numeri avrebbero fotografato un Paese in condizioni di devastazione sociale e produttiva.

L’unico parametro mostrato è anche l’unico su cui Monti ha facoltà di intervenire, lo spread. Ma è una variabile di ingegneria finanziaria sulla quale si è influito impoverendo ulteriormente il tessuto sociale (Mes e Fiscal Compact): non rappresenta nulla se non una nuova divinità irrazionale da placare con danze rituali e dalla cui ira funesta non ci si può difendere, se non inchinandosi al suo potere e offrendo in sacrificio tributi sociali.

Lo spread è stato il Cavallo di Troia per assumere il controllo del Paese, e ora quella stessa azione di strategia bellica viene esibita come un monumento edificato in memoria del Giorno della Liberazione. Ma la liberazione di chi, da chi, per chi? La liberazione dal peso sociale delle pensioni, dalle tutele dei lavoratori, dall’onere di fornire una sanità pubblica efficiente, dai diritti acquisiti dei cittadini. La liberazione dei grandi capitali dalla responsabilità di dover sostenere condizioni di vita dignitose per le fasce sociali più deboli, nonché garantirne l’anelito di eguaglianza ed equità.

E’ l’assassinio perfetto. Ma la giuria popolare potrebbe essere più sveglia di quanto non si pensi. Il morto potrebbe rialzarsi e raccontare tutto. L’Italia che sale potrebbe essere presto costretta a tenere i piedi per terra e ad occuparsi dei molti che il jet privato non se lo possono permettere.



Guarda con quanti uomini di scorta è arrivato Monti, ieri sera a Milano:

Quanti sono gli uomini della scorta di Monti

 

49 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    • Ciao,

      io un’idea ce l’avrei circa il motivo della musica di Avatar, se hai visto il film, c’è la lotta di un popolo pacifico e rispettoso della Natura, contro una “civiltà superiore” o supposta tale.

      Ci vedo benissimo trasfigurata la lotta della gente, delle persone normali, contro la “Corazzata” del Male (rappresentata da Monti & Soci). Che alla fine deve soccombere, davanti ad una così spaventosa mole di fuoco!….

      Non vorrei che Monti si identificasse troppo nel film!….

      W il Movimento 5 stelle!

  • Ma dove vuole andare uno che punta sulle banche anzichè sugli italiani? ha ragione grillo, se non capiamo che dobbiamo smettere di produrre e sprecare e riprodurre e risprecare, non andremo mai avanti… se non valorizziamo le rinnovabili ad esempio, se non riqualifichiamo le case le fabbriche, se non abbassiamo i nostri consumi energetici…  ha ragione a dire che la miglior soluzione contro il caro energia, è renderci indipendenti dall’energia! se noi abbiamo case che non consumano energia, o che il poco che consumano se lo producono col loro pannello fotovoltaico o solare, allora si che faremo il salto! questo è solo un’economista pagato dalle banche per mandarci col sedere per terra… nessuno sano di mente lo voterà… quardate questo documento e capirete ciò che dico:

     

    http://www.gpcostruzioni.com/cv/site/index.asp?v=v_interventiitems_detail&itm_id=ITM_20130104_184435_3761_1&T=MONO&L=IT&S=SIT_34_3004&I=20100203_131301_9268_1

    spero vi sarà utile.  

  • Ma dove vuole andare uno che punta sulle banche anzichè sugli italiani? ha ragione grillo, se non capiamo che dobbiamo smettere di produrre e sprecare e riprodurre e risprecare, non andremo mai avanti… se non valorizziamo le rinnovabili ad esempio, se non riqualifichiamo le case le fabbriche, se non abbassiamo i nostri consumi energetici…  ha ragione a dire che la miglior soluzione contro il caro energia, è renderci indipendenti dall’energia! se noi abbiamo case che non consumano energia, o che il poco che consumano se lo producono col loro pannello fotovoltaico o solare, allora si che faremo il salto! questo è solo un’economista pagato dalle banche per mandarci col sedere per terra… nessuno sano di mente lo voterà… quardate questo documento e capirete ciò che dico:

     

    http://www.gpcostruzioni.com/cv/site/index.asp?v=v_interventiitems_detail&itm_id=ITM_20130104_184435_3761_1&T=MONO&L=IT&S=SIT_34_3004&I=20100203_131301_9268_1

    spero vi sarà utile.  

  • Ma dove vuole andare uno che punta sulle banche anzichè sugli italiani? ha ragione grillo, se non capiamo che dobbiamo smettere di produrre e sprecare e riprodurre e risprecare, non andremo mai avanti… se non valorizziamo le rinnovabili ad esempio, se non riqualifichiamo le case le fabbriche, se non abbassiamo i nostri consumi energetici…  ha ragione a dire che la miglior soluzione contro il caro energia, è renderci indipendenti dall’energia! se noi abbiamo case che non consumano energia, o che il poco che consumano se lo producono col loro pannello fotovoltaico o solare, allora si che faremo il salto! questo è solo un’economista pagato dalle banche per mandarci col sedere per terra… nessuno sano di mente lo voterà… quardate questo documento e capirete ciò che dico:

     

    http://www.gpcostruzioni.com/cv/site/index.asp?v=v_interventiitems_detail&itm_id=ITM_20130104_184435_3761_1&T=MONO&L=IT&S=SIT_34_3004&I=20100203_131301_9268_1

    spero vi sarà utile.  

  • A me è salito solo il voltastomaco e la rabbia vedendo il video!Vorrei vedere in faccia uno per uno le persone che alla fine applaudono al video, mi vergogno di essere bergamasco e soprattutto italiano!

  • Che cagata di spot.

    Oltre a tutte le critiche che si possono fare a Monti e ai rodimenti che giustamente tutti abbiamo….

    Ma chi cazzo lo ha pensato? Sembra che stiano vendendo un software per i mercati con tutti i grafici dello spread……

    E poi basta vedere gli altri della congregazione che appoggia il professore dei miei stivali…fini casini ….eh si proprio una bella compagnia.

  • Questa musica è sprecata per questo BECCHINO .

    Che il sistema sia gestito da pochi kriminali, che alterano i dati, secondo la

    loro unica convenienza è evidente.

    Il problema è farlo capire ai più.

    • Alterano molto più di quanto credi,in nostro guaio è credere che esistano ancora regole,e ci rimuginiamo su pensando che ci sia qualcosa di logico,abbiamo perso sovranità un pò alla volta per soddisfare le richieste dei banckster e ne perderemo ancora,solo che non ce ne eravamo nemmeno accorti,nessuno ci informava,se ne guardano bene anche ora tranquilli

  • Che..schifo…l’unica cosa che fa salire questo spot è la voglia di massacrarli a bastonate..

    PS: la musica di avatar non è casuale.

  • mi sa che si è scavato la fossa da solo, vedremo presto controspot, con l’alternativa vera degli avvenimenti mese per mese

    io comunque ribadisco :

    se monti viene eletto ,si può tranquillamente gridare ai brogli elettorali!

  • Mai nessuna musica è stata più azzeccata di questa per il partito di Monti !!!!! " My name is Lincoln " è la colonna sonora del film " The Island " di Michael Bay ambientato in un futuro molto prossimo il film parla di persone che vivono rinchiuse in un grosso impianto alle quali viene fatto credere che il fortunato vincitore di un’estrazione periodica, avrebbe lasciato quel luogo chiuso per andare in una bellissima isola. La verità invece era che erano tenuti in vita solo perché dovevano servire a donare gli organi a uomini ricconi dei quali erano i clone. Quindi dopo l’estrazione lo sfortunato vincitore veniva portato in sala operatoria e gli veniva asportato l’organo che serviva per mantenere in vita il potente che poteva permettersi di pagare !!! Questo fin quando qualcuno capisce l’inganno !!………..

     

    @ zuul La musica è stata utilizzata anche come colonna sonora del trailer di Avatar

     

  • Se dovesse vincere e i fessi ci sono,per noi sarà l’inizio della guerra e confermerà che noi non siamo capaci di decidere,crediamo di essere noi che decidiamo quando decidiamo mentre invece è la tv che decide per noi,il mariotruffa lo sa bene,per questo nonostante il macello che ha combinato ha comunque avuto la faccia tosta di riproporsi,poi è spalleggiato dai banchieri che ormai controllano tutto,ci meritiamo il massacro in fin dei conti

  • Ho osservato bene lo spot.

    A mio parere questo è un messaggio per l’elite che ci comanda e non per il popolo.

    Vuole rassicurare i poteri forti far capire da che parte stà, lui è dalla parte di chi comanda non dalla nostra, noi siamo gli schiavi.

    Della gente comune non gli importa niente, questo è chiaro, lo scopo è mantenere il potere, “ognuno al proprio posto”.

  • …ogni stretta di mano equivale ad un accordo per la sottomissione del popolo europeo…

    …ogni stretta di mano equivale a migliaia di famiglie finite sull’astrico…

    …ogni stretta di mano equivale a migliaia di aziende costrette al fallimento o peggio nella morsa del racket bancario…

    …ogni stretta di mano equivale al colpo di cancellino sulla lavagna del futuro dei nostri figli…

    …ogni stretta di mano i battiti dei nostri cuori si riducono, ogni respiro equivale a un pugno nello stomaco e le nostre menti sono sempre più offuscate…

    …ma tanto più loro si stringono le mani, maggiormente in noi cresce la rabbia, quella rabbia che non viene dall’istinto portatrice di confusione e disordine, bensì quella rabbia che nasce dalla tristezza e dalla voglia di tornare a volersi bene; quella rabbia che ci permetterà di rialzare la testa suggerendoci un solo pensiero: ora tocca a noi. 

  •  

    LE 10 DOMANDE CHE NESSUNO OSA RIVOLGERE A MARIO MONTI

     

     

    1. Quali sono gli inspiegabili meccanismi che regolano lo spread, visto che a gennaio 2011, nel Governo Berlusconi, era ancora a 160, per toccare in pochi mesi il picco che abbiamo conosciuto, per poi ridiscendere dopo il suo governo poco sotto i 300, ma nonostante siano notevolmente peggiorati Debito Pubblico, PIL, il rapporto di quest’ultimo con il Debito Pubblico e tantissimi altri parametri come la disoccupazione ecc.?

    2. E appunto, perché nonostante le sue tasse, i suoi tagli alla spesa pubblica, l’aumento dell’IVA ecc. il Debito Pubblico è aumentato?

    3. La stessa BCE ha ammesso recentemente che quando lo spread è salito alle stelle, la nostra economia non correva rischi particolari ed il nostro Debito Pubblico era cresciuto nella stessa percentuale degli altri paesi dell’Eurozona, perché lei insieme a molti mass-media ci avete detto che eravamo ad un passo dal baratro?

    4. Come mai, secondo una recente indagine, ci sono ben sette nazioni dell’Eurozona, fra i primi dieci paesi più industrializzati, maggiormente colpiti dalla crisi internazionale?

    5. Non sarà per caso colpa delle politiche del rigore volute dall’Eurozona unitamente al fatto che questi paesi non possono emettere moneta per ammortizzare gli effetti della crisi, in quanto hanno perso la propria sovranità monetaria, come asseriscono moltissimi economisti mondiali di fama internazionale come Paul Krugman?

    6. Non ritiene che il sogno utopico degli Stati Uniti d’Europa sia ostacolato dalla diversità di lingua, di costumi, di tradizioni, di politiche fiscali e socio-economiche nonché da bilanci completamente difformi da paese a paese?

    7. Qual è il suo pensiero riguardo l’ipotesi che ritiene che l’attuale situazione dei paesi mediterranei dell’Europa sia il sogno degli speculatori, in virtù dell’impedimento forzoso a produrre svalutazione, a causa dell’altissima competizione salariale con conseguente perdita di diritti sul lavoro in seguito alla forte disoccupazione, in virtù che moltissime aziende fallite saranno acquistate da loro per un boccone di pane ed in virtù del fatto che ogni stato dovrà privatizzare, sempre a loro, i propri servizi essenziali, come energia, acqua, mobilità ecc per rispettare i patti sanciti dal Fiscal Compact?

    8. Perché lo Stato Italiano insieme alle sue Istituzioni periferiche, non restituisce alle imprese fornitrici ben 80 miliardi di soldi dovuti per lavori effettuati e finiti, che rappresenterebbero una linfa vitale per la loro sopravvivenza e per quella dei loro dipendenti, mentre si è affrettato a prestarne 40 alla banca spagnola Caxia, 17 al ESM, 4 al solo MPS ecc?

    9. Di cosa avete parlato al Bilderberg, al Bruegel ed all’Aspen Institute, insieme con altri politici bipartisan come Giulio Tremonti ed Enrico Letta e di fronte ai maggiori rentiers internazionali?

    10. Lei nel 2005 fu insignito di un premio dalla Friedrich August Von Hayken Foundation con la seguente motivazione “Onoriamo oggi un uomo (Monti) che è stato fedele nelle parole e nei fatti ai principi di Von Hayken”, il quale è stato un economista austriaco che aveva in odio la giustizia sociale (“un insinuazione disonesta, intellettualemente sconcia…di cui vergognarsi”) arrivando anche ad affermare “ occorre fornire agli indigenti ed agli affamati una qualche forma di aiuto, ma solo nell’interesse di coloro che devono essere protetti da eventuali atti di disperazione da parte dei bisognosi”. In pratica è il capostipite degli economisti neo-liberisti di cui erano fautori convinti politici recenti come Reagan e la Thatcher, nonché secondo Otmar Issing, il padre ispiratore dei concetti che hanno condotto alla stipula dei trattati dell’Unione Europea. Cosa ha da dirci in merito?

  • Però non male ” tecnologia da garage a Silicon Valley”, ogni tanto un pò di umiltà non farebbe male.

    Sicuramente in Italia ci sono persone con menti e personalità eccellenti a livello mondiale ma andare a criticare la ” silicon valley” è un`americanata e per questo con quella frase ha creato un`immagine che in Italia la tecnologia viene sviluppata e creata in laboratori eccezzionali mentre nella valle californiana si accontentano di un garage.

    Mah che dire …………..

  • La campagna elettorale di Monti è perfettamente inutile per acquisire consenso.Di fatto c’è un pezzo d’Italia che rappresenta il loro zoccolo duro.Che sia il 10% o il 15 servirà come ago della bilancia.E’ difficile che al Senato si abbia una maggioranza dopo le elezioni e Monti-Napolitano-BCE-UE stanno volteggiando sulle nostre teste come corvi.

    Con tutti i parametri economici negativi possono solo sbandierare lo spread.Il ritorno mediatico è garantito,alla faccia delle regole e delle leggi sulla campagna elettorale.

    Rimane la variabile M5S.Chiunque ha potuto constatare come i sondaggi siano manipolati;c’è chi gli da il 13 e chi il 18%.Quindi potrebbe essere che siano ben sopra il 20%.Il che squasserebbe i loro conticini e i loro grafici truffaldini.Basta leggere “Il Fatto” di oggi che di conti e grafici è pieno.La realtà è ben diversa da quella che raccontano i media di regime.

    Io non direi che il differenziale dei titoli sia basso.E’ diminuito ma con tutti i favori fatti alle banche solo a loro va molto bene così.Infatti sono solo loro che fanno affari.All’economia reale non arriverà nulla nemmeno nel 2013.Se il differenziale non cala con una certa costanza non è un buon segno.E’ come se un’Italia asmatica ricevesse un po’ di ossigeno per respirare meglio.Ma la manina sulla valvola ce l’hanno sempre loro,gli speculatori globali.Di cui Monti è un garante molto gradito.Per i conti è più utile affidarsi ai Tringale,Bagnai,Botghi ecc….

    Come dici tu vedremo cosa farà la “giuria” popolare.Io continuo a sperare in un effetto Sicilia anche per tutte le altre regioni.E’ insopportabile sapere che dietro il voto ci siano le grandi banche mondiali e un’infinità di interessi che nulla hanno a che fare col popolo italiano se non quello di renderlo martire delle loro sporche decisioni.Ecco perchè la cosa principale da ficcarsi bene in testa è quella di riprendersi la sovranità e la democrazia.Chi non lo ha capito mette a rischio se stesso e le prossime generazioni.

  • E’ questa l’Italia che sale?

    Mentre ogni mese falliscono 1.000 aziende e ogni giorno spariscono 2.000 posti di lavoro (stima Uil)

  • Con quella musica di sottofondo mi aspettavo di veder uscire dei gladiatori o dei guerrieri barbari con tanto di spadate e movimenti rallentati… ma quando esce al cinema sto film?!? 

     

  • Oddio il DELIRIO !!!! L’ennesimo CASO PSICHIATRICO GRAVE messo a fare DANNI in una posizione chiave del sistema… Mamma mia!!

  • Manca la foto con Gesù Cristo e stiamo apposto.

    Che boria ! Nemmeno Berluscaz arriva a tanto.

    Mi dispiace dirlo, ma rimane un provinciale di Varese, non se ne abbiano a male i lombardi, ma spesso da parte loro noto un pronvincialismo caratteristico.

     

  • es di oggi: “Monti is not the right man to lead Italy”. Peché? Ce lo spiega il FT (meglio tardi che mai): Ha alzato le tasse, le riforme strutturali sono risultate macroeconomicamente irrilevanti, non ha avuto il coraggio di porre (alla Germania) come condizione alla permanenza dell’Italia nell’Euro un’adeguata unione bancaria e politiche economiche espansive a Berlino (in pratica un condivisione dei costi di aggiustamento della competitività italiana con i Paesi europei in surplus commerciale). In sintesi non è stato all’altezza, né come competenze, né come visione, né come carattere.
    Aggiungo una mia considerazione: è riuscito nella magia di aumentare le tasse e far ridurre il gettito fiscale, liberalizzare il mercato del lavoro e far aumentare la disoccupazione, fare una tagliare l’assistenza sanitaria e pensionistica e far aumentare costo dello stato e debito pubblico (e tralasciamo MES e Fiscal Compact sennò finiamo per incazzarci sul serio). Insomma, una specie di Re Mida al contrario. 

    Financial Times di oggi: “Monti is not the right man to lead Italy“. Perché? Ce lo spiega il FT (meglio tardi che mai): Ha alzato le tasse, le riforme strutturali sono risultate macroeconomicamente irrilevanti, non ha avuto il coraggio di porre (alla Germania) come condizione alla permanenza dell’Italia nell’Euro un’adeguata unione bancaria e politiche economiche espansive a Berlino (in pratica un condivisione dei costi di aggiustamento della competitività italiana con i Paesi europei in surplus commerciale). In sintesi non è stato all’altezza, né come competenze, né come visione, né come carattere. E stavolta non è Claudio Messora a dirlo, badate bene, ma uno dei principali quotidiani finanziari del mondo.

    Aggiungo una mia considerazione: è riuscito nella magia di aumentare le tasse e far ridurre il gettito fiscale, liberalizzare il mercato del lavoro e far aumentare la disoccupazione, tagliare l’assistenza sanitaria e pensionistica e far aumentare costo dello stato e debito pubblico (e tralasciamo MES e Fiscal Compact sennò finiamo per incazzarci sul serio). Insomma, una specie di Re Mida al contrario. 

    Aggiungo infine una considerazione di Monti stesso: “Incapaci non tornino alla guida del Paese”. A cominciare da lui.

  • Financial Times di oggi: “Monti is not the right man to lead Italy”. Peché? Ce lo spiega il FT (meglio tardi che mai): Ha alzato le tasse, le riforme strutturali sono risultate macroeconomicamente irrilevanti, non ha avuto il coraggio di porre (alla Germania) come condizione alla permanenza dell’Italia nell’Euro un’adeguata unione bancaria e politiche economiche espansive a Berlino (in pratica un condivisione dei costi di aggiustamento della competitività italiana con i Paesi europei in surplus commerciale). In sintesi non è stato all’altezza, né come competenze, né come visione, né come carattere.
    Aggiungo una mia considerazione: è riuscito nella magia di aumentare le tasse e far ridurre il gettito fiscale, liberalizzare il mercato del lavoro e far aumentare la disoccupazione, fare una tagliare l’assistenza sanitaria e pensionistica e far aumentare costo dello stato e debito pubblico (e tralasciamo MES e Fiscal Compact sennò finiamo per incazzarci sul serio). Insomma, una specie di Re Mida al contrario. 

    Financial Times di oggi: “Monti is not the right man to lead Italy“. Peché? Ce lo spiega il FT (meglio tardi che mai): Ha alzato le tasse, le riforme strutturali sono risultate macroeconomicamente irrilevanti, non ha avuto il coraggio di porre (alla Germania) come condizione alla permanenza dell’Italia nell’Euro un’adeguata unione bancaria e politiche economiche espansive a Berlino (in pratica un condivisione dei costi di aggiustamento della competitività italiana con i Paesi europei in surplus commerciale). In sintesi non è stato all’altezza, né come competenze, né come visione, né come carattere.
    Aggiungo una mia considerazione: è riuscito nella magia di aumentare le tasse e far ridurre il gettito fiscale, liberalizzare il mercato del lavoro e far aumentare la disoccupazione, fare una tagliare l’assistenza sanitaria e pensionistica e far aumentare costo dello stato e debito pubblico (e tralasciamo MES e Fiscal Compact sennò finiamo per incazzarci sul serio). Insomma, una specie di Re Mida al contrario. 

  • Financial Times di oggi: “Monti is not the right man to lead Italy”. Peché? Ce lo spiega il FT (meglio tardi che mai): Ha alzato le tasse, le riforme strutturali sono risultate macroeconomicamente irrilevanti, non ha avuto il coraggio di porre (alla Germania) come condizione alla permanenza dell’Italia nell’Euro un’adeguata unione bancaria e politiche economiche espansive a Berlino (in pratica un condivisione dei costi di aggiustamento della competitività italiana con i Paesi europei in surplus commerciale). In sintesi non è stato all’altezza, né come competenze, né come visione, né come carattere.Aggiungo una mia considerazione: è riuscito nella magia di aumentare le tasse e far ridurre il gettito fiscale, liberalizzare il mercato del lavoro e far aumentare la disoccupazione, fare una tagliare l’assistenza sanitaria e pensionistica e far aumentare costo dello stato e debito pubblico (e tralasciamo MES e Fiscal Compact sennò finiamo per incazzarci sul serio). Insomma, una specie di Re Mida al contrario.

  • La figura di Monti e quanto meno esilarante :0)

    Apparte essere stato “Pubblicamente Silurato” dai suoi amichetti del Finacial Tmes, 

    sembra di sentire sentire uno dei marinai di Cristoforo Colombo.

    “Pazzi! la terra e piatta e quando arriverete all’orizzonte precipiterete nello spazio!”

    (riportato al mondo di oggi),

    “Pazzi! se votate il Movimento 5 Stelle, scatenerete il mostro dello Spred!”

     

    • non ho mai riso cosi’ tanto! grazie al tuo link su Fakebuk! peccato che non sono iscritto a questo meraviglioso social network altrimenti avrei detto la mia…

  • Manca solo un bel faccione di Beppe Grillo con gli occhi in fuori che sbraita e possono partire i 2 minuti d’odio! Credo che se 1984 diventasse una lettura obbligatoria nelle scuole lo scenario politico italiano sarebbe molto diverso…

  • Quanto scommettiamo che non hanno pagato i diritti per la colonna sonora (Avatar)?

    E il video sembra fatto da uno che monta matrimoni…

  • L’Italia che sale…al patibolo!  E’ lo slogan elettorale scelto da monti

    Gli italiani sembrano rassegnati e docilmente si consegnano nelle mani del carnefice: Diranno almeno le ultime parole come morituri?

     

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi