Adesso tutti cadono dal pero

CadonoTuttiDalPero

di Valerio Valentini, da Londra.

La prima volta che su questo blog accennai all’imminente indizione di un referendum sulla permanenza della Gran Bretagna nell’UE era il 7 ottobre 2012. Cioè quando la maggior parte dei giornali italiani non trovavano nulla di più interessante da raccontare dell’Inghilterra che i topless di Kate Middleton. Poi, una settimana fa, la notizia improvvisa, il fulmine a ciel sereno: “Cameron annuncia un referendum sulla permanenza della Gran Bretagna nell’UE”. E tutti, ovviamente, cadevano dal pero. Ora, a distanza di qualche giorno da quel roboante annuncio, cerchiamo di fare chiarezza.

 

Innanzitutto, tanto per dovere di cronaca, quella di Cameron non è stata né un’arma segreta bandita contro Bruxelles, né una decisione presa in totale autonomia. La vicenda, volendo trovare una data di inizio, parte nel settembre 2011, quando il premier britannico si vede recapitare una petizione firmata da oltre 100 mila persone. Oggetto: l’indizione di un referendum per decidere se restare nell’UE oppure uscirne. E il Parlamento inglese, che è obbligato a discutere le leggi di iniziativa popolare sottoscritte da più di 100 mila persone (che populisti questi inglesi!), da allora comincia ad affrontare la faccenda con maggiore urgenza e serietà.

Con l’aggravarsi della crisi economica nell’eurozona, i britannici diventano sempre più scettici. Soprattutto quando la paura della recessione e dell’austerità attraversa la Manica e la propaganda antieuropeista trova uno slogan di assoluta efficacia: perché dobbiamo continuare a sborsare i nostri soldi a Bruxelles, mentre siamo costretti a tagliare in casa nostra? L’UE, infatti, insiste per un rifinanziamento del bilancio europeo 2014-2020 pari al 5%. Gli Inglesi non ci stanno. Non sono disposti a fare sacrifici per pagare il conto della crisi dei PIGS. È così che Cameron, inizialmente titubante circa l’accelerazione dei tempi per l’indizione del referendum, comincia a paventarlo come una possibilità concreta. Fino a quando, la settimana scorsa, annuncia che entro il 2017, qualora il suo partito Conservatore dovesse essere confermato nelle elezioni del 2015, verrà indetto il famigerato referendum.

Ma perché Cameron decide proprio ora?

Questione di numeri, fondamentalmente. Diverse società di sondaggi hanno infatti convenuto che la questione del referendum è in grado di spostare, in varie direzioni, circa il 30% dell’intero elettorato. Dunque si tratta del tema politico fondamentale, assieme a quello dell’occupazione, su cui i vari partiti si confronteranno. Cameron ha cercato così di attrarre a sé i milioni di britannici euroscettici i quali stavano, lentamente ma progressivamente, trasmigrando verso lo UKIP, il partito indipendentista britannico guidato da Nigel Farage. I Conservatori, per arginare la deriva di consensi, avevano cercato, nel dicembre scorso, di proporre un’alleanza a Farage, il quale aveva seccamente rifiutato. E allora si sono decisi per il referendum.

In effetti, anche nella file dei Tories, la fazione degli euroscettici radicali stava diventando sempre più cospicua, tanto da far traballare, in più di un’occasione, la maggioranza parlamentare del loro stesso premier. Quindi sicuramente la scelta di Cameron è dovuta anche ad un pressing interno al suo partito.

E non si può certo dire che la mossa, almeno per il momento, non stia dando i primi risultati: il partito Conservatore, in drastica crisi di consensi da almeno un anno, ha ridotto il distacco rispetto ai Laburisti, che ora stanno all’opposizione ma che godono di un maggior sostegno nel Paese. Un mese fa lo svantaggio dei Tories era dell’11%: ora i sondaggi accreditano al partito di Cameron il 33% dei voti, e il 39% ai Laburisti di Milliband. Lo UKIP, invece, che solo qualche mese fa era un partito marginale, riscuote ora il 10% dei consensi, divenendo così la terza forza politica al fianco dei Liberal-Democratici.

Annunciando il referendum, inoltre, Cameron ha cercato di stanare Milliband, costringendolo ad uscire allo scoperto. Da oggi i Laburisti saranno obbligati a dire chiaramente come la pensano rispetto all’UE, mentre finora avevano sempre mantenuto una posizione piuttosto ambigua: programmaticamente favorevoli all’Europa, infatti, non hanno talvolta esitato a criticare l’eccessiva timidezza di Cameron nel far valere gli interessi di Londra ai tavoli internazionali di Bruxelles, e sono addirittura arrivati ad appoggiare delle mozioni degli frangia più euroscettica dei Tories, pur di mandare sotto il governo in Parlamento.

Detto questo, bisogna anche specificare che il referendum potrebbe rivelarsi per Cameron un’arma a doppio taglio. Di fatto, i sondaggi parlano – ma i dati sono a volte contrastanti – di una lievissima maggioranza di britannici contraria alla permanenza nell’Unione Europea e di una larga fetta di indecisi. Tuttavia, le modalità e i tempi con cui Cameron ha scelto di indire il referendum non convincono troppo. Né gli euroscettici né i loro avversari. I primi, infatti, avrebbero preferito una data più vicina, magari prima della fine dell’attuale legislatura. Al contrario, gli elettori favorevoli all’Europa (e ce ne sono anche tra i sostenitori dei Tories), ritengono quella di Cameron una scelta azzardata che rischia di isolare la Gran Bretagna. Tutti, in ogni caso, sembrano poco convinti dall’ambiguità vagamente democristiana del primo ministro. Il quale ha infatti detto che il suo desiderio sarebbe quello di rinegoziare la posizione del Regno Unito e che, laddove ci fossero margini di trattativa accettabili, si impegnerà “con anima e corpo” per supportare la permanenza in Europa del suo Paese. E tutti, soprattutto, sono preoccupati da eventuali ripercussioni sulla stabilità finanziaria inglese dovuta ai quasi 5 anni di incertezza che si prospettano: il 52% degli elettori conservatori ed il 54% esprimono timori in tal senso.

Chiunque vinca le elezioni nel 2015, in ogni caso, difficilmente potrà rifiutarsi di indire il referendum: neppure un eventuale (e più che probabile) governo Labour, che verrebbe altrimenti accusato di voler ignorare la volontà popolare. Del resto non sarebbe la prima volta che i cittadini britannici si esprimono direttamente sull’Europa: già nel 1975, a soli due anni dall’entrata del Regno Unito nella CEE, la parola fu data agli elettori, che si espressero favorevolmente: affluenza del 65% e vittoria dei “Sì” col 67% dei voti. Dunque la storia della Gran Bretagna in Europa potrebbe finire come, di fatto, aveva avuto inizio: con un referendum. E questo, comunque la si pensi, è un dato significativo: su questioni di grande importanza nel Regno Unito si ritiene doveroso che sia il popolo ad esprimere l’ultima parola. Da noi chi auspica un referendum su tematiche internazionali viene additato come un terrorista; e quando i referendum vengono fatti, di solito il loro esito viene ignorato, o calpestato, dai partiti.

 

 

10 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Bravo Valerio, bell articolo!!!Hai proprio ragione, da noi, la nostra opinione non conta niente…..anzi fanno sempre il contrario di come la pensa il popolo, ovvero a coloro a cui dovrebbe appartenere la sovranità, ma come ben sappiamo grazie ai trattati europei la nostra costituzione é come carta straccia!!!non conta niente, e con le varie leggi e riforma fatti da monti e soci( dettate dalla bce e fmi) la sovranità popolare non esiste quasi più….. 🙁

  • Referendum,iniziative popolari.Che assurdità !!! Volontà popolare.Una sciocchezza!!

    Il giorno in cui fu data la notizia in Italia su RAINews sbolognarono la notizia con un sondaggio britannico che cozza con quello accennato quì : pro europa 60% contro 40%.

    Sbolognarono è il termine esatto,perchè a minimizzare la notizia ci pensarono i mezzibusti.Non so se altri TG abbiano dato la notizia e come.Fortunatamente c’è la rete e questo Blog.

    Naturalmente credo molto di più a lei,mi sembra ovvio.

    Il Parlamento italiano invece le leggi di iniziativa popolare e i referendum non li considerano proprio.E tanto per agganciarmi al topic di prima anche coi sondaggi siamo messi maluccio.

    Daltronde il referendum che terranno gli inglesi,oltre che a muovere la politica dei partiti,va nella stessa direzione dove andavano molti altri referendum mai tenutisi o invalidati/riproposti in tutta Europa.Il trend è contro questa UE e sarà inarrestabile.

    • Cameron non ha bisogno di indire un Referendum per uscire dall”Unione. Come ha detto Farage in un suo commento FB: “If Cameron were serious about renegotiation he’d invoke Article 50 of the Lisbon Treaty. Simple.”

  • Speriamo che questi inglesi,si ravvedano ed escano dall’ UE potrebbe essere lo slancio per altri paesi come il nostro,anche perchè credo che uscendo la Gran Bretagna,il progetto europa vacillerà o peggio affonderà completamente quindi meglio abbandonare la nave prima che sia troppo tardi…

    Ma scusate,non potremmo fare anche noi come il popolo britannico una raccolta di firme per il referendum sull’europa?In Italai quante firme ci vorrebbero per indire un referendum?

    • Si potrebbe fare anche in Italia, ma ribadisco POTREBBE!!!Basta pensare alle 350mila forme che raccolse Beppe grillo per una legge popolare, ma in parlamento non ne hanno mai neanche discusso e dopo un po’ di tempo cadono in prescrizione…. In Italia se raccogliessimo le firme per questo referendum farebbero finta di niente!! Che schifo!

    • Certo, aiutiamo li a compiere il loro piano, le europa unità é solo un piccolo passo verso il nuovo ordine mondiale!Poi come puoi scrivere ” Europa democratica”, la democrazia non esiste più, e i potenti non la vogliono, non so se sai che m.monti fa parte delle trilaterale che ritiene la democrazia solo di intralcio per i loro piani ( é scritto nel loro sito ufficiale) é inutile sognare cose impossibili, anche perché non si possono unire stati completamente diversi che parlano tutti lingue diverse, ognuno tirerà sempre l acqua al proprio mulino! Non fatevi intortare dalle loro frasi, poi ora dicono che dobbiamo dare più poteri alla bce per il controllo dell euro! Se ne accorgono ora dopo più di 10 anni?? La crisi é programmata e indotta, hai visto il video di monti quando dice che l Europa ha bisogno di grandi crisi per fare passi avanti? Poi dice che i passi avanti sono cessioni di parti di sovranità a livello comunitario( Europa) e il popolo sarà disposto a farlo solo quando il costo di non farlo sarà superiore a quello di farlo, ( creando e alimentando la crisi) e con te ci sono riusciti, chiedi l Europa unità perché pensi che sarebbe meglio….proprio quello che loro vogliono!!!!

  • La Corte Costituzionale boccierebbe senza remore un referendum sull’Euro. (oltretutto a ragione) Sarebbe inutile una raccolta di firme. La Costituzione è usata a comodo, ormai dovremmo essercene accorti tutti. Chi è al Governo dovrebbe prendere questa decisione ed uscire, NON c’è altra via di uscita.

  • Una bella scusa per alzare la tensione. Una scusa per iniziare a deliniare gli schieramenti di una nuova era di conflitti. 

    Avete studiato storia alle medie, vi dice niente il seguente riassuntino?

    In particolare, la Gran Bretagna guardava con sempre maggiore preoccupazione la politica espansionistica della Germania in campo economico, politico e coloniale, che rischiava di mettere in pericolo l’afflusso di beni e materie prime dalle colonie britanniche, indebolendo la sua economia.
    L’insieme di questi fattori portò dunque, dal punto di vista geo-politico, alla dissoluzione del “sistema di equilibrio” voluto dal cancelliere tedesco Bismarck, alla dissoluzione cioè di quell’insieme di trattati e di accordi diplomatici che avrebbero dovuto evitare che si ripetesse la serie continua di guerre tra gli stati europei che avevano contraddistinto gli anni tra il 1848 e il 1870. 

  • Scusate ma vedo che la disinformazione stile “fumo di Londra” ha colpito anche coloro che si esprimono sul blog. Perché NESSUNO ha ricordato che CERTAMENTE nel 2014 ci sarà un altro referendum in Gran Bretagna e cioè quello sull’autodeterminazione della Scozia? Che, se passasse, avrebbe del resto un impatto non secondario sull’Irlanda del Nord ed anche sul Galles (il quale potrebbe chiedere un referendum sull’autodeterminazione a sua volta, mentre per quanto riguarda l’Irlanda del Nord probabilmente, essendo la maggioranza dei protestanti di origine scozzese, vi sarebbe un caos, in quanto la fazione protestante si spaccherebbe e potrebbero avvantaggiarsi addirittura i cattolici, attualmente in leggera minoranza nell’area, che chiedono la riunificazione con la Repubblica d’Irlanda).  

    Tra l’altro queste faccende “localistiche” avrebbero anche una notevole importanza sull’esito del referendum sulla UE in Gran Bretagna (o ciò che ne resterebbe), in quanto le aree più europeiste (perché ne hanno sempre tratto i maggiori vantaggi, a differenza degli inglesi veri e propri) sono proprio le altre “home countries”, ossia la Scozia ed il Galles (anche se la loro popolazione cumulata non supera i 7 milioni, contro gli oltre 50 della sola Inghilterra).

    Cmq. la morale è che tutti gli anglosassoni amano ripetere “Right or wrong, my country”. Cioè l’interesse nazionale ha sempre la meglio rispetto ad ogni visione internazionalista o “fognatrice” di sorta. Una bella lezione non solo di democrazia (che anche in Inghilterra nella storia ha avuto i suoi alti e bassi) ma soprattutto di come dovrebbe svolgersi il confronto politico in un Paese.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi