L’invasione degli UltraEuropeisti

invasionedegliultraeuropeisti

La guerra è pace”, recita il primo slogan del Ministero della Verità (1984, di George Orwell). Come dire: non stiamo mica facendo la guerra, stiamo solo esportando la democrazia. “La libertà è schiavitù”, recita il secondo. Ovvero possiamo essere liberi di decidere, sì, ma se lo facciamo sulla base di informazioni sbagliate, tutto si riduce a un’illusione: la libertà di scegliere se andare al macello per il corridoio sinistro o per quello destro. Per questo “L’ignoranza è forza”, come dice il terzo slogan. L’ignoranza dello schiavo è infatti quella forza, più potente di una catena, che naturalizza l’ingiustizia e legittima l’oppressione. E’ l’inerzia dell’ignorante che non è consapevole dei suoi diritti o che, di più, crede di non poterne neppure avere, diventando così la più formidabile delle garanzie che salvaguardano l’oppressore. Così le vittime finiscono per difendere spontaneamente i loro stessi carnefici.

 

Il Ministero della Verità, tramite una costante e minuziosa opera di falsificazione, ha come obiettivo la diffusione capillare della propaganda. La propaganda tiene le masse in apnea e consente alle élite di continuare a controllare la società. Il risultato più straordinario di questa strategia è che l’esercito più spietato e feroce al servizio del sistema è quello costituito da volontari, cittadini comuni che si arruolano spontaneamente tra le fila dei più accaniti sostenitori della Verità ufficiale. Costoro si fanno anche delatori, spie, infiltrati, provocatori involontari: la loro stupidità e la mancanza di strumenti intellettuali idonei all’esercizio della critica li rende zombie controllati dagli organi centrali che, come un virus, infettano nuovi individui e ingenerano la convinzione che chiunque non reciti il rosario istituzionale sia un elemento pericoloso, sovversivo o semplicemente ridicolo. Il bisogno dell’uomo medio di far parte del branco, per sentirsi protetto, fa il resto. Del resto, è per questo che nascono gli Stati: per proteggere gli individui, anche da se stessi.

Nel film, “L’Invasione Degli Ultracorpi “, un esercito alieno sbarcava sulla Terra e si impossessava dell’anima degli esseri umani. Un baccello veniva posto nella casa della vittima designata. Quando questa si abbandonava al sonno, nel baccello cresceva una copia identica del suo corpo. Prima del suo risveglio, un nuovo individuo con le sue stesse, identiche fattezze prendeva vita e lo sostituiva in tutto e per tutto: un nuovo essere umano, identico a quello originale ma privo della capacità di provare emozioni e sotto il totale controllo della volontà aliena. Il suo compito era quello di carpire la fiducia dei suoi simili, depositando nuovi baccelli sotto ai letti o negli scantinati dei malcapitati. Doveva identificare gli esseri umani residui, segnalarli e provvedere alla loro trasformazione. Come riconoscerli? Semplice: erano quelli che ancora mostravano segni di una qualche emozione sui lineamenti del viso.

Il Ministero della Verità di Bruxelles sta per fare la stessa cosa. Scandaglierà il web alla ricerca di cittadini resistenti alla propaganda europeista, da ricercarsi nelle sacche residue di euroscetticismo, e manderà i suoi zombie a depositare baccelli. Siete avvisati: ogni vostro articolo, ogni vostro commento, ogni vostro tweet sarà scrutato. E se tra le pieghe delle parole che userete si potrà ravvisare il segno di una qualunque emozione, di un qualsiasi reagente rivelatore di un pensiero critico, agenti pagati con i soldi dei nostri contributi inoculeranno informazioni correttive, semineranno dubbi, instilleranno l’amore per l’istituzione europea e ristabiliranno la corretta propensione per gli Stati Uniti d’Europa e per la Verità.

Il Daily Telegraph è entrato in possesso di proposte di spesa confidenziali e documenti interni che pianificano un blitz propagandistico senza precedenti durante la marcia di avvicinamento alle elezioni europee, nel giugno 2014. La chiave di questa nuova strategia sarà la creazione di “strumenti di monitoraggio dell’opinione pubblica” per “identificare in maniera precoce se un dibattito di natura politica tra i followers dei social media e i blog ha il potenziale di attrarre l’interesse dei media e dei cittadini”.

La spesa per “un’analisi qualitativa dei media” deve essere incrementata di 2 milioni di euro e mentre la maggior parte del denaro salterà fuori dai budget esistenti, sarà necessario trovare quasi 1 milione di euro aggiuntivi, nonostante le richieste diffuse di adeguare le spese dell’Unione Europea all’austerity imposta ai paesi membri.

“Un’attenzione particolare deve essere posta ai Paesi che hanno sperimentato un’insorgenza di euroscetticismo”, c’è scritto su un documento confidenziale su cui si è trovato un accordo nel 2012. “I comunicatori delle istituzioni parlamentari devono avere la possibilità di controllare le conversazioni pubbliche e il sentimento popolare in tempo reale, per decifrare i trending topics (gli argomenti più discussi) e avere la capacità di reagire prontamente, in maniera precisa ed efficace, entrando nelle discussioni e influenzandole, per esempio fornendo fatti e schemi per decostruire miti”.

L’addestramento per i dirigenti parlamentari comincerà alla fine di questo mese.

Mercoledì 6 realizzerò una videointervista a Loretta Napoleoni, autrice di “Democrazia Vendesi”.Loretta è esperta di terrorismo e di economia, ed è stata una di coloro che hanno predetto la crisi quando ancora, anni fa, raccontavano che il peggio era passato.
La sua visione può essere un utile contributo al bagaglio di conoscenze indispensabili per affrontare i tempi che viviamo. Fatemi pervenire le vostre domande qui, entro domani sera: lorettanapoleoni@byoblu.com

Ogni videointervista richiede attrezzature costose, persone che ci lavorano e tempi di realizzazione lunghi. Per questo il tuo contributo è fondamentale per fare in modo che possano essere realizzate in completa libertà, al di fuori di qualsiasi circuito editoriale che ne sostenga le spese, ponendo tuttavia pesanti vincoli sui contenuti.Se volete contribuire o, a scelta, comparire nel video come un sostenitore del progetto, con il vostro nome, un link o con una gratificazione promozionale più consistente(*), potete farlo aderendo alla raccolta Kapipal.

Cliccate qui per saperne di più


(*) Le interviste del blog raggiungono decine di migliaia di persone. Il canale Youtube, nel suo complesso, nel solo mese di gennaio ha totalizzato oltre 3 milioni e 700mila visualizzazioni video.

82 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • La lettura di “1984” dovrebbe dovrebbe essere imposta per legge.

    L’ho riletto qualche tempo fa (la prima volta a venti anni), con nuovi occhi , consapevole della dittatura eurocratica. Dire che è profetico, è poco.

     

    Legetelo;

    leggetelo;

    leggetelo;

    leggetelo;

    leggetelo;

    leggetelo;

    leggetelo;

    leggetelo;

    leggetelo;

    leggetelo;

    leggetelo;

    leggetelo;

     

     

     

    • Ma i paranoici sono spesso intelligenti,anche di pù della norma.Il che rende il quadro ancor più agghiacciante.In tutte le dittature è necessario,per il potere,avere il pieno controllo sull’informazione e sulla diffusione delle idee.

      L’informazione libera tramite la rete è un problema per questa gente e ci vogliono mettere lo zampino.Anche se immagino ce lo abbiano già messo.E’ sufficiente il log di un buon firewall per rendersene conto.L’intervista alla Napoleoni sarà interessante ma l’euro a due velocità mi pare improponibile semplicemente perchè non lo vogliono.Credo sia meglio uscirne.

    • Si dava del paranoico anche ad alcuni Ebrei durante l’inizio del periodo nazista, che dicevano che era meglio andarsene dall’europa e venivano derisi e gli si diceva loro che non c’era nessun pericolo e di stare tranquilli che non sarebbe successo nulla …

      La paranoia a volte salva la vita. 

  • Io non parlerei subito di paranoia

    Dobbiamo riconoscere che la materia è molto delicata e che dietro la costruzione dell’ideale fasullo dell’Europa unita che ci hanno propinato vi sono interessi economici molto forti, e immaginiamo che qundi che si farà di tutto per far tacere la propaganda antieurista.

    Del resto è difficile far tacere il web, unico mezzo di informazione di massa che ancora sfugge al controllo e allora meglio manipolarlo…

  • Caro Claudio!

    Vorrei esprimere l’ammirazione e gratitudine per l’attività di divulgazione che stai svolgendo.

    Oggi mi capita tra le mani un libricino informativo-pubblicitario prodotto dall’ABI- 

    Associazione Bancaria Italiana (che é diretta da un certo MUSSARI amico del PD?)

    Il libricino é allegramente distribuito in ogni dove…

    Il titolo é: “I CONTANTI HANNO LE ORE CONTATE”. 

    E’ una simpatica storia a fumetti che racconta le meraviglie dell’ esistenza senza il contante (la meraviglia bancaria). Dopo aver preso visione, mi accorgo di avere un brivido lungo la schiena, tachicardia e un violento attacco di panico.

    Freddy Krueger dalle maniche rimboccate (in arte Bersani) ha dichiarato nel suo programma di voler DISINCENTIVARE la circolazione del contante.

    Un paio di giorni fa in TV questo Padre premuroso degli operai ha strillato “Dobbiamo far girare meno soldi!”

    A mezzogiorno ho visto la DIGOS a PERQUISIRE i muratori che andavano a pranzo. Mentre perquisivano, sorridevano e dicevano che i politici sono dei “bastardi”. 

    Ieri un operaio cassintegrato mi fa a proposito del contante: “A me non importa di pagare tutto con il bancomat…Devono combattere l’evasione, c’é tanta gente che evade…” O Numi, Numi, siamo a questo punto?

    Al A.s.l non riuscivano a stampare nessun documento perché “il toner della stampante non funziona e l’amministrazione se ne frega”. E già, la Sanità in Piemonte privatizzata in fretta e furia dal Cota ( la LEGA NORD – BENEFATTRICE dei padani).

    Ecco, sono reduce dall’infanzia e l’adolescenza trascorse sotto il Regime Sovietico.

    Conosco bene il concetto del Regime, le sue avvisaglie, i suoi sintomi e voglio dire chiaro,- CI SIAMO QUASI! Sono rimasti un paio di piccoli passetti ed é fatta! Il sistema criminale é in fretta, sta correndo, si sta dando da fare.

    La tragedia é che il menefreghismo dilagante e il tacito consenso della maggioranza del popolo stanno stendendo i tappeto rossosangue alla DITTATURA mascherata da Bagaglino… Gli italiani non sanno o non se lo ricordano più cosa vuol dire svegliarsi un bel giorno ed accorgersene che TUTTO é cambiato all’improvviso, che non  si respira più…

    Gente! LA LIBERTà NON HA PREZZO!

     

     

    • Spiegalo agli italioti che andranno a votare. Qui si sta e, in parte lo siamo già, andando verso un regime “comunista” dove ad impossessarsi di tutto, a sequestrare tutto, a toglierci le nostre vite, non è più il partito comunista, socialista o Pol Pot, ma la lobby dei banchieri &Co, che ssapete già chi sono (petrolieri in testa). Togliere il contante, quando non è necessario è ok, ma senza nessuna commissione, senza che le banche ci rubino dei soldi. Ma non può essere eliminato “tout court” o per legge (obbligo).

      Mi preoccupa tantissimo il risultato del PD, che racchiude in sè il peggio di passato presente e futuro dell’Italia. PDL non mi fa paura poichè insieme alla Lega prenderanno si e no il5/6% e dovranno scannarsi per le poltrone.

  • Ho un’amico che vive a Praga ed è passato per l’inferno comunista,gli ho chiesto se 1984 è esagerato,ha risposto laconico:era proprio così.Non credo che siamo paranoici se ci informiamo e se tentiamo di mantenere un pensiero libero.Sono più di 30 anni che ho la sensazione di vivere dentro un grande meccanismo dal quale cerco sempre di più di evadere,guardiamoci intorno non è paranoia.

  • sono depresso quello che sta avvenendo sta capitando alla velocita’ della luce; come possiamo fermare concretamente questa politica,questa europa dittatura.

    sono tutti lobotomizzati e non capiscono che siamo prossimi alla dittatura;anche persone di cui avevo stima quando li sento parlare di politica ed europa la vedono come una cosa giusta e corretta e pensano che l’europa sta lavorando x la giustizia collettiva;

    provo a parlare di come la sx abbia deluso e venduto i diritti dei lavoratori alla finanza casino’ e di come bersani sia una mezza figura che vale meno che niente a spessore politico e questi si riempiono la bocca di stronzate tipo globalizzazione

    ma come si fa a non vedere

    ma come si fa a non capire  che ci stanno rubando la liberta’

  • L’ho già scritto, lo riscrivo: (E, NON STAVO SCHERZANDO, NE ESAGERANDO).

    Questa è la III guerra mondiale, (per la parte europea.) la differenza stà solo nel fatto che non è combattuta con le armi ma economicamente, a suon di distruzione dei diritti di massa, impoverendo e dissanguando la maggior parte dei paesi del sud (Europa)

    La BALLA GIGANTE E’ nel: “sogno europeo” che è per i banchieri, e la classe ricca dell’Europa.

    Per gli altri è, e sarà solo: SCHIAVITU’

  • Io vorrei portarvi una mia esperienza. Sono analista finanziario indipendente, studioso di sovranità monetaria, saggista e ho una rubrica personale settimanale di economia e finanza sulla SBS di Sydney. Mentre in Australia posso dire ciò che voglio senza alcuna censura, da 2 mesi a questa parte i miei post di economia, educatissimi e per nulla offensivi, ma di esclusivo argomento economico/finanziario vengono regolarmente cancellati dopo 3 minuti dall’essere stati postati, dal Blog del fatto quotidiano, testata cui sono abbonato da 3 anni, mentre prima non accadeva mai. Il direttore Padellaro, da me interpellato via mail x una spiegazione, dopo 4 giorni non mi ha ancora risposto.

    Voi che cosa ne dedurreste?

    Aggiungete che da wikipedia da 2 mesi sono stati cancellati tutti i link fra il nome Mario Monti e la Trilaterale, la Bilderberg, il Breguel, l’Aspen Institute e la massoneria.

    Io ho dei grossi sospetti. E voi?

    Enrico l’analista

    • Ciao Enrico l’analista, sarebbe forse una buona idea riportare i tuoi articoli su un blog simile a Byoblu, la condivisione della conoscenza è più che mai utile e difficile di questi tempi.

      Saluti

    • caro androck, i miei saggi su globalizzazione e default sono reperibili in diversi siti, basta battere in google il mio nome e cognome (costantini) seguito da analista finanziario, oppure sono reperibili in pdf alla mia mail studio-lodi@tsc4.com mentre i miei interventi di economia e finanza sulla SBS di lingua italiana sono sempre ascoltabili anche mesi dopo sul sito della SBS di Sydney cliccando su “riascolta le interviste”. In più se qualcuno me lo chiede tengo conferenze gratuite sulla sovranità monetaria (ne ho già fatte una decina). Di più non saprei fare per svegliare le coscienze.

      saluti.

      enrico l’analista

    • nella lista dei blogger del FQ non compare alcun enrico costantini. in che senso ti cancellano i post dopo 3 minuti? stai parlando dei commenti agli articoli del FQ online?

  • non c’è nessun’altro blog che fa propaganda statalista così spudoratamente come questo.

    tu affermi che…

    “Del resto, è per questo che nascono gli Stati: per proteggere gli individui, anche da se stessi.”

    Dove l’hai presa questa réclame? In un testo universitario di scienza politica? O in quale altro libricino di educazione istituzionale?

    Sostanzialmente voi non volete il Moloch europeo ma chiamate a gran voce il Moloch italiano. Volete (giustamente) liberarvi dale catene di Bruxelles ma vi ingonicchiate alle strapotere di Roma.

    Ma vi guardate attorno? È lo stato che crea guerre e distruzioni. È lo stato che epropria i nostri beni e la nostra ricchezza. È lo stato che insabbia la verità e perpetua ingiustizie. È lo stato che si accorda con i poteri forti per dominare le nostre vite. È lo stato che si arroga il diritto di concedere privilegi a gruppi di potere a discapito del popolo.

    La maggior parte degli italiani è senza speranza perché quando il problema è culturale non è la politica che risolve le situazioni. Finché perverrà la mentalità dello statalismo l’unico obiettivo che ci possiamo dare è la sopravvivenza (o la miseria).

     

    • Dove l’hai presa questa reclame?

      Al di là che la mamma avrebbe dovuto insegnarti che pensare con la tua testa non è un male, anche se scopri cose che a volte non per forza qualcuno ha scritto prima di te, in ogni caso mi corre l’obbligo di farti fare una figuraccia. Uno stato nasce con la finalità primaria di proteggere fisicamente la comunità che rappresenta.
      Se non ti fidi di me (percché evidentemente hai bisogno che ogni pensiero che accetti debba essere codificato e dispensato dal sistema), magari puoi fidarti del corso di Diritto Pubblico della statale di Milano (prof.Sassi) di quest’anno, dal quale la nozione è stata pari pari ripresa.

      Apri la tua mente. E fidati un po’ di più delle sue possibilità. 

    • Oh guarda, nessuna figuraccia. Difatti non hai tirato in ballo il diritto privato ma quello pubblico, ovvero il modo in cui lo stato regola con la coercizione le nostre vite. Non è certo una lezioncina universitaria a farmi mettere il grembiule nazionale. 

      Continuate pure a fare le fusa a chi intende dominare sulle masse. Credete pure nello stato pater familias. Quello che otterrete sarà una società brutalmente simile all’uniove sovietica. 

      Io mi discosto dal monopolista della violenza, voi invece ne volete far parte. 

      Incredibilmente lottate contro il “ministero della verità” di Bruxelles ma fareste festa per riavere quello made in Italy. E sono io quello a dover aprire la mente?

       

    • bene, con questo pippolotto hai svelato una tua forma mentis che francamente, pur narrando di una tesi nota (anarchia?), mostra scarsa capacità di mettere in correlazione fatti e nozioni al fine di riuscire a portare a termine efficacemente una conversazione. Salti di palo in frasca, caro mio, e questo rende difficile capire il senso di questo scambio. Di contro, in un tuo commento che (come da policy) ho rimosso, leggo un discreto astio personale, che lasci trapelare attraverso insinuazioni poco edificanti e indice di scarsa maturità personale.

      Devo ricordarmi di non rispondere a certi commenti, perché di solito chi li lascia non ha nessuna predisposizione a confrontarsi, ma cerca solo lo spunto per abbandonarsi a una liberatoria (per lui) denigrazione sul piano personale, che per tutti gli altri risulta tuttavia quasi sempre nella privazione della libertà di partecipare a un flusso di fertile osmosi culturale, ricca di conoscenza e di proattività. Quello che cioè dovrebbe essere uno scambio proficuo di commenti in un blog, latore di riflessioni ulteriori e di arricchimento rispetto all’articolo cui si riferisce. La polemica di basso profilo di chi non ha risolto il suo livore personale non è viceversa utile a nessuno.

  • Ciao Messora. Anche se è successo più di un anno fa, volevo innanzitutto scusarmi per la polemica su Current Tv. Avevi ragione tu, in tutto e per tutto. Da allora ti ho seguito regolarmente e sono giunto alla conclusione che sei uno dei migliori giornalisti che abbiamo in Italia. Non so come ringraziarti per avermi permesso di aprire gli occhi su tante importanti questioni, a cominciare dall’inchiesta che hai condotto su Monti-Bilderberg-Trilaterale. Anche questo articolo, addirittura, te lo invidio. Avrei voluto scriverlo io. Erano anni che pensavo che quanto preconizzato in questo bel libro di fantascienza (1984) si stesse avverando. Ora sembra ormai che quello scenario sia stato rispettato quasi alla lettera. E’ semplicemente terribile. E il guaio è che un po’ tutti noi oppositori, noi blogger che dovremmo fare controinformazione, e parecchi intellettuali non allineati sul pensiero unico, stiamo attraversando gravi difficoltà. Solo quando ti trovi di fronte a qualche problema inaspettato ti rendi conto di quanto sia cambiata la realtà in questi ultimi anni.

    Sembra una storia da film, ma è bastato avere un guasto alla macchina: l’officina che doveva ripararmi la marmitta ha assunto un operaio sottopagato che finge di fare il lavoro, ma non lo sa fare. La marmitta fasulla mi ha fatto scoppiare un condotto di scarico, e, ovviamente, l’officina non ha voluto risponderne. Allora sono andato dal meccanico che (ridotto ormai alla disperazione dalle politiche economiche degli ultimi anni, a un passo dalla chiusura) pur di togliersi di torno un’auto vecchia, sapendo che avevo pochi soldi, è arrivato a dirmi che funzionava mentre non era vero. Dopo aver pagato due volte una riparazione inesistente, l’auto si è spenta in mezzo alla strada. L’ho parcheggiata alla meglio, lasciando il cartello “Guasta”, ma me l’hanno rimossa subito. Ora è al deposito giudiziario da 5 giorni. Il deposito costa 9 euro al giorno, compresi i sabati e le domeniche. Visto che l’auto non parte, e quindi non la posso ritirare, ho dovuto forzatamente decidere DI DEMOLIRLA, Anche perché l’assicurazione, per via di un piccolo incidente, mi è passata da 800 a 1550 euro l’anno. Costo dell’operazione, compresa la multa: 400 euro. Impossibile trovare un’altra auto a poco, anche perché il passaggio di propietà costa ormai intorno ai 900 euro. E così mi ritrovo a piedi in una casa di collina mal collegata e non so neanche più come andare a fare la spesa, perché, mel frattempo, i negozietti di alimentari vicino a me hanno chiuso tutti.

    All’improvviso mi trovo in una situazione di pericolo. Ho dovuto chiedere aiuto per tentare di comprare almeno un motorino 150cc. (che costa poche centinaia di euro; ma, aggiunte tutte le tasse e le spese, arriva a 1.500 euro) ma non so proprio se ci arriverò.

    Con l’inizio della crisi, alcuni anni fa, l’azienda per cui lavoravo come responsabile progetti e ricerche, è arrivata al punto di togliermi anche il rimborso spese, costringendomi a cessare la collaborazione (ovviamente con contratto precario).

    A 57 anni, se non mi avesse aiutato mia madre, non potendo pagare il “deposito giudiziario” dell’automobile (270 euro al mese solo per il parcheggio) sarei probabilmente finito in galera per debiti.

    Qualche anno fa, leggendo un messaggio come il mio, avrei pensato che, si sa, in fondo se non puoi permetterti un’auto, allora devi semplicemente andare a piedi. Avrei pensato che tutto era nella norma. Ma oggi non mi pare che le cose stiano esattamente così. Che c’entra con Orwell? Apparentemente niente, ma l’affermazione del pensiero unico passa, secondo me, anche e soprattutto dal ricatto economico a cui più o meno tutti, in modo sempre crescente, stiamo soggiacendo.

    Ho pensato che non fosse più una questione di pudore denunciare anche queste situazioni. Ho pensato che fosse ora di far calare il valore complessivo delle tue (nostre) denuncie direttamente nella realtà quotidiana. Non credo proprio di essere il solo a dovermi confrontare con situazioni reali che stanno diventando sempre più invivibili.

    Un abbraccio

  • Fonti di questo articolo Claudio? C’è solo l’articolo del Telegraph oppure hai altro???(domanda fatta da un giovane tutt’altro che paranoico, semplicemente.. curioso!)

  • Letto nel 1984 dopo aver visto il film. Avevo 20 anni e sono uscito depresso (con i miei amici) le analogie con la realtà già allora erano evidenti (c’era ancora il muro, governava la DC ecc.).Una reale, crudele, spietata analisi della natura umana!Da allora, la nostra realtà è precipitata sempre più velocemente verso quel baratro ed in alcuni casi, secondo me, è andata anche oltre.Abbiamo ancora qualche possibilità: dotiamo i nostri figli di anticorpi e nascondiamoli alla vista di chi non ha capito. Nel frattempo cerchiamo di resistere e combattere.Posto pochissimo in generale e quasi mai su questi argomenti, per i motivi descritti nell’articolo sopra.Resistere!!!

  • Signori miei,ciò che scrivete e ciò che dice il buon Messora è oro colato, purtroppo siamo in mano a poteri occulti potentissimi, chiamiamoli massoni,rosacroce,bilderberg,rothschield,ecc. Si tratta di potentissime società che tendono a pilotare tutto il Mondo, più si conosce di loro e più è facile riconoscerli! Chiaro è che tra PD meno L e PDL ,non vi ènessuna differenza,lo scopo è uguale:potere ! In Italia, l’unico movimento, attualmente alternativo, è il M5S! Naturalmente è attaccato da tutti gli altri ,i mezzi di comunicazione, ne manipolano le relative notizie perchè l’opinione pubblica ne riceva un immagine,totalmente negativa!La mummia robot Monti, è stata messa a governare l’Italia per distruggerne l’economia!Come state vedendo, se rimanesse al governo,ce la farebbe sicuramente!Ora, si nota la paura di Grillo,più ancora del popolo che è ben intenzionato a cambiare e a mandare a casa, la vecchia classe politica!L’unica cosa che possiamo fare, è continuare su questa strada!Guardate ,pensate al solo,potere del vaticano!Agisce sulle masse,sfruttando la buona fede del Popolo!Potere nel potere,invischiato con lo stato e i vecchi politici!Ultimo , il caso del” monte dei pazzi di schiena”! Altro non è che un fatto emblematico,del potere delle banche, ho fiducia che poco per volta ,tutte le porcherie messe in atto per dominare,verranno a galla,spero solo che non succeda troppo tardi!! Auguro, atutti gli onest,i una buona vita!! Paolo buon.      

  • Goethe: “non c’è peggior schiavo di colui che crede di essere libero senza esserlo”.

    ABBASSO L’EURO

    VIVA L’ITALIA

  • Axel ha scritto :
    Si dava del paranoico anche ad alcuni Ebrei durante l’inizio del periodo nazista, che dicevano che era meglio andarsene dall’europa e venivano derisi e gli si diceva loro che non c’era nessun pericolo e di stare tranquilli che non sarebbe successo nulla … La paranoia a volte salva la vita. 

     

    La paranoia, come fobia o insieme di fobie, può anche derivare dalla degenerazione patologica dello stare costantemente all’erta, come guerrieri o cacciatori, finendo con lo scorgere pericoli ovunque; una struttura sociale che induce invece a un costante rilassamento, come lusinga e promessa di miglior vita, può allontanare la paranoia (perlomeno un certo tipo..), ma con essa anche la possibilità d’essere vigili e saper esercitare il proprio spirito critico. Proprio sul Corriere della scorsa settimana Giovanni Sartori citava un libro di David Collinson, intitolato “Prozac Leadership“, in cui l’autore sostiene che l’attuale sistema economico sia figlio d’un sistema che “premiando l’ottimismo ha indebolito la capacità di pensare criticamente, ha anestetizzato la sensibilità al pericolo“. Due più due rischia ancora di fare quattro! Se cercare di stare all’erta significa rischiare di diventar paranoici, allora è vero: “La paranoia a volte salva la vita”.

  • Dal complottismo alla fantascienza..

    Ora sposiamo le tesi di Berlousconi e pigliamocela addiriuttura con l’Euro…

    Noi entrammo nell’Euro per grazia ricevuta, grazie a Ciampi+Prodi che riduaìssero il debito/PIL di ben 13 punti: dal 122 al 109%. Lo spread si azzerò e allora avremmo potuto facilmente ridurrlo fino al 60% previsto, nell’interessedei posteri (cioè noi, oggi) più che dell’Europa. Come fece la Svizzera dopo un referendum specifico.

    Poi comparse Berlusconi-Lucignolo che ci ha convinto del paese dei balocchi (meno tasse per totti ecc..) e abbiamo aggravato i conti fin al punto attuale. La crisi ci ha colto nudi alla meta. E ora ci arrabbiamo contro gli strozzini da una parte, e contro la Germania dall’altra, come se fosse colpa dei vigili a non averci multato prima se, per eccesso di velocità, siam finiti fuori strada. Pazzewsco!

    A Claudio, maddaii….

    • Secondo me la questione è diversa:

      1)Non abbiamo fatto nessun referendum per stare nell’Euro ma ci è stato imposto,quindi non abbiamo deciso noi i nostri “vigili”.Mentre invece tu quando studi per il test della scuola guida ti viene detto espressamente che il vigile è una figura da rispettare perchè esso giustamente fa rispettare le regole della strada.

      2)Il debito anche con tasse più alte,non può essere ripianato,poichè noi italiani acquistiamo moneta dalla BCE,quindi ci indebitiamo in partenza e non potremmo mai estinguere questo circolo vizioso.

      3)Lo spread se ci fai caso sembra un invenzione creata a tavolino,per forzarci psicologicamente in qualsiasi scelta è successo per il governo tecnico(questo è innegabile),ormai hanno inculcato la paura dello spread nella mente di molti italiani,ora basta ripescarla e voilà altra forzatura…

      Per piacere non parlare di Berlusconi et simili sono solo dei burattini ormai…

      Non darci dei complottisti,quando dico/diciamo queste cose liquidandoci come fanno i mezzi di informazione mainstream,ma approfindisci vedi se è la verità,informati,poi fatti le tue opinioni…qualcuno diceva “Anche se non sono d’accordo con la tua idea,darò la vita perchè tu possa esprimerla”.

      Io credo sia questo lo spirito di questo Blog.

    • Che bello!

      Pobabilmente attingi dalla fonte democratica e imparziale della televisione per “formare” le tue preziosissime opinioni sull’economia…

      Se avessi voglia potresti consultare le tabelle riguardanti la composizione ed evoluzione del debito pubblico italiano, sono facilmente reperibili in rete. Potresti scoprire che, per esempio, durante gli ultimi governi Berlusconi il debito pubblico diminuiva (e non lo dico io, lo dicono LORO). Interessante che il debito italiano esplose immediatamente dopo il Divorzio tra la Bankitalia e il Tesoro. Questo Divorzio é stato realizzato e fortissimamente voluto dalla cara Sinistra italiana sull’ordinazione della cricca Europea composta dagli scagnozzi dei detentori dei grandi capitali.

      E’ esilarante il fatto che il primo paese a saltare in seguito alla crisi fu…l’Irlanda che aveva il debito pubblico pari al 23 %, cioé non era come noi, era virtuosa!

      Naturalmente, dopo il Divorzio ci é stato utile consegnare i titoli di Stato italiano nelle mani degli speculatori esteri, così il debito é esploso. 

      Con tutto ciò trovo Berlusconi rivoltante e lo tratterei volentieri con un Bazooka…

      Il debito non può matematicamente diminuire se la presenza di moneta unica in regime dei cambi fissi frena l’economia daneggiando le esportazioni, il PIL diminuisce e in conseguenza cresce il debito. Te lo ricordi che sborsiamo circa 80 mld. all’anno per gli interessi sui titoli? E loro SAPEVANO che questo sarebbe inevitabilmente accaduto e lo avevano dichiarato. Napolitano, Prodi, Monti. Ci sono le interviste e i discorsi di Napolitano che un po’ di anni fa aveva l’opinione del tutto diversa da quella attuale. 

      La cara “virtuosa” Germania dove tutti sono biondi, bravi e nessuno ruba, secondo i dati ufficiali soffre di corruzione e di evasione non molto meno di noi, l’ammontare stimato del giro di corruzione tedesco é di 250 mld, il nostro – 280.

      Lo dicono sempre LORO, ricerche dell’università di Vienna. Anche l’evasione é niente male. Come se non bastasse, parecche banche regionali tedesche navigano in cattive acque grazie alle speculazioni azzardate. Sta per scoppiare letteralmente l’inimitabile Deutsche Bank, pare che ci sia il “buco” di 12 mld e una marea di derivati spazzatura.

      Come se non bastasse, la Commissione Europea rivela che gli italiani e i greci lavorano piu dei tedeschi e olandesi secondo le ore lavorate procapite. Italia é il paese che sborsa piu di tutti nei fondi europei in percentuale al PIL. 

      Certo, per la classe governante italiana niente é piu comodo del “Ce lo chiede L’Europa”. Il problema piu grosso é che quando anche quelli come te saranno ridotti in schiavitu e miseria, continueranno pensare che la colpa é NOSTRA perché lo hanno detto in TV…

      Ma ci sono tanti che anche dovendo subire non si lasciano rimbecillire…Sarà la questione di gusti?

       

       

    • @Riff92

      1) Non è vero. Un referendum ci fu e vinse il Si con l’88%. All’epoca eravamo tutti entusiasti e preoccupati di non entrare. Ce lo ricorda Paolo Becchi proprio su questo blog: http://www.byoblu.com/post/2012/09/06/Usciamo-allo-scoperto!.aspx

      2) Ripianato no ma poteva e doveva essere contenuto a livelli fisiologici. Il debito/PIL scese fino al 103% finchè Berlusconi/Tremonti ridussero le tasse a proprio vantaggio in maniera sostenibile cioè facendo aumentare la spesa pubblica invece di ridurla, e da allora è risalito: http://www.youtube.com/watch?v=sn29NSHrVfQ&playnext=1&list=PLBA90AF1EBB68AEDD&feature=results_video

      La Svizzera nell’ultimo decennio ha fatto il contrario, pagando più tasse per ridurre riducendo il proprio debito ad 40% del pil: http://www.swissinfo.ch/ita/politica/Debito_pubblico:_la_Svizzera_in_controtendenza.html?cid=15413540

      3) L’economia in fondo è semplice. Se in famiglia spendi più di quanto guadagni facendo debiti insanabili (cioè non come il mutuo o acquisti rateali per un bene che la arricchisce) la porti al fallimento. Alla fine quella dello spread è solo l’ansia di sopravvivere agli interessi sul debito. Ma nelle mani degli strozzini ci siam messi noi affidando il Paese ai corrotti e disonesti.

      Altro che “burattino”. Complottismo? Se a questo punto non risulta evidente a tutti che Berlusconi ha fatto solo il proprio interesse fregandoci a nostre spese… Come quando Mani pulite scoperchiò il sasso degli appalti pubblici e vennero alla luce tutti i vermi, molta gente ripeteva “chissà cosa c’è sotto”… condizionati anche dalla stampa Berlusconiana che calunniava i magistrati. Ma cosa vuoi che ci sia sotto di più schifoso di questa merda???

      Quanto alla frase di Voltaire, scusa ma mi sembra di notare una certa acredine proprio verso chi esprime fatti ed opinioni suori dal coro di questo Blog. Non per ripicca ma perchè mi preoccupano questi stravolgimenti di una realtà scomoda che inevitabilmente han sempre portato gli Italiani alle scelte peggiori.

      Non mi sembra di insultare nessuno commentando questo post dal complottismo alla fantascienza (o sarebbe meglio dire il contrario) visto lo stile in cui lo ha scritto Claudio.  

      Saluti, Renzo

       

       

    • A Natalia

      “Pobabilmente attingi dalla fonte democratica e imparziale della televisione per “formare” le tue preziosissime opinioni sull’economia…
      Se avessi voglia potresti consultare le tabelle riguardanti la composizione ed evoluzione del debito pubblico italiano, sono facilmente reperibili in rete. Potresti scoprire che, per esempio, durante gli ultimi governi Berlusconi il debito pubblico diminuiva

      Tutto il contrario. I seguenti grafici sul debito pubblico, da me riportati già in precedenti commenti, sono tracciati con Excel proprio sui dati ISTAT facilmente reperibili in rete.

      In valore assoluto il debito pubblico non è mai diminito, ma durante i governi Berlusconi è cresciuto a dismisura, sia in valore assoluto e ancor di più rispetto al PIL. Come fate ad affermare l’opposto?

      Ciao, Renzo

    • PS: @Natalia

      NOTA il grafico qui sopra può apparire tagliato ma se clicchi col tasto destro “visualizza immagine puoi vederr bene quanto è cresciuto il debito proprio sotto l’ultimo governo Berlusconi, sopratutto tra il 2008 e il 2009 dissipando tutti i vantaggi precedenti. L’avanzo primario è infatti stato negativo anche grazie al taglio dell’ICI, al salvataggio Alitalia, alle quote latte, ale spese folli per il G8 e poi per gli appalti senza concorso all’Aquila ecc ecc.

      Insomma mentre l’Europa che pure si indebitava, ma per investire sullo sviluppo e potendo permetterselo, da noi già terzo debito del mondo e primo in Europa ci indebitavano per promuovere la corruzione. Anche grazie alle leggi vergogna che han limitato le funzioni della Corte dei Conti e della Magistratura (e meno male che non è passata quella sulle uintercettazioni e il legittimo impedimento)

      Quanto alle informazioni economiche in TV, trovi cose molto più sensate nel sito Quattrogatti.info. Hai mai visto qualcuno del centrosinistra sventolare questi dati soto il naso dell’altezzoso Tremonti e al bugiardo berlusco che con faccia tosta dicono di aver “lasciato i conti in ordine”???

      Io sono sconcertato. In questa campagna si stan facendo troppe chiacchere rivolte a non affrontare la realtà scomoda del debito.

      Io non sfiderei mai Berlusconi che non ce la farebbe a restituire l’IMU. Temo proprio che ci riesca, a danno di tutto il resto.

      Lui ha portato l’Italia sull’orlo del baratro e…  non è uno che lascia le cose a metà

      Saluti, Renzo

       

    • Ma allora il caso LB non c’entra niente! 

      Sai com’è, tutti gli stati hanno visto un peggioramento dal 2008.

      Quindi è B la causa della crisi mondiale?

      Quello che mi appare evidente invece è che la spezzata sembra indipendente dal tipo di governo. 

      Vogliamo parlare del +6% dell’ultimo? Ah ma non c’entra perché dipende dai danni fatti dal precedente! Certo, a condizione che si ammetta che lo stesso vale per il -3% del lodevole Prodi.

      Quello che appare evidente è l’impennata a partire dal 1982. Che sarà mai successo quell’anno? Mi pare che gli stessi ladroni governassero anche prima.

      Come è evidente una netta discesa nel quinquennio 95-00. Tu sostieni perché governava la sx. Proviamo a verificarlo. Mhhh, dal ’92-’94 abbiamo avuto un +17% del DP/PIL. E allora? Si è passati da Amato ad Amato via Prodi-Ciampi-D’Alema, non è che ci sia stato proprio un reset. 

      Ma allora sarà che le cause sono altre?

      Visto che sei così bravo con i grafici, prova a separare i periodi evidenziando le variazioni della politica monetaria, poi prova a fare la stessa cosa con i dati di altri paesi dell’area euro.

      Se non ne hai voglia c’è chi lo ha già fatto, ad esempio per la Slovenia.

      http://goofynomics.blogspot.it/2013/01/qed-18-frenkel-goes-to-slovenia.html

      Facci sapere.

    • Ho l’impressione che prima ancora che con l’economia tu bisticci con la matematica. Mi sai dare, di grazia, una definizione convincente di livello “fisiologico” del debito? Senza scomodare formule matematiche, e’ intuitivo che la ripagabilita’ di un debito dipende innanzitutto dalla crescita (a parita’ di spesa pubblica). Se hai una crescita del 10% ti puoi permettere un certo livello di debito, se hai una crescita del -2% non c’e’ livello che tenga per il debito, perche’ rischi di dover fare altro debito solo per ripagare gli interessi, soprattutto quando questi sono a livello di “strozzinaggio”. Quant’anche ammettissimo che sia tutta colpa nostra (e non e’ cosi’), non vedo perche’ non dovremmo cercare di uscire dal circolo vizioso.

    • Urca! Non pensavo di trovare tanti fan di Berlusconi in questo blog!! Altro che fantascienza…

      Ma visto che si cita Orwell: “La libertà è libertà di dire che 2 + 2 fa 4” non quello che dice il partito… Ed il 2+2 sul debito pubblico è nei grafici che ho esposto qui sopra

      @Axe

      Uno Stato non è una famiglia.

      PS la svizzera ha moneta sovrana.

      Il debito non è un problema, l’inflazione non è un problema , la spesa a deficit in uno stato sovrano è essenziale , il pareggio di bilancio è +100-100=0, non ti darà mai ricchezza !

      CHevvordì? La svizzera non ha ripagato il debito stampando moneta ma accettando di pagare più tasse. Se la famiglie Italiane sono virtuose e risparmiano, non vedo perchè debbamo mantenere uno Stato spandaccione. Se la spesa pubblica supera gli introiti non si può andare avanti all’infinito. E se al deficit si aggiungono interessi crescenti si fallisce. Punto.

      A Natalia

      durante gli ultimi governi Berlusconi il debito pubblico diminuiva

      Durante i governi Berlusconi il debito è sempre peggiorato. Guarda i dati ISTAT non indici o superindici arbitrari.

      A James62

      “Ho l’impressione che prima ancora che con l’economia tu bisticci con la matematica. Mi sai dare, di grazia, una definizione convincente di livello “fisiologico” del debito? Senza scomodare formule matematiche, e’ intuitivo che la ripagabilita’ di un debito dipende innanzitutto dalla crescita (a parita’ di spesa pubblica).”

      Naturalmente, e infatti nei dati ISTAT il debito e l’avanzo primario sono rapportati al PIL. Il guaio è che durante TUTTI i governi Berlusconi il PIL è sceso mentre il debito risaliva. Un bel binomio! L’alternanza sistematica con i governi di CS dovrebbe render chiaro che non è sempre un fatto congiunturale.

      Solitalmente non “litigo con la matematica” (BTW sono un ingegnere, titolare di mezza dozzina di brevetti internazionali). Certo, una definizione di debito “fisiologico” è opinabile, quanto il “pareggio di bilancio” di Tremonti che venderebbe pure il Colosseo… Ma dovrebbe essere quando ti puoi permettere di sostenerlo senza il rischio di fallire. Gli accordi di Maastricht prevedevano il 60% del PIL. Anche se molti hanno sforato noi siamo sicuramente in uno stato patologico, avendo anche investito male con record di corruzione.

      A Malsano

      “Ma allora il caso LB non c’entra niente!  Sai com’è, tutti gli stati hanno visto un peggioramento dal 2008. Quindi è B la causa della crisi mondiale?

      No, solo della nostra. Non ti basta?

      Quello che mi appare evidente invece è che la spezzata sembra indipendente dal tipo di governo. 

      Guardala meglio. E, anche se un po’ datata, ascolta per favore quello che alle ultime elezioni nel 2008 Quattrogatti prevedevano sarebbe potuto succedere con le politiche di Berlusconi. http://www.youtube.com/watch?v=sn29NSHrVfQ&playnext=1&list=PLBA90AF1EBB68AEDD&feature=results_video . Per capire chi ha fatto la formica e chi la cicala devi anche guardare l’avanzo primario

      Vogliamo parlare del +6% dell’ultimo? Ah ma non c’entra perché dipende dai danni fatti dal precedente! Certo, a condizione che si ammetta che lo stesso vale per il -3% del lodevole Prodi.

      +6, -3? Di cosa stai parlando?  Nel primo governo di CS fino al al 2001 il debito/PIL è passato dal 122 al 109% scendendo di -13% in 5 anni. Nell’ultimo governo Berlusconi dal 2008 al 2011 è salito dal 104 al 120% salendo di +16% in soli tre anni.  

      Ovvio che c’è un delay tra causa ed effetto. Ma se guardi le durate e le alternanze sia del PIL che del debito in tutti i governi dal 1994 al 2011 non si può dire che siano congiunturali. Sono il frutto delle rispettive politiche di sperpero e contenimento messe in atto.

      Saluti, Renzo 

      al post L’invasione degli UltraEuropeisti

      ATTENZIONE: 

      —————————————————————————————-

       Perché il commento venga visualizzato, è necessario cliccare sul seguente link:

       http://www.byoblu.com/page/ConfirmPostMail.aspx?PPid=a57e12f3-ebd6-4581-bb74-08793504bbb0&RCA=0&isnew=1&lang=it-IT

      —————————————————————————————-
      Buona Giornata
      ByoBlu – Il video blog di Claudio Messora  

       

       

       

       

  • Liste civiche a Cinque Stelle – Carta di Firenze – Movimento

    i spread) fra il propositivo-elettorale rispetto al consuntivo post-governativo: giacché solo analizzando e confrontando autenticamente ogni piattaforma elettorale proiettandone per simulazione gli effetti e, le conseguenze che riprodurrebbe ogni programma elettorale nel tempo, si potrebbero avere autentiche contendibili competitive campagne elettorali che focalizzano gli aspetti economici preguanti! Appunto, la “CpB” giudica i partiti sin dai loro programmi dove, per concorrenza, gli stessi partiti conseguentemente mai s’azzarderebbero presentarsi con programmi improponibili! Giacché la CpB sostanzialmente effettua una trasparente valutazione degli effetti che avranno negli anni a venire per ogni diversa piattaforma dei partiti che chiedono voti ai cittadini. E’ la CpB che in Olanda ne verifica gli effetti su un modello, sia macroeconomico sia micro! Comunque in allegato mi permetto aggiungere dell’altro materiale – un agenda – riferita a come sarebbe a mio avviso, opportuno mettere meglio punto ed in modo più organico articolato un’autentica ristrutturazione per fare del nostra Bel Paese un concreto Sistema Paese “resiliente”! Iniziando dagli ingressi dai meccanismi elettorali adottando un articolazione più completa quanto il sistema elettorale SEMIALTERNO permeterebbe evolverci verso una "instant democracy!" In quanto s’abbisogna di soluzioni più complete rispetto a quanto di obsoleto abbiamo in attuazione sia nostrano che ad ogni altra latitudine giacché stanno facendo acqua da tutte le parti vedonsi le cronache! Per contrastare gli inciuci e dissipare la demagogia servirebbe a mioa avviso, oggigiorno ingenerare, infondere e riprodurre un autentico CONCORRENZIALE BIPOLARISMO APERTO essenziale a poter catalizzare governi più coesi e duraturi quanto col SEMIALTERNO si propugna! Dispositivo elettorale il SEMIALTERNO che basandosi su mandate al proporzionale (senza soglia) verrebbero sostituito da una mandata al maggioritario (con premio di maggioranza) in caso di fine anticipata della legislatura, ma in questa evenienza la legislatura entrante non può modificare la Costituzione dopo la quale comunque, si ritornerà a mandate a base proporzionale! Dispositivo elettorale organico per rendere l’impianto sin dagli ingressi ovvero dai meccanismi elettorali a bipolarismo contendibile aperto nel suo complesso!

  • byoblu ha scritto :
    Dove l’hai presa questa reclame? Al di là che la mamma avrebbe dovuto insegnarti che pensare con la tua testa non è un male, anche se scopri cose che a volte non per forza qualcuno ha scritto prima di te, in ogni caso mi corre l’obbligo di farti fare una figuraccia. Uno stato nasce con la finalità primaria di proteggere fisicamente la comunità che rappresenta. Se non ti fidi di me (percché evidentemente hai bisogno che ogni pensiero che accetti debba essere codificato e dispensato dal sistema), magari puoi fidarti del corso di Diritto Pubblico della statale di Milano (prof.Sassi) di quest’anno, dal quale la nozione è stata pari pari ripresa. Apri la tua mente. E fidati un po’ di più delle sue possibilità. 
    MAXIMUS ha scritto :
    Goethe: “non c’è peggior schiavo di colui che crede di essere libero senza esserlo”. ABBASSO L’EURO VIVA L’ITALIA

  • Ma chi sei? Il figlio illegittimo di Santoro e della Innocenzi?

    A te ti dovrebbero multare per eccesso di lentezza.

    Ma vai a votar MPS!

  • Noi però siamo in vantaggio: comunichiamo usando un linguaggio che loro non sono in grado di capire e visto che sono loro ad inseguirci possiamo portarli dove vogliamo, anche a sbattere contro un muro. Non biasimarli, vogliono che gli uomini facciano le bolle di sapone anche domani come facevano ieri.

  • Noi sappiamo e addirittura Anonymus ha aiutato Claudio recentemente.

    Se un giornale diffonde una notizia simile vuol dire che il fronte anti potere non e’ relegato ai “boschi”.

    Non possiamo aver paura, dobbiamo reagire perche’ anche i “lira-scettici” stanno perdendo i loro argomenti di fronte alle evidenze……anche se conosco gente adulta che chiede a me che racconto quello che leggo perche’ la BCE non stampa un po’ di Euro per tutti…..vabbe’ lasciamo stare….

    Anche dalle bocche dei politici ormai colano frammenti di quello che si dice su questi blog…..ieri Bersani ha detto che vuole rifare le scuole…i soldi? rilassando innanzitutto il patto di stabilita’……ma allora prima o poi qualcuno gli chiedera’ sta minkia di patto a chi serve?

    Caio

  • Buone notizie!

    Bancarotta Islanda, la Corte Efta esenta l’isola dal risarcimento dei risparmiatori stranieri.

    Gli islandesi hanno vinto. La Corte dell’Efta (Associazione europea di libero scambio) ha sancito che l’Islanda non deve risarcire i risparmiatori britannici e olandesi che avevano investito nei conti Icesave andati in fumo dopo il tracollo nel 2008 di alcuni istituti di credito dell’isola, tra cui la Landsbanki e la Glitnir Bank. A pagare restano i rispettivi Paesi che hanno dovuto rimborsare i correntisti per alcuni miliardi di euro. La sentenza, accolta con giubilo dagli islandesi, costituisce un interessante, e a tratti pericoloso, precedente in Europa per quanto riguarda le garanzie dei depositi in tempo di crisi.

     Fonte: http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/01/30/bancarotta-islanda-corte-efta-esenta-lisola-dal-risarcimento-dei-risparmiatori-stranieri/483806/

  • Chi sono i nostri veri nemici, lo si sapeva già dagli inizi del 1800; così si esprime Thomas Jefferson che è stato il terzo Presidente degli Stati Uniti d’America.

    “Io credo che le istituzioni bancarie siano più pericolose per le nostre libertà di quanto non lo siano gli eserciti permanenti. Se il popolo americano permetterà mai alle banche private di controllare l’emissione del denaro, dapprima attraverso l’inflazione e poi con la deflazione, le banche e le compagnie che nasceranno intorno alle banche priveranno il popolo dei suoi beni finché i loro figli si ritroveranno senza neanche una casa sul continente che i loro padri hanno conquistato.”

    (Thomas Jefferson  1743-1826)

  • Buon giorno a tutti,

    parlate tanto di “1984”, ma qualcuno di voi ha letto “il Mondo Nuovo-Ritorno al Mondo Nuovo” di Aldous Huxley?

    Secondo me quando questi psicopatici che tirano le fila devono decidere qualcosa, prima consultano questo libro, in quanto loro Bibbia….

    Saluti

    Laura

  • Scusate, approfitto di questo spazio LIBERO per pubblicare un mio commento al post ti Tito Boeri (http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/02/04/imu-60-miliardi-di-sciocchezze/488955/#disqus_thread). Il post viene sistematicamente cancellato dagli amministratori del forum, così come tutti i tentativi di denunciare la censura. Date un’occhiata al contenuto del mio post e poi rabbrividite all’idea che la censura ultraeuropeista è assolutamente operativa (o avete altre spiegazioni). Cos’, tra poco, imbriglieranno anche la rete.

    Berlusconi ormai fa ridere, però anche la stima fatta nell’articolo del gettito IRAP a me sembra un po’ “Montiana” nel senso che non tiene conto della retroazione dell’aumento della pressione fiscale sul gettito. Attualmente l’utile operativo delle aziende è tassato mediamente al 71%; mantenere una pressione fiscale del genere sulle imprese in una congiuntura di recessione significa vederne fallire a centinaia di migliaia perché non possono competere con imprese estere (tedesche) tassate a meno del 50% né possono contare sulla domanda interna, depressa da disoccupazione, IRPEF, IMU e IVA. Quindi il gettito fiscale, se non verrà abbassata la pressione sui contribuenti, continuerà a calare comunque mentre i costi per i sussidi di disoccupazione aumenteranno. In più bisognerà finanziare l’assurdo MES (125 miliardi) e il debito degli enti locali il tutto con gli ancora più assurdi vincoli del Fiscal Compact. In pratica siamo sul binario della Grecia, dove il Fondo Monetario ha già dimostrato la competenza dei suoi economisti.

    Secondo me la soluzione è un cambio di rotta radicale: o la Germania accetta che, come tutti i Paesi normali, l’Eurozona abbia una banca centrale che finanzia direttamente gli stati membri oppure l’Italia saluta l’Euro, il MES e il Fiscal Compact e torna ad essere un Paese sovrano. E’ già stato dimostrato da molti economisti di spicco che l’Italia è il Paese che più guadagnerebbe nell’uscire dall’Euro, grazie al consolidato avanzo primario e commerciale. Inoltre ci sono molti sprechi da eliminare: 23,9 miliardi l’anno è il costo dell’Amministrazione dello Stato (doppio rispetto a 10 anni fa), 7 miliardi il costo delle pensioni sopra i 10,000 euro l’anno, oltre 1 miliardo l’anno per le missioni militari all’estero. In più le grandi opere potrebbero venire sospese per un po’, gli acquisti di armamenti ridotti, etc. etc. etc. Poi si potrebbe rinegoziare il pagamento degli interessi sul debito (73 miliardi l’anno!). Eliminare questi sprechi potrebbe già di per sè finanziare il rimborso dell’IMU, ma B. non lo farà mai.” 

     

    • Anche a me da 2 circa mesi il blog del Fatto cancella i post di analisi economico/finanziaria (sono analista finanziario saggista e ho una rubrica settimanale sulla SBS di Sydney di lingua italiana). Ho scritto una mail a Padellaro per chiedere giustificazioni ma dopo una settimana non mi ha risposto. Temo che finbiremo MOLTO, MA MOLTO MALE, (non tanto per la mancata risposta di Padellaro), ma per le mie analisi dei dati che ci danno in prefallimento in coda alla Grecia.

      Enrico l’analista.

    • Opsss ! E’ vero,sono 2067 quelli che ho incollato.

      Figuraccia ? Stavolta si però è altrettanto vero che censurano.Mi è capitato parecchie volte e infatti lì non posto quasi più da un annetto circa.Il nick era diverso.

      Lo spezzo in due e ripubblico.

    • vero, ma ho provato anche a pubblicare il testo in 2 post distinti e me li eliminavano lo stesso. addirittura ho anche provato a cambiare qualche parola e niente, censurato. tra l’altro appariva per un attimo e poi spariva al successivo refresh, mentre tutti gli altri miei post o commenti passavano la censura. alla fine ho riprovato a pubblicarlo in un post solo verso le 17 ed è rimasto per un’ora, poi non so perche non ho piu controllato. Si vede che il censuratore se n’era andato a casa.ad ogni modo mi ha molto deluso e inquietato che anche sul fatto vegano censurati proprio le idee e i punti di vista dettagliati e documentati secondo un criterio da chiarire, non semplicemente gli insulti o i post inappropriati.Byoblu rimane comunque uno dei pochi, ultimi baluardi della libertà di parola in questo Paese e mi fa pensare che, entro 5 anni, Internet sarà perfettamente dominato.

  • malsano ha scritto :
    Ma allora il caso LB non c’entra niente!  Sai com’è, tutti gli stati hanno visto un peggioramento dal 2008. Quindi è B la causa della crisi mondiale? Quello che mi appare evidente invece è che la spezzata sembra indipendente dal tipo di governo.  Vogliamo parlare del +6% dell’ultimo? Ah ma non c’entra perché dipende dai danni fatti dal precedente! Certo, a condizione che si ammetta che lo stesso vale per il -3% del lodevole Prodi. Quello che appare evidente è l’impennata a partire dal 1982. Che sarà mai successo quell’anno? Mi pare che gli stessi ladroni governassero anche prima. Come è evidente una netta discesa nel quinquennio 95-00. Tu sostieni perché governava la sx. Proviamo a verificarlo. Mhhh, dal ’92-’94 abbiamo avuto un +17% del DP/PIL. E allora? Si è passati da Amato ad Amato via Prodi-Ciampi-D’Alema, non è che ci sia stato proprio un reset.  Ma allora sarà che le cause sono altre? Visto che sei così bravo con i grafici, prova a separare i periodi evidenziando le variazioni della politica monetaria, poi prova a fare la stessa cosa con i dati di altri paesi dell’area euro. Se non ne hai voglia c’è chi lo ha già fatto, ad esempio per la Slovenia. http://goofynomics.blogspot.it/2013/01/qed-18-frenkel-goes-to-slovenia.html Facci sapere.

  • io però fatico a capire perchè non vi rendete conto che il motore di tutto questo schifo (europeista e non) è il Vaticano. ha le mani in pasta ovunque dalla merkel (ultracattolica) a Monti (sottopancia del papa) dal banco santander (opus dei) agli sconti fiscali a onlus e chiesa.
    Potrei andare avanti per ore… ma nessun giornalista va mai a fondo negli intrecci tra politica e curia, nessuno dice nulla sull’insopportabile ingerenza della chiesa sulla politica italiana.

    su fate uno sforzo!

  • Errata Corrige :
    Tra l’altro mi è venuta in mente la reazione dell’UE CONTRO GLI UNGHERESI al tentativo di nazionalizzazione della loro Banca centrale qualche anno fa: perfettamente in linea con la tua tesi. Posta il link se ti va, penso che interesserebbe a tutti in questo forum.

     

  • Oggi Hollande ha detto che ci serve ” PIU EUROPA” !!!

    Serve rafforzare, integrare e blablabla….

    Si, ma la vuole con l’Eurobond sapendo benissimo che la Germania se ne infischia…

    Mentre in Francia si é sul punto di panico per il calo di produzione industriale

    Il Manicomio criminale eurista procede implacabile nel creare una “Cina” al sud dell’Europa…

    Congratuliamoci con la gente indottrinata, quando diventeremo i cinesi europei diranno che la colpa é di Berlusconi. 

  • penso che Internet e telefonia cellulare costituiscano i più straordinari strumenti di controllo mai costruiti. noi desideriamo sia internet che i cellulari, inconsapevoli che questi due apparati fanno milioni di operazioni a noi ignote. non alludo alle elaborazione dei dati, ma alle funzioni occulte. un esempio.

    iscrivendosi con qualsiasi falso nome a un qualsiasi blog o servizio, malgrado una ID variabile il sistema è comunque in grado di identificarvi per nome e cognome, è in grado di stabilire relaziooni tra individui e catalogare le vostre caratteristiche incrociandole con altre per attinenza.

    succede ogni giorno da anni, e nessuno ne sa nulla.

    a questo punto per isolarmi dal sistema dovrei evitare sia la telefonia che internet. ma questo resterebbe un fatto isolato e insignificante. le masse sono ipnotizzate dalla chicaglieria elettronica e solo una esigua parte di noi ha capito il reale pericolo degli strumenti summenzionati.

    due parole sui videogame. sono strumenti d’ambito militare, destinati ad addestrare mentalità ciniche e individualiste. l’armata volontaria che ogni giorno si addestra alla guerra, impara le sue arti a partire dai più giovani. 

    il gioco genera una serie di patologie di dipendenza, ma questo nessuno lo dichiara. quindi, anche le varie app non sono altro che derivazioni di droghe elettroniche destinate a determinare comportamenti compulsivi.

    in ultima analisi il mondo tecnlogico occidentale sta rivolgendo contro se stesso gli strumenti tecnologici che ha creato.

    Tesla, Einsten e molti altri lo avevano predetto.

    siamo in III Guerra Mondiale … e non lo sappiamo. Magia!

     

  • penso che Internet e telefonia cellulare costituiscano i più straordinari strumenti di controllo mai costruiti. noi desideriamo sia internet che i cellulari, inconsapevoli che questi due apparati fanno milioni di operazioni a noi ignote. non alludo alle elaborazione dei dati, ma alle funzioni occulte. un esempio.

    iscrivendosi con qualsiasi falso nome a un qualsiasi blog o servizio, malgrado una ID variabile il sistema è comunque in grado di identificarvi per nome e cognome, è in grado di stabilire relaziooni tra individui e catalogare le vostre caratteristiche incrociandole con altre per attinenza.

    succede ogni giorno da anni, e nessuno ne sa nulla.

    a questo punto per isolarmi dal sistema dovrei evitare sia la telefonia che internet. ma questo resterebbe un fatto isolato e insignificante. le masse sono ipnotizzate dalla chicaglieria elettronica e solo una esigua parte di noi ha capito il reale pericolo degli strumenti summenzionati.

    due parole sui videogame. sono strumenti d’ambito militare, destinati ad addestrare mentalità ciniche e individualiste. l’armata volontaria che ogni giorno si addestra alla guerra, impara le sue arti a partire dai più giovani. 

    il gioco genera una serie di patologie di dipendenza, ma questo nessuno lo dichiara. quindi, anche le varie app non sono altro che derivazioni di droghe elettroniche destinate a determinare comportamenti compulsivi.

    in ultima analisi il mondo tecnlogico occidentale sta rivolgendo contro se stesso gli strumenti tecnologici che ha creato.

    Tesla, Einsten e molti altri lo avevano predetto.

    siamo in III Guerra Mondiale … e non lo sappiamo. Magia!

  • 1000 ha scritto :
    penso che Internet e telefonia cellulare costituiscano i più straordinari strumenti di controllo mai costruiti…”

     

    SacroSanto.

    Sull’argomento, che è centrale nella bilancia delle forze nell’epoca che stiamo vivendo, suggerisco di dare una lettura del libro “Cypherpunks” (es: i cellulari vengono definiti delle “cimici” che possono anche telefonare).

    L’anonimato è un valore. L’anonimato è potere e libertà. Non è un caso che gli hactivisti di Anonymous sono ritenuti una delle più belle espressioni della ormai 40’ennale cultura hacker (rimando anche alle conquiste civili in USA delle organizzazioni anonime di cittadini contro le vessazioni e le intrusioni dell’FBI).

    Echelon purtroppo non è paranoia. Alla faccia dei troll che buttano l’occhio su questo sito.

    E’ forse utile ricordare che questo blog è considerato un influencer e che è sotto lo spot.

    CONSIGLIO: evitate di farvi tracciare, quando commentate su internet non siete al riparo delle mura di casa vostra ma state urlando in piazza.

    Ci sono strumenti che permettono di mascherare la propria attività via web.

    Evitate di fare sì che si possa correlare “idee” –> “impronte nel web” –> “persona fisica”

    Facebook sta alla “primavera araba” come la Stasi stava alla “libertà” nella Germania Orientale.

    Tutto ciò che dite e fate in rete rimarrà per sempre e potrà essere utilizzato contro di voi.

    E dopo un po’ di sano terrorismo ricordo un’asserzione che non si sente più ricordare:

    IL VOTO E’ SEGRETO

     

    Chi ha orecchie per intendere, intenda…

     

     

     

     

     

  • Scusatemi la sfontatezza. Qualche volta leggendo tutti questi post mi rendo conto che abbiamo perso di vista il problema principale. Ma non vedete che fanno di tutto per farci litigare? Se tutti “vedessero” le cose secondo un punto di vista razionale, oggettivo, logico… Saremmo tutti uniti. Stanno riuscendo a fare quel che è nei loro intenti. Dividere. Impoverire. Confondere. Diffondere astio ed odio. Non abbassiamoci ai loro livelli. mB

  • Renzo M ha scritto :
    http://www.byoblu.com/post/2012/09/06/Usciamo-allo-scoperto!.aspx

    Veramente questo articolo non riporta un referendum sull’entrata nell’Euro. Tutt’alpiù cita: fu indetto un “referendum di indirizzo” (ossia consultivo) sul conferimento di un mandato al Parlamento Europeo per redigere un progetto di Costituzione europea

    Che poi sia stato usato come giustificazione per entrare nell’Euro questo è verissimo, ma non era un referendum per la moneta.

  • Il discorso per me è diverso da quello accennato nei post quì sopra.E faccio riferimento all’articolo del Telegraph.Quello che vien detto è chiaro e sicuramente faranno in modo di usare la rete per propagandare e controllare le loro idee anche in mdo scorretto,invasivo cercando di persuadere.Ma fino a prova contraria finchè esistono siti come questo rimane la possibilità di esprimersi.Non si tratta di sottovalutare nulla ma se chiudessero siti di informazione al di fuori del regime. oppure mi arrestassero per ciò che penso e propagando.si paleserebbero come dittatura.La tentazione c’è già e attraverso il controllo di tutti media mainstream rimangono nell’ombra.Il discorso è diverso quando dobbiamo trasmettere ad altri le nostre idee per discuterne,in uffico,al bar,nelle aziende ecc…

    In poche parole: o fanno come i cinesi usando la censura più stretta oppure il tecnocontrollo ha dei limiti che,per esempio,non è in grado di riempire gli stomaci.Tecnicamente c’è la possibilità di rimanere completamentoe anonimo lo sappiamo bene.

    Abbiamo il polso di cosa rappresenta la nostra “”democrazia”” e dobbiamo seminare al di fuori del web,nel nostro piccolo.

  • ogni volta che guardo a questa situazione mi sembra di vivere dentro 1984! solo che non ci siamo ancora cont utte le scarpe e si può ancora fare qualcosa!!

    ritengo che x ogni cosa ci sta il suo tempo e che a questa alienazione, distruzione dell’esse umano, il suo tempo sta x scadere… quanto ancora? non lo so, non ho il dono della veggenza, ma i tempi sono quasi maturi x far esplodere la situazione… tic tac… tic tac…

  • Urca! Non pensavo di trovare tanti fan di Berlusconi in questo blog!! Altro che fantascienza…

    Ma visto che si cita Orwell: “La libertà è libertà di dire che 2 + 2 fa 4” non quello che dice il partito. Ed il 2+2 sul debito pubblico è nei grafici che ho esposto qui sopra

    @Axe

    Uno Stato non è una famiglia.

    PS la svizzera ha moneta sovrana.

    Il debito non è un problema, l’inflazione non è un problema , la spesa a deficit in uno stato sovrano è essenziale , il pareggio di bilancio è +100-100=0, non ti darà mai ricchezza !

    CHevvordì? La svizzera non ha ripagato il debito stampando moneta ma accettando di pagare più tasse. Se la famiglie Italiane sono virtuose e risparmiano, non vedo perchè debbamo mantenere uno Stato spandaccione. Se la spesa pubblica supera gli introiti non si può andare avanti all’infinito. E se al deficit si aggiungono interessi crescenti si fallisce. Punto.

    A Natalia

    durante gli ultimi governi Berlusconi il debito pubblico diminuiva

    Durante i governi Berlusconi il debito è sempre peggiorato. Guarda i dati ISTAT non e interpretazioni.

     

    A Malsano

    “Ma allora il caso LB non c’entra niente!  Sai com’è, tutti gli stati hanno visto un peggioramento dal 2008. Quindi è B la causa della crisi mondiale?

    No, solo della nostra. Non ti basta?

    Quello che mi appare evidente invece è che la spezzata sembra indipendente dal tipo di governo. 

    Guardala meglio. E, anche se un po’ datata, ascolta per favore quello che alle ultime elezioni nel 2008 Quattrogatti prevedevano sarebbe potuto succedere con le politiche di Berlusconi. http://www.youtube.com/watch?v=sn29NSHrVfQ&playnext=1&list=PLBA90AF1EBB68AEDD&feature=results_video . Per capire chi ha fatto la formica e chi la cicala devi anche guardare l’avanzo primario

    Vogliamo parlare del +6% dell’ultimo? Ah ma non c’entra perché dipende dai danni fatti dal precedente! Certo, a condizione che si ammetta che lo stesso vale per il -3% del lodevole Prodi.

    +6, -3? Ma di cosa stai parlando?  Nella prima legislatura di CS fino al al 2001 il debito/PIL è passato dal 122 al 109% scendendo di -13% in 5 anni. Nell’ultimo governo Berlusconi dal 2008 al 2011 è salito dal 104 al 120% salendo di +16% in soli tre anni.  

    Ovvio che c’è un delay tra causa ed effetto. Ma se guardi le durate e le alternanze sia del PIL che del debito attraverso tutti i governi dal ’94 al 2011 non si può mistificare dicendo che siano congiunturali come fa Tremonti. Sono il frutto delle rispettive politiche di maggior sperpero o minor contenimento messe in atto.

    Saluti, Renzo

    PS:

    ATTENTI! Che dopo il “Monti-Bis” viene il “Tre-Monti”… 😉

     

     

     

     

    Non pensavo di trovare tanti fan di Berlusconi in questo blog!!

    Ma visto che si cita Orwell: “Lalibertà è libertà di dire che 2+2 fa 4”. Ed il 2+2 sul debito pubblico è nei grafici che ho esposto qui sopra

    @Axe

    Uno Stato non è una famiglia.

    PS la svizzera ha moneta sovrana.

    Il debito non è un problema, l’inflazione non è un problema , la spesa a deficit in uno stato sovrano è essenziale , il pareggio di bilancio è +100-100=0, non ti darà mai ricchezza !

    CHevvordì? La svizzera non ha ripagato il debito stampando moneta ma accettando di pagare più tasse. Se la famiglie Italiane sono virtuose e risparmiano, non vedo perchè debbamo mantenere uno Stato spandaccione. Se la spesa pubblica supera gli introiti non si può andare avanti all’infinito. E se al deficit si aggiungono interessi crescenti si fallisce. Punto.

    A Natalia

    durante gli ultimi governi Berlusconi il debito pubblico diminuiva

    Durante i governi Berlusconi il debito è sempre peggiorato. Guarda i dati ISTAT, non le interpretazioni.

     

    A Malsano

    “Ma allora il caso LB non c’entra niente!  Sai com’è, tutti gli stati hanno visto un peggioramento dal 2008. Quindi è B la causa della crisi mondiale?

    No, solo della nostra. Non ti basta?

    Quello che mi appare evidente invece è che la spezzata sembra indipendente dal tipo di governo. 

    Guardala meglio. E, anche se un po’ datata, ascolta per favore quello che alle ultime elezioni nel 2008 Quattrogatti prevedevano sarebbe potuto succedere con le politiche di Berlusconi. http://www.youtube.com/watch?v=sn29NSHrVfQ&playnext=1&list=PLBA90AF1EBB68AEDD&feature=results_video . Per capire chi ha fatto la formica e chi la cicala devi anche guardare l’avanzo primario

    Vogliamo parlare del +6% dell’ultimo? Ah ma non c’entra perché dipende dai danni fatti dal precedente! Certo, a condizione che si ammetta che lo stesso vale per il -3% del lodevole Prodi.

    +6, -3? Di cosa stai parlendo?  Nel primo governo di CS fino al al 2001 il debito/PIL è passato dal 122 al 109% scendendo di -13% in 5 anni. Nell’ultimo governo Berlusconi dal 2008 al 2011 è salito dal 104 al 120% salendo di +16% in soli tre anni.  Ovvio che c’è un delay tra causa ed effetto. Ma se guardi le durate e le alternanze sia del PIL che del debito in tutti i governi dal 94 al 2011 non si può dire che siano congiunturali. Sono il frutto delle rispettive politiche di sperpero e contenimento messe in atto.

    Saluti, Renzo 

  • a proposito di Orwell e di Ministero della Verità, volevo solo richiamare l’attenzione di tutti su di un fatto che ha stuzzicato la mia attenzione:

    prescindendo da qualunque valutazione circa il personaggio “Adam Kadmon”, e volendo parlare di contenuti,  Domenica 10 Febbraio andrà in onda su Italia 1 uno speciale della trasmissione “Mistero” nella quale si parlerà di temi a tutti noi molto cari: “illuminati”, “signoraggio bancario”, “nuovo ordine mondiale”, controllo e manipolazione delle menti,  ecc….

    Il punto è che la trasmissione andrà in onda alle 00.30 !!!!!!!!!!!!!!

    Mi chiedo allora: chi la vedrà questa trasmissione ? Quale fantasmagorico share potrà mai ottenere ? Ma soprattutto: quale mente eccelsa ha pensato di inserire questa trasmissione nel palinsesto mediaset  alle 00.30 e non in prima serata ?

    Questo, a mio modestissimo parere, è un ulteriore sintomo di quanto da decenni oramai avviene: chi osa parlare di “nuovo ordine mondiale” viene tacciato di complottismo; chi esce fuori dal coro, su temi come l’Europa e l’Euro (cose buone e giuste per i più),  non viene invitato nei network nazionali, rimanendo “relegato” al massimo ad apparizioni in trasmissioni di seconda, terza serata, con share non certamente elevati.

    In questo modo, dato l’utilizzo ancora oggi di nicchia del web (a volte strumento ostico per alcune larghe fasce d’età) determinati argomenti non arrivano al grande pubblico, facendo sì che le menti rimangano sonnacchiose e convinte delle bugie che, se ripetute (Orwell insegna), divengono verità quasi assolute.

    Buona visione e buona vita a tutti !!!!!!!!!!!!!

  • Renzo M ha scritto :
    Urca! Non pensavo di trovare tanti fan di Berlusconi in questo blog!! Altro che fantascienza… “

     

    E’ risaputo che i berlusconiani siano dei fascisti e che gli antiberusconiani siano degli antifascisti.

    Il rompicato è il risultato del fatto che è anche risaputo che i fascisti si dividono in 2 categorie: fascisti e antifascisti.

    Inoltre questo blog è frequentato da cittadini mediamente democratici.

    Quidi Renzo non è un cittadino.

    Zarathustra

     

    p.s. L’unico avanzo primario è colui che spara numeri e grafici a capocchia.

     

     

  • calimero ha scritto :
      Domenica 10 Febbraio andrà in onda su Italia 1 uno speciale della trasmissione “Mistero” nella quale si parlerà di temi a tutti noi molto cari: “illuminati”, “signoraggio bancario”, “nuovo ordine mondiale”, controllo e manipolazione delle menti,  ecc…. Il punto è che la trasmissione andrà in onda alle 00.30 !!!!!!!!!!!!!!

     

    Grazie al cielo.

     

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi