Ma non dovevo parlare da solo?

Riccardi

La maggioranza dei telespettatori davanti a Piazza Pulita l’avrà dimenticato pochi secondi dopo averlo sentito. Non noi. Noi, proprio no.

 

Il Ministro Andrea Riccardi, ospite di Corrado Formigli in occasione della prima parte della puntata, dove le dimissioni di Papa Ratzinger hanno rubato la scena al consueto focus su Grillo, stava esponendo il suo pensiero tecnico sul cosiddetto “fulmine a ciel sereno” caduto sul Vaticano oggi, addì 11 febbraio 2013 dalla morte del Cristo redentore, quand’ecco il vile marrano Gianluigi Nuzzi, autore di scoop assai mordaci nei confronti del Vaticano e dei suoi abitanti, interromperlo osando – pensate – porre a Sua Tecnicalità una domanda filosofica sulla solitudine del Papa.

Chiunque avrebbe ascoltato, forse un po’ contrariato, eventualmente perfino ignorato il suo interlocutore. Lui no. Il ministro Riccardi, uno dell’entourage di monsieur Monti, fredda lo studio e sibila un tagliente: “Ma non dovevo parlare da solo?“, aggiungendo seccamente un mimato “se no me ne vado!“.

Formigli, schiacciato dal peso evidente di accordi pregressi che non poteva disattendere, tacita perentoriamente lo sgradito interlocutore in esterna (il Nuzzi, che prova a ribattere ma viene ripetutamente zittito). Riccardi può proseguire indisturbato. Come se nulla fosse. Come se nessuno lo avesse apostrofato, se non – forse – un passante occasionale, un mendicante di riflessioni inopportune.

Questa è la spocchia del potere, tanto più immeritato quanto più caduto dal cielo, senza nessuna legittimazione conseguente ad un qualunque sforzo elettorale. Si parla ma non si ascolta. Si dirige un’orchestra che non ci si abbassa a suonare. Si detta e non si ammettono interruzioni durante la trascrizione del pensiero unico.

Con tutto il rispetto per Piazza Pulita, io a L’Ultima Parola vivo un’altra storia. E’, quello, un palco dove chi si permette di esercitare la prevaricazione del potente, viene subissato due volte di più. E’, quello, un posto dove anziché una birra, quella che Daria Bignardi ha offerto a Mario Monti, avrei personalmente offerto al presidente del Consiglio mai votato da nessuno una bella Tequila Bum Bum. Con rutto finale. E’, quella, una bolgia infernale che i politici rifuggono con il terrore negli occhi, mandando sodali e galoppini nel tentativo di evitare il confronto con la pancia del Paese.

E’ quello, un posto nel quale se Riccardi avesse osato proferire un incauto “Ma non dovevo parlare da solo?”, sarebbe andato via in un boato talmente assordante che avrebbe sofferto di acufene (orecchie che fischiano) per una settimana almeno. E infatti, a L’Ultima Parola, non ci viene. Nè lui nè, soprattutto, quello che recentemente ha preso addirittura a dire di cercare il confronto con tutti, ma di non trovarlo: Mario Monti. Peccato che negli studi Rai di viale Mecenate, a Milano, si guardi bene dal venire. Potrebbe trovarne fin troppo.

 

 

22 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • … e per completezza di informazione quando poi Nuzzi ha fatto presente la cosa Formigli ha biasciato qualcosa del tipo che erano d’accordo per un’intervista e non un dibattito… che squallore… fortuna che ormai la tv non la guardo praticamente più…

  • Ciao Claudio,

    per favore puoi scrivere qualcosa sulla situazione in Grecia?

    Trovo davvere orribile quello che sta accadendo, non possono ridurre un popolo in quelle condizioni; sono crimini contro l’umanità.

    E’ scandaloso che in Europa nessun media ne parli, men che meno qui in Italia.

    Certo noi vicini alle elezioni non dobbiamo saperne niente, berci tutte le balle a favore dell’euro e dei trattati criminali e finire nella miseria totale e disperata dei greci.

    Non è possibile tacere di fronte ad un simile scempio.

    Grazie di cuore!

  • Nemmeno a pensarlo il paragone (scusando il gioco di parole/cognome) con l’ultima parola. Due mondi diversi. Ecco perchè io proporrei una petizione per portare  la  trasmissione in prima serata…

  • Claudio,

    aspettavo questo tuo post. Ero sicuro che a te non sarebbe sfuggito. E la riprova (se ce ne fosse ancora bisogno) che c’è sempre qualcuno che vigila e che non ha le fette di prosciutto negli occhi.

    Quello che da fastidio è la spocchia e l’arroganza di uno come il Sig. Riccardi che, tra l’altro, è persona  come si dice in gergo “di chiesa”. 

  • Ecco perchè Grillo non vuole che si vada ai talk show perchè è gia tutto preconfezionato abito su misura per i potenti appena provi a dire qualcosa di diverso e magari intelligente arriva il conduttore e cambia argomento…

  • Ma non dovevo parlare da solo e’ la parola d’ordine di questa squallida campagna elettorale in cui nessun politico o supertecnico si e’ presentato agli elettori nelle piazze ma solo nei teatri, ristoranti o nelle piccole sale pubbliche.E come dice Grillo e’ perché hanno paura.Hanno paura che gli elettori si ammalino, perché se si ammalano aumenta la spesa del SSN, aumentano le ore di malattia, diminuisce la produttività , se diminuisce la produttività aumenta il rapporto debitofrattopil, se aumenta il rapporto aumenta lo spread, se aumenta lo spread aumentano le tasse, se aumentano le tasse gli elettori non li votano più’.Semplice, no?

  • Mi domando quale intervista sensazionale dovesse rilasciare, Sua Eccelenza il Ministro caduto dal cielo, per non poterlo e doverlo mandare a quel paese nel momento in cui invitato a partecipare alla trasmissione chiedeva di voler  parlare da solo senza alcuna interruzione? Forse si tratta solo di vigliaccheria da parte di questa nuova schiera di conduttori che per riuscire a mantenere il posto, accettano di inchinarsi al potente di turno. Poi non lamentiamoci se questa gentaglia, una volta entrata nelle stanze del potere diventa anche prepotente. E mi tocca anche subire il pagamento del canone Rai per allestire il palcoscenico a questi attori.

  • Pensate che scena stupenda sarebbe stata se nel momento in cui Riccardi diceva: “Ma non dovevo parlare da solo?” l’intero pubblico dello studio si fosse alzato in piedi per andar via lasciandolo davvero solo!

    Memorabile!

    Peccato che continuiamo a subire passivamente il fascino di arroganti sconosciuti non eletti ma che ci Governano facendo sfaceli.

     

  • Hanno dimenticato in fretta;  il paricolare, che sono al servizio della popolazione e non il contrario. Grazie Claudio.

     

  • Sarebbe anche ora che tutte queste associazioni massoniche (comunità S. Egidio; Opus Dei; Comunione Liberazione; Vatucano SPA, ecc ecc) fossero messe fuori dagli organi istituzionali. Esse sono radicate pesantemente dentro lo stato italiano (patti lateranensi) e ne condizionano pesantemente la strategia politica ed economica a danno dei cittadini italiani. Uno dei tanti cancri tipici italiani.

  • MA NUZZI… CHI CAXXO E’?? gli hanno fatto scrivere un libro pieno di menzogne, evidentemente per fare carriere in LOGGIA ha dovuto prestarsi a questo servizio. Viene chiamato in televisione come se sapesse qualcosa ed invece NON SA UN CAXXO!!!

    E’ PROPRIO VERO CHE MENZOGNE RIPETUTE ALL’INFINITO ACCHIAPPANO I FESSI….

  • @ NOVECENTO

     

    IL VATICANO NON E’ UNA LOGGIA MASSONICA…COGLIONE!

    INVECE NUZZI E’ UN MASSONE DI MERDA CHE VA SPARARE CAZZATE E, STRANAMENTE, LO CHIAMANO IN TELEVISIONE (CHE CASO CHE UN CAZZONE SIA COSI’ PRESENTE, MENTRE PROFESSORI UNIVERSITARI NON RIESCONO AD ANDARCI!!)

     

    SE NON CAPITE UN CAZZO DELLA REALTA’ IN CUI VIVETE SMETTETE DI BELARE E FATEVI MUNGERE IN SILENZIO

     

     

  • @NOVECENTO

    semmai E’ L’ITALIA L’ACCIDENTE CHE E’ CAPITATO ALLA CHIESA CATTOLICA, 

    LA CHIESA C’ERA GIA’ DA QUASI VENTI SECOLI (ARI-COGLIONE!);

    SEMMAI SONO I MASSONI CHE CONTROLLANO GLI STATI TRAMITE LE BANCHE, LA CHIESA LI HA PURE SCOMUNICATI DA QUALCHE SECOLO (ANCORA PIU’ COGLIONE!);

     

    I CANCRI DELL’ITALIA SONO LA PLETORA DI COGLIONI COME TE CHE SCAMBIA CAZZI PER FISCHI!! E SE NE VANTA….

     

    P.S. UN’ULTIMA COSA: “MA LO HAI CAPITO CHE SEI UN COGLIONE?!”

     

     

  • Non considerandomi cattolico, ecco un motivo ulteriore per manifestare una sincera stima nei confronti del Cardinale Ratzinger il quale, evidentemente, ha avvertito la necessità di continuare il suo cammino di fede in un modo più profondo ed adeguato, autentico e sincero: un modo reale per “parlare da soli” veramente, senza imporre nulla a nessuno, sia con le buone che con le cattive, tantomento la propria limitata insipienza e presuntuosa arroganza.

  • Non volevo neanche risponderti…… ma vorrei che ti rendessi conto almeno del fatto che le parole che spesso menzioni, ti indentificano alla perfezione:    tu rappresenti esattamente l’apparato riproduttivo che spesso descrivi,  con dimensioni immaginabili  e direttamente proporzonate alla piccolezza del tuo cervello.

  • Caro Claudio, vorrei esprimere tutto il mio disgusto per un comportamento inaccettabile del ministro Riccardi; ma posso assicurarti che non mi ha sorpreso. Piuttosto non capisco (voglio dire che “capisco” benissimo l’urgenza di non irritare chi ti paga lo stipendio) perchè tanti giornalisti che sembravano essere dalla parte del proletariato, dei cassintegrati, dei precari, insomma, dei cittadini più colpiti e vittime della crisi che soffoca il popolo da troppo tempo ormai, si dimostrino cosi ostili verso il M5S che E’ l’UNICA VALIDA E CONCRETA ALTERNATIVA al malinconico e corrotto grigiore che ci attornia e che emana il tanfo della corruzione e della criminalità più becera e cinica che mai si potesse immaginare! Forza Claudio, forza GianLuigi, forza Beppe e sopratutto FORZA M5S! Resetiamo il Paese!!!

     

  • Riccardi è il fondatorer della comunità di Sant’Egidio ma non ha mai chiarito perchè riceve soldi da finmeccanica: cosa c’entra l’assistenza caritatevole cristiana agli stranieri con le armi??

    l’Opus dei, è una delle associazioni piu’ pericolose esistenti al mondo vedi: “dentro l’Opus Dei, intervista ad Emanuela Provera”

    Comunione e liberazione in italia è rappresentata da Formigoni e solo questo è sufficiente a descrivere di cosa parliamo e qui ci sarebbe da scrivere una enciclopedia intera.

    Vogliamo parlare poi del Banco di Roma? di Calvi? di Geronzi?, del banco Ambrosiano?? dei pedofili eccellenti??

    Tutto cio’ non puo’ che farci toccare con mano la triste storia di Vaticano SPA, dove sfarzo, ori, lussuria vengono esposti con ostentazione alla faccia di chi deve combattere quotidianamente con la realtà.

     

     

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi