Di quale futuro parliamo?

MessoraSkyTg24-blog

Quando si critica il Movimento Cinque Stelle, accusandolo di irresponsabilità, lo si fa sempre parlando di “futuro”. Siccome non è possibile accusarlo con una qualche credibilità di essere responsabile della crisi economica, politica e istituzionale che ha colpito questo Paese (essendo una chiara responsabilità dei partiti), allora si dice che esiste anche una responsabilità sul futuro, di cui si può essere artefici oppure ostacoli.
 
E’ vero: una volta che si viene eletti, si ha la chiara, ovvia responsabilità di permettere a un futuro migliore di realizzarsi, altrimenti non si capisce a quale scopo si dovrebbe sedere nelle aule del Parlamento. Tuttavia è necessario chiarirsi su una cosa di fondamentale importanza: di quale futuro parliamo? Se il futuro che avete in testa è quello che ha come orizzonte temporale i prossimi mesi, i prossimi giorni, addirittura le prossime ore, allora è vero: il Movimento Cinque Stelle è una spranga di ferro incastrata fra gli ingranaggi del potere, e non permette al meccanismo di girare come ha sempre fatto, silenziosamente, senza problemi. Tuttavia, se il vostro orizzonte degli eventi spazia in una dimensione temporale più ampia, scrutando la curvatura di una visione lucida, sulla quale traccia una rotta certamente più lunga, ma precisa e predeterminata, allora questo momento può essere visto come un passo intermedio, un momento necessario per consentire alla nave, al Paese di raggiungere mete che, senza un progetto di ampio respiro, resterebbero macchioline distanti, tenui ombre che tremolano in lontantanza, presenti su una cartina disegnata da chi ha avuto l’ardire di immaginarle e anche, coraggiosamente, di provare a raggiungere.
Nessuna visione a corto raggio può restituire all’Italia la speranza di cambiamento: il cambiamento o è totale, o è totalmente finto. Ma per cambiare davvero, occorre guardare lontano, così come per uscire da una gabbia dorata occorre prima rompere i cardini arrugginiti su cui una porticina sprangata da troppo tempo non è più in grado di ruotare.
E allora, di quale futuro parlate, quando parlate di futuro?
 
 

143 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    • Io invece non sono d’accordo con l’analisi di Claudio.

      Bisognava imporre a Bersani dei punti del programma 

      del M5S, che fossero vicini alle promesse del Pd e

      mai mantenute; e dare la fiducia per 6 mesi un anno

      per concretizzarli quest punti: legge elettorale, 

      conflitto di interessi, aiuti alle medie e piccole imprese ecc.

       Dopo questo alle prossime elezioni il M5S avrebbe sbancato,

      invece ora cosa rimane : NULLA.

      Con la prospettiva che alle prossime elezioni il consenso cali

      sensibilmente.

      La morale è che non si può avere mai tutto subito.

       

    • La task force voluta da Napolitano prevede Violante e Quagliarello

      alle riforme istituzionali.

      Un gran bel risultato.

    • Perdona @lucaianoc ma i forum si son riempiti di persone che fanno queste affermazioni sul serio!

      Poi linkare certi filmati non è mai nocivo…

  • Si tratta anche di una questione generazionale.

    Può una persona di 70-80-90 anni spingersi ad una visione futura o cerca di pianificare i prossimi 3-4 mesi al massimo?

    • Esatto, il problema non è da poco. Bisognerebbe sentire qualche psicologo. Ad ogni modo, considerato che il futuro è dei giovani, che ne pensate della proposta che fu fatta qualche tempo fa, di revocare la tessera elettorale ai maggiori di anni 70?

  • Ciao Claudio, credo che il 25% circa dei voti che ha preso il M5S non sia un punto di partenza, ma un punto di arrivo. Come ho già scritto in diversi post, tanti elettori sono già pronti a voltare le spalle al M5S, quindi questo è il momento di agire ovviamente per quelli che sono gli spazi di manovra, se non si fa qualcosa ora temo non lo si farà mai, ogni giorno che passa è un giorno di dolore e sofferenza in più e qualcuno ci lascia anche la pelle. So che questo appello ha poco valore, ma almeno ci ho provato.

    • premesso che la coerenza è una delle cose più inportanti nella vita ed a maggior ragione anche in politica, ma te lo immagini che gigantesco tritacarne avrebbero messo in moto i media per il M5S se avesse dato la fiducia al PD-L o PDL? Direbbero subito: ma come? sono anni che dite di volerli mandare TUTTI A CASA e poi gli date la fiducia? Ma allora vedete… siete uguali a loro!!!

    • Per quelli che: “ma allora dovevano votare PD”.

       

      Siete insopportabili, non vi rendete conto che e’ anche grazie a quelli il M5S ha raggiunto un risultato impensabile fino a qualche settimana prima. Oltretutto non avete neanche idea di quanti sono quelli che sono stati indecisi fino all’ultimo tra M5S e PD. Molti piu’ di quanti immaginate. Io stesso, che ero orientato verso il voto al M5S, ma con non pochi dubbi (che oggi stanno trovando conferma), sono stato convinto definitivamente a votare M5S da una persona che poi, all’ultimo momento, ha votato PD, per la fottuta paura che vincesse il caimano. Non potete pensare che 9 milioni di voti possano provenire tutti da “ultras” del Movimento e mai potra’ succedere. E’ inevitabile che un partito o un movimento, quanto piu’ grandi diventano, piu’ devono avere la capacita’ di “inglobare” sfumature di pensiero diversi e non chiudersi come una setta. Ma come pensate di “mandarli tutti a casa”, se non con l’apporto dei voti? E come pensate di portare voti al Movimento, se continuate a chiudervi su posizioni radicali?

       

      Adesso avete la tanto sospirata “prorogatio”: un bel trappolone confezionato ad hoc per il M5S, che non ha voluto ascoltare le voci “critiche”, ma costruttive, di quelli che hanno sperato fino all’ultimo che il Movimento avesse davvero i “nomi” da dare al Presidente, ma evidentemente era un bluff! Persino Marco Travaglio (che mi sembra uno ascoltato da Grillo) lo ha scritto sul Fatto di oggi: se il M5S avesse proposto dei nomi a Napolitano, poteva fare scacco al re e invece ha fatto un bel autoscacco matto. E’ vero che bisogna guardare lontano, ma nel frattempo guardare anche dove si poggiano i piedi.

    • @Cricket61

      Quoto il commento sotto al tuo, in quel modo si sarebbe costretto il PD a dare fiducia ad un eventuale nostro presidente del consiglio incaricato, pena la rivolta dei propri elettori.
      Allora sarebbero stati loro a dare fiducia a noi!
      Allora avremmo influito in tutti i meandri del Parlamento e del Governo, allora avremmo reso operativo il nostro programma (o parte di esso), allora avremmo gettato le basi per un futuro pienamente a Cinque Stelle!

      Invece ora che futuro vedi per noi screditati davanti a tutto il Paese?

    • tante belle cose hai scritto ..ma su una cosa hai detto na caxxata quanto una casa che i troll. usano @libero.it, quindi presumo che io sia un troll?

      ho votato m5s io e la mia famiglia..non so che faranno alle prossime elezioni i miei familiari, ma io rivoto m5s, sempre se Beppe riterra di mantenere vivo ancora il M5s, perchè Noi italiani siamo degli stupidi pecoroni, ci hanno massacrato e spolpato per 40 anni, e ora pretendiamo che in un mese cambiamo le cose?Non votate piu m5s  se volete fare compromessi col PD.

    • C’è un’altra definizione di Troll, più completa:

      Sta lì a dire agli altri che sono Troll

      Non gli interessa il tuo parere, e se lo fa è solo per prendere spunto con un nuovo insulto o provocazione

      Non argomenta: impiastra il blog in modo da diradare i discorsi

      Risponde a commenti come questo per chiarire che non è un Troll ma lo è l’autore

      Il problema vero sono i Troll che vogliono condizionare a forza di martellamento – piuttosto che di argomentazioni – il libero pensiero nel Movimento, o quelli che non tengono conto dei suoi principii e delle sue regole e tendono ad imporre una linea di pensiero unica quando si tratta di comportamenti non previsti dai principii e dalle regole, giusto per non sentirsi insicuri.

      Poiché in questo momento non è ancora disponibile la piattaforma di “democrazia liquida” siamo tutti potenziali Troll, anche se abbiamo votato M5S o se siamo attivisti della prima ora, a meno che non ci limitiamo a ratificare il pensiero dei vertici. Ma è nello spirito del Movimento ammettere critiche costruttive; quello che non è ammesso è la critica distruttiva o la critica sterile.

  • Ecco i nomi dei “saggi” scelti da napolitano.

    I loro interessi prima di tutto e poi la colpa agli altri (M5S).

    professor Valerio Onida,
    senatore Mario Mauro (Scelta civica),
    senatore Gaetano Quagliariello (Pdl)
    professor Luciano Violante (Pd);
    professor Enrico Giovannini, presidente dell’Istat,
    professor Giovanni Pitruzzella, presidente Antitrust
    dottor Salvatore Rossi, membro del Direttorio della Banca d’Italia
    onorevole Giancarlo Giorgetti (Lega Nord)  presidente delle Commissioni speciali operanti alla Camera
    senatore Filippo Bubbico (Pd) presidente delle Commissioni speciali operanti al Senato
    ministro Enzo Moavero Milanesi.

    • Adesso è più chiaro a che cosa sarebbe servito portare a Napolitano dei nomi?

      Luciano Violante, Gaetano Quagliariello … altro che foglie di fico, queste sono foglie di fico d’india che ci vengono offerte al posto della carta igienica.

      Se avessimo portato dei nomi, adesso potremmo dire “non siamo stati ascoltati”; ora invece addosseranno tutta la responsabilità al M5S e riconquisteranno il loro elettorato.

      Noi da adesso saremo sempre meno influenti in Parlamento: non hanno neanche fatto finta di coinvelgere un Cinque Stelle. Se glielo chiedi ti rispondono: “Non hanno voluto indicare neanche un nome, vuol dire che volevano rimanere fuori”.
      Spenditi inutilmente poi a spiegare che non è vero!

      A prescindere da come effettivamente avrebbero reagito se i nomi li avessimo fatti, ora non avrebbero buon gioco a dichiararci inconcludenti davanti al Paese.
      Se avessimo avanzato delle proposte a Napolitano, ci saremmo trovati ora a poter dire che una proposta di governo l’avevamo fatta ma non ci hanno voluto seguire per i soliti loro vecchi interessi personali, e alla prossima tornata avremmo preso il 40% – oltre ad avere avuto la possibilità di cambiare la legge elettorale come diciamo noi, possibilità che ora non abbiamo più -.
      Ora rimaniamo con un palmo di naso – però orgogliosamente coerenti.

      Mi dispiace, ma non si cambia niente se si rimane fuori anziché mettersi in gioco. E non si getta nessuna base per il futuro facendo in questo modo.

    • Ma come siete pessimisti, ma secondo voi adesso i nostri cittadini, non vigileranno su le leggi e i decreti che faranno?

      Ma non vi rendete conto che facendo cosi Napolitano il PDe il PDL, si stanno dando la zappa sui piedi?

      Ma cosa vi credere che Beppe e cosi sprovveduto, io ho fiducia sull’operato di Beppe, sul suo modo di pensare e agire, sono proprio curioso adesso  di vedere come fanno a far passare le leggi ammazzapopolo, con i cittadini che denunciano, poi voglio vedere tutti quelli che parlano male dell’operato del m5s, cosa diranno tra qualche mese.

      Mi ricollego al decreto legge che stavano facendo passare in sordina dei 40 miliardi da dare agli imprenditori per i pagamente della PM.

      hp letto tante cose giuste che le banche hanno anticipato ecc..ecc..ma questo era un decretoper aiutare le banche.

      Vi ricordo che le banche sono creditice anche loro come i fornitori di materie prime che hanno  fornito le imprese,quindi perche si devono privilegiare le banche per rientrare le banche?ecco cosa hano fatto i cittadini m5s hanno sventato un’altro aiuto alle banche.

      e cosi faranno , vigileranno e ci diranno le cose, voglio proprio vedere come faranno a fare gli intrallazzi , senza che noi sappiano.

  • Se i neoeletti del M5S non dicono a tutti quello che stà facendo questa Europa, presto non ci sarà alcun futuro di cui parlare.

  • Bellissimo. Giustimmo. Bravo. Cosa dire… la penso cosi’ da molti anni. Mi spiace quasi di non aver votato M5S…ma.. in pratica ? Lasciami dire la mia Claudio, per un futuro del genere e  un cambaimenteo totale che non sia totalmente fallito, come si fa ? Ecco la mia idea: non basta cambiare il 100% del parlamento, bisoga ricambiare tutta la piramide amminstrativa e decisionale fino a tutti i poso dove la politica giungo e potrebbe giungere, parlamento, regiondi, province, comuni, ospedali, universita’, USL, ASL, societa’ dal gas, dell’acqua, dei trasporti pubblici, aeroporti, ferrovie, alitalia, fondazoini di qua e e di la’ e chi piu’ ne ha piu’ ne metta, e ovunque avere persone che abbiano chiaro che onesta’ e rispetto delle regole sono quello che conta, e farlo per almeno due generazioni, fino a che tutti gli italiani diventano convinti che onesto e’ giusto, che rispettare le regole convine, che pagare le tasse e’ bene, che denunciare gli illeciti e’ doveroso. Da anni lo coltivo come un sogno impossibile, c’e’ chi dice “dichiaramo guerra alla germania e arrendiamoci il giorno dopo”, magari bastasse cosi’ poco per farsi invadere e governare da qualcuno che non sia un ladrone. Come si fa in pratica ? Come costruiamo una rivoluzione di questo genere e di questa portate ? Il 100% M5S sarebbe l’arrivo, non la partenza di tale trasformazione.

    Non me ne frega di nulla di alleanze, fiduce, sono tatticismi da valutare al momento, e gestire con freddezza, ma quale e’ il modo per cambiare la testa agli italiani ?

    A volte penso, altro che “maledetta Merkel”, meno male che c’e’ stato l’Euro, la crisi, la troika, Cipro i PIIGS il CludMed e via col tango, almeno ora c’e’ stato un sussulto se non di onesta’ di diseprazione, un grido di BASTA. Almeno non abbiamo un governo bunga bunga che con un regalo a destra, una promessa a sinistra, e un debito suell spalle di tutti, tira a campare e a buttarcelo in quel posto.  Ora serve andare avanti, non solo tenere duro, ma avanti su come portare un cambiamento diffuso, radicale e persistente, come cambiare la testa alla gente senza rompergliela. Anche a che internet non la usera’ mai. Anche a chi sara’ per sempre un egoista ladro e qualunqista. E” una strada lunga, da dove si parte ?

    Evviva guardare lontano, ma, per favore, indicaci un percorso realisticamente praticabile per arrivarci. GRAZIE !

     

     

     

  • va bene, il cambiamento deve essere totale. Ma che almeno ci fosse un documento diffuso capillarmente, dove la visione del futuro a cui si aspira venga esplicitato. Non parlo del programma elettorale. Parlo del sogno a cui si aspira. Anche perchè così si risponde definitivamente a tutti coloro che immaginano inorridendo che la prospettiva sia quella delineata nel video Gaia sul sito di Casaleggio. Chi ha votato il m5s ha il diritto di conoscere il sogno per poterlo condividere e per poter comprendere le strategie parlamentari.

  • Capitano, se non fai attenzione allo scoglio nel quale ci stiamo incagliando, la nave rischia di affondare alla partenza.

    Pensi che il non aver presentato nessun nome a Napolitano abbia rafforzato o indebolito la posizione del M5S in Parlamento? Pensi che ora l’indirizzo politico della Commissione Speciale e del governo in carica potrà essere condizionata da M5S oppure adesso non accadrà altro che un bell’accordo PD-PDL, magari su nostri punti mascherati, magari con una nuova legge elettorale fuffa, in modo da scongiurare per sempre la nostra presenza massiccia in Parlamento, come accaduto in questa tornata elettorale?

    • Lionart 79, capisco il tuo dubbio, ma io credo che non sarebbe cambiato nulla. Avremmo anzi rischiato di bruciare il nome . D’altronde Napolitano ha paura, ha anche lui i suoi scheletri nell’armadio, e la scelta di Giorgetti come coordinatore , che appare come forma di riequilibro per Boldrini e Grasso, è in verità una merce di scambio offerta a Berlusconi. Sto aspettando di vedere i “saggi”…..

    • Eh non è una questione da poco, e credo che la differenza l’avrebbe fatta, perché quando fra non molti mesi si tornerà al voto, gli avversari avranno buon gioco a dire che non siamo una forza di governo. E con la legge elettorale fatta come la vogliono loro che succederà? Che saremo eterna minoranza in Parlamento, altro che futuro rivoluzionario.

      Il M5S è la mia ultima speranza, mi auguro di sbagliarmi.

    • Concordo. Sono riusciti a trovare una soluzione che non da adito al M5S di avanzare critiche, perche’ di fatto stanno attuando la “prorogatio”, invocata da Paolo Becchi. Ma di fatto sara’ la maschera dietro cui PD e PDL potranno inciuciare indisturbati, continuando a “litigare” fintamente nei pollai di Ballaro’ e Porta a Porta. Non e’ altro che la continuazione del governo Monti, nella sua pienezza di poteri, mi pare di capire. Napolitano, infatti, ha detto che il governo ha i pieni poteri, perche’ di fatto non e’ mai stato sfiduciato dalle camere. Avevano pensato anche a questo! Io sono stato tra quelli che spingevano per la fiducia a Bersani, per paura che si accordassero PD-PDL. Poi, quando ho visto che Napolitano ha riconvocato tutti per il secondo giro, ho tirato un sospiro di sollievo, convintissimo che il M5S non si sarebbe fatto sfuggire questa ghiotta occasione, per proporre un governo M5S, portando pero’ a Napolitano una rosa di nomi “non-respingibili”, che Napolitano avrebbe dovuto sottoporre all’attenzione del PD. Ma niente! Il nulla! La Lombardi che si arrampica sugli specchi, dicendo: non contano i nomi, ma il programma! Credo che la storia dei nomi fosse tutto un bluff, anche se qualcuno dice che non sono stati fatti per non bruciarli.

    • Laionart79,non hai capito,a che serve fare un nome?
      L’obiettivo del M5S è proprio questo,ma non posso dire di più.Aspetta e vedrai.

  • Senti Claudio, a parte che qualsiasi “curvatura” è fatta di punti quindi quando la guardi da lontano è una curva perfetta, più ti avvicini più ti rendi conto che di perfetto non c’è nulla sono punti che non sono allineati come immaginavi tu……però a parte questi equilibrismi poetici fatti di visioni oniriche che ci proponi forse sarebbe il caso di parlare di cose concrete che incidano anche a lungo termine sul nostro paese. In questo caso è inutile starci a girare intorno abbiamo perso un’occasione unica, preziosa e probabilmente irripetibile e tu come d’altronde anche Grillo stai facendo i salti mortali per giustificare questo suicidio. Ti dico solo che tutta questa intransigenza porta solo all’eutanasia  quando invece tenevamo tutti, e ripeto TUTTI, per i coglioni e abbiamo fatto gli schizzinosi dicendo che ci faceva schifo toccare i coglioni. Vedo solo un movimento incatenato attorno ad una fantomatica coerenza che non permette di generare proposte possibili. Ciao

  • chissa’ se nell’uovo di Pasqua troveremo il nome di Bagnai o Borghi tra i “saggi” in economia voluti da re giorgio?

    la speranza e’ sempre l’ultima a morire…

    Auguri

  • ” il cambiamento o è totale, o è totalmente finto”

     

    Parole troppo forti,  che incutono un po di preoccupazione e soggezione, almeno in chi conosce le realtà sudamericane, di quei paesi che hanno passato o subito rivoluzioni di ogni risma e categoria  in cui personalmente ho già ascoltato e letto affermazioni identiche. Troppo forti perchè almeno 2/3 del paese attualmente non la pensa come il M5S, magari è d accordo su alcuni punti ( come il sottoscritto ) ma riguardo altri pensa siano solo deliri distopici. Arriverà il giorno in cui dovrete scegliere se mediare o meno con quella parte del paese che non la pensa come voi.

    • Hai ragione! Cavolo… la GEOGRAFIA… l’ARGENTINA è da almeno 70’anni un esempio di social democrazia scandinava!!

      E io che pensavo che i DESAPARECIDOS fossero in Argentina e in sudamerica! Ma che IGNORANTE! 😉

      Sei un propagandista farlocco… neanche lo strillone per l’unità saresti in grado di fare…

  • Allora, io non sono contro il movimento M5S, al contrario io sono pro M5S(anche se ho votato Ingroia), però penso: M5S vuole fare il governo da solo. Non sarebbe giusto nemmeno nei confronti di chi ha votato PD e PD-L fare un governo di solo M5S. Mi viene da pensare che il M5S e Grillo in particolare stà ostacolando la formazione del governo per portare l’Italia a nuove elezioni sperando che questa volta ottenga la maggioranza da sola(e secondo me non sbaglia a pensarlo cosi’ in quanto chi ha dato il voto a Ingroia&company, compreso il sottoscritto, questa volta non lo spreccerebbe visti i risultati). Questa èl’unica strada percoribile e possibile altrimenti non mi spiego questo comportamento di M5S. è una lettura corretta della situazione politica o sbaglio? Sopratutto vorrei leggere il parere di Claudio.

    Evald

    • a proposito di ingroia…

      beppe da tanti anni ha dimostrato di saper guardare lontano,e proprio il caso di ingroia e stata la prova piu’ recente’ !

      pur ricevendo molte “avance” dallo stesso,ha ricevuto anche pressioni da persone vicine al movimento prima del voto affinche’ facesse alleanze con lui e non solo,come strategia per “pesare” di piu’ in parlamento (non vorrei sbagliare,ma credo che tra le persone favorevoli ad una mossa del genere c’era anche Claudio Messora) e come e’ andata a finire poi?

      non c’e bisogno di rispondere credo,comunque una cosa e’ certa,Grillo sicuramente non e’ l’ultimo fesso,come si dice dalle mie parti,e credo che meriti piu’ fiducia e meno “fuoco amico”!

      per me fa bene a seguire la linea adottata finora,anche perche’ era nelle intenzioni del movimento dall’inizio,e normalmente questa si chiama coerenza,se quelli che hanno votato m5s non hanno afferrato il senso mi dispiace per loro!


  • Ottimo intervento, è un po’ quello che dico anche io a chi dice che non voterà più il Movimento: sono abituati ai vecchi modi, non solo i politici ma anche gli elettori devono imparare a volere di più. Grazie Claudio. ps. La mancanza di una regia ha volte fa prendere chine pericolose, come l’assurda filippica contro i commessi della camera (anziche’ i funzionari), accusati di prendere più del doppio di quanto prendono e di non fare una mazza. Scivoloni che – boh – forse bisognerebbe correggere se non si riesce ad evitarli.

  • Condivido in pieno.Non so dalla tua postazione privilegiata se hai la mia stessa sensazione e cioè che questa iniziativa dei “saggi” abbia un marchio ben preciso ma lasciato tra le righe…Cioè M5S.

    Nel senso che,pur se condividono tutti i partiti con piccole distinzioni,la leva di acciaio stia già producendo i suoi effetti.

    Vedremo se l’intuizione  è quella giusta.

  • Oddio !!! Ho appena sentito i nomi dei “saggi”.  Un brivido mi è corso per la schiena e ho inondato lo schermo di Coca Cola con un rigurgito.

  • Io personalmente sono invece profondamente disgustato è schifato da questa gente he ha votato 5 stelle e guarda al PD, si dice che il m5s abbia di fatto preso i voti del centrosinistra.. Niente di più falso! Io ero un elettore del centrodestra ma nono sono riuscito più a votare B perchè travolto dai scadali indecenti e insopportabili.
    Cho ha votato i 5 stelle sa benissimo quale responsabilità doveva assumersi, il tutti a casa è rivolto a TUTTI e non come qualcuno pensi soltanto a B, perchè se parli con un piddino ti dice che il male dell’italia attualmente è B e i cinquestelle che con la loro azione hanno favorito il ritorno della “mummia”.
    Ma come si fa a dare fiducia ad un governo composto da persone squallide e schifose che hanno supportato il governo monti e speravano che quest’ultimo prendesse una vagonata di voti?
    Il PD richiama alla responsabilità nazionale i cinquestelle senza però assumeresene nessuna, hanno mangiato e pasciuto col centrodestra e adesso sanno bene che se fanno un governo di scopo di larghe intese imploderanno.
    Io vorrei una piccola Norimberga dove questa gente partendo appunto dai vertici del PD venga giudicata e condannata.
    Tra il silenzio assordante sta passando nuovamente la vicenda di MPS, il più grave scandalo finanziario della storia della repubblica e devo pure sorbirmi questi tifosi sfegatati pro Bersani,Renzi o Prodi?????
    La rabbia sta montando ancora di più, gli elettori del PD sono collusi con lo schifo e il degrado che ha colpito il nostro paese negli ultimi 20 anni.

  • Credo che quello che ha detto ieri Beppe Grillo, sia importante: “questo è un paese strano”. E’ VERO ed è anche vero che con questo “paese strano” ci dobbiamo fare i conti. Questo secondo me è bene tenerselo a mente, è bene sapere che non a tutti interessa il bene del prossimo e tanto meno il bene del Paese, il futuro, la sostenibilità e perfino di come vivranno i nostri e i loro figli dopo di loro. E brutto dirlo ma sfido chiunque a dire il contrario.  Oltre a questo vedo però anche un altra parte secondo me non meno importante ai fini del cambiamento,  per esempio il comunicato di Napolitano di oggi; MA COSA HA DETTO? mille giri di parole, plitichese su politichese per non dire ASSOLUTAMENTE NIENTE. MA vi sembra possibile che un capo dello stato non sappia avere la chiarezza il polso e la decisione che servono in questi momenti? Qui però bisognerebbe fare un RESET anzi un REWIND. Ma come siamo ridotti in Italia, può essere che un signore (seppur in buona fede) di 80 anni debba decidere sullo stallo di un paese e sulle misure da prendersi per uscirne? ma ci rendiamo conto? In questi casi mi viene da pensare ai miei nonni, alle 8:00 di sera l’unico desiderio che hanno è di andarsene a letto. IL CAMBIAMENTO vero lo avremo, grazie al M5S, ma occorrerà attendere il tempo della sostituzione di tutta questa classe Politca ormai buona solo per il letto alle otto.

  • Sintetico e preciso.

    Bravissimo !

    Chissà se prenderà piede la vera voglia di cambiare o prevarrà la pigrizia e la paura di farlo. Se lasceremo cadere nel vuoto l’occasione di farlo, moriremo col rimorso di non averci provato.

    Io sono fiducioso al massimo e so di non essere solo!

    Ciao e grazie per i tuoi puntuali interventi

  • A questo punto non sono da escludere le “dimissioni in blocco dei parlamentari del M5S.

    Con questi presupposti gli italiani devono capire per bene chi li manderà in malora ….al di la di ogni ragionevole dubbio.

    à la guerre comme à la guerre con cui si vuole genericamente significare che ogni situazione va accettata per ciò che essa è, e che bisogna contentarsi delle risorse che sono offerte dalle circostanze.

    • Come fai a dire che la nostra è una democrazia? Non lo è almeno da 40 anni.

      E non è un aventino ma una possibile risposta alla polpetta avvelenata che hanno messo in campo.

      Non dico che si debba fare ma che “NON E’ DA ESCLUDERE”…dipende da come evolveranno le cose.

      (prova a immaginare che razza di proposte “innovative” arriveranno in Parlamento  e a cui il M5S dovrà dire No assumendosene tutta la responsabilità.Con la conseguente mitragliata dei media anticambiamento.Bella prospettiva !!)

  • Basta leggere i nomi dei saggi che questo presidentucolo della repubblichina delle banane ” mi scuso con le repubbliche delle banane” ha fatto per capire che con questi figuri non c’è alcun futuro!.

     

  • Lucianoc ha scritto :
    Io invece non sono d’accordo con l’analisi di Claudio. Bisognava imporre a Bersani dei punti del programma  del M5S, che fossero vicini alle promesse del Pd e mai mantenute; e dare la fiducia per 6 mesi un anno per concretizzarli quest punti: legge elettorale,  conflitto di interessi, aiuti alle medie e piccole imprese ecc.  Dopo questo alle prossime elezioni il M5S avrebbe sbancato, invece ora cosa rimane : NULLA. Con la prospettiva che alle prossime elezioni il consenso cali sensibilmente. La morale è che non si può avere mai tutto subito.  

    Perchè sei sicuro, che una volta avuta la fiducia, il PD avrebbe mantenuto la parola di rispettare i punti del M5S? Ma quante promesse hanno onorato negli anni di governo?

    Potresti ribattere che a quel punto, il movimento avrebbe tolto loro la fiducia, ma allora la crisi del governo e nuove elezioni sarebbero ricadute sul M5S! Un bel biglietto da visita.

    Non è una questione di tattica, questi non hanno ancora capito una semplice cosa: c’è bisogno di un cambiamento politico e di rielaborare tutta la società, dalle fondamenta.

  • Non parlate dei problemi dell’oggi.

     

    Parlate del futuro lontano e vi definite una spranga che impedisce il meccanismo.

     

    Non dite nulla sull’economia e continuate a battere sulla giustizia e l’onestà.

     

    State facendo un errore dopo l’altro.

     

    Forza ragazzi, diventate propositivi, parlate di economia nel dettaglio, fate proposte di legge che sennò perdete il treno.

    Non potete contare solo sulla stupidità altrui.

     

    Coraggio.

  • Caro Claudio,

    questa mattina su fb-M5S ho scritto poche righe sull’ argomento: ma come ha fatto Grillo a non intuire  ?
    C’e’ poco da fare quesla trappola preparata al Movimento ?

    Questa insana decisione di non dare nominativi di Saggi a Napolitano ieri, ha decretato se non la fine del Movimento certamente un notevole ridimensionamento: pesnos che si ritrovera’ a svolgere svolgera’ una mera funzione giornalistica degli accadimenti Parlamnentari senza poter incidere su alcuna decisione importante (altro che Copasir o RAI…)

    Potevamo mettere sia Napolitano che PD nell’ angolo e il Ber rischiava veramente la fine. Cosi’ li ritroviamo tutti con la ciliegina “Renzi”. Imperdonabile errore, peccato, ma un treno simile passa sola una volta nella vita (“forse’)

    Sempre con il M5S ma “dispiaciutissimo”

    Cordiali Saluti
    Giordano

  • Fino a qui tutto bene! A parte la parentesi dei presidenti delle camere, non per Grasso e Boldrini, che sono i meno peggio, ma per la disunità nel votarli. La fiducia a Bersani non andava data e sono stato contentissimo di vedere per la prima volta in streaming quello che accade nelle aule del parlamento, Bersani sembrava un vucumprà che vende merce cinese di pessima qualità. Pensavo che per chiedere la fiducia al M5S si presentasse con qualcosa di più concreto, un’esempio tra gli altri, una norma sul conflitto di interessi bella e fatta e pronta da votare, invece ha proposto chiacchiere, ovvero fiducia al buio, sembrava non si rendesse ancora conto di avere di fronte noi cittadini incazzati neri e che fanno fatica ad arrivare alla fine del mese (io personalmente sto emigrando con moglie e tre figli). Ora i tatticismi politici mi stanno sfuggendo, non so se il fatto che il M5S non abbia indicato un proprio candidato premier al PdR sia un bene o un male, forse ha ragione Travaglio o forse no, so solo che per fare la RIVOLUZIONE bisogna essere fermi, decisi e compatti sulle proprie posizioni e non bisogna fidarsi di nessuno li dentro, tantomeno del PdR. I commenti che trovo in rete sui siti solitamente da me frequentati sono molto lapidari nei confronti del M5S, qualcuno sarà pilotato ma molti sono scontenti, vorrebbero tutto subito, ed è a loro che mi rivolgo:

    ABBIATE PAZIENZA, I PRIMI RISULTATI LI STIAMO PORTANDO A CASA, INVECE CHE IN CENTO COME AUSPICAVA GRILLO SIAMO 163, MOLTI DEI CONDANNATI SONO GIA’ DIETRO LE SBARRE, SILVIO SI STA CACANDO SOTTO, IL PD CI IMPLORA DI ESSERE RESPONSABILI (BERSANI A MOMENTI SI METTEVA IN GINOCCHIO), GLI ERRORI CI SARANNO E FACILMENTE PERDEREMO QUALCUNO PER STRADA, PERO’ GUARDATELA DAL PUNTO DI VISTA POSITIVO, ABBIAMO INCEPPATO IL SISTEMA!! CALMA NON ABBIATE FRETTA!!!

    BUONA RIVOLUZIONE A TUTTI!

    • Nessuno nega i risultati ottenuti finora, ma io credo che il non aver indicato i nomi a Napolitano sia stato un errore, che adesso ci costringe a giocare di rimessa. Non e’ detto che il PD e Napolitano avrebbero accettato un nostro candidato, ma almeno aremmo potuto tentare di inchiodare il PD al senso di responsabilita’, che loro hanno invocato come un mantra nei nostri confronti. In seconda battuta, se il PD non avesse accettato, anche Napolitano avrebbe avuto qualche difficolta’ a non includere almeno uno dei nostri candidati nella lista dei saggi.

  • luxor ha scritto :
    non esageriamo! quello che manca in Italia e’ la cultura di una SANA E ROBUSTA opposizione! voi lavorate e IO controllo. se sgarri denuncio all’opinione pubblica cosa combini e vediamo quanti voti prendi. questa e’ la democrazia. altrimenti e’ eversione. “andare sull’Aventino” non porta alcun risultato, anzi, ne porta uno: dittatura.

    Si, l’opposizione la fai col 10%, ma quando hai il 25%, e nessuno ha il 50, hai il dovere di fare tutto il possibile per metterti alla guida. Lo devi agli elettori, altrimenti tradisci il mandato elettorale (a meno che negli intenti della lista che voti non sia esplicitamente scritto “vogliamo solo fare opposizione”).

  • Non sono d’accordo. Senza i voti non vai da nessuna parte. Il successo elettorale di un mese fa sarà difficilmente ripetibile (purtroppo). E non lo abbiamo sfruttato. Abbiamo inseguito questa chimera del “dia l’incarico a noi Presidente” e stiamo andando a sbattere contro un muro. Almeno un nome per la presidenza del consiglio potevamo farlo, a quel punto la palla sarebbe passata al PD. Invece abbiamo giocato solo di rimessa e ora cadremo nel trappolone. Forse ho sopravvalutato le capacità politiche di Grillo e Casaleggio. Continuerò a votare 5 stelle ma il mio entusiasmo è ridimensionato. Peccato. Saluti a tutti. Jacopo

  • gruppo di lavoro istituzionale

    Valerio Onida, gradito al m5s – CS apprezzato costituzionalista

    il sen. Mario Mauro, Scelta Civica per l’Italia monti ex pdl ciellino

    il sen. Gaetano Quagliariello pdl (uno dei meno peggio del pdl)

    prof. Luciano Violante pd(iomio)

    i ‘saggi’ per l’economia

    Enrico Giovannini, presidente dell’Istat, indicato dal M5s

    Giovanni Pitruzzella, presidente dell’Authority della concorrenza;

    Salvatore Rossi, membro del Direttorio di Bankitalia,

    Giancarlo Giorgetti

    Filippo Bubbico, presidenti delle Commissioni speciali di Camera e Senato

    Enzo Moavero Milanesi

  • vi prego.

    ditemi che ho capito MALE.

    ditemi che non è vero che il M5S è d’accordo con queste due squadre di “SAGGI” del PDL, lista monti, lega e via menando, perchè se è così mi viene una crisi di rigetto!!

    • Lo stanno dicendo tutti i tg, prof. Becchi ha plaudito, il nostro Messora qui ha detto che è una buona soluzione anche se non ottima. Aspettiamo che si pronunci Grillo.

  • Lucianoc ha scritto :
    Con la prospettiva che alle prossime elezioni il consenso cali sensibilmente. La morale è che non si può avere mai tutto subito.

    Se alle prossime elezioni il consenso dovesse calare, sarà perché finora si è parlato di democrazia diretta e liquid feedback e tutto ciò ancora non si è visto!…

    http://www.beppegrillo.it/listeciviche/forum/2013/03/codice-di-comportamento-eletti-m5s-in-parlamento—proposta-di-modifica-del-punto-espulsione-dal-gru.html

  • Lucianoc ha scritto :
    Io invece non sono d’accordo con l’analisi di Claudio. Bisognava imporre a Bersani dei punti del programma  del M5S, che fossero vicini alle promesse del Pd e mai mantenute; e dare la fiducia per 6 mesi un anno per concretizzarli quest punti: legge elettorale,  conflitto di interessi, aiuti alle medie e piccole imprese ecc.  Dopo questo alle prossime elezioni il M5S avrebbe sbancato, invece ora cosa rimane : NULLA. Con la prospettiva che alle prossime elezioni il consenso cali sensibilmente. La morale è che non si può avere mai tutto subito.  

    Non posso che essere d’accordo. Credo che la strada intrapresa evidenzi invece una grande fretta più che grande lungimiranza. Ora più che ad una prospettiva tutto sembra affidato al caso. Il caso o la fortuna aiuta gli audaci e i tenaci (che non gli sbattono la porta in faccia)
  • Mark Tawin ha scritto :
    Sembra che Monti stia lavorando a blocco della libera circolazione dei capitali. http://ilpunto-borsainvestimenti.blogspot.it/2013/03/roma-monti-prepara-il-blocco-alla.html Se fosse vero sarà il panico. Condividete più che potete per favore ” non so fino a che punto sia credibile mercato libero, e non mi pare al momento ci siano le condizioni per queste restrizioni, anche se le vedo possibili in un prossimo futuro. non so quanto prossimo. di certo il sistema monetario euro scricchiola. molti economisti sono concordi nel sostenere che se non si fa un’europa federale vera un sistema fondato solo sulla rigidità del cambio non è sostenibile. dopo aver letto famelicamente tutte le opinioni dei vari economisti,  ho consolidato la mia opinione in quella direzione. la speranza di un’integrazione, al momento la vedo fumosa. non emerge un’azione concreta che vada in questa direzione. in merito ai danni che sta causando tutto questo si potrebbero citare innumerevoli link.quello che serve è un’azione concreta per un cambio di direzione. chi  può fare pressioni in questa direzione? ovviamente le forze politiche attraverso le loro rappresentanze internazionali. le forze sociali anche, attraverso le loro aggregazioni internazionali. la politica dei tipi duri del nord, per usare il termine usato da g.s. è fallimentare, di breve periodo, anche se il precedente su cui hanno lucrato è stato lungo. se non si integrano in un sistema federale vero, i paesi europei sono destinati a rimanere dei nani a livello internazionale. aggiungiamo che i brics si stanno accordando fra di loro per coordinare le loro politiche economiche, mentre la germania divide l’europa sperando di continuare a lucrare ancora. veramente miope.con grande beneficio degli usa che continuano a mantenere il loro predominio, e la loro finanza continua a regnare incontrastata fagocitando ogni risorsa per poi buttarla nel cesso.ha fatto male il m5s a non accordarsi col pd per un cambiamento che si poteva fare. ho sempre criticato il pd e votato per partiti marginali,tipo rifondazione, idv, dp in passato, ma in questa occasione ho tifato per bersani. concordo con travaglio il M5S ha toppato: ha fatto perdere al paese un’occasione di cambiamento.per quanto riguarda la politica internazionale il pd sostiene l’europa federale, in sintonia con le altre forse di sinistra del sud europa.

  • Laionart79 ha scritto :
    Lo stanno dicendo tutti i tg, prof. Becchi ha plaudito, il nostro Messora qui ha detto che è una buona soluzione anche se non ottima. Aspettiamo che si pronunci Grillo.

     

    spero che GRILLO li mandi tutti affanculo perchè in caso contrario vorrebbe dire che non ho capito una mazza negli ultimi 8 anni di attivismo per Grillo e poi per il M5S

     

  • Laionart79 ha scritto :
    Lo stanno dicendo tutti i tg, prof. Becchi ha plaudito, il nostro Messora qui ha detto che è una buona soluzione anche se non ottima. Aspettiamo che si pronunci Grillo.

     

    spero che GRILLO li mandi tutti affanculo perchè in caso contrario vorrebbe dire che non ho capito una mazza negli ultimi 8 anni di attivismo per Grillo e poi per il M5S

     

  • Lucianoc ha scritto :
    Bisognava imporre a Bersani dei punti del programma  del M5S, che fossero vicini alle promesse del Pd e mai mantenute; e dare la fiducia per 6 mesi un anno per concretizzarli quest punti: legge elettorale,  conflitto di interessi, aiuti alle medie e piccole imprese ecc.

    C’è un punto debole nella tua osservazione. Ossia il fatto che non sarebbe stato possibile imporre nulla a Bersani. OK, diciamo che il M5S si fosse accordato per concedere la fiducia in cambio di, che so, una nuova legge elettorale. E se poi Bersani si fosse rimangiato la parola, adducendo scuse plausibilissime, cosa avrebbe potuto fare il M5S? Niente!

    Una volta concessa la fiducia, Bersani avrebbe continuato nel solco dei suoi predecessori: fare leggi che fossero gradite sia a destra che a sinistra, facendole passare, nei momenti strategici, con opportune assenze in aula o con l’aiuto di franchi tiratori.

    No, non sono d’accordo. Il M5S ha fatto bene a rimanere sulla propria posizione. In questo modo, diventa sempre più evidente il fatto che la vecchia politica pensa ai fatti propri, indipendentemente dal colore del proprio partito. La lista dei saggi è un caso lampante: niente esponenti del M5S perché questi, messi nei posti di comando, farebbero saltare tutto il sistema.

    Più il M5S rimarrà sulle proprie posizione, senza scendere a compromossi, più la vecchia politica dovrà essere spudorata. E alla fine, anche chi ha i prosciutti sugli occhi dovrà iniziare a porsi qualche domanda.

    • non è così, i numeri dei parlamentari del m5s avrebbero consentito di varare le leggi condivise con il pd, il governo può essere sfiduciato in qualsiasi momento, a mio parere il m5s ha fatto perdere al paese un’occasione di cambiamento, credendo di avere il premio di maggioranza con il porcellum alle prossime elezioni, non avrà ragione favia, almeno in parte? non avrà ragione questo opinionista americano?per il suo curriculum è da prendere con le molle , ma è un’opionione, ed è da valutare come le altre.

      http://www.presstv.ir/detail/2013/03/27/295349/italian-demagogue-exposed-as-us-tool/

  • 051v ha scritto :
    non è così, i numeri dei parlamentari del m5s avrebbero consentito di varare le leggi condivise con il pd, il governo può essere sfiduciato in qualsiasi momento, a mio parere il m5s ha fatto perdere al paese un’occasione di cambiamento, credendo di avere il premio di maggioranza con il porcellum alle prossime elezioni, non avrà ragione favia, almeno in parte? non avrà ragione questo opinionista americano?per il suo curriculum è da prendere con le molle , ma è un’opionione, ed è da valutare come le altre. http://www.presstv.ir/detail/2013/03/27/295349/italian-demagogue-exposed-as-us-tool/

    No, il M5S avrebbe avuto i numeri necessari per far passare solo le leggi proposte dal PD. Il PD avrebbe potuto tranquillamente proporre leggi pro-casta, che sarebbero state votate tranquillamente dal PDL, senza l’appoggio del M5S. Non avrebbe potuto mai sfiduciare il governo. Al PD non andava bene un appoggio esterno da parte del M5S, in quanto il M5S avrebbe bloccato qualsiasi legge vergogna. Nè il PD avrebbe potuto accettare apertamente l’appoggio del PDL. Ora, con questa soluzione, hanno salvato capra e cavoli. PD, PDL, Scelta Civica, Lega e UDC potranno continuare a farsi i comodi propri, l’Europa potrà continuare a dettare la nostra politica economica, solo che tutto ciò avverrà in un modo più presentabile.

  • Grande Claudio! Finalmente posso dire con orgoglio di essere rappresentato al meglio!!

    Grazie grazie grazie!

    Valerio

  • Claudio queste cose si  predicano in chiesa…”se sarete bravi e buoni la prossima vita sarà bellisima e giusta”, oppure i vecchi Comunisti…”quando si realizzerà il Comunismo saremo tutti eguali e tutto sarà di tutti”…per favore, al posto di recitare le “solite” profezie vediamo di fare qualcosa di concreto. Lo sò che un giorno ci sarà il paradiso in terra ma quel giorno NOI NON CI SAREMO.

    Cosa significa un programma di “lungo respiro a 30 anni”, nulla, il nulla assoluto, la Rivoluzione è quì, ora , a portata di mano, mi dispiace ma non sì può più tornare indietro, e non si può non perchè non lo vuole Daniele Pagini che non è nessuno ma perchè non lo vogliono la maggior parte degl’ 8 Milioni di italiani che hanno Votato M5S  per lo più  nemmeno iscritti al movimento e che quindi con Grillo non hanno sottoscritto alcun patto.

    Non solo di loro ma delle sorti di un intero popolo il M5S SI DEVE FARE CARICO.

    E’ finito il tempo dei giochi.

  • Io non vi capisco. Davvero. Ho letto i commenti di persone preoccupate perchè continuando di questo passo, il M5S non prenderà neanche il 5, l’8, il 12 % (?). A me non interessa. Siamo partiti con idee diverse ma molto chiare. Io ho firmato un patto con tutti i ragazzi che stanno dentro al parlamento. E sono fiero di loro e del loro comportamento. Quei fantastici ragazzi sono lì per raccontarci tutto lo schifo che avviene in quei posti e lo stanno facendo egregiamente. Non ci sono accordi da fare con nessuno, a meno che gli altri non decidano di seguire e votare quei punti, sacrosanti, che da anni vengono ripetuti quasi come un mantra. E che sono stati votati. Da chi? Da quelli che erano interessati. Erano una minoranza? Erano 4? Pazienza. Gli altri potevano pensarci prima oppure possono pensarci da adesso, rimboccarsi le maniche ed aiutare. Quegli pseudo-politici che immutabili, occupano da più di vent’anni gli stessi posti usufruendo degli stessi, inimmaginabili privilegi, stanno facendo di tutto per non cedere neanche di un centimetro. Gli chiedi di rinunciare ai soldi e ti rispondono (bersani) che pensi solo al potere. Ti dicono che rinunciano al 30% dello stipendio e non è vero. Le auto blu: niente. Conflitto di interessi: non si può. Province: impossibile. Ma allora, questo loro impegno a modificare la situazione e ad invertire la rotta, in che modo si dovrebbe manifestare? Quali sono queste misure incredibili e irrinunciabili che vanno prese adesso e che non sono state prese in tutti questi anni? Io di idee non ne vedo, anche impegnandomi. Tutti i giorni, TUTTI, discuto e dedico tanto tempo a rispondere a quelli che criticano il comportamento del M5S cercando validi argomenti a supporto. Poi, come in un film, mi ripassano davanti agli occhi le scene di 20-25 anni del nulla. Di “culone inchiavabili”, di mignotte e marchettari, di saccheggi, di massacri della Costituzione. Fatti dagli uni e avallate dagli altri, senza soluzione di continuità e senza differenza di colore o ideale politico. Per un certo periodo sembrava peccato anche il solo pensare che fossero tutti uguali. La realtà è che sono esattamente UGUALI. A loro stessi. autoreferenziali. Si votano e si scambiano favori. Si sono creati un universo parallelo nel quale vivono e prosperano. Noncuranti di ciò che succede all’esterno perchè per loro l’esterno semplicemente è un NON posto. La realtà è che non vedo alcun impegno reale che potrebbe portare concrertamente ad un cambiamento. Adesso se ne sono usciti con questa farsa dei 10 saggi. E’ una cosa ridicola. E dove stavano questi SAGGI in questi ultimi anni? In naftalina, pronti all’entrata ad effetto? Violante, grazie anche al post di Grillo, l’abbiamo rivisto tutti in quella fantastica performance in parlamento nel 2003. E che cosa ci sarebbe di saggio in lui e in tutti gli altri eminenti personaggi? Se ricoprono i ruoli che hanno adesso, è solo perchè sono contigui a questo sistema e sono possibili garanti per il mantenimento dello status quo. Io non ci trovo niente di saggio o di salvifico in tutto ciò. Mi sembra solo l’ennesimo colpo di coda del mostro che non vuole morire. Per questo credo che la cosa migliore sia quella di insistere e perseguire la strada delle riforme e dei cambiamenti esattamente come è stata pensata dall’inizio. I ragazzi dentro e tutti quelli fuori stanno facendo un gran lavoro. Se non riusciranno a scacciare queste sanguisughe e parassiti, pazienza. Si perderanno voti? Nessun problema. Bastano un deputato ed una telecamera. Era il progetto iniziale. Non lo dimentichiamo e non ci esaltiamo adesso che sono 160. E non scordiamoci neanche che questo sistema è stato creato in 50 anni. Sicuramente le autodifese saranno eccezionali e bisogna essere pronti a tutto. Continuano a dire, bersani per primo, che il M5S non propone niente. E’ FALSO. Crimi e la Lombardi, all’uscita dalle consultazioni con napolitano, hanno impiegato il tempo a loro disposizione per la conferenza stampa, elencando i 20 punti del programma. Quelle SONO proposte concrete ed hanno anche chiesto di poter guidare il governo. Queste sono cose concrete. Su una cosa bersani ha ragione, i due portavoce non gli hanno detto quello che lui voleva sentirsi dire. E sono stati fantastici loro ed orgoglioso io per aver contribuito a mandarli in parlamento. Adesso gli chiedo solo di continuare così e di non mollare. Non adesso. Hanno paura. Ce la possiamo fare. Noi da fuori e Voi da dentro. 

  • Per cambiare ci vuole trasparenza, come dice Grillo. Fiducia. Allora Grillo dia delucidazioni sul perché nel 2008, prima della creazione del M5S, ha incontrato privatamente l’ex ambasciatore USA Ronald Spogli per conto nientepopodimeno che della Segreteria di Stato di Washington DC (Condoleezza Rice, governo Bush). Sul documento, Grillo viene definito “interlocutore esterno credibile sul sistema politico italiano”. Non avevano già interlocutori? Avevano bisogno di un comico? Parli della cosa. Ci trasparisca qualche dettaglio. Interessante sarebbe sapere quale fosse l’interesse di Washington nei confronti del comico genovese. Solo una domanda innocente a cui sicuramente Grillo o Messora non avranno problemi a dare una risposta, spero.

    http://www.lastampa.it/rw/Pub/Prod/PDF/4aprile2008.pdf

    http://www.lastampa.it/2013/02/12/italia/speciali/elezioni-politiche-2013/grillo-strego-l-ambasciatore-usa-interlocutore-politico-credibile-V2LcFLA1B9WIdsZTQiPryJ/pagina.html

    http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2013/03/il-ventriloquo-americano.html

  • Caro Claudio, se non ho capito male, prima Becchi poi Crimi appoggiano Monti, seppure con cautela e indirettamente, approvando le scelte irricevibili di Napolitano.Ma come si fa??!!!Come fai a conciliare questo con le sacrosante posizioni di Bagnai, o le tue, o quelle di Stiglitz ??!Ragazzi vi state improvvisamente trasformando in tecnocrati venduti alle banche padrone dell’ Euro? Ditemi che non è vero, e soprattutto dimostratecelo!

  • Caro Claudio,Sono d’accordo con te. A volte sono stato critico sulla posizione del m5s perché non capivo la chiusura a prescindere. Dopo aver letto i 10 ‘saggi’ dico in serie:- alle prossime elezioni, tranne eventi catastrofici, rivoto 5s;- una commissione DEVE rappresentare cmq il Parlamento quindi questo è di fatto un golpe del Presidente che non mi rappresenta;- sono tutti vecchi in contrapposizione ad un parlamento di giovani e donne;- mi sento, con il m5s, come facente parte di un comitato di liberazione nazionale;- se hai contatti con i 5 stello e/o Grillo devi dirgli:a)Se Grillo non esagera come suo solito, questa volta io che sono moderato mi inc… , perché questo è un golpe;b)Per favore fate in fretta la nuova piattaforma;c) è fondamentale scegliere un nome di Presidente della Repubblica che non possano scartare perché altrimenti se lo scelgono loro lo stesso.Un saluto. Tu cosa ne pensi?

  • tutto vero!

    si parla di responsabilita’ per il futuro? quale?

    ora siamo ritornati al punto di partenza dove i partiti ( vedi i 10 saggi nminati da napolitano) si divideranno il potere proprio per il futuro che Grillo ( non il M5S) non ha saputo vedere e capre, arroccandosi su posizioni utopistiche che non possono essere seguite nell’imminente. Risultato? pagheremo ancora noi! forse il M5S non e’ in grado di governare ma solo di fare opposizione , che dato i suoi numeri non portera’ a nulla visto l’inciuccio che tutti i partiti stanno preparando.E questo lo si capisce dal fatto che nei saggi non e’ stato chiamato nessuno del M5S.

    Allora grillo cosa propone di concreto oltre a chiedere il 100% dei voti ( che non sara’mai raggiunto anzi alle prossime vedo il M5S in netto calo)? vedi, le cose utopistiche si possono realizzare iniziando a manovrare e lavorare , ma pretendere che tutto si realizzi subito e solo con grillo mi dispiace ma e’ una cosa sensa senzo.

    ho votato grillo ma capisco ora che lui ha riconsegnato ai partiti ed agli inciucci il paese!

  • condivido l’articolo, non è possibile sentire mille trasmissioni tv che decantano come l’ms5 sia la causa del male passato-presente e futuro del nostro paese, a prescindere di che cosa abbiamo votato o meno

    se il sabato sera vai in giro con 10 amici e 7 decidono di ubriacarsi perchè per divertirsi si è sempre fatto cosi , non possono essere i cattivi i 3 che decidono di salvaguardare il proprio corpo

    in politica ora sta succedendo la stessa cosa con l’ms5

    altra considerazione che posso trarre: legge elettorale o non legge elettorale, quando hai in parlamento qualcuno che rispetta l’elettore il sistema politico italiano va in tilt, la cosa non mi ha sorpreso neanche un po, è poi chiaro… abbiamo chiamato democrazia quella che era una aristocrazia… poteva succedere solo un problema quando arrivavi a metterla insieme a esponenti eletti direttamente

  • Gentile sig. Messora,

    La sua disamina è certamente logica e coerente…Non si rallegri! Questo non significa che sia corretta. Avviene spesso, cercando di spiegare una ragione, che i meccanismi usati siano tarati male e portino ad una conclusione errata (forse perché neanche chi è coinvolto ha pienamente capito i concetti da esprimere). In questi casi è utile il parere di un osservatore esterno (A. Einstein.:Relatività Generale), che guardando da una posizione che ha un altro sistema di riferimento possa inquadrare la totalità degli eventi. Di certo questo osservatore non può essere lei. Quello che lei ha scritto è quanto meno estemporaneo e fuori fuoco, e a me sembra tanto essere una bella pezza su un altrettanto bel buco. L’immediato futuro sarebbe stato governare (della sua spranga di ferro incastrata nei meccanismi della politica non frega niente a nessuno, soprattutto a chi i problemi veri li ha adesso e non nel prossimo futuro). Io al posto suo non mi rallegrerei di aver inceppato i meccanismi della vecchia politica, visto l’odierno risultato che è davanti agli occhi di tutti. Mi spieghi (anche a gesti, perché mi sa che non parliamo la stessa lingua) come, la situazione attuale, sia meglio che governare…Che senso ha, ora, raccogliere le proposte del Presidente della Repubblica? Forse lei non ha ancora scorto i nomi dei “saggi”. Li guardi e si accorgerà che sono sempre gli stessi…certo un bel risultato per chi giurava e spergiurava di mandarli tutti a casa! Per usare espressioni a lei più vicine possiamo dire che siete stati proprio voi a vestire di foglie di fico la vecchia politica.

    Se poi vogliamo parlare anche del futuro prossimo (quello che lei indica come “curvatura di una visione lucida”), allora qui facciamo l’alba. Ma non voglio di sicuro tediarla con le mie lungaggini. Mi limiterò a dirle soltanto che il futuro si costruisce nel “qui ora” (Teoria del cono luce futuro) e che senza presente (o futuro immediato) non c’è futuro prossimo. Nel nostro caso: non si può pretendere di costruire un consenso politico futuro senza governare ora, è illogico. Insomma, la vostra attuale inazione non creerà di certo effetti nel futuro. Il niente crea il niente. Si ricordi il sempreverde detto latino “ubi maior minor cessat”. La maggior cosa è creare il governo e realizzare il vostro ottimo programma, e la cosa minore sarebbe farlo insieme al PD (scusi…vole dire: sarebbe stata). Le persone di buon senso avrebbero fatto così. Ma le ripeto: noi non parliamo la stessa lingua.

    Sono, invece, d’accordo con lei quando dice che i cambiamenti non avvengono dall’oggi al domani e che occore guardare lontano… questo in linea di massima. Non vedo però il punto fisso che voi vedete all’orizzonte (magari, come in una magia, lo vede solo chi è iscritto al movimento)…spero proprio che esista! Temo, mi permetta, che non lo raggiungerete mai, considerando che in democrazia servono i voti e voi, ho paura, ne abbiate persi parecchi.

    Le persone oneste ed intelligenti come lei e me non possono certo mettere un freno alla propria fierezza intellettuale (e converrà che a volte questo è un danno). Io ho peccato molto in questo senso e con tutti gli dei dell’umanità. Sono convinto che quando morirò dovranno organizzare una lotteria per scegliere l’inferno in cui mandarmi. Ma una cosa non l’ho mai fatta. Nonostante io venga tenuto in considerazione dalla maggior parte delle persone che mi circondano, non ho mai raccolto crediti e consensi nei confronti di nessuno e a favore di nessuno…Non lo faccia nemmeno lei…non le si addice; sarebbe come svilire e svuotare di significato il concetto di bellezza e contrasto dai quali nasce la nostra essenza. Farsi araldi di un re per noi non ha senso soprattutto quando questo re è sordomuto; e la tromba da sola non basta a chiamare a raccolta l’esercito. Servono tattica, fede e motivazione per convincere gli altri e qui io non ne vedo. Vedo solo scuse su scuse e una grande illusione (lei la chiamerà speranza) che si è tramuta, per giusto calcolo, nella più grande delusione politica della mia vita (e di quella di molti altri).

    Ma io sono, in fondo (molto in fondo), un romantico e spero di essere smentito. Augurandomi che, nella consapevolezza della smentita, nel prossimo futuro, ci sia rimasto uno stato anche nell’ombra di ciò che l’Italia era prima di questi politicastri che avete cercato di mandare via; perché questa nazione sta morendo ora e il M5S non ha certo dimostrato che sia il tempismo una sua virtù.

    Sperando che il suo Blog torni ad essere un bel posto, la saluto e la ringrazio.

    Envisigot 

  • Vorrei precisare alcuni punti sulle inquietudini apparse sul thread:

    -Agli gli elettori molto dilusi con il padre, il figlio, il nonno, la zia, il cane ed il gatto che hanno cambiato idea(?mah!) e che alle prossime elezioni voteranno il grande Partito della Dilusione, chiedo

    seppure io accordi una certa gravità agli errori di inesperienza politica(alleanze, nomi),morale(arroganza, battutte OT),comunicativa(presenze televisive) commessi  dai pentastellati, come si puo’ solo pensare di rivotare PD  o PDL?

    La differenza resta abissale.

    -E se Grillo e Casaleggio(e chi li consiglia) si sbagliano?

    Di nuovo, anche se fosse non vedo degli interessi, collusioni, favoritismi, vaticanismi che possano influenzare tali errori. Chiunque farebbe dei passi falsi con un tale consenso in cosi poco tempo. Pazienza. (Travaglio voleva lo scacco matto in quattro mosse! Contro i maestri del sotterfugio!!!)

    Onestamente tutti questi allarmi di un crollo del 5 stelle ai sondaggi non li trovo sensati. Come insensate sono le paure espresse su questo thread. Bisognerebbe veramente lavorare sull’imagine del movimento(per guadagnare qualche consenso labile) o ci vorebbe invece un minimo di buona informazione(anche interna)?

    Rincorrere Renzi dalla De Filippi? Mh… In realtà piu’ lui fa il giovane liberale de sinistra piu’ l’elettorato disgustato non avra’ altra opzione che il 5Stelle…

    Lo scopo del 5 Stelle è di far passare delle idée oltre il frame di pregiudizi…e ci sta riuscendo egregiamente dentro e fuori il parlamento.

     

    Grazie Cla’

  • Lucianoc ha scritto :
    La task force voluta da Napolitano prevede Violante e Quagliarello alle riforme istituzionali. Un gran bel risultato.

    è il vecchio marciume.complimenti

  • Alerighini ha scritto :
    la vedrei in positivo, ora tutti sanno che sono incuicioni, e ci scometterei che questo è l’incubo che avevano fin dall’inizio gli altri partiti “l’uomo della strada che ha votato sempre PD, campagna dopo campagna anti berlusconi, e ora vedi che faranno il governo insieme, e lo vai a rivotare? “l’uomo della strada che ha votato sempre PDL campagna dopo campagna anti comusita-sinistra, e ora vedi che faranno il governo insieme, e lo vai a rivotare? non a caso berlusconi vorrebbe subito il voto…

     

    vero quello che dici ma il pericolo e’ che con l’inciuccione che faranno, quando andremo a votare ? io credo mai oppure con un sistema che comunque garantira’ a loro sempre la maggioranza.

    Bene il M5S per capire e scoperchiare , e poi? i numeri non ci sono….

  •  Quagliarello sarebbe un saggio? giuro che non me ne ero accorta ,  Mi  e’ sembrato sempre una specie di portaborse lecchino verso il padrone. Gli altri non li conosco  , salvo alcuni e spero siano di un’altra levatura , anche se ho molti dubbi,altrimenti siamo sempre da capo a dodici. Spero che con questi si possano fare subito le riforme necessarie tra cui quella elettorale  e il conflitto di interessi , Quagliarello permettendo, se no che senso ha tutto questo?

  • Il prof Paolo Becchi, docente di filosofia del diritto e molto pubblicato sui blogs di Grillo e Messora, ha dichiarato che avrebbe visto bene una “prorogatio” del governo tecnico di Monti.IO NON HO PAROLEPossibile che in questo Movimento nessuno abbia il coraggio di prendere una posizione di POLITICA ECONOMICA degna di questo nome?Monti è un lobbista di livello internazoonale, come si fa ad appoggiare un politico (altro che tecnico..) ultra-liberista che ci ha massacrato per un anno e mezzo nell’esclusivo interesse delle banche, e se indisturbato ci portera al disastro della Grecia o ai prelievi truffaldini di Cipro…Grillo appoggia la dittatura delle banche che ormai si sono impadronite della UE ??Dove sono finiti Stiglotz e Bagnai?…e la nostra fame di democrazia?SVEGLIA RAGAZZI !!!!!

  • Esiste una cosa chiamata strategia, un’altra si chiama compromesso, poi ne esiste un’altra ancora chiamata tradimento … presto sapremo di cosa si tratta e i conti (nel bene o nel male) si fanno alla fine.

  • “RESPONSABILITA” quante volte questa parola è stata usata in questi giorni..

    Ma responsabilità ha due significati distinti

    essere responsabili vuol dire agire in modo che le cose vadano per il verso giusto ed adoperarsi perchè, anche a costo di rinunce, tutti remino in una direzione sola…

    ma responsabilità significa anche prendersi i meriti o i demeriti di ciò che si è fatto in precedenza e se del caso chiedere scusa per gli errori commessi.

    io finora ho visto solo gente che ha abusato del primo significato e ha ignorato il secondo.

  • bisogna fare qualcosa di concreto subito per chi da mesi non ha uno stipendio per la propria famiglia, o sarà sempre la solita storia che si ripete, non cercate la gloria personale fattelo per gli italiani in serie difficoltà.

  • ManciusHirpinus ha scritto :
    Esatto, il problema non è da poco. Bisognerebbe sentire qualche psicologo. Ad ogni modo, considerato che il futuro è dei giovani, che ne pensate della proposta che fu fatta qualche tempo fa, di revocare la tessera elettorale ai maggiori di anni 70?

    Ma sì. Ma perchè fermarsi a questa limitata misura? Si può pensare anche alla soppressione fisica sistematica e ben organizzata, praticata su scala industriale in appositi siti, come già fatto in civilissime nazioni mitteleuropee settant’anni fa. Complimenti per la bella idea!

     

  • Anche se ho votato M5S, ho il diritto di criticare. Prima tutti a dire, Napolitano a fatto come dicevano i grillini, il prorogatio del governo, come a dire che aveva accolto il suggerimento. Ma ci siamo dimenticati di Napolitano che non aveva sentito nessun boom, tranne quello degli anni 60?

    E poi, va bene il Presidente on line, ma di alcuni punti discussi prima, aggiungerli ad alcuni punti del PD, approvarli e dopo andare al voto, questo poteva essere votato on line o è stato messo un veto?

  • Signori ovviamente in pochissimi avete capito la tattica….alla fine hanno fatto l’inciucione, il paese nnell’euro affosserà sempre più e il moviemento non può far altro che prendere voti su voti…brutto ragionamento ma è la tattica politica…voi pensate seriamente che con 8-9-10-100 punti si può risolvere il problema italiano??? Signori il problema non sono assolutamente le tasse, vorrei ricordare che la slovenia ha un livello di tassazione sulle aziende bassissimo eppure è qui alle porte di bruxel a bussare….noi italiani facciamo fatica a vedere fuori dai nostri confini dove ormai ci sono movimenti antieuro inarrestabili, la baracca cade a pezzi e solo noi non capiamo dov’è il vero problema!

  • Virus ha scritto :
    Riporto da beppegrillo.it:   PICCOLO PRONTUARIO PER RICONOSCERE IL TROLL Vi ho votato ma sono pentito… Io non capisco… La formula “uno vale uno” è una delle più nominate e incomprese sebbene semplice da capire… Avete perso un’occasione…. (noi?) Porterete l’Italia in rovina …(noi?) (ah!! intendevate dire che vi stiamo rovinando) Siccome non avete dato la fiducia al PD siete degli irresponsabili e alle prossime elezioni prenderete al massimo il 5%…(il mondo siete solo voi) Non sono un troll…(infantile dissimulazione) Sono un vostro elettore ma non vi voterò più perchè dite troppe parolacce…(alta moralità e dignità) Dov’è la democrazia in questo blog….?(meglio i vostri di blog in effetti) Avete aiutato il nano a riprendersi il paese….(noi?) Fate qualcosa cazzo…fate qualcosa non state lì fermi…(fermi noi? ma il vostro partito che fa?) Dite sempre NO….(a voi diremo sempre NO)   Aggiungo per questo forum: gli SQUADRISTI PIDDINI hanno come simbolo di riconoscimento la mail di @libero.it (ovvero telecom)   @james62 Sei sorvegliato speciale   “Condivido tutto tranne l’ultima affermazione secondo cui chi ha la mail @libero.it è uno squadrista del PD

  • PRESIDENTE LEI E’ IL PIU’ INCAPACE DI TUTTI E INTELLETTUALMENTE COLLUSO!! E FORSE ANCHE DI PIU’!!

    caro beppe e m5s sono con TE e con VOI da prima del VDAY..; mi permetto però di dirti-vi che se aveste già fatto da prima della campagna elettorale, i nomi della squadra di governo con la proposta del nuovo presidente della repubblica, avremmo avuto la maggioranza in tutte e 2 le camere!!! e avresti potuto rispondere al “cosa fare dopo”, una volta in parlamento, non con “io non lo so cosa si può fare, qualcosa faremo” ma con “si farà..” e comunque avresti dovuto fare quei nomi quando sei andato la 1’a volta dal presidente!! ora ci troviamo come prima delle elezioni, anzi peggio, e si rischia di perdere consenso alle prossime elezioni, e lo sai in favore di chi?? di berlusconi!!! mi auguro di sbagliare ma con già 8.000.000 di persone, che in quel momento di crisi e di processi l’hanno votato, figurati ora che sta passando per un martire.!! umiltà!! buon senso!! capacità!! responsabilità per il futuro!! per fortuna il pd si spaccherà con quel pupazzo di renzi e con gli scheletri tipo MPS, e il pdl con B. quasi in galera e con un piede nella fossa!! mi dispiace per TE che dovrai lavorare molto più di prima, e hai già fatto un miracolo. un sincero grazie e Buona Pasqua 
    lucio-vitali    

  • ora si deve scendere nelle Piazze !!!! questo e’ CHIARO ???

    SI DEVE DARE IL BEN TROVATO AL GOVERNO DEL GOLPE ALLA NAZIONE

    UN UOMO DEI POTERI FORTI INTERNAZIONALI COME IL NS PRESIDENTE NAPOLITANO

    fu premiato alla fedeltà’ al libero mercato nel 2011 ad Oxford –

    come sia possibile mi domando essendo stato lui comunista !!!

    il movimento 5 stelle 

    deve salutare questa azione contro l umanita’

  • Il futuro di cui ci parlano è il futuro del MES, del fiscal compact, di eurogendfor, il futuro dello spread e della moneta debito, e quindi è logico che noi non possiamo collaborare a costruire questo futuro, perchè questo è un futuro che ci può essere solo imposto, perchè è la fine della speranza di una vita dignitosa per la gente. Se il M5s non collabora, proprio questo è il segno del tentativo concreto di costruire un futuro con altre logiche di vita, un futuro in cui tutti questi personaggi che si affannano a suscitare nel M5s il senso di responsabilità di fronte alle difficoltà del paese, possono soltanto essere affidati agli assistenti sociali.

  • perfetto. il futuro è una gran bella cosa.

    però, per il presente, evitiamo di lasciarci prendere per il culo gratis.

  • Il tuo obiettivo e vincere per eliminare il caimano (boh), il nostro e’ quello di cambiare realmente le cose. Hai fatto bene a votare PD (che comunque,il caimano, non l’avrebbe fatto fuori comunque, viste le tante volte che l’ha salvato).Bisogna guardare un po’ più in la, come dice questo post. Decenni di marcio non si cancellano con un solo colpo di spugna, ma con olio di gomito e tanta partecipazione.PS mi piace Travaglio, ma in questa fase vedo anche lui accecato dalla prospettiva di eliminare il nano.

  • è facile parlare di futuro tutti coloro che hanno dato il proprio voto al m5stelle parlavano o pensavano al futuro non certo un futuro come adesso che dopo il voto il sig. grillo ha consegnato il paese all”immobilismo facendosi beffe di chi voleva allearsi per un sostanziale cambiamento fregandosene di tutto e di tutti se ne sta rintanato come un ragno nella sua villa muovendo le fila del suo movimento bella democrazia la sua chi sgarra è fuori ma chi si crede di essere un partito senza senza opposizione è un partito morto prima di nascere ascolta solo il suo gurù sappiamo chi ma io mi chiedo chi glelo ha fatto fare prima faceva quasi ridere ora fa piangere a tutti i suoi elettori gli sono cadute le braccia dalla delusioneììììììì

  • Anche noi pensiamo che non ci sia un cambiamento senza un cambiamento radicale. Noi vediamo un futuro positivo solo con un netto cambiamento istituzionale che sappia ridare importanza ai Comuni, vero motore storico e sociale del Paese. Visitate il nostro blog e leggete in particolare il primo articolo introduttivo. http://comunitainfermento.wordpress.com

    Grazie!

    Joseph Gary

  • Alessandro77 ha scritto :
    1) La filosofia del movimento e’ che il progetto e’ la cosa piu’ importante e la condivido; 2) Se avesserro indicato un nome “interno” al movimento sarebbe stati tacciati di totalitarismo, come invece ha fatto Bersani; 3) Se avessero indicato un nome “esterno” ma vicino al movimento, come lo stesso Travaglio ha consigliato, sarebbe stato quanto meno indeducato ribadire che “il progetto e’ piu’ importante della persona” qualora la persona avesse preso una strada piu’ vicina al pd piuttosto che seguire alla lettera i punti in comune. 4) Il Presidente napolitano non gli ha proprio chiesto un nome. Questa la dice lunga sulle reali volonta’ del PD. Non mi dimentico che Napolitano ne faceva parte. 5) E’ evidente a chiunque, come gia’ scrivevo da una settimana, che l’unica volonta’ del PD era di fingere di volere un governo con il m5s per mangiarselo e buttarlo via. Conclusione: il PD ed il PDL sono la stessa cosa purtroppo. Usciamo fuori dai nostri frames psicologici.

     

    1) Sono d’accordo, ma dire che è la cosa più importante non equivale a dire “è l’unica cosa che conta”. Purtroppo, anche se in minor misura, contano e sono necessari al successo anche i nomi; e per nomi intendo persone, non mere etichette.

    2) A mio avviso dici bene.

    3) Non concordo, vedi il mio punto 1.

    4) Non è corretto né realistico assimilare la volontà di Napolitano con quella del PD, dato che ha ampiamente dimostrato nel settennato il suo ruolo di garanzia. Forse non è un super-partes, ma di sicuro un omni-partes.

    5) Non puoi mangiare nessuno quando sei tu a dargli fiducia, soprattutto se quel qualcuno dimostra con i fatti di essere onesto e di buona volontà nell’esercizio delle sue funzioni. Ecco perché bisognava portare il PD ad appoggiare noi, anziché mettersi sulla riva ad aspettare cadaveri che non passeranno mai.

    Che PD e PDL siano le due facce della stessa medaglia è un fatto, e non ci piove, ciò su cui stiamo discutendo è la migliore strategia per annientarli.

  • Ciao a tutti.
    Condivido PIENAMENTE il pensiero di Claudio. Chi ha votato il M5S (e non solo) e adesso pretende che scenda a compromessi con il “vecchio sistema” lo vuole perchè è affezionato alle proprie “sicurezze”, essendo in balia della paura dell’ignoto. Fatto sta che con tutte le certezze che si cercano, volendo rimanere nel CONCRETO di quanto è successo finora, il risultato è che il “vecchio sistema” ha fatto ciò che era in grado di fare per i tempi passati. A me non interessa giudicare se la vecchia politica ha fatto bene o male, poichè ritengo che altro non sia che lo specchio di quanto alberga nell’italiano medio (ovvero, chi più, chi meno, in tutti noi). Il fatto che la politica, o “vecchio sistema”, sia rimasto in piedi per così tanto tempo, producendo gli effetti che sono sotto gli occhi di tutti, nasce dalla nostra difficoltà di cambiare mentalità o, per meglio dire, dalla nostra abitudine di voler mantenere in vita solo ciò che si riconosce. Il non riconosciuto, si sà, fa paura a tutti (o quasi) ma, volenti o nolenti, prima o poi bussa alla nostra porta. Accettare l’ignoto non vuol dire “buttarsi da un ponte”, ma dar spazio a NUOVE possibilità, linfa vitale per il proseguo della Vita. Se non si accetta continueremo ad essere solo dei morti viventi. Accordi, compromessi, incuci e quant’altro sono lo specchio della difficoltà di non voler vedere le cose e la Vita in una maniera semplicemente diversa, non migliore o peggiore, semplicemente diversa. Ciò che non permette il VERO CAMBIAMENTO è la PAURA di sperimentare quancosa di NUOVO. Chi è in “cabina di regia” conosce molto bene tali “meccanismi” e ne fa buon uso disseminando sentimenti di paura mediante la televisione e i giornali, tenendoci per il coglioni con parole tipo spread, pil, senso di responsabilità ecc ecc… Mi sorge spontanea una domanda…”Ma chi cavolo ha governato sino ad ora l’Italia? Il M5S forse? Non mi risulta. Come fanno a pretendere i vecchi partiti che il M5S si metta a giocare a carte con loro PRETENDENDO che si giochi ancora con le vecchie regole che hanno prodotto i risultati che vediamo? Mediare sarebbe come continuare a mettere dei cerotti per cercare di tenere assieme delle situazioni che non possono più stare in piedi. Rendiamoci conto che il periodo della “sopravvivenza” E’ FINITO. O scegliamo che è veramente giunta l’ora di VIVERE o continueremo ad essere degli zombie. Visto che a tante persone piace usare la parola “concretezza” mi piacerebbe comprendere a cosa la riferiscono, oppure se ne hanno veramente capito il significato. Comunque sia le cose cambiano, che noi lo vogliamo o no, cambiano sempre. E questo è un grande regalo che la Vita a messo a nostra disposizione. Sta a noi scegliere se utilizzare in proprio il cambiamento oppure se continuare a delegarlo all’esterno. Ognuno scelga in propria coscienza, è un diritto di tutti. Un caro saluto. Luciano

    • Il M5S non è responsabile degli sfaceli politici attuali. Questo è un punto incontestabile e lo prendiamo come assunto di base.

       

      Ora ti faccio questa semplice domanda:

      dato che il vero cambiamento è il desiderio di sperimentare qualcosa di nuovo, chi c’è in Italia oggi desideroso di sperimentare qualcosa di nuovo?
      In attesa della tua, ti fornisco la mia risposta: in teoria tanta gente, tutti gli elettori di M5S e oltre. In pratica nessuno di coloro che sono stati deputati a questo scopo.

      Va bene, in Italia qualcuno ci sarà senz’altro a volere qualcosa di nuovo. Restringiamo il campo d’azione al luogo che noi del M5S riconosciamo essere il luogo centrale del potere, quel luogo che deve essere restituito ai cittadini: il Parlamento-

      Chi c’è in Parlamento oggi desideroso di sperimentare qualcosa di nuovo?
      Nessuno. 

      Su questa terrificante lacuna, ci si dice, stiamo fondando il nostro futuro.

    • Ciao Laionart79,
      il tuo pensiero non fa di certo una grinza. Anzi, ti posso dire che se lo osservo da una certa angolazione lo ritengo giusto, ma a me non interessa essere nel giusto per poter dire “ho ragione”. Per come la vedo io (che non è la verità assoluta) ritengo che è tempo perso star lì a ragionare su ciò che gli altri fanno, che hanno intenzione di fare o che avrebbero intenzione di fare. Nella mia vita cerco di basarmi su cosa io intendo o posso fare NEL PRESENTE. Il cambiamento inizia SEMPRE E SOLO se parte da noi, semplicemente coltivando un pensiero. Se ti aspetti che qualcuno, o qualcosa, inizi a cambiare le cose o cambi se stesso per fare piacere a te è un tuo sacrosanto diritto. Di certo non lo contesterò mai.
      La mia non è una domanda, ma mi chiedo perchè ti chiedi se oggi in parlamento c’è qualcuno che è desideroso di sperimentare qualcosa di nuovo. “Tu sei desideroso di sperimentare qualcosa di nuovo”? Un caro saluto. Luciano

  • A me sembra una gabbia di fanatici…compreso Becchi che è un filosofo ed è quello fa nella vita, sembra chissà quale scoperta  ma i suoi arzigogolii non porteranno da nessuna parte, nessuna pragmatica solo brrillante teoria, quanto basta per irretire con suggestivi panegirici che sembrano la pietra filosofale; all’atto pratico quello che vedo è il M5S messo all’angolo, aveva il mano le chiavi del paese, mezzo PD non vedeva l’ora di sbarazzarsi della nomenklatura avrebbero dato il loro appoggio approfittando dell’occasione. Ora il Movimento non conta più niente, voterà, pro o contro, non se lo fila più nessuno. Oltretutto si è visto che alla prova pratica fa la stessa paura di un mozzico di pulce, un flop politico credo epocale. La loro missione è criticare, denunciare, portare a galla le magagne, le contraddizioni, ma quando si è trattato di saltare sul treno, non hanno voluto, non hanno saputo, non hanno capito. Hanno chiesto il Governo 5Stelle, bella forza, sapevano che non l’avrebbero mai ottenuto, per questo andavano sul sicuro. In Sicilia funziona perchè Crocetta ha voluto, perchè si è trovato in sintonia, a sentirli sembra che sia tutto merito loro, che fanno tutti loro.

    Io li ho votati e li ho fatti votare, non sono pentita nè delusa solo molto arrabbiata, perchè l’antifona non fa prevedere niente di costruttivo.

  • Ti dovresti vergognare di quello che hai scritto, prima di tutto la e-mail di libero quando l’ho fatta manco esisteva il PD, secondo prima votavo il partito comunista e rifondazione e poi sono passato a IDV, ma perchè non la smettete di vedere il marcio dappertutto il mio era un appello fatto in buona fede perchè vedo troppa sofferenza in giro e gli unici di cui ho un po’ di fiducia e speranza in questo momento sono quelli del M5S.

    Virus ha scritto :
    Riporto da beppegrillo.it:   PICCOLO PRONTUARIO PER RICONOSCERE IL TROLL Vi ho votato ma sono pentito… Io non capisco… La formula “uno vale uno” è una delle più nominate e incomprese sebbene semplice da capire… Avete perso un’occasione…. (noi?) Porterete l’Italia in rovina …(noi?) (ah!! intendevate dire che vi stiamo rovinando) Siccome non avete dato la fiducia al PD siete degli irresponsabili e alle prossime elezioni prenderete al massimo il 5%…(il mondo siete solo voi) Non sono un troll…(infantile dissimulazione) Sono un vostro elettore ma non vi voterò più perchè dite troppe parolacce…(alta moralità e dignità) Dov’è la democrazia in questo blog….?(meglio i vostri di blog in effetti) Avete aiutato il nano a riprendersi il paese….(noi?) Fate qualcosa cazzo…fate qualcosa non state lì fermi…(fermi noi? ma il vostro partito che fa?) Dite sempre NO….(a voi diremo sempre NO)   Aggiungo per questo forum: gli SQUADRISTI PIDDINI hanno come simbolo di riconoscimento la mail di @libero.it (ovvero telecom)   @james62 Sei sorvegliato speciale  

  • Ma infatti è quello che faranno, torneranno a votare PD, PDL Lega ecc. se qualcosa non cambia ne avrete la prova alle comunali. Tutto questo lo dico a malincuore perchè anch’io vorrei che il M5S avesse il 50% + 1 voto ma questa è un’utopia.
    nastja ha scritto :
    Dovevano votare pd allora.

     

  • Se il popolo avesse avuto una visione politica delle cose, i tiranni non avrebbero potuto nemmeno giocarci a risiko con la massoneria. L’azione di decorticamento mediatico è stata ed è cosi capillarmente incisiva che anche una momentanea svolta come quella delle ultime elezioni puo rivelarsi un fenomeno assolutamente temporaneo. Dopo di che il popolo che si lagna del mancato accordo con i servi dei tiranni tornerà a scegliere la “governabilità” dei saggi. Bacerà la chiglia  dei tiranni della Bce e capirà che la parola governabilita è sinonimo di inculabilià.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi