La nuova trappola

di Paolo Becchi
Ci sono voluti un mese di polemiche ed una comunicazione ufficiale del Presidente della Repubblica per prendere atto della mia analisi sulla prorogatio del Governo Monti. Sono passati 106 giorni, con oggi, dalle dimissioni del Governo e dal passaggio dello stesso al regime di prorogatio. Sì, perché – di grazia – quest’ultima inizia a decorrere dal momento in cui il Governo rassegna le proprie dimissioni nelle mani del Capo dello Stato. Si sa, la “boria dei dotti” di vichiana memoria non ha limiti: i “costituzionalisti” da giornali continueranno a ripetere che prorogatio è un termine tecnicamente inopportuno o inappropriato, continueranno a scrivere sulle prime pagine dei quotidiani nazionali, nonostante la sberla che si sono presi, nonostante la prova d’ignoranza (o malafede?) che hanno dato. Personalmente, non mi interessa. Forse, però, dovrebbe interessare la public opinion di questo Paese.
 
Sono stanco di avere ragione, lo ammetto. Prima, però, di abbandonare le luci della ribalta in cui sono involontariamente caduto e ritornare ai miei studi, temo di dover ancora una volta intervenire per sfatare una tesi assurda. Purtroppo ciò che scrivo resterà, temo, lettera morta, e verrà giudicato un semplice esercizio scolastico. Ma – è dovere dirlo, per onestà intellettuale – la tesi secondo la quale il Parlamento non potrebbe istituire le Commissioni permanenti senza prima la formazione di un nuovo Governo è radicalmente priva di fondamento. È una sciocchezza, né più né meno delle sciocchezze che, per più di un mese, sono state sostenute contro la prorogatio.
Per un mese una serie di “costituzionalisti”, politici, giornalisti ed affini ci hanno raccontato che non avevamo un Governo in Italia e che, senza Governo, il Parlamento non poteva fare alcunché. Finalmente il Capo dello Stato si è lasciato scappare che un Governo esiste, “è operativo” e che, pur dimissionario, non è dimesso. Immediato riposizionamento dei nostri commentatori: è vero, dicono ora, il Governo c’è, ma il Parlamento non può procedere alla formazione delle Commissioni, per poter iniziare finalmente a lavorare. C’è una logica, dietro queste affermazioni? Sì, c’è una logica che non ha nulla a che vedere con il dettato costituzionale, ma con il tradizionale modo di operare dei “partiti”: la formazione delle Commissioni permanenti, infatti, ha sempre implicato, nel cancro della nostra storia repubblicana, una serie di accordi, trattative e compromessi tra i partiti per la ripartizione dei Presidenti delle Commissioni. Momento fondamentale, dunque, delle logiche partitiche. Per questa ragione, allora, Pd e Pdl stanno “bloccando” la formazione delle Commissioni. Perché, senza prima l’accordo sul nuovo Governo, è ancora incerta la divisione tra maggioranza ed opposizione in Parlamento, è ancora irrisolto il problema essenziale per i partiti: capire chi andrà alla maggioranza, esprimendo il Governo, e, di conseguenza, come le Presidenze delle Commissioni potranno essere ripartite a partire da questa divisione maggioranza-opposizione.
Questo stallo, che sta portando al “blocco” del Parlamento, è espressione non del dettato costituzionale, ma del fatto che Pd e Pdl vogliono, prima di formare le Commissioni, chiarire la “questione Governo”.
In realtà, però, la formazione delle Commissioni non ha bisogno di alcun intervento del Governo e, a maggior ragione, di alcun nuovo Governo che sostituisca quello dimissionario. Del resto il Parlamento ha, senza la formazione del nuovo Governo, provveduto all’elezione dei Presidenti di Camera e Senato. Presidenti che, tuttavia, si sono per ora rifiutati di procedere secondo quanto prevedono i regolamenti parlamentari. L’art. 17 del regolamento della Camera, infatti, disposte che il Presidente nomini i deputati che compongono a Giunta delle elezioni (quella, per intenderci, che dovrà valutare l’eventuale ineleggibilità di Berlusconi) “non appena costituiti i Gruppi parlamentari”. A sua volta, il regolamento del Senato prevede che “Il Presidente, non appena costituiti i Gruppi parlamentari, nomina i componenti della Giunta per il Regolamento, della Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari e della Commissione per la biblioteca e per l’archivio storico, dandone comunicazione al Senato”. Per la cronaca: i Gruppi si sono costituiti il 19 Marzo, ma non risulta che a ciò sia seguito alcunché. Ed i giorni passano.
Che la formazione delle Commissioni non abbia nulla a che vedere con il Governo, inoltre, risulta chiarissimo da quanto dispongono, a questo proposito, i regolamenti parlamentari:

Art. 19 Regolamento Camera dei Deputati: “Ciascun Gruppo parlamentare, subito dopo la costituzione, designa i propri componenti nelle Commissioni permanenti, ripartendoli in numero uguale in ciascuna Commissione e dandone comunicazione immediata al Segretario generale della Camera. Il Presidente della Camera, sulla base delle proposte dei Gruppi, distribuisce quindi fra le Commissioni, in modo che in ciascuna di esse sia rispecchiata la proporzione dei Gruppi stessi, i deputati che non siano rientrati nella ripartizione a norma del precedente comma nonché quelli che appartengono a Gruppi la cui consistenza numerica è inferiore al numero delle Commissioni”.
Art. 21 Regolamento del Senato: “Ciascun Gruppo, entro cinque giorni dalla propria costituzione, procede, dandone comunicazione alla Presidenza del Senato, alla designazione dei propri rappresentanti nelle singole Commissioni permanenti di cui all’articolo 22, in ragione di uno ogni tredici iscritti, fatto salvo quanto previsto al comma 4-bis”

È evidente che la formazione del nuovo Governo non ha nulla a che vedere con l’obbligo, per il Parlamento, di procedere alla formazione delle Commissioni permanenti, formazione indispensabile affinché l’Assemblea possa iniziare a legiferare. Stanno “bloccando” il sistema, ed è ovvia la ragione: i partiti vogliono rimandare al più a lungo possibile le questioni su cui, attualmente, non saprebbero come rispondere. Mi riferisco all’ineleggibilità di Berlusconi, alla riforma della legge elettorale, alle norme sulla corruzione e sui costi della politica. Pd e Pdl vogliono aspettare, vogliono prima cercare di trovare un “accordo” di massima su tutto questo. Ma, in questo modo – e nella storia repubblicana non era mai accaduto – si sta compiendo una grave violazione della democrazia parlamentare, impedendone il funzionamento.
Il M5S deve reagire, non può lasciarsi “bloccare” da questi espedienti tipici della partitocrazia, dai giochi di corridoio ed anticamera. Che designi immediatamente, per il Senato, i propri rappresentanti nelle Commissioni e che, al contempo, inoltri una formale protesta ufficiale contro quanto sta accadendo. Deve chiedere l’intervento del Capo dello Stato, quale garante della Costituzione, per porre fine a questa palese ed evidente violazione delle regole della democrazia parlamentare.
È il momento di prendere una posizione chiara, netta, contro Pd e Pdl, contro questo sistema che tenta di consumare, come un parassita, i deputati e senatori del M5S appena entrati in Parlamento. Non sporcatevi le mani con i partiti ed i loro compromessi, o sarete perduti per sempre.
Riceverò altre critiche, non ne dubito. Risponde per me Vittorio Feltri, che in un twitter mi ha scritto: “Il suo torto è quello di avere ragione. Non glielo perdonano”.
 
 

56 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • I parlamentari 5S debbono dire QUESTE cose quando vengono intervistati!!!

    Citare articoli e norme in maniera precisa e puntuale, altrimenti danno l’impressione di essere messi lì per caso!

    • Per vostra conoscenza i rappresentanti del M5S rieptono queste cose ad ogni itnervista, i rappresentanti del M5S ribadiscono queste cose ad ogni conferenza dei capi gruppo, i rappresentanti del M5S hanno presentato una mozione ufficiale in aula, i rappresentanti del M5S ben prima che il prof. Becchi spiegasse queste cose le avevano richieste con forza in tutti i modi… ma tutto questo NON LO TROVERETE MAI SUI GIORNALI troverete invece commenti sulla mia pinguedine, sul mio matrimonio, sul mio presunto (mai avvenuto) sonnellino, sulla mia gaffe di aver chiamato Roberta onorevole anzichè cittadino, su quello e altro gossip troverete fiumi di articoli….

      Vi invito a leggere mio intervento in aula del 26 marzo 2013…. 

      http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=Resaula&leg=17&id=698387

    • Capisco tutto, anche che Crimi si spazientisca,sta facendo del suo meglio per dare l’impressione di essere compatti. Purtroppo se un luminare come il dott.Becchi e l’ultimo e più sprovveduto degli iscritti cioè il sottoscritto concordano sulla linea da tenere e sentono il bisogno di ribadirla significa che il messaggio che ci arriva dal gruppo parlamentare 5S è diverso da quello che vorrebbe mandare. Qualcuno si vada a leggere l’intervista di Currò dove parla di responsabilità (tradotto andare con il Pd) dopo che Grillo si è fatto 2 mesi di tsunami urlando per mezza Italia ne Pd,ne Pdl, fino a racimolare 8 milioni di voti,perchè è bene ricordare che i voti li ha presi Grillo,mentre Currò ci marcia o come dice lui vota secondo coscenza. Come l’avranno presa le migliaia di attivisti che hanno fatto eco a grillo? I fuori usciti da Pdl e Lega circa il 30% del ns elettorato?Gli esuli del Pd,altrettanti?I giovanissimi inesperti che Currò vorrebbe regalare al Pd? Ecco Crimi,la situazione appare così,pertanto se il movimento ha delle regole le faccia rispettare nel frattempo cominciamo a documentare l’attività parlamentare. 

  • nextime ha scritto :
    I parlamentari 5S debbono dire QUESTE cose quando vengono intervistati!!! Citare articoli e norme in maniera precisa e puntuale, altrimenti danno l’impressione di essere messi lì per caso!
    concordo al 100%. Queste disposizioni/Leggi, non possono rimaner relegate in un post di un blog che, per  quanto seguito, non ha risonanza ufficiale.
    Viste le assurdità e il fango che viene profuso verso il MoVimento e i Deputati 5S, mi sembra sia arrivato il momento di rendere pubblico, non solo attraverso il web, ma anche attraverso i canali ufficiali dei media, sia quanto detto sopra dal Prof. Becchi, che ogni attività Parlamentare discussa dai Cittadini Portavoce 5S, in modo che non si dica che ogni responsabilità di immobilismo e mancato governo, sia del M5S.

    E BASTA, SIAMO STUFI DI SENTIRE CRITICHE DA OGNI PARTE, SENZA CHE CI SIA UN CONTRADDITORIO!!!!

  • Eppure ci sono esperti (a loro dire) che sostengono che le commissioni parlamentari devono replicare nella composizione la maggioranza parlamentare, come da regolamento. 
    Ed in effetti nell’articolo 19 che hai riportato si dice: “designa i propri componenti nelle Commissioni permanenti, ripartendoli in numero uguale in ciascuna Commissione e dandone comunicazione immediata al Segretario generale della Camera… Il Presidente della Camera, sulla base delle proposte dei Gruppi, distribuisce quindi fra le Commissioni, in modo che in ciascuna di esse sia rispecchiata la proporzione dei Gruppi stessi,”
    Ma la proporzione dei gruppi in relazione a cosa?
  • Claudio , a mio avviso il PD sta nuovamente regalando l’immunità a Berlusconi , il 18 aprile giorno della ripresa dei suoi processi è stata decisa la discussione per la nuova elezione del presidente della repubblica (guarda caso è Napolitano) , ovviamente verrà presentato e accettato il legittimo impedimento quindi nuovo slittamento delle udienze fino ad elezione del nuovo presidente che scioglierà le camere , aprendo di fatto la campagna elettorale ,poi il resto lo abbiamo già visto ..

  • sono anche convinto che il PD e pdl , sapendo che non possono cancellare le tasse e le leggi fatte con monti , stanno tirando il più possibile per farle entrare in vigore senza annullarle prima ( esempio aumento iva ) , facendo ricadere la colpa sul m5s ..

  • Complimeti prof.Becchi quando ho votato M5S volevo propio che al Banchiere Bilderberg Rigor montis venisse prorogato il governo,volevo resuscitare lo psiconano consentendoli con buone probabilita’ di vincere le prossime elezioni e quindi di avere altri 5 anni di impunita’volevo essere dalla parte di feltri che infatti ora gongola sapendo che Silvio il suo padrone tornera’ al governo.Che tristezza che schifo che errore votare 5stelle.Quando nel prossimo parlamento Silvio governera’ e il movimento non avra’ i voti per imporre nulla a nessuno e quindi non contera nulla anche allora ci dira’ che aveva ragione?

    • Io invece sono d’accordo con Emar, parola per parola, e non posso fare a meno di stupirmi ogni volta di quanto grande possa arrivare ad essere la stupidità umana. E’ vero o no che il PD, di fronte a Napolitano, aveva escluso di poter formare il governo con i voti del PDL? Rispondetemi per favore. E’ vero o no che quindi non rimaneva altra strada che formare un governo con quei due terzi di rappresentanza che gli elettori avevano attribuito all’insieme PD – M5S? Se anche il M5S, oltre al PD, avesse indicato questa strada al presidente della repubblica, Napolitano sarebbe stato messo con le spalle al muro, non potendo in nessun modo andare contro il volere espresso da una schiacciante maggioranza parlamentare. Ed oggi questi problemi (inciuci sulle commissioni) non ci sarebbero stati, per il semplice motivo che già avremmo un governo, e sarebbe stato quindi anche chiaro qual’era l’opposizione (il PDL). Si obietta falsamente che Napolitano non ha chiesto al M5S di indicare i nomi di possibili presidenti del consiglio a cui affidare l’incarico. E’ un’emerita sciocchezza, perché, fallito il tentativo di Bersani, toccava al moVimento imporre una rosa di nomi, ovviamente di altissimo profilo civile e fuori dai partiti, che, non essendoci scelta, né il PD né il Napolitano avrebbero potuto rifiutare. Ed ora avremmo un governo, dei ministri e dei sottosegretari o “nostri” o comunque molto meno ostili rispetto a quelli del governo schifoso che siamo stati noi a lasciare in carica. Si dice che la colpa è dei vecchi partiti. No cari miei, la colpa era dei partiti, quando il M5S era fuori del parlamento. Ma ora che siamo dentro, la colpa è nostra e delle nostre scelte sbagliate. E infatti quell’ “innocuo” insieme di poteri che noi ci siamo rifiutati di sostituire, ora sta bloccando il parlamento, come era del tutto ovvio aspettarsi. Altro che “il governo Monti non ha nessun potere ora e quindi non potrà infliggerci nessun male” (difficile ascoltare idiozie più idiote di questa). Vuoi vincere? Bene. Allora comincia a nominare un presidente del consiglio, dei ministri, dei sottosegretari, fai partire le commissioni, insomma entra nella stanza dei bottoni e obbliga la politica a rigare dritto. Altrimenti beccati i dieci saggi e le commissioni parlamentari bloccate e fai mea culpa, se hai un briciolo di cervello. Ma evidentemente c’è chi prova un godimento infinito a farselo mettere nel culo, e mentre gode, urla: “Io però sono stato coerenteeeeee”.

  • Ogni giorno muoiono delle persone a causa di problemi economici…ed i loro rappresentanti sono a lottare per la poltrona…

    è una cosa schifosa e indegna… costoro dimostrano una totale indifferenza per queste disgrazie, e per i milioni di persone che stanno sempre peggio…. mi auguro che i responsabili di tutto ciò pagheranno per quello che hanno fatto…

     

    nello stesso stato, un padre di famiglia effettua una rapina a mano armata fuori da una pizzeria rubando 4 pizze per dare da mangiare ai figli…

    e su canale 5 vengono dedicati 40 minuti di telegiornale a ruby ed alla sua protesta…con tanto di studio pieno di leccaculo di Berlusconi che parlano a sua discolpa…..quando on line continuano a girare fotografie della stessa Ruby che partecipa a festini…

     

    ditemi voi se viviamo in un sistema normale…. qui siamo a livelli veramente infimi…

  • Egr. Prof. P. Becchi,Il presidente del Senato Grasso, oggi, ha di nuovo affermato il contrario di quanto da Lei sostenuto senza apportare alcuna giustificazione giuridica.A questo punto fare chiarezza s’impone, per il bene della nazione dovrebbe inviargli ufficialmente il presente post invitandolo a smentirle la sua tesi giustificandone i motivi in termini di costituzione e regolamenti di Camera e Senato. La ringrazio.

  • Complimenti Claudio per il tuo operato

    Complimenti, perchè attraverso pochissime persone corrette come il Professor Becchi, abbiamo la possibilità di valutare chi sono queste persone che hanno la pretesa di volerci governare.

    Condivido totalmente quanto sostenuto da Vittorio Feltri sul pensiero del Prof.Becchi

  • Grazie professor Bechi, impeccabile analisi. In altre parole la spartizione della torta potrebbe risultare svantaggiosa in assenza di inciuci preventivi. L’ineleggibilità del Cav. Berlusconi ha dell’incredibile, in una rappresentazione Pirandelliana costui potrebbe, con i dovuti inciuci, pescare tra le carte delle probabilità quella che lo porta dalla prigione al quirinale senza passare dal via. Davvero grottesco, e così incredibilmente berlusconiano da poter essere possibile…d’altronde l’Avv.Ghedini sta lavorando alla grande e credere che la farsa di Ruby davanti al tribunale ,dopo essere stata in Messico a riposarsi(ma dove li prende i soldi…!?), sia partorita o manipolata dall’avvocato padovano è sicuramente plausibile. Se non ricordiamo male è stata più e più volte chiamata in aula per essere ascoltata, cercata, localizzata ed invitata a rientrare per testimoniare…Ma,vai a sapere…e poi vorrei vedere voi al posto della povera Ruby,che siete in vacanza e vi vengono a “rompere” con questa storia! Ironia a parte, la malafede di questa ragazza è flagrante. In fondo non credo che freghi proprio a nessuno dei suoi trascorsi (giudici a parte), ma la sua irresponsabilità dimostra la sua incapacità di cambiare veramente e di prendere coscienza delle sue azioni.

    P.S. tra il cavaliere che si infervora per le dichiarazioni di uno dei saggi sul fatto di essere coetanei e quindi prossimi alla pensione, ed il nuovo duello che Renzi (ma non aveva perso le primarie?) sta ingaggiando con Bersani…di commissioni non se ne parla, anzi la novella giulietta Santanchè (al secolo Granero) proprio a Servizio Pubblico ha ribadito l’impossibilità di formare le commissioni, il suo romeo Sallusti su un editoriale de “Il Giornale”, non perde occasione di attaccare nell’ordine; l’inchiesta “bunga-bunga” e la attendibe dichiarazione di Ruby,Monti ed i conti truccati(chi lo appoggiava???), Onida per le dichiarazione sul cavaliere, e tanto per cambiare la magistratura un altra volta…Toh che novità!

     

  • Ho studiato diritto costituzionale e mi trovo spesso ad anticipare quello che dice Becchi. Non essendo io un genio ciò mi fa capire che quello che dice Becchi sia la base della costituzione. Possibile che pochi giornalisti siano capaci di anticipare le elementari regole che si ricavano dalla Costituzione?

    • Ti prego, fai dei video di spiegazione cosi tutti potremo sapere un po’ piu’ sulla costutuzione. Dobbiamo essere tutti un po’ piu’ costituzionalisti.

  • byoblu ha scritto :

    Ma scusa, tu sei il coordinatore per la comunicazione… e digli per favore che dichiarino QUESTE cose! Ma sempre e dappertutto! Anche a costo di andarle a dire da Vespa! 😀

  • Sono giorni che i Ragazzi stanno richiedendo l’apertura delle Commissioni Parlamentari, quindi sono al corrente dei vari punti e passi che lo consentono. Alessandro Di Battista ha anche citato trascorse occasioni in cui ciò è stato fatto. Secondo il mio punto di vista è arrivato il momento di compiere un “democratico atto di forza”…trovare il giusto punto d’appoggio per sollevare il corrotto mondo politico. Non si può più lasciare che la gente si continui a suicidare, vittima di questa perfida e subdola guerra economica!!

  • E’ vero, ma aver capito, o meglio in un certo qula modo aver dimostrato la verità è utile alla conoscenza ma inutile ai fatti. La conoscenza senza una pratica è come un’intelligenza senza cultura, sciupata (tipo la mia). Sarebbe utile capire come il M5S può imporsi. Io di macro strade per affrontare i problemi ne conosco due: la strada della giustizia e quella della violenza. Qualcuno sa indicarmi la terza? LA via della giustizia è la più auspicabile, tipo, la leggedi dico così! bla bla bla… perciò correggiamo gli sbagli che si sono fatti o puniamo chi non si è attenuto alle regole. La giustizia con le relazive leggi vanno fatte, approvate e poi applicate. Sia chi le scrive, approva e applica si spera siano persone moralmente e giuridicamente pulite, un delinquente che fa leggi non è che sia il massimo, ma in Italia accade. Dunque in un governo formato per 2/3 da persone di dubbia onestà e moralità le quali seguono il loro grande capo augh fedelmente, si dovrebbe fargli presente che dicono stronzate. Si può fare di più? Bo… Se non si può fare di più, il Pd ed il PDL sostanzialmente se ne sbattono le palle. Giusto o no? Insomma fin’ora mi sembra che  sostanzialmente tra una difficolta e l’altra se la siano sempre sgamata. Per farla breve, attraverso la giustizia nessuno ancora mi ha spiegato come si possa mettere ai ferri corti la politica. La seconda via per risolvere i problemi non la commento, è sperabile che non la si imbocchi mai. E poi si sa già tutto.

  • Sono sostanzialmente daccordo con l’analisi di Messora e l’avevo anticipata sul mio blog, con una eccezione.

    Le commissioni sono uno strumento ma non un impedimento alla attività del Parlemento.

    Si può -ma non è obbligo- passare per il lavoro delle commissioni. Sia che le commissioni siano permeanenti, speciali, o di altra natura. La loro funzione è di agevolare e non di impedire l’azione della assemblea parlamentare che ha sovranità per delega del popolo italiano che la ha eletta.

    La stessa presidenza del parlamento e del senato “agevola” i lavori parlamentari e non è lì per sabotarli o impedirne lo svolgimento.

    Faccio un esempio:

    Il presidente apre una discussione parlamentare secondo un qualsiasi ordine dei lavori.

    Un deputato si alza e dice: Presidente sull’ordine dei lavori.

    Il presidente: dica.

    Il deputato: Presidente chiedo che sia messo in votazione un cambio o una modifica sull’ordine dei lavori perché ..

    Il presidente non si può rifiutare di farlo perché il presidente disciplina i lavori a norma del regolamento ma lo stesso regolamento potrebbe essere modificato per volontà dell’assemblea.

    Quindi se per prassi l’iter legislativo è di norma affidato a una pre-elaborazione delle commissioni ciò non è tassativo ed ineluttabile ma solo agevolativo laddove la assemblea sia conocorde su ciò, poiché è la assemblea che è sovrana per delega del popolo e né il presidente della Repubblica e né il presidente di camera e senato, che infatti sono tutti sottoposti alla legge e perseguibili per violazione della costituzione, laddove la violino.

    Il link alla mia analisi -in termini più estesi- che precedeva quella di Messora (nel senso che non avevo letto Messora nello scriverla: sono entrambe le analsi in data 5 aprile 2013):

    more info:

    http://6viola.wordpress.com/2013/04/05/carlo-martelli-m5s-il-blocco-delle-commissioni-nel-parlamento/

  • Io invece sono d’accordo co commento di Emar, parola per parola, e non posso fare a meno di stupirmi ogni volta di quanto grande possa arrivare ad essere la stupidità umana. E’ vero o no che il PD, di fronte a Napolitano, aveva escluso di poter formare il governo con i voti del PDL? Rispondetemi per favore. E’ vero o no che quindi non rimaneva altra strada che formare un governo con quei due terzi di rappresentanza che gli elettori avevano attribuito all’insieme PD – M5S? Se anche il M5S, oltre al PD, avesse indicato questa strada al presidente della repubblica, Napolitano sarebbe stato messo con le spalle al muro, non potendo in nessun modo andare contro il volere espresso da una schiacciante maggioranza parlamentare. Ed oggi questi problemi (inciuci sulle commissioni) non ci sarebbero stati, per il semplice motivo che già avremmo un governo, e sarebbe stato quindi anche chiaro qual’era l’opposizione (il PDL). Si obietta falsamente che Napolitano non ha chiesto al M5S di indicare i nomi di possibili presidenti del consiglio a cui affidare l’incarico. E’ un’emerita sciocchezza, perché, fallito il tentativo di Bersani, toccava al moVimento imporre una rosa di nomi, ovviamente di altissimo profilo civile e fuori dai partiti, che, non essendoci scelta, né il PD né il Napolitano avrebbero potuto rifiutare. Ed ora avremmo un governo, dei ministri e dei sottosegretari o “nostri” o comunque molto meno ostili rispetto a quelli del governo schifoso che siamo stati noi a lasciare in carica. Si dice che la colpa è dei vecchi partiti. No cari miei, la colpa era dei partiti, quando il M5S era fuori del parlamento. Ma ora che siamo dentro, la colpa è nostra e delle nostre scelte sbagliate. E infatti quell’ “innocuo” insieme di poteri che noi ci siamo rifiutati di sostituire, ora sta bloccando il parlamento, come era del tutto ovvio aspettarsi. Altro che “il governo Monti non ha nessun potere ora e quindi non potrà infliggerci nessun male” (difficile ascoltare idiozie più idiote di questa). Vuoi vincere? Bene. Allora comincia a nominare un presidente del consiglio, dei ministri, dei sottosegretari, fai partire le commissioni, insomma entra nella stanza dei bottoni e obbliga la politica a rigare dritto. Altrimenti beccati i dieci saggi e le commissioni parlamentari bloccate e fai mea culpa, se hai un briciolo di cervello. Ma evidentemente c’è chi prova un godimento infinito a farselo mettere nel culo, e mentre gode, urla: “Io però sono stato coerenteeeeee”.

  • Aggiungo, a quanto ho espresso nel mio precedente commento. che: SI, non solo i dieci “saggi”, il governo Monti ancora in carica, le commissioni parlamentari bloccate, sono responsabilità delle scelte folli del M5S, ma anche il pericolo che, andando nuove elezioni, possiamo ritrovarci tra i piedi lo stramaledettissimo psiconano. Sempre come conseguenza del non essere stati capaci di imporre una nostra rosa di nomi al PD e al presidente della repubblica, che avrebbero dovuto accettarla per forza di cose. Quella sarebbe stata coerenza. La coerenza non è e non potrà mai essere quella di sbagliare obiettivo. Sarebbe come se, di fronte ad una curva, io per coerenza andassi dritto. A sbattere. Mi piacerebbe tanto che si smettesse di dire assolute idiozie.

    Io ho un immenso rispetto per i Gay, anche perché chiedono, giustamente, di avere libertà di scegliere come usare il proprio corpo.  Ma qui, cari miei, voi vi state permettendo di godere col culo degli altri, di quei milioni di italiani che hanno votato 5 stelle per incidere sulle scelte di cambiamento, ovviamente a maggior ragione se dalle elezioni ci fosse stata data la possibilità di entrare subito a far parte del governo, cosa che andava fatta immediatamente, almeno per rispetto ai propri elettori. Voi invece state qui a convincerci che il modo migliore di mandarli a casa è quello di tenerli al governo ora e di fargli fare un bel governissimo subito dopo. E magari di far rivincere Berlusconi alle elezioni. Che geni assoluti!!! Che capolavoro di strategia degli idioti!!!

    Si capisce che sono incazzato??? Si, come milioni di italiani che hanno votato 5 stelle e che ora aspetteranno invano il cambiamento. Siamo incazzati neri, perché per il vostro perverso e idiota “godimento” nel farvelo mettere dentro, state usando il culo degli altri. Bastardi, maledetti idioti oppure traditori del popolo. Meritereste di essere passati per le armi.

  • Ovviamente nei commenti espressi non ce l’ho con il prof. Becchi, che ha tutto il diritto di esprimere come la pensa, bensì con tutti quei fanatici del moVimento con i paraocchi che continuano a sostenere tesi che non fanno altro che dimostrare al mondo quanto profonda sia la loro stupidità ed ignoranza (che siamo poi noi cittadini a pagare).

    • Mio caro high definition, ti rispondo solo con il link sul blog di beppe grillo che ti invito caldamente a leggere e che si intitola’Perchè hai votato per il M5S?’

      Dopodichè vota pure quello che vuoi, il movimento non ha per niente bisogno del tuo voto perchè non hai capito una s..a del suo spirito.

       

       

  • Prof. Becchi, ritengo che la sua competenza in fatto di Costituzione sia indiscutibile e di grande autorevolezza (pur non avendo la nomea di costituzionalista)

    In virtu di questa autorevolezza credo sia utile ,anche tramite Messora, proporre il prof. Becchi (se lo desidera) quale consulente per le questioni Costituzionali per il M5S, Dio solo sa quanto sia necessario per il nostro MoVimento.

  • A tutti i tafazzi del movimento mi spiegate perche’ in Sicilia dove il Pd ha la maggioranza si puo fare mentre a livello nazionale dove non avendo la maggioranza in senato il PD avrebbo dovuto fare quello che chiedeva il movimento non si puo’ fare? che cacchio di coerenza e’ questa.Si faceva nascere un governo Pd e poi senza nessuna alleanza si teneva per gli attributi.Invece ora il Pd con il Pdl faranno quello che vogliono loro e visto che il movimento non avra’ mai la maggiranza assoluta per governare da solo nel prossimo parlamento governera’ lo psiconano complimenti una strategia politica sopraffina.Inoltre la famosa democrazia dal basso dove e’ andata a finire? bisognava indire un referendum e se poi avesse vinto la strategia tafazzi saremo stati zitti invece il Guru Grillo decide lui e guai a dissentire il movimento assomiglia piu’ ad una setta religiosa che a un movimento democratico.Ha ragione Gianni Lannes Grillo e Casaleggio sono solo dei gatekeeper sul suo sito ci sono le prove.http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2013/04/dialogo-con-casaleggio.htmlhttp://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2013/04/usa-chiama-rapporto-movimento-5-stelle.html

  • Grazie professore, grazie per quello che fa.

    Abbiamo bisogno di intellettuali come il pane, che ci stiano vicino e ci guidino e diano sostegno.

    Con questo mare di sedicenti intellettuali asserviti alla sinistra italiana, non ne verremmo mai a capo.

    Grazie per esporsi e mettersi in gioco.

  • gira e rigira …poi sempre lì andiamo. Ok facciamo le commissioni parlamentari e poi ???

    Poi il parlamento deve votare ed approvare i ddl e le riforme , e ritorniamo che avete meno di un 1/3 dei parlamentari , ergo da solo il M5S non fa una mazza. 

     

  • Svegliatevi Paolo Becchi e’ un massone ecco le provehttp://www.luogocomune.net/site/modules/newbb/print.php?form=1&topic_id=7301&forum=42&order=ASC&start=180

  • Non sono tutti incompetenti. Sono 163 persone, è ovvio che quello che la TV e i giornali passano sono i casi peggiori, di certo non vedrai mai articoli riguardanti persone preparate, perché il messaggio da far passare è “sono delle scimmie ammaestrate al voto secondo quanto dice il capo”.

     

    Di certo alcuni non sono neppure informati, mentre per quanto riguarda la comunicazione, ci sono animali politici negli altri partiti che fanno questo lavoro da 20 anni e non è un mestiere che apprendi in un mese.

    marco72 ha scritto :
    i parlamentari del M5S non possono dire queste cose per il semplice motivo che non le sanno!! sono stati scelti per tanti motivi tranne quello della COMPETENZA! non ce n’è uno che sappia di diritto costituzionale, amministrativo, pubblico, per non dire di economia politica o di finanza. E si sa: chi è “ignorante”, cioè chi non sa, è anche facilmente manipolabile. 

  • Voglio far notare ai quei Senatori del M5S che si sono riempiti la bocca di legalita` dopo aver votato Grasso,che lo stesso ha piu` di una volta gia` violato la sua imparzialita` costituzionale.La prima volta dichiarando in pubblico che la prorogazio non era ammissibile costituzionalmente e la seconda e` ,secondo questo genio dell`inciucio piu` abberrante,che le commissioni non si possono costituire perche` non c`e` un governo fiduciato.Grillo non aveva  ragione a dire che Grasso era uguale a Schifani,per me e` peggio.L`anno messo li` a posta perche` non capisce niente e fa gli interessi di PD e PD-L.

  • si, ma la domanda è (per il prof. Becchi): le commissioni possono lavorare senza presidenti delle commissioni? lo sappiamo che le commissioni possono essere formate anche ora, ma le presidenze, PER REGOLAMENTO, non per inciucio, non possono essere nominate senza il criterio maggioranza-opposizione, conseguente a una fiducia. Quindi: LE COMMISSIONI POSSONO LAVORARE SENZA PRESIDENZE? 

  • Concita è l’iniziatrice di un racconto che gli Italiani non conoscono ancora. I collegati a siti come questo sono un’inerzia della popolazione, quindi in pochi sanno esattamente come stanno le cose.

    Negli ultimi tempi pero’ comincia a sentirsi qualcosa ad es. alla radio, non ancora in TV informazioni su associazioni occulte, bildelberg trilaterale banche finanziarie assicurazioni, quello che qui tutti sanno.

    La Concita rivendicherà in futuro il fatto di essere stata la prima a scrivere su un giornale le cose che qui si scrivono da sempre provocando una giusta reazione avversa dei vari bloggher come Messora, che poverino si è fatto un mazzo tanto per farci conoscere le cose e si vede scippata di mano una ricerca minuziosa, sudata con enorme sacrificio.

    Vedrete che nei prossimi giorni alche altri trasversamnete da destra a sinistra comincieranno a scrivere le stesse cose scoprendo di fatto l’acqua calda ma agli occhi della gente “normale” sarà un fulmine a ciel sereno.

    L’evoluzione della politica degli ultimi 40 anni ha puntato con forza a distruggere la cultura: piu’ il popolo è ignorante meno fastidio provoca. Del resto i tagli alla scuola a cosa servono? il licenziamento e la riduzione in sciavitu’ a cosa servono?: ad ammazzare la cultura!

    Non è escuso che in prossimo futuro sentiremo parlare di cose che qui mastichiamo abbastanza bene, ma vedrete che si dirà che nulla si puo’ fare, ricordate? “ce lo dice l’europa”,….ma la Concita ha già messo le mani avanti qualora la gente assimilase l’informazione nel verso giusto potrà dire: “io l’avevo detto!!”

  • MI PIACEREBBE TANTO UN GOVERNO COSI’

    Presidente del Consiglio – Antonino Galloni
    ministro della giustizia – Ilda Boccassini
    ministro del lavoro – Maurizio Landini
    min. politiche agricole – Beppe Grillo

    ministro dell’interno – Gerardo D’Ambrosio
    ministro della salute – Gino Strada
    ministro ambiente _ Margherita Hack

    ministro beni culturali – Claudio Messora
    ministro economia – sviluppo economico Alberto Bagnai
    ministro istruzione – Monia Benini

    ministro riforme ist.li – Gustavo Zagrebelsky
    ministro pari opportunità – Lidia Undiemi

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi