Una volgare dimostrazione di coerenza: Grillo, Rodotà, Robin Hood e Guglielmo Tell

Stefano Rodotà Beppe Grillo
Il Movimento 5 Stelle “it’s all about Process“. E’ solo una questione di metodo. Stefano Rodotà era stato scelto dagli attivisti certificati, cioè dalla base. Era stato scelto con un referendum online garantito da un ente certificatore terzo. Avrebbe potuto essere chiunque altro. Ma è stato scelto lui. Lo ha scelto la rete, fossero anche due su tre, e il Movimento lo ha portato alle urne per l’elezione del Presidente della Repubblica. Semplice. Lineare. Diretto, come la democrazia che si vorrebbe realizzare.
Perché questa volgare dimostrazione di coerenza? Perché veniamo da decenni di politici che si fanno eleggere con un programma che poi non attuano, preferendo riempire le prime pagine di processi per mafia, di nani e ballerine, di statisti all’amatriciana che scilipotano da un bancone all’altro al solo scopo di attendere la pensione. Di rappresentativo, in questa democrazia, erano rimaste solo le cricche che si facevano eleggere per spartirsi gli appalti. E gli effetti sull’economia e sulla tenuta del Paese si sono visti.
Per questo il Movimento 5 Stelle è un metodo: perché è l’unico modo di restituire la politica ai cittadini. “Fai quello che hai promesso di fare oppure te ne vai.”, dicono i cives, coloro con cui hai stipulato un contratto elettorale. “Anzi, fai quello che diciamo noi, che lo decidiamo di volta in volta, anche in corso di legislatura.”. Non è una diminuzione del ruolo e della responsabilità del politico, è il suo recupero dal baratro dove era stato precipitato dalla decadenza della cività. E’ l’apoteosi della dignità e dell’onore di poter servire la Patria, servendo i cittadini.
Rodotà ha messo in discussione esattamente questi principi fondanti del Movimento: la rete, innanzitutto, che a dispetto di quanti credono solo e soltanto nel dio televisivo è il mezzo tecnologico che ha restituito un pezzo considerevole delle istituzioni agli italiani. E ci è riuscita proprio sconfiggendo la televisione in un duello feroce, spietato. La “rete“: lo strumento di realizzazione di una nuova conoscenza condivisa, il rinascimento culturale, una nuova speranza di eguaglianza sociale. Ha detto che la rete non basta, che fondamentalmente è trascurabile. E’ come dire a Guglielmo Tell che con la sua balestra non ci fa niente, che deve usare le armi degli scudieri del re. Secondariamente, ha messo in discussione un principio ancora più fondante del Movimento 5 Stelle, quello secondo cui non si fanno alleanze o strategie. La democrazia diretta si fonda sul presupposto che i cittadini decidano, di volta in volta, quali leggi costruire, appoggiare, rifiutare, sulla base non di calcoli che prefigurano una nuova stagione dell’inciucio, ma solo ed esclusivamente del vantaggio che può derivarne alla collettività. Derogare a questo assunto equivale a cancellare un tentativo nobile, disperato e perfino ben avviato, per restaurare una politica vecchia, i cui effetti in questo paese di santi e navigatori hanno prodotto risultati catastrofici. E’ come dire a Robin Hood che rubare ai ricchi per dare ai poveri funziona peggio che mettersi d’accordo con i ricchi per ottenere un’elemosina equa. E siccome il Movimento 5 Stelle “is all about Process“, ne consegue che non fa alcuna differenza che Rodotà sia stato il candidato alla presidenza della Repubblica, scelto dalla rete: se delegittimi il metodo, il metodo delegittima te. E’ una dimostrazione di purezza, di coerenza, di affidabilità e di prevedibilità, in un mondo dove i rapporti, gli interessi e le opportunità comuni, suggellati da patti quasi sempre segreti, contano più di quelli della collettività.
Il Movimento 5 Stelle non fa alleanze. Nemmeno con Rodotà. E questo “metodo” rappresenta quel filo cui sono appese tutte le speranze di cambiamento.

270 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    • quando inizierete ad INFORMARVI e a ragionare ognuno con la propria testa?
      ah no….la Gabanelli è una persona al di sopra di ogni sospetto….l’ha detto la tv!!!!
      giusto? com’è che funziona…? (scusa ma non sono pratico)

    • Piero..un grillino che dice a CHIUNQUE di usare la testa è come dire che Ferrara è un finto magro!
      State sputtanando qualuqnue personalità che osa (OSA…mio dio) contraddirvi.E perdete voti a valanga.Siete solo i Nuovi Leghisti.Forse anche peggio , visti i fascisti che avete nel Movimento.

    • Rodotà ha messo in discussione … ?
      ma come parli?
      per me non hai neanche apito cosa abbia voluto dire Grillo.
      a volte mi faccio delle domande su come usi il tuo blog.

    • Se ci affidassimo alle singole personalità saremmo uno dei tanti partiti che sono passati in parlamento, alcuni sono ancora li, altri no, ma non cambia molto, o ti estingui o ti diluisci, il movimeto ha altri obbiettivi, ben spiegati in questo “pezzo”, possono non essere condivisi ma questo è il 5Stelle, mia personale opinione senza voler innescare nessuna polemica o critica nei tuoi confronti.

    • X ALEXTHEMOD
      Prima di scrivere commenti che indicano la tua incapacità di analisi del testo tanto piu’ se politica (visto che di un’analisi politica si tratta) pensaci , conta fino a tre , poi lascia perdere.
      Nessuno sta “sputtanando” nessuno, persone che non hanno bisogno di “osare” ma liberissime se sentono l’impellente necessità di smarcarsi dal M5S ne hanno tutto il diritto , gli esponenti del movimento addetti alla comunicazione e alla linea politica hanno altresi tutto il diritto di rispondere con critiche a questo stato di impellente necessità.
      Non c’è niente di “VERGOGNOSO ” in questo, l’unico a cui si può attribure il termine è a colui che lo ha scritto, capace evidentemente di analisi limitate e superficiali.
      E si che il post è molto chiaro e di semplice comprensione , il che è nel caso specifico un’aggravante.
      Per quanto riguarda i “FASCISTI” in rete trovi tutti gli interventi dei deputati e senatori eletti del M5S basta ascoltarli e decidere quanto lo sono.
      Ma probabilmente con te il metodo non funzionerebbe , che cosi è, lo hai saputo dalla dirigenza PIDDINA (sinonimo di politicamente stupidotto) o dagli editorialisti d’assalto di Repubblica e a te tanto basta.
      Comunque prima di riusare il termine consigliarei di dare un’occhiata a quelli della forza politica per la quale fai il “TIFO” visto che non pare tu sia all’altezza di esprimere un voto consapevole .

    • DIMENTICAVO
      L’unica cosa che mi lascia perplesso è che in questo blog su 19 voti al tuo post tu abbia avuto una media cosi positiva di adesioni .
      Molto preoccupante, mi sa che il degrado del discernimento politico e della comprensione della lingua hanno prodotto danni maggiori di quelli che si credeva possibile in questo paese e quindi escluderei qualsiasi possibilità di cambiamento futuro per manifesta incapacità.

    • @Pragmatico64
      Ecco..il tuo intervento è la prova tangibile di quanto ho detto.
      Adepti ciechi e sordi di una SETTA.
      Metodo di contradditorio FASCISTA.
      Offesa già preconfezionata.
      PS:I voti sino ad ora sono 22…tu non li avrai mai..nemmeno se fai jumping sopra un Vulcano attivo.

    • Ma guarda che La Gabanelli mica è stata lapidata, è stata criticata al massimo la sua collega.
      Io sono mesi che scrivo, che Rodotà non rappresenta affatto il M5S, ma avrei cmq accettato la scelta di parte della base, solo una parte è bene sottolinearlo, ma che cmq aveva voce in capitolo.
      Quindi nessuna incoerenza.

    • Lucifero:
      Siete diventati peggio di Berlusconi?? Ritrattate a raffica?
      Peccato che è tutto scritto nel Blog e nelle pagine di Grillo su FB.
      Leggiti cosa dice Grillo e , sopratutto, cosa dicono i tuoi degni “compari”.
      La lettura è viatat ai minori:ci sono offese illeggibili.
      PS:se hai qualcosa da dire sui voti che prendo..vedo che aumentano.

    • L’intervento da me fatto non prova niente per i seguenti motivi.
      Io non faccio parte di una setta e non del movimento sono uno che ha letto il testo sia sul blog di Grillo sia qui e ne ha contestualizzato il senso e i termini usati in modo oggettivo e non soggettivo, cosa che hai fatto te.
      Ho risposto al tuo post perchè te hai categorizzato in modo settario il M5S usando due termini offensivi nei loro confronti e rigirare questo usando una retorica da bar non ti serve a niente (questo è se vi fà) .
      Ti auguro di arrivare a 100 voti non me nè pò frega de meno e non mi interessa averne a mia volta su una analisi politica. Questa affermazione finale mi ha fatto capire che sei un’attimino piu’ immaturo di quello che già sospettavo . Addio contento te contenti tutti .

    • @Pragmatico64..Il massimo dell’incoerenza!
      Sei tu che hai tirato in ballo varie cose , compreso il mio voto.
      Metti in sincronia neuroni e pensieri.A volte si disconnettono

    • LIVELLO INTELLETTIVO.
      Per conoscere chi è Rodotà, occorre conoscere da vicino quale è il suo livello intellettivo. GV

    • Ma che è? Uno si gira un attimo e il blog viene messe a ferro e fuoco da sti TROLLAZZI FASCISTI PIDDINI?
      Ragazzi, direi che c’hanno proprio paura…
      Anche tutti i giornali si sono aperti in prima pagina con la storia di Rodotà… si stanno scagazzando sotto… a livello nazionale i sondaggi per il MoVimento continuano a salire…

    • Virus:
      Fascista Piddino?..
      Ma non conosci termini che abbiano un senso?
      Ah no..sei un GRILLINO FASCISTA…
      Io il PD non so nemmeno cosa sia..se non dalle cronache.
      Tu invece, il tuo Virus INGUARIBILE, sappiamo bene dove l’hai preso.
      MA ti comunico che non è quel che credi.
      Fa cadere il pisello (unica cosa vitale e pensante che hai).
      Fa tu.
      Io chiederei aiuto ad un medico.
      Fascista grilliino…buona serata da un ANTIFASCISTA vero!

    • @AlexThemod
      Non è che sei un PIDDINAZZO dalle COPERATIVE ROSSE e dalla CAMICIAZZA NERA che prima di andare a letto vai a baciare il mezzo busto del DUCE?
      Poi magari un bacetto alla foto del camerata EURONAZISTA Von Rompoy e uno sul fondoschiena della Angelina Merkelina… Fate così VOI LIBERTICIDI PIDDINI?
      Poi sappiamo tutti che il bacio successivo lo dai “all’unica cosa di vitale e pensante” che ha DeBenedetti….
      Sono sicuramente delle piacevoli serate per voi camerati… 😉

    • Se ragionassimo fuori dal frame (cit. Foa), forse ci accorgeremmo che è stato Rodotà ad andare contro a Grillo e al M5S. Il tutto con la consapevolezza di scatenare reazioni di divisione all’interno.
      Claudio, tutti, scusate se lascio il link qui, ma ho scritto un post sull’argomento: http://bit.ly/16v3PTX non lo copio-incollo per non intasare i commenti.

    • TROLLAGGIO POLITICO:
      arma di manipolazione di massa che sfrutta l’inserimento di INFILTRATI nei forum degli influencer per condizionare l’opinione pubblica cercando concerto con i media mainstream in modo da far passare i messaggi propagandistici degli SPIN DOCTOR anche per il web.

      • Questo dall’enciclopedia personale del Sig. Virus. Invece, dalla più che condivisa enciclopedia virtuale, Wikipedia, ecco di seguito l’indicazione del comportamento di un troll:
        Di norma l’obiettivo di un troll è far perdere la pazienza agli altri utenti, spingendoli a insultare e aggredire a loro volta (generando una flame war). Una tecnica comune del troll consiste nel prendere posizione in modo plateale, superficiale e arrogante su una questione vissuta come sensibile e già lungamente dibattuta degli altri membri della comunità (per esempio una religion war). In altri casi, il troll interviene in modo apparentemente insensato o volutamente ingenuo, con lo scopo di irridere quegli utenti che, non capendone gli obiettivi, si sforzano di rispondere a tono ingenerando ulteriore discussione e senza giungere ad alcuna conclusione concreta.
        Oh, quasi, quasi, mi sembra di vedere il buon Virus … ma forse mi sbaglierò?!
        Vedi di rispondere con argomentazioni serie e dotate di senso logico invece di continuare ad insultare e aggredire.
        P.S.: sto ancora aspettando queste risposte ai miei post precedenti … perché le offese, illazioni e aggressioni le ho già ricevute.

    • @Gianni C.
      Carissimo tu sei appunto uno di quegli infiltrati: sei un flamer.
      O meglio carissimo: sei un “MULTINICK”: sono sicuro che il tuo IP è lo stesso di “AlexThemod”
      Non hai mai partecipato a nessun dibattito sino ad ora ed hai INFATTI espresso solo provocazioni di chi OVVIAMENTE ***NON *** fa parte di questa community.
      O meglio, non è escluso che hai già generato flame nel passato con un altro nick su temi di interesse piddino.
      Vergognati. Ma almeno vi pagano?

      • Infatti non ho mai partecipato prima d’ora. Ho visto questo post in un commento su Facebook e mi sono incuriosito. Dopo averlo letto ho capito subito che era sempre la solita minestra di retorica e demagogia. Comunque, il mio IP attuale è 84.23.220.244 (non so se cambia a scelta del provider). Vedi, verifica, fai quel che devi. Vuoi anche il mio indirizzo? Attualmente (da 5 anni) vivo in Portogallo … fai un po’ te!
        Rispondo alla tua curiosità: no, non mi paga nessuno perché non dipendo da nessuno. Però, se pensi che io sia prezzolato puoi sempre contrattarmi se ti va, chissà che non mi convenga rispetto al lavoro che svolgo normalmente.
        Forse ti sembrerà strano … mai sai? … anche gli altri hanno proprie idee e propri pensieri e il bello della rete dovrebbe essere proprio quello di esprimerli liberamente senza essere per ciò etichettati o insultati.
        Sinceramente, non vedo di cosa dovrei provare vergogna. Invece tu, un bell’esamino di coscienza no? Oppure ti hanno detto che chi non la pensa come te è un decerebrato, un pro-casta, uno del PDL o del PD, un cancro, un troll, un …. vabbé, mi fermo qui … tanto ho capito che con te non vale la pena continuare, d’altro canto sto ancora aspettando le risposte sensate a ciò che ho scritto come primo post di commento e non già a quelli di risposta per i tuoi messaggi (quelli sì) di disturbo.
        Continua così!

    • @AlexThemod
      E’ proprio vero che la matrigna di sti disgustosi troll è sempre piddina…
      Carissimo, torna a fare le marchette a DeBenedetti, il vostro padrone affama popoli.

    • @Virus:MA come?? Ancora con i fascisti o comunisti?
      Non eravate OLTRE?
      E, sopratutto, il tuo DUCE non ha detto che “l’ANTIFASCISMO NON MI COMPETE” stringendo la mano al noto neo fascista Di Stefano di Casapound?
      Dai..su…fare attacchi personali squadristi è robetta vecchia.Voi siete il nuovo.Basta con l’olio di ricino..MODERNITA’ 😉

    • @AlexThePDinod
      Ma dai che lo sappiamo tutti che il metodo moderno è usare degli SQUADRISTI PIDDINI a TROLLARE nel BLOG degli INFLUENCER.
      Siete l’estensione di Scalfari ed Emilio Fede.
      Dopo il lavoro cantate “faccetta nera”?

  • « La “rete“: lo strumento di realizzazione di una nuova conoscenza condivisa, il rinascimento culturale, una nuova speranza di eguaglianza sociale. Ha detto che la rete non basta, che fondamentalmente è trascurabile. »
    No, ha detto che non basta, “che è fondamentalmente trascurabile” non l’ha detto e non l’ha inteso (o se l’ha inteso sarà lui a doverlo dire, ché da quel che ha scritto non si evince), ed ha ragione: la rete NON basta.
    Ma in ogni caso, perché parli di M5S quando il post lo ha scritto Grillo e non è mica detto che sia condiviso da tutto, o la maggioranza, o persino la gran parte del M5S?
    Io non ci sto. Soprattutto non ci sto se a critica si risponde con insulti, anziché argomentando. Grillo non è d’accordo con Rodotà? Lo dica, argomentando tanto pacatamente quanto lo fa Rodotà.
    Sono stando di questo enorme chiasso, questa tensione continua, questo attaccare ai polpacci di chiunque. Si possono dire le stesse cose – anzi, si può dire MOLTO di più – con meno e più pacate parole. A volte persino con il silenzio.
    E mi piacerebbe che si cominciasse a fare distinzione tra M5S e Grillo. Grillo è parte del M5S, non è il M5S. Non si tratta di dividere eletti ed attivisti da Grillo, si tratta di ricondurre Grillo al suo ruolo.

    • c’è il 50% di persone che non utilizza la rete ne parlavo oggo con persone che nonostante non avessero informazioni sul movimento hanno votato m5s e vorrebbero conoscere un pochino di più il movimento ma devono subire la tv e la stampa che tutti i giorni ci massacra e a furia di sentire e leggere le stronzate che ci vengono proposte stanno mettendo in dubbio la credibilità del movimento quindi trarre come sarà il loro prossimo voto non è così difficile non è sufficente la rete l’informazione reale va fatta su tutto quello cio informa rete giornali tv anche se sappiamo benissimo le merde che sono e da chi vengono gestite

    • Condivido il commento di Fabio che mi ha “rubato” le parole di bocca riguardo le critiche di rodotà.
      Messora ..
      Quindi il Rodotà merita di essere insultato e il titolo di “ottuagenario miracolato” ??
      L integralismo al potere..ragazzi avanti così e perdete altri 10 punti , contenti voi

    • esatto, il discorso dovrebbe sempre essere sui temi… poi non mi è piaciuta la generalizzazione…paragonare rodotà ad altri personaggi…e questo processo di generalizzazione contro cui tutti noi siamo contrari perchè viene usato speso dalla stampa per denigrare il movimetno…
      come hai detto cmq uno vale uno…quindi mi permetto tranquillamente di dissentire sia con grillo sia con l’analisi di claudio che non ha colto esattamente il senso delle parole di rodotà…

    • Hai presente che vivi in Italia ?? Sai che la nazione nella quale sei nato e cresciuto è una repubblica a democrazia INDIRETTA ?? La Democrazia Diretta che propone Grillo è una favola ANTICOSTITUZIONALE per i suoi elettori !!!
      Per quanto riguarda la figura di Grillo, è a tutti gli effetti il portavoce principale del movimento e la figura attorno alla quale Casaleggio ha costruito il non partito !!!

    • @Fabio
      Sì, mentre pacatamente parliamo tutte le forze peggio PIDDINO REAZIONARIE del bel paese finiscono di affamare gli italiani con i nazieuristi di Bruxelles…
      Sveglia siamo in guerra! Ma non vedi quanti BALILLA PIDDINI hanno invaso il blog?
      Questa è la parte CANCEROGENA e metastatica che aggredisce l’ultima parte SANA dei cittadini italiani! Un po’ di grinta!

    • @Fabio
      Premetto che ho votato, ho fatto votare e rivoterei M5S. Ho apprezzato l’effetto destabilizzante nel “sistema” che è stato ottenuto, sono convinto che le cose migliori dai portavoce 5S in parlamento arriveranno, ma francamente adesso non riesco proprio a comprendere come non ci si renda conto delle profonde contraddizioni che stanno danneggiando la credibilità del movimento (sorvolo sulle numerose gaffes dei capigruppo…a proposito, non dovevano essere sostituiti dopo 3 mesi??):
      1) E’ quantomeno paradossale che un movimento che ha fatto dell’idea di democrazia diretta una bandiera continui ad essere schiacciato in questo modo sulla figura di una sola persona. E questo è evidente in troppi aspetti, formali (es. i comunicati stampa emessi da un blog che si chiama beppegrillo.it invece che M5S.it come sarebbe più logico e naturale, l’appellativo insopportabile di “grillino” ormai utilizzato da tutti) e non (la linea politica è di fatto dettata da Grillo…ma non era 1vale1 ????).
      Per il bene del movimento, Grillo dovrebbe fare un passo indietro. Il suo ruolo, con il M5S in parlamento, dovrebbe limitarsi a icona mediatica del movimento (e cmq fino ad un certo punto) o, a limite, a quello di padre nobile.
      @Messora, tu che conosci benissimo le analisi e la serietà di Bagnai e Borghi, non ti si sono drizzati tutti i peli possibili immaginabili quando Grillo ha detto che si augura che la Germania ci invada ??
      2) Quando si perde una competizione elettorale (ovviamente mi riferisco al pessimo risultato delle amministrative) non si può dare la colpa a chi non ti ha votato (questo generalmente lo fa il PD…e infatti…). L’analisi di Grillo sul “tengo famiglia” è condivisibile solo in parte: considerato il vistoso aumento dei non votanti, è chiaro che il movimento avrebbe potuto e dovuto fare di più in termini di risultati. E allora, perché non ammettere di aver sbagliato e cercare di capire le istanze di quelle persone che non hanno confermato la fiducia al M5S alle amministrative ?? Ancora una volta, che fine ha fatto la democrazia diretta ? Pensare che gli elettori persi volessero per forza di cose l’accordo con il PD è, a mio avviso, un errore enorme. E nascondersi dietro all’ortodossia e limitarsi a insultare chi osa fare una critica non è certo lungimirante o vincente (a meno che non sei B.); ed oltretutto, sarà banale, ma più sarà cattiva la reazione più si darà l’impressione che la critica è fondata…
      3) Sono poi, a titolo personale, molto deluso dalla totale mancanza d’apertura di un dibattito, a favore dell’opinione pubblica, sul discorso economico legato all’euro. Queste istanze sono sentite, ed iniziano ad essere rappresentate persino su trasmissioni main stream tipo ballarò (Undiemi), piazza pulita (Borghi) o servizio pubblico (Bagnai). Al di là delle conclusioni che se ne trarrano (mi auguro in modo democratico) trovo irritante che i portavoce M5S, per quel che mi risulta, non abbiano mai fatto informazione e divulgazione in proposito, utilizzando i mezzi a loro disposizione. Continuare ad evocare il referendum sull’euro (tra l’altro incostituzionale) senza entrare nel merito del problema è dannoso oltreché inutile.
      Il M5S è da pochissimo in parlamento e sono convinto che, in ogni caso, sarà un bene per il Paese che sia lì. E’ un’utopia al quale ho creduto e che voglio vedere crescere, imparare dagli errori, migliorare per essere maggiormente utile alla comunità. Ma poter continuare a crederci c’è bisogno che siano DAVVERO gli attivisti a prendere il movimento per mano.
      That’s my opinion.
      GZ

    • Sarebbe bello se fosse vero… Ma la parola del Blog, come Grillo ha ben più volte fatto notare smentendo anche i parlamentari stessi, rappresenta il pensiero del MoVimento. E sull’ultimo post il Blog (e quindi il MoVimento) non ha nessun rispetto di Rodotà. Pertanto il tuo commento è sbagliato già dalla prima frase.

    • @EP
      Non vedo nessuna mancanza di rispetto, ma una mera constatazione della realtà! La parola del blog serve per rimarcare le linee guida! NON CI SIAMO FATTI INFLUENZARE DA “INTELLETTUALI CHE CHIEDEVANO DI DARE LA FIDUCIA A BERSANI NON CI SIAMO FATTI INFLUENZARE DA VARI COMMENTATORI CHE CI SPARAVANO VENTIMILA COMMENTI DI “FIDUCIA VI PREGO FIDUCIA, NON VI VOTO PIU'”

    • Rodotà (che consideravo un po’ ruffiano e ambizioso e a lui preferivo Imposimato) ha il diritto di fare le critiche costruttive che vuole se parte dalla giusta premessa. Il problema è che un fine pensatore come Rodotà, che per altro è stato effettivamente sbrinato dal M5S e quindi dovrebbe essere almeno obiettivo, si è unito al gruppo di chi ipocritamente o ingenuamente paragona elezioni amministrative a elezioni nazionali e su questa asserzione basa il suo ragionamento: il M5S sarebbe crollato per via della sua strategia nazionale e comunicativa di questi mesi. Mentre la realtà è appunto che “anche gli asini sanno che” nelle amministrative i voti si prendono spesso e in larga parte grazie al cosiddetto “radicamento sul territorio” che spesso nasconde cose molto brutte dalle quali il M5S rifugge.
      Per trovare un’analisi lucida sul dopo-elezioni serve sempre il FQ e la stampa estera.
      Se avete voglia, leggetevi questa analisi lucida e spietata della politica e della stampa (asservita) nazionale offerta da un giornalista inglese:
      https://theconversation.com/on-italys-streets-five-star-still-twinkles-14825

  • Mi dispiace non mi convinci… non si può accettare l’offesa di Grillo a Rodotà. Si può dissentire, si può anche contestare, ma bisogna avere rispetto per persone così. E bisogna ammettere ogni tanto di aver sbagliato. Ciò è importante per la credibilità tanto quanto la coerenza.

  • Se si sceglie dalla rete un personaggio, lo si sceglie per il suo passato, per quello che ha fatto e non gli si impone un programma, specialmente come presidente di una repubblica. Non è possibile gestire una rete che oggi indica un programma e in corso d’opera lo cambi: “fai quello che diciamo noi, che lo decidiamo di volta in volta, anche in corso di legislatura.”; diventerebbe un casino generale. Questo probabilmente gli italiani lo hanno capito e hanno capito che la cosa è ingestibile!!!

  • Tutto bellissimo… Solo con un piccolo problema.
    Nonostante le percentuali strabilianti del M5S i risultati ottenuti sono decisamente inferiori alle aspettative. Perché? Da quanto posso leggere online è soprattutto perché il sistema è riuscito a tagliare fuori il MoVimento. E lo ha fatto seguendo le regole della democrazia: dopotutto il MoVimento è in minoranza rispetto alla MegaCoalizione PD+PDL.
    Ora, tutto ciò che tu, mio buon Messora, dici sul “metodo” va bene… Purché si producano dei risultati. Altrimenti il metodo, per quanto bello e simpatico può essere, non è utile ai fini del MoVimento stesso, che nasce per portare “del vantaggio alla collettività” (cit.). E se un metodo non è utile, mi dispiace, ma va revisionato e adattato alla situazione, in modo che porti i risultati che il MoVimento propone a tutti i cittadini nel suo Programma.
    Altrimenti sarete ancora più minoranza di quanto già siete, indipendentemente dalle percentuali che raccogliete.
    PS: tu che sei responsabile della comunicazione, fai arrivare alle alte sfere l’idea che anche evitare di dare dell’ “ottuagenario sbrinato di fresco” ad una persona che si intendeva candidare a PdR aiuterebbe.

    • Sai cosa dice la gente nel mio comune? Questo: “La cosa giusta sarebbe votare movimento 5 stelle, ma sono già impegnato.”
      C’è chi deve votare il cugino, chi l’amico, chi gli può facilitare la vita o gliel’ha facilitata.
      Da che mondo è mondo, le elezioni amministrative (e in parte quelle regionali) si basano sul “radicamento sul territorio”, che vuol dire tante cose belle e tante cose brutte, tra qui il clientelismo che il M5S non fa. Ecco perché è ipocrita fare paragoni tra politiche e amministrative (i vincitori lo fanno quasi sempre) e dire che il M5S ha perso per errori di strategia e comunicazione a livello nazionale. Quelli contano, ma in misura limitata.

    • condivido in pieno e, se votare 5Stelle, vuol dire come dice Grillo, accettare tutto ciò che dalla Rete viene o si suppone che venga, la prossima volta mi guarderò bene dal votare il M5S, anche se la voglia stava aumentando…!

  • Che grande cazzata … ma non è che adesso stiamo diventando qualcos’altro … se una persona autorevole e credibile come rodotà esprime una sua leggittima opinione perché deve essere insultato? Magari la si penserà diversamente, però insomma la necessità di insultare uno che è stato proposto come presidente della repubblica dal m5s stesso io non la vedo. Grillo si desse una calmata. Posso capire se quelle parole erano dette dal Bersani di turno, ma qui stiamo parlando di una personalità come Rodotà alla quale dovrebbe sempre e comunque andare del rispetto. Cercate di cambiare strategia di comunicazione per favore, ve lo dico da simpatizzante.

    • Assolutamentre d’accordo hai colto nel segno cambiare strategia di comunicazione con gli insulti si raggiunge audience non consensi.
      Il 25% alle Politiche è figlio della tanto vituperata Televisione, che ha dedicato al Movimento5S una copertura mediatica simpatizzante ed incredibilmente sproporzionata rispetto alle sue dimensioni.
      Non è certo la Rete che ha portato a quel dato,
      non perchè non sia tutto quello che Messora auspica ma per una semplice questione di numeri,
      ricordo che Skype prima di essere acquisito da Microsoft indicava le persone collegate sul sito nel 2011 non erano mai più di 20milioni worldwide ovviamente.

  • Rispondere così è una cosa e anche se non daccordo su tutto ci sta….Perchè invece incazzarsi sempre e volgarizzare ???’perchè dalla base appena si tocca il movimento si reagisce con violenza come nel peggior fascismo?Io non sono daccordo con Rodotà ma credo nella sua lealtà lo stimo e invece di incazzarmi lo ringrazio non sono daccordo ma lo ringrazio per la critica mi ha dato alcune cose per riflettere….

  • Ma insomma, ci sono milioni di persone in questo paese che non sanno nemmeno accendere un computer! se Il M5S vuole governare da solo il 25% non basta!!!!! ecco perché dovete andare in televisione!!! Ho sempre apprezzato tutto del movimento, ma queste sparate fanno solo male fanno perdere migliaia di voti; se si continua così sarete ridotti ad essere marginali e alla totale ininfluenza politica e parlamentare! altro che 100%…

  • bhà condivisibile la prima parte la seconda è una supercazzola bella e buona, siamo veramente alle elementari della convivenza civile, d’ogni modo la rete non ha sconfitto un bel niente, altrimenti adesso il movimento sarebbe al governo, secondo si legga meglio quello che ha detto rodotà perchè lei lo ha distorto clamorosamente, non ha messo in discussione nessun principio ha espresso solo un opinione condivisibile o meno sull’evidenza dei fatti ovvero un calo di consensi, ora ci si può rimirare nello specchio di narciso o fare gli struzzi perchè questo mi sembra l’atteggiamento che si sta tenendo o si può guardare in faccia la realtà e crescere e migliorare e imparare per questa è una regola che vale per tutti esseri umani e movimenti.

    • Mi auguro che Grillo, oltre a quella di Rodotà, non voglia insultare anche l’intelligenza dei suoi simpatizzanti. A proposito di ETICA, lo invito a riflettere e ad essere un po’ meno impulsivo quando esterna, altrimenti rischia di trovarsi in un desolato deserto

  • D’accordo su quasi tutto, ma perché ad ogni critica bisogna sempre rispondere con degli insulti? Grillo ha fatto la figura del cazzone e in questo caso lo è stato, non ha fatto solo la figura: ha dimostrato ignoranza e questa è la cosa peggiore che potesse fare, un bambino offeso che dal suo angolo di castigo ha delirato frasi dettate dalla ripicca. Questa è idiozia allo stato puro e non ha scusanti.

  • Hai pienamente ragione su tutto Claudio, però Grillo poteva spiegarla in questo modo e non alla “Grillo”.
    Ottuagenario ecc ecc.. non è il modo di affrontare la questione a mio parere, sopratutto in un periodo delicato come ora.
    Avrebbe potuto usare altri termini, non per i giornali, che avrebbero trovato comunque qualcosa da dire, ma per tutti quei grillini dell’ultima ora con pochi strumenti di valutazione che, comunque, fanno comodo alla causa

  • Beppe sta inanellando una serie di pugnalate autoinflitte, ho votato senza illudermi che il movimento avrebbe mandato tutti a casa e da quello che i parlamentari 5s producono in parlamento non ho di che lamentarmi ma del leader del movimento, si salvi chi può.
    Beppe con il suo atteggiamento sembra un piddino che idola l’euro.
    Qualsiasi altro partito antieuro che nascerà in futuro si prenderà il mio voto a scapito del movimento 5s.

  • GRANDE CLAUDIO MESSORA.. CHE METTI UN PO DI ORDINE IN QUESTE MENTI APPANNATE, BRAVO UN ‘ OTTIMO OSSERVATORE COME SEMPRE,
    E IN QUANTO A MOLTI DI VOI COMMENTATORI CHE GUARDATE SEMPRE DA QUALE PULPITO VIENE LA PREDICA E NON AL VALORE DI CIò CHE DICE “INTENDO LO HA DETTO RODOTA ” EBBENE DI VOI POSSO FARNE A MENO.

  • Ma stai di fuori pure tu. Rodotà non ha delegittimato il web, ha detto solo che non è sufficiente come mezzo di comunicazione; E poi il metodo dell’insulto non lo accettiamo. Si può controbattere civilmente a una critica che voleva essere solo costruttiva…VAFFANCULO!

  • Stimo tantissimo Rodotà, per anni lo seguito, ricordo anche i suoi interventi lucidi quando era parlamentare.Lo avrei voluto come Presidente della Repubblica, ma la scellerata vecchia classe politica ovviamente spaventata, non poteva accettarlo. Però dico che sto dalla parte di beppe Grillo. Perchè sono stufo di quelli politicamente corretti, che devono sempre dire “che bisogna rispettare il voto” e che le scelte dell’elettorato sono sempre giuste. Non è vero, qualche volta bisogna dire la verità e bene ha fatto Grillo.Rodotà su questo non era d’accordo.Eppoi la cosa più convicente per me sta nel fatto che l’unica possibilità di cambiamento reale di questo paese è stato 5 stelle, ma questo da sempre, cioè l’unico movimento di cambiamento degli ultimi anni(50 anni) Allora anche se si scivola un pò su qualche frase, si viene perdonati, perchè l’obbiettivo è troppo grande.

    • Alexthemod avete una maggioranza schiacciante in Parlamento, che vi permetterà di fare il bello e cattivo tempo. Cosa te ne fotte di passare così tanto prezioso tempo della tua giornata qui a bisticciare con gli utenti grillini? Goditi il tuo Letta e lascia in pace gli altri.

  • Un problema: “E’ solo una questione di metodo” scrivi, il M5S è un metodo che da la parola ai cittadini e la parola si da attraverso la rete.
    Prima di tutto: se le cose stanno così allora occorre definire con chiarezza come si attua questo metodo, non può essere Grillo che dal suo blog propone un sondaggio o le quirinarie e “la rete” decide: chi sarebbe questa rete? O si consulta TUTTA la rete o la cosa NON FUNZIONA. E chi decide le domande da fare?
    Secondo punto: occorre discutere, elaborare ed arrivare a dei principi condivisi, non solo su “cose concrete” ma principi sui quali puntare e lavorare.
    Non è solo una questione di metodo.

  • Secondo me invece di fare dichiarazione dovremmo fare fatti se no si va a parare in quello che hanno fatto gli altri. Non rispodnere agli attacchi e rispondere con i fatti… PRIMO FATTO DA REALIZZARE SENZA + TERGIVERSARE Il supporto per il liquid feed back se non c’è quello tutto il resto è aria fritta… e ammetto che ha incominciato a stancare anche M5S, se non lo fate e continuate a blaterare non siete nulla di meglio degli altri!

    • La promessa più vecchia l’ha ancora ricordata Violante al Banana nel 2003 in un dimenticabile discorso alla camera….
      Ma si che i PIDDINOBERLUSCONIANIFASCISTI hanno memoria, neuroni e pipino breve…

  • Evviva il confronto leale, aperto e costruttivo. L’assenza di dialettica puzza di imbrogli (come insegnano i vecchi partiti) oltre ad essere sterile e imbarazzante

  • Per quanto possa apprezzare la citazione di un memorabile album dei Pantera (vulgar display of power) e per quanto sia d’accordo che il metodo sorpassa le persone ( un po come sacchi diceva dei moduli e dei giocatori) nella fattispecie non sono d’accordo. Non credo che questo modo di comunicare sia utile a nessuno e soprattutto non è utile in una situazione come questa. I cittadini hanno paura e sono incavolati neri, e i detrattori non aspettano che questo per far passare dei messaggi totalmente opposti alla realtà. Se Grillo avesse cercato di spiegare in una lettera aperta a Rodotà il perché non era in accordo con lui si sarebbe instaurato un dialogo che è sempre meglio degli insulti o dei toni che ha usato Grillo. Io vi ho votato con tante speranze, io vi sostengo sempre ma non credo che in questo modo si vada da nessuna parte. Non si governa e tantomeno si fa opposizione. Ci si riempie la bocca di America e democrazie avanzate ma si dimentica che in quei contesti devi portare a casa un risultato per essere riconfermato. Io so benissimo che la realtà non è come ce la raccontano e so che i parlamentari che ho eletto sono capaci di fare bene, ma non si può continuare a fare gli indiani nella riserva e diventare una minoranza derisa e inconcludente (vedi rifondazione e radicali) in quel modo puoi vincere una battaglia, due, ma la guerra non la vinci di sicuro semplicemente perché non la stai facendo. Un po di furbizia, di scaltrezza in fondo abbiamo a che fare con la peggiore classe dirigente dell’occidente, non è per nulla difficile metterli in difficoltà e prenderli in castagna. A guardarsi i piedi si va a sbattere contro le porte chiuse….

    • @matteo iagatti
      Allora fai onore a Philip Anselmo, datti da fare e non aspettare che gli altri lo facciano per te.
      Are you talking to me? ARE YOU TALKING TO MEE?
      Re-spect. Walk!
      🙂

  • A me, francamente, quel metodo non piace. E i candidati che ha prodotto mi piacevano ancora meno del metodo, a dimostrazione di quello che già sapevo: cioè che nel m5s c’è di tutto e molto di quel tutto è distante da me. Ma… poco male. L’importante per me, in questo momento politico, è rimanere uniti per ottenere quello che vedo come un obiettivo primario: cacciare via questa classe dirigente (non solo politica) che ha occupato il paese come un cancro e sostituirla con una classe politica che veda quello che è evidente: cioè che se non usciamo dall’euro e da questa unione europea muoriamo. Questo è lo step successivo, che può anche, anzi dovrebbe, essere concomitante ovviamente. Ma per questo, bisogna arrivare nelle stanze dei bottoni. Ma arrivarci sul serio. Col 51% . Questo 51% lo puoi raggiungere se fai politica. Se conquisti consensi. Se fai anche delle alleanze con chi ti è più vicino. Altrimenti fai quello che stiamo facendo, i bersagli delle bordate dei media di regime. Premesso questo: quello che contesto oggi è il metodo. Questa risposta di Messora, poteva benissimo essere data a Rodotà, ma il tipo di interazione politica che c’è stata fra M5s e Rodotà, esigeva che gli venisse data in questa forma, e non nella forma in cui è stata messa nel post del blog di Beppe Grillo. Se una persona che hai ritenuto di presentare come tuo candidato come presidente della repubblica, esprime delle critiche nei tuoi confronti, rispondi alle critiche in modo argomentato, intelligente e pacato, dimostrando quel rispetto che tu stesso avevi chiesto per quella persona ritenendola degna. Non lo metti in una lista di nemici solo perché ti ha criticato. E’ un modo di fare inaccettabile, stupido, autolesionista. Che politicamente è un autogol pazzesco. Siccome io di questa classe dirigente continuo a volermi liberare, vorrei vedere strategie politiche intelligenti e non che mettono in mano agli avversari gli strumenti per massacrarci.
    Spero che quanto prima nasca una forza politica in grado di elaborare un programma serio, sul piano economico soprattutto. Che metta la parola d’ordine Via dall’Euro-Via da questa Europa al centro dei suoi obiettivi.
    Di queste buffonate mi sono stufato. Capisco chi si astiene. Tornerò a farlo anch’io, in assenza di.

  • Non entro nel merito di Rodota’ e di Grillo che lo ha scaricato, dico solo questo: io ho mandato copia del mio documento di identita’ ad ottobre dello scorso anno. Ancora sto aspettando di essere certificato. Ed altri come me.
    Ho votato il Movimento, ancora lo appoggio e mi fanno tristezza quelle persone che vorrebbero fallisse solo per coprire la loro ignavia (spiego meglio la cosa qui, se qualcuno ha voglia di leggere http://mondialternialternateworlds.blogspot.co.uk/2013/03/i-politici-rubano.html ). Ma la delusione si e’ fatta strada, devo ammettere, e le ombre che Grillo proietta si infittiscono. Le domande si moltiplicano.

  • la rete e la tv sono entrambi mezzi di comunicazione..se si fa’ compagna elettorale la si e’ fatta per il popolo e le cose giuste ed eque, non per la tv contro rete o viceversa..come da quel che leggo ..Per voi conta piu’ la questione di parte,che quella della collettivita’ Con questa inutile contrapposizione..che poi la tv vada cambiata ad iniziare da chi ci lavora e’ fuor di dubbio,ma non per questo si resta fermi prendere vagonate di merda dai mezzi di comunicazione e anche da una parte della stessa rete di cui tanto vi fate paladini della giustizia.

  • Caro Claudio, come tu stesso hai scritto “una volgare” dimostrazione di coerenza…. Tante volte la coerenza non ha bisogno di essere volgare e con una persona come Rodotà poteva argomentare e non limitarsi a etichettarlo. Questi si chiamano autogol nella comunicazione. Non credi?

  • Quindi questo è un fallimento del “metodo”?
    Se la Gabanelli e Rodotà sono arrivati a essere candidati alla Presidenza della Repubblica è perché sono stati eletti in rete da votanti M5S certificati.
    Quindi:
    a. i votanti erano inconsapevoli di come la pensassero riguardo al MoVimento, e quindi l’informazione distribuita solo attraverso la rete non funziona perché avremmo votato un Presidente della Repubblica “avverso” al M5S
    b. erano consapevoli di ciò e il metodo del MoVimento non è condiviso dalla base, quindi viene meno l’altro concetto di fondo del MoVimento e cioè che Grillo e i Parlamentari 5 Stelle sono solo portavoce
    c. come dici tu nessuna alleanza con Rodotà o la Gabanelli perché erano NON candidati del MoVimento ma invece di tutti(*)
    Se è vero quello che dici quindi, Rodotà come la Gabanelli sono liberi di esprimere la loro opinione pro o contro alcuni aspetti del MoVimento proprio perché non hanno autorità o aspettativa di cambiarne nulla.
    Meno libero di scrivere un post del genere dovrebbe invece sentirsi Beppe.
    La RETE non è solo virtuale.
    Noi votanti 5 stelle ci mettiamo la faccia con amici, parenti e conoscenti per far conoscere le idee e i progetti del MoVimento ma ed essere sempre in prima pagina per post scritti sempre contro qualcuno ci mette in grave difficoltà.
    Se faccio passare il mio Fb (oggettivamente non è possibile sempre andarsi a cercare tutto, anche perché manca ancora la piattaforma del M5S), degli ultimi 100 post di Beppe, ce ne saranno 10 che spiegano cosa sta facendo e vuol fare il MoVimento in Parlamento, gli altri si riferiscono ai rimborsi elettorali e a vittimismi verso stampa e “ex amici”.
    La gente chiede risposte.
    Nessuna alleanza? Va bene.
    Niente Tv? Va bene.
    Però smettetela di andarvele a cercare con certi post e spingete su una comunicazione “del fare” invece di continuare con vittimismi che ormai, visti da qui, la gente non capisce più.
    Questa ovviamente è solo la mia (amara) opinione e come tale, vale 1.
    Paolo
    (*) Crimi: “Rodotà non è un candidato del Movimento 5 stelle, potrebbe essere un presidente di tutti quindi non vedo perché non potrebbe essere votato da tutti”.

  • Ormai si piega il proprio pensiero e la propria intelligenza per giustificare ogni cosa, non diversamente di come hanno fatto in questi anni i più strenui difensori del cavaliere che hanno annullato la propria intelligenza e la propria dignità per giustificare l’ingiustificabile. La verità sta solo nel titolo di questo post: “una coerenza volgare”, portata alle estreme conseguenze, dove non ha più senso. Grillo ormai è una furia scatenata. La verità che la democrazia non è un dettaglio, un optional. L’avete trascurata pensando di poterne fare a meno ma non è possibile Messora. Neanche Lutero avrebbe trovato le parole per difendere oggi Grillo, figurati se ci riesci tu.

  • Secondo me voi del M5S avete seri problemi mentali. Ma quale coerenza ? Avete detto che Rodotà aveva la freschezza di un giovane, che era il miglior presidente possibile, lo avete incensato e osannato, avete detto che la Gabanelli era una donna straordinaria, etc, etc,…

    • Dio sa se spesso non ho criticato il movimento 5stelle, ma ti faccio notare che l’ opinione di Grillo e del movimento non sempre sono allineate (vedi caso Becchi).
      Certo nello stesso interesse del mov Grillo si dovrebbe dare una calmata e mi dispiace che Messora non abbia saputo cogliere la giustezza delle affermazioni di Rodotà, cioè che la tv batte la rete 5 a 1, checchè se ne dica.
      Allora cosa si fa, si aspetta che tutti in Italia si informino in rete o si va in tv a diffondere ulteriormente il messaggio ? Il timore di strumentalizzazioni è una balla bella e buona, se ci va Grillo la forza della sua personalità gli darà vantaggio e audience sui suoi interlocutori (certo se evita di sbraitare o insultare è meglio, e servirà ben più che qualche slogan), certo che se ci va la Lombardi…

  • ho votato e difeso il m5s. Ora mi sono rotto i coglioni di Beppe Grillo, sono stufo di sentire offese..chi fa politica deve usare un linguaggio appropriato, gli insulti vanno bene solo per i cabaret. Potevate andare in tv, non per adeguarvi al sistema, ma per avere la possibilità di difendere una giusta causa e per farvi conoscere dalle persone che non hanno l’accesso a internet. Molto deluso, W Rodotà, una persona alla quale ci si dovrebbe rivolgere con il massimo del rispetto, per la sua età e per l’alto profilo morale che ha dimostrato negli anni.

  • 1) Moltissimi italiani si informano solo o prevalentemente con la TV. E’ un dato di fatto. Il M5S è costantemente in TV perché se ne parla (prevalentemente male) ma quasi sempre in assenza di suoi rappresentanti. Tanto vale mandare, in modo mirato, persone che abbiano sufficiente dialettica e preparazione (ad esempio lo stesso Messora) per comunicare ciò che il Movimento sta facendo.
    2) Al momento la nostra è una democrazia rappresentativa. Il parlamento esiste per parlamentare, appunto, mediare. Se il M5S, alla luce del Sole, discute, tratta e si accorda con altre forze politiche su alcuni punti precisi non “inciucia” affatto ma, al contrario, esegue il mandato di più di 8 milioni di elettori.

  • Ha ragione Rodotà! La rete è solo un mezzo ed è manipolabile! Non ci sono garanzie… nessuna!!! Si possono falsifiare i risulati… come succede più o meno alle elezioni… da sempre!
    Il M5S è un prodotto delle massonerie per controllare e dirigiere la protesta popolare! Grillo fa quello che gli chiedono gli illuminati!
    Se Grillo e il M5S fossero davvero stati al servizio dei cittadini avrebbero accettato di stare al governo imponendo di fare qualcosa come almeno il reddito di cittadinanza… e invece hanno fatto solo chiacchiere e fumo!
    Invece di restituire i soldi degli stipendi allo Stato che li dà alle banche… avessero creato un fondo da dare a chi ne ha bisogno… avrebbero fatto meglio! Invece non hanno fatto NULLA… NULLA di utile veramente!
    Se adesso Grillo prendesse la sua vanga e andasse a zappare… farebbe un favore a tutti gli italiani!

  • In un mondo che ha stabilito a priori chi deve vivere e chi deve morire, sembra di stare a giocare nel cortile con i bambini. Questo è un gioco per voi: come guardia e ladri. Stiamo cadendo vittime di una Finanza Criminale e Voi state ancora a rubarvi le merende. Mi chiedo che cosa vi sia potuto mai capitare per scendere così in basso. Non parlo di Rodotà o della Gabbanelli ( di cui mi importa Zero ) ma di Grillo e di quello che Voi dello Staff gli suggerite. Senza rendervi nemmeno conto che in periferia, a rappresentarVi, ci sono rimasti solo dei mitomani e delle immense teste di cazzo.

  • encomiabile ragionamento, questa coerenza è l’unica certezza granitica indispensabile per supporre e poter sperare in qualsiasi cambiamento

    • Carissima Barbara, porta pazienza… ho contato che un solo un commentatore su 5 è un follower… gli altri sono troll, multinick, infiltrati… sono disperati…

  • Complimenti vivissimi per il difficilissimo tentativo di scalata sugli specchi! Emilio Fede non sapeva arrivare a tanto!
    Karl Marx disse che la maggior parte dei sudditi crede di essere tale perchè il re è re, e non si rende conto che il re è re perchè essi sono sudditi. Che il re si chiami Grillo, Berlusconi o Bersani cambia davvero pochissimo!

  • Grillo e Casaleggio sono riusciti a mettere le mani sopra e distruggere un movimento un onda di cambiamento che stava nascendo in rete.Hanno fatto il lavoro per cui i loro padroni li hanno sguinzagliati.Adesso tutti i movimenti che nasceranno i rete e si presenteranno alle elezioni verranno paragonati dall’elettore medio al fallimento totale del M5S Grillo ha sulla coscenza la distruzione di un movimento rivoluzionario democratico e pacifico che avrebbe potuto cambiare l’Italia e forse anche l’Europa.Messora per 30 denari ha svenduto la verita.This is the end

  • datemi retta smettete coi diktat state distruggendo uno strumento formidabile quale è la politica del popolo con le vostre fisime; siete da ricovero oramai il delirio ha preso il sopravvento, qui non si tratta di regole, state annientando l’individuo e la sua autodeterminazione. meditate………………..

  • CHIEDO SOMMESSAMENTE MA pure URLANDO chi sono tutti questi scarafaggi imputriditi che per l’ingresso in europa erano tutti lì in prima fila a Roma a firmare lo statuto europeo dove la comunità europea attribuiva la politica monetaria alla Banca Centrale a Francoforte per monitorare l’inflazione sul potere di acquisto dei salari e la politica sociale e dei redditi di competenza esclusiva a ciascun Governo degli Stati membri che doveva rispondere al proprio elettorato ( come Semplice cittadino nel 2006 scrisse a me il Presidente E. Barroso)
    Così scrissi a tutti i nostri maggiori responsabili economici più di 100 raccomandate postali A.R., e per la mia insistenza vengo informato in Email da uno di questi , esattamente dal ex governatore del Banca d’Italia Dott. Draghi che sui problemi istituzionali rispondono ai cittadini italiani solo per educazione.
    Ma neppure la Regina Elisabetta e tutta la corte di Lord del Regno Unito puo’ arrogarsi un simile diritto discrezionale .
    E ho scritto in America al Blog della Casa Bianca e in tre mesi ho ricevuto da un funzionario la card permanente americana .
    scoprendo che, il Presidente Obama ha lo stipendio in dollari meno della metà in euro di un qualsiasi manager in Italia in carriera , per la politica.
    Allora ho capito ii motivo per cui siamo chiamati continuamente a votare vuoi per un motivo politico e vuoi per l’altro la competenza sui redditi la lasciano salariati lavoratori per le tasse .
    Buffoni ! Sin dal 1946 nascita di questa repubblica anche se inquisiti e condannati da anni mai nessuno di loro ha fatto un giorno di galera o abbia pagato danni e sia stato buttato fuori dalla Poltrona senza stipendio , privilegi e pensione!!
    Forza Grillo è il momento pensa a Noi, che siamo il popolo costretto a mantenerli per tutta la vita ed oltre coi familiari ( Unico caso abnorme nel mondo)
    E mi firmo , unico e solo responsabile del testo Poeta l.c
    Verona
    E se scrivi o telefoni a me 3287562812 ti racconto come spero di averli fregati

  • “Ha detto che la rete non basta, che fondamentalmente è trascurabile. E’ come dire a Guglielmo Tell che con la sua balestra non ci fa niente, che deve usare le armi degli scudieri del re”
    Se si vuole espugnare un castello forse è meglio gettare la balestra e prendere l’ ariete. Capisco che Messora si sia avvicinato al movimento, ma speravo mantenesse un minimo di distacco quanto basta per capire da che parte arriva il buonsenso (d’altra parte la cosa che ha detto Rodotà l’ ha riconosciuta anche Grillo).

  • Rodotà non era nessuno prima che lo tirassero in ballo con le elezioni. Non è stato eletto e continuerà a non essere nessuno tranne un uomo che vive gli ultimi anni della propria esistenza. Chi se ne fotte di Rodotà? Cos’è diventata, una moda parlare di lui? Così come lo era parlare della Franzoni prima, del terremoto in Umbria poi, di Misseri e della Scazzi, della Gambirasio? Ma quand’è che lascerete marcire anche lui nel dimenticatoio delle cose che non hanno nulla a che vedere col futuro nostro e dei nostri figli? Non ci sono argomenti più interessanti e più utili di cui parlare?

  • Tutti a soffermarsi sull’insulto e non sulla sostanza , Grillo scrive così può non piacere può essere offensivo ma alla fine se si ragione non si può che essere daccordo con lui.

  • Sinceramente quel post di Beppe mi ha lasciato a bocca aperta ! Non credo sia giusto osannare una persona fino a che parla a tuo favore e bastonarlo quando dice qualcosa che non ti piace ! Penso che un uomo come Rodotà meriti di poter esprimere un suo pensiero che non mi era sembrato nemmeno così negativo ! Non posso dimenticare il suo intervento di fronte ai nostri parlamentari dove tra le altre bellissime cose ha detto che avrebbe dato l’incarico al movimento per formare un governo ! Poi ho analizzato meglio ciò che vi è scritto e ho trovato una sorte di difesa da parte di Beppe ,al contrario di quel che sembra far intendere di primo acchito , dicendo che il professore che è stato resuscitato dalla rete quindi da noi , viene tirato in causa da quelli della sinistra quando gli conviene e rimesso sotto naftalina quando diventa troppo ingombrante ! Già ingombrante perché l’onestà da quelle parti non è di moda ! Sinceramente ho talmente tanta stima di Beppe che credo al fatto che non tutti gli interventi che si leggono sul blog siano farina del suo sacco. Non so ma mi sembra più un discorso alla Becchi ! Resta il fatto che stiamo affidando tutta la comunicazione del movimento a dei post del blog e questo non è giusto ! Ci sono persone che lavorano duro dentro i palazzi del potere e come hanno più volte detto vengono derisi e sottovalutati continuamente ! Secondo voi queste esternazioni folli sono loro d’aiuto ? Molta gente si è allontanata dal movimento o si è messa in standbay e queste polemiche bene non fanno ! Serve un nuovo modo di comunicare ! Serve una fase due del M5S che possa dare voce all’immensa mole di lavoro che fanno i nostri rendendogli giustizia e merito ! Serve che si lavori tutti insieme in una sola strada senza uscite di strada che portano solo danni e polemiche che fanno male ! L’opinione pubblica,volere o volare si fa molto influenzare da queste vicende perché queste hanno molta visibilità nelle TV e nei giornali che strumentalizzano in maniera incredibile a servizio dei padroni ! A sapere le cose vere siamo in pochi ! Siamo sempre i soliti e quelli che siamo riusciti a convincere prima delle elezioni politiche ora quasi ci insultano ! Ragazzi preparatevi bene e andate in televisione per rispondere a questi falsi servi che ora si sentono a loro agio a spalare letame poiché nessuno gli ostacola con la verità e l’unica competizione è con chi rende una menzogna più credibile !
    Andate e fate sapere chi lavora per davvero nell’interesse del cittadino ,chi mantiene gli impegni presi,chi combatte l’illegalità e chi lavora seriamente con tanta passione per i cittadini.Tutti gli interventi che avete fatto alla camera a al senato noi del web li vediamo e godiamo ogni secondo nel gustarceli ma la maggior parte del popolo ne ignora l’esistenza ! Non mollate mai ! Noi siamo lo zoccolo duro che Beppe diceva avessero i partiti,noi siamo uno zoccolo duro perché siamo gente onesta e che sta soffrendo nel vedere l’artiglieria pesante che cerca di colpirvi e non resteremo con le mani 9in mano nel caso le cose si mettessero male !Noi siamo con voi ! Perché voi siete noi !Fiero di avervi votato !

  • Effettivamente cosi facciamo il loro gioco!!!
    La miglior risposta delle volte E’ IL SILENZIO…
    Direi che adesso dovremmo smetterla con le repliche ad ogni attacco ricevuto…
    Claudio spero che tu legga il mio commento…Basta replicare e dare importanza agli attacchi, SCENDIAMO AL LORO LIVELLO…
    “Mai discutere con un idiota, ti trascina al suo livello e ti batte con l’esperienza”.
    Da portavoce spero vivamente che tu possa dare questo tipo di suggerimento ai ragazzi del M5S…

  • A mio parere il titolo non ci ha preso, perché qui si parla solo di bot6a e risposta tra due persone. Rodotà ebbe tutto l’ìapposggio di Grillo e del M5S durante le elezioni. Subit dopo, e non fu eletto, Rodotà prese distanze dal M5S e da Grillo, già allora facendo sue affermazioni sul comico. Una volta te la lascio passare, ma la seconda NO, ed è qui che Grillo ce lìha mandato anche se con modi buoni e già garbati…
    Strada? E’ stato l’unico a uscire senza commentare, anzi ringraziando per la scelta. Come potrebbe Beppe prendersela con chi non ha profferito alcuna parola?
    Ma gli altri, perché solo dopo si sono messi a criticare? Potenza del grano, pecunia, dinero, $oldi, perché un posto là vuol dire potere e soldi…se l’avessero fatto prima avrebbero dimostrato grande coerenza col loro pensiero, ma averlo fatto dopo è a mio avviso meschinità!
    E qui è giusto che Beppe risponda per tono se si sente attaccato… lui va in giro per l’Italia in cvamper anche per LORO! Provino loro per Beppe e per il M5S andare in giro in camper!

  • Non si è ancora capito che il M5S è ognuno di noi in prima persona. Il M5Stelle è partecipazione, tutti sono utili per il cambiamento e nessuno è indispensabile. E’ un sogno un idea condivisibile, un opportunità per essere di nuovo persone fatti di coerenza. Nessuno è obbligato in niente. Nessuno è vincolato ad un altro. A nessuno viene chiesto il voto per poi essere manipolato. Il M5Stelle è il futuro.

    • Si però dobbiamo anche fare in modo tale che il m5s non venga ridotto ad una cerchia ristretta di blogger è smanettoni di internet…
      Anche perchè di soldi per potersi permettere una connessione ce ne sono sempre meno!!!

  • Secondo me Beppe adesso sta sbagliando sul piano comunicativo…viene visto come quello tutto fumo e niente arrosto…semplicemente perchè LA GENTE COMUNE (purtroppo) ha una visione superficiale dell’insieme.

  • In fondo Rodotà è solo un povero vecchietto…concordo che una replica sia più che legittima, secondo me è il tono della replica che appare completamente sbagliato!!!

  • tutti questi interventi cosi’ indignati e punitivi nei confronti dell’espressione di Grillo nei confronti di Rodota’,non trovano giustificazione quando non ci si è incazzati e di brutto,quando PRODI ci toglieva la moneta sovrana con l’inganno e la incomunicazione,sempre PRODI firmava il trattato di LISBONA(agosto 2008)che di fatto ci toglie la sovranita’ politica;cioè ha delegato alla commissione europea le scelte politiche ed economiche della nazione.Ultimo colpo alla democrazia,la firma di ratifica dello M.E.S.(meccanismo europeo di stabilita’)da parte del finanziere monetario Monti,che oltre che far crescere il debito pubblico consente a questo organismo di aumentare a sua discrezione la cifra attuale di 125 miliardi di euro dei quali 3 gia’ versati,quale cifra a noi ascritta,della quale se ne avessimo bisogno,ce la presteranno,come fanno con gli euro che ci addebitano,invece che accreditarceli.Ma questo non e’ un argomento da affrontare con la stessa indignazione,queste sono quisquiglie al confronto di un crimine come quello commesso da Grillo nei confronti di Rodota’!!!! Adesso prendo coscienza del perché siamo in questa condizione in Italia e la vedo drammatica se queste persone continuano a vedere pagliuzze le cose che succedono in e per l’Europa e come trave una frase detta da Grillo a un ex collaboratore..siamo nella disperazione!Poveri i ns figli e nipoti che avranno come scelta,la disperazione o il suicidio,grazie a questo popolo che si ostina a non comprendere!!!

    • Concordo pienamente…per questo credo sia inutile replicare e fare il loro gioco, sul piano comunicativo (ne dobbiamo prendere atto) almeno per il momento non li puoi battere…
      7 televisioni e non so quante testate giornalistiche a loro favore…
      Il M5S…solo il blog, nettamente in svantaggio, direi che adesso bisogna inventarsi qualcosa…

  • ogni giorno buttate nel cesso i nostri voti… che evidentemente.. vi avevamo REGALATO sperando che ne foste degni … … nessun problema … Ciaooo voti all’M5S … tornatevene a fare le liste civiche cittadine ed a fare le manifestazioni per i recinti delle galline troppo piccoli…. ciaooooooo

  • Premetto, Beppe Grillo non e’ il M5S, e’ il padre del M5S , provate a capirne la differenza e quello che implica paragonadolo alla vostra esperienza personale!!
    “un ottuagenario miracolato dalla Rete, sbrinato di fresco dal mausoleo dove era stato confinato dai suoi”……….tralasciando il linguaggio colorito di Grillo (nel bene e nel male e’ il suo marchio di fabbrica) mi dite cosa c’ e’ di sbagliato in questa affermazione??

  • Mai come questa volta Grillo ha difeso quelle che sono le basi di questo movimento…
    e poi scusatemi, ma sul serio, io darei consigli se posso dimostrare di essere stato uno veramente all’altezza in un certo campo, in quanto professore e autore su problemi di diritto non mi sembra che Rodota’ sia stato un asso della dirigenza del PD e che abbia portato ad alti livelli il suo partito…per me straparla e sentenzia un po’ troppo facilmente, come tutti del resto ultimamente, pare che quando i 5S si muovono fanno un errore, anche il solo fatto di esistere e’ un errore, tutti pronti ad elargire i loro consigli su come dovrebbero comportarsi e su cosa dovrebbero fare…giusto per fare un’analogia, e’ come voler insegnare a qualcuno a pilotare un’auto senza mai averne guidata una, o peggio e’ come voler insegnare a qualcuno a guidare dopo aver causato per 30 anni incidenti e disastri stradali.
    Delle critiche poi non ne parliamo proprio, il M5S ha i suoi difetti e problemi ci mancherebbe, ma basta guardare in faccia i suoi parlamentari per capire che la base e’ buona e ci si puo’ costruire su…tanto per fare un’altra analogia e’ come mangiare al ristorante una bistecca di carne putrefatta e male odorante e lamentarsi con il cameriere che la tovaglia non e’ di puro lino.

  • Una Carogna
    Ricordi tu l’oggetto, anima mia, che vedemmo quel mattino d’estate così dolce?
    Alla svolta d’un sentiero un’infame carogna sopra un letto di sassi, le gambe all’aria, come una femmina impudica, bruciando e sudando i suoi veleni, spalancava, con noncuranza e cinismo, il suo ventre pieno d’esalazioni.
    Il sole dardeggiava su quel marciume come volendolo cuocere interamente, rendendo centuplicato alla Natura quanto essa aveva insieme mischiato;
    e il cielo contemplava la carcassa superba sbocciare come un fiore. Il puzzo era tale che tu fosti per venir meno sull’erba.
    Le mosche ronzavano sul ventre putrido donde uscivano neri battaglioni di larve colanti come un liquame denso lungo gli stracci della carne.
    Tutto discendeva e risaliva come un’onda, o si slanciava brulicando: si sarebbe detto che il corpo gonfio d’un vuoto soffio, vivesse moltiplicandosi.
    E tutto esalava una strana musica, simile all’acqua corrente o al vento, o al grano che il vagliatore con ritmico movimento agita e volge nel vaglio.
    Le forme si cancellavano riducendosi a puro sogno: schizzo, lento a compiersi, sulla tela (dimenticata) che l’artista condurrà a termine a memoria.
    Dietro le rocce una cagna inquieta ci guardava con occhio offeso, spiando il momento in cui riprendere allo scheletro il brano abbandonato.
    – Eppure tu sarai simile a quell’immondizia, a quell’orribile peste, stella degli occhi miei, sole della mia natura, mia passione, mio angelo!
    Sì, tu, regina delle grazie, sarai tale dopo l’estremo sacramento, allora che, sotto l’erba e i fiori grassi, andrai a marcire fra le ossa.
    Allora, o bella, dillo, ai vermi che ti mangeranno di baci, che io ho conservato la forma e l’essenza divina di tutti i miei decomposti amori.
    Charles “Insolente” Baudelaire

  • E’ comunque vero che se Grillo si fosse limitato a fare propaganda, i risultati delle elezioni non gli avrebbero dato più del 10%. Chi dice il contrario ignora la realtà che è apparso pur in contestazione molto in tv e sopratutto nelle piazze.
    Poi Claudio dicendo “La democrazia diretta si fonda sul presupposto che i cittadini decidano, di volta in volta, quali leggi costruire” parli di un altro movimento perchè ancora oggi il M5S LA DEMOCRAZIA DIRETTA NON L’HA MAI PRATICATA REALMENTE…. mettere 150 cittadini cittadini in parlamento non vuol dire far partecipare gli italiani, gli italiani devono partecipare direttamente attraverso un portale che li faccia votare ogni giorno su tutto quello che devono votate e dovranno discutere gli eletti in parlamento.

    • gli italiani hanno votato grillo x 2 motivi essenzialmente: 1) erano disperati e nauseati dalla disonestà dei partiti tutti, a partire da quello del pd… ( per il resto tutti gli imprenditori che hanno votato berlusconi in questi anni adesso si stanno suicidando… mentre i poveracci che hanno votato il B.. beh… cosa vorrai mai dirgli…) … … 2) avevano un disperato bisogno di avere fiducia in qualcuno che non venisse dagli allevamenti delle cricche… … … purtroppo ci siamo sbagliati… … cioè no! non ci siamo sbagliati… siamo stati di nuovo presi per il culo… …. …. certo è che se vinceva sul serio il pd.. non succedeva un bel niente lo stesso!!! …

  • “Se delegittimi il metodo, il metodo delegittima te”… bellissimo e chiarissimo. Qualcuno ha chiesto quando toccherà a Gino Strada o Dario Fo? Anche domani se non capiranno la profondità del concetto. Per quegli intelligentoni che ancora non hanno capito… noi non cerchiamo semplicemente la “persona migliore” o con un curriculum migliore. Noi cerchiamo una persona sì valida e che porti avanti tutti i principi e i precetti del Movimento. Capisco che è difficile da capire visto che stiamo parlando di un modo totalmente nuovo di concepire la politica. Io condivido il Non Statuto e tutti i vari progetti e voglio una persona che porti avanti questo. Io, e molti altri come me, vogliono questo e quindi cari piddini che si spacciano per elettori M5S delusi, troll vari o reali elettori delusi del M5S (che evidentemente non avevano ben capito)… mettetevi l’anima in pace. Viva Grillo, viva il M5S e soprattutto viva LE REGOLE

  • Sei un giornalista o un passaveline?
    Hai una dignità o sei senza soldi?
    L’onestà intellettuale non ha prezzo.
    Ho letto parola per parola l’intervista di Rodota’ (che non ho amato mai) e non dice le cose che tu riporti.
    Vergognati.
    Quanto prendi per queste marchette?

  • Byoblu, bellissimo post ma sei stato anche troppo gentile con Rodotà. L’intervista al Corsera è inaccettabile. Ma non tanto e non solo perchè Rodotà ha messo in discussione due principi base del M5S, come dici tu, la rete e le alleanze. Su quei due punti è ancor lecito anche avere differenza di vedute. Invece no…c’è molto di più e di peggio: Rodotà nell’intevista ha fatto un’analisi politica del voto delle comunali che non so se definire da persona incompetente o da persona in mala fede. Io propendo per la seconda ipotesi. Supportato dalla consapevolezza che io personalmente se volessi dare un suggerimento o fare una critica ad un amico, gliela sussurrerei in un orecchio. Non andrei certo a dare consigli amichevoli ad un mio amico in casa di un suo nemico. Oh, Rodotà sapeva benissimo cosa significava il gesto di farsi intervistare dal Corriere della Sera. Quell’intervista è stata come lanciare un guanto.
    E allora, bravo Grillo col suo post e … lunga vita a Rodotà che a 80 anni si sente ringiovanito e vuole tentare di rifondare la sinistra.

  • Apprezzo il lavoro di Messora. Non sono una attivista. Ho guardato al movimento con il dubbio dell’inventario Casaleggio & Co dietro di lui.
    Poco convinta ma MAI osteggiante o peggio invelenita (=è l’unica alternativa di pensiero e azione in questa cloaca massima) come invece ho visto fare anche da attivisti o pseudo tali, in una mega riunione a MI con dei rappresentanti eletti
    Per non restare vittima di pregiudizio ho osservato e ascoltato in questi mesi, Mi sono disgustata ancor piu’ della reazione degli Italians “contro” i 5stelle che dovevano risolvere tutto, in 2 mesi dentro la fossa dei leoni e con tutta la stampa contro. E vedo che adesso han preferito i soliti noti, che si che risolvono tutto.
    Confesso che mi sono fatta l’idea che come al solito gli Italiani votano o aderiscono ad un progetto in questo caso (m5S) pensando con la testa propria e con la pancia propria… e non ascoltando quel che vien proposto da chi vanno a votare. SArò cronica nelal diffidenza verso questa popolazione. Grillo ha già invocato altre volte la coerenza del “non mi inciucio” eppure pare adesso questo sia una colpa.
    Finirà che lo comprendono di piu’ quelli che non hanno osannato nelle piazze…? E magari votato??
    La sua motivazione di fondo, cosi io colgo nella sostanza, è “cambiare cultura” e per questo ci saranno lacrime e sangue. Come lui ha già ben detto questo è il paese del tengo famiglia.
    I toni (non i contenuti) di Grillo sono sempre stati per me un po’ discutibili , ma la strategia del palcosceico (avrebbe attirato cosi tanto la piazza se avesse parlato diversamete?) è sembrata vincente, ma non pagamente a lungo termine, pare, perchè – ritengo- costruire con la sola emozione è decisamnte fragile. A meno di non stare sempre in campagna elettorale (come fanno i loschi figuri che conosciamo)
    Ma… mi ricordo parole “affettose e riconoscenti di Grillo quando si è trattato di proporre Rodotà come capo di stato” …mentre ora è stato cacciato a farsi un giro negli Inferi… Anche Mr Grillo, forse deve gestire un po’ meglio le sue emozioni se non vuole passare da dittatore, visto che molti dei suoi 5stelle pare lo pensino.
    Non credo che la rissa intestina al 5S servirà a nessuno, nememno ai contrari che immaginano di fare adesso a meno di un leader… lunga la via, serve prima affermare e mostrare piu’ maturità ed equilibrio sulpiano personale. Che non sono perfezione, non vorrei essere fraintesa.
    Sono solidale comunque per tutto il lavoro ed esperimento faticoso che il movimento eletto sta facenbdo. E lo sbattimento di Messora per tenere le fila faticose di una comunicazione sotto bombardamenti mediatici.
    Tra i boschimani sarebbe forse meno faticoso, ma certo meno tecnologico.
    Don’t give up… al cambimento.

  • Claudio, da una persona intelligente come te mi aspettavo una critica dura e netta all’insulto di beppe a una persona che la base del movimento
    ha scelto sul web e che si permette di dare un consiglio al movimento e al suo capo politico, il quale sembra abbia perso completamente il lume della ragione. Per favore non perdere anche tu il tuo spirito critico, che ti ha sempre reso indipendente, perche’ adesso collabori con il movimento 5 stelle.

  • @AlexThemod
    PIDDINAZZO dalle COPERATIVE ROSSE e dalla CAMICIAZZA NERA che prima di andare a letto vai a baciare il mezzo busto del DUCE.
    Qui sappiamo tutti che il bacio successivo lo dai “all’unica cosa di vitale e pensante” che ha DeBenedetti….
    Sono sicuramente delle piacevoli serate per voi camerati… 😉

  • Il comico quando fa ridere è in pieno possesso della sua arte, ma quando nessuno ride più, allora si sente perso e perde anche la testa!

  • Claudio,
    così corriamo il rischio di distruggere il rapporto di fiducia tra il M5S e gli italiani. L’ultima esternazione di Grillo è davero sbagliata. Attaccare così Rodotà, nostro candidato alla presidenza della Repubblica, oltre che ingiusto è anche stupido, perché disorienta i nostri elettori. Attaccare gente come Civati o Vendola, che sicuramente non sono persone che mi piacciano moltissimo, è invece tatticamente sbagliato: dovremmo cercare di far venire fuori quanto ci possa essere di positivo in quell’area politica.
    E mi fa ancora più specie che questo avvenga quando la mozione contro il porcellum viene presentata da Giachetti, deputato del PD, piuttosto che da Crimi e Lombardi, come sarebbe stato giusto.
    Fino a questo momento non avevo mai criticato pubblicamente la gestione del movimento. L’ultima uscita di Grillo mi costringe a farlo. Abbiamo un urgente bisogno di democrazia dentro il M5S. Faccio una proposta: se una mozione che raccolga un certo numero di firme dovrà essere votata con un referendum sulla rete. Se dovesse raccogliere la maggioranza dei consensi dei votanti dovrà essere vincolante per tutti, Grillo compreso.

  • @AlexThemod
    Non è che sei un PIDDINAZZO dalle COPERATIVE ROSSE e dalla CAMICIAZZA NERA che prima di andare a letto vai a baciare il mezzo busto del DUCE?
    Qui sappiamo tutti che il bacio successivo lo dai “all’unica cosa di vitale e pensante” che ha DeBenedetti….
    Sono sicuramente delle piacevoli serate per voi camerati… 😉

  • Condivido nel contenuto. Un po’ meno nei metodi. Grillo è Grillo, lo conosciamo, ma Rodotà, in quanto persona integerrima, non meritava parole così taglienti.

  • Come aver fondato un moto club,riservato alle Guzzi,regola di base da rispettare e invece ci si presenta con un Honda,pretendendo di poter restare nel club!Il ragionamento non fa una grinza!Un caro saluto.Paolo.

  • tanti anni fa ho visto e sentito cose che assomigliavano a questo.alla fine un grande movimento che che pensava in modo diverso,creava alternativa ed era fucina di grandi idee e speranze iniziò a conformarsi a delle paranoie che esso stesso aveva creato.ci furono gruppi di duri e puri che si negarono ad ogni compromesso non solo con il potere costituito ma anche a qualsiasi apertura di buon senso con il compromesso intelligente e addirittura ,in seguito con la ragione e l’umanità.distrussero il movimento che poteva essere o somigliare alla rete come esperienza eccezionale, distrussero anche se stessi e la speranza di cambiamento che aveva coinvolto milioni di persone.in questi ultimi 40 anni in italia quelli che sono riusciti a realizzare qualcosa di bello sono gli stessi che capirono più in fretta degli altri che i puri non portavano da nessuna parte. non hanno risolto i problemi italiani nè quelli del mondo ma con le loro battaglie sono stati gli unici a dare sollievo in un sistema ingiusto e arrogante.

  • Cioè fammi capire, tu ancora sei rimasto al fatto di Rodotà?
    Mamma mai, adesso capisco perché vuoi tornare alla lira, e magari alla DC, e magari allo stato pontificio. Sei proprio retrogrado per natura.
    Con tutte le cose che ci son da fare ancora stai lì a fare retorica con “questo grande atto di democrazia popolare” che aveva scelto Rodotà Veramente aveva scelto Prodi (e cioè uno del PD), e Gabanelli (una che non c’entrava niente), e solo x esclusione Rodotà (e cioè un democristiano), e prendere un sondaggio su un sito web per “democrazia popolare”, e continuare a menarci sopra per mesi… mi sa che è proprio da esaltati….
    Altro che 5 stelle, qua mi sa che è solo una bettola.
    Siete solo dei teledipendenti.
    Se continuate così “ne rimarrà solo uno”, si, di voto.

  • Intanto Grillo non ha detto chissà che cosa…non ha offeso…ha detto a modo suo quello che è la realtà.
    Rodotà è stato proposto dal 5stelle come p.d.r. perciò un ruolo super partes, quindi non avrebbe dovuto perforza condividere ciò che fa il 5stelle ed infatti sin da subito si è capito che Rodotà non credeva e non crede nel 5stelle…ma questo non intacca minimamente la stima che si può avere per lui…ma di sicuro il sig. Rodotà non potrà essere proposto come personalità ad un eventuale governo 5stelle.
    Grillo ha soltanto detto la verità.
    cmq noto che sta prendendo sempre più piede il dibattito verso cose inutili come questa storia…spero che in futuro lascerete correre queste cazzate che lasciano il tempo che trovano.

  • messora,ma che fai?ti arrampichi?falla finita..
    è come se aveste votato prodi(Grillo e voi stessi e la base l’ha votato eccome!)e poi dopo un pò vi accorgeste che non è del PD-L ha fondato l’euro(rodotà è stato capogruppo dei ds) la gabanelli poi ha proposto la cancellazione del contante e pagare l’usura delle banche imponendoci i conti correnti su cui portare tutti i nostri averi(per farglieli rubare meglio)
    e grillo infame e voi servi(assetati di potere e poltrone)ci volevale convincere che era dalla parte del popolo..le ricordo le battute di grillo..
    non esiste paese al mondo dove è vietato i lcontante..
    siamo solo ridicoli e vi meritate di sparire..peccato che vi ho pure votati..
    ma ora ho capito che grillo è più europeista di draghi.. ed è funzionale a questo sistema ,senza di lui(e lui stesso lo dice)invece che perdere tempo prezioso usando le armi del re messora ma che cazzo dici..l’esempio di tell lo usi come ti fa comodo..di fatto votare un sistema con una legge elettorale del sistema significa usare le armi del re..rete o non rete..
    senza grillo la gente si sarebbe ribellata invece di sta buffonata ed ora avremmo probabilmente messo il potere alle strette..invece costoro grazie a grillo cantano vittoria..
    siete ridicoli,vergogna..incompetenti voi e i 4 ritardati di quei parlamentari eletti mezzi stupidi..ecco perchè non volevate farli andare in tv..ci sono andati ed abbiamo visto quelli che il genio citrullo di casaleggio ha voluto come comparse(in modo che mediocri come lui e grillo potessero primeggiare..lo ha fatto anche berlusconi circondandosi di inetti e Mussolini pure infatti dovette eliminare Balbo che lo superava in popolarità!) lui ha deciso chi dovevano essere gli eletti i 4° e 5° file delle liste del m5s non eletti,i portatori di acqua..i riempilista..
    i migliori sono stati eletti a regionale e provinciali i peggiori sono rimasti li appesi e voi infami che avete fatti li avete fatti senatori e deputati potenziali ministri..
    incredibile..
    falliti!

  • Ho cercato di interpretare la reazione di Grillo nei confronti di Rodotà e sono giunto alle stesse conclusioni di questo articolo; ma…c’e’ un ma:
    se si puo’ condividere il contenuto del post di Grillo depurandolo, quello che lascia a desiderare è la forma. Grillo avrebbe potuto dire le stesse cose ma in maniera diversa, più articolata (come questo articolo) e meno tranciante. Forma, solo forma.
    Grillo in questo caso fa della sua forma di comunicazione la forma del M5S e’ questo rappresenta un errore. Lo stesso errore di considerarsi al di sopra della RETE, la stessa critica che si rivolge a Rodotà.
    Diventa imperativo spersonalizzare sia i CONTENUTI che la FORMA e dare alla RETE il potere e gli strumenti per decidere entrambi, in maniera efficace, reale, trasparente e non accentrata come e’ ora.
    Il Movimento deve attuare quello per cui è nato: diventare realmente leader-less. Questo nell’interesse del Movimento stesso. Se Grillo e’ intelligente deve farsi da parte quanto prima per far camminare questa giovane creatura con le sue gambe.

  • dopo il blog di grillo anche questo sito è censurato..
    ma chi credete di imbrogliare..
    mi avete censurato un post di forte critica senz auna parola volgare..

  • In Italia la coerenza non è ancora di moda.
    Si è sempre preferito il compromesso, fino a compromettere il nostro presente e pure il futuro.

  • Ciao a tutti,secondo me è troppo!!siamo un movimento culturale prima di tutto e quindi si discute di ogni cosa anzi si deve discutere di tutto e con le dovute maniere,le idee ,I suggerimenti le critiche che arrivano dall’esterno devono servirci per crescere e non per farci scaricare la nostra rabbia insultando a piu non posso.queli che a secondo del verbo espresso diventano di conseguenza i “nemici “del M5S( anche la parola “nemico” diventata ormai quasi un intercalere nel linguaggio dei commenti,è ripugnante) Quello scritto nel post è giusto,sacrosanto ma non giustifica nessuna offesa,La buona educazione prima di tutto!!Grillo deve cominciare a lasciare il movimento fuori dal suo modo aggressivo di affrontare una discussione che potrebbe essere al contrario, posta su un piano piu socieovole.Personalmente non vedo altra alternativa politica al movimento5S ci credo,spero un paese gestito cosi come la filosofia del movimento indica ma non voglio assolutamente pensare che I buoni propositi vengono oscurati da un linguaggio da stadio.Credo anche che in questo modo si sta togliendo il terreno sotto ai ragazzi,che in parlamento stanno dando sangue,per dirla cosi!!urge darsi na regolata!!

    • @maurizio
      Urge darsi una svegliata.
      Non siamo seduti a discutere a tavola: ma non vedi che sta succedendo? Tutto normale?
      Guarda che non siamo qui a far “educatamente” proselitismo. Non siamo dei testimoni di geova. Ne tanto meno siamo un popolo unito di un miliardo di Indiani come cent’anni fa.
      Credo che tu non abbia idea di cosa e soprattutto di chi si stia risvegliando e sta tornando allo scoperto dopo decenni di cantina: guarda che a questu qui non gli puoi dire: “Non mi picchiare perchè porto gli occhiali! Cattivone!”

    • @ virus:eveidemente parliamo due lingue dverse ma immagino con gli stessi fini.Da quello che vedo nella tua foga penso ti sia calato nella parte di Zapata “all’italiana”.Insisto nel dire che cosi non si va da nessuna parte. Onestamente non so chi tu veda si stia risvegliando,per quel che ne so non è mai andato in cantina!!

    • @maurizio
      Mah… so solo che mi viene spontaneo così… proprio perché sono consapevole della contrapposta differenza tra “grinta” e “violenza”.
      Credo che un pacifista debba essere molto ma molto più grintoso di un aggressore violento.
      Credo che il cuore del M5S sia composto dall’elites intellettuale e morale di questa penisola: quell’elites sommersa che a parità di doti si è vista sorpassare nella vita da chi, a certi compromessi morali, si è abbassato.
      Francamente stravedo per la bellezza del “movimentista” tipico: onesto e positivo come un “boyscout” ma deideologizzato, aconfessionale… libero!
      Le cose belle vanno difese con grinta, se no te le portano via…
      p.s. Un troll non è una persona che discute con cui cercare un convergenza e uno scambio: è un troll e basta. Un mostriciattolo inanimato.

  • Non sono un mago nell’uso del computer, ma ho incontrato qualche difficoltà ad iscrivermi al M5S, per esprimere il mio punto di vista. Oggi apprendo che “…La Rete è un principio fondante…” Guai a metterlo in discussione, o almeno delimitarne i confini. La Rete – secondo la mia opinione e sono 1 che vale 1 (ottimo principio) – è uno strumento, come il camper o un tavolo di osteria.Se sbaglio, se non è così, gradirei almeno essere trattato in modo civile. Gradirei che il mio errore venisse spiegato e corretto. E che – almeno – non mi fossero indirizzate ingiurie personali.
    Sono molto dispiaciuto del trattamento riservato al Prof.Rodotà, non penso proprio di essere l’unico. E dato che sono 1 che vale 1, d’ora in poi per quanto potrebbe attenere all’espressione di 1 voto, sono 1 che vale MENO 1

    • Tutta sta retorica, tutta sta metafisica della rete. Mamma mia che provincialismo. La rete è la rete, esiste da 20 anni, fa parte della normale realtà quotidiana. Questi mi sembrano delle nonnine, per le quali “la rete” è una cosa mistica…
      .
      (Nonnine italiane, ovviamente, perché in America qualsiasi nonnina naviga su internet normalmente).

    • Non sarò un mago nell’uso dell’italiano. Il problema è che per sostenere questa affermazione dovresti indicarmi quali errori di grammatica o sintassi hai riscontrato nel testo. Inoltre non ho mai votato PD, ma tutti quelli che lo hanno fatto devono essere rispettati

    • @Fnyeleti
      Non c’è un periodo leggibile. Non si usa la virgola con le congiunzioni, non si scrivono frasi senza verbo, ogni proposizione dovrebbe avvere soggetto e predicato verbale…
      Mi chiedo come fai ad articolare dei pensieri.
      Tu NON sei un elettore del M5S.

  • “Il Movimento 5 Stelle non fa alleanze. Nemmeno con Rodotà. E questo “metodo” rappresenta quel filo cui sono appese tutte le speranze di cambiamento.”
    Infatti, il M5s non fa alleanze, non fa leggi, non fa niente. Lo avevamo notato, (e la prossima volta ci regoleremo di conseguenza).
    Ma si, meglio non lavorare e insultare tutti (addirittura sulle caratteristiche fisiche o sull’età), fare la morale a tutti (ma prendersi la diaria), chiedere galera e ineleggibilità x tutti.
    Cominceranno a lavorare quando prenderanno il100%, la prossima volta (si, come no).
    Intanto le riforme le fanno gli altri.

  • Penso di non aver mai letto tante idiozie in una volta sola.
    Mi soffermo solo su una cosa: la democrazia diretta di cui ti riempi la bocca, non esiste. Bum, il castello di carte è crollato.

  • Anche a me ha dato un po’ fastidio la dichiarazione di Rodotà. Ho pensato la stessa cosa e cioè che Rodotà non ha ben chiaro cosa sia la rete e soprattutto, quali siano gli obbiettivi del M5S di “cambiare le cose”.
    Detto questo però credo che sia inutile da parte di Grillo perdersi in certi post che potrebbe dedicare a mio avviso ad argomenti più interessanti. Tanto la verità checche se ne dica verrà a galla comunque, e fra 10 anni tutti daranno ragione al modo di pensare innovativo offerto dalla rete e sfruttato dal M5S. E’ uno spreco di tempo rispondere ad ogni piccolo attacco mediatico, anche se posso comprendere come si senta Grillo in proposito… incxxxato come una bestia! E d’altra parte, per contro, se lui non rispondesse mai si dirà: “Vedi? Grillo non risponde perchè ha torto, non ha i coglioni!”.

  • Ma quanto son simpatici sti militanti piddini dalla memoria corta…Intanto vorrei sapere come si fa a sostenere e giustificare un partito che ha appoggiato la piu`volgare e vigliacca delle riforme.la riforma fornero la riforma che sta massacrando nuove e vecchie generazioni.Solo per questo lo si dovrebbe non solo contrastare ma perfino ODIARE profondamente..Invece devono leggittimare un partito che pensano ancora sia la continuazione del gloriosom PCI e non avendo argomenti lo fanno volendo delegittimare il M5S che per ora rimane lunica vera novita`e proposta,magari potra` avere anzi ha al suo interno parecchie contradizzione e difetti ma cosa riescono a vedere di meglio intorno a loro?La leggittimazione di tutte quelle belle figure che hanno affossato questo paese e ora ti danno le ricette per salvarlo.?

  • Scusate ITALIANI…MA COSA PRETENDETE DA QUESTO MOVIMENTO?
    HANNO RESTITUITO 42 MILIONI DI EURO…E NON SIETE CONTENTI…
    SI SONO TAGLIATI LO STIPENDIO…E NON SIETE CONTENTI…
    HANNO RINUNCIATO ALLA LIQUIDAZIONE…E NON SIETE CONTENTI…
    PER LA PRIMA VOLTA ABBIAMO POLITICI ONESTI…E NON SIETE CONTENTI…
    ITALIANI ANDATE A FANC….

    • Ma che significa, devi sempre stare nel buon senso, non è che perché fai delle cose buone hai ragione a prescindere su quello che fai più avanti!
      Tutto molto bene quello che ha fatto fino ad adesso ma adesso sta perdendo un po’ la bussola!

    • caro LUIGI QUINTAVALLE … gli italiani hanno votato M5S perchè andasse al governo a governare bene… non per vederli restituire gli avanzi della diaria del pranzo e blaterare solo contro tutto e tutti… dopo tante parole eravate arrivati (con i nostri voti) al momento di agire … … e adesso vattene affanculo tu, coglione!

  • Stimato Messora
    Penso, con Rodotà, che siano, non la rete, ma gli echi televisivi della rete riverberati sulla popolazione, insieme al seguito popolare di Beppe Grillo nelle piazze, ad aver creato il successo del Movimento 5 stelle.
    La maggioranza di chi lo ha votato lo ha fatto, a mio avviso, vedendolo come un mezzo di cambiamento immediato, non certo per sventolare la bandiera della purezza a 5 stelle; ché intanto la vita passa e va.
    Riguardo alla democrazia diretta, si può dire che è di certo
    un’ affascinante prospettiva.
    Vien però da pensare che affidarsi solo ad essa nel caso di scelte di estrema complessità, come, ad esempio, se uscire o meno dall’ Euro (uscita alla quale sono personalmente favorevole), e i modi per farlo, assomigli molto all’affidare al voto popolare la scelta della traiettoria da far seguire alla sonda spaziale Voyager, o far scegliere agli aventi diritto al voto il percorso chirurgico da attuare in un intervento a cuore aperto.
    (Senza parlare del fatto che il cosiddetto popolo sovrano, terrorizzato dalle catastrofiche conseguenze ventilate dagli appositi trombettieri, voterebbe compatto contro l’uscita dall’euro).
    La quantità ha, e ha sempre avuto, ben poco a che fare con la qualità.
    In merito poi alla balestra-internet, che di certo è l’arma del futuro che trasformerà tutti in novelli Guglielmo Tell, c’è da osservare che solo a una piccolissima parte della popolazione è dato di accedere all’uso delle macchinose balestre. Il fatto indiscutibile è che, per ora e per chissà quanto ancora, al grosso dei votanti è, e sarà dato solo di poter impugnare l’antiquata ferraglia televisiva facilmente reperibile da tutti.
    Tant’è.

    • “Vien però da pensare che affidarsi solo ad essa nel caso di scelte di estrema complessità”
      Allora non si e’ capito come funziona la rete.
      Stai scrivendo su questo blog grazie ad un progetto “complesso”, un sistema operativo (Linux) nato dal contributo di milioni di persone. In questo caso quantità e’ qualità. Certo che parliamo di quantità di “qualità”, quantità di esperienze, di competenze, uso della delega “allargata”. Formazione e conoscenza condivisa. Questa e’ l’idea, questo il processo.

    • @moro
      Mi piace il tuo commento: finalmente qualcuno che capisce quale sono le VERE radici culturali del M5S.
      Il primo esperimento al mondo compiuto per portare i processi, le dinamiche e i valori dell'”open source” in politica e provare ad istituzionalizzarli.
      Beppe Grillo è un po’ quello che in economia si chiama “ditattore benevolo”, proprio come Linus Torvalds.
      E’ solo una questione di tempo, è un processo inevitabile fin tanto che si garantisce LIBERO ACCESSO ad Internet.

  • Guardate che non è stato Beppe ad “offendere” l’illustre professore ma al contrario, è stato il giurista a disconoscere e non solo a criticare quelli che lo hanno votato, la base del movimento, e, molto chiaramente, a dichiarare “inadeguati all’opera” sia i cittadini eletti che Beppe.
    Nessuno di voi troll si è reso conto che è il professore che ha voluto prendere le distanze dal movimento e non viceversa?
    Forse l’esimio ci terrà, legittimamente, a tornare nelle grazie dei suoi, quegli stessi che lo avevano messo nel cantone e non lo hanno votato come presidente proposto dalla rete ma che, riproposto da gente più presentabile del popolo …chissà!
    E visto che il movimento, dopo le amministrative, non sembra più così vincente…
    😉
    Beh.. ?

  • TUTTO BENE TUTTO OK:
    la gabbanelli e rodotà sulla rete creata da GRILLO, hanno ricevuto consensi da parte del popolo del M5S, per meriti che sono indiscutibili.
    La gabbanelli nell’ultima puntata di report ha insinuato che nel blog di grillo ci siano introiti occulti da parte di grillo e casaleggio: io al posto di grillo l’avrei mandata affa! piuttosto che dimostrarle dove e come vengono gestiti i soldi, in quanto onestà e trasparenza sono i fondamentali del M5S.
    In quanto a rodotà nella campagna elettorale a roma ha appoggiato marino, il solito politico trasversale della casta delinquenziale italiana.
    Io al posto di grillo altro che “decongelato” lo avrei mandato affa!!!
    L’errore non è di grillo, ma dei facili entusiasmi del popolo della rete, che accecati dalla fretta di voler risolvere problemi di 40 anni, prendono come esempio di trasparenza personaggi che come la gabbanelli che ha cacciato barnard dallo staff di report e lo ha abbandonato agli attacchi dei potenti che lo hanno ridotto quasi sull’astrico economico attraverso l’uso del tribunale.
    Rodotà dopo la dimostrazione che gli abbiamo dato e rispetto alla dimostrazione ricevuta dal pdpiu’omenoelle, avrebbe almeno dovuto astenersi dal promuovere il partito che lo ha rifiutato ripetutamente.
    Le parole di grillo sono ampiamente giustificate ed aggiungo che la gabbanelli e rodotà devono andare affanculo.

  • A parte il fatto che “restituire la politica ai cittadini” dovrebbe essere l’equivalente del restituire la libera parola all’interno del Movimento.
    Aparte il fatto che “rubare ai ricchi per dare ai poveri” dovrebbe essere l’equivalente del girare i proventi della pubblicità del blog di Grillo e di Casaleggio a favore del Movimento, per il resto il ragionamenti ci potrebbe anche stare se il Movimento fosse l’unico soggetto politico in campo.

    • si nicola,
      ma questo non significa che tutti possono parlare e mandare affanculo tutti e se lo fa grillo (a mio parere giustamente) viene fuori questo marasma sul blog, grillo è oltre che il fondatore anche una persona del movimento che esprime il suo parere come tutti.
      In quanto ai soldi del sito, ti posso assicurare che è tutto a posto. Secondo te: quanto puo’ costare partire con un camper da genova per andare a palermo, poi a caltanisetta poi a bari, poi a napoli ecc ecc con una squadra di almeno 10 persone e un palco ed un impianto da montar e smontare continuamente? mangiare, dormire….si penserà mica che dormono in venti e mangiano insieme tutti nel camper??

  • Sì, ma porca puttana! Non è una questione di fare l’alleanza con Rodotà. D’accordo sul valore della coerenza, però cazzo mica si può essere dei computer! Rodotà non sarà d’accordo con il metodo, ma mica fa parte dei 5S, bisogna rispondergli nel merito non appiopandogli epiteti….. in nome della coerenza. Senza tener conto, per coerenza a tutti i costi, di chi stai parlando.
    Beppe è fatto così, lo sappiamo, ma certo non s’è spiegato. Almeno la tua spiegazione, Claudio, è chiara. Quella di Beppe non si capiva.

  • Coerenza una cippa caro Messora.
    C’è LA BASE per le votazioni inutili (vedi quirinarie) e non c’è “la base” per quelle importanti, ecco la vostra coerenza !

  • Claudio, ho sempre condiviso bene o male quanto scritto su questo blog ma stavolta mi trovo in profondo disaccordo. Premettendo che c’è modo e modo per esprimere la discordanza di idee e Grillo ancora una volta ne ha scelto uno “poco diplomatico” per usare un eufemismo, la critica di Rodotà conteneva anche dei punti costruttivi, che una persona intelligente avrebbe saputo cogliere ed usare come spunto di discussione anziché vomitare contro insulti in tutta risposta. Per esempio: che a livello locale il M5S stenti ad affermarsi in quanto propone facce sconosciute è sacrosanto, tanto come il fatto che il nuovo da solo non rappresenti per forza di cose “migliore” ma se non valutato attentamente possa significare anche incompetenza. Come sottolineava Travaglio, se De Vito si presenta a comizi ed interviste con un foglietto in mano in cui legge un discorso preparato non può entusiasmare l’elettorato. Di certo la soluzione non è per forza andare in televisione, ma in realtà questo Rodotà (che ha sempre difeso le potenzialità della Rete) esplicitamente non lo afferma mai, occorre invece dare piu’ visibilità agli attivisti del Movimento, ancora troppo oscurati dall’ombra di Grillo, e soprattutto scegliere gente valida rendendo la base piu’ partecipe. Come è possibile che su milioni di elettori solo poco più di 50mila siano iscritti al portale e partecipino più o meno attivamente alla cosiddetta “democrazia liquida”? Finché i cittadini non verranno spronati a partecipare oltre che a lamentarsi ed insultare, il Movimento non sarà in grado di effettuare una politica efficace fatta soltanto di persone competenti e sempre più Mastrangeli compariranno all’orizzonte.

    • Aspetta fammi capire
      “un ottuagenario miracolato dalla Rete, sbrinato di fresco dal mausoleo dove era stato confinato dai suoi”
      Dire questo equivale a, ti cito “vomitare contro insulti”?!?!?
      Ma per piacere un po’ di equilibrio, non caschiamo nelle trappole mediatiche!!
      Su quello che hai scritto dopo se ne puo’ discutere, sono opinioni personali , alcune delle quali condivisibili.
      Saluti

  • Claudio, a mio modesto parere, sta bene tutto di quello che hai scritto nel pezzo a parte la frase “se delegittimi il metodo, il metodo delegittima te!”
    Ti assicuro che suona molto dittatoriale, a livello comunicativo potrebbe essere un’arma a doppio taglio!

  • Grillo poteva anche riprendere Rodotà per quanto detto al Corriere, se voleva- ma con quei termini villani? Già abbiamo il 75% che ci marcia contro, e se poi lasciamo per strada possibili convergenze ( non alleanze!) contro la finanza d’assalto o l’ Unione Eurovietica con chi potrebbe ampliare il bacino delle nostre lotte ( le ” ali estreme” di SEL e Fratelli d’Italia, o i dissidenti del PD) e le figure ad essi appartenenti, come una figura preclara tipo Rodotà, dove andiamo a parare? Potremmo avere tutte le ragioni di questa terra, ma alla fine, tanto, ci ergeremo solitari come Farinata degli Uberti nell’inferno che sarà diventata l’Italia…!

  • Caro Claudio, generalmente condivido le tue idee, ma non condivido quello che hai scritto.
    Rodota e stato coerente con il suo modo di essere un uomo del PD “istituzionale”.l’errore e stato del Movimento ad esaltarlo con cori da stadio andando contro il buon senso (un ottantenne che da 60 anni fa politica con incarichi importanti all’interno di un partito).Lo stesso si può dire per Grasso o la Gabanelli.
    Prima di dare delle patenti di integrità morale. Politica sarebbe meglio riflettere un po’
    Grazie

  • Caro Claudio e tutti, premesso che ti seguo da molti anni e ho sempre apprezzato le tue idee e questo Blog, che sono un iscritto ed un attivista del moVimento con decine di banchetti e raccolte firme alle spalle, voglio dirti, voglio dirvi che questa volta non sono d’accordo.
    Liquidare i ragionamenti di Rodota’ con un semplice “è fuori dalla linea”, “it’s all ‘bout process” è una semplificazione che puo’ stare bene a molti, ma non a me e a tantissimi altri. Proprio perché Rodota’ non è mai stato eletto a Presidente della Repubblica, ma è solo stato un nostro candidato espresso attraverso una consultazione interna, non abbiamo nessun diritto di censurare le sue idee ma piuttosto il dovere di prenderle in considerazione e di riflettere seriamente di dialogare. Il resto sono considerazioni, articolate, ma semplicistiche. Ed è inutile gridare al troll, continuare a gridare slogan anticasta quando abbiamo 160 eletti nelle camere e dobbiamo partecipare al governo del paese. La realta’ è che qualsiasi iniziativa che venga dalla base, qualsiasi tentativo di strutturare le idee e di portarle ai nostri eletti, di avere un feedback reale con loro viene soffocato e censurato sul nascere. Da mesi chiediamo uno strumento per portare avanti le decisioni in modo condiviso, da mesi cerchiamo strumenti per supportare il lavoro degli eletti, c’è una ricchezza di milioni di professionisti e cittadini iscritti al movimento che vorrebbe contribuire col proprio sapere e le proprie competenze, gratuitamente e volontariamente e non puo’. La democrazia è il governo della complessita’ e non si fa con gli slogan e con le chiacchiere, che vanno bene per la massa anonima , e forse per creare un movimento di opinione e di protesta. Se l’idea di Beppe , del suo fantomatico staff, di Casaleggio Inc. o chi per loro è questa è ora che ci venga detto chiaramente. Non è possibile che l’unico strumento “uffciale” di interazione sia il forum presente sul Blog, dove le idee e i contributi fattivi si disperdono in un mare magnum di “bene bravo”, “abbasso il troll del PD” “abbasso la Kasta”. “Mandiamoli a casa”. Senza organizzazione, senza struttura senza sostanza stanno mandando loro a casa noi! I veri troll sono la massa anonima di coloro che iscritti al movimento non partecipano ad una riunione, sono i milioni di facce che non ho mai visto ad un banchetto o ad una raccolta firme, sono coloro che si accontentano di gridare slogan dietro una tastiera e si accontentano di ragionamenti fatti da altri mentre la DEMOCRAZIA E’ PARTECIPAZIONE, LA DEMOCRAZIA E’ DISCUSSIONE, LA DEMOCRAZIA E’ GOVERNO DELLA COMPLESSITA’. Il resto, Claudio sono semplificazioni buone per Kamikaze pronti a buttarsi sul Troll in nome del Mikado. Non per me.

    • @musicmaster
      “LA DEMOCRAZIA E’ GOVERNO DELLA COMPLESSITA’”
      Se il PRIMO attivista del M5S che fa un’affermazione del genere che conosco. (E uno dei pochi che non sa cosa sia un troll…)
      Qual è il tuo meetup di riferimento? Il circolino?

  • Vorrei non commentare questo scritto semplicemente perché è incommentabile. Un’insalata di retorica condita da qualunquismo e dalle solite argomentazioni anti-berlusconiane (velate e sottili, che ci stanno sempre bene e sembra non stanchino mai) le quali ultime in realtà hanno stancato molti.
    Invece, volevo commentare il link postato da “virus” dove si parla di un M5S al 31%. Ma com’è possibile riportare al 31 maggio come verità una cosa che risale all’inizio del mese e puntualmente smentita dalle urne pochi giorni fa?
    Il fatto è che in molti hanno capito che la “rete” non è quel tanto agognato strumento di condivisione della coscienza, bensì, uno strumento sfruttato da uno sparuto gruppo di furbetti che costruiscono ad arte immagini negative dei propri odiati avversari politici.
    Intendiamoci, NON SI SALVA NESSUNO!!! Non voglio dire che i “buoni politici” nostrani siano un esempio di virtù, ci mancherebbe; quel che voglio dire è che la diffusione in rete di informazioni date per veritiere e spessissimo riscontrate come assolute “bufale” hanno prodotto l’effetto contrario rispetto alla sperata caduta del sistema delle caste.
    Non c’è bisogno di inventare, condire e esagerare le situazioni, basta dire la verità … purché la si dica su TUTTI, nessuno escluso.

    • @Virus
      Non ho amici su alcun blog, né del PD né tanto meno del PDL. Mi piace, comunque, questa tua animosità e certezza sulle credenze altrui. Mi spieghi come fai? Ti prego, m’insegni? Mi piacerebbe davvero tanto capire come si fa a leggere il pensiero attraverso il monitor del PC.

    • Non sarebbe difficile se non fossi piddino (che è peggio di essere PDino… ma è un discorso lungo…):
      1) fai con profitto la I elementare ed impari a leggere
      2) Guardi lo schermo del pc e leggi
      Incredibile no?
      Non ti dirò mai come ho fatto a sapere qual era il pensiero di Kirkegaard o Dante… è un segreto 😉
      Attraverso la carta! Magia!

      • Quanto poco sai di me, caro Virus. Comunque, resto sempre affascinato dalla capacità che hai di non rispondere in concreto alle idee altrui argomentando che il tuo interlocutore è di questo o quello schieramento. Davvero complimenti, sei molto capace!

  • Di solito questo blog è sempre stato frequentato da una maggioranza di persone che leggevano gli articoli e che obiettivamente li esaminavano ma da quando il movimento 5 stelle è salito al governo le “forze politiche” che ci hanno governato e portato alla rovina negli ultimi 20 anni (dato innegabile) si sono uniti e messi contro il movimento che è l’UNICA forza di opposizione in questo paese tradendo così il mandato delgi elettori ancor prima di iniziare a governare. I commenti dei troll negli ultimi post di Claudio Messora lo dimostrano. Claudio è una persona che quando scrive non lo fa per riempire una pagina ma per divulgare informazione veritiera e con dati obiettivi (come fa Marco Tavaglio) di ardua contestazione. I troll nascono per far incazzare la gente per loro divertimento quindi loro sono tutto tranne che obiettivi, anzi sono proprio come dei fantasmi….visto uno visti tutti. Qualsiasi persona di media intelligenza riconosce i fatti reali da quelli irreali e se si hanno dubbi basta farsi un giro in rete. Un consiglio, IGNORATELI.
    Non fanno e non faranno mai la storia.
    La storia la sta scrivendo il Movimento 5 Stelle con l’aiuto di Beppe Grillo e di tutti gli italiani che hanno capito dietro l’informazione falsa cosa c’è.

    • Spero che questo commento di maxks non riguardi il sottoscritto in quanto, effettivamente, non dovrebbe riguardarmi. Metto le mani avanti, magari inutilmente, ma lo faccio per proteggere le mie idee. Io rispetto quelle degli altri ma il fatto di non pensarla come molti di voi non fa di me (ma anche di molti altri) dei c.d. “troll”.
      In merito, poi, al riferimento temporale di “20 anni”, temo che si debba tornare molto, ma molto indietro … almeno di altri 20 (se non 30). A meno che, come ho detto nel mio primo intervento, non si voglia sempre dare la colpa al solito Berlusconi.
      La cosa triste è che tutti questi attacchi al “personaggio” in questione, mio malgrado, me lo stanno rendendo pure simpatico quando in realtà non lo stimo affatto.
      Con ciò voglio dire che bisogna stare attenti a idealizzare qualsiasi personaggio, non ultimo Grillo, e attribuire a tutto ciò che viene detto e scritto sulla rete come una verità incontrovertibile.
      Non so quali siano le “fonti” usate per scrivere il post che stiamo commentando ma raramente ho visto post in cui si citavano le fonti, appunto.

    • @Gianni C.
      Fai bene a mettere le mani avanti: se un maledetto TROLLAZZO.
      NON sei un follwer di Claudio nè un simpatizzante del M5S.
      Al tempo della guerra saresti stata una spia fascista.

    • @Virus
      grazie per l’immensa considerazione che mi dai, ti stimo moltissimo perché, soprattutto, sei uno che si confronta e ha a cuore le sue quanto le altrui opinioni.
      Grazie per la tua immensa, incommensurabile prova di democrazia e apertura al dialogo. Grazie anche per gli insulti, presenti e futuri, perché sono certo di meritarli secondo il tuo punto di vista e, dunque, sono certo che appagheranno il tuo desiderio d’affermazione della tua opinione.
      Grazie, grazie, grazie!!!

    • @Gianni C.
      Guarda che non ti considero affatto, proprio perché non hai opinioni e il tuo contributo è inutile come la tua meschina vita vitìrtuale.
      Non mi ringraziare di niente perché ho fatto tutto con grande piacere.
      Sparisci e torna da dove sei venuto.

      • Ah ah ah, vita virtuale … che spasso. In tutto ciò, argomenti personali? Opinioni serie? Le risposte a quanto da me detto nel primo post quando arriveranno? Ce la facciamo per Natale?
        Sai che ti dico? Ora si che non me ne vado a più, a costo di fare il super trollazzo!!!
        Ah ah ah, vita virtuale … sto ancora ridendo. Che spassoso che sei. Però cerca di essere un po’ più originale, ancora non ti vedo impegnato fino in fondo … quando arriveranno le minacce di appendermi a testa in giù a Piazzale Loreto?

  • Visto che come da tempo vado scrivendo in ognidove Grillo ha volutamente messo le mani sopra e distrutto un movimento che stava nascendo in rete movimento che faceva paura ai banchieri mondialisti onde per cui andava fermato ed a questo sono serviti Grillo e Casaloggia adesso l’unica speranza di rinascita del movimento e’ uno scatto di orgoglio degli eletti dal popolo sovrano tirino fuori gli attributi o Fuori Grillo e Casaloggia Rotchild o scissione e che si tengano pure il nome e il simbolo faremo un nuovo movimento questa volta senza leader padri padroni,anzi un movimento esiste gia’si chiama PCB per il bene comune che ha gia’ una piattaforma per votare online piattaforma promessa da anni da Grillo e mai attuata il PCB ha come primo punto il ripristino della nostra sovranita’ monetaria quindi se scissione deve essere potremmo tentare di riunire tutti i movimenti antibankesters che esistono in rete e formare una nuova onda di cambiamento.Lo tsunami di Grillo si e’ gia’ ritirato in mare.Per Messora che tristezza vedere un blogger messo a libro paga da Grillo difendere l’indifendibile per pochi spiccioli di stipendio.

  • Non avete la più pallida idea di quanta credibilità stiamo perdendo con queste storie. Per me la coerenza è importantissima, ma cerchiamo di andarci piano. Beppe avrebbe potuto usare toni migliori con la Gabanelli per chiarire che essa rimane una brava persona, ma il suo programma ha detto falsità. Invece no, ha dovuto sparare a mille facendo perdere punti preziosi. Ricordiamoci che l’italiano medio dimentica le cose importanti e tiene conto delle sciocchezze come queste!
    Con Rodotà peggio ancora. Onestamente, non credo che Rodotà abbia delegittimato la rete. È liberissimo di dire che serve la rete come serve altro, e forse ha anche ragione.
    Ripeto che per me la coerenza viene prima, ma forse è il caso di ragionare. Le persone dimenticano che l’attivista medio del M5S sta in strada, propone idee, le vota o fa altro nel suo piccolo e quindi si ritrovano a bersagliare questi ultimi quando loro stessi se ne stanno solo seduti su un divano a guardare come i criminali, dall’alto, ci uccidono uno ad uno. Allora forse è il caso di comunicare meglio certe affermazioni e convinzioni.
    E sarebbe anche utile fare in modo che l’operato del m5s venga divulgato in modo ancora migliore. Sarebbe bello, una o due volte a settimana, pubblicare una specie di “palinsesto” di almeno tutte le attività parlamentari in modo da capire cosa sta accadendo e cosa accadrà. Certe volte mi ritrovo, nei social network, degli ottimi video in cui mi viene mostrato cosa è successo e cosa il m5s ha fatto, ma in modo un po’ improvviso. Prima di quel video, non avrei mai saputo che il Parlamento avrebbe discusso di questo o quello o fatto quell’altra cosa.
    E, per il bene di tutta l’Italia, sarebbe utile che sulla tv pubblica mandino una mezzoretta in cui un esponente per ogni partito, uno alla volta, spieghi cosa è successo e via discorrendo. In realtà è una vergogna che non ci sia un programma/canale pubblico in cui viene trasmessa l’attività parlamentare in diretta.

  • Logica e interpretazione perfetta, caro Claudio sei sempre perfetto la tua analisi si puo’ o non puo’ condividere, comunque resta il fatto che
    siamo e restiamo uniti, Rodota’ Addio non hai capito lo spirito del movimento.

  • No Ragazzi ma che scherziamo!
    Si sta dissolvendo nell’arroganza più pura l’unica vera possibilità di cambiare la mentalità di questo paese.
    Non esiste che ogni persona che la pensa diversamente DEVE essere delegittimata la cecità non ha mai portato da nessuna parte e questo MoVimento diventa sempre più ceco.
    Ci sono dei fatti che bisogna prendere in considerazione e se si decide di non dargli attenzione perché “sono contro di noi” facciamo la stessa fine dei Berlusconiani (il paragone è volutamente forte!)
    Esistono modi e modi, stare sul piede di guerra e con il sangue negli occhi su ogni questione è fuori contesto in questo momento e delegittimare Rodotà in questo modo è quanto meno ridicolo e ci da l’immagine di non poco inaffidabile (giustamente!)!
    Bisogna finirla con queste cavolate, BASTA STARE SEMPRE SUL PIEDE DI GUERRA, che si ragioni sulle critiche, io sono d’accordo che Veltroni la morale non la possa fare con nessuno ma ragazzi esistono personaggi e personaggi ed esiste la buona fede, questa in una critica conta tantissimo e su queste critiche bisogna spiegare perché sono sbagliate non buttare MERDA A PRESCINDERE!
    A Grillo le cose stanno sfuggendo di mano, e un’altra fessa è la Lombardi , non vedo l’ora che venga rimpiazzata (noi non abbiamo bisogno di sentire le parti sociali perché noi siamo le parti sociali non si può sentire!)
    Vi prego, sia ai MoVimentisti che ai suoi rappresentanti più umiltà e pazienza e meno puntigli e imposizioni, altrimenti da questo pantano non ne usciamo!! Ricordatevi che dobbiamo parlare a tutti , perché di tempo non ce n’è…

  • Grillinismo ovvero malattia che quando colpisce rende la persona acritica e la porta ad avere fede ed adulazione devotistica nei confronti di Grillo che qualsiasi cosa faccia’ o dica non si puo’ contraddire ne dissentire ne discutere pena scomunica offese e accuse di tradimento trollismo pdnismo pdellismo ecc….qualcuno dice le persone dotate di media intelligenza sanno riconoscere i fatti ecco appunto purtroppo i grillini ( intesi come adoratori di Grillo) non riescono a riconoscere i fatti quindi non raggiungono la media intelligenza.

    • TROLLAGGIO POLITICO:
      arma di manipolazione di massa che sfrutta l’inserimento di INFILTRATI nei forum degli influencer per condizionare l’opinione pubblica cercando concerto con i media mainstream in modo da far passare i messaggi propagandistici degli SPIN DOCTOR anche per il web.
      TROLLAGGIO PIDDINO:
      psicopatologia infantile che colpisce le menti deboli di una società in crisi economica e che fa vendere per pochi eurini dei disgraziati svantaggiati alla lobby di DeBenedetti che cercano di fare “TROLLAGGIO POLITICO”

  • Siamo in un momento storico apocalittico, non ci accorgiamo ch stiamo andando verso una guerra sanguinosa e autodistruttiva di massa a causa della dittatura della partitocrazia e dell’alta finanza che insediatasi in europa ha stracciato la costituzione italiana ed ha commissariato e svenduto ogni cosa. Lo abbiamo detto e ridetto in ogni luogo, in piazza, sui blog, ci siamo consumati la lingua a ripetere sempre le stesse cose affinchè qualcun altro oltre noi venisse informato e a sua volta informasse. Ci siamo dimenticati che il problema è il sistema monetario, il cambio valutario ecc: come vogliamo salvare i nostri figli da una guerra impellente che fra qualche anno sarà inevitabile? Parlando di rodotà? della gabbanelli?
    lo vogliamo capire una volta per tutte che ogni discorso fuori da questo argomento è una distrazione che ci fa galleggiare ancora per poco? Come intendiamo ridare sovranità al popolo, alla banca d’italia, alla costituzione? parlando di rodotà?
    Quando capiremo che chichessia nell’ambito politico, giornalistico, finanziario, giuridico, è coinvolto anche superficialmente da radici democristiane, socialiste, fasciste, comuniste ecc??
    Noi siamo il nuovo e siamo quelli che vogliono migliorare la qualità della vita delle persone, quelli che vogliono un lavoro per tutti, che vogliono un reddito di cittadinanza e mille altre cose: questi sono discorsi che vorremmo lasciare a quelli del PD piu’ o meno elle e cioe’ a partire da Andreatta fino a Letta. Questi sono discorsi che lascerei volentieri ai loro elettori, noi vorrei che discutessimo di come fare a uscire dalla schiavitu’ dell’euro.

  • Altro materiale per i giornalisti del paese al 60°posto per liberta di stampa:
    ATTENZIONE!!! e’ stato indetto come SPORT DEL GIORNO!!! : “CACCIA AL DEPUTATO IN DISSACCORDO CON GRILLO SU RODOTA’. ”
    Sono aperte le iscrizioni al torneo. 10 euri a pezzo pubblicato e pranzo al sacco.

    • Ma che è? Anche tu?
      Io c’ero al concerto ad Assago del ’92: Anselmo durante l’intervallo prese la chitarra e iniziò a fare il riff di “Reign in blood” degli Slayer… folla in delirio… 🙂

    • @Virus
      Sono dell’84 e ho scoperto i Pantera troppo tardi (nel 2000, quando mi hanno prestato “Cowboys from hell”)! Purtroppo non li ho potuti vedere dal vivo. Veramente un gran peccato! Dimebag non c’è più e se ci sarà un’improbabile re-union non ne varrà la pena…

  • Emar,
    io non ti ho mai attacato nè lo faro mai perchè ognuno dice quello che vuole. Sta pero’ di fatto che con le tue frasette che probabilmente ti risultano punzecchianti, pensi di creare angoscia e inquietudine nell’animo di persone che come te, ma senza efferatezza, vogliono esprimersi liberamente. Dubitare di se stessi è il primo segnale di intelligenza e tu non hai dubbi sulle tue affermazioni. Se si è intelligenti si puo’ far finta anche di essere fessi, il contrario mi sembra impossibile. Vorrei a questo proposito sottolineare che quando sottolinei l’ignoranza dei grillini, non crei l’effetto voluto in quanto i grillini hanno percepito la tua enorme ombra sul blog, (un’ombra fluorescente per la verità) ma una volta voltatisi dietro hanno visto che era la proiezione dell’ombra di un pigmeo, quindi a furia di daje e daje diventi un po’ come il fatto della zanzara: quando schiacci una zanzara sembra che il prurito passi un po’.

    • @novecento Solo per precisare in quel grillini non intendevo assolutamente gli aderenti o simpatizzanti al M5S perche’ in tal caso avrei parlato anche di me stesso,ma solamente quanti adulano Grillo come persona eleggendolo a nuovo Messia e prontamente danno del troll pdino pdmenoellino ecc a quanti osano criticarlo per cui rifacendomi ad un commento di Maxks che affermava che chi critica sono i troll e hanno un inteligenza minore della media io ho rivoltato il concetto affermando che chi accetta tutto quello che Grillo fa’ o dice acriticamente e’ un grillino (adulatore di Beppe Grillo) e probabilmente e’ lui che ha un inteligenza minore della media.Le mie certezze:sapessi quante volte nella vita sono cambiate le mie certezz,man mano che scoprivo la verita’ le cambiavo mentre capivo che tutto il mio modo di pensare era stato influenzato da menzogne e manipolazioni che i media avevano spacciato per verita’ per condizionarmi le cambiavo,quindi se mi si dimostrera’ che sto’ sbagliando saro’ pronto a cambiarle di nuovo sapranno eventualmente farlo anche gli adulatori di Grillo?.Visto che mi hai paragonato ad una zanzara da schiacciare concedimi un’altra piccola puntura le mie certezze non sono mie ma mutuate da articoli letti su alcuni blog, articoli in molti casi corredati da molte prove a sostegno,Gianni Lannes,Elia Menta,Paolo Barnard solo per citare i piu’ famosi mi hanno dato le informazioni e le nozioni che tu chiami le mie certeze quindi anche loro secondo il metro di giudizio degli adulatori di Grillo sono troll pdinini ecc..Forse sbagliero’ ma io mi fido piu’ di loro che di un comico che e’ andato nel 2005 (a che titolo?)ad un colloquio secretato con l’abasciatore Americano,oppure di un perito informatico socio in affari con membri del bilderberg e dubito dell’imparzialita’ dei blogger che si fanno stipendiare da quelli su cui dovrebbero esercitare il diritto di critica.forse hai ragione tu e io sono una zanzara fluorescente o forse ho ragione io, insieme a Lannes,Menta ,Barnard ecc..e voi siete dei ghiozzi (pesce delle mie parti che per la facilita’ con cui si lascia pescare e’ sinonimo di persona che in buona fede si lascia fregare facilmente dai furbi).Il tempo ci dira’ chi dovra’ rivedere le sue certezze.Intanto senti cosa ha da dire Paolo Barnard ai grillini non sara’mica diventato un troll anche lui?
      http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=633

  • Che dire, Una frase all’inizio del post, mi ha molto colpito ” Rodatà é stato scelto con un referendum online garantito da un ente certificatore terzo. Avrebbe potuto essere chiunque altro. L’ente terzo, sono gran parte dei ragazzi che hanno scritto il programma, che hanno dato idee (se contano le idee dei cittadini) fin dalla nascita dal movimento.
    Che non si fanno alleanze con nessuno è stato chiaro fin dall’inizio. Il movimento, secondo me dopo le elezioni, si trovava come l’automobilista che è fermo con il rosso e dietro c’è una macchina che trasporta un persona che va al pronto soccorso. C’era solamente di prendere una decisione che andava al di la delle regole. Se la politica si vuole mettere nelle mani dei cittadini, fino a votare per l’uscita dall’euro, perché non si è data la possibilità di confrontarsi su una decisione importante?

  • Signori miei…che gente che abbiamo messo in parlamento, finalmente, si si venite pure a contestare ma i fatti parlano da se…
    FORZA M5S:

  • Visto che le regole pentastellate contano e guai a chi osa discuterle, vediamo di attuare la regola principe dell’uno vale uno, lasciando decidere gli iscritti su eventuali accordi di programma con il Pd per tentare di cambiare le regole in questo Paese di Pulcinella. Ho dato il voto al M5S e, maremma maiala, pretendo di dire la mia visto che mal sopporto i cagnolini da riporto sempre pronti a scalare gli specchi per giiustificare qualunque minchiata detta dal capo. Mi piacerebbe vivere in un paese dove chiunque possa avere la possibilità di criticare civilmente qualunque cosa senza il rischio di essere linciati e non dover ripercorrere le berlusconate che hanno da tempo rotto le palle.

  • Tu pensi che il “caro Claudio” non sappia distinguere se una frase suona come la definisci te “dittatoriale” o no? Ti assicuro che questo è il suo stile. Azzardati a criticare i suoi post, retorici e arzigogolati, e ti accorgerai quanto sia democratico nella risposta. Ecco perchè ha abbracciato prontamente la linea politica che non accetta nessuna critica anche se fatta con il massimo rispetto. Manca solo la distribuzione di camicie nere, fez e manganelli e siamo a posto. Viva l’Italia

  • Ecco da cosa bisogna imparare, lo vado dicendo da un anno circa, è qui che deve intervenire grillo:
    Ottima arringa della parlamentare, ma:
    il tempo scaduto, quindi autocensura.
    Chi va in quel covo di lupi affamati deve sapere quanti minuti ha, deve avere una voce meno isterica, deve sapere il discorso a memoria, deve bucare la telecamera, gli occhiali da vicino fanno pensare ad una età senile che con quella voce risulta una zitella isterica.
    Adesso:
    possimo dire che le persone e i provvedimenti sono perfetti, ma quando una persona del PS piu’omenoelle guarda queste immagini, non ascolta nulla, viene alla mente che questa urla come una gallina….eccecc.
    Purtroppo questi sono gli effetti della comunicazione. Qui Grillo deve metterci una pezza e subito anche: chi parla deve bucare lo schermo, altrimenti ogni cosa che dice vale meno di zero, anzi è fortemente controproducente.

  • Claudio tu hai fatto interviste in crowd funding che sono delle pietre miliari dell’informazione, sei anche il consulente della comunicazione del M5S, perchè non proponi una televisione a 5 stelle sul digitale terrestre? Mancano i soldi? Chiedete un contributo agli otto milioni di elettori del M5S. Abbiamo pagato il canone RAI da una vita e per una volta molti sarebbero felici di poter finanziare una televisione veramente libera e che risponde solo ai cittadini.

    • Certo Gios, credo che sarebbe una mossa vincente! E assolutamente inutile andare nella tana del lupo, poiché non apparteniamo alla stessa specie, le probabilità di uscirne vivi sono praticamente nulle.
      La nostra arma è l’antiruggine, i denti affilati non ci appartengono
      Maryta

  • iO amo la verità, non le verità preconfezionate come appare questa. Questo tipo di post mi allontanano sempre di più, e ormai sono lontano da questo movimento, dal pd e dal pdl. Sono lontano da tutta la politica, compresa quella del m5s che sembra essere strumento per perseguire secondi fini e niente di più. Fini non detti e conditi di un mucchio di parole. La rete non è il mio Dio, cosi come non lo è mai stata la televisioni, o i libri, o altro, sono io stesso il Dio della mia vita e sono stanco di persone che professano principi indissolubili. Il m5s non fa alleanze; sembra una gran cosa, ma per me non la è. L’obiettivo dovrebbe essere rifare il sistema e fare o non fare alleanze, dovrebbe essere fatto per arrivare a questo obiettivo. Rifarlo secondo un idea di nuovo mondo e fare tutto il possibile per realizzarlo; e per questo, oggi ti puoi alleare e domani sciogliere l’alleanza. E dichiarare che sei cosi ad alleati e non. Essere coerente o incoerente e farlo per arrivare all’obiettivo: un nuovo mondo basato su nuovi principi umani di eguaglianza, bellezza, una nuova economia basata sulla nobiltà d’animo e sul bene comune; essere coerente o incoerente dichiaratamente a tutti per ottenere obiettivi elevati di bene comune. In questo senso, sarebbe ora di fare una conferenza nazionale del m5s in cui uno come Casaleggio dichiara davanti a tutti la sua posizione e risponde a domande chiare, dirette e circoncise riguardo alla sua poszione. Io non sono del pd e neanche del pdl, e nemmeno del m5s, e agiro per il futuro per mio conto, con le mie energie, aggregandomi agli uomini e e alle donne di buona volontà che vogliono cambiare se stessi e il mondo nel pensiero, nei sentimenti, nei fatti e nelle esperienze.

  • Io seguo semplicemente la logica: se in tutti i canali non si parla d’altro che di Grillo e il movimento, derideridendo e screditando ogni singola pagliuzza……. Embhè……. mi pare ovvio…..LO TEMONO!!!!!
    PERCHÉ ????????

  • Signori, è l’UNIONE CHE FA LA FORZA!!!
    Possibile che gli italiani non siano in grado di trovare un punto fermo e perseverare nel comune intento? O siamo un branco di pecore?
    I partiti CANCRENITI lo hanno verificato! e la responsabilità e’ soltanto nostra.
    Basta!!!! Siamo sull’orlo del baratro…l’ultima mossa e’ darci uno spintone,
    Quanto sarà profondo il burrone.?..cominciamo a prendere le misure, perché quelli che si salveranno avranno molte difficoltà a risalire in superficie.
    Buona fortuna a tutti noi, ricordatevi che da soli non si va da nessuna parte!!!!

  • se il M5S mostra delle incrinature l’establishment politico coadiuvato dal giornalismo schierato a dx come a sx si inserisce per spaccarlo; è acclarato ormai da pochi giorni dopo le elezioni una parte consistente dei mass media nazionali cercano i più piccoli nei al MoVimento invece di guardare le metastasi cancerogene insite nella vecchia nomenclatura partitocratica, dimostrando d’avere una fottuta paura che il M5S sia la cura definitiva alla malattia tumorale creata ad hoc dalla farmapolitica, che ad ogni tornata elettorale propina cure placebo.

  • @Virus se non ci fossi dovrebbero inventarti davvero sei troppo forte. Vista la passione che metti a offendere a suon di imbecille coglionazzo pdino trollazzo pdmenoellino ecc.. tuti quelli che osano muovere qualche critica a Grillo ti meriteresti di stare in parlamento Grillo ha propio bisogno di parlamentari cosi’ duri e puri fedeli e niente critiche al capo.Ti voglio bene davvero dopo questo commento non ti rispondero’ mai piu’ potrai dirmi tutto quello che vuoi potrai offendermi e sfogarti quanto vuoi non reagiro’.Ti auguro tutto il bene possibile e mi raccomando tieni duro non mollare che il blog e’ pieno di troll del pd quindi tu tieni sempre alta guardia.

  • Dai Virus non mollare il blog e’ pieno di troll del Pd ma tu non demordere offendili troll, maledetto trollazzo,pdino,pdmenoellino, imbecille, flamer,multinick e chi piu’ ne ha piu’ ne metta forza Virus che Beppe conta su di te non ti fermare.Ti voglio bene virus davvero non scherzo dopo questo commento non ti rispondero’ mai piu’ potrai dirmi tutto quello che vuoi,ma mi raccomando tu stai sempre vigile che i troll del pd non dormono mai sono sempre in agguato.

  • Ho appena notato che nel Blog di Grillo è stata eliminata la possibilità di visualizzare i commenti in ordine di voto. Questo rende di fatto impossibile trovare i commenti più votati. Cosa è? un tentativo di chiudersi a riccio per non ascoltare le opinioni scomode?… spero si tratti di un malfunzionamento.

  • Il primo commento non era stato pubblicato allora ne ho scritto un’altro poi dopo un po’ invece e’ stato pubblicato anche il primo con una correzione per questo i concetti sono ripetuti.Ciao Virus non me ne volere;-)

  • AMEN!!! Tutti opinion leader adesso??? Come diceva Fassino, “FONDATEVI IL VOSTRO MOVIMENTO e PRESENTATEVI “LIBERAMENTE”! Poi vediamo.
    I principi del MoVimento non sono discutibili. O la pensi così o sei libero di andarla a pensare come ti pare da un’altra parte. Non capisco quale sia il problema se non l’evidente volontà di smontare qualcosa che non ha nessuna intenzione di essere cambiata. E perchè dovrebbe???

    • Guarda che le parole di Fassina furono profetiche, non vorrei che anche in questo caso…
      Lo so che il M5S non vuole diventare un partito, ma questo per caso vuol dire rinunziare ad avere una classe dirigente all’interno del movimento? Perchè uno deve per forza valere uno?
      Persino Cristo decise di servirsi di dodici apostoli per diffondere il suo messaggio, perchè Grillo vuole fare tutto da solo?

      • esatto! quello di non voler fondare un partito è proprio una delle stronzate più grosse dell’M5S… … come a dire che anzichè chiamare una bistecchiera con il nome “bistecchiera”, bensì “pezzo di ferro” allora non la lavo… … … per quanto i partiti siano composti al 99,9% da persone disoneste ed ignoranti che tirano acqua solo al proprio mulino… … … stare lì a sindacare sul fatto che “No! io non faccio un partito con le regole giuste (una volta tanto)… ma me ne sto fuori fondando un’associazione dove posso fare ancora di più a maggior ragione quel che mi pare senza dover rendere conto di niente a nessuno (e pubblicando solo i bilanci parziali che mi pare a me come facevano/fanno gli altri partiti) … … … beh… se non è zuppa è pan bagnato… … … oppure no, anzi sì dai, nascondiamoci anche noi dietro un dito … … ma daiiiii…

  • @emar
    Non te ne voglio affatto: sei un provocatore ma almeno qualche contributo, qualche buon link lo dai.
    Sei il mio troll preferito!
    Se ci fosse il tuo pupazzetto lo regalerei ai miei nipotini.
    Non ti abbattere. Tanto se non ci pensi te ti abbatte comunque l’UE.

  • E’ semplice ma per molti rimane incomprensibile.
    1) Beppe Grillo non è tanto alla ricerca del consenso di chiunque, ma di quelli che non vogliono alcun legame con la vecchia politica, ovvero i partiti.
    2) Se questa linea comporta perdere consenso, significa che gli elettori preferiscono il compromesso.
    4) Fatevene una ragione, nessuno vi obbliga ad accettare questo stato di cose.
    PEr come la vedo io, l’analisis delle ultime elezioni non è per niente facile, il dato certo è che sempre più italiani non votano.

    • Certo bastava che prima delle elezioni non dicesse uno vale uno ma dicesse decido tutto io e ci saremmo regolati di conseguenza infatti quando la gente se ne e’ accorta alle elezioni comunali ha seguito i consigli di Beppe “chi non e’ d’ accordo non ci voti “fate un’ analisi seria e chiedetevi perche’ quasi la meta’ delle persone non vota ne i partiti tradizionali ma nemmeno il M5S che invece in teoria avrebbe dovuto pescare a piene mani nell’elettorato deluso,e’ inutile dire e’ colpa degli elettori che vogliono il compromesso e’ colpa dei pensionati e dei dipendenti pubblici,della Gabanelli ecc.. ma invece e’ colpa di Grillo quello non lo volete dire.Il movimento ha deluso le aspettative di milioni di elettori non tanto perche’ in 3 mesi avrebbe dovuto fare chissacche’ anzi i ragazzi che sono in parlamento stanno facendo delle cose molto buone ma sono delusi dagli atteggiamenti arroganti e di arroccamento di Grillo che da perfetto dittatorello fa e disfa’ a suo picimento fregandosene della democrazia interna comunque se a voi va bene essere votati da 4 gatti e farvi guidare da Grillo avete ragione siamo noi che dobbiamo andarceneda un movimento il cui nome e simbolo sono propieta’ privata.Sembra un paradosso ma Grillo fa’ quello che i banchieri fanno con la moneta ovvero ha privatizzato quello che doveva essere propieta’ pubblica il M5S.

  • •Le città nelle quali si votava erano circa 500, il M5S era presente con liste in circa 250,
    •I partiti tradizionali sono radicati sul territorio da decenni ove contrattano porta a porta viso a viso il voto o pacchetti di voti,
    •In ambito locale al cittadino è stato insegnato in decenni di “democrazia” la convenienza del voto di scambio con il quale è possibile ottenere dalla “politica” qualunque cosa, dal tappare buche davanti casa alla raccomandazione per un posto di lavoro,
    Visto che il M5S si pone contro questo sistema clientelare e fallimentare, che è la prima volta dopo le elezioni politiche nazionali presente in numero considerevole alle amministrative locali e quindi non essendoci un precedente da paragonare, come è possibile asserire che è stata una debacle?
    Invece facciamo dell’auocritica dicendo che il cittadino italiano in questi casi è double faces!

  • carissimo Claudio, cerco di limitare le parole altrimenti…..ognuno è fatto a modo proprio.
    Meno male che persone come te, Becchi, Travaglio e giusto qualcun’altro trovate le parole per spiegare a certi soggetti come è fatto il mondo, più Grillo mantiene la propria coerenza più viene attaccato, dovrebbe essere l’esatto contrario e invece……Sento dei discorsi che vanno oltre il ridicolo,affermazioni e parole pronunciate da anni come:! parola in uso per ribattere
    su qualsiasi divergenza,su qualsiasi idea che si scosta da quella linea che esiste da sempre. Sapevo che si navigasse sulla profonda ignoranza, ma non fino a questo punto! il punto del non ritorno. Mi ritengo tutt’altro che pessimista ma con questa realtà dei fatti non si va lontano, finché Grillo va avanti mantengo la mia “unica” parola anche se dovessimo rimanere in 50.
    L’italia non è giunta a questo disastro solo per colpa dei partiti ma per colpa di una maggioranza di italiani che ne ha avallato idee e fatti, maggioranza che ha fatto sentire il proprio volere alle urne. Coloro che hanno fiducia in Grillo e vogliono veramente “”un cambiamento”” sono in forte minoranza, dovranno aumentare con l’arrivo di una situazione ben più drammatica che non tarderà ad arrivare. Il tempo e la possibilità per fare le cose in pace e in democrazia c’è stato,non è stato acchiappato al volo e adesso è più complicato, pretendere che con una manciata di parlamentari M5* si possano cambiare le vecchie regole è da ingenui, da sognatori e lettori di romanzi.
    L’unico modo per cambiare e salvare il paese è quello di -“”cambiare tutto””- il solo pensare ad alleanze significa provare a fare un buco nell’acqua e tradire i principi di base del M5*.

  • @Virus: il rispetto delle idee altrui ti è sconosciuto. Io sono qui col mio nome e la mia faccia, per cominciare, e per cominciare ti ho raccontato chi sono e cosa faccio, mi sono presentato. per sapere chi sono basta che fai una ricerca su Google e scoprirai a quale meetup appartengo. Tu purtroppo sei il vero troll, anonimo, senza faccia, senza nome, nascosto nelle pieghe della rete avvolto nella tua morbida coperta di Linus. Se vuoi discutere delle mie idee sono disposto ad ascoltarti e a leggerti qui. Si penso che la democrazia è il governo della complessita’ fatto dal basso, dal popolo, dalla gente, dalle loro teste e dalle idee di ognuno. Ognuno vale uno significa che ho idee mie, se non sono quelle della maggioranza sono disposto ad accettare la decisione di tutti, ma non sono disposto ad accettare acriticamente quelle di oligarchia o di un singolo che decidono al posto mio cosa devo pensare, cosa è giusto e cosa è sbagliato e qual è la posizione uffficiale del movimento. Dissento e mi adeguo alle decisioni della maggioranza. Che resti agli atti. Tutto il resto mi dispiace, è dittatura.

  • Sono d’accordo, speriamo però di vedere presto all’opera le commissioni parlamentari e quali risultati concreti i cives otterranno con la reale partecipazione alla progettazione di nuove leggi necessarie a spezzare la burocratica ragnatela delle non ” nostre” istituzioni, che sono solo al servizio delle cricche e delle mafie tranne poche e lodevoli eccezioni.

  • Forse si può dare anche una lettura alternativa e non per forza demolitrice:
    1) il candidato viene scelto senza condividere con lui ne i fini, ne la visione e nemmeno il percorso politico
    2) Il candidato accetta, o si sente incaricato, ma lo fa senza verificare con cura gli obiettivi di chi lo ha votato
    3) Dopo ci si accorge che non funziona.
    Ecco, io non entro nel merito di questo o quella. Ognuno ha le sue opinioni. Discuto del metodo e questo non può funzionare. E’ lampante.
    E non capisco perché difenderlo.
    La rosa dei candidati, che sia per il sindaco o per il PdR, deve PRIMA condividere la strada da percorrere e poi si usa il mezzo.
    Internet non è in discussione in quanto è il mezzo.
    Quello che conta è che avere candidati che non condividono le linee politiche di chi devono rappresentare E’ SBAGLIATO.
    Si discuta prima, non dopo.

    • Ni per quanto riguarda il PdR: il ruolo del PdR dovrebbe essere tale per cui anche a fronte delle idee espresse, se oggi si dovesse proporre un PdR nuovo, potrebbe continuare ad avere un senso proporre e appoggiare Rodotà come figura “solida”, onesta ed intelligente, quasi ideale (nei limiti in cui ciò è umanamente possibile) come PdR.

  • Ma non vedete che siamo gia’ alle solite, finito il teatrino dell’imu (rinviato di tre mesi x far fare bella figura a Silvietto). Adesso sta cominciando la pantomima sul finanziamento ai partiti (scommettiamo che non troveranno l’accordo). Poi c’e’ la legge elettorale…anzi no, Silvio ha detto che non e’ una priorita’. Mentre noi stiamo qui a giocare all’allegro fascista e all’allegro comunista l’europa ci sta fottendo. SVEGLIA!!!!

  • Però scusate, ma sulla questione televisione credo che abbia ragione!! La rete è importantissima però bisogna anche essere pragmatici e ammettere che ancora pochi hanno internet (anche perché costa) e soprattutto gli anziani guardano solo la Tv e la considerano “infallibile”. Quindi andare ANCHE in tv secondo me è l’unico modo per far conoscere il programma propositivo del Movimento, ma soprattutto permetterebbe di contraddire in diretta chi in mala fede spara cazzate a caso solo per mettere il Movimento in cattiva luce. E parlo con cognizione di causa perché mio papà è proprio uno di quelli che basa la sua opinione sociale e conseguentemente anche elettorale solo su quello che dice la Tv, inoltre non bisogna dimenticare che l’Italia non è un paese di giovani, ma a prevalenza di anziani, quindi infischiarsene non mi sembra una mossa molto furba.

  • Grande post.
    Claudio, hai una capacita’di sintesi, linearita’, coerenza e chiarezza esemplari.
    Grazie.