Battista l'alchimista

Pierluigi Battista
Parlare dello scandalo dei rimborsi pubblici, in maniera inevitabilmente critica, senza menzionare neppure incidentalmente il Movimento 5 Stelle, è come parlare della Rivoluzione Francese senza nominare mai Maximilien de Robespierre. O, se volete, è come raccontare la storia della conquista dello spazio senza citare mai Yuri Gagarin, o ancora è come redigere un bigino sull’evoluzione della civiltà sorvolando sulla Grecia e su tutti i suoi pensatori. Esiste un solo editore al mondo che investirebbe un solo centesimo per avere un autore che pubblicasse libri così? E voi ci spendereste un soldo bucato?
Eppure, ci sono editori che pubblicano giornalisti che scrivono cose come quelle che ha scritto Pierluigi Battista oggi sul Corriere. Un intero articolo sulla lotta al finanziamento pubblico ai partiti riuscendo nell’improbabile impresa di non riferirsi mai, manco per sbaglio, nemmeno per un giramento di testa momentaneo, magari per uno svarione dell’ultimo minuto dovuto al caldo, a chi non solo ha fatto quella rivoluzione, ma ha rinunciato a oltre 70 milioni di rimborsi elettorali: l’anomalia nel segnale televisivo che disturba un’immagine da risintonizzare, la sbavatura sui libri di storia da correggere con le seconda edizione ritirando tutte le copie della prima, il trojan nel sistema, la variabile aleatoria che scombina l’output previsto, signori e signori: il Movimento 5 Stelle (tre parole cancellate perfino dal vocabolario e sostituite da riferimenti indiretti alle voci: “diaria”, “rendicontazione”, “dissidenti”, “democrazia interna”). Quella robetta insignificante da 25% di consenso elettorale, cui il Pigi si riferisce (in maniera dispregiativa) solo quando dice che l’abolizione dei contributi statali avrebbe dovuto essere “la risposta ai venti dell’antipolitica”. Come se quei venti non fossero gli stessi che hanno increspato i mari e sollevato onde che stanno ripulendo spiagge che se ora tutti vogliono vedere più pulite è solo perché quei venti hanno soffiato, e dunque la risposta va data a chi sporca, a chi inquina, a chi sversa carburanti nelle acque, scarica liquami, svuota serbatoi, smaltisce sottoprodotti chimici derivanti dalle lavorazioni industriali che distruggono l’ecosistema, non ai venti che soffiano (sempre siano benedetti).
Sono in molti a parlare male del Pigi, ma il Pigi va anzi rivalutato. E’ uno scienziato. Un alchimista che trasforma la realtà in qualcosa di meravigliosamente diverso. Ci vuole del metodo e tutto il rigore scientifico di un ricercatore o di un monaco per distillare prodotti così perfetti, depurati da ogni contaminazione sconveniente, distillati mediante una serie di complessi alambicchi al fine di eliminare ogni impurità e cancellare dalla storia ogni riferimento alla vita reale. Roba che  il Ministero della Verità di orwelliana memoria al Pigi gli fa una pippa. Ma pure a chi gli fa pubblicare queste cose senza chiamarlo in presidenza a chiedergliene conto.
La riprova? Per mesi avete visto, letto e sentito solo di scontrini, diarie e rendicontazioni. Come se i cinque stelle in Parlamento facessero solo quello e non fosse viceversa un argomento di discussione in qualche assemblea convocata dopo l’orario di lavoro e protrattasi perciò talvolta fino a ben oltre la mezzanotte, nella quale tra l’altro non si discuteva se restituire o meno la metà dell’indennità (lo stipendio di base), su cui nessuno ha mai avuto neppure mezzo dubbio, ma quella parte della diaria non spesa, che a testa poteva valere anche cento, duecento euro, se non addirittura zero. Ecco, questo era il problema dell’Italia per i giornalisti, questi erano i titoli che campeggiavano sulle prime pagine dei giornali (negli stessi giorni il Movimento 5 Stelle costringeva il Governo a privilegiare le aziende nella prima tranche di pagamenti dei debiti delle pubbliche amministrazioni, a discapito per una volta delle banche, ma questa non era una notizia). E dunque, se questo era il problema dell’Italia, se questi erano i più che giustificati lanci delle prime pagine, ci si sarebbe aspettato che quando questo problema fosse finalmente stato risolto, la stampa tutta avrebbe tirato un bel sospiro di sollievo, dando pari risalto alla soluzione del caso rispetto alla sua denuncia, magari pubblicando edizioni speciali da far rilanciare agli strilloni per strada, con profusione di mea culpa, genuflessioni dell’ultimo minuto, autoflagellazioni per avere infangato 163 eletti del popolo e tutti i loro elettori, e magari – perché no – anche qualche conversione sulla via di Damasco.
Invece, quando giovedì scorso il Movimento 5 Stelle è uscito in piazza Montecitorio, tra la gente, srotolando un bell’assegnone da quasi un milione e seicentomila euro, dove tutti i parlamentari M5S hanno fatto confluire la restituzione pattuita di metà dello stipendio, delle eccedenze delle diarie e di tutte le indennità di carica, quelle stesse prime pagine che per mesi avevano titolato di catastrofi, terremoti e tragedie, che avevano screditato, diffamato, stravolto la realtà delle cose, annunciato sciagure, fatto previsioni sull’uscita di decine e decine di dissidenti, declamando l’epitaffio ricamato e infiorettato con le penne e con l’inchiostro pagati con i soldi pubblici e apposto sulla fine, sulla disgregazione del Movimento 5 Stelle, ebbene… su quelle stesse prime pagine neppure una riga. Neppure una riga sulla prima pagina del Corriere della Sera. Una riga e mezzo, più o meno, sulla prima pagina di Repubblica.
Ma voi continuate pure a pensare che i Cinque Stelle si occupino solo di scontrini. Intanto che pensate, fatevi anche due conti: con oltre 70 milioni di euro di rimborsi elettorali e con un milione e mezzo di euro risparmiati ogni 3/4 mesi (se non venissero restituiti al fondo di ammortamento del debito pubblico), lo sapete quante televisioni e quanti giornali ci si potrebbe comprare, il Movimento Cinque Stelle?  Tanti che domani mattina perfino il Pigi inizierebbe a scrivere che l’unica soluzione per il paese è Grillo.
p.s. la risposta del grande e raffinato editorialista del Corriere:
pierluigi pigi battista
per rispondergli: https://twitter.com/PierluigiBattis/status/353887237269753856

103 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Pierluigi Battista, Sallusti, Ferrara e tanti altri si sono inventati una realtà parallela, ma in realtà sanno benissimo come stanno le cose, ma ormai la maschera che hanno messo non gli si stacca più e devono campare anche loro, mi fanno quasi pena.

  • sono balzato sul divano appena ho aperto il sito. non potevi scegliere di peggio. hai fatto un articolo perfetto su un perfetto inutile personaggio che sa mischiare molto bene il nulla con il niente. queste sono le persone di cui bisogna non dimenticare nulla del percorso disinformativo che assiduamente divulga fra una popolazione mediocre come quella italiana. un popolo ormai tornato nel medioevo a causa della propria caduta culturale verticale, che coltiva il proprio orticello di pomodori avvelenati che dara’ da mangiare ai propri figli, nell’inconsapevolezza dell’autodistruzione di massa.

  • Sono anni che fa l’equilibrista per non apparire quello che in tutta evidenza in realtà è: un camaleonte …della destra!
    Ogni volta che lo vedo, e ancor più se lo sento, mi sorge naturale e spontaneo il sospetto che sia uno dei tanti giornalisti sul libro paga (in nero) del Berlusca….e devo sbrigarmi a cambiare canale per non vomitare!!!
    Sono certo che verrà il giorno in cui sarà chiaro a tutti di che pasta è fatto questo “uomo”i!!!

  • Se si vuole comprendere l’atteggiamento in apparenza strano dell’Alchimista bisogna tene conto che è un Sionista e che da Israele è partito l’ordine di attaccare ed oscurare il Movimento Cinque Stelle… Se si tiene conto di ciò, i conti tornano e non ci si stupisce di nulla.

    • e non dimentichiamo chi è il padrone del rotolo in cui tale serva scrive, elkan, padrone della fiat e azionista di maggioranza di rcs, un ebreo da rabbrividire, prova a leggere le lettere di suo padre, una razza assassina e ladra

    • @nu
      Non dire fesserie!
      Israele è una cosa, gli ebrei sono un’altra.
      Una è un’entità geopolitica abortita dal putrido incesto della finanza anglosassone con quella ashkenazita: gli altri sono un popolo con una cultura meravigliosa che hanno contribuito tanto alle scienze e al bene comune.
      MAI confondere l’obiettivo: LOTTA DI CLASSE, non guerre fraticide tra culture, religioni o etnie.
      Un contadino arabo è molto più simile ad un contadino ebreo di quanto lo sia rispetto allo sceicco del suo regno.
      Bisogna aver ben chiaro questo concetto PROPRIO perchè i due insiemi non sono disgiunti.

    • Non è che mi voglia intromettere a favore o contro, ma @antonio e @nu mi sembra chiaro si riferissero e parlassero di “sionisti”, che ormai non li sopportano più nemmeno gli “ebrei” come dici tu @virus. E penso che chi parla di certe cose sia chiaro il riferimento. I veri ebrei, come fai notare giustamente tu, sono un altra cosa. Anche se, nella loro storia millenaria…Comunque non sono quelli di oggi in Israele (e quelli di prima dell’arrivo dei sionisti). E’ tutto un casino quel popolo. Da sempre! E sempre ha fatto casino. Basta dare solo un’occhiata alla Bibbia (non troppo superficialmente però).

    • @Ronnie
      Ti quoterei se anche @nu avesse avuto questa accortezza. Purtroppo su una bacheca pubblica non sta bene.
      Comunque anche “sionisti” ed “israeliani” sono due concetti diversi. Soprattutto è un concetto diverso “Stato di Israele” e “Governo dello stato di Israele”.
      Ho notato anch’io questa presa di posizione degli organi di informazioni israeliani e mi sono stupito di leggere questa consapevolezza tra questi commenti (e non solo).
      Ho notato anche che gli esponenti più “in vista” dell’informazione che per affinità possono essere riconducibili all’entità politica in oggetto sono di matrice piddina.
      Il primo pensiero che mi è venuto è stato che dal Blog di Beppe siano usciti dei messaggi di simpatia verso la condizione palestinese… ma ovviamente fa strano perché tutti noi sappiamo che dietro il M5S non c’è nessuna “posizione geopolitica” se non a livello “valoriale” (mediamente l’aggressività israeliana la si spiega ma non la si giustifica).
      La mio opinione è che “the power behind the (Israeli) authorirty” sia profondamente avverso a delle istanze di attivismo democratico. Specialmente se si considera il cocktail micidiale tra nazionalismo e fanatismo religioso (in particolare, giustamente, quello sionista): cosa c’è di più antidemocratico di un progetto politico che fonda parte delle sue basi culturali in una miscela di aristocrazia e teocrazia?
      Non saprei come altro spiegarmi queste continue intrusioni di uno “staterello desertico” grande meno della lombardia…

  • Grande Claudio, io lo avrei chiamato battista il revisionista, perche’ questo e’ il suo compito, cambiare la storia, e come tutti gli omonicchi, si contenta di uno stipendio, e lecca il culo ai padroni, altro non saprebbe fare, e con quella faccia poi, dove vuoi che vada? Cosi’ va il mondo, mille revisionisti, e poca gente con le palle, come quelli che scrivono qui, tutto il resto, uno tsunami di residui non organici ormai……..Buona resistenza a tutti !

  • Mah? Oramai è chiaro,il M5S è da distruggere,quindi la stampa,le televisioni sorrette dai finanziamenti del vecchio e attuale potere,assecondano totalmente chi li paga!Sembra che tutti i cacciati e sono tanti,dai vecchi partiti,non esistano,Grillo ha infilato il coltello nella piaga e lo sta rigirando,suscitando la rabbia del vecchio potere!!Meno male che ci sono personaggi come Messora!Auguri a tutti! Paolobuon.

  • questi non hanno + vergogna
    nessun giornale ha parlato delle porcate di jacki elkann con la rcs e di come ha investito 150 milioni di euro della fiat che in italia è in disgrazia(degli operai)
    sarà dura sbobinarli e penso che soltanto quando gran parte degli italiani rimarrà con la pancia vuota allora si farà qualcosa di serio
    qualcuno ha detto che la rivoluzione non è un pranzo di gala

    • Se per questo che dire del finanziamento ai giornali di 120 milioni di euro anche per il 2013?
      In Grecia ha chiuso un giornale a fine 2012 da 3 milioni di copie (senza finanziamento e nessuno che te lo compra più che deve fa’?) e in questi giorni ha chiuso pure la TV di Stato, per evitare sprechi in momento di crisi nera, con le reti radiofoniche collegate: 2800 dipendenti a casa subito con le giuste liquidazioni ed emolumenti. Va be’ che è la Grecia, ma circa 3.000 dipendenti in tutto??????? E tagliano!
      La RAI quanti dipendenti ha in tutto fra esterni e diretti? Dico solo che è l’ultimo carozzone che continua a fare buchi (decennali) da miliardi di euro. Quando chiedono dove si trovano una parte di soldi per il reddito minimo, ecco la risposta. Ma non c’è scampo per questo paese.

  • Beh i complimenti per l’ottimo articolo sono d’obbligo. Non ho titoli accademici per farli ma visto che Battista è definito “giornalista”….. Avete visto il commento su Twitter? “SMAMMA TROLL”…Ci rendiamo conto che non ha saputo nemmeno usare i 140 caratteri a disposizione per rispondere compiutamente all’ottima critica. Passerò la serata a ricordargli come si usa lo spazio su Twitter.

  • I giornali che vanno per la maggiore (Corriere,Stampa -tra poco saranno un unico giornale con editore il sig.Fiat- Repubblica) hanno dalle elezioni del 24 Febbraio cercato di demolire il Movimento 5 Stelle(in parte ci sono riusciti con i risultati delle elezioni amministrative). Ne hanno detto di tutti i colori (giornalisti come Severgnini.Battista -Corriere- Malaguti, Sorgi -La Stampa -sono stati particolarmente attivi in questa attività di discredito) con il gossip della diaria, scontrini…
    Ottenuto il risultato di ridurre il consenso al Movimento (i sondaggi per quanto valgono esprimono una contrazione di consenso), ora tacciono. Non ci sono elezioni in vista e quindi… L’attività del Movimento non viene più presa in considerazione: tutto il lavoro ed impegno degli eletti non esiste. Se questa è informazione ed onestà intellettuale… Povero nostro Paese!
    Anche l’informazione televisiva lascia alquanto a desiderare. Il Movimento deve porsi in modo serio il problema dell’ “”informazione””. Il tanto lavoro degli eletti , se non viene comunicato o comunicato male, non arriva al cittadino comune. Il Movimento 5 Stelle ha avuto più del 25 per cento di consensi: faccia valere sulla RAI questo dato, senza arroganza ma con determinazione. Chi lo dice che la rete 1 deve essere del Governo, rete 2 del PDL e rete 3 del PD? In definitiva PD e pDL controllano tutti e tre le reti televisive e questo mi sembra davvero troppo!

  • “un intero articolo” magari senza apostrofo. piccole cose che fanno la differenza tra un giornalista e un blogger

    • Infatti non ci sono MAI errori nei pezzi dei giornalisti… (che poi sono rivisti da altri occhi prima di essere pubblicati).
      Un errore veniale da F7-ignore sminuisce la qualità del post? Non credo, il pezzo é ben scritto con solide argomentazioni e ben articolato.
      Commento astioso e fuori bersaglio.

    • L’apostrofo oggi é uno strumento di incomparabile efficacia per effettuare la coglion-detection e sembra proprio che funzioni alla grande!
      Articolo pubblicato 7 luglio 2013 – 16.40
      Primo coglion-detection 7 luglio 2013 – 20:26

  • questo articolo mi fa venire un’idea. il m5s ha preso il 25% di voti, una bella fetta della società. sicuro che è meglio rimborsare i soldi anzichè utilizzarli per fare una televisione, un canale informativo che può raggiungere chiunque e può rappresentare una informazione alternativa rispetto alle televisioni attuali che rispondono alle logiche di potere dei partiti ? teniamo conto che di quel 25% ci sono tanti contro, voti di chi dopo aver votato non sa cosa questo movimento fa in parlamento, non lo sa semplicemente perchè le televisioni non lo dicono. e non lo sa perchè non va su internet per informarsi.

  • Anche io ho notato come sia stata passata sotto silenzio, in pratica ignorata, la “notizia” del Restitution Day. Prima ogni futilità era buona per calunniare il Movimento. Persino Epifani, interrogato, ha sminuito dicendo che quella del Movimento è stata una “scelta”… Non l’hanno digerita. La malignità ho potuto coglierla in sfumature. Invece andava invocato l’esempio in positivo… Ben si son guardati!… In effetti, come ha detto John Pilger, grande giornalista, l’informazione è una “emanazione del potere”. E da noi questo è più vero che altrove. Inutile andare a cercare “informazione” presso questi signori, che ogni sera ci vengono serviti a talòk show come se fossero l’oracolo di Delfi… La supponenza di questi uomini è ai limiti dell’indecenza.

  • Beh, dai. é pg battista: la sua faziosità è arcinota. non vale nemmeno la pena spendere qualche parola per lui e tu ci hai scritto addirittura un articolo…troppo onore per un lecchino come lui

    • SI FOSSI STATO UN GIORNALISTA
      Quasi sempre le motivazioni del comportamento di noi umani sono ovvie e banali, specie quando ci sono in ballo i soldi. Parlo dei propri soldi, del proprio tenore di vita e di quello della propria famiglia, del proprio status sociale. il M5S attacca a testa bassa il finanziamento pubblico dei giornali ed anche l’esistenza dell’ordine dei giornalisti.
      Ma quale altra reazione ci si sarebbe potuto aspettare? Non parliamo dei grandi giornalisti ed opinionisti, che forse non esistono neanche più. Parliamo dell’esercito di lavoratori dell’informazione (alias giornalisti) che dopo anni ed anni di sgomitate, di accorte pubbliche relazioni, di rassegnate forzature della propria coscienza (quando ancora presente), hanno finalmente raggiunto un buon posticino al sole, magari potendo frequentare i salotti del potere locale e nazionale, come “uno di loro”. E ora, arriva un gruppo di invasati che vuole mettere a repentaglio, dall’oggi al domani, la mia stessa sofferta sicurezza economica. Ora che ho magari quarant’anni e mi potrei trovare a non potere più pagare un mutuo e gli studi ai miei figli. Caso mai la sera in pentola metto 300 grammi di informazione obiettiva e mezzo chilo di tipo anglosassone. Ma di checcazzo parlate? Ma checcazzo di reazione pretendete che possa mai avere? Ma rassegnatevi.

    • @ciniko komprensivo
      “Ma quale altra reazione ci si sarebbe potuto aspettare?”
      Ma c’hai un ritardo pure te? Se ti beccano con le mani nella marmellata provi a rimediare, almeno in apparenza, o accoltelli chi ti sta facendo notare che fai male?
      Ma rassegnatevi VOI!
      Vi staneremo uno a uno e vi consegneremo alla storia con la vostra disgustosa biografia in trasparenza.

    • Caro Virus, ti consiglio una lettura più attenta del mio post, altrimenti mi metti nell’infelice posizione di chi racconta una barzelletta e poi la deve spiegare …

    • @ciniko komprensivo
      Ti porgo le mie scuse.
      Alla prima lettura sembrava che stessi proponendo la solfa “è normale che i giornalisti reagiscano così”, che purtroppo sento passare spesso per radio e che noto anche in un twit orripilante di Stefano Giannino…
      Perdonami… ma qua l’ironia può essere un’arma a doppio taglio.
      Me ne dispiaccio proprio.

  • Un libro così “informato” non leggerei nemmeno se l’autore me lo spedisse gratis a sua spese.
    Credo abbia ragione Travaglio quando dice che prima di scrivere occorrerebbe imparare a leggere, informarsi.

  • PG è un bravissimo giornalista!
    I fascistelli M5S da quando siedono in parlamento non hanno fatto nulla di buono ma neanche di cattivo, semplicemente non hanno fatto un tubo! Sono lì come le capre che pascolano…

    • Bravissimo giornalista? E perché mai? perché lo dici tu? e Su quale base? E cosa è un “bravissimo giornalista”? Cosa è il “giornalismo”? PG ha qualcosa a che fare con il sionismo? Fascistelli? Ma quando parli, sai quel che dici o parli a vanvera? Cosa è il fascismo? Cosa ne sai? E quale rapporto può mai avere il Movimento con il Fascismo? Hai mai studiato un poco di storia? Hai testa? Hai dignità? Hai onore? Sai cosa significa dignità ed onore?…. Ma Vaffanculo, troll di merda!

    • Per fare qualcosa bisogna essere al governo. Benché il Movimento sia il maggior partito italiano, non è al governo. Se Napolitano decide di dare l’incarico di formare un nuovo governo al Movimento Cinque Stelle, allora si potrà vedere cosa il Movimento può fare e sa fare… Il fatto di non essersi lasciato corrompere ti pare poco? Il fatto di aver restituito i soldi pubblici mentre tutti gli altri rubano ti pare poco? Proposte di legge? Non è difficile farne ed il Movimento li fa. Ma il punto è che occorre avere una maggioranza di governo… Se poi forse intendi che dovessero piegarsi a Bersani, beh… Il tuo stupido intervento ha avuto tutta l’attenzione e la considerazione che gli si poteva dare. Basta, dunque. È solo un intervento provocatorio… senza nessuna riflessione.

    • concordo perfettamente……verissimo lui e non solo lui…ma in particolar modo lui…va dove sta il potere.
      ma ….mi domando: se un qualsiasi giornalista…in questo momento..mi invento una situazione …. per ipotesi dovesse scrivere in un qualsiasi mezzo di informazione controllato da Casaleggio/Grillo….e questo giornalista dovesse in un suo articolo dissentire dalla linea Casaleggio….secondo te…lo lascerebbero scrivere ? da quello che si è visto…lo defenestrerebbero immediatamente….e non dirmi di no!!!….e mo mettiamo che sempre per ipotesi sto giornalista …tenga famiglia e in quell ipotetico mezzo di informazione gestito da Casaleggio…fosse regolarmente assunto e ricevesse un regolare stipendio. Secondo te quel giornalista…scriverebbe…cio che pensa veramente o aggiusterebbe i suoi articoli…in sintonia con la linea di pensiero Casaleggio/Grillo?…
      sai benissimo quale è la risposta…..
      conclusione: pensate di essere molto indipendenti e liberi…all interno del vostro movimento?…sapete benissimo di no…anzi DECISAMENTE NO
      e allora di che azz parlate???

  • Virus
    8 luglio 2013 alle 00:12
    SMAMMA TROLL
    Torna a leccare il deretano del tuo capo,
    citazione
    ma questo deficiente ,,,,cosa fa il giro del forum….a far striscioline offensive…ai dissenzienti…a ragione a torto..intelligenti o meno….troll o meno
    se non condividi quello che ha scritto…scrivici sotto la risposta con il perché e il percome della tua critica…(poi magari ci sta bene pure qualche intercalare….i forum son tutti cosi…va benissimo)
    ciofecaa !!!!
    ps: e perché dovrebbe smammare? che ti deve far prima una e mail..per verificare cio che condividi o meno e farsi vidimare da te il post.?….idiotaaaa !!!!
    mi sa che tu il troll…c e lo hai nella scatola cranica…ci ballano il valzer e ti rintronano….
    che un post sia intelligente o meno (ammesso e non concesso che abbia le qualità intellettive per discernere…mi sa che sei un ottuso presuntuosetto molto convinto…porello )….hai mai sentito qualla famosa frase ..di un famoso illuminista francese che diceva: ” non la penso come te..ma mi batterò sino alla morte perché tu possa dirla..”
    ecco falla tua…e stampatela bene bene in quel cervellino piccolo piccolo che ti ritrovi….chissà che non si espanda un po…
    troll di qua e troll di la…deficiente di qua e deficienti di la….scemo di qua e scemo di la……togliti la crusca presuntuosa dal cervello …rintronato.
    ad ognuno il deretano del suo capo : tu pensa a quello di Casaleggio (te lo raccomando…..vivamente)……coraggio nel 2050 saremo tutti felici :-))))

  • Astrit
    7 luglio 2013 alle 23:42
    PG è un bravissimo giornalista!
    I fascistelli M5S da quando siedono in parlamento non hanno fatto nulla di buono ma neanche di cattivo, semplicemente non hanno fatto un tubo! Sono lì come le capre che pascolano…
    Citazione
    be diciamo che è un giornalista professionista…conoscerà il suo mestiere…il problema non è se è tecnicamente un bravo giornalista o meno…il problema…e che i giornalisti dei mass media ..chiamiamoli cosi ufficiali….non sono indipendenti …e scrivono cio…che “chi comanda” ordina : sintesi son dei servi….per vocazione o per necessità..(tengono famiglia)…o a volte tutte e due le cose messe insieme PB è uno di quelli (lo è alla grande …da sempre)..come tanti giornalisti di certe testate; Corriere della Sera, Repubblica, Il Giornale etc etc (come i giornalisti della televisione pubblica e no )..
    Quelli di M5s…non sono dei fascistelli (io sono uno di destra che ha votato disgraziatamente per loro…)….per ora si son dimostrati …non saprei come dire “politicamente vacui”….in linea di massima….tranne alcune cose….però c e da dire una cosa: gli eletti non son dei corrotti. ..tutti novelli della politica ( c’ e tempo per corrompersi…ma per ora non lo sono)…credo che tanti siano sinceri…in buona fede….il loro “modus pensandi” adesso che si sta delineando mi fa cagar…ma questo è un altro discorso. Credo che perderanno molti voti soprattutto dall elettorato di destra …ma che resterà una forza notevole…e potenzialmente incisiva. Altro discorso invece è Mr Casaleggio….il guru (meglio no comment )
    ..Non credo sia facile…”assestarsi” subito senza avere esperienza politica…ed essere incisivi….quindi a prescindere dalla simpatia o meno …alcune incongruenze son comprensibili..in una situazione del genere (sono nuovi in tutto …in mezzo a gente navigata in politica). Detto questo…hai ragione; non hanno fatto ne bene ne male : NON HANNO FATTO PROPRIO ahahahh
    il mio voto non lo riavranno di certo

  • Virus
    7 luglio 2013 alle 23:28
    @ciniko komprensivo
    Ma c’hai un ritardo pure te? …………………………………………………………………………………..
    Ma rassegnatevi VOI!
    Vi staneremo uno a uno e vi consegneremo alla storia con la vostra disgustosa biografia in trasparenza.
    CITAZIONE
    Anche qui?…..mamma mia quanto è patetico , ottuso…supponente e presuntuoso sta nullità….i tipi come sta nullità….fanno male al movimento (di cui io non faccio parte…un voto basta e avanza….non ne sprecherò altri )……ma tu la tolleranza…il saper rispondere con altro tono chi non la pensa come te .. proprio no? ehhh…..
    i tipi come te vanno presi a calci nel sedere senza pietà a prescindere dalle idee….
    ma cosa stani…tu….ma vaaaa…..che i tipi come te son dei fessi (non per le idee ma per il modo di fare)….presuntuosetto simil saccente …ottuso e a senso unico—che magari nella realtà al primo buuuuuuuuuuuuuuu….te la fai sotto e ti inginocchi carponi…!!!!
    buon di ciofeca inutile
    insomma questo minus habens…pretende che in un forum a tema politico…ci siano dei commenti fatti da utenti yes-man….acconsenzienti e accucciati alle idee del movimento….(si vede che sei un seguace di Casaleggio azz …buon sangue non mente….)….
    ma cosaaaa staniiiiiiiiiiiiiiii dementeeeeee

    • Non riesco a capire se quello che scrivi è in lingua ostrogota o girumboliana.
      lryfndoien kjdnfjbamnfkjdkbnkjn. Hai capito cosa intendo?

    • Sono a disagio. Scrivo un post il cui tono sarcastico nei confronti di una certa classe di giornalisti è evidente, diciamo ai normalmente attenti. Sarei quindi, ahimè, dalla stessa parte di Virus. Ebbene, questo Virus mi bolla come nemico da stanare e prende le mie difese tale Anti-Virus che, pur dichiarandosi per la pluralità delle idee, attacca Virus proprio con i medesimi mezzi che gli contesta. Capisco il cazzeggiamento da blog, che ci tocca un po’ tutti, ma un minimo di coerenza illuminata da una dose sufficiente di intelligenza sono sicuro che non guasterebbe, almeno per non volare rasoterra, non dico alto.
      Sono proprio a disagio.

  • “Una stampa libera non esiste. Voi, cari amici, ne siete consci e io anche. Nessuno fra noi oserebbe dire la propria opinione liberamente e apertamente. Noi siamo le marionette che saltano e ballano quando quelli tirano i fili. La nostra abilità, la nostra capacità e la stessa nostra vita appartengono a quegli uomini. Non siamo altro che prostitute intellettuali.”
    John Swainton, nel suo discorso di commiato da direttore del New York Times.

  • Il grande, enorme problema è che le masse attingono le informazioni esclusivamente dai media, con quel che ne consegue. E tra quelli che usano il web, la maggioranza sono interessati a porno, calcio e affini. E poi ci sono i disinformatori più o meno professionisti, come qualcuno che ha scritto in questo post, gente senza morale e senza vergogna. Siamo ancora in pochi a sapere come stanno veramente le cose,purtroppo, bisognerebbe creare una rivista tipo “Leggo” da distribuire ovunque!

  • Parlare del Movimento 5 Stelle senza menzionare la porcata del microscopio sottratto e lasciato spendo per impedire le indagini che tanto fastidio danno ai clienti di Casaleggio significa censurare un bel pezzo di verità.

    • NON E POSSIBILIE QUANDO QUSTE PERSONE ATTACCANO IL MOVIMENTO NON CAPISCONO CHE STANNO FACNDO UN INSULTO AD ESSO STESSO!!!!!! AIUTANO I FASCISTELLI PDMENOELLINI BASTA BASTA BASTA QUESTO E IL MOMENTO DI ADOPRARE QUEL COLORE CHE COLORO I QUALI COLORANO LA LORO VITA CON IL COLORANTE VIOLA AMANO DEFINIRE FUCSIA MA CHE IN REALTA NON E ALTRO CHE IL COLORE DELLA LIBERTA LIBERABILE DA NIENTEPOPODIMENO CHE SAKECHIHELLA SI SI SI SI!!!!!!!
      SAKECHIHELLA E LIBERO E VIVE, AMATI

    • Amico mio, non so chi tu sia, ma se mi metto ad indagare nella tua vita privata sono certo che potrei trovare di che alimentare il tuo senso di colpa.
      Il Movimento Cinque Stelle non è il microscopio di cui tu parli. Ma è un Movimento Politico di contestazione radicale del sistema dei partiti, di cui fa parte PG.
      Il Movimento – ti piaccia o no – ha avuto una adesione del 25 % degli italiani. Il suo principale alleato è il Partito dell’Astensione, ossia di quelli che sono troppo disgustati per andare a votare. Insieme, Movimento e Astensione, naturali alleati, fanno oltre il 50 % del popolo italiano.
      E tu mi vieni a parlare di microscopi? E perché non anche della tuffata in mare di Beppe in Sardegna?…
      La Verità? Ma che ne sai tu di Verità? E soprattutto un PG ha mai avuto un qualsiasi rapporto con la Verità?
      Vedi, finché i PG possono parlare scrivendo senza contraddittorio al teorico milione di persone che comprano il Corriere, è un conto… Ma se a ognuno che per avventura legge gli sproloqui menzogneri di PG fosse concesso di potergli replicare sulla stessa testata, allora PG ed il Corriere apparirebbero per quello che sono: volgari strumenti della propaganda di regime!
      Per fortuna, vi è la Rete che consente qualche replica… La rete che non è ancora sufficiente e che proprio per questo vogliono subito imbavagliare, così sulla piazza resterà solo PG…
      E tu da che parte stai? Chi ti manda? Dicci chi sei! Ovviamente, non ci interessa il tuo nome e cognome, ma la tua tipologia…
      Esci da una sezione del PD? Ti manda il Mossad? Dicci, dicci… Siamo curiosi di conoscere i nostri denigratori.

    • Splendido: libertà è imbavagliare la ricerca che stava mettendo all’angolo l’incenerimento dei rifiuti oltere ad aver costituito un passo avanti non piccolo per la scienza. Quando freedom1 sarà un po’ più grandicello e dovrà giustificare ai suoi figli le sue opinioni, forse avrà qualche difficoltà. Nel frattempo, magari, s’informi.

    • Caro Antonio XI (ovviamente anonimo), io sono Stefano Montanari, il ricercatore che ha scoperto con Antonietta Gatti le nanopatologie, quello che Grillo ha imbavagliato con la complicità dei grillini che, da bravi pusillanimi, scappano. Fortunatamente certi personaggi vivono la vita effimera di una falena ma, al contrario delle falene, lasciano macerie.
      Io sono pronto in ogni momento a quel confronto pubblico da cui Grillo scappa da oltre 4 anni vigliaccamente. Il resto sono le chiacchiere patetiche di un imbonitore da fiera.

    • Caro Amico,
      di cosa stiamo parlando?
      La deviazione mi sembra tipica del trollismo.
      Adesso uso anche io mio “microscopio”.
      Noi siamo partiti dall’analisi di un articolo di PG che è in linea con una ben precisa strategia di diffamazione del Movimento. Con il mio di “microscopio” seguo da mesi se non da anni questa strategia diversiva.
      Della faccenda del tuo “microscopio” ammetto vagamente di aver sentito qualcosa, di cui ora non ricordo bene.
      Ma il punto è: cosa ci azzecca ora il tuo “microscopio” con la faccenda del finanziamento pubblico dei partiti e con l’abolizione di detto finanziamento?
      Mi sembra che tu sia voluto intervenire con il tuo “microscopio” per unirti al gioco condotto da PG.
      La mia identità? Significa Antonio, attivista dell’XI Municipio. Se ti dico il mio nome, troverai domani un articolo su Repubblica.
      Stiamo dunque ai fatti ed evitiamo un personalismo non necessario.
      Chi siano i “clienti” di Casaleggio io lo ignoro e in questo contesto non credo che debbano o possano interessarmi.
      Io qui intervengo sul finanziamento pubblico ai partiti e alla stampa ad essa collegata, nonché su giornalisti organici al regime come PG.
      Dove sta la connessione con il “microscopio”, con i “clienti” di Casaleggio e con un “bel pezzo di verità” che direi è tutto tuo e ad altri del tutto inesplicabile?
      Se ti sei unito al coro dei dileggiatori di quel 25 % che ha inteso esprimere una chiara volontà politica sul complesso della realtà italiana, andando fuori tema, fuori topic, è come se tu volessi far entrare il mare sconfinato nella tua bacinella, microscopica…
      Sono stato chiaro?

    • Imbavagliare la ricerca? Quale ricerca? Da parte di chi? Hai mai sentito parlare di libertà di pensiero, di ricerca, di insegnamento, di espressione? O pensi che la ricerca si limiti al tuo costosissimo “microscopio”? Sai cosa succede in Germania dal 1994 ad oggi? Ti risultano 200.000 persone penalmente perseguite per reati di opinione? O pensi che prima venga il tuo microscopio e tutto il resto va a vacche? E che c’entra il tuo microscopio con il Movimento?
      Sai che al senato pende il disegno di legge Amati? Sai cosa implica? Nel tuo cazzo di microscopio si vede qualcosa al riguardo? I vari PG quando si tratta di difendere la libertà di pensiero di un comune cittadino, che non possiede nessun microscopio, sai da che parte stanno ed a quali interessi ubbidiscano? Chi sono i loro committenti ed ispiratori?
      Prova ad usare il microscopio “filosofico” e forse scoprirai qualcosa. Di certo, i temi qui toccati riguardano la libertà di pensiero e di ricerca, ma a metterci il “bavaglio” è il signor PG, non il Movimento, che non è esente da errori ed ignoranza… Ma chi non lo è?
      L’«intelligenza collettiva» serve appunto al Movimento per superare i suoi limiti e per crescere dal 25 % al 67 %.

    • @Antonio: ti scrive un calabrese.
      Dalle mie parti si usa appellare quelli come te “ciucci e presuntuosi”.
      In un’epoca non proprio remota, anche le schutzstaffeln avevano di queste tendenze da semidei scesi in terra per riscattare la mitica stirpe ariana… Ci vollero milioni di morti, distruzione e macerie su più continenti per fargli capire che era tutta aria fritta e che vivevano in un mondo immaginario totalmente al di fuori della realtà.
      L’umiltà, soprattutto quando si ignora ciò di cui si sta parlando (è il tuo caso), sarebbe quanto meno opportuna.
      Non è questione di denigrare il movimento o la figura di Grillo (che già si denigra di suo, almeno agli occhi di qualche testa ancora pensante e accorta che vede l’incoerenza e l’ipocrisia in buona parte delle non proprio nobili azioni del vostro guru), ma di ragionare sui fatti e non su quel la vulgata propagandistica vi scolpisce in testa come assoluta verità.
      Tutto ciò che fa il ragionier Grillo&Co. è bene, il resto rappresenta il male, a prescindere: voi siete solo matti e vedervi nelle istituzioni mi fa paura.

  • LIBERTA LIBERTA LIBERTA PRIMO VOGLIO RINGRAZIARE BYO ED ESPRIMERE IL MIO RINGRAZIAMENTO VERSO QUELLO CHE ALTRO NON E CHE UN SACRIFICIO PER LA PATRIA MENO MALE CHE CI SEI FAI DOMANDE DAI RISPOSTE. UN MIO AMICO PROFESSORE MI HA DETTO CHE BYO E UNO DEI PIU GRANDI INTELLETTUALI A LIVELLO MUSEALE INTERNAZIONALE OGGI.

  • il popolo più è ignorante è meglio lo si frega!
    Per applicare questo scellerato principio è sufficiente concentrare nelle proprie disponibilità i 4 maggiori poteri sistemici e strutturali funzionali al regime totalitaristico:
    1- potere economico/finanziario
    2- potere politico = governativo/legislativo
    3- potere giudiziario/magistratura
    4- potere mediatico = comunicazione di massa
    In Italia 3 di questi poteri sono stati accaparrati quasi monopolizzati da uno sparuto gruppo di persone consorziate tra loro per depauperare tutte le risorse, economiche, sociali, culturali persino quelle umane, manca l’organismo indipendente istituzionale della Giustizia che al di là dei difetti subisce attacchi destabilizzanti perpetrati dall’interno delle stesse Istituzioni dello Stato, a questa esautorazione forzata della democrazia il M5S sta opponendosi con tutta la forza possibile, dimostrando non solo con la restituzione dei 70 milioni di euro (denaro pubblico) chi sono gli infami traditori dei principi civili etico-morali sanciti dalla Costituzione della Repubblica e quindi devastatori del popolo italiano.

  • GRAZIE alle ricerche del Prof. Montanari e Dott. Gatti dell’Istituto “Nanodiagnostics” di Modena, oltre alle ricerche scientifiche del Prof. Armaroli del CNR di Bologna abbiamo evitato che venisse costruita una centrale elettrica “turbogas” da 500 megawat e probbilmente un termoinceneritore da 40 megawat nella stessa area di altissimo pregio agricolo e zootecnico nel comune di Pontinia LT.
    Quei MICROSCOPI sono stati messi a “tacere” dalla politica compromessa con gli affari multimiliardari delle multinazionali/lobby e cricche di potere.
    Le stesse ricerche dovrebbero essere utilizzate dal Sindaco di Parma Pizzarotti contro la follia del termoinceneritore.

    • Pizzarotti si serve di scienziati di ben altro calibro. Il laboratorio Nanodiagnostics è classificato dalla Commissione Europea tra i 100 di punta dell’intera unione e la povera dottoressa Gatti è appena classificata a livello mondiale nel gruppo dei 32 scienziati top al mondo nei settori dei materiali e della bioingegneria. Niente al confronto con l’armata grilina.

  • “con oltre 70 milioni di euro di rimborsi elettorali e con un milione e mezzo di euro risparmiati ogni 3/4 mesi (se non venissero restituiti al fondo di ammortamento del debito pubblico), lo sapete quante televisioni e quanti giornali ci si potrebbe comprare, il Movimento Cinque Stelle?”
    … spero sia una promessa, sarebbe pure ora di avere una TV a 5 Stelle!

    • Ricordo che circa tre o quattro anni fa, prima che il Movimento fosse emerso, un simpatizzante del Movimento, Giulietto Chiesa, aveva riunito in un teatro di trastevere un gruppo di persone alle quali aveva esposto un suo piano per avere una televisione… Per coprire il costo chiedeva, se non ricordo male, 100 euro a testa per 10.000 persone. Fa un milione di euro! Con questa somma – sempre se non ricordo male – Giulietto diceva di poter fare una televisione che fungesse da contrasto al mainstream…. e dunque…

  • Virus
    8 luglio 2013 alle 13:49
    Figlioli, consiglio anche a voi di fare una revisione del tessuto neurale.
    Citazione
    eccolooo !!!! il minus habens del forum….figliolo…se c e uno che non puo permettersi di dar un consiglio del genere …sei proprio tu….anche perché quel tessuto tu non c ‘e lo hai proprio….

  • @ Montanari2012, premetto non conosco i fatti, ma se non erro fu Beppe Grillo diversi anni prima della nascita del M5S a parlare delle nanoparticelle cancerogene nei suoi spettacoli basandosi su ricerche scientifiche, di che cosa accusarlo? Non desidero difenderlo non spetta a me, ma vorrei capire come nasce il contrasto.

    • @NO TURBOGAS
      Qui si offendono solo le anime belle e non vengo a prendere lezioni di netiquette da chi genera flame fomentando noti truffatori.
      Comportamento apparentemente leggero ma per quel che mi riguarda può essere in malafede.
      Abbiamo già abbastanza problemi con i troll e il tuo commento è OT. Punto.

  • Virus alias Porro che conduce la trasmissione virus su RAI2, anche lui giornalista sfegatatamente di parte come Battista.

  • Carissimi,
    a leggere i twit del nostro con la lingua felpata è veramente agghiacciante: Claudio sembra un gigante confrontato a quelli del Corriere.
    Una statura intellettuale e morale inarrivabile. Ed il Corriere è il primo quotidiano in Italia.
    E’ come svegliarsi da un brutto sogno e trovarsi in un incubo peggiore: ma queste sono le CASTE che detengono il controllo del Paese? Ma sti menomati intellettuali e morali dovrebbero fare gli interessi nazionali?
    E come salire in plancia e trovare al posto di comando dei RATTI lobotomizzati….
    Il guanto va rivoltato.

  • La polemica si va alzando sempre più e mi chiedo quanto intenzionalmente la si voglia allontanare dal tema.
    Vorrei perciò provare a ritornare a bomba.
    Quale la bomba?
    Il testo di Messora in materia di finanziamento pubblico dei partiti dove si rimprovera a Battista di aver scritto un pezzo sul Corsera senza aver neppure menzionato il Movimento che i soldi pubblici non solo li ha restituiti ma si è pure più che dimezzato lo stipendio, uniformandolo a circa 2700 euro netti, ossia uno stipendio che resta elevato rispetto alla media degli italiani.
    Io per la verità devo confessare di essere intervenuto non già sull’articolo di PG di cui da sempre ho una pessima opinione che riceve sempre nuove conferme, bensì sul tema in sè.
    In particolare, trovo quanto mai strano il non rilevamento della “notizia” che indubbiamente esiste: la pubblica restituzione di un milione un mezzo di euro che credo verrà ormai fatto, sempre pubblicamente, ogni tre mesi, via via che sugli stipendi si accumulano i soldi che poi vengono restituiti, non per soggettiva ed arbitraria “scelta” (così l’ineffabile Epifani!), ma per una ben precisa “posizione” politica che suona condanna e denuncia per tutto il sistema dei partiti che ha condotto al disastro attuale… Anni addietro, proprio un giornalista mi aveva spiegato in cosa consiste il “mestiere”: la scelta (o non scelta) della Notizia e quindi la sua redazione. Non devo spiegare quanto arbitrio vi può essere e perché questo sistema sia incompatibile con la verità e la libertà.
    Di questo sistema partitico tutto il complesso dei media è parte organica. Essendo il Corsera il principale quotidiano inevitabilmente Battista ne è figura apicale: pontifica e nessuno se lo può levare di dosso. Ci affligge nei talk show, in tutti i talk show, tutte le sere e tutte le feste comandate.
    Se legge questo mio commento, io lo vorrei invitare ad immaginare quanti in Italia vedendo la sua faccia al televisore si levano una pantofola per lanciargliela in faccia. Ma non è tanto la sua personale faccia che produce tanta repulsione, ma il modo stesso della comunicazione mediatica, che è tirannico e truffaldino.
    Per fortuna, ho potuto sviluppare miei canali alternativi di informazione ed espressione. Sempre più mi rendo conto di come la realtà sia una cosa che non ha rispondenza nei canali mediatici, o meglio questi esistono per falsare i fatti, quando non li ignorano e nascondono del tutto, ovvero per darne una lettura che è quella che fa comodo a chi li paga.
    Non vi è dubbio che Battista sia pagato per fare quello che fa. Viene pure premiato in quell’ambito sionista che da qualche anno a questa parte ha dichiarato guerra a Beppe ed al Movimento, sguinzagliando i suoi “sayanim”, annidati in ogni dove senza che noi ce ne accorgiamo neppure. Le tecniche sono variegate. Se si va a guardare proprio su Corsera si trova un articolo di Battistini che la “notizia” se la è andata a trovare non a Genova, dove abita Beppe, ma a Tel Aviv, dove è stata pubblicata l’intervista di un israeliano che è andato a Genova, nella casa di Grillo, per fare appunto l’Intervista, che poi è rimbalzata sul Corriere della Sera… Una triangolazione mediatica! E per un Battistini che inizia, si trova un Battista che continua…
    Leggo in questi giorni che la FIAT vuole comparsi il Corriere. Perché mai? Non doveva produrre macchine la FIAT? Non ci hanno dissanguato per foraggiare gli Agnelli? Evidentemente ha tutto l’interesse a partecipare alla produzione della menzogna di stato, che a mo’ di sacerdoti ha i suoi “giornalisti”, un ceto inutile quanto altri mai, se ad ognuno di noi che sappia appena scrivere e conosca le cose è concesso di poterne scrivere con maggiore competenza e cognizione.
    Invece, per questa sistema, anche i fatti che ci riguardano in prima persona, e di cui noi stessi siamo attori e protagonisti, non siamo noi stessi a poterli comunicare, ma dobbiamo apprenderli da questi signori che fanno i “giornalisti”. E se la nostra verità diverge dalla loro, prevale la loro. Se io mio chiamo Antonio e su Corsera scrivono Pasquale, costoro pretendono che la verità sia… Pasquale!
    Eccola la tragedia!
    Tallonato non sul Corsera, dove mai verrebbe pubblicato il nostro contraddittorio, ma in questo sito, che Piggi ha per lo meno letto, cosa risponde? Nulla! Ma abbiamo bisogno della sua risposta? Chi lo ha mai eletto nostro Interlocutore? Chi gli ha dato il potere di dire su di noi quello che vuole a milioni di “lettori” senza che a noi sia concesso replicare?
    La “libertà di stampa” non è cosa diametralmente opposta alla “libertà di pensiero”, quando la prima serve per conculcare ciò che pensano milioni di cittadini che si sono espressi in un modo sul quale PG versa il suo letame giornalistico?
    Non uso twitter, ma a quella “giornalista” che usa un neologismo di moda quanto insulso (“inadeguato”) e che si lamenta per i suoi soldi, che i parlamentari Cinque Stelle hanno ben restituito, è da obiettare che quei soldi vengono sottratti anche a quella grande maggioranza di cittadini che pur non andando a votare si trovano a dover pagare i rimborsi elettorali di pariti che neppure sotto tortura mai finanzierebbe e in parte anche a giornalisti come il succitato e la stessa “giornalista” lei si per davvero “inadeguata” nella misura in cui così platealmente sconfessa quella “terzietà” che il minimo che si possa pretendere da un cosiddetto “giornalista”, ossia un “professionista” dell’«informazione», del “fatto”, che dovrebbe essere separato dall’«opinione» dello stesso “giornalista»…. Quando mai!
    E qui mi fermo, ma per non sciupare questa occasione di dibattito, invito ognuno a stare sul tema della natura e della funzione del “giornalismo” e dei suoi più accreditati, o non piuttosto, noti esponenti.
    Gli insulti lasciano il tempo che trovano e non cambiano nulla. Ma se si riesce a penetrare nel sistema della menzogna giornalistica, della manipolazione di regime, e se questa consapevolezza la si estende ai più, agli ingenui, ai manipolati inconsapevoli, ecco che si sarà data una spallata di più a questo corrottissimo regime che ci ha portato ad un disastro che è il Capolinea di tutti i disastri finora subiti.

    • Chiedo scusa per alcuni refusi… Ho scritto di getto e non ho avuto il tempo per rileggere, come non ho più il tempo di seguire questo Forum… Per chi ne ha interesse credo che i miei testi siano comprensibili nella loro sostanza… Saluti! Ali Attivisti del Movimento consiglio di andare avanti nel lavoro, senza accettare provocazioni fatte con evidente malafede…

    • TrollDeiTroll
      io non sono dell M5S…anche se ne condivido alcune e solo alcune posizioni e non altre …..sarò un trollazzo sgangherato….ma sto Antonio qui nella “sostanza” di fondo…..non ha sbagliato nulla……..bravo !!! interessante post…
      .

  • @ Virus, tu chi sei?
    io mi son firmato NO TURBOGAS puoi consultare: http://www.noturbogaspontinia.blogspot.com
    Dovresti rispettare il lavoro altrui svolto per la collettività utilizzando al meglio le informazioni date da B. Grillo contestualmente alle ricerche scientifiche di Montanari-Gatti e Armaroli-Po, con le quali abbiamo convinto la Pubbl. Amm. locale ad annullare due Delibere Consigliari pro termoinceneritori.
    Poi della diatriba Montanari-Grillo ci interessa poco, ci interessano i risultati ottenuti lavorando per il bene collettivo.

    • Sai cosa vuol dire OFF TOPIC?
      Rispetta tu questa semplice regola di netiquette e rispetta TU i lettori del blog.
      Abbiamo già abbastanza troll.

  • per Antonio XI, concordo ed aggiungo che la mancanza di informazione o la non corretta informazione avviene anche su temi tecnico-scientifici, la prova è quanto postato da NO TURBOGAS, in molti casi le associazioni ambientaliste vengono tacciate d’essere antiprogressiste contrarie ad ogni innovazione, in realtà sono composte da persone colte e preparate su tematismi e problematiche multidisciplinari complesse, spesso in contrapposizione con le amministrazioni pubbliche e/o enti dello Stato composte da uomini ignoranti o collusi con interessi particolari che approvano e autorizzano progetti deleteri per la salute umana e devastanti per il paesaggio, qui entra in gioco scientemente a supporto della politica infame quella classe dirigente del Paese che attraverso gli strumenti di comunicazione di massa forvia la popolazione, elude il problema, sposta l’attenzione propinando altro, gli esempi sono decine dal 1993 con il finanzimento ai partiti, ponte sullo stretto, TAV in Valle Susa e via via menzogne su menzogne di una rete d’affari loschi dove ogni italiano assoldato e compiacente e SOPRATUTTO IGNARO determina in quota parte il degrado intellettuale e il declino della nazione.
    A tal proposito un giornalista di chiara fama e onestà deontologica scrisse:
    Una stampa cinica e mercenaria prima o poi creerà un pubblico ignobile.
    Joseph Pulitzer

  • @giordano
    sapere bene come stanno le cose significa prendere atto degli esiti tragici cui sono stati costretti i popoli europei. in mezzo a tutta questa gente ci sono anche famigliari, conoscenti e figli. Che cosa penseranno i figli di questa gente? cosa dira’ la storia di queste persone?
    Quale sarà il prezzo da pagare per annullare la vergogna che i loro figli proveranno sapendo di essere figli di traditori della patria?
    L’uomo non è mai stato perfetto, spesso sbaglia e dall’errore impara la propria conduzione di vita. Continuare consapevolmente a condannare alla miseria e alla schiavitu’ i propri fratelli equivale ad odiare con tutte le proprie forze la razza umana. I sentimenti di odio nei confronti dell’umanita’ nascosti da una apparente maschera che occulta una verità inconfutabile evidenzia oltre all’odio per l’essere umano uno spiccato talento per l’istigazione tumultuosa, sentimento che purtroppo l’involuzione italiana ha cancellato da DNA dei soggetti, di fatto rendendoli passivamente schiavi e obbedienti sudditi. Tale pratica a casa mia viene chiamata abuso di potere predominante, tradimento dela patria e del popolo italiano, nonchè favoreggiamento e istigazione all’odio razziale e al suicidio delle persone per bene.
    Pertanto a me questo soggetto non fa assolutamente pena è un nemico da combattere con la nostra intelligenza e la nostra cultura.
    Di certo non lo salverei da un giudizio severo, ne’ morale nè materiale.

    • Verissimo….hai espresso una reale verità…però è anche vero…che nel percorso umano..ieri e oggi…ci son stati sempre…uomini e donne..che per fortuna si sono opposti alla sottomissione passiva…culturale e non …..e questi son stati durante il percorso storico..i coraggiosi..che hanno dato gli “imput” per una presa di coscienza collettiva
      …quindi ben venga chi combatte e mette in evidenza la menzogna….in tutte le contingenze ..che sia caio tizio o sempronio. Messora, M5s…destra, sinistra , rossi , blu, neri gialli o a pallini….poco importa…o importa relativamente…
      altrimenti è la fine: la passiva rassegnazione….e la perdita della dignità individuale e sociale.

  • Pazzesco… c’è tutta l’informazione contro… ma noi non molliamo certo per questo!! Avanti così M5S e grazie Claudio!!!

  • i cattivi maestri del centroSX e centroDX hanno trasformato la nobile politica in ARTE DELLA MENZOGNA con l’appoggio lautamente rincompensato dell’informazione mediatica di massa.

  • Non credete che sarebbe molto meglio ignorarli questi qua? Non credete che twittare o semplicemente parlare di pg battista equivale a salvarlo dall’oblio al quale è certamente condannato? Dovremmo concentrarci molto più sul lavoro propositivo e non perdere tempo a leggere quello che scrivono pg battista e scalfari, che fanno solo il lavoro per il quale sono pagati, cioè quello di difendere il “loro” sistema.

    • no no…è proprio sbagliato…strategia non vincente
      se si ignorano …loro non ignorano te….e milioni di persone son soggette ad essere “lavorate” mentalmente.(milioni e milioni di persone…per vari motivi…non seguono attentamente…e sta tranquillo…che inconsapevolmente “assorbono ” le baggianate che ci propinano..)
      Se si è convinti di essere dalla parte giusta…bisogna concentrarsi sul lavoro propositivo….e nel contempo…lavorare sodo per smentire…i vari servetti (di qualsiasi parte essi siano…)…
      i mass media…e l’opinionismo “taroccato”…e da sempre lo strumento di cui si son serviti…per manipolare le menti..in particolare il giornalismo …ma non solo..: libri…documentari…inchieste…film…e altro ancora …son gestiti da loro…e abilmente manipolati…decidono loro ..cosa dire e non dire …e come veicolare la comunicazione…per veicolare a sua volta le menti ( e ci riescono molto bene)…
      Mi pare se non ricordo male…che nella sezione video…di byoblu..ci sia proprio un video..con un intervista ad un giornalista…che spiega appunto..quali sono alcune tecniche..per veicolare l’informazione..(esattamente come ci son precise e sofisticate tecniche di marketing…per far vendere prodotti commerciali..studiate, elaborate e messe in atto..che funzionano molto bene )
      ma non solo: la storia che ci fanno studiare a scuola è taroccata….tante teorie macroeconomiche..che si studiano all’università son taroccate…anzi son delle vere e proprie micidiali cazzate…passate per “roba bona”…e inculcate nelle giovani menti come impostazione di pensiero….ci sono i cosiddetti “think thank”…che infiltrano il loro pensiero funzionale ai loro interessi..
      se internet resta come è…oggi è possibile reagire….ovviamente le discussioni nel web…poi devono..trasformarsi in fatti concreti nel reale….altrimenti è una vacua masturbazione mentale (ci si sfoga nei forum e nelle chat…e poi tutto resta come prima..)

  • La storia ci dara’ ragione. Questi giornalai sono vicini alla data di scadenza, pero’ bisogna combatterli non ignorarli, sbattergli in faccia la verita’, ribattere colpo su colpo fino alla loro rinuncia. E’ giusto formare un cuscinetto di protezione informativa sui parlamentari 5Stelle.

  • x trolldeitroll
    Sono d’accordo con te sulle tecniche di “framing” ma avendo letto qualche libro di tecniche di comunicazione, so che contro chi cerca di proporre una “cornice” stretta , tu devi opporgliene una piú larga, quindi cercare di allargare le vedute di quelli che ti ascoltano. Se la risposta è semplicemente lo sfottó allora ognuno rimane nelle proprie posizioni , anzi si creano delle barriere e facciamo solo il gioco dei pg battista. Desta e Sinistra giocano cosí da piú di vent’anni.

    • Da immutato simpatizzante del M5S e in questo specifico contesto, mi preme un attimo divagare dal tema principale e chiedervi un parere sulla disarmante posizione che su un blog “di paese” ha assunto un iscritto ad un meetup locale (ruolo organizer, portavoce e co-organizer), testualmente: “Mi stupisco perché tutti vogliono che mi occupi di politica del territorio, l’attivista del Movimento 5 Stelle non è un politico ma un cittadino qualsiasi che vuole cambiare il modo di fare politica … I problemi del territorio sono problemi che deve risolvere chi è stato eletto per farlo, se non è in grado alle prossime elezioni dovrà renderne conto ai cittadini ” . Vi garantisco che l’estrapolazione del brano non modifica assolutamente il senso del pensiero espresso.
      Vi chiedo allora, sono io che sono del tutto “fuori” e penso che per potere incidere in un territorio, occorre interessarsi dei suoi problemi e esprimere pubblicamente delle posizioni, magari proponendo le proprie soluzioni e la propria visione, e che quindi, con questi atteggiamenti di inspiegabile chiusura a riccio si rischia di passare (in questo specifico caso) dal 22% delle nazionali all’1% di una futura amministrativa? Oppure non ho capito niente e, se questo è il caso, gradirei qualche convincente opinione a riguardo. Grazie

  • non è solo Battista, l’attacco mediatico al M5s è anche sistemico e silente, cioè si tacciono le verità sull’operato onesto e corretto del MoVimento per sostituirle con realtà fittizie e funzionali agli interessi della cricca partitica anti-italiana, ieri sera a “Ballarò” Mieli durante un pistolotto sul costo della politica e relativo finanziamento ai partiti non ha citato nemmeno per sbaglio i 70 milioni di euro restituiti ai cittadini dal M5S, ma peggio è stato Floris che intervistando Letta incalzandolo con cartelli zeppi di numeri sui costi dello STATO, Enrichetto CAPO DI GOVERNO in risposta lamentava le mancate azioni concrete per limitare i costi della politica, senza citare quei 42 milioni d’euro che il M5S ha lasciato nelle casse dello Stato vincolandoli per abbassare il debito pubblico, il coduttore Floris per correttezza giornalistica doveva ricordargli della rinuncia di 42 MLN del M5S come atto concreto e leale verso il popolo.
    La RAI pagata con soldi pubblici offre un “servizio pubblico” funzionale agli interessi particolari anzichè nazionali, ecco come viene uccisa la verità un poco per volta sistematicamente eludendola e tacendola.

  • il battista è anche un tifoso del sionismo, l’ultima forma di colonialismo ottocentesco sul pianeta terra, quello che pratica l’apartheid e la pulizia etnica in Palestina.
    di cosa ci si stupisce?

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi