O si governa o si muore.

Il Movimento 5 Stelle è venuto al mondo per riconsegnare la politica nelle mani dei cittadini. Non è nato per trasformarsi in un partito tradizionale. Non è nato per ragionare come un Alfano, un Letta, un Berlusconi qualsiasi. Non è nato per fare compromessi perché “altrimenti cosa ci stiamo a fare”. Chi ha votato 5 Stelle lo ha fatto per rovesciare il tavolo. Con tutto il servizio buono di porcellana sopra. Perché ormai non è più questione solo di ‘mangiare meno’, ma di mangiare ‘meglio’, e soprattutto di mangiare ‘tutti’. Chi ha votato 5 Stelle ha votato un programma in 20 punti e 163 persone che lo portassero dentro. Così com’era. Non un po’ più europeo cosicché potesse piacere anche al Pd. Non un po’ meno trasparente cosicché potesse piacere anche al Pdl. Così è basta. Perché questa è la democrazia diretta. O così o niente. O così o nuove elezioni, per cercare di avere la maggioranza e realizzarlo tutto, per intero, come i cittadini lo hanno voluto. ‘Intelligenza politica’ per un eletto a 5 Stelle è una locuzione senza senso. L’intelligenza politica lavora prima, quando la rete si confronta e stila carte come quella di Firenze. Se un eletto prende i punti del programma e li cambia (magari con i migliori propositi, perché crede di avere un mandato a modificare quello che i cittadini lo hanno spedito a realizzare), affinché quei punti si accordino con le esigenze del Pd del Monte dei Paschi, o del Pdl dello scudo fiscale, o di Scelta Civica del fiscal compact, allora non ha capito niente: sta solo facendo vecchia politica. Sta tradendo il mandato elettorale. Non sta gettando un ponte tra il cittadino e le istituzioni, in maniera che il sistema si trasformi lentamente da una rappresentanza vuota e fallimentare a una autentica democrazia diretta: sta perpetuando le vecchie pratiche dell’inciucio e distorcendo il significato di ‘portavoce’. Il Movimento 5 Stelle non è stato mandato nelle istituzioni per mendicare un misero emendamento rivendicandolo come un successo. È stato mandato in Parlamento per provare ad avere la maggioranza. Una maggioranza che non fosse finta come quella offerta da Bersani. Una maggioranza vera, perché solo così si possono cambiare le cose. Se non può avere un incarico di Governo perché i numeri non lo consentono, o perché il Paese è in mano a chi sotto il nome di ‘larghe intese’ cerca di mascherare il solito vecchio inciucio e perpetrare se stesso, allora il 5 Stelle non ha difficoltà a tornare alle urne. La fiducia i 5 Stelle la chiedono al Paese, non a Letta, a Monti o a Berlusconi. Qui c’è bisogno di un atto di coraggio totale e definitivo. L’Italia è sempre più vicina al baratro. In certe zone sono mesi che non viene pagata neppure la disoccupazione. In queste condizioni, lasciare il timone nelle mani di chi ci ha portato nelle secche è pura follia autodistruttiva. Cercare di convincerlo con le buone, oltreché un tradimento dei principi ispiratori, è anche e soprattutto una cosa stupida. Il Movimento 5 Stelle è un movimento rivoluzionario. Le cose le cambia invertendo i rapporti di forza, mettendosi alla guida della nave. O così, oppure non ha senso. La democrazia diretta o si realizza e si mandano a casa i responsabili dello sfacelo, oppure a casa ci deve andare chi ha provato a fare la rivoluzione senza riuscirci. In mezzo non c’è niente, mettetevelo bene in testa. Per questo, se non ci sono i termini per realizzare il mandato elettorale (che è scritto chiaro, semplice, nero su bianco), si deve tornare alle urne e chiedere con forza e convinzione agli italiani di provare a cambiare tutto, di conferire una maggioranza chiara e inequivocabile a Grillo e al suo movimento politico. Nessuno giochi al piccolo onorevole. Nessuno pensi a nuovi compromessi storici. Nessuno creda di salvare se stesso. Qui si governa o si muore. Tutti insieme.

166 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Tutto ok Claudio, ma oggi Beppe avrebbe dovuto specificare molto bene che il m5s si impegnerà per cambiare la legge elettorale. Dire come ha detto lui oggi che si deve andare a votare con il porcellum per me è stato un autogoal. Minuti 2:00-2:35 del video odierno.

    • il m5s ha votato la proposta giachetti (PD) per l’abolizione del porcellum, è stato il pd a non votarla. Questi del pud€ sono dei buffoni incompetenti ed inconcludenti , quindi è meglio che si vada subito al voto, anche con il porcellum, altrimenti lo Stato sprofonderà ancora di più nel baratro, mentre i soliti inciuciano. Una volta che avremo una nuova “rappresentanza politica”, essa si dovrà occupare in primo luogo, di salvare le vite dei cittadini, e rimettere in funzione l’economia, poi si potrà occupare della legge elettorale. Prima una legge salvavita, poi una per le future elezioni.

  • Lo puoi dire ben forte sono tornato a votare dopo essere stato tradito troppe volte e se dovesse succedere di nuovo ci sono i forconi

  • Il M5S vuole cambiare la legge elettorale, ma per attuare la democrazia diretta vuole inserire il voto di preferenza, il vincolo di mandato, l’abolizione del voto segreto, la possibilità di sfiduciare l’eletto da parte del collegio elettorale (come avviene in parte negli Stati Uniti), l’obbligo dell’attuazione del programma elettorale, l’esclusione automatica di ogni politico condannato in via definitiva, la ratifica attraverso un referendum della nuova legge elettorale e l’inserimento di questa nella Costituzione in modo che non possa essere modificata a piacimento dai partiti per perpetuare il loro potere. Queste condizioni, alla quale vanno aggiunti l’immediata abolizione dei finanziamenti elettorali, l’introduzione del referendum confermativo e l’obbligo di discutere le leggi di iniziativa popolare.
    Il M5S vuole fare una sola cosa, una sola, mandarli a casa..Bisogna tornare alle urne al più presto possibile. Ogni voto un calcio in culo ai parassiti e incapaci che hanno distrutto il Paese. La legge elettorale la cambierà il M5S quando sarà al governo, loro il Porcellum lo hanno tenuto ben stretto perché, comunque andasse, che fosse il pdl o il pdmenoelle a vincere, vinceva sempre il banco. Il M5S vuole fare saltare il banco. Alle elezioni subito, con buona pace di Napolitano che dovrebbe dimettersi quanto prima.

  • […] Il Movimento 5 Stelle è venuto al mondo per riconsegnare la politica nelle mani dei cittadini. Non è nato per trasformarsi in un partito tradizionale. Non è nato per ragionare come un Alfano, un Letta, un Berlusconi qualsiasi. Non è nato per fare compromessi perché “altrimenti cosa ci stiamo a fare”. Chi ha votato 5 Stelle lo ha fatto per rovesciare il tavolo. Con tutto il servizio buono di porcellana sopra. Perché ormai non è più questione solo di ‘mangiare meno’, ma di mangiare ‘meglio’, e soprattutto di mangiare ‘tutti’. Chi ha votato 5 Stelle ha votato un programma in Leggi la notizia […]

  • Il post è molto radicale, ma condivisibile, manicheo ma necessario . Un’unica obiezione: rispetto all’espressione “Grillo e al suo movimento politico ” , il movimento non è di Grillo ma di tutti i cittadini che vi partecipano e riconoscono in Lui una persona sincera e capace . Un saluto da Massimo

  • Ben detto. Chi nel frattempo ha cambiato idea vuoi perché non si è accorto in tempo che Grillo dice la parolacce, vuoi perché non sa dire di no quando gli fanno proposte indecenti, vuoi perché si è candidato nel M5S per sbaglio credendo che fosse una succursale del PD… beh, è libero di levarsi di torno. Il prima possibile.

  • Alle elezioni subito, secondo me, ancora una volta non cambierebbe nulla. Putroppo le ultime elezioni mi hanno convinto del fatto che siamo ancora molto indietro noi come popolo e che i nostri politici sono solo l’espressione di uno stato malato, il risultato finale di un degrado culturale che permane immutato. Gli Italiani ancora una volta non faranno nulla se non sarete voi personalmente ad andare a prenderli per mano e fargli aprire gli occhi. Mi spiego con un esempio: se la traversata dello stretto di Beppe e il suo successivo discorso fossero andati in tv, in un qualsiasi canale del digitale terrestre con data e ora annunciate…. forse ora non staremmo qui a lamentarci del governo attuale… fare conto solo su internet e le piazze non basta proprio perchè siamo ancora arretrati e di molto rispetto all’europa. Anche i soldi dei rimborsi elettorali, non sono soldi che ritornate ai cittadini, sono soldi che vengono reimmessi nel solito meccanismo corrotto, se l’m5s si comprava uno spazio in tv sarei stato più contento invece di ascoltare i soliti tg gossip, non sottovalutate la cosa questi mesi hanno lavato via quel poco che la gente aveva recepito, e rischiate di ritrovarvi bloccati al punto di partenza. A meno che non vi faccia comodo rimanere all’opposizione, io spero di NO.

    • Comprendo il tuo pensiero e come dice Di Battista:”se la gente fosse veramente informata, prenderemmo il 99%”, ma la televisione italiana non è il nostro mondo. Fa parte del mondo che stiamo combattendo, è di proprietà loro. I giornali sono di proprietà loro. Si sono comprati tutto con i nostri soldi. Lo so che quello che dici lo esprimi al fine di velocizzare le cose, od ottenere quel riconoscimento che guardando i tg non viene minimamente reso. Ma tutte le rivoluzioni sono infarcite di sofferenza, di guerra dei nervi. Ma noi abbiamo la certezza dell’onestà intellettuale. Dobbiamo sopportare ed evitare di chiedere in continuazione ai nostri rappresentanti di andare in tv, perchè è come se ci chiedessero a noi di andare in casa di uno a cui sappiamo di stare pesantemente sulle p**e. Facciamo quello che è nelle nostre possibilità tutti. Informare, condividere tutti i dati e le nozioni e che dio ce la mandi buona.

    • Io non vi chiedo di andare in una delle attuali trasmissioni tv, lo eviterei io stesso e su questo sono daccordo. Vi chiedo di valutare se sia possibile aprire un vostro spazio personale dove fate la Vostra informazione senza interferenze, ma se mi dici di no perchè non è il tuo mondo allora ti precludi una parte di elettorato e precludi la possibilità a chi è ormai istituzionalizzato e disinformato di ricredersi. Dovete andare a l’informare il pensionato o l’italiano medio che arrivato a casa da lavoro come consuetudine accende la tv e non va a leggersi il blog di beppe grillo. Ormai il vostro pool elettorale è quello e non c’è motivo perchè cresca di netto, gli altri partiti hanno fatto le peggio cose alla luce del sole e sono inconcepibilmente ancora li e con numeri non da poco. Ce una marea di astenuti che non siete riusciti ancora a convincere nonostante i vostri sforzi, forse proprio per un inappropriato sistema comunicativo rapportato alla nostra arretrata realtà. Vogliamo provare a debellare l’ignoranza partendo dalla fonte per poi magari progredire? Non era forse la politica di Beppe “Non lasciare indietro nessuno”? Perchè precludere una strada che, se attuabile e con le giuste modalità, potrebbe essere la più semplice e diretta?

  • i principi del movimento e chi vota 5 stelle sono quelli descriti da Messora noi del movimento siamo gli unici in grado di governare il paese e di migliorare la vita ai cittadini non dobbiamo accontentarci delle commissioni e di fare emendamenti e farci sfiancare da questi politici loschi e disonesti che ci vogliono tener fuori dalla politica vera.la nostra è una rivoluzione culturale i cittadini devono decidere direttamente, la politica è passione si deve sentire dentro e impegnare le proprie risorse non solo intellettuali,ma anche economiche per il bene comune allora sei onesto.

  • Apprezzo e condivido quanto esprimi nel tuo blog. E non si tratta neanche di dire “sono d’accordo”… La vera questione e’ come mai ci sia bisogno di scrivere un testo come questo?!? Possibile che l’elettore M5S abbia bisogno che gli venga ricordata le vera,ultima ed unica(!) finalità del Movimento? Grazie , Messora , per quanto scrivi o , meglio , “ricordi” e grazie ancor di più a tutti coloro che non hanno la memoria corta…

  • Ma,ma.ma!
    Come sempre finirà che al voto si prenderanno molti voti in meno di quanti se ne sono ottenuti pochi mesi fa ed i soliti saggi i saputelli,quelli che quasi sempre si schierano con la maggioranza,quelli che hanno da insegnare tutto e non hanno mai dubbi diranno:questi sono quelli buoni,quelli veri di voti.
    Gli altri erano di cittadini che avevano votato five stras senza capirci un cazzo.
    E così trovando giustificazione a giustificazione il mondo continuerà a ruzzolare sempre nello stesso verso. Io desidero che lo stato presente delle cose si modifichi in tempi rapidi consapevole che le illusioni sono finite ai tempi di Kronstadt
    a.a.

  • Salve a tutti,
    premetto che ho votato M5S alle ultime elezioni nazionali, però questo non esime dal fare una critica costruttiva.

    Il fine ultimo che ci prefiggiamo sicuramente è condiviso da tutti, cioè fare gli interessi del popolo per il popolo.

    Il problema che si deve scegliere i metodi da applicare per raggiungere questo fine.

    Debbo sfortunatamente dire che, malgrado la buona fede, alcune scelte fatte dal M5S non vanno nella direzione dello scopo menzionato, ma nella direzione opposta.

    La democrazia diretta, in cui sono i cittadini che si scelgono le leggi da far passare è la rovina di un Paese per vari motivi:

    1) Molti dei problemi che si affrontano richiedono una grande competenza negli argomenti trattati, che non si può avere semplicemente leggendo qualche articolo su Internet. Anche perché quegli articoli se devono essere presi in considerazione, devono essere scritti da persone competenti e autorevoli, ma se così fosse, allora perché non far decidere direttamente loro (democrazia rappresentativa!). Voi salireste su un aereo in cui il pilota chiedesse ogni volta all’equipaggio quale pulsante premere per far volare l’aereo? Non è mica richiesta una cultura specifica per essere dei passeggeri su un aereo, ma per guidarlo non basta leggere il manuale delle istruzioni, servono anni di esperienza! Io mi sono occupato molto di energia, e da quello che ho appreso, posso dirvi, che i problemi energetici sono molto, ma molto più complessi di quello che possiate pensare! Il discorso che basta utilizzare qualche fonte rinnovabile (fotovoltaico, eolico, idroelettrico) per risolvere i problemi energetici, è pura utopia!

    2) L’intelligenza non è uniformemente distribuita nella popolazione, ma c’è un 10% che è scarsamente intelligente, un 80 % che è mediamente intelligente, e un altro 10% che è molto intelligente. Di quest’ultimo gruppo, solo un 2% della popolazione è in grado di portare su più alti livelli scientifici e culturali, la popolazione. Se ci fosse la democrazia diretta, il livello delle scelte fatte sarebbe quello di una persona media; mentre abbiamo bisogno di scelte molto intelligenti, perché i problemi sono molto, ma molto complessi!

    3) Nelle votazioni dirette, se vince sempre la maggioranza, le minoranze verrebbero schiacciate, quando invece la nostra stessa costituzione tutela le minoranze!

    4) Nessun popolo voterebbe a favore delle tasse; tanto è vero che la nostra legge vieta i referendum sulle tasse. Si creerebbero della lobby di potere, in cui le associazioni più numerose voterebbero per tassare gli altri e non loro.

    5) La maggior parte della popolazione non ha il tempo di seguire tutte le faccende politiche, e anche quando si chiede loro di scegliere solo il loro rappresentante o il Presidente della Repubblica; la maggior parte vota per simpatie o la persona più popolare, anche se quella, in realtà può addirittura avere idee nettamente opposte a quelle del movimento. Un esempio è stato quello del candidato Presidente del M5S: Rodotà che alla fine aveva idee in netto contrasto con il M5S.

    Quindi la migliore democrazia è quella rappresentativa, ma con alti livelli di trasparenza.

    Il partito/movimento ha bisogno di un leader che abbia il coraggio di prendere anche delle decisioni impopolari (decisioni che non verrebbero mai prese dal popolo in democrazia diretta).

    Un leader che ci metta la faccia e il proprio coraggio e capacità.

    Ripeto che questa è una critica costruttiva, fare finta che tutto va bene porta solo alla rovina.

    Spero che questo mio commento possa aprire gli occhi a tanti e far capire che le cose non sono così semplici come qualcuno vuol far credere.

    • Innovazione
      Quindi la migliore democrazia è quella rappresentativa, ma con alti livelli di trasparenza.
      CITAZIONE

      Se ne è già parlato qualche settimana fa in questo forum. Tu hai puntualizzato il tutto al meglio. Sono d’accordo con te…sta democrazia diretta non mi ha mai convinto.

    • Il Movimento è uno strumento per dare una forte scossa a tutta la merda che abbiamo intorno. Questo secondo me è lo scopo principale che ha. Non sappiamo dove andremo a cadere, ma sappiamo più o meno la direzione.
      Può darsi che la miglior forma di governo sia di tipo rappresentativo con un potenziamento degli strumenti di democrazia diretta, ma tutto questo non sarebbe stato neanche discusso se non ci fosse stata una forza che abbia chiesto di raggiungere l’orizzonte, non lo raggiungeremo, ma intanto camminiamo e andiamo avanti.
      Ci sarebbe tanto da parlare, ma vorrei fare qualche breve esempio:
      – a livello locale la sola introduzione del bilancio partecipativo, di assemblee pubbliche per la discussione di alcuni progetti che prima si discutevano nelle stanze del partito, l’introduzione nello statuto di referendum propositivi, una maggiore trasparenza, un contatto più vicino con i residenti (vedi l’assemblea dei 500 che si sta progettando a Parma), basta questo, su scala nazionale, per affermare che è già una rivoluzione (chiaramente, se il movimento riuscirà nell’intento).
      – a livello nazionale: beh direi che i nostri parlamentari stanno facendo qualcosa molto più vicino ad una democrazia diretta che una rappresentativa, infatti le leggi che si presentano non vengono fuori da una discussione “interna al Movimento”, ma dal dar voce a movimenti, associazioni, comitati, Ong, etc.. che già si battono da anni sul campo contro i problemi reali e concreti della società.
      E’ vero, non è una democrazia diretta, ma è molto più a contatto con la realtà del paese.
      I parlamentari sono casse di risonanza, quando si presenta un disegno di legge è perché c’è stato un lavoro con organizzazioni territoriali che conoscono il problema, al loro interno ci sono spesso professionisti del settore.
      Quindi non pensiamo alla democrazia diretta come a una forma di governo in cui chiunque vota su tutto, non è quello!
      Credo che il movimento si avvicini molto di più a una forma di democrazia in cui chi ha qualcosa da dire, chi ha competenze, esperienze proprie, etc, può aiutare alla progettazione di un disegno di legge. Su scala nazionale, questo è mille volte meglio che lasciare il progetto di legge ad un bravo professore universitario.
      Andate a vedere il meccanismo attraverso cui si formano i disegni di legge del movimento e capirete meglio quello che cerco di dire, o almeno questa è la mia idea in base a ciò che ho visto fino ad oggi.
      Un saluto a tutti e buona giornata, ricordiamoci che possiamo lottare anche con un sorriso sul viso 🙂

    • Strano però… In Svizzera funziona da un paio di secoli. Certo, se é il popolo a scegliere, in guerra magari non ci si va, in Europa non ci si entra… Cose così.

    • Franco

      Può darsi che la miglior forma di governo sia di tipo rappresentativo con un potenziamento degli strumenti di democrazia diretta
      CITAZIONE

      beh….messa in questi termini….se ne può parlare…: 1)governo di tipo rappresentativo….2)un livello altissimo di trasparenza ( creare dei sistemi informativi tramite web…ove il cittadino possa sapere TUTTO cio che si fa in Parlamento ma proprio tutto ..deve essere a portata di click per qualsiasi cittadino in qualsiasi momento ) 3) un potenziamento molto ma molto graduale (molto prudente…una gradualità di anni per intenderci ) degli strumenti di democrazia diretta…(creare un qualche sistema ove il cittadino possa essere parzialmente “partecipe” più sotto forma di “controllo” che possa determinare anche una certa influenza…fermo restando sostanzialmente un governo di tipo rappresentativo..

      in questi termini…è una proposta ipotizzabile , tutta da pensare…ma comunque con i piedi per terra.

      potrebbe essere interessante…al netto degli infantili entusiasmi di certi bambinetti del M5s…con la presunta verità in tasca e la testa nelle nuvolette 😉

  • “Ha parlato l’ideologo del Movimento, il Sig. Messora, iscritto al movimento e candidato presso quale lista civica?”
    il MOV non è nato per trasformarsi in un partito tradizionale.
    “C’è stato un periodo in cui Beppe non sapeva quale sarebbe stato il futuro del MOV, ora ce lo dici tu.”
    Chi ha votato 5 Stelle lo ha fatto per rovesciare il tavolo…
    “Vai a chiederlo a chi ha votato, che è meglio! Magari volevano rovesciare il tavolo ma si aspettavano sicuramente che non lasciassimo gli altri e l’oste a mangiarci sopra, comunque.”
    Chi ha votato 5 Stelle ha votato un programma in 20 punti..
    “I 20 punti sono arrivati una bella mattina.. aspetto la piattaforma.”
    (Programma) Così com’era.
    “Beppe ha sempre detto che il programma è work in progress, è a questo che serve la democrazia diretta e partecipata”.
    Intelligenza politica per un eletto a 5 Stelle è una locuzione senza senso.
    “Forse per te che non sei eletto, ma scelto e imposto a 50 senatori”.
    Sta tradendo il mandato elettorale.
    “Adesso parliamo persino di tradimento. Il mandato elettorale ha bisogno di una piattaforma che non c’è, non di un blog che accusa i propri eletti”.
    Democrazia diretta. “Vedi sopra”.
    Mendicare un misero emendamento rivendicandolo come un successo.
    “Umiliare tutti quelli che si danno da fare, grande metodo.”
    È stato mandato in Parlamento per provare ad avere la maggioranza.
    “Mandato per provare ad avere..?!?!?. Ma la maggioranza non c’è, Quindi che se ne stiano tutti a casa allora, gruppo comunicazione compreso.”
    Per il resto anch’io non vedo anch’io l’ora di tornare a votare, ma prego i ragazzi che ci sono di fare qualcosa per avere almeno una legge elettorale decente e di cercare di rappresentare la base che li ha scelti.

    • Signori e signori, ecco il commento di uno che si sente Senatore, e che questo post ha fatto incazzare parecchio. Segno che Messora ha fatto centro.

    • Qualora, per la comprensione dell’articolo di Messora, vi fosse bisogno di una dimostrazione pratica di un soggetto che non ha capito niente del M5s basta leggere il commento qui sopra di Giampaolo Sablich e l’esempio è lampante.

    • già come per ogni cosa anche la memoria del m5s è già finita. nessuno sa come è nato veramente e cosa si era promesso di fare, ovvero un cambiamento culturale. chi lo vive da poco questo passaggio storico del movimento non lo ha, ma tu giampaolo lo hai e per questo non verrai mai capito. Messora cosa vuoi che sappia, è pagato per scrivere queste cosa che fanno cambiare direzione al m5s, la vera linea politica ormai la detta la comunicazione. ciao

  • Messora a colto nel segno e ovvio che quelli che dicono dovevate fare il governo con il PD-L la verità non la vogliono sentire.

  • STATE CALMI!

    ciao Claudio, ma certo che è condivisibile il contenuto del tuo articolo, parola per parola. Siamo sempre lì, la coerenza è tutto nella vita.
    Però, però…
    Serve più che mai ora una serie di strategie di comunicazione, che agiscano su piani diversi, perché non c’è nulla da fare: il risultato di decenni di inscatolamento massmediovisivo ha prodotto i suoi effetti, altrimenti avremmo vinto di larga misura già alle passate elezioni.
    Poi c’è stata la macchina del fango, durata oltre 4 mesi (+ 3 pre-elezioni) e la gente, il solito popolo-bue che non sa ma giudica, si dice pentito, e io e te sappiamo che succede perché non sa..
    E’ vero che la gente deve avvicinarsi alla rete, staccarsi almeno un po’ dai media tradizionali, ma aspettarsi che lo faccia abbastanza velocemente e nel giusto modo, cioè trovando le giuste informazioni in rete, è altrettanto pura follia.
    E’ dal centro del MoVimento che deve partire una raggiera a livello informativo tale da raggiungere quanta più gente comune possibile.
    Complesso, ma obbligatorio.

    • Condivido pienamente questa esigenza di ampliare e diversificare le strategie di comunicazione verso l’esterno del popolo della rete.

    • Condivido appieno, siamo bombardati da informazione e contro informazione a tal punto che la verità diventa utopia.
      Sono seriamente preoccupata, poiché vedo allontanarsi sempre più la possibilità di salvare il salvabile.
      Personalmente sento aria di guerra globale.
      Maryta

  • A proposito di proposte degli iscritti al del movimento che nascono dal tanto decantato forum “propositivo e programmatico” del web: perchè il movimento DISCONOSCE e NON PRENDE IN SERIA CONSIDERAZIONE la proposta più votata e cioé quella DELL’USCITA IMMEDIATA DALL’EURO con le necessarie misure parallele descritte in questa proposta ????????????

    • “USCITA IMMEDIATA DALL’EURO”

      Andateci calmi, perché la vostra cura potrebbe essere molto più grave della malattia!

      Nell’euro, adesso che ci siamo, NON CONVIENE USCIRNE!

      Questo non vuol dire che dobbiamo accettare tutto passivamente.

      Molti dicono che si dovrebbe uscire dall’Euro perché così: si potrebbe stampare moneta, fare una svalutazione competitiva e riprendere a crescere. Belle parole, solo che la realtà è ben diversa.

      Alcuni dei motivi per cui non conviene uscirne sono i seguenti:

      1) Solo all’annunciare che si vuole fare una futura svalutazione, farebbe in modo che, chiunque abbia in banca più di qualche migliaio di euro, li sposterebbe immediatamente in una banca estera; in quanto, lasciarli in Italia e convertirli in una futura Lira, che si svaluta, farebbe perdere un sacco di soldi. Meglio tenerli all’estero in Euro e convertirli solo quando servono, con un cambio nettamente favorevole, in quanto la Lira sarebbe svalutata.

      2) Il deflusso di capitali all’estero, citato nel punto precedente, farebbe fallire immediatamente le banche, in quanto esse non hanno tutta quella disponibilità, che invece è vincolata in immobili o in prestiti. Quindi, fallimento immediato delle Banche e quindi di tutti i cittadini.

      3) I titoli di Stato che tanto vengono criticati, che dovrebbero essere rinegoziati, sicuramente non li hanno quelli che propongono la rinegoziazione. E’ sempre bello parlare di come tagliare i soldi degli altri! Anche perché chi lo dice che, chi oggi ha dei titoli di stato, l’avuti anche nel passato per tanto tempo e quindi che abbia preso molti interessi? Qualcuno potrebbe averli presi solo adesso, e quindi perché deve pagare per gli interessi presi dagli altri?! E chi ha preso gli interessi dei titoli di Stato, se qualcuno gli dicesse di restituirli, esso perché dovrebbe rimetterci solo lui che ha aiutato a finanziare lo Stato, mentre quelli che hanno lasciato i soldi nei conti correnti o in obbligazioni dovrebbero usufruire degli interessi. Della serie, non ci sono interessi percepiti in modo sbagliato e quelli percepiti correttamente. Ognuno ha contribuito a modo suo.

      4) Riprendere competitività, siamo sicuri? Molte delle aziende sono andate già oltre confine e quindi già producono a costi slegati dalla situazione della moneta in Italia. Io penso che le aziende invece di preferire una moneta debole (svalutata) preferirebbero pagare meno tasse; questo si che darebbe le risorse per essere più competitivi investendo in innovazione e avendo margini per abbassare i prezzi. Perché i prezzi, non li deve decidere una moneta svalutata uguale per tutti, ma la singola azienda in base alla propria capacità. Sono le tasse che penalizzano la ripresa! Infatti negli Stati in cui si pagano meno tasse, l’economia va meglio; quindi non è la moneta! Anche un Paese del terzo mondo paga il Petrolio e tutte le materie prime come le paghiamo noi, la differenza che li si pagano meno tasse o costi in genere.

      5) Quasi tutti gli esempi mondiali di Paesi che hanno fatto bene a svalutare la loro moneta, nel breve periodo ne hanno avuto benefici, ma nel lungo periodo stanno fallendo di nuovo tutti! (Argentina, Islanda, Giappone messo male). Non sono i soldi che fanno girare il mondo, ma è l’energia e le capacità umane di saperla utilizzare per creare dei benefici (ricchezza) per i popoli.

      Allora, qualcuno mi potrebbe chiedere: allora cosa conviene fare?

      1) Restare nell’euro;

      2) Andare a PRETENDERE in Europa che tutti i soldi spesi per investimenti non siano conteggiati in un eventuale debito / deficit (in tutto il mondo i debiti stanno crescendo e noi non dobbiamo crepare per cercare di essere gli unici ad avere un debito basso, anche perché come insegnano molti Stati, i debiti possono salire velocemente se l’economia è in crisi e la finanza fa danni);

      3) Il Paese si deve finanziare tramite la BCE (garanzia di ultima istanza);

      4) Per ottenere i benefici dei punti precedenti, chiaramente dovremmo dare delle garanzie che non andremo a sperperare i soldi di cui usufruiremo. La ricetta ce la possono anche dare loro, la possono chiamare anche “austerity”, però se invece della crescita, si ha una decrescita, il danno procurato dalle loro politiche sbagliate lo dovranno PAGARE LORO!
      CHI SBAGLIA PAGA!

      5) Molti dicono che la globalizzazione stia facendo danni, magari in parte è vero, però ci sono problemi che si possono affrontare solo a livello mondiale. Cambiamenti climatici, crisi delle risorse (in particolare quelle energetiche), inquinamento, disordini sociali in molti Paesi e possibili guerre. Questi problemi si possono affrontare sono se si è grandi, quindi ben venga l’Unione Europea e anche più.

      Qualcuno mi potrebbe dire:
      “ma la Germania permetterà tutto quello che proponi?”

      Io dico che la Germania, da prima potenza Europea, rischia di diventare il Paese più povero del Mondo! La sua banca (Deutsche Bank) ha un rischio verso i derivati che è oltre 20 volte il PIL della Germania. Se fallisce la banca, fallisce anche la Germania, in quanto la banca è nazionale. Anche se solo una piccola parte di quei derivati andasse male (diciamo il 5%), sarebbe un danno enorme uguale all’intero PIL!

      Quindi, bisogna fargli capire che i primi ad essere interessati, che in Europa la situazione migliori, sono proprio loro!

      Qualcuno potrebbe dire:
      “e se avessero pochi derivati esposti ai Paesi Europei?”

      Dico semplicemente che non cambierebbe un bel niente! Perché la crisi dei Paesi europei si sta già riversando in tutti i Paesi del mondo, quindi è matematico che la Deutsche Banck ne risentirà gravemente (sicuramente andrà in fallimento con tutta la Germania se non fanno niente).

      Quindi possiamo andare a testa alta in Europa e pretendere i soldi per gli investimenti.

    • Perché Grillo….ha “”””altri grilli per la testa”””””….ecco perché!!!

      Qui si parla di democrazia diretta….e poi si “elude” la volontà della base..(però ogni tanto posta nel suo Blog l’articolino …anti euro o anti UE..alla Nigel Farage .tanto per farci felici…)

      .Non mette al primo posto l’uscita dall’Euro..e la messa in discussione dell’UE in modo chiaro , fermo e deciso?

      l’ unica risposta è questa: NON DARGLI IL VOTO

      C’è poco da fare….c’ è qualcosa che non mi “sfagiola ” in sto Grillo…..

      No seria proposta anti euro………………no party!

      magari per assurdo lo proporrà il Silvietto neo pregiudicato (o chi per lui cioè la Marina..che dice di non voler scendere in politica invece è prontissima se la contingenza lo richiede )…è prenderà magari una valanga di voti.( da Berlusconi ci si può aspettare di tutto…..)

      Gia i sondaggi al momento danno in aumento il PDL…in caduta il PD…e stabile il M5s

      L’Euro ci sta strozzando….della” democrazia diretta ” non c e ne puo fregar de meno (non è tempo di esperimenti su neo sistemi di democrazia )….

    • Innovazione

      23 agosto 2013 alle 09:42

      “USCITA IMMEDIATA DALL’EURO”

      Andateci calmi, perché la vostra cura potrebbe essere molto più grave della malattia!
      CITAZIONE

      Se un paese come l’Italia esce dall’Euro…potrebbe essere l’Euro a disintegrarsi…altri paesi uscirebbero.

      Con l’Euro…il “suicidio” assistito è certo.L’Euro è stato pensato, concepito come grimaldello per disintegrarci…è nato solo ed esclusivamente per questo…

      Restare nell’ euro e “pretendere” i punti elencati da te …da “questa Europa” gestita da una trojka del Bilderberg…etc etc…tu ci credi? beato te……..io no. Decisamente no.

      Un paese senza sovranità monetaria nel bene o nel male…non ha dignità…..e l’Europa non è ne una Nazione ne un Popolo(ci son troppe diversità in tutti in sensi )….quella moneta non ha senso…NON NE HA MAI AVUTO….e non ne avrà in futuro.

      L’Euro è una moneta di nessuno…gestita da una Trojka di delinquenti….è poco dignitoso per un Paese..chiedere condizioni a dei delinquenti (il dollaro è degli Stati Uniti…lo yen è del Giappone….la Sterlina dell’Inghilterra…L’EURO di chi è? dell’Europa? quale Europa? Quella dei 27 paesi diversissimi tra loro ? no…non è di nessuna di questi….è di “quelli là”..che decidono la Politica Monetaria…..e noi ridotti al rango di regione…dobbiamo chiedere condizioni ad un club di delinquenti dell’alta èlite?….è poco dignitoso….

      un unità politica , economica, un armonizzazione finanziaria, una medesima lingua, un armonizzazione delle diverse culture…non è possibile nel breve periodo (ci vogliono decenni )…e senza questi presupposti non è possibile una moneta unica….questa ha fatto solo danni, ne fa attualmente e ne farà in futuro. Questo progetto dell’Europa Unita…in questi termini è un progetto disgraziato, pensato per fini disgraziati..ed è stata tutta una gigantesca “forzatura” .e la peggior disgrazia nel tutto è l’Euro. Altroché UE dei popoli per i popoli——->>> <UE delle èlite per le èlite contro i popoli

      Chi vuole l'euro…per qualsiasi motivo…non ama il proprio Paese…….

    • Shardam:
      “Restare nell’ euro e “pretendere” i punti elencati da te …da “questa Europa” gestita da una trojka del Bilderberg…etc etc…tu ci credi? beato te……..io no. Decisamente no.”

      Lo faranno se gli converrà farlo.

      Ricordo un detto: “preferisco essere povero in una nazione ricca, piuttosto che essere ricco in una nazione povera.”
      Loro rischiano di essere ricchi su delle nazioni povere.

      Continuando a fare quello che fanno, saranno a capo solo di rovine e macerie.
      Gli dobbiamo fare capire che conviene anche a loro.

      Non ho mica pensato che lo farebbero per bontà…

      Tutti uniti siamo forti, divisi non siam nessuno.

      Il caso dei Marò in India, dimostra il peso dell’Italia a livello internazionale, cioé… niente!

      Se non lo capiranno neanche pensando che possa essere un loro interesse far migliorare l’economia di tutti i Paesi, credo che nel prossimo futuro il problema economico non sarà neanche il più grande dei problemi, perché ci finirà come le rivolte arabe se non in una guerra globale. 🙁

    • innovazione
      Questi problemi si possono affrontare sono se si è grandi, quindi ben venga l’Unione Europea e anche più.
      CITAZIONE

      questa è una canzoncina già conosciuta….ce la raccontavano pure quei mascalzoni chiamati : Prodi, Amato, Draghi, Monti,D’Alema etc etc…il PD.. in generale ….il partito cameriere servo del Vero Potere (le Elite Mondialiste ) . No grazie!!!

      E’ possibile un altra Europa unita nelle diversità …per le cosidette “sfide Globali (anche questo è un argomento …usato come “grimalderlo” per farci ingurgitare..scelte disgraziate…e non sempre rispondente al vero )

      storieee…..son tutte canzoncine /mantra …trite e ritrite…..questa UE e questo Euro…vanno aboliti e poi sulla base di questa disgraziata e fallimentare (oserei dire anche criminale)…esperienza…ripensare una Nuova Europa….anche per le sfide globali.

      a me pare che la Germania…sia più interessata a distruggere l’Italia piuttosto che unirsi per sfidare la Cina o l’India…o altro……io non la vedo nei 27 Paesi dell UE…questo “spirito fraterno” e questa predisposizione all’unità per un fine comune (sfide globali comprese)….vedo altro….e in futuro vedo una tragedia…..causa UE /Euro,,,,,(Grecia come antipasto docet)

      sono s-t-o-r-i-e-l-l-e stile PD

      Letta ha scritto un libro: Morire per l’Europa…..ci muoia lui con tutti i Piddini che lo vogliono seguire……io non voglio morire di Euro e son felicissimo di essere Italiano…e non voglio che la nostra specificità di Paese venga persa…in una deleteria Unione Europea senza ne capo ne coda…che ha prodotto solo disastri.

    • Shardan:
      ” son felicissimo di essere Italiano…e non voglio che la nostra specificità di Paese venga persa…in una deleteria Unione Europea senza ne capo ne coda…che ha prodotto solo disastri.”

      Ricordiamoci che noi siamo Italiani solo da 152 anni!

      Allora cosa debbono dire gli Inglesi che lo sono da tanti secoli?

      Shardan:
      “questa UE e questo Euro…vanno aboliti e poi sulla base di questa disgraziata e fallimentare (oserei dire anche criminale)…esperienza…ripensare una Nuova Europa….anche per le sfide globali.”

      Perché c’è bisogno di distruggere per ricostruire?
      Non è meglio convertire?

      Il vero motivo per cui non c’è tutta questa fratellanza tra i Paesi Europei è un altro!
      E’ iniziato il periodo della scarsità di risorse, e quando non c’è abbondanza, iniziano gli egoismi.
      Sfortunatamente il tempo che ci resta, per trovare una soluzione al problema della mancanza di risorse energetiche, sta per finire!
      Abbiamo un’occasione unica nella storia dell’umanità, se non riusciremo a fare il grande salto, non ci sarà più un’altra occasione!
      La scarsità di risorse energetiche crea l’egoismo, questo tende a disintegrare tutti gli Stati. In apparenza ci sarebbe la tendenza a tornare a un periodo medievale dei comuni, città Stato; ma siamo troppi in questo mondo per tornare indietro e quindi finirà male!!!
      Ribadisco: abbiamo un’occasione unica nella storia dell’umanità, se non investiamo adesso nella direzione giusta siamo persi per sempre! Ci serve molta ricerca e innovazione e questa Europa deve metterci i capitali, se no siamo persi tutti!

    • shardan
      Perché Grillo….ha “”””altri grilli per la testa”””””….ecco perché!!!

      Qui si parla di democrazia diretta….e poi si “elude” la volontà della base..
      CITAZIONE

      a proposito della volontà della base sull’Euro…LO SOTTOLINEO…Perché E’ UNA “INSPIEGABILE” è GRANDE CONTRADDIZIONE. COME? VA A DESTRA E A MANCA A PARLARE DI DEMOCRAZIA DIRETTA…è POI SU ALCUNI PUNTI IMPORTANTI..FONDAMENTALI…”ELUDE” LA Volontà DELLA MAGGIORANZA DEL POPOLO M5S???…FACENDO ORECCHIE DA MERCANTE? ….domando e mi domando : ma Grillo …è “libero”??? (chi vuole capire capisca…..)

  • Sarà molto difficile governare fino a quando esisteranno, sulla scena politica, un Presidente della Repubblica ed un PD asserviti entrambi alla causa globalista del NWO (Nuovo Ordine Mondiale) e, dall’altra parte, un Pregiudicato sostenuto sia da personaggi che gli devono tutto che da una miriade di cerebrolesi diventati tali per colpa di Mediaset e della sua subcultura che propina giornalmente con i suoi programmi.

    Sarà molto difficile ma non impossibile, dobbiamo crederci!

  • perdura la cattiva abitudine di identificare chi ha votato con chi segue, aderisce, concorda con il Blog (di Grillo o Messora che sia).
    Tutto quanto Messora scrive va benissimo per i secondi, ma come faranno le 50mila (80mila ? 100mila ?) persone che sono d’accordo e lo ribadiscono quotidianamente su queste pagine ad avere il voto dei miloni di persone che ancora non li hanno votati, per aver la maggioranza assoluta e fare quello che vogliono, resta un mistero.
    Messora ha parlato uno ad uno con tutti quelli che hanno votato M5S ?
    O solo con il 4% ( o il 4 per mille) di quelli ?

    Tra l’altro vorrei che almeno i “nuovi partigiani” stessero ben attenti a non riportarci ad una dittatura della maggioranza di stile Berlusconiano. Anche se un partito avesse il 60% dei voti, non puo’ calpestare gli altri, non e’ democrazia, e’ nazi-fascismo. Democrazia e’ rispetto degli altri,
    ricerca di soluzioni per tutti e non solo per chi ti ha votato e soprattutto responsabilita’ di chi decide.

    Un eletto che pubblicamente fa una scelta che non ti piace si assume una responsabilita’, ci pensa, e in caso paga le conseguenze (in uno stato sano). MIlle persone che votano su web, nessuno sa se si rendono conto di quello che fanno, sono soggette a mille pressioni, condizionamenti e possibili truffe, e agiscono in piena leggerezza e incoscienza tanto se quella legge non funziona nessuno li va a cercare uno a uno per rimproverarli. Magari fanno il loro male, lo scopriranno
    dopo, e non avranno modo di rimediare.

    Questa democrazia diretta sta diventando uno slogan con cui a tanti piace sciacquarsi la bocca, ma un progetto concreto di come farlo, dimostrato nei fatti con prove, simulazioni, realizzazioni limitate, e’ una araba fenice di cui non si e’ ancora vista nessuna traccia. Il M5S sta diventando come il PDL: Casaleggio che dice “o fate come dico io o me ne vado”, come Berlusconi. Intendendo che se me ne vado voi siete un branco di idioti che non compiccerete nulla e finirete massacrati. Ora Berlusconi puo’ avere un partito di venduti, corrotti e portaborse che senza di lui vanno in galera e si cacano sotto all’idea di pederlo, ma se Casaleggio se ne va ? Perche’ e’ un problema ? E’ l’unico che pensa nel M5S ? Come puo’ un movimento democratico dipendere in questo modo da una persona sola, che tra l’altro si guarda bene dall’affrontare il giudizio pubblico sulle sue idee e proposte ?

    Per questo si vota o su principi generali (i partiti tradizionali) che poi gli eletti applicano al meglio o su questioni puntuali, semplici e chiare (i referendum), ma non si puo’ legiferare o men che peggio governare per via di urne o sondaggi. Cioe’… si puo’, e’ tecnicamente possibile, ma e’ una delle cose piu’ antidemocratiche che si possano immaginare, ancora piu’ pericolosa perche’ travestita. Meglio un dittatore chiaro e dichiarato, che un manipolatore di coscienze.

    Certo la democrazia tradizione fa schifo, la televisione comunque intontisce le menti, nei “paesi avanzati” la maggioranza non vota, o vota in base agli spot pubblicitari, si scegli il presidente USA come si compra un detersivo. Ma cosa fa pensare che chi legge questi blogs dove chi non e’ d’accordo e’ bollato come troll e ignorato, faccia scelte tanto piu’ sensate ?

    Concludo cosi’, ero tentato a febbraio di votare M5S, ero dispiaciuto
    a Marzo di non averlo fatto, ma ora sono contento di esserne stato lontano. Cari CasalGrilMessoBechi.. -1. E palla al centro.

    • Quando realmente capirai il M5S sarà per te molto tardi. Forse sarai già con le pezze al c**lo e magari non avrai più cibo per sfamarti. Purtroppo grazie alle TUE scelte e quelle dei soliti ITALIOTI il peso di questa calamità NON NATURALE, ricadrà anche sui cittadini con mente, orecchie e occhi APERTI. Parli di democrazia in modo estremistico e non capisci che si parla di LAOCRAZIA, sembra ti dia fastidio che cittadini possano avere possibilità di decidere quale e come una legge va fatta. Il M5S ha questo fine, portare cittadini ad occuparsi ,politicamente, di se stessi e non lasciare ad altri una delega in bianco. AFFERRI?? Non si parla di una o due o tre persone DELEGATE, tipo: Grillo, Casaleggio o altri singoli ma di un popolo intero che decide COME VUOLE VIVERE acquisendo informazioni dirette e soprattutto VERE dai propri ASSUNTI nei palazzi governativi. Un’informazione corretta e obbiettiva di media non di parte, critici magari, ma ONESTI.

    • Vuoi sapere come il M5S stà cominciando a fare LAOCRAZIA??? Vieni a trovarci nei MEETUP o alle riunioni presso la tua città e lo saprai in modo molto esplicativo.

    • ho votato M5s…e ho convinto amici e anche parenti a dar fiducia a questo nuovo movimento……adesso..con il senno di poi….son tentato di fare il contrario…(pare che riesca a persuadere..)!!! Palla al centro….

      i bambini con il metaforico “ciucciotto/biberon ” in bocca ..e il giocattolino politico…per giocare e sognare…meglio che restino a casa ;-)) potrebbero far danni….
      povera amata Italia!!

    • Stefano Belforte
      Questa democrazia diretta sta diventando uno slogan con cui a tanti piace sciacquarsi la bocca, ma un progetto concreto di come farlo, dimostrato nei fatti con prove, simulazioni, realizzazioni limitate, e’ una araba fenice di cui non si e’ ancora vista nessuna traccia.
      CITAZIONE

      la verità? è una puttanata gigantesca….pericolosa…un salto nel buio…difficile da realizzare tecnicamente…complessa..controproducente..può portare più danni che altro..è soggetta al creare distorsioni peggiori di quelle attuali…vedo che tanti troppi…nell’M5s…ci tornano, ritornano e ritornano nell’argomento..(secondo me non sanno manco chiaramente il “modus tecnico ” per realizzarla …)———->>> le Istituzioni sono una cosa seria e complessa….non ci si gioca come se fossero dei giocattolini…per provare a realizzare le cazzate mentali di Casaleggio.(parlassero di Euro….e non in modo ondivago piuttosto….che c’è gente disperata….dove vivo io…ci sono studentesse che di tanto in tanto si prostituiscono per mantenersi gli studi…ragazzi che abbandonano l’università perché la famiglia non riesce a sostenerli e stanno a casa a marcire senza far nulla…uomini over 40 umiliati e senza lavoro che non sanno più dove sbattere la testa e cosa farsene della vita..ormai zombie….gente che ferma l’ indispensabile auto perché non può sostenerla…gente che salta i pasti o va a mangiare alla Caritas…qui in certe parti della Sardegna ..in particolare Sulcis Iglesiente si sta assaggiando un anticipo della peggior Grecia..che poi sarà il destino di tutta l’Italia .e sti fanciulli…continuano ed insistono nel parlare di i “democrazia diretta”…ma per carità….)
      Ho votato M5S…oggi proprio in questi giorni ho “quasi” capito …che da elettore è un esperienza da chiudere…questi sono degli …non saprei come dire…degli “immaturi” politicamente parlando….(siamo messi male: due partiti ladri e infami…e un movimento di politicamente bambini….siamo proprio messi male).

      Non volevo più votare PDL….non mi resta altro che Forza Nuova oppure Scheda Bianca (scelte poco costruttive)….ma io a sti bambinetti…mi sa mi sa…che non rinnovo il voto (era la mia e non solo mia… ultima speranza….povera Italia :-((

      giocano e giocano e giocano….sognano e sognano…..oggi sto capendo…che parlano come se avessero la verità in tasca ed invece non sanno manco dove hanno i piedi. LA REALTA’ E’ UN ALTRA….scendere dalle nuvolette per cortesia!!!!

      Ho nostalgia di una certa Nicole….forse non aveva torto !

    • Scusate…il mio post 25.1 …è una considerazione in risposta al post n 24…di Stefano Belforte e non c’entra nulla con il post n 25 di Tralevarie.

      pardon…errore.

  • sono pragmatico, 2/3 degli italiani hanno votato il loro boia PDPDL!
    Come si può far cambiare idea almeno ad una parte di questi autolesionisti?
    Escluso lo zoccolo duro e le zoccole femmine o maschi che siano rimane una cospicuo numero di italiani con l’istinto di conservazione si spera, come si può convincerli?

    • Si sentiva la mancanza del diktat talebano.

      In mezzo a che ? I 20 punti “prendere o lasciare anche se sei d’accordo solo su 11 (12, 9, 4, 17.. )” non sono un punto d’arrivo allettante. Alla fine, milioni di persone oggi come oggi smadonnano, stentano, ma campano. E tanta voglia di buttare tutto alle ortiche non ce l’hanno. Sono stanchi dei politici che rubano, e hanno votato chi sembrava onesto (e su questo per ora ci abbiano chiappato), ma speravano anche che questi onesti trovassero il modo di bloccare un po’ le mani agli altri (e qua per ora non s’e’ visto molto). Questa apertura del parlamento come una scatoletta di tonno non pare stia producendo molto. Se non c’e’ un successo visibile entro diciamo un anno (non dico una grande vittoria, ma qualcosa per poter dire.. avete visto che qualcosa abbiamo fatto), sara’ difficile trovare ancora fiducia perche’ la sirena “tappati il naso e vota per me che ti faccio pagare meno tasse” avra’ sempre un fascino molto forte.

      Stellini.. per favore, scendete coi piedi per terra.

  • @ Stefano Belforte, ma perchè pensavi che il M5S risolvesse anche la fame nel mondo? E su per favore un minimo di realismo!
    Ad oggi il MoVimento ha fatto abbastanza senza sbagliare una mossa, hanno lasciato che PDPDL cuocessero nel loro brodo primordiale di interessi privati fino a bollire.
    Ora se quella parte sana (ammesso esista) della SX e DX non capisce cosa deve fare e chi votare non è colpa del M5S.

    • questa e’ troppo bella, merita cinque stelle !

      “Ad oggi il MoVimento ha fatto abbastanza senza sbagliare una mossa, hanno lasciato che PDPDL cuocessero nel loro brodo”

      Il piu’ grande elogio del non far nulla che si sia mai sentito.

      Chi non fa, non falla. Nulla da dire

  • “Non c’e’ niente in mezzo…”
    che cosa significa?
    In mezzo a che cosa?

    Per caso significa che o il M5S si allea con il PD, oppure si ritorna alle urne?????

    In realta’ non accadra’ nessuna delle due cose. Il M5S non ha i numeri per far tornare il paese alle urne. Ma ha i numeri per mettere il PD con le spalle al muro con una proposta seria, concreta e fattibile, costringendolo quindi a non cedere a ricatti del PDL.

    La loro abilita’ si misurera’ nella loro capacita’ di farlo senza allearsi con il PD.

    Ma se non lo fara’, se non ci provera’ nemmeno, non vedo come potra’ avere la faccia, alle prossime elezioni, di chiedere nuovamente la fiducia agli italiani.

    • cercare di farti capire e’ tempo sprecato…..
      non c’e’ nulla da fare tu cerca di salvare il pd noi di affondarlo affinche’ non faccia piu’ danni in futuro

    • CI SEI O CI FAI ? ANCORA NON HAI CAPITO CHE IL M5S NON FARÁ ALCUN INCIUCIO COL TUO PD ?MEGLIO SOLI CHE MAL ACCOMPAGNATI ! PRESTO GLI ITALIANI ONESTI SE NE ACCORGERANNO !DOVE SONO TANTI GALLI COME IL PD NON FARÁ MAI GIORNO !

    • Non mi piace essere agredito, con toni tipo “ce sei o ce fai”, “cercare di farti capire e’ tempo sprecato”, ecc. Scrivere tutto in maiuscolo significa urlare.

      Accetto qualunque obbiezione a cio’ che scrivo, purche’ nei limiti di un dialogo civile.

  • Incredibile pagliacciata il sito da te postato. Sa molto di Zeitgeist, questi sono tutti gatekeeper del NWO. Tanti bei concetti condivisibili e molto futuristici, per poi proporre un reddito universale (bello, ma presuppone un governo mondiale), la fiscalità monetaria (uno Stato a sovranità monetaria non ha alcun bisogno di emettere moneta e poi riprendersi l’8%, studiarsi un pò di macroeconomia please..e anche questo presuppone un governo mondiale), una moneta elettronica (lui stesso dice che tutt’ora è elettronica al 98%, quindi nessun problema è dovuto al contante..anzi, l’eliminazione di quest’ultimo è uno dei grandi obbiettivi dei tecnocrati finanziari che avrebbero il controllo dell’emissione e di tutti i dati relativi a qualunque spostamento di valuta) e dulcis in fundo, tutto il lavoro fisico mondiale svolto da “un’unica macchina”…chi la costruisce, ma soprattutto chi la controlla?! Ragazzi occhio, anche a me piacevano i primi film Zeitgeist ma bisogna informarsi su questa gente, e tener sempre presente che la tecnologia è in mano al Potere (anche la democrazia diretta via web rischia di essere pericolosa, lo sostiene lo stesso Casaleggio in un’intervista a Wired). In campana..

    • Michele
      …. Sa molto di Zeitgeist,…….

      CITAZIONE

      …..non dico tutti e non generalizzo….9 milioni i elettori meritano “sempre e comunque” rispetto….(non sono di quelli che dicono che in tot questi o questi altri elettori ….son scemi perché hanno votato questo o quest’altro partito….perché non si ragiona in questi termini….)….detto questo…all’interno del M5s…ce ne sono un bel po…con la testa imbevuta di stronzate del genere….anche di peggio….
      Detto questo ci son anche persone splendide…..

    • eeehhhh??? !!!! cosaaaa??!!! ,,,ma che diciii???….come ti permettiii????!!!….le armi ci sono …eccome se ci sono!!! ::

      – il biberon ideologizzato,
      -i vari giocattolini politici per sognare….
      -i sacri Meet Up american style…
      -.il mitizzato Dio Web sempre giocattolino per realizzare le minchiate Casaleggio Style…
      – l’apriscatole…per sventrare il parlamento..

      e ti sembra poco????

      .roba da far invidia agli infanti del primo anno d’asilo…questi al potere ti cambiano tutto…saranno bravissimi …in politica interna, politica internazionale( qui siamo garantiti…ci aiuteranno gli yankee ..che di queste cose ne capiscono…i solidi contatti ci sono….non siamo mica scemi noi…ehhh ), economia, etc etc…ti risolveranno letteralmente “giocando & ridendo”…situazioni complesse e delicatissime…..è la concreta realizzazione di un certo slogan degli anni 70 :” la fantasia al potere”…mica quei noiosi,rognosi, ladri , delinquenti,pallosi, tergiversatori , voltagabana.senza dignità ,traditori e chi più ne ha più ne metta…di politici dei partiti tradizionali…

      Questi al Potere ..saranno un “garanzia” ….si può far sonni tranquilli.

      non mi sono affatto pentito di aver dato loro il mio voto

      la riconferma del voto è assicurata!!! 😉

      adesso possiamo dirlo con assoluta certezza: l’ Italia ha un futuro…..

      si partirà dalla “democrazia diretta”

      http://www.youtube.com/watch?v=JodFiwBlsYs

      e nel 2050…vivremo una nuova realtà , una nuova “dimensione umana” (tutto merito del nostro amato “guru”…enigmatico e un po ombroso….ma ci sta bene…che guru sarebbe altrimenti??? ehhh !!!!)

      Grillo…inoltre ha pure depositato un nuovo marchio di riserva : ” I Pirati”…….

      roba seria…….qui non si scherza

      mi son prenotato per il TSO ;-)))

  • Bello fare propaganda! cominciamo ad esser seri ,iniziamo a inquisire tutti i manager italiani ,dobbiamo risalire alla radice del male .Iniziamo con uno a caso…
    Cari giornalisti illuminateci!!!fate conoscere al mondo intero l’armadio nascosto di C-o-r-r-a-d-o-p-a-s-s-e-r-a. Un armadio pieno di scheletri gruppo mondatori,gruppo espresso cir,olivetti,gruppo de benedetti,omnitel,infostrada,cariplo,BAV,intesa sanpaolo,messo nella cai.

    • Quanti sono???….aiuto….troppi!!!!
      Ci siamo svegliati troppo tardi, nel frattempo si sono moltiplicati a dismisura.
      Maryta

  • Italy is in economic disarray. Its prospects of an economic and financial recovery are becoming worse with time. More ominous yet, the prospects of the world’s economic and financial recovery become less stable as important sectors of the world economy like Russia and China accelerate towards the American model of economic development. Russia is speeding on the road to “privatization” of public values, and China is pauperizing its economy in contradistinction to a full-fledged effort to increase internal consumption and elevate the standard of living of its people. It has become evident that since the early 1970’s and especially since the elimination of the Gold Standard, Capitalism as an economic system morphed into Financials: A pseudo economic system in which Capitalism, as bad as it may have been in the XIX and XX Centuries, self-cannibalizes.

    A new economic system has to emerge. Knowledgeable people of “good will” must come together in time to determine what the future of the world’s economy must be. Nevertheless, whatever model will be designed it is true that Italy cannot wait for the savants’ solutions. Italy must take some courageous steps right now. Italy’s example may be replicated by other nations that are in the same situation, and it is foreseeable that from the ashes of Financialism, a new world of accelerated human progress will make its appearance.

    This will only happen if a few courageous people begin to organize OPEN AND LOUDLY around some key potential solutions appropriate to the moments we are living in Italy.
    Will you two gentlemen take up the challenges proposed in the next few pages?

    A. Financial proposals:

    1. Nationalize the Italian Banking system effective immediately. Banks must only be a vehicle of economic transactions, not speculation. Money does not “make money”. Only Economic activity creates wealth.
    2. Declare an immediate Moratorium on the repayment of the principal and interest of Italy’s National Debt. Interest rates must be declared Zero.
    3. Declare a Ten year hiatus on any repayments of principal to Foreign-held Debt. Renegotiate the face value of the new National Debt to a lower value.
    4. Institute an immediate return to the Lira, say a New Lira, even if Italy must have for a limited time an interchangeable two-currency system.
    5. Establish a present time one-to-one equivalence between the Euro and the New Lira. Then, convert by decree all National Debt Notes and Bonds to the New Lira denomination.
    6. Any fees paid to “Banks” shall only reflect the overall cost of banking transactions. I.e., the “House” (banking system) must be neutral to the economic system and “break even” in regards to its costs of operation.
    7. Create a parallel Lending Branch within the new Banking system to issue Home Loans at NO interest. Allow a small premium charge to cover the administrative costs of issuing and managing such Home loans, including a premium for expected loan defaults.
    8. Let the system eliminate all ‘red taping’ in the loan process allowing for a maximum delay of three weeks for the electronic-based completion of the loan process.
    9. Allow for the creation of a separate “investment banking system” which is prohibited by law to use any leverage. Investment capital is and must be completely separate from the national banking system.

    B. Economic proposals:

    1. Implement immediately a “Keynes-on steroids” governmental spending program to ensure a full employment (a true 100%) of all available labor.
    2. Create all the necessary “Liquidity” to achieve that goal. Example: We wish to employ the 3 million unemployed Italians at decent wage levels. Assuming a 20.000 New Lire per person per year, the government needs to put 60 billion New Lire into circulation. In comparison: Italy pays about 100 billion a year as interest on its National Debt.
    3. Therefore, by declaring a Debt Moratorium Italy has immediately more than enough resources to reach full employment and achieve economic abundance. (The same would be true for any other nation.)
    4. Employ everyone available in thousands of different sectors: public administration, schools, hospitals, improved transportation, administration, maintenance and all other public work sectors including a new sector engaged in the beautification of our cities.
    5. Allow any remaining available workers to be hired for a period of no less than a year (at government’s expense) by private industry to expand immediately the capacity of manufacturing enterprises and their ability to meet the added market demand of the new purchasing-able consumers.
    6. Achieve the above stated goals by turning on its head the present policies of free trade. There is no such thing as “free” trade because there are SOCIAL costs of production (Health, education, transportation, living conditions, etc.) which must society must meet at a 100% level regardless of the level of employment of labor.

    C. International Trade:

    1. Withdraw immediately from so-called free global trade treaties. This is the only way to help Italy’s small, medium and even large enterprises and industries.
    2. Italy MUST and WILL immediately impose Duties on all imports with the exception of those indispensable raw materials and equipment not immediately available in Italy. These Taxes will be sufficient to guarantee that prices of imports will be WELL ABOVE (10, 20, 30% or more) the average cost of comparable local/national goods. This is an appropriate “shock therapy” to encourage local production and, therefore, employment. In the alternative, these taxes will be used to expand employment in other areas of national economic or SOCIAL interest.
    3. Industrial production must be the first line of defense beginning from the sectors of heavy industry and metal smelting. Car manufacturing is one of those. It makes no sense for Italy to import automobile when it has a huge capacity to produce its own. The problem is that when idle, Italy’s workers do not contribute to the social costs of “life”. In fact, even if they are idle, they still need to be provided with the benefits of living in a civil society, including Education, Medical Care, Public Roads and other Transportation, etc. The American Ford, the German Opel and the Japanese Toyota have never contributed to the payment of those social costs in Italy for the unemployed d automobile workers.
    4. The situation is still worse for any of those consumer items of daily use, including toys, paper products, plastics, light metal material, clothing, leather products, etc, coming from China and elsewhere, which increasingly flood Italy’s commercial centers.
    5. The “Free Market” model of Global Trade today has proved to be violently wrong. It makes victims of producer-workers in developing countries that are paid barely above what the West considers slave wages. It also makes victims of consumer-workers in the developed countries who are themselves increasingly unemployed and therefore living at slave-level conditions.
    6. This is NOT to diminish the people of China and all other developing countries. Their governments must and will ensure that the country continues to produce increasingly larger quantities of consumer and industrial goods for the sake of uplifting their own peoples’ consumption and general standard of living.

    D. Taxation proposals:
    For simplifying the tax system and at the same time guarantee a near 100% compliance of taxation, the National Tax system must be changed radically.
    1. Taxes as we know them will be totally eliminated for Individuals and Enterprises. This includes:
    a) NO taxes on profits by enterprises at the closing of their economic cycle.
    b) NO yearly tax on income and revenue by families and individual earners.
    c) NO VAT. This odious tax will be completely eliminated.
    2. The above taxes will be substituted by a SINGLE “National Social Contribution” (NSC) system paid by all employers, private and public, calculated in this manner: The total yearly National Budget requirement is calculated as a percentage of the net pay of the average employee. This value is simply paid by enterprises in a single, all comprising, payment to the government, and it is viewed as an added cost (social cost) of the process of production of goods and services. Since this NSC is a cost of production, it is simply added as another entry to the cost of production of goods and services and therefore will be reflected on the pricing of such goods and services. It makes no difference if a certain production is intended for exports.
    3. Such added “cost of production” is easy to calculate, and it is easy to control and verify.
    4. The advantage of the above system is that employees never again are disturbed about income tax, nor VAT, or others like property tax. The system is streamlined because employers pay the government ONE SINGLE tax, which is only an extension, or percentage, of the NET salary/wage paid to their employees. The VAT and the ensuing “scontrino” (to be had even for the purchase of a single coffee!) is one of the worst and most devilish sources of evil in Italy’s Tax System.
    5. The government benefits because it has no need for a Police of the Treasury (“La Finanza” –which is widely viewed as a fascist and even terrorist institution by most people in Italy). Workers are their own best “controllers” as see it in their own interest to verify that the contributions paid to the state in their name is correctly paid since their retirement benefits depend on such correct reporting to the state.
    6. No one, be it wage earner or entrepreneur, would need to falsify their records or evade taxation any longer since “tax” as we know it would be eliminated. No Tax ever again collected on profit. “Tax” becomes an added cost of the production of goods and services. However, once a profit is achieved through the ordinary operations of an enterprise, NO TAX will ever touch those legitimate profits. What entrepreneurs earn they keep in the full amount of its face value.

    E. The Military:

    1. Effective immediately the Italian Military Service will be converted to an Unarmed Civil Service Brigades of Italy.
    2. Effective immediately all participation of Italy in armed conflicts anywhere in the world will be terminated and all units immediately recalled.
    3. All contracts for purchases of new military equipment and materiel will be abrogated.
    4. Where possible, convert all equipment and materiel to civilian use including ships, aircrafts and land vehicles. Materiel that cannot be transformed will NOT be sold. They will be destroyed and/or used as recycled raw material.
    5. Immediate destruction of all military ammunitions.
    6. Effective immediately all personnel will be cut down to a minimum necessary to constitute a number of “Emergency Civilian Projects Brigades”. They will intervene as emergency response to national and international (where appropriate) natural disasters.
    7. All qualified military personnel with specific technological and engineering capabilities will be deployed in the construction of civilian projects where a large, organized and disciplined force will ensure the quick completion of time-sensitive projects.
    8. UNARMED qualified personnel will be added to the civilian law enforcement structures for educational purposes and to encourage the population at large to adopt more civil day-to-day behavior.

    F. Education:

    1. Effective immediately provide free education at all levels from daycare to the highest level of University studies. Ratios of students to teachers will be lowered.
    2. All students will be provided with a computer, which will be loaded with free electronic books for all their subjects of study.
    3. Immediate expansion of HIGH SPEED internet connectivity everywhere in the national territory. Italy will further encourage the rest of Europe to achieve the same goal.
    4. A national electronic library will be created. All academic books will be free to download. Other literary works will be freely available five years after private publication.
    5. Schools for professional and trade formation for the youth and for adults will be expanded to its highest level everywhere in the nation. These academies will BE FREE TO ALL and those students who wish to participate will be encouraged to achieve the highest standard of development.
    6. ABOVE ALL, the State will give every available scientist or inventor, no matter whom or where, the widest financial and technical support to study and experiment with their ideas whether they be of immediate practical use or to further the theoretical development of basic science. On a practical level, the ideal goal would be to encourage 60 million Italians to become inventors, technologists and scientists.

    G. Health Care:

    1. Immediately prohibit medical professionals from serving both the private and public sector.
    2. Increase the number of professionals in public practice and decrease Doctors and nurses’ workload. Diminish the ratio of patients to professional attendants.
    3. Enforce an increase of the education/practical experience of medical personnel.
    4. Expand the availability of hospitals’ technological equipment and material necessary to the effective, efficient and timely treatment of patients.
    5. Increase to a high degree the availability and infrastructure necessary to the efficient and effective treatment of patients at to entry level of Care, especially at the emergency level. Why do we tolerate even one hour’s wait time at an emergency center, much less four hours?
    6. Increase the availability of all other hospital personnel including those in support roles like maintenance, hygiene, housekeeping, secretarial, etc.
    7. All other ideas seen fit by professionals that operate within the system.

    H. Sciences and Technology:

    1. Italy MUST develop an energy policy. It must pursue and support all sorts of energy policies beneficial to the environment.
    2. Italy must encourage and support the experimental approach to developing new energy sources and methods of energy production including concepts like the Low Energy Nuclear Reaction (LENR) better known as ‘Cold Fusion”.
    3. Italy must encourage and support the development of public, light and low cost, battery-powered individual ‘people movers’ that operate through electronically self-guided controls (like the Google system) that can be requested by a person via smart phones for point to point pickup and delivery.
    4. Italy must plan, design and rebuild entire new cities to substitute for those towns and small cities that either no longer provides effective public and private needs or, conversely, that are in areas of high risk of natural disasters.
    5. Italy will expand the use of all available technological capability and personnel to repair, preserve, and protect the hundreds or thousands of national archeological and other architectural treasures that are present everywhere in Italy.

    I. Governmental Structure and New Electoral Laws:

    Ideas and solution to change the structure of government and implement specific laws regarding its election and format is left to others who should be more qualified. One thing is for sure: Aside from changes to Parliament, a fundamental change is needed in the way that Justice is administered in Italy. The backlog of civil and criminal cases is intolerable, as is the excessive level of appeals.

    Gentlemen, the previous points are not presented as the “ultimate list of things to do.” Instead they are points of departure from where Italy can reach unimaginable heights of progress and well-being. This outcome will not be restricted to Italy, but it is easily replicable by any other nation that chooses to implement similar strategies of economic and social growth and development. Let one hope that Italy can be a leader in this too.

    • Gaetano sei consapevole che per attuare tali riforme bisogna fare un falò del teatrino dei pupi e dei vari pupari?
      Compito assai difficile considerando la vastità di tale teatro e il numero delle marionette.
      Maryta

  • per quei 2/3 di italiani che hanno votato PDPDL la capacità di analisi critica è uguale a zero?
    1- M5S una compagine politica neoeletta alla prima tornata elettorale acquisendo consensi con 8 milioni di preferenze, un successo senza precedenti nella storia delle democrazie,
    2- che mantiene le promesse elettorali tra cui la restituzione agli italiani legittimi proprietari del denaro del rimborso elettorale, gli altri partiti invece i soldi li hanno intascati dando in cul.. agli italiani.
    3- che non si associa politicamente con filibustieri, saccheggiatori e devastatori,
    4- che mantiene coerenza ideologica a costo di perdere deputati e senatori neoeletti,
    5- che dimostra ampia apertura democratica verso gli elettori (tutti) mediante l’utilizzo del WEB,
    6- che subisce ogni sorta di infamia da parte del regime associativo di PDPDL perchè percepiscono il M5S come una minaccia per i loro intrallazzi imprenditoriali,
    7- che dopo 100 giorni di mandato elettorale ha svolto attività parlamentari proponendo soluzioni e votando anche proposte del PDPDL in funzione degli interessi nazionali con ONESTA’ INTELLETTUALE confermando il concetto di diligenza, richiamato dall’art. 1176 C.V. sopratutto l’art.54 della Costituzione della Repubblica,
    8- che non utilizza e strumentalizza i mezzi di comunicazione nazionali (mainstream) come arma di distrazione di massa,

    Il M5S cos’altro deve dimostrare per avere fiducia?

    Domando a quei 2/3 di italiani pro PDPDL: perchè avete paura di votare un MoVimento politico costituito da persone corrette che lavorano per gli interessi nazionali?
    A- siete culturalmente corrosi come il PDPDL?
    B- non avete capacità di analisi critica quindi coscienza della realtà?

    • Per governare bisogna avere le palle!.Bisogna esser capaci di contrastare le politiche massoniche comunitarie imposte da bruxelles e spezzare la catena clienterale tra politica e supermanager italici (rovina industriale italiana).Ci siamo prodigati tanto per il m5s,li abbiamo votati e a quanto pare il grilletto non si espone piu di tanto.Per ora mi sento deluso del nuovo che avanza.

  • @ Gaetano Montante,
    Le tue sono proposte per curare gli effetti ma non la causa! Si possono condividere ma per applicare quelle riforme bisogna intervenire sull’origine del male che devasta l’Italia da decenni cioè la corruzione, un cancro che ha diffuso metastasi a tutti i livelli sociali ed istituzionali.
    Unica medicina disponibile per guarire e mettere in pratica le tue proposte è il M5S che fino ad oggi ha dimostrato correttezza e coscienza civica per battere la corruzione ripristinando la legalità.

    • Esatto, l’unica medicina disponibile, ma permettimi di dire che è omeopatica, quindi lenta, lentissima….nel frattempo quanti saranno distrutti da questo cancro?
      I suicidi si susseguono, la delinquenza aumenta, il degrado si allarga a macchia d’olio..etc..etc…
      Quanto ancora dovremo subire…quanto…???
      Maryta

  • @ Gaetano Montante,
    Your are proposed to treat the effects but not the cause! You can share it to apply the reforms necessary to intervene on the origin of evil that destroys Italy for decades that corruption, a cancer that has spread metastases at all levels of social and institutional.
    Only medicine available to heal and put into practice your M5S proposals is that to date has demonstrated fairness and civic consciousness to beat corruption by restoring the rule of law.

  • Ma in caso di nuove elezioni il programma sarà integrato con le nuove posizioni ampiamente discusse e maturate nella base in merito alla sovranità monetaria? Oppure il M5S dovrà limitarsi ad applicare i 20 punti del vecchio programma? Vorrei saperlo perchè in quest’ultimo caso non avrete il mio voto.

    • @gios. Come detto e ripetuto da Beppe e rimarcato e sottolineato da tutti i ns ragazzi eletti portavoce, il programma e’ di fatto la traccia fondamentale da seguire e portare a compimento. Per ogni punto ci saranno gli ovvi sottopunti da sviluppare di volta in volta sulla base delle esigenze prioritarie del Paese. Relativamente alla sovranita’ monetaria questa e’ materia over discussa (nonche’ una fra le cose che piu’ terrorizzano il mondo politico attuale dentro e fuori i confini): vogliamo nazionalizzare Banca d’Italia e MPS. Vogliamo tornare ad essere sovrani sulla nostra moneta. Relativamente all’euro, se dentro o fuori lo decidereremo noi attraverso un referendum.

    • bravo gios…..parole sante.

      Se il problema Euro, la sovranità monetaria…vien messo come punto prioritario…..e si vince le elezioni …il referendum non serve.

    • I venti punti programmatici (che per te mi sembra di capire siano un limite) sono la base della politica interna. Ciò che può comportare una fuoriuscita dall’Euro o addirittura dalla UE come sembra che stia maturandone la volontà pubblica anche in Inghilterra, sono decisioni che vanno sottoposte a referendum e non imposte dall’alto di un movimento anche e se maggioritario. Gios se hai premura di cambiare il mondo in una settimana dà il tuo voto direttamente a Dio, poi mi dirai se avrà rispettato il mandato. Ciao.

  • […] “Il Movimento 5 Stelle è venuto al mondo per riconsegnare la politica nelle mani dei cittadini. Non è nato per trasformarsi in un partito tradizionale. Non è nato per ragionare come un Alfano, un Letta, un Berlusconi qualsiasi. Non è nato per fare compromessi perché “altrimenti cosa ci stiamo a fare”. Chi ha votato 5 Stelle lo ha fatto per rovesciare il tavolo. Con tutto il servizio buono di porcellana sopra. Perché ormai non è più questione solo di ‘mangiare meno’, ma di mangiare ‘meglio’, e soprattutto di mangiare ‘tutti’. Chi ha votato 5 Stelle ha votato un programma in 20 punti e 163 persone che lo portassero dentro. Così com’era. Non un po’ più europeo cosicché potesse piacere anche al Pd. Non un po’ meno trasparente cosicché potesse piacere anche al Pdl. Così è basta. Perché questa è la democrazia diretta. O così o niente. O così o nuove elezioni, per cercare di avere la maggioranza e realizzarlo tutto, per intero, come i cittadini lo hanno voluto. ‘Intelligenza politica’ per un eletto a 5 Stelle è una locuzione senza senso. L’intelligenza politica lavora prima, quando la rete si confronta e stila Carte come quella di Firenze. Se un eletto prende i punti del programma e li cambia (magari con i migliori propositi, perché crede di avere un mandato a modificare quello che i cittadini lo hanno spedito a realizzare), affinché quei punti si accordino con le esigenze del Pd del Monte dei Paschi, o del Pdl dello scudo fiscale, o di Scelta Civica del fiscal compact, allora non ha capito niente: sta solo facendo vecchia politica. Sta tradendo il mandato elettorale. Non sta gettando un ponte tra il cittadino e le istituzioni, in maniera che il sistema si trasformi lentamente da una rappresentanza vuota e fallimentare a una autentica democrazia diretta: sta perpetuando le vecchie pratiche dell’inciucio e distorcendo il significato di ‘portavoce’. Il Movimento 5 Stelle non è stato mandato nelle istituzioni per mendicare un misero emendamento rivendicandolo come un successo. È stato mandato in Parlamento per provare ad avere la maggioranza. Una maggioranza che non fosse finta come quella offerta da Bersani. Una maggioranza vera, perché solo così si possono cambiare le cose. Se non può avere un incarico di Governo perché i numeri non lo consentono, o perché il Paese è in mano a chi sotto il nome di ‘larghe intese’ cerca di mascherare il solito vecchio inciucio e perpetrare se stesso, allora il 5 Stelle non ha difficoltà a tornare alle urne. La fiducia i 5 Stelle la chiedono al Paese, non a Letta, a Monti o a Berlusconi. Qui c’è bisogno di un atto di coraggio totale e definitivo. L’Italia è sempre più vicina al baratro. In certe zone sono mesi che non viene pagata neppure la disoccupazione. In queste condizioni, lasciare il timone nelle mani di chi ci ha portato nelle secche è pura follia autodistruttiva. Cercare di convincerlo con le buone, oltreché un tradimento dei principi ispiratori, è anche e soprattutto una cosa stupida. Il Movimento 5 Stelle è un movimento rivoluzionario. Le cose le cambia invertendo i rapporti di forza, mettendosi alla guida della nave. O così, oppure non ha senso. La democrazia diretta o si realizza e si mandano a casa i responsabili dello sfacelo, oppure a casa ci deve andare chi ha provato a fare la rivoluzione senza riuscirci. In mezzo non c’è niente, mettetevelo bene in testa. Per questo, se non ci sono i termini per realizzare il mandato elettorale (che è scritto chiaro, semplice, nero su bianco), si deve tornare alle urne e chiedere con forza e convinzione agli italiani di provare a cambiare tutto, di conferire una maggioranza chiara e inequivocabile a Grillo e al suo movimento politico. Nessuno giochi al piccolo onorevole. Nessuno pensi a nuovi compromessi storici. Nessuno creda di salvare se stesso. Qui si governa o si muore. Tutti insieme.” Claudio Messora […]

  • Sono di origine italiana e larlo la lingua discretamente ma mi sento piu ad aggio in inglese. Scrivero in italiano per farmi capire anche da coloro che non pcapiscono bene l’inglese.

    Ero gia un “grillino” 40 anni fa. Questi ultimi anni ho seguito dall’estero la crescita del MoVimento. Ho partecipato nelle elezioni in due modi: Con un grande contributo finanziario e con una “campagna” elettorale che e’ risultata in molti voti favorevoli al M5S tra parenti ed amici in Italia.

    Ha raggione lei quando dice che (alcune) delle mie proposte trattano degli effetti e non le cause della nostra depressione economica in Italia e negli altri paesi avanzati. Ma deve anche ammettere che le strutture politiche e aministrative che causano questi effetti verrebero cambiate nella forma come suggerisco.

    E anche verissimo che niente cambiera se non si ha un nuovo governo creato fuori da coloro che hanno da semprepre partecipato al regime politico dei scorsi 40 anni. Ma sono ugualmente sicuro che non si avra questo nuovo governo se un movimento del popolo (il M5S in questo caso) non insiste a ma martellare sulla necessita di superare le strutture non solo politiche, ma di economia come base della produzione di richezza (beni di consume e servizi) che oggi sonom vigenti nel mondo. Si martella sul fatto che il Capitalism oggi giorno esiste soltanto come il progenitore di un nuovo sistema: il Finanziarismo. Che si producano ancora beni e servizi e soltanto fondamentale al sistema di economia che ha all’apice un interesse del tutto fitizio ma ancora piu altamente canibalista del capitalismo originale.

    Io sono convinto che il M5S non apportera nessun guadagno alle prossime elezioni SE il messaggio politico del M5S non e’ quello della creazione di un sistema politico/aministrativo egalirio basato su un idealismo prattico e convincente.

    E per questo che, a parere mio,abbiamo di bisogno aggiungere all’ideale di organizazione politica e aministrativa del paese anche una serie di proposte concrete, agibili ed efficienti di tutti i settori economici (industriali e di artigianato),sociali, giudiziali, militari, etc. che fanno il tussuto organico della nostra societa. A proposito, lo stesso caso e’ altamente equivalente per gli USA e tutti gli altri paesi che hanno adottato il sistema capitalista ‘senza briglie’ nel resto del mondo, incluso la Cina dove l’ironia del copione capitalista arriva alla strattosfera. Con il loro aumento di crescita del circa 10% annuo, lo stato Cinese si ocupa di giocare con ed investire nelle valute estere (specialmente $, ed Euro)e’ non si preocupa di aumentare esponenzialmente il benessere e lo standard of living del loro popolo.

    Per quanto riguarda la corruzione: ella esiste. Ma non comincia dal vertice. E li dove diventa una vera scienza. Ma e dalle nostre comunita e nei nostri modi di fare al livello locale che essa va annullata ed erradicata. Cosa che vedo un tantino (tantino?) difficile nei corti tempi che abbiamo disponibili prima di poter dar sfogo ad un nuovo inizio della cosa publica del nostro paese.

  • Ora visto e considerato che la soluzione per salvare l’Italia e’ una sola e si chiama sovranita’ monetaria se il M5S lo scive nero su bianco nel programma e badate bene non il furbettino referendum che poi dopo aver preso il mio voto Beppe ha detto che si fara’ poi piu’ in la’ perche’ ora gli Italiani non sono pronti ma propio scritto nel programma il ritorno alla sovranita’ senza referendum bene altrimenti ciao ciao 5 stelle.Per i fondelli mi ci hanno preso per tutta la vita ora mi sarei stancato.

    • quindi niente voto….perché è chiaro che al Grillo neo “Pirata”….di uscire dall’euro….non gli passa manco per l’anticamera del cervello…….mi pare che sia chiaro…è ondivago per questa ragione. con il referendum. che oltretutto non farà mai…..ci faccia le frittelle .

      M5s….da depennare come formazione politica da votare. Passo e chiudo.

      Nella scena politica italiana attualmente ..ci sono 2 partiti ladri e infami…e un movimento pseudo rivoluzionario infantile e forse come dicono a Napoli a..umma a umma … “eterodiretto”…(più passa il tempo e più me ne sto convincendo…ripeto :c’è qualcosa che non mi “sfagiola”..)…che può più far danni che altro.

      conclusione: L’ITALIA è FOTTUTA….

      ciao

      le mie vacanze son quasi finite….e fra un po mollo pure sto forum che frequento da un mese….ciao ciao…—->>buona rovina a tutti

      Se questa armata Brancaleone chiamata M5s (ripeto ancora: forse eterodiretta..e non dico altro ) …è capace di cambiare veramente l’ Italia…io sono un marziano….questi hanno la testa fra le nuvole….e della realtà politica …non vedono al di là della punta del proprio naso….mi da l’impressione di una forza di protesta del paese incanalata in un movimento ..e poi “resa sterile”…

      Vorrei vivere in un altro pianeta….possibilmente in un altra galassia.

      Bye Bye

      le prossime elezioni le rivincerà il Pdl (Forza Italia)…e ricomincerà il logorante inesorabile tran tran già visto in questi ultimi 20 anni …..povera amata Italia. Il paese più bello del mondo…devastato.

    • Ok ! Non ce la fai più, sei stanco….
      E’ assolutamente comprensibile ma, visto che non mi sembri uno stupido «Tifoso» che cambia squadra perché la sua non vince più, cerca di pensarci bene e guarda il fine perché i mezzi, come sai, possono cambiare in corso d’opera.
      Abbiamo bisogno anche di te e tu di noi !!! Pensaci bene e tira un calcio allo sconforto momentaneo…. Per favore !
      Ciao Shardan !
      Gnn

    • A shardan, corri che l’astronave non ti aspetta!
      Se per caso la perdi, sparati se come c’hai appena detto tu non vuoi più vivere in questa galassia hai poche speranze.
      passo e chiudo
      ciao
      bye bye

    • Paolardan
      Se per caso la perdi, sparati…
      CITAZIONE

      Ti capisco….abbiamo esigenze e prerogative diverse….a te piace essere fottuta. ciao…tesò… ;-))

    • paolettinardan

      dimenticavo: Paolettina….tesò….con quel breve ma significativo post…..rappresenti l’archetipo..il non plus ultra della “”””intelligenzaM5s”””””….per le prossime elezioni…candidati nella sacra armata Brancaleone….l’Italia ha bisogno di “grillini” come te ….sei una garanzia e una speranza…………;-))

      lo stile “grillino” ci sta tutto…..

  • […] “Il Movimento 5 Stelle è venuto al mondo per riconsegnare la politica nelle mani dei cittadini. Non è nato per trasformarsi in un partito tradizionale. Non è nato per ragionare come un Alfano, un Letta, un Berlusconi qualsiasi. Non è nato per fare compromessi perché “altrimenti cosa ci stiamo a fare”. Chi ha votato 5 Stelle lo ha fatto per rovesciare il tavolo. Con tutto il servizio buono di porcellana sopra. Perché ormai non è più questione solo di ‘mangiare meno’, ma di mangiare ‘meglio’, e soprattutto di mangiare ‘tutti’. Chi ha votato 5 Stelle ha votato un programma in 20 punti e 163 persone che lo portassero dentro. Così com’era. Non un po’ più europeo cosicché potesse piacere anche al Pd. Non un po’ meno trasparente cosicché potesse piacere anche al Pdl. Così è basta. Perché questa è la democrazia diretta. O così o niente. O così o nuove elezioni, per cercare di avere la maggioranza e realizzarlo tutto, per intero, come i cittadini lo hanno voluto. ‘Intelligenza politica’ per un eletto a 5 Stelle è una locuzione senza senso. L’intelligenza politica lavora prima, quando la rete si confronta e stila Carte comequella di Firenze. Se un eletto prende i punti del programma e li cambia (magari con i migliori propositi, perché crede di avere un mandato a modificare quello che i cittadini lo hanno spedito a realizzare), affinché quei punti si accordino con le esigenze del Pd del Monte dei Paschi, o del Pdl dello scudo fiscale, o di Scelta Civica del fiscal compact, allora non ha capito niente: sta solo facendo vecchia politica. Sta tradendo il mandato elettorale. Non sta gettando un ponte tra il cittadino e le istituzioni, in maniera che il sistema si trasformi lentamente da una rappresentanza vuota e fallimentare a una autentica democrazia diretta: sta perpetuando le vecchie pratiche dell’inciucio e distorcendo il significato di ‘portavoce’. Il Movimento 5 Stelle non è stato mandato nelle istituzioni per mendicare un misero emendamento rivendicandolo come un successo. È stato mandato in Parlamento per provare ad avere la maggioranza. Una maggioranza che non fosse finta come quella offerta da Bersani. Una maggioranza vera, perché solo così si possono cambiare le cose. Se non può avere un incarico di Governo perché i numeri non lo consentono, o perché il Paese è in mano a chi sotto il nome di ‘larghe intese’ cerca di mascherare il solito vecchio inciucio e perpetrare se stesso, allora il 5 Stelle non ha difficoltà a tornare alle urne. La fiducia i 5 Stelle la chiedono al Paese, non a Letta, a Monti o a Berlusconi. Qui c’è bisogno di un atto di coraggio totale e definitivo. L’Italia è sempre più vicina al baratro. In certe zone sono mesi che non viene pagata neppure la disoccupazione. In queste condizioni, lasciare il timone nelle mani di chi ci ha portato nelle secche è pura follia autodistruttiva. Cercare di convincerlo con le buone, oltreché un tradimento dei principi ispiratori, è anche e soprattutto una cosa stupida. Il Movimento 5 Stelle è un movimento rivoluzionario. Le cose le cambia invertendo i rapporti di forza, mettendosi alla guida della nave. O così, oppure non ha senso. La democrazia diretta o si realizza e si mandano a casa i responsabili dello sfacelo, oppure a casa ci deve andare chi ha provato a fare la rivoluzione senza riuscirci. In mezzo non c’è niente, mettetevelo bene in testa. Per questo, se non ci sono i termini per realizzare il mandato elettorale (che è scritto chiaro, semplice, nero su bianco), si deve tornare alle urne e chiedere con forza e convinzione agli italiani di provare a cambiare tutto, di conferire una maggioranza chiara e inequivocabile a Grillo e al suo movimento politico. Nessuno giochi al piccolo onorevole. Nessuno pensi a nuovi compromessi storici. Nessuno creda di salvare se stesso. Qui si governa o si muore. Tutti insieme.”Claudio Messora […]

  • Mi si perdoni l’ignoranza ma continuo a non ricordare quando mai la politica sia stata effettivamente nelle mani dai cittadini e mi sorge pure il dubbio che quando mai il M5S riuscisse ad avere la maggioranza assoluta non farebbe forse la fine di tali “fratelli musulmani” finendo in balia d’un bel colpo di stato da parte di quei tanti poteri forti che non hanno certo interesse a lasciarsi detronizzare dalla volontà popolare come l’Egitto or ora insegna. E poi caro Messora ma siamo proprio sicuri che i 9 milioni che hanno votaro 163 parlamentari 5 stelle la pensino proprio tutti così? Intendiamoci, non mi dispiacerebbe affatto che si cambiasse totalmente registro avendo in parlamento cittadini che pensano al bene del paese piuttusto che ai loro personali interessi come invece avviene ma…forse sarò troppo pessimista ma tocca stare con i piedi per terra…detto questo grazie 100000 al M5S e al caro Beppe al quale voglio un mondo di bene!

  • Calma !
    Quanti di noi riescono a smontare e rimontare un «AK-47» in 80″ ?
    e chi sa come regolare la tacca di mira ?
    Le forze dell’ordine prendono ordini da «Loro» (anche per paura di perdere il lavoro…) e «Loro» hanno una paura fottuta di perdere il proprio di lavoro…. …”Lavoro ???”…
    Pensiamo bene e organiziamo un’ azione calma, democratica, possibilmente non violenta e soprattutto fattibile !!!
    Magari facciamocelo spiegare dal Cap. D’alema che dovrebbe essere ormai esperto visto suo ultimo incarico…

  • Io sono consapevole che la colpa di questa crisi è da imputare all’Euro ma non credo che l’immediato abbandono della moneta unica sia strategicamente la soluzione migliore.
    Auspico che il futuro governo punti invece ad un recupero “morbido” ma immediato della sovranità monetaria attraverso l’utilizzo di strumenti finanziari come i CCF di Marco Cattaneo, i Buoni Tassa di Nino Galloni,i TBB di W. Mosler, a qualsiasi altra forma di moneta complementare anche locale. Questo permetterebbe all’economia Italiana di tornare immediatamente Respirare, solo dopo possiamo di decidere (magari con un referndum consultivo) se e come uscire dall’Euro andando cosi allo scontro frontale con la finanza mondiale.
    Spero sia questa la linea che alla fine prevarra nel Movimento.

    • Guarda posso capire che le proposte di Bagnai possano sembrare troppo drastiche a molti allora il M5S scriva nel programma chiaro e limpido quale soluzione vuole adottare in caso di vincita delle elezioni in modo che gli elettori possano decidere.Questa volta il richiamo ad un futuro referendum personalmente non lo riterrei sufficiente per votare di nuovo il M5S.

    • emar

      24 agosto 2013 alle 17:37

      Guarda posso capire che le proposte di Bagnai possano sembrare troppo drastiche
      CITAZIONE

      Sono sensate, lucide,razionali ragionevoli,coerenti,intelligenti,ottime per uscire da questo incubo ……che ci porterà dritti dritti ad una futura tragedia…..nella mia vita non ho mai visto l’ Italia in queste condizioni…(e forse questo è solo l’amaro antipasto )

      con il sistema Euro/UE…non è possibile far nulla, cambiar nulla,,,,perché è un sistema che soffoca, paralizza il Paese (perché questo era lo scopo…di quei tecnocrati delinquenti )

      Chi non vuole uscire dall’Euro…per qualsiasi ragione…non ama l’Italia.

      Certo che non si può fare da un momento all’altro…ma il tema deve essere sempre in primo piano,prioritario……non sarà una passeggiata….forse comporterà anche dolore…MA BISOGNA FARLO.

      questi…ne parlano come se fosse …un ” optional”…si se ne è già discusso….vedremo….poi decideremo….

      abbiamo un cancro …però intanto occupiamoci degli altri dolorini….poi vedremo….

    • con il sistema Euro/UE…non è possibile far nulla, cambiar nulla,,,,perché è un sistema che soffoca, paralizza il Paese
      CITAZIONE

      la forzata austerità…fa aumentare il debito pubblico esponenzialmente…, ci impongono di ridurre il debito dal 130 %…al 60%,,,in 20 anni..quindi necessitano circa 40 miliardi l’anno….ci impongono di versare 125 miliardi per il MES,,,(ne abbiamo già versato circa 45 )…non permettono assolutamente di sforare il deficit….(alla Germania e alla Francia..quando ne hanno bisogno ..sottobanco lo permettono )….ci stanno inducendo a svendere tutto (enel,finmeccanica,eni..etc )…l’economia italiana si sta negativamente avvitando su se stessa..in una spirale infernale.La gente è disperata…..ma per quanto tempo possiamo andare avanti in questo modo???

      Dobbiamo aspettare le elezioni e poi un “forse” referendum???…ma per caritàà….

      a va be…nel mentre facciamo la “democrazia diretta” che non è acqua buona manco per farcisi il bidè….

    • oltretutto..in questa prolungata recessione..abbiamo perso una potenzialità del nostro sistema produttivo di circa il 20%…e parlo di “sistema strutturale”…ci vorranno anni ed anni per tornare ai livelli di 10 anni fa…ma se continuiamo a restare inerti e non reagire…la nostra struttura economica verrà semi/distrutta in poco tempo ……ci resterà solo la “democrazia diretta”…per la felicità dei fessi.

      e vaiiiiiiii…..pane , cipolle & democrazia diretta!!

      sarà questa la decrescita felice….?

      affanculo a Keynes ..

    • Shardan
      Chi non vuole uscire dall’Euro…per qualsiasi ragione…non ama l’Italia.
      CITAZIONE

      E chi può far molto per far questa battaglia e anche per vincerla….e non lo fa…e tentenna…e tergiversa….mi fa ribrezzo….(ogni riferimento a Grillo…non è puramente casuale)…salvo dimostrazione del contrario.

      Non è tempo di indecisioni…costi quel che costi….

  • A me questa sembra che questa posizione, molto fideistica, venga sempre da un certo tipo di persone. Se lo dice Grillo, o Casaleggio non mi stupisco. Se lo dice lei, Claudio Messora, neppure. Pur essendo, intendiamoci, una persona che rispetto, probabilmente convinto di fare solo ciò che è giusto, che questo sia da fare, per il bene di tutti. Con l’ottimismo e la fiducia nella vittoria di un vero condottiero, disposto a tutto pur di vincere. Un’atteggiamento, mi permetta, che di solito nel mondo di oggi le persone come noi, quelli che hanno votato Movimento 5 Stelle hanno occasione di utilizzare solo quando giocano a Call of Duty. Non credo che molti in Italia siano disposti a rischiare tutto, come invece potrebbero fare se stessero giocando alla console, sapendo come sanno che se va male non potranno mangiare, ne dare da mangiare ai propri cari. Lei, così come Grillo, Casaleggio e tutti gli attuali parlamentari del Movimento 5 Stelle, non avrete problemi a reperire le risorse per vivere anche se le cose andassero male. Se non riusciste a prendere la maggioranza e ci ritrovassimo in questa stessa situazione, magari con la maggioranza alla camera in mano a Berlusconi, pensate che le cose sarebbero migliori per noi? Certo, voi dovreste fare i conti con il vostro orgoglio, ferito nel profondo. Ma non vi preoccupate, al contrario di noi, voi vi riprenderete.
    Mi sembra quindi abbastanza facile dire “O si fa l’Italia, o si muore!” per persone che sanno perfettamente che, comunque, non moriranno.

    Pensi invece se avesse, già da qualche anno, grossi problemi a immaginare il futuro. Se da 2 o 3 anni, ogni giorno lo vivesse senza sapere bene come fare a trovare le risorse per vivere, per se e per la sua famiglia. Magari sono 4 o 5 anni che è in questa situazione. Ormai è depresso. Sa di non avere più via di scampo.
    Ma non fra qualche mese, o “dopo le elezioni”, già da qualche anno!
    Allora…, cosa farebbe? Cosa fareste, lei, Grillo, Casaleggio e tutti gli integralisti, i duri e puri che rappresentano il movimento in parlamento, se foste in pericolo di vita? Sareste sempre così fondamentalisti, fideistici, certi che ce la farete, perché siete nel giusto.
    Oppure sareste più accorti, sentireste fortemente, per averlo provato sopra la vostra pelle, che non basta la fede, che non basta credere di essere dalla parte del bene per essere sicuri di riuscire. E a costo di perdere tutto, e soprattutto di far perdere tutto anche a tutti coloro a cui volete bene, e a coloro che hanno creduto in voi.
    E magari finirebbero male anche a quelli, come noi, che vorrebbero credere che e la farete, ma che sanno bene, per esperienza personale, che non dipenderà solo da voi.
    Ci saranno forze oscure in campo, che faranno di tutto per impedirlo. E queste forze hanno molte probabilità di riuscire a fermarvi, di riuscire ad impedirvi di fare quello che avreste voluto.
    In questo caso, forse, desiderereste che si inizi quantomeno a smettere di andare nella direzione sbagliata a folle velocità, come stiamo facendo adesso.
    Tante cose potrebbero comunque essere fatte, alleati con altri partiti di sinistra. Non tutte quelle che avevate in mente, ma forse quante ne bastano per far riprendere fiato alle persone che stanno male, e a dargli una possibilità di rialzarsi e di rimettersi in gioco. E se così non fosse, si avrebbe il vantaggio di smascherare, definitivamente, questi sedicenti partiti di sinistra, il PD in primis. E far capire a tutti che non sono di sinistra. E così, in futuro, i voti di sinistra convergerebbero verso il Movimento 5 Stelle, in massa, aumentando le possibilità di essere maggioranza nel paese. E facendovi così di vincere quella battaglia che tutti, noi compresi, vorremmo vincere.

    • hai fatto una analisi troppo psicologica e usato troppo spesso la parola “sinistra” NOI del M5S non abbiamo bisogno di essere sondati nel profondo, desideriamo solo ed unicamente onestà!

  • Il M5S e’ soprattutto un metodo nuovo che sostituirà quello attuale di cui infatti non ci si vuole “impadronire” per imporre il volere di una parte.

    Il vero scopo del M5S e’ coinvolgere tutti nella discussione pubblica confidando nella nuova “potenza” di una rete di intelligenze che collaborano in modo trasparente, in pubblico.

    Di certo potremo fare anche di più in futuro, eppure i nostri incursori al parlamento hanno già benissimo messo in luce le contraddizioni dei palazzi e tenuto ben informati gli elettori. Molte cose sono cambiate per il solo fatto che il M5S ne ha parlato e sento un po’ stonato l’accento guerriero e da ultimatum di Messora che mal si addice a chi voglia partire da se stesso e dalla propria esperienza per un concreto e irreversibile cambiamento collettivo, anche se sarà un cammino lungo quello che conta e’ non arrendersi davanti alla difficoltà di demolire un intreccio di potere così antico.

    Come diceva Brassens e ribadiva De Andre’ : morire per delle idee ma di morte lenta … Rimaniamo almeno a rompere i maroni fino in fondo! A sarà dura

    • bravo Emar…..sto Barnard…avrà pure una visione complottista…..ma da pane al pane e vino al vino…chiaro , preciso, lineare….infatti le sue conferenze son sempre strapiene di gente….non ci sono ambiguità e tentennamenti…

      Nella mia città ne ha fatto due…in una si pagava 40 euro …(Barnard, Mosler, Parguez, Forstarter ) che poi sono quelle due famose tenutasi a Rimini e Cagliari….nonostante i 40 euro..sala piena: studenti, prof universitari, imprenditori, disoccupati..etc

      ne ha tenuta un altra gratuita tempo dopo Barnard/Mosler..idem due sale piene….la gente sta incominciando a sentire la crisi che morde…ed è interessatissima….ascoltavano tutti con attenzione…alla fine facevano domande.insistenti..su cosa? Euro/Ue…e come andarcene….

      emar..scusa ti ho anticipato…quel link…lo ho già postato io qualche fiorno fa…….con un video…;-)

      Ho la vaga impressione che è tempo perso….

      Bisogna essere “grillino” per essere ascoltato….altrimenti..non meriti udienza e considerazione ….Barnard non lo è…(anche se certe posizioni di Barnard non le condivido )…e quindi….

      questi qua sono a mo di setta…..(almeno parte dei grillini ha un attitudine del genere….noi…noi….noi….e solo ..noi…;-))

      la verità in tasca preconfezionata Casaleggio/Grillo….o questa oppure sei scemo….

      bambocci….

      l’economia è un discorso sempre aperto da Adam Smith in poi….è un dialogo/confronto/scontro/sintesi….Bagnai e Barnard/Mosler…dovrebbero aprire un confronto…per noi fruitori..del loro discorso…per “capire”…(Barnard se non erro lo ha chiesto…ma è caduto nel vuoto )

    • Emar
      mentre noi caxxeggiamo sulla rete loro non si fermano ma tranquilli ha detto Beppe che non c’è fretta

      CITAZIONE

      la fretta è una brutta consigliera….bisogna far le cose piano piano e bene….se lo ha detto Beppe….Beppe è Beppe…..qui non si scherza…vuol dire che va bene cosi……e che cax !!!!!!!

      Sti fanatici …antieuro!!!!……che non hanno capito il grillismooo !!!!!!

    • Sharadan:
      “bravo Emar…..sto Barnard…avrà pure una visione complottista…..ma da pane al pane e vino al vino…chiaro”

      Soltanto che ancora non avete capito nessuno perché gli Stati sono indebitati e bisogna tagliare, tagliare, tagliare…

      Faccio un esempio semplice, vediamo se riesco a farvelo capire:
      Ammettiamo che per arare un campo di grano sia necessario a un trattore 1 barile di petrolio (sarebbe diesel, ma fa lo stesso).
      Se il barile di petrolio costa 10 $ (anni ’90), il grano che viene mietuto può costare 10 cent $.

      Se il barile di petrolio costa 100 $, 10 volte di più di prima (anni 2007 in poi), il grano costerà diciamo 30 cent $ (i costi totali non derivano solo dal petrolio).

      Se questo esempio lo facciamo in settori in cui il costo dell’energia (petrolio) incide maggiormente nel costo finale del prodotto,
      ci accorgiamo che, mentre prima potevamo acquistare N prodotti con il nostro stipendi, adesso ne possiamo acquistare meno della metà, e così come i servizi.

      Il problema nasce dal fatto che, mentre è facile alzare i prezzi dei beni di consumo,
      risulta molto più difficile abbassare il livello dei servizi offerti,
      così si cerca di mantenere lo stesso livello precedente, indebitandoci sempre più.

      Scrivetevelo bene in testa, che se il prezzo dell’energia non si abbassa, il tenore di vita che si aveva solo qualche anno fa,
      non lo si raggiungerà mai più!
      Tutto nasce da lì, dal motore che fa girare la società moderna, che non è il denaro (che si può creare con una semplice pressione di un tasto in un computer), ma è l’ENERGIA!

      L’energia oggi deriva principalmente dai combustibili fossili, e questi sono aumentati di rpezzo di ben 10 volte dagli anni ’90.
      Il prezzo del petrolio nel 2008 arrivò a 158 dollari al barile e scoppiò la crisi economica,
      adesso si mantiene stabilmente sopra i 100 dollari, ma siamo in recessione,
      se per caso l’economia verrà drogata stampando tanto denaro, esso aumenterà i consumi energetici,
      i servizi all’inizio aumenteranno, ma visto che il prezzo del petrolio salirà alle stelle,
      arriverà una recessione ancora maggiore di quella che stiamo vivendo.

      Smettetela di credere alle favole!
      Serve tanta energia per poter usufruire dei vari servizi (sanità, scuola, pensioni);
      se l’energia costa cara, i servizi devono diminuire per forza!

      La soluzione di Bagnai, che dice: usciamo dall’euro e tutto si risolverà;
      è solo UTOPIA! Bagnai capirà anche molto di economia Internazionale, ma non ne sà niente di Energia!

      Capisco che il settore dell’Energia è un settore molto complesso, e chi crede che basti qualche pannello fotovoltaico o qualche aerogeneratore (mulini a vento, eolici) si sbaglia di grosso!!!

      Vi siete accodati al pensiero di Bagnai… vuol dire che bisognerà fare un pò di formazione sul problema energetico mondiale al dot. Bagnai, per farvi capire che il contesto mondiale è cambiato per sempre e le regole che esistevano prima non sono più valide.

      Adesso o uniamo tutti le forze o siamo spacciati!

      I fondi per gli armamenti vengono aumentati continuamente, anche se siamo in periodo di crisi, perché si sta preparando una GUERRA per l’approvvigionamento delle risorse energetiche.

      Ci aspettano tempi bui, altro che svalutazione di moneta e ca..ate varie!

    • Innovazione.Hai ragione ma la soluzione l’aveva gia’ trovata Berlinguer piu’ di 30 anni fa’ si chiamava austerity.L’energia la usiamo solo per i servizi essenziali per il resto ci riabituiamo a girare in bici a non avere i condizionatori ecc..poi nelle universita’ investiamo in ricerca per nuove fonti di energia rinnovabili e in capo a qualche hanno avremo costruito una societa’ piu’ vivibile.

  • […] “Il Movimento 5 Stelle è venuto al mondo per riconsegnare la politica nelle mani dei cittadini. Non è nato per trasformarsi in un partito tradizionale. Non è nato per ragionare come un Alfano, un Letta, un Berlusconi qualsiasi. Non è nato per fare compromessi perché “altrimenti cosa ci stiamo a fare”. Chi ha votato 5 Stelle lo ha fatto per rovesciare il tavolo. Con tutto il servizio buono di porcellana sopra. Perché ormai non è più questione solo di ‘mangiare meno’, ma di mangiare ‘meglio’, e soprattutto di mangiare ‘tutti’. Chi ha votato 5 Stelle ha votato un programma in 20 punti e 163 persone che lo portassero dentro. Così com’era. Non un po’ più europeo cosicché potesse piacere anche al Pd. Non un po’ meno trasparente cosicché potesse piacere anche al Pdl. Così è basta. Perché questa è la democrazia diretta. O così o niente. O così o nuove elezioni, per cercare di avere la maggioranza e realizzarlo tutto, per intero, come i cittadini lo hanno voluto.‘Intelligenza politica’ per un eletto a 5 Stelle è una locuzione senza senso. L’intelligenza politica lavora prima, quando la rete si confronta e stila Carte come quella di Firenze. Se un eletto prende i punti del programma e li cambia (magari con i migliori propositi, perché crede di avere un mandato a modificare quello che i cittadini lo hanno spedito a realizzare), affinché quei punti si accordino con le esigenze del Pd del Monte dei Paschi, o del Pdl dello scudo fiscale, o di Scelta Civica del fiscal compact, allora non ha capito niente: sta solo facendo vecchia politica. Sta tradendo il mandato elettorale. Non sta gettando un ponte tra il cittadino e le istituzioni, in maniera che il sistema si trasformi lentamente da una rappresentanza vuota e fallimentare a una autentica democrazia diretta: sta perpetuando le vecchie pratiche dell’inciucio e distorcendo il significato di ‘portavoce’. Il Movimento 5 Stelle non è stato mandato nelle istituzioni per mendicare un misero emendamento rivendicandolo come un successo. È stato mandato in Parlamento per provare ad avere la maggioranza. Una maggioranza che non fosse finta come quella offerta da Bersani. Una maggioranza vera, perché solo così si possono cambiare le cose. Se non può avere un incarico di Governo perché i numeri non lo consentono, o perché il Paese è in mano a chi sotto il nome di ‘larghe intese’ cerca di mascherare il solito vecchio inciucio e perpetrare se stesso, allora il 5 Stelle non ha difficoltà a tornare alle urne. La fiducia i 5 Stelle la chiedono al Paese, non a Letta, a Monti o a Berlusconi.Qui c’è bisogno di un atto di coraggio totale e definitivo. L’Italia è sempre più vicina al baratro. In certe zone sono mesi che non viene pagata neppure la disoccupazione. In queste condizioni, lasciare il timone nelle mani di chi ci ha portato nelle secche è pura follia autodistruttiva. Cercare di convincerlo con le buone, oltreché un tradimento dei principi ispiratori, è anche e soprattutto una cosa stupida. Il Movimento 5 Stelle è un movimento rivoluzionario. Le cose le cambia invertendo i rapporti di forza, mettendosi alla guida della nave. O così, oppure non ha senso. La democrazia diretta o si realizza e si mandano a casa i responsabili dello sfacelo, oppure a casa ci deve andare chi ha provato a fare la rivoluzione senza riuscirci. In mezzo non c’è niente, mettetevelo bene in testa. Per questo, se non ci sono i termini per realizzare il mandato elettorale (che è scritto chiaro, semplice, nero su bianco), si deve tornare alle urne e chiedere con forza e convinzione agli italiani di provare a cambiare tutto, di conferire una maggioranza chiara e inequivocabile a Grillo e al suo movimento politico. Nessuno giochi al piccolo onorevole. Nessuno pensi a nuovi compromessi storici. Nessuno creda di salvare se stesso. Qui si governa o si muore. Tutti insieme.” Claudio Messora […]

  • Capisco l’accostamento della frase “o si governa o si muore” a quella storica di garibaldi che era una frase falsa … e nel blog del Movimento 5 Stelle hanno abbinato il tuo articolo iconizzandolo con la foto dei garibaldini … mercenari senza scrupoli ideologizzati dalla menzogna, al soldo dei piemontesi al loro volta finanziati dagli inglesi a cui serviva lo Stretto di Messina … La cosa non è congrua e a me, se fossi un bravo ed equilibrato blogger come te, sinceramente darebbe molto fastidio … io la farei correggere con altra più ad hoc … 😉

    • Ho letto il tutto e la mia risposta venuta di pancia è stata questa che però non sono riuscito a inserire in quel blog: Complimenti, tutti contro il leader, tutti contro il linguaggio da trivio, tutti contro le ricevute, ecc ecc. Ma voi, uomini dalle pensioni d’oro, cosa ci avete lasciato? Con i vostri studi filosofici, giuridici, guardate dove ci avete portato. Un paese con la peggiore giustizia, a cui nessuno si è opposto, anzi, …tomi su tomi … risultato il ricco è salvo il rubagalline in galera. Lavoro, solo ai vostri figli e via discorrendo. Vergogna vergogna, il piancastelli cita montanelli… che aveva ragione… di voi si sarebbe fatto volentieri a meno! Vi fa specie che un “giullare” stia combinando qualcosa contro il vostro nulla cosmico!!!

  • Caro Claudio a parte la solita propaganda:

    ” l Movimento 5 Stelle è venuto al mondo per riconsegnare la politica nelle mani dei cittadini. Non è nato per trasformarsi in un partito tradizionale.”

    Certo il M5S non è un partito..Si comporta esattamente come tale, governa come tale , va in parlamento , vota in gruppo, ascolta le direttive di due leader , e ciliegina sulla torta…compie le epurazioni come gli altri partiti ! quindi di grazia che cosa sarebbe ? ( Anzi onestamente è pure peggio di un partito. Un partito almeno ha un leader che può essere sostituito, il M5S ha due leader che nemmeno si definiscono come tali, le loro azioni e scelte sono indiscutibili e insindacabili ).

    Vorrei semplicemente ribadire la fondamentale differenza tra “eletti per attuare un programma” ed “eletti per non fare nulla fino ad avere il 51% delle preferenze”.
    Claudio sei così sicuro che i vostri elettori concordino con entrambi gli enunciati ?? mah..
    La verità verrà a galla molto presto..

    • Si, credo che la verità sia quello che dici tu e quindi verrà sicuramente a galla avendo, come sa chi va per mare e piscine, il peso specifico inferiore a quello dell’acqua e quindi galleggia……..

  • Caro Claudio Messore, ti sto scrivendo mentre sto sulla tazza del water e sto c……! Il M5S non fara’ un c…o! Sai perche? Perche L’Italia non conta nulla al livello mondiale e il disastro che si e’creato in questo paese lo si puo’ attribuire esclusivamente alla massoneria mondiale e ai comunisti italiani del c…., ai giudici politicizzati, il vero battistrada del PD. Vuoi togliere il Nano, metterlo in galera….bene.Poca cosa. Non risolverai il problema del paese, perche una gran parte dei vostri votanti sono anarchici, comunisti, no global…black block, che ti gireranno le spalle subito. Caro Claudio Messore, te ne devi vedere con Obama( che avete tanto osanato), con Rockefeller con Soros.Voglio vedere quando rifiuti di comperare gli F35 cosa succede. Obama ti mandera le bombe intelligenti su Roma, come ha sempre fatto e come sta facendo con la Siria per ennesima volta. Un guerrafondaio che deve restituire ai massoni perce era stato eletto. Caro Claudio Messere, avete piazzato vostro uomo alla RAI, ebbene ,dimmi cosa ha fatto? Non ha ftto un c….! La RAi continua a diffondere le notizie fasulle i suoi giornalisti del c….o stanno martellando con le disinformazioni senza tregua. Dovevate dar un segnale e la RAI era l’occasione, invece niente. Caro Claudio Messere, migranti stanno avanzando, nel pullman non ce piu posto…cosa pensate di fare…per non essere travolti? Dovete fare qualcosa di concreto per pura sopravvivenza. Chiuderete le porte? Come?Caro Claudio Messere volevo votarvi , ma non ho deciso tra M5S e Forza Italia , con Berlusconi di dietro le sbarre…credo di votare ancora per Nano che non e’ riuscito a far nulla…solo perche’ non gli avete dato respiro sin dall’innizio.
    La rivoluzione ? Voglio vedere quanti Italiani sono pronti per farla?La partita si giochera’ tra M5S e Forza Italia e vincera’ l destra… sai perche’? Perche uomo di destra e’ fondamentalmente uomo onesto con principi sani mentre uomo di sinistra per antonomasia e’un parassita.

    • «PANEM ET CIRCENSES»

      Ha sempre funzionato !
      …Fino a quando ci è stato permesso abbiamo avuto la possibilità, chi più chi meno, di campare veramente al di sopra delle nostre possibilità anche se guadagnavamo 1000, spendevamo 600 e riuscivamo a risparmiare 400 che dopo un po’ spendevamo per comprare un SUV, una casetta al mare o una crociera da sogno…. …Poi abbiamo cominciato a desiderare il frigo americano, il notebook della Apple, l’ iPhon e il televisore al plasma…… …Niente paura ! E’ arrivata la Findomestic, i mutui casa al 120% del valore dell’immobile e i prestiti con poche garanzie…
      Avevamo dei genï al governo ??? SI ! Ma genï del MALE !!!
      Da dove usciva un valore della moneta così alto ? Semplice, da un aumento del debito pubblico di cui se ne parlava, si, ma come notizia di routine; come “Tempo variabile”; “Nebbia in Val Padana”; “Code a tratti sulla statale 47” e “Debito pubblico 1.300.000.000.000 €.che ha superato il PIL” ……Erano i primi anni ’90 !
      Nel 2002 i genï videro che ormai l’ Italia era sull’orlo del baratro e così decisero, tutti daccordo, di farci fare un «Passo avanti»: per raggranellare ancora qualche fondo di “magazzino”, qualche tangentina (ponte sullo stretto, TAV, fiera di Milano, F-35 ecc.) , pensioncine improbabili, aumento dei privilegie garantirsi la poltroncina sotto il culo per più anni possibili e fondi all’estero per le loro famiglie…. …Le loro !
      Il passo avanti fu l’ingresso in Europa e la moneta unica ! Acc!
      Inutile dire che siamo passati dalla bancarella ” DA ACHILLE TUTTO A MILLE ! ” a ” DA MAURO TUTTO A UN EURO ” ma, peggio ancora, abbiamo livellato, tra i paesi membri, il valore della moneta unica in maniera un po’ “Fantasiosa” !
      E’ come se in italia un muratore dell’ Umbria guadagnasse 600 €. al mese e uno delle Marche 1.450 !!!
      Certo che con la mia fabbrica vado in Polonia o in Romania se voglio sopravvivere… e compro anche le vaschette di alluminio e il guinzaglio per il cane dal cinese…
      Per racimolare ancora qualche soldino poi, vedrete che i genï avvieranno privatizzazioni e concessioni per 99 anni, svenderemo stabili, isole, parchi e, chissà, venderemo anche il Colosseo con parte dei Fori…
      Ha ragione il collega che dice che l’ Italia ha un cancro ma si preoccupa di un ginocchio che gli fa un po’ male….

      Intanto abbiamo ancora panem e sono addirittura aumentati i circenses, ci sono i GRATTAOVVINCI e il gioco d’azzardo, alcool, fumo, calcioscommesse… W la Roma, W la Lazzio, forza Milan….. Tutto truccato ma va bene lo stesso…. Ciclismo dopato… Ma liberalizziamo il doping che così saranno tutti allo stesso livello !!! Nello stato in cui siamo mica faremo gli schizzinosi no ?
      O tempora, o mores….
      Gianni, esponente del “Popolo Bue”.

      FORCONI VS PORCONI !!!

      Una prece per la grazia al delinquente !!!

    • Pulisciti bene quando avrai finito che si sente un certo “Afrore” che esce anche dal monitor…..
      Scherzo eh….
      Sono quasi daccordo con te sulla valutazione della sinistra e su quello che tu chiami Nano senza respiro dietro le sbarre e anche Antonomasia, la nipote diciassettenne di Abu Mazen… I suppose….

  • Premesso che il claudio messora freelance è andato ormai nel dimenticatoio, mi chiedo se fosse veramente freelance prima di diventare parte del movimento. Presso che se hai 163 persone che si professano cittadini, santi e martiri di questo paese, qualcosa dovrebbero pur fare per questo paese, ma dal
    Tuo blog si evince che il movimento è nato solo per cambiare persone al governo, non per salvare questo paese, non fate compromessi,ma ci pensinmai che se un idea è buona per il paese è buona qualsiasi sia la parte politica che la presenta, sia destra sinistra, centro, m5s, invece no voi non fate il bene del paese (ti basta vedere caro bryoblu quanti voti contrari aete dato agli emendamenti degli altri, possibile che fossero tutti contro l italia? Cosi come ni processi di berlusconi possibile siano tutti inventati? A quanto pare pensate di si ad oltranza, ed il motivo è ovvio per poter fare quello che si vuole si ha bisogno della maggioranza assoluta, poi casaleggio gestirà la parte onine della
    p.a rientrando dei soldi spesi, sento grillo che dice bussano a me disperati senza lavoro io cosa posso fare, con 3.5 euro chiunque di noi puo comprare un panino e lui con tutti quei soldi non sa cosa fare ? Troppo comodo,, con 800 euro ci fate l abbonamento annuale ai mezzi pubblici, e non dovete tornare ogni settimana, ci sono persone che per LAVORARE non vedono la famiglia per mesi ( questi sono cittadini, diversamente da voi. Bisogna governare beh fatelo con i numeri che avete, ma non per i vostri interessi ma per il bene dell italia e vediamo dove portano i vostri no

  • @Gaetano Montante

    Gaetano, ho apprezzato i tuoi interventi.

    A parte alcune osservazioni (prima fra tutte quella relativa al “gold standard” che, soprattutto in piena depressione, i “Keynesiani” potrebbero non accoglierla con grande favore…:-) credo che possa trovare una buona piattaforma di dibattito in http://www.economia5stelle.it/

    Bye

  • Se anche si andasse a prendere il premio di maggioranza alla camera si avrebbero voti insufficienti al senato, come adesso e, in base alle proiezioni fatte, sarebbe più o meno lo stesso con qualsiasi legge elettorale… l’Italia esprime tre posizioni distanti e diverse e le esprimerebbe comunque. Per “governare” cosa si intende in definitiva? Andare nella stanza dei bottoni e ordinare a questo e quello di agire secondo un disegno e uno schema conservando gli equilibri e la struttura delle varie agenzie di controllo? Oppure andarci e demolire l’esistente costruendo un sistema diverso. Le rivoluzioni non sono cose che si fanno nei palazzi, ma rendendo questi ultimi l’ultimo luogo in cui si possa decidere della vita di tutti

  • Il movimento 5 stelle deve informare e mettere tutti i cittadini in condizione di decidere A MAGGIORANZA del loro futuro!

    Basta con questi politici NOMINATI dalle lobby e dai poteri forti che fanno solo l’interesse di parte.

    Ma per far ciò stiamo ancora aspettando la famosa “PIATTAFORMA” di collegamento tra eletti ed elettori.

    Conserviamoci però questa realtà politica, anche se ancora acerba, perchè persa questa non ci resterebbe più neppure LA SPERANZA di pensare ad un cambiamento nell’interesse reciproco senza privilegiati.

    • avevo postato questo commento ma è sparito ma non ho capito perché
      decidere il governo non dipende da chi sta all’opposizione ovviamente, partecipare della smania di andare a governare senza chiarire COME lo si vorrebbe fare è un gioco che appartiene più alla propaganda mediatica che alla concreta possibilità di modificare le cose in modo profondo e radicale; la rivoluzione culturale richiede tempi di maturazione che questa frenesia mediatica deve a tutti i costi comprimere determinando una sorta di imbuto per cui si viene trascinati nel gioco solo al livello di chi esprime opinioni senza avere il polso della volontà degli elettori, molto prima che seguano le azioni concrete per le quali manca tutta l’attrezzatura e l’organizzazione. Abbiamo eletto alcuni attivisti che davvero fanno del loro meglio ma non possono che disvelare e constatare ogni momento come la macchina del potere oggi sia inadeguata alla democrazia reale e non per caso: l’inefficienza e la costante dispersività del dibattito sono un’arma di distrazione di massa che tiene i cittadini a distanza di sicurezza. Se si andasse al governo senza avere organizzato almeno il portale e le assemblee degli elettori avremmo un problema da risolvere non si sa come, quindi non si comprende la fretta. Non cerchiamo voti ma cittadini attivi, è una cosa importante da ricordare e suona molto diverso dal dire: o si governa o si muore…. tanto più con meno del 30% dei voti. Se anche si andasse a prendere il premio di maggioranza alla camera si avrebbero voti insufficienti al senato, come adesso e, in base alle proiezioni fatte, sarebbe più o meno lo stesso con qualsiasi legge elettorale… l’Italia esprime tre posizioni distanti e diverse e le esprimerebbe comunque. Per “governare” cosa si intende in definitiva? Andare nella stanza dei bottoni e ordinare a questo e quello di agire secondo un disegno e uno schema conservando gli equilibri e la struttura delle varie agenzie di controllo? Oppure andarci e demolire l’esistente costruendo un sistema diverso. Le rivoluzioni non sono cose che si fanno nei palazzi, ma rendendo questi ultimi l’ultimo luogo in cui si possa decidere della vita di tutti
      https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10200584999055026&set=a.1066840918844.2011025.1460676491&type=3&theater

  • decidere il governo non dipende da chi sta all’opposizione ovviamente, partecipare della smania di andare a governare senza chiarire COME lo si vorrebbe fare è un gioco che appartiene più alla propaganda mediatica che alla concreta possibilità di modificare le cose in modo profondo e radicale; la rivoluzione culturale richiede tempi di maturazione che questa frenesia mediatica deve a tutti i costi comprimere determinando una sorta di imbuto per cui si viene trascinati nel gioco solo al livello di chi esprime opinioni senza avere il polso della volontà degli elettori, molto prima che seguano le azioni concrete per le quali manca tutta l’attrezzatura e l’organizzazione. Abbiamo eletto alcuni attivisti che davvero fanno del loro meglio ma non possono che disvelare e constatare ogni momento come la macchina del potere oggi sia inadeguata alla democrazia reale e non per caso: l’inefficienza e la costante dispersività del dibattito sono un’arma di distrazione di massa che tiene i cittadini a distanza di sicurezza. Se si andasse al governo senza avere organizzato almeno il portale e le assemblee degli elettori avremmo un problema da risolvere non si sa come, quindi non si comprende la fretta. Non cerchiamo voti ma cittadini attivi, è una cosa importante da ricordare e suona molto diverso dal dire: o si governa o si muore…. tanto più con meno del 30% dei voti. Se anche si andasse a prendere il premio di maggioranza alla camera si avrebbero voti insufficienti al senato, come adesso e, in base alle proiezioni fatte, sarebbe più o meno lo stesso con qualsiasi legge elettorale… l’Italia esprime tre posizioni distanti e diverse e le esprimerebbe comunque. Per “governare” cosa si intende in definitiva? Andare nella stanza dei bottoni e ordinare a questo e quello di agire secondo un disegno e uno schema conservando gli equilibri e la struttura delle varie agenzie di controllo? Oppure andarci e demolire l’esistente costruendo un sistema diverso. Le rivoluzioni non sono cose che si fanno nei palazzi, ma rendendo questi ultimi l’ultimo luogo in cui si possa decidere della vita di tutti

  • LOL! Premesso che m5s prenderà lo zerovirgola alle prossime elezioni (con grande soddisfazione di Grillo e Casaleggio che si saranno liberati della scocciatura di gestire il movimento e potranno fare gli incompresi a vita ruolo a loro del tutto consono) in quanto gli elettori m5s erano e sono elettori attenti e non ripeteranno una scelta rivelatasi disastrosa, Premesso questo, evidentemente m5s punta all’elettorato bunga bunga del cavaliere (gli analfabeti di ritorno) dato che nessuno (col sale in zucca) ha capito quale sia il motore decisionale REALE e democratico del movimento, quali personalità (con le capacità tecniche) si siano rese disponibili per assumersi responsabilità di governo, quali strategie siano state ipotizzate per mettere praticamente in discussione l’attuale UE e ridefinirne il funzionamento complessivo (in vista del semestre italiano 2014) e via di seguito…. Dunque m5s può e deve puntare sugli analfabeti?
    Senza spazi in TV è impossibile.
    Zerovirgola…….

    • @lallo

      Siete voi miserabili piddinazzi a contare lo “zero virgola” nel benessere di questo Paese.

      L’unico ricordo del vostro operato sarà l’infamia.

      Vedremo chi rimarrà a terra.

  • “Non avete ancora capito che non vogliamo sederci alla vostra tavola. Vogliamo ribaltarla”. Che Guevara.

    Gli italiani, invece non hanno ancora capito un cazzo! Vivono in una dittatura e credono ancora di essere in libertà. Sono troppo collusi e imbelli.

    P.s. Comunque bel post e chi non la capisce voti PD-L o PDL o Lega sperando che le cose cambino da sole, perchè loro non le cambieranno mai.

    • @Ronnie

      Ho lo stesso feeling.

      Mi chiedo in quanti siamo a riuscire ancora a tenere la testa fuori da questa camera a gas delirante.

      Mi chiedo in quanti siamo pronti ad agire. E’difficile riconoscersi in questa terra affollata da branchi di inutili zombie.

      La passione e l’intelligenza non mancano: il numero è determinante per il risultato.

    • Ma perfavore..Mi chiedo Ronnie e virus cosa facciano di così “rivoluzionario” a parte , leggere qualche libro ed andare a votare ..Tra chi cerca di cambiare il paese semplicemente votando (anche sbagliando) e chi millanta ipocritamente velleità rivoluzionarie farlocche da 4 soldi mantenendo le chiappe sul divano con la loro vita e carriera da privilegiati, preferisco di gran lunga i primi.
      Siete la rovina del movimento che votate, per colpa vostra il M5S non riuscirà mai a governare realmente il paese e conquistare il voto dei moderati, ovvero la gente normale disinteressata alle vostre teorie talebane patologiche.
      La vostra unica speranza è il crollo definitivo del paese e poterne raccogliere le ceneri con il voto dell ‘ elettorato più becero ed ignorante, come qualcuno ha già detto, gli analfabeti di ritorno e le peggior feccia leghista-berluschina-comunistoide leninista …Tranquilli siete sulla strada buona.

    • @Luca
      Prima di tutto come ti permetti di rivolgerti a persone che non conosci come fai tu? Secondo, cosa ne sai di tu di cosa fanno o cosa hanno fatto gli altri per cambiare o almeno tentare di cambiare? Allora tu sei una gran testa di cazzo, primo perchè io sono uno che è sempre stato in piazza fin dai tempi di San Babila (oggi ho 55 anni); lo era con la Lega di fine anni ’80, fino al 93; non sono mai stato privilegiato; ho fatto l’emigrante e sono tornato per fare ancora qualcosa nel 2008 per questo paese (infatti ero ancora candidato alle provinciali per un piccolo partito di opposizione) e sono sempre stato per il nuovo che avanza 8che è sempre meglio che stare con i vecchi criminali). Da un anno sono disoccupato in quanto l’azienda per cui ho lavorato ultimamente ha chiuso; ho fatto un sacco di lavori e non ho mai leccato culi e accettato compromessi, perchè ho il piacere dell’onestà. Ero ancora in piazza fino alle ultime elezioni finchè non mi hanno trovato una neoplasia e sono stato operato due volte in 4 mesi, e adesso son fermo. In quanto a leggere, è vero, ho letto, ma non 4 libri come magari hai fatto tu, ma 400 almeno ed ho anche altre passioni. Sono stato a vedere cos’era il comunismo dopo la caduta del muro a Cuba per un paio di mesi e sono stato anche negli USA a vedere cos’era il capitalismo dopo la caduta del muro…e continuando potrei scrivere un libro. Sono stato nei paracadutisti della Folgore fino alla guerra in Libano e adesso devo accettare un commento da uno stronzo come te. Fammi avere i tuoi dati che poi ci regoliamo. Nome cognome indirizzo che mi mandi a questa mail rena59@libero.it. Poi vediamo se fai ancora lo spocchioso ignorante. Nessuno, ti dico, nessuno al mondo può permettersi d’insultarmi in nessun modo. Ti dico solo questo. E anche se adesso sno indigente c’è sempre qualcuno accanto a me per aiutarmi. IMPARA che nella vita devi sempre comportarti correttamente, perchè non sai mai chi ti puoi trovare dall’altra parte. Coglione!!!
      Già non sopporto gli insulti nei blog, se poi sono rivolti a me…
      @Virus non so come la pensi, io la penso così.
      E non t’azzardare mai più ad attacccarmi direttamente, nascosto dietro ad un blog. Vigliacco.

    • Ronnie..mandami i tuoi dati ?..ma chi sei ? Mi dai del vigliacco ma hai bisogno dell opinione dell utente virus ? Ma non ti vergogni a scrivere certe cose?
      E’ come dici: dovresti acettare pure “un commento da uno stronzo come me” , visto che ancora esiste la libertà di pensiero ed opinione.
      Manco tu conosci i problemi e il dolore personale del prossimo e del sottoscritto e realmente non mi interessa farne una competizione e tanto meno scriverne su un blog pubblico, ma soprattutto non c’entrano un cazzo col discorso, come non c’entra niente l’impegno civile che io non ho menzionato da nessuna parte.
      Io ho parlato di privilegiati non certo nel senso di leccaculo, ma nel senso di persone che hanno un lavoro, famiglia e casa in un contesto di crisi generalizzata, tutte cose che non sono disposti a perdere (ma questa è la rivoluzione ). Il punto è: sei disposto a mettere in gioco quello che hai e ribaltare con la forza sistema ? E quando dico “quello che hai” intendo pure tutto il sistema sociale in cui vivi, che può cadere a pezzi ed essere fatiscente in molte regioni, ma ancora sostiene e cura milioni di persone. Hai curato ed operato la tua neoplasia all ospedale, pagando solo il ticket e alcune visite ? In quanti paesi sarebbe stato possibile ?
      Se ancora sei disposto a rinunciare a tutto questo, bene non millanti ! complimenti, anzi auguri, perchè probabilmente tra poco arriverà il tuo turno e quello di chi vuole mettere a ferro e fuoco il paese.
      Come volevasi dimostrare , ribadisco ulterioremente l’analisi sull ‘evoluzione del M5S, non avrete mai l’appoggio dei moderati.

    • @luca
      Sono uno che non attacca chi commenta, tanto per cominciare. Commento i post di Byoblu e non attacco i commentatori, tipico di chi non ha argomenti, in quanto rispetto gli altri per primo, ma a chi mi manca di rispetto, gli faccio un culo così. Inoltre, mi sono proprio deluso ha perdermi in queste discussioni con te, che da quello che scrivi e da come difendi questo sistema devi proprio essere uno “incriccato” non male. A parte l’ignoranza che traspare alla grande.
      Poi io non ho proprio nulla da perdere casa, famiglia, lavoro o patrimoni. E io non ho parlato del volontariato che faccio agli anziani, ai disabili o a leggere i romanzetti a bambini della Ns Famiglia (per mezza Lombardia), adesso che sono pure disoccupato.. Allora non hai letto il mio commento, comunque ho capito…Finiamola qui con un: “Ma chi cazzo sei tu?” e un bel vaffanculo. E vai per la tua strada che è meglio. Per te.
      P.S. Non ho votato M5S ma vado anche, ogni tanto, in Parlamento a vedere quello che fanno (sempre se hai possibilità di avere il pass) e credo proprio che la prossima volta li voterò. Ma guarda un po’.
      L’accenno a @virus era per non tirarlo in mezzo visto che lo citavi…ma sei troppo coglione per arrivarci.
      Adios bamba!!!

    • @Ronnie

      Questo @Luca è un provocatore di matrice piddina (o tecnonazista, come preferisci) che “marco” dal dopo voto.

      E’ un essere disgustoso, al di là del fatto che esegua degli ordini o meno. Ma al di là del cianuro che gli scorre nelle vene non ha elementi umani o culturali per fare decentemente il proprio sporco mestiere. E’ inutile come una zecca.

      E’ un poveretto tipo quelli dei call center che ti chiamano a tavola all’ora di cena… ma veramente brutto: dentro e fuori. Credo che tu non sia stato abbastanza duro.

      Da amico poi, visto che hai esperienza marziale, ti invito a non prendere sul personale toni e parole di questi troll. Lo fanno per “mestiere”.

      Questo, come tanti altri, non è un forum, ma un campo di battaglia per i Goebbels 2.0 in questa guerra globale.

      Se chiarisci la “serietà” della cornice in cui semplici post si vanno ad inserire, ti invito anche a non pubblicare tue informazioni personali e a tutelare il tuo anonimato. Proprio come in servizio.

    • @virus
      Eh, Virus, pensi che sia così stupido a lasciare dati personali.
      La mail non è mia è di una persona ormai deceduta, che teniamo alla memoria di un “combattente” contro tutte le ingiustizie (capisci, sono per metà Irish).
      In quanto al resto, hai visto che ho scritto che “mi sono deluso” a perdermi con gente simile, proprio io che sono quello della frase “Non perdere mai tempo con un’ignorante, perchè prima ti porta al suo livello, poi ti batte con l’esperienza”. D’altronde da uno che le crede che le ciance vadano bene fino ad un cero punto, capisci bene…
      Ti tingrazio comunque dei tuoi consigli e della tua comprensione, anche se magari non la pensiamo completamente allo stesso modo, l’importante è capirsi.E soprattutto…Respect!

  • […] “Il Movimento 5 Stelle è venuto al mondo per riconsegnare la politica nelle mani dei cittadini. Non è nato per trasformarsi in un partito tradizionale. Non è nato per ragionare come un Alfano, un Letta, un Berlusconi qualsiasi. Non è nato per fare compromessi perché “altrimenti cosa ci stiamo a fare”. Chi ha votato 5 Stelle lo ha fatto per rovesciare il tavolo. Con tutto il servizio buono di porcellana sopra. Perché ormai non è più questione solo di ‘mangiare meno’, ma di mangiare ‘meglio’, e soprattutto di mangiare ‘tutti’. Chi ha votato 5 Stelle ha votato un programma in 20 punti e 163 persone che lo portassero dentro. Così com’era. Non un po’ più europeo cosicché potesse piacere anche al Pd. Non un po’ meno trasparente cosicché potesse piacere anche al Pdl. Così è basta. Perché questa è la democrazia diretta. O così o niente. O così o nuove elezioni, per cercare di avere la maggioranza e realizzarlo tutto, per intero, come i cittadini lo hanno voluto.‘Intelligenza politica’ per un eletto a 5 Stelle è una locuzione senza senso. L’intelligenza politica lavora prima, quando la rete si confronta e stila Carte come quella di Firenze. Se un eletto prende i punti del programma e li cambia (magari con i migliori propositi, perché crede di avere un mandato a modificare quello che i cittadini lo hanno spedito a realizzare), affinché quei punti si accordino con le esigenze del Pd del Monte dei Paschi, o del Pdl dello scudo fiscale, o di Scelta Civica del fiscal compact, allora non ha capito niente: sta solo facendo vecchia politica. Sta tradendo il mandato elettorale. Non sta gettando un ponte tra il cittadino e le istituzioni, in maniera che il sistema si trasformi lentamente da una rappresentanza vuota e fallimentare a una autentica democrazia diretta: sta perpetuando le vecchie pratiche dell’inciucio e distorcendo il significato di ‘portavoce’. Il Movimento 5 Stelle non è stato mandato nelle istituzioni per mendicare un misero emendamento rivendicandolo come un successo. È stato mandato in Parlamento per provare ad avere la maggioranza. Una maggioranza che non fosse finta come quella offerta da Bersani. Una maggioranza vera, perché solo così si possono cambiare le cose. Se non può avere un incarico di Governo perché i numeri non lo consentono, o perché il Paese è in mano a chi sotto il nome di ‘larghe intese’ cerca di mascherare il solito vecchio inciucio e perpetrare se stesso, allora il 5 Stelle non ha difficoltà a tornare alle urne. La fiducia i 5 Stelle la chiedono al Paese, non a Letta, a Monti o a Berlusconi.Qui c’è bisogno di un atto di coraggio totale e definitivo. L’Italia è sempre più vicina al baratro. In certe zone sono mesi che non viene pagata neppure la disoccupazione. In queste condizioni, lasciare il timone nelle mani di chi ci ha portato nelle secche è pura follia autodistruttiva. Cercare di convincerlo con le buone, oltreché un tradimento dei principi ispiratori, è anche e soprattutto una cosa stupida. Il Movimento 5 Stelle è un movimento rivoluzionario. Le cose le cambia invertendo i rapporti di forza, mettendosi alla guida della nave. O così, oppure non ha senso. La democrazia diretta o si realizza e si mandano a casa i responsabili dello sfacelo, oppure a casa ci deve andare chi ha provato a fare la rivoluzione senza riuscirci. In mezzo non c’è niente, mettetevelo bene in testa. Per questo, se non ci sono i termini per realizzare il mandato elettorale (che è scritto chiaro, semplice, nero su bianco), si deve tornare alle urne e chiedere con forza e convinzione agli italiani di provare a cambiare tutto, di conferire una maggioranza chiara e inequivocabile a Grillo e al suo movimento politico. Nessuno giochi al piccolo onorevole. Nessuno pensi a nuovi compromessi storici. Nessuno creda di salvare se stesso. Qui si governa o si muore. Tutti insieme.” Claudio Messora […]

  • Caro Claudio,

    tu dici che

    “Chi ha votato 5 Stelle ha votato un programma in 20 punti e 163 persone che lo portassero dentro. Così com’era.”

    Allora mi spieghi perchè quelli che dovrebbero essere i nostri portavoce stanno portando avanti un loro programma autonomo?

    Parlo della legge anti-omofobia e, soprattutto il ddl, firmato da 30 dei nostri senatori contro l’obiezione di coscienza in tema di aborto.

    Io non avevo visto nel programma alcun riferimento al fatto che il M5S si sarebbe dimostrato un Partito Radicale anticattolico (solo un po’ più maleducato)?

    Ora il M5S pensa che, con questi chiari di luna, avrà il 51%… ma per piacere!

    Un abbraccio

    Guido

    • ho letto questo commento…assurdo di tale Mastrobuono.. essendo stato radicale.. e ora rimasto radicalmente liberale.. non capisco questi atteggiamenti.. radicali anticattolici? evidentemente si sente un clericale.. sappia che non siamo in uno stato laico e liberale..è per noi immersi nel clericalismo un divenire e liberta di coscienza non deve essere liberta di vietare.. si ripassi i fondamenti del liberalismo

    • ho letto questo commento…assurdo di tale Mastrobuono..

      CITAZIONE

      di assurdo c è il tuo commento e quella assurda , violenta, illiberale, quasi criminale legge sull’omofobia.

      frutto delle peggiori bieche menti del peggior progressismo dogmatico.

      Il giusto motto per quella gentaglia è questo: “”” siamo progressisti, libertari e di sinistra….siete liberi di pensarla come volete………………….ma guai a voi se non la pensate come noi “””””

      Una cosa è il rispetto del prossimo….che sia etero o gay o quant’altro……….una altra cosa è quella legge cosi formulata..: tipica legge nazi-progressista………….che con il progresso civile e con la libertà ha poco a che fare.

      Per gli obbiettori: chi per ragioni ideologiche o religiose è contro l’aborto….è giusto che possa rifiutarsi di eseguire certe pratiche per obbiezione di coscienza……esattamente come certi pacifisti (anche radicali) tempo fa si opponevano al servizio militare obbligatorio …o lo stabilite voi quello che è giusto o non è giusto?

      Questo non è uno stato “clericale” —è semplicemente un Paese fortemente cattolico… embè ?è un problema ? è una maggioranza che ha una forte tradizione radicata da secoli….una maggioranza come qualsiasi altra maggioranza…e che in democrazia ha voce in capitolo proprio perché maggioranza.

      Il M5S…che ha fatto il miracolo di tenere sotto lo stesso ombrello due realtà ideologiche diverse …avrebbe dovuto procedere in un altro modo.

      Si è rivelato quello che è: un partito di sinistra.

      è verrà punito….secondo me tutta la destra è scappata …e si è messo contro il mondo cattolico .

      il 51% se lo sogna come ha detto il Sig, Guido…ma secondo me si sogna anche il replay delle scorse elezioni.

      Resterà all’ opposizione a blaterare livido contro i cosiddetti bananas…e i sempre cosiddetti “trogloditi cattolici”…..quella parte che PER FORTUNA dico io…non ha mai fatto vincere realmente le sinistre in 70 anni.

      M5s che delusione !!!

      che resti all’opposizione a “maturare” che mi sembra un movimento di bambinelli stolti…con il cervello otturato da cazzate …

      vado a lavurà

      buona giornata

      Sig. Guido…ottima considerazione…;-)))

    • shardan

      Motto dogmatico/nazi/progressista:

      “”” siamo progressisti, libertari e di sinistra….siete liberi di pensarla come volete………………….ma guai a voi se non la pensate come noi “””””

      CITAZIONE

      invito tutti quelli che non lo hanno fatto….di andarsi a leggere come è formulata la legge antiomofobia.

      E’ qualcosa di INACETTABILE è va oltre molto oltre l’omofobia (termine tutto da capire..)

  • Il punto è che il M5S è già da tempo (dopo elezioni) la massima carica, in quanto gli altri (PD e PDL) per essere ammessi hanno dovuto usare le coalizioni, che sono una truffa alla popolazione!!!
    I pentastellati dovevano da subito sfiduciare l’intera parte restante di governo, denunciarli e mandarli via, non stare là a discutere di diarie!!! L’errore non è di Grillo, ma dei rappresentanti andati a Roma! Ora vedano di muoversi in quel senso

  • Sono deluso e avvilito.

    Sono passati sei mesi.
    eravamo quelli che non erano ancora riusciti a lobotomizzare ..
    eravamo dispersi, non sapevamo neanche di essere in così tanti,
    di poter avere, volendo, così tanta forza …

    ha girato il paese, è venuto a cercarci nelle isole, ci ha stanati nei quartieri ..

    ci ha radunati ed ha inizzato a suonare il flauto, non facendoci mai mancare i 5 minuti d’odio : il nano, il nano, il nano, il nano …

    bene … quelli tra di noi più deboli sono caduti subito .. oggi hanno lo sgaurdo vitreo e ripetono : il nano, il nano, il nano, il nano

    i primi della classe, GLI ELETTI, hanno dato il meglio di se imbastendo un teatrino dell’assurdo raccapricciante, arrivando, senza pudore fin da subito a proporre
    come GUIDE quei nomi disgustosi che per rispetto dei MORTI non sto a ripetere ..

    gli altri sono incazzati, delusi, arrabbiati, disperati ..
    sono comunque tornati a essere dispersi, non sanno più di essere in tanti
    di poter avere, volendo, così tanta forza …

    se questo era lo scopo .. avete fatto un lavoro eccellente

    all’UOMO, qui fuori viene ogni giorno negata una pur EFFIMERA SPERANZA NEL FUTURO, e questo lo SOFFOCA nel PRESENTE

    Claudio, hai prestato la tua intelligenza a questo gioco, penso in buonafede, arrivando a tentare di rendere accettabile quello che a pelle generava ribrezzo : “è la DEMOCRAZIA, bellezza”

    ti abbiamo dato retta, … oggi ti affanni a rigirare questa minestra che però è oramani vecchia e nauseabonda ..

    ABBIAMO PERSO SEI MESI !!!
    è stato un bel sogno, ma non mi riesce di ringraziarti.

  • Non è certo difficile, condividerTi, perchè,
    in quanto ”a morire” e cioè,
    con l’eliminazione(quasi etnica) degli elementi ‘economicamente più deboli’,
    non è certo falsità affermare,
    che lo schema è già da tempo in atto !
    Vedi ad esempio, il falso recupero di alcuni esodati, quando sanno benissimo, che rispetto a questo numero, ne hanno lasciato a piedi un mumero quantomeno
    DECUPLICATO, e poi ancora moltiplicato almeno per DUE. Tutte persone a cui (con la Fornero) hanno rubato i soldi, creando loro un mare di problemi, che adesso fanno ipocritamente finta (al Governo) di aver dimenticato,
    ma che NON SOLO moralmente, ma DI FATTO, VANNO RISARCITI !
    La faccenda si estende poi, anche a tutti coloro, che arrivati al limite utile per UNA pensione, devono
    aspettare (secondo i BULLI), almeno ancora
    QUATTRO anni, per potersi ‘almeno’ curare gli acciacchi.
    Come dire, autosuicidatevi, e toglieteci il disturbo.
    Lasciamo ora stare quelli dl PDL, che NON sono neanche degni di essere menzionati,
    ma i BULLI (e pataccari) del PD, di codesti ladrocinii
    ‘da sterminio’, ne porteranno COLPA IN ETERNO.
    O si fa l’Italia (e si risorge), o si muore, mi sta perfettamente bene, anzi, lo auspico.
    E sono anche lieto, che i toni, in seno al M5S (blog), sono ‘a proposito’ cambiati e diventati più agguerriti !
    Ma, se il Movimento, è nato per Governere, rovesciando il tavolo (con tutta la porcellana del Castello), allora si cominci a centrare il tema:
    l’attuale schema organizzativo del Movimento, NON E’ CONFACENTE, al raggiungimento degli obiettivi prefissi !
    Ci vuole (ora e subito) un Governo ombra, ed attrezzato sotto ogni aspetto, inclusa la sicurezza degli addetti, tal da stimolare ancor di più la fiducia del cittadino verso il Movimento !
    Saranno pure italiani, ma c’è una parte di essi, inumani, che quando, Porcellum o non Porcellum,
    vedranno persa la poltrona del potere, attiveranno i loro ‘deviati scagnozzi’ per metterla in caciara,
    ed adottare quindi schizzofrenici provvedimenti
    alla ‘post 11 settembre’.
    Da ex (e vecchio) militante della ‘defunta SINISTRA’, ma sempre e comunque PROGRESSISTA, mi appello a quanti, ma profondamente delusi, vanno ancora dietro al PD (fondazione bancaria).
    Blocchiamo insieme questi ruba galline, che vanno ormai avanti solo per proteggere le loro malefatte,
    adottando altre malefatte.
    Proviamo a risorgere secondo dettami etico morali,
    adesso che abbiamo ancora la fortuna di
    avere un Obama in carica ed un Francesco (e Benedetto),
    che ci indicano la strada.
    Metronomo

  • Sarò di poche parole: Claudio, condivido il tuo pensiero e ogni tua singola parola al 100%. Io ho votato il M5S per queste ragioni, per cui basta con gli inciuci e i compromessi della politica. In Italia dobbiamo stare meglio TUTTI dal nord al sud e dobbiamo vivere una vita dignitosa. O si vince o si perde: in questo caso non esistono pareggi.

    • Lo stesso da quello da cui vieni te.

      Con l’unica differenza che sono consapevole della gravità di ciò che sta accadendoi (non solo in Italia) e che ciò che fino a qualche anno fa poteva essere solo retorica, ora, chi conserva ancora un briciolo di libertà, lo può dire di pancia come 70 anni fa o come in altri momenti tragici della storia.

      Chi non è solidale con chi difende le classi oppresse è un reazionario.

      Con chi si gioca tutto per far libera informazione e per dare un contributo a quel 99% di società che sono attualmente gli oppressi e con chi fa della povera provocazione non ho dubbi su che atteggiamenti tenere.

      Se la tua non fosse stata una trollata avresti almeno provato ad argomentare una critica, come contributo solidale. Così non è stato.

      La prova dello “specchio” è insostenibile per la maggior parte degli esseri umani.

    • Ok.
      1) tendere a un obiettivo realizzabile in tempi lunghi come la democrazia diretta deve essere affiancato da obiettivi a breve- medio termine, cioè con azioni che tendano a risolvere i problemi degli elettori che vi hanno votato.
      2) lL’obiettivo di governare solo quando avrete il 51% è realizzabile solo con un grande consenso popolare, e una grande capacitádipttenerlo, cosa che si ottiene solo presentando agli italiami risultati misurabili e vhe on idono sulle loro vite in modo positivo, ma è ragionevolmente un obiettivo utopico.
      3) Nel momento in cui il Movimento si è presentato alle elezioni si è messo in gioco come forza parlamentare, quindi ha presentato un programma e ha stipulato un patto con gli elettori: il voto in cambio di un impegno. Purtroppo per cambiare le cose è necessario governare, quindi, per parafrasare, forse i sarebbe stato meglio accettare la proposta del PD: il primo risultato sarebbe stato quello di escludere il PDL dal governo, un obiettivo non dichiarato sarebbe stato quello di minare il PD, mettendo a nudo le sue contraddizioni interne. Il risultato sarebbe stato qualche ministero strategico per la realizzazione dei punti principali del vostro programma.
      4) la vitalità di un movimento è la dialettica interna. Essa è anche un punto di debolezza, soprattutto se non esiste un’ideologia comune, oltre a quella di “abbattete il sistema”.
      Essere aperti alla discussione interna, alla mediazione tra le varie anime del movimento significa costruire un linguaggio comune, una coesione che nasce dalle differenze, una forza e una maturità da presentare alle prossime elezioni, per portare coloro che vi hanno votato per protesta a votarvi per convinzione.
      5) il pezzo di Messora si chiude ci una specie di ordine di servizio ai senatori 5stelle a “stare al proprio posto” e questo non fa onore a un partito- movimento che ha come suo fine la democrazia diretta.

    • Errata-corrige del commento precedente
      2) lL’obiettivo di governare solo quando avrete il 51% è realizzabile solo con un grande consenso popolare, e una grande capacità di ottenerlo,, cosa che si ottiene solo presentando agli italiani risultati misurabili e che incidano sulle loro vite in modo positivo, ma è ragionevolmente un obiettivo utopico.

    • @Gianna, da attivista ti assicuro che non conosco nessuno che in questi anni si è dato da fare qualcosa di buono per la collettività che potrebbe mai condividere ciò che sostieni.
      O meglio: ciò che sostiene la propaganda PD.

      Il M5S prova a rappresentare una sola anima: quella della Resistenza con il libero riappropiarsi della Cosa Pubblica.

      Il progetto nazista piddino troverà sempre e comunque la Resistenza dei cittadini liberi, anche nel caso in cui i vertici pentastellati si fossero venduto.

      I piddini possono tornare a leccare i piedi ai loro padroni criminali e sociopatici: che oggi sosteniamo il M5S o che domani sosterremo XYZ, ai piddini non cambierà niente: saremo sempre il loro incubo. Il vostro.

  • Fortuna che te sei rifatto ‘na verginità…perché non ricordi al gregge che hai votato Berlusconi per almeno 10 anni? Informatevi prima di farvi perculare dall’ennesimo messia a contratto.

  • Ci rendiamo conto che quello che scrive Messora è bello da leggere, ma è IRREALIZZABILE, perché il m5S non potrà MAI avere il 51%; INGIUSTO perché le elzioni ci sono appena state ( sono andate pure benissimo!m5S primo partito!) e le legislature, dice la costituzione, durano 5 anni; ma soprattutto STUPIDO, perché possiamo davvero cominciare a cambiare le cose ma ci guardiamo tutti l’ombelico.
    Con questo atteggiamento ottuso non stiamo distruggendo solamente noi stessi, ma l’Italia!

    • Siamo in tanti che lo stiamo dicendo in tutte le lingue come si suol dire, ma sembra che non ci sia verso. Ci sarà sempre uno zoccolo duro e numeroso che per motivi diversi ma tutti concomitanti non lo voteranno mai il movimento. Ricordiamoci della caverna di Platone! Sarebbe possibile ottenere il premio di maggioranza con il porcellum, ma si potrebbero verificare la situazione attuale a parti invertite. E saremo punto e a capo.

    • Siete tanti quanti il numero dei piddinazzi presenti sul territorio nazionale.

      Il vostro partito è il PD±L

      Non lamentatevi: ci sono già i vostri rappresentanti seduti in Parlamento.

      E siete fortunati: culturalmente rapresentano “voi”. Economicamente rappresentano interessi sovranazionali e di altre classi. Ma va bene così.

  • Complmenti per la strategia politica….. La strategia sarebbe sperare di avere il 51% per governare…ah ah ah . Bravo Messora…ma dove cazzo vivete? sulla luna? Il M5S non andra’ da nessuna parte se non fa accordi strategici con chi sta in parlamento, ci vuole tanto a capirlo? PS. se avete una strategia fatemi sapere

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi