Lo stanno santificando

Matteo Renzi Santo Beppe Grillo

Il sistema, messo sotto pressione dall’ascesa dei Cinque Stelle, ha lavorato duramente alla sintesi di un vaccino e ora crede di aver trovato l’antidoto: un piccolo ometto della vecchia politica riverniciato a nuovo per sembrare tale e attirare, come lo scintillio della volgare bigiotteria attira i merli, quella parte di protesta che ha caratterizzato il voto delle scorse elezioni politiche. Grillo fa il tour in camper? Renzi fa il tour camper. Grillo vuole l’abolizione dei rimborsi elettorali? Renzi vuole l’abolizione dei rimborsi elettorali. Grillo vuole abolire le province? Renzi vuole abolire le province e anzi lo sfida a farlo (lui che è stato presidente di Provincia, mentre Grillo alla Provincia non ha mai candidato nessuno). E tali banalità da fotocopiatrice inceppata vengono riprese da blasonatissimi editorialisti come se fossero un distillato delle migliori pratiche di pensiero politico dal Machiavelli in poi. La stampa celebra quotidianamente l’avvento del nuovo messia. A Washington hanno Obama, a Londra Cameron, a Berlino la Merkel e noi abbiamo Renzi, un prestanome amico della grande finanza che ha cominciato a frequentare Cologno Monzese sin dai tempi in cui partecipava alla Ruota della Fortuna (con Mike Bongiorno) e non ha mai smesso, arrivando perfino a farsi ricevere ad Arcore (per aiutarlo a pianificare la exit strategy in vista delle future condanne?) e ad accettare la collaborazione di uno dei manager di punta della Fininvest, quel Giorgio Gori che era direttore delle reti di Berlusconi ai tempi della discesa in campo di Forza Italia.Come sia possibile che un signore che ha preso meno di due milioni di voti, nella migliore delle ipotesi solo tra i suoi stessi tesserati, abbia uno spazio abnorme sui media rispetto a quello esiguo dedicato a chi di voti ne ha presi 9 milioni, di cui almeno 8 in più rispetto ai suoi “tesserati” (gli attivisti certificati), resta uno di quei gaudiosi misteri della fede cui la patria del berlusconismo ci ha abituati fino quasi a farlo sembrare normale.

Tant’è che sul principale quotidiano nazionale, quello che dovrebbe essere super partes per vocazione, non passa giorno che editoriali cazzulliformi non occupino la prima pagina riscrivendo il teatro dell’assurdo. E’ proprio Aldo Cazzullo, ad esempio, un falsario seriale dell’informazione politica, a scrivere tre giorni fa un pezzo che sfida la salute mentale di chi prova a leggerlo. Si intitola “La generazione dei bravi ragazzi”, e uno pensa subito che si riferisca ai Cinque Stelle, dei quali tutto si può dire tranne che siano politici scafati avvezzi alle trame di palazzo. Anche perché dice:

In politica — titolano tg e giornali — è l’ora dei quarantenni. Ma, a ben vedere, è un ricambio più profondo quello che si annuncia, è un’altra generazione ancora quella che si affaccia alla vita pubblica.
La generazione che si potrebbe definire dei «bravi ragazzi». […] Avanzano i veri giovani, volti più freschi di quelli — da tempo entrati nella sfera mediatica — di Matteo Renzi o di Giorgia Meloni.  I volti che andiamo scoprendo in questi giorni non sono semplicemente di bell’aspetto; dietro ci sono persone normali, di modi garbati, di buoni studi, insomma ragazze e ragazzi come quelli che vediamo festeggiare le lauree nelle città universitarie, cercare tra grandi difficoltà un lavoro, tentare di costruirsi una famiglia e un futuro. Non figli d’arte né del Partito. Volti in cui i nonni possono riconoscere i propri nipoti, i padri i propri figli.

E invece no. Il pezzo che avrebbe dovuto scrivere dopo l’insediamento di 160 parlamentari che mai avevano calcato il suolo istituzionale prima d’ora, Cazzullo lo scrive dopo l’annuncio dei componenti della nuova segreteria di Renzi, che include novità multi-incarico del calibro di Debora Serracchiani, ad esempio. E poi si lancia nell’apoteosi del grillismo a sua insaputa:

I parlamentari sono visti come alieni che vivono un’altra vita e discutono di altre cose rispetto alla gente normale. In queste circostanze, investire di responsabilità giovani che hanno appena compiuto trent’anni, che hanno figli piccoli o in arrivo, significa finalmente distogliere lo sguardo dalle contrapposizioni ideologiche, e rivolgerlo a un avvenire che non sia l’eterno ritorno di cose già viste e già sentite. […] Abituati come siamo a classi dirigenti inamovibili, distanti, talora disoneste, avvezze a cooptare figli e famigli tagliando fuori tutti gli altri, sbaglieremmo a liquidare come inadeguati i compagni di strada di Renzi — compresi quelli che non appartenevano alla sua corrente — e coloro che emergeranno dallo scouting in corso a destra.

Tutto, dalla critica alle classi dirigenti distanti e inadeguate, alla condanna del nepotismo fino al superamento dei concetti di destra e sinistra (distogliere lo sguardo dalle contrapposizioni ideologiche) ci parla del Movimento Cinque Stelle ma Cazzullo, dopo averlo denigrato quando avrebbe dovuto esaltarlo, come un Robin Hood al contrario lo deruba per riscrivere la storia e attribuire i principi grillini alla pecora Renzi, il miglior tentativo di imitazione di Grillo che proprio la vecchia classe dirigente sia stata capace di partorire.

Non va meglio con l’editoriale di oggi, a firma di un altro che alle soglie del 2014 finalmente ha capito tutto e mette in guardia dalle “rivolte dei milioni di italiani che ogni giorno siedono in cucina e cercano di far quadrare i conti”, ma che nel 2011 dalle pagine dello stesso giornale avvertiva che internet è “uno strumento perfetto per diffondere pericolose falsità travestite da dubbi”, Beppe Severgnini.

In un pezzo che campeggia sempre in prima pagina, intitolato “La geografia del malessere”, Severgnini inanella una serie di paragoni inaccettabili e di insinuazioni sofisticate.

Sono passati dieci mesi dal trionfo elettorale del Movimento 5 Stelle, e qualcuno sembra aver dimenticato la lezione. […] È una fortuna che, negli ultimi vent’anni, siano stati megafoni e non manganelli: dal referendum di Segni alla Lega di Bossi, dalle promesse di Berlusconi ai vaffa di Grillo. Nessuno di questi, per motivi diversi, ha saputo diventare un partito. […] Matteo Renzi non ha solo il diritto di guidare il Partito democratico: ne ha il dovere. […] E potrebbe risultare meno innocuo dei Forconi, meno velleitario di Beppe Grillo. […] Chi pensa che i problemi d’Italia si risolvano con sputi, vaffa e forconi…

Inoculare la convinzione che il voto a Grillo sia stato una “lezione”, implica la derubricazione di quella che attualmente è una forza parlamentare costantemente sopra al 20% a un mero gesto distruttivo privo di qualunque dignità politica. E comporta anche una sorta di casta superiore al quale la lezione sarebbe indirizzata, che dovrebbe dunque farne bonariamente tesoro e consentire generosamente ad alcune magnanime concessioni. Il concetto di “tutti a casa” è ancora lontano anni luce dal Severgnini-pensiero. Accostare poi vent’anni di mala-politica, mettendo nello stesso calderone (e nella stessa frase) la Lega di Bossi, le promesse di Berlusconi e i “vaffa” di Grillo (appena arrivato) è un’operazione chirurgica degna di un Frankenstein inchiostratore di rotoli Tenderly che partorisce chimerici mostri del giornalismo miope e allineato, il quale si svela nel trattamento speciale riservato a Renzi, che dopo avere dimostrato di non sapere né volere fare il sindaco di Firenze, ora secondo Severgnigi avrebbe invece le carte in regola per risollevare le sorti del Paese. Il meschino e vile tentativo poi di associare il Movimento Cinque Stelle al movimento dei Forconi (cui dichiaratamente il M5S non partecipa in alcun modo) è un’esemplare dimostrazione di quanto a volte nelle liste di proscrizione ci si iscriva da soli: quelle della disonestà intellettuale che non dovrebbe trovare dimora nella patria di una professione nobile come quella del giornalismo.

Ma non basta. Recenti ricerche, pubblicate su tutti i media, dimostrano e confermano che oltre il 60% degli italiani non riesce a comprendere il significato di un testo scritto, anche se non è analfabeta. Un mondo approssimativo dove i titoli sono l’unica cosa in grado di colpire l’immaginario di 6 italiani su 10. E cosa campeggia sulla prima pagina del Corriere, oggi?

Corriere Matteo Renzi Beppe Grillo

Di tutte le motivazioni argomentate nel post di Grillo in risposta a Renzi, a fronte di righe e righe dedicate alle posizioni di Renzi, come sono liquidate quelle di Grillo? “Con te non dialoghiamo”, poi ristretto nel testo sottostante a un ancor più stringato “La risposta: niente dialogo”. Perché? Semplice: perché il leitmotif da ripetere come un mantra finché non diventi una verità assodata è che il Movimento 5 Stelle è il movimento del “NO”, dell’assenza di qualsiasi propositività, il movimento della protesta vuota e fine a se stessa che non serve a nulla se non a “dare una lezione”, finalmente raccolta da una novità come Renzi che, da esperto amministratore della cosa pubblica (basta guardare i conti di Firenze), saprà al contrario lavorare per offrire soluzioni, con il suo team di “giovani e bravi ragazzi”.

E dove vengono spiegate le posizioni di una forza politica da 9 milioni di voti? Forse a pagina 2? Forse a pagina 3? A pagina 4 o 5? No. Dentro al giornale, nelle pagine successive, ci sono solo lenzuolate di cazzullate pro Renzi. Quello che ha scritto Grillo? Non viene spiegato fino a quando non compare un timido articoletto di Emanuele Buzzi, confinato in alto a pagina 6, nel quale per di più trovano spazio anche le posizioni critiche dei contestatori, in una sorta di redivivo rispetto della par condicio. Ma che senso ha ricordarsi della par condicio solo alla fine, nel breve riquadro dove si confinano le ragioni di 9 milioni di elettori? Semmai, ci sarebbe da riequilibrare in senso inverso, considerato lo spazio abnorme e a senso unico che il Corriere riserva a Renzi. E invece, come nei regimi, per salvare la faccia si riporta una posizione lievemente difforme dalla verità ufficiale, posta al limitare dell’universo conosciuto, immediatamente minimizzata, neutralizzata dalle obiezioni di chiunque abbia da dire qualcosa (dalla casalinga di Voghera al cane del vicino di casa), come se neppure una piccola incrinatura nella tela della propaganda possa essere tollerata senza dover essere subito confutata, ricoperta da una mano di vernice. Il titolo, ancora una volta, è una lezione di manipolazione: “Il No dei Cinque Stelle: Parlamento abusivo, non può fare le regole”. Quel 60% di italiani che non sanno andare al di là dei titoli è servito: ciò che ricorderanno è ancora una volta un “no” : M5S non sa dire altro che “no”.

Ora vi domando, al di là delle posizioni legittime di ognuno (sempre che argomentate con onestà intellettuale e senza manipolazioni subliminali del tipo di quelle descritte), è normale che tra gli editorialisti di un quotidiano a vocazione equilibrata come il Corriere della Sera non si riesca a trovare mai, neppure per sbaglio, una minchia di editorialista che dopo aver mangiato pesante la sera prima la pensi come la pensano 9 milioni di cittadini di questo fottuto Paese, e che ogni tanto, per distrazione, venga pubblicato da De Bortoli in prima pagina? Da chi devono essere rappresentate le ragioni del 25% dei votanti alle elezioni politiche di un grande Paese democratico? La risposta è nel crollo verticale delle vendite e dei profitti dei quotidiani. E si capisce bene perché Letta cerchi di compensare le perdite degli editori, come ha fatto per decreto nell’ultimo Consiglio dei Ministri, tentando di addebitarle all’unico grande media ancora libero, in procinto di essere chiuso: la rete.

86 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • siamo in guerra e non siamo dalla parte del più forte, aguzziamo l’ingegno e colpiamo duro e tutti gli attivisti e simpatizzanti 5S siano inattaccabili eticamente e moralmente e i leader avversari a uno a uno cadranno…purtroppo ci vorrà tempo e questo potrebbe essere il nostro punto debole

  • Pienamente daccordo, pensano che ancora continueranno a galleggiare con il nuovo vecchio assenteista del comune di Firenze Fonzie, i giornali di propaganda partitica si svenderanno da soli, noi gli daremo solo una piccola mano a farli caderenel grande vortice di bugie e mensogne da loroi stessi create, e gli lanceremo anche le loro poltrone di seguito in modo da poter stare aggrappati a qualcosa che hanno sempre e solamente amato.

  • Credo che ho fatto bene a non andare a votare per le primarie.
    Ho avuto qualche dubbio in merito.
    Visto cosa sta succedendo in questi giorni, alla fine i trombati sono stati premiati come al solito.
    Renzi invece di agire fa proclami, “se approvi questa rinuncio da subito al finanziamento” come i ragazzini che si ricattano tra loro, se mi dai questa caramella di do il gelato.

    Una cosa se è giusta e ci credi la fai. PUNTO.

    • Direi ancora peggio, visto che la Corte dei Conti ha detto che i rimborsi sono anticostituzionali, e’ come se qualcuno ti rubasse la macchina e poi ti dicesse, io te la rido’ ma tu mi dai questo, quello e quest’altro 😉

    • Voto di scambio ?? ..ha proposto di lavorare insieme per eliminare provincie e rifare la legge elettorale..il M5S cosa risponde ??
      ..che non faranno niente , mica son pazzi da correre il rischio di far qualcosa di utile per il paese eh!

  • Quando non sappiamo cosa scrivere scriviamo stupidaggini……….Guardate dentro l’armadio dei pentastellati e poi cominciate a ragionare,,,,,,,,Casaleggio era candidato per FORZA ITALIA e lui guida il partito ,il pagliaccio fai il pastore e le pecora seguono!!!!!!!!!!!!!

  • Mi ero sempre chiesto con una certa preoccupazione come gli squali finanziari che stanno smembrando l’Italia dalla fine degli anni ’80 avrebbero reagito al boom elettorale del M5S. Macchina del fango? Giustizia a orologeria? Corruzione dei neo-eletti? Minacce? Morti sospette?

    Niente di tutto questo: hanno semplicemente messo in mostra un pupazzo che piacesse agli italiani rincoglioniti da anni di TV commerciale. Si saranno detti “se ci è riuscito Berlusconi con tutti i suoi guai..”.

  • ho assistito allibito alla inconcludenza e pochezza di tale serracchiani (che manco sapevo chi fosse) in dibattito contro di maio il quale l’ha letteralmente disintegrata (politicamente … anche perchè fisicamente è praticamente intoccabile, sembra il clone della bindi da giovane) … ora … capisco grillo e le ragioni per le quali osteggia ai suoi di andare in tv ma penso che qualche apparizione dei 5 stelle ora che sanno bene ed hanno cognizione della situazione, gioverebbe anche ai refrattari di internet (penso a pensionati o persone che non hanno dimestichezza con la rete) i quali potrebbero essere ben più informati sul movimento, tenete presente che ahimè l’italia è un paese con oltre il 44% di persone sopra i 55 anni … ergo

  • tg5 tg24 già da un pò che a ora di pranzo mi faccio due risate a vedere l’eclatante, palese, costante tentativo di impapocchiarmi il nome “Renzi” nella testa, ma con me non attacca…io ci rido sopra… =)
    fate pena cari TG!!!
    però c’è un limite!
    Da ieri a oggi ***** me lo avete fatto a fette con sto renzi, ma chi lo conosce, ma chi ti vota? visto che stai con letta, caro renzi, occupa la prima pagina dei giornali spiegando la BALLA dell’abolizione dei finanziamenti ai partiti.

  • Basta dire che il venerabile De Benedetti ha indicato Renzi come il futuro della politica Italiana…. questo dice tutto sulle intenzioni politiche future di Renzi…

  • come erano i finanziamenti pubblici 8 anni fa ?
    quando c’era un governo (?) legittimo?
    se i giornali godono di soldi di cui 8 anni fa non godevano sono dei ladri anche loro?e devono restituirli?
    depistare con fondi neri è legale ?

  • Claudio questo è Corriere, era prevedibile che dopo lo sfanculamento di Renzi oggi dovessero scrivere, a testate unificate, che Grillo sa dire solo di no. Che ti aspettavi? Renzi ripartirà di qui per lanciare un nuovo attacco e vedrai che i sondaggisti, chiamati come i cani da caccia a raccogliere il boccone, si buteranno a capofitto a dire che “Il movimento perde consensi e i voti vanno a Renzi che è il vero cambiamento”. Era già tutto scritto, bisogna solo reagire e sputtanare il fantoccio di Firenze, se lo costringiamo a fare un altro autogol clamoroso cadranno in contraddizione anche tutti i pupazzi e i servi che lo sostengono

    • Interessante.. l’unica maniera intelligente per far commettere autogol a renzi sarebbe accettare la sfida , accettare la mediazione riguardo le riforme che propone (perchè per abolire le province e rifare la legge elettorale bisogna lavorarci sopra) e poi , eventualmente inchiodarlo al muro nel momento delle votazioni. L’unico rischio concreto sarebbe quello di abolire per davvero le provincie e fare una legge elettorale davvero giusta ed equilibrata (che non è il mattarellum!!)
      Ma a quanto pare al M5S non interessa il consenso delle persone intelligenti.

    • Scusa Alberto se te lo dico ma mi sembri Di Battista quando alcuni mesi fa disse: “il pd è peggio del pdl”. Signori, questa è l’itaglia. O credete anche voi alla barzelletta del popolo di santi, artisti, scienziati e chi ha più cazzate più ne metta?

  • Prima delle elezioni, il M5S era visto dai media come un fenomeno folkloristico su cui non infierire limitandosi al dileggio,….”tanto si prenderà un 5% e farà un po’ di confusione, sarà un’altra Italia dei Valori; il PD vincerà e governerà (assieme al PDL come negli ultimi 20 anni)”. Dal giorno dopo l’elezione la musica è cambiata, la stampa è palesemente, e spudoratamente ostile al M5S.
    Chiaro che il PD (ma anche il PDL o NCD o FI) e i poteri che a lui fanno riferimento stanno facendo di tutto per riprendere saldamente il timone, e, ci stanno riuscendo, grazie esclusivamente ad una stampa e TV che, da una parte bastona e demonizza il M5S e dall’altra esalta come meravigliosa qualunque cosa venga dai loro dipendenti (ad esempio, ad oggi, non una critica, fosse anche per motivi estetici, è stata fatta all’On. Boldrini)
    Renzi non è nessuno! E’ solo una faccia, che recita un copione scritto a molte mani (mi ricorda i Milli Vanilli) e sono tutte mani di professionisti della disinformazione. Renzi ha una esposizione mediatica che prima di lui, in Italia, solo Mussolini ha avuto, tra un po’ ce lo ritroveremo pure sui volantini di Lidl o al citofono.
    La cronaca scritta in questo post è condivisibile, ma:…. e quindi?!?!?!
    Continuo a ripeterlo, è inutile dirsi le cose su di un blog o fra amici su facebook, sempre a dirci “quanto siamo bravi, quanto siamo belli, quanto siamo buoni!” Ma i post di Grillo o i post di Messora la massa li conosce solo tramite l’interpretazione che danno i vari giornali o TV, e sono sistematicamente distorti.
    Questo è solo onanismo, procura piacere, ma non genera prole, e la prole, in questo caso, è il consenso. Bisogna cambiare strategia di comunicazione, oppure rimaniamo col masochistico “quante botte ho prese, però, quante gliene ho dette!). N.B. la mia è solo una critica,non è un’accusa.

  • Come al solito un commento esempio di lucidità e franchezza.
    Approvo pienamente.
    PS: scusate ma le note in cornice non le ho lette: Cazzullo perchè quando lo leggo mi si scappella a dx e Severgnini perchè mi è sempre stato sul culo a causa della sua ignoranza bestiale!!

  • “So quanto l’operazione giornalistica sia
    falsa: prende, dalla realtà dei brani
    isolati, appariscenti, il cui significato sia
    immediatamente accepibile, diventi
    subito una specie di formula: e poi li
    ricuce insieme malamente attraverso un
    “tono” moralistico che è al puro e
    semplice servizio del lettore. Non pensa,
    il giornalista borghese, nemmeno per un
    istante, a servire la verità: a essere in
    qualche modo onesto: cioè personale.
    Egli si spersonalizza totalmente, per far
    parlare al suo posto un ipotetico
    pubblico, che egli naturalmente
    considera benpensante ma idiota,
    normale ma feroce, incensurato ma vile”
    Pier Paolo Pasolini, 15 ottobre 1960.

    • Sei fantastico..citi un articolo senza leggere i commenti.. Infatti poco più sotto qualcuno scrive:

      “Mi riallaccio al commento di Carlo Reggiani per evidenziare che in calce al post di Beppe Grillo datato 21 aprile 2010 vi è questo importante post scriptum che copio incollo integralmente:

      A seguito delle iniziative intraprese contro il MoVimento 5 Stelle in Veneto, Davide Bortoletto, Franco Dal Col, Maurizio D’Este, Carlo Reggiani ed Erik Pozzato sono diffidati dal parlare in nome e per conto del MoVimento 5 Stelle e dall’utilizzo dei relativi loghi “Lista Civica 5 Stelle” e “MoVimento 5 Stelle”.

      http://www.beppegrillo.it/2010/04/movimento_5_ste_1.html

      Grazie dell’attenzione”

      Datti foo.. 🙂

  • il solito italiota che non è in grado neanche di mettere una frase in fila, con senso compiuto:
    Questo è il vero problema dell’Italia.
    Un paese per il quale non vale assolutamente la pena di combattere, se si pensa che alla fine si salvano anche queste persone che sono corresponsabili della situazione cui ci si confronta oggi.
    La domanda è:
    Vale la pena salvare queste persone??
    Io dico di no.

  • Ecco gli Squali della Finanza che appoggiano Renzi: Davide Serra

    Tagli selvaggi di pensioni e stipendi, eliminazione dei diritti acquisiti e del welfare, fino all’abolizione dei sindacati!!! Questo il VERO programma TROIKA da incubo del PD di Renzi, con uno dei suoi principali finanziatori, lo “squalo della finanza” Davide Serra, che si comporta già da prossimo ministro…

    http://www.youtube.com/watch?v=L-F8iMQ9xks

  • la partitocrazia ha bisogno di mistificare la realtà con l’informazione mediatica per esistere e resistere, il problema è che esistono milioni di allocchi itaGlioti che ci cascano, Wanna M. docet.

    Come può Renzi segretario (non eletto nelle scorse politiche) imporre le volontà di un partito per modificare sostanzialmente il corso della politica governativa? Semplice, come facevano i suoi “nonni e bisnonni” ex DC tramite compromessi l’anticamera dei ricatti!

  • quanto siamo desiderosi e realmente convinti di volere far cadere questo Governo con partitocrazia e banche al seguito?
    Se fossimo un popolo unito l’avremmo già fatto con un mossa pacifica, ci saremmo presentati una qualunque mattina in milioni di correntisti davanti alle proprie banche in fila per ritirare gli ultimi spiccioli depositati per chiudere i conticorrenti, e BOOM in 48 ore TUTTI A CASA banche euro e politici.

    Abbiamo il coraggio di farlo?

    • L’ho fatto già tempo fa. Io sono in rosso perenne per scelta. Con i miei soldi la Banca non guadagna non gliene lascio mai. L’ho fatto fare anche a mia madre. Hai avuto un’ottima idea un pò tardiva ma ora siamo in tre.

    • Sì molto bello giocare alla guerra civile..mi raccomando tutti insieme ai forconi che vogliono “governo presieduto dalle forze dell’ordine”..avanti così

    • Vedi Luca come l’informazione mistifica la realtà?

      il leader dei forconi alla domanda del giornalista, cosa volete fare ed ottenere con questa protesta ha dichiarato: TUTTI A CASA, precisando di riferirsi alla classe politica non ai PARTITI per tornare a votare.

      Quale guerra civile? E’ diritto di ogni cittadino aprire e chiudere un contocorrente in una qualunque banca, io sto valutando di chiuderlo viste le spese eccessive e l’uso speculativo che fanno del mio denaro giocandolo nella finanza liberticida, chiuderò il conto per riconvertire gli euro in metalli e pietre preziose.
      Anche i forconi credo non abbiano il coraggio di farlo, ma per battere questo tipo di nemico asserragliato in casa nostra è necessario essere molto persuasivi, ragionando fuori dagli schemi.

      I cambiamenti si fanno concretamente e pragmaticamente non sperando che i politici rei del disastro abbiano un crisi di coscienza o che San Matteo da Firenze faccia il miracolo.

    • no no Clesippo ti sbagli..Danilo Calvani ha esplicitamente e letteralmente parlato di un governo “presieduto dalle forze dell’ordine” , nessuna falsità giornalistica è su youtube.

  • Sì.. forse i giornali staranno anche santificando Renzi.. In realtà però ha fatto una figura veramente di merda e si è tirato la zappa sui piedi: ma che ragionamento è il ricatto: “O fai come dico io oppure sei un buffone”. … … E’ chiaro che se qualcuno mi fa un discorso così a me, lo mando immediatamente affanculo. … E così si è tirato addosso un bel vaffanculo da tutti quelli del M5S che era anche possibile apprezzassero la sua figura… … … Solita Vecchia Politica con “nuovi giovani” vecchi e nani nell’anima. VFeveryday 😉

  • Il vero condizionamento mentale non è far bere delle frottole, è indurre in modo inconscio il ragionamento attraverso percorsi prestabiliti, schemi indotti che condurranno sempre nella sfiducia del nuovo, nella paura del cambiamento. Fateci caso, non temono la verità, non gli importa nulla che tu veda chiaramente la realtà: mentre ti rubano in faccia, in faccia ti negano di rubare e non gli importa nulla che tu gli creda o no.
    Qualche giornalista, che tra mille difficoltà, nella carta stampata come nelle televisioni, cerca di fare onestamente informazione c’è, ma è il sistema che è criminale, che ha smesso di fare informazione e cerca solo di fare persuasione, tradendo completamente il suo ruolo.
    E ci riescono. Purtroppo ci riescono molto bene.

    • Purtroppo anche se fosse vero quello che dici , il M5S è una minoranza. Dovreste pure voi accettare che solo 8 milioni di persone vi hanno votato.
      Se la risposta a questa delusione e frustrazione è mettere ferro e fuoco il paese , tranquilli fate pure il momento è propizio.

  • Quanto prende il Cameriere della Sera? 23,5 milioni di euro? Bene… appena li toglieremo (e li toglieremo) non avranno neppure i soldi per pagarsi l’inchiostro. E visto le cazzate che scrivono di solito… ne guadagnerà, almeno, la dignità umana

    • poi un giorno toglieranno l’inchiostro pure a te e festeggerà qualcun’altro, ma quel giorno per dignità dovresti startene zitto.

    • Almeno non pretenderò che i miei scritti siano sovvenzionati dallo Stato. Chi vorrà leggere le cose mie, lo farà e mi pagherà per quello; chi non vorrà, no. E’ difficile da capire? Il Cameriere della Sera non avrà più inchiostro perché nessuno, sano di mente, comprerà quella carta igienica e non perché ci sarà una sorta di “divieto”. E’ difficile da capire? Per coerenza… prova a staccare l’ideologia e ad inserire il cervello

    • Infatti che pretesa sciocca sovvenzionare il pluralismo delle idee e delle informazioni.
      grazie per il consiglio ..io accetto sempre i consigli dalle persone moderate che mostrano una coscienza critica superiore come la tua.

    • Il pluralismo? Ti piace quello che scrive? Allora pagherai di tasca tua e sarai felice di farlo. Tutti quelli che la pensano come te PAGHERANNO di tasca loro ma non verranno rubati indiscriminatamente e a tutti (e a prescindere dalla propria idea) soldi pubblici che potrebbero essere utilizzati per altro (e almeno potrebbero chiedermni dove voglio devolvere la mia parte). Ti sembra giusto che uno paghi per la propria idea? Allora paga… ma non pretendere che paghino tutti. Io non sono moderato (e me ne vanto) ma non sono neppure un fascista… e dal momento che la tua risposta dava ad intendere che sono un “fans” della censura (magari un fascista?), allora, se permetti, mi girano. Con la scusa del “pluralismo delle informazioni” si sprecano milioni e milioni di euro e questi giornalisti tutto sono tranne che “pluralisti”; e in Italia tutto c’è tranne che informazione vera. Ribadisco ciò che ho scritto: forse la tua “ideologia” o pregiudizio ti impedisce di vedere e capire una cosa talmente semplice

    • Beh tu paghi con le tue tasse ospedali , polizia, carabinieri ecc ??..non hai problemi con la legge , non hai mai subito un torto e sei in forma smagliante.
      Stai pagando cose di cui non ne hai bisogno , (e se di sprechi parliamo, la sanità italiana per esempio credo non abbia pari in tutto il mondo!)… perchè le paghi ??
      E’ un ragionamento ugualmente molto semplice

    • Ma io UTILIZZO o POTREI utilizzare un ospedale, potrei aver bisogno della polizia e di tante altre cose. In questo c’è una logica, ok? Semplice? Un ospedale posso utilizzarlo io, tu e chiunque altro. Se invece voglio un’auto gialla invece di un’auto blu me la pago di tasca mia e non pretendo che TU ci metta i soldi per la vernice, giusto? Se a me l’auto piace gialla me la comprerò o terrò sempre gialla e sono solo affari miei (così come sono affari tuoi la tua ideologia). Io, però, NON UTILIZZO (neppure per andare al cesso) il Cameriere della Sera ma capisco che altri possano apprezzare un tal “servizio”. Allora TU sei libero di pagare il Cameriere della Sera e anche strapagare e fare donazioni per la “causa”… ma io SARO’ LIBERO di NON dare un centesimo e di devolvere la mia parte per la foca monaca o anche di tenermi i soldi? Non è un bene indossolubile come il mangiare o l’avere una casa, mi pare.

    • A Luca. Spero che un giorno si possa parlare su questo blog oltre che di euro anche di sanità pubblica. Ci sono tante cose da dire e da fare, tante. Tu hai ragione, gli sprechi ci sono, ma non cadere nell’errore di guardare nella parte sbagliata.

    • Scusa adryarchimede …Il mio commento sulle tasse era per sottolineare come non tutto ciò che paghiamo adesso ha un beneficio immediato e tangibile nella nostra vita.
      Stiamo facendo un po il giro dell’oca. Se sei d’accordo riguardo la sovvenzione del pluralismo delle idee e della informazione, poco importa la tua scelta soggettiva di “non usare” per nessun scopo il corriere della sera. Il fatto che tu non voglia fruire del servizio del corriere non significa che altri non ne possano fruire.
      Se non sei d’accordo riguardo la sovvenzione del pluralismo delle idee e desideri che l’informazione sia sottoposta unicamente alla logica di profitto , ritorniamo al mio commento precedente.

      Paolo Federico , il mio esempio sul sanità era solo un esempio, non sono dipendente pubblico ma so bene che ci lavorano tante persone oneste, soprattutto nella sanità.

  • Byoblu, se al governo passa la nuova proposta sull’editoria ti faranno pagare per aver linkato pezzi da un’altro giornale.
    E a deciderne il pizzo sarà l’agcom, già ancora i censori prezzolati al servizio delle lobby.
    Renzi ovviamente si dice contrario, come alla web tax, e allap proposta agcom ma è solo facciata da campagna elettorale, a lui non gli importa nulla di tutto questo, al momento copia le proposte del m5s, il che è detto tutto.

  • Il pluralismo? Ti piace quello che scrive? Allora pagherai di tasca tua e sarai felice di farlo. Tutti quelli che la pensano come te PAGHERANNO di tasca loro ma non verranno rubati indiscriminatamente e a tutti (e a prescindere dalla propria idea) soldi pubblici che potrebbero essere utilizzati per altro (e almeno potrebbero chiedermni dove voglio devolvere la mia parte). Ti sembra giusto che uno paghi per la propria idea? Allora paga… ma non pretendere che paghino tutti. Io non sono moderato (e me ne vanto) ma non sono neppure un fascista… e dal momento che la tua risposta dava ad intendere che sono un “fans” della censura (magari un fascista?), allora, se permetti, mi girano. Con la scusa del “pluralismo delle informazioni” si sprecano milioni e milioni di euro e questi giornalisti tutto sono tranne che “pluralisti”; e in Italia tutto c’è tranne che informazione vera. Ribadisco ciò che ho scritto: forse la tua “ideologia” o pregiudizio ti impedisce di vedere e capire una cosa talmente semplice

  • A me sembra che il “Berluschino Piddino” funzioni bene e che tutti i suoi padrini-lacchè stiano lavorando ignobilmente bene al suo, e loro, successo. Messora capisco lo sfogo, ma non ti preoccupare è tutto nella norma, ricordati che siamo in Italia.

  • Claudio, non capisco perche’ una buona parte di gente che commenta su questo articolo e’ contro il MoVimento e spara cazzate. Forse questi sono pagati oppure si rifiutano di vedere le cose come sono e la realta’. Credo che questo sia il vero problema in Italia: rifiutarsi di vedere la realta’. Anni fa’, ero impiegata in un ufficio dove il capo era il tipo con quella stessa filosofia: se non dici che c’e’ un problema, quel problema non esiste. Ricordiamoci che la migliore difesa e’ l’attacco, essere difensivi ci fa apparire deboli.

    • Se quelle mezze calzette avessero improvvisamente ricevuto qualche misero voto invece di perdere anche i pantaloni si sarebbero osannati per cinque anni e avrebbero ridotto i cittadini a raschiare il fondo delle fogne
      per sfamare la famiglia, anche se ci stanno già incamminando su quel sentiero

  • Retoria..retorica…quanta bella retorica.
    Leggendo i commenti ,effettivamente non mi stupisco più delle parole e dei progetti straordinariamente incocludenti di grillo.
    Il popolino ha fame di insulti , retorica aggressiva e soggetti che fanno della peggiore semplificazione e qualunquismo uno stile di vita. Grillo risponde al richiamo.

    Renzi ha lanciato una sfida (tutto fumo e niente arrosto ??.. può essere), eliminazione province eliminazione dei rimborsi e legge elettorale..Chiunque dotato di capacità politiche e volontà, semplicemente accetterebbe la sfida, ma come al solito grillo risponde nel suo stile becero- incocludente (che è la perfetta rappresentazione del M5S attuale)
    1) grillo: ” La legge elettorale deve farla il prossimo governo” (te pareva) , “adesso dobbiamo andare al voto con il mattarellum” (che è una porcata con nome differente). In sostanza il M5S se ne frega, non vuole partecipare alla scrittura di una nuova legge elettorale e piuttosto che “rischiare” di combinare qualcosa di buono per il paese, preferisce non fare niente, fomentando il popolino ed abbandonandolo eventualmente nelle mani del mattarellum. Le istanze di grillo rappresentano il perfetto PARADOSSO: il governo attuale non può fare la legge elettorale perchè indegno e frutto di una legge elettorale porcata, ma se questa legge elettorale non viene cambiata adesso anche il prossimo governo non sarà degno di modificarla.
    Per l’ennesima volta si preferisce diffondere teorie strampalate che sono un insulto all’intelligenza umana, urlare al colpo di stato, al PD che non rappresenta nessuno ( il PD ha preso più voti del M5S) e tanti altri slogan o semplici falsità in stile berlusconiano.

    2) grillo dice : “Le Province? Nel programma del M5S è prevista la loro abolizione. Chiunque presenterà una legge che la prevede sarà votato” .
    Ovvero il M5S non vuole partecipare ai lavori per eliminare le province. Passivamente , casomai, controfirmerà con sprezzo tutte le riforme e i progetti che coinvolgono la loro eliminazione (atteggiamento molto umile…altra tipica caratteristica del cittadino grillino DOC).

    Insomma in definitiva il M5S ribadisce la chiara e precisa volontà di non fare niente di concreto, al limite votare ed approvare passivamente il lavoro svolto da ALTRI.

    Chiunque non accecato da un bieco oltranzismo spingerebbe il proprio leader a raccogliere le sfida , perchè il paese ha bisogno di una legge elettorale ADESSO.
    Ma come al solito il M5S rinuncerà, rinuncerà per non mettere a repentaglio l’immagine del movimento agli occhi del popolino, per non mettere a repentaglio il dominio incontrastato del duo grillo- casaleggio sul movimento. Rinuncerà perchè l’occasione di allearsi ai forconi è troppo ghiotta e perchè la strategia è chiara…pur di buttare giù il nemico sono disposti a distruggere ciò che è rimasto di buono nel paese.
    Col pretesto del problema democratico e rappresentativo in italia, che effettivamente esiste, vogliono semplicemente imporre LA LORO di democrazia, abbattendo lo stato di diritto residuo.

    La storia vi condannerà, gli italioti vi acclameranno ( solo per un ventennio, tranquilli ) .

    • Ma sei proprio orbo?!
      In Italia non cambieremo mai, e sai una cosa? ve lo meritate!
      Io? Una piccola casa e un lavoro c’e l’ho, andate a fare in culo!!

    • Tommy .. io non sono dipendente pubblico e anche io per adesso non ho problemi e sto bene (spero non debba vergognarmi o aver paura per questo ).
      Come me vedo altre persone che faticamente stanno costruendo qualcosa di redditizio, nonostante tutto..
      Ecco perchè mi sembra allucinante che delle persone giochino con la vita degli altri mettendo a repentaglio la parte sana del paese.

    • Sig, Luca, ognuno di noi ha diritto a pensarla come vuole, ma c’e un ma! Dare a Cesare quello che è di Cesare, cioè, ad ogni persona dare quello che gli spetta!
      Quello che sta dicendo Renzi in questi giorni altro non è che quello che ha sempre detto Grillo da 10 anni in qua.
      Renzi cammina con le gamde (e le idee) degli altri,
      Anche se da domani il M5S non dovesse prendere più neanche 1 voto, sappiate, tutti voi, che ha già vinto, perchè sta costringendo questi partiti a cambiare, anche se io penso e sono sicuro che lo dicono, fanno le promesse, ma non cambieranno mai! Mai!, i partiti sono infilati in questo sistema marcio fino al midollo.

    • 1. il giudizio di incostituzionalità della suprema corte riguardava il premio di maggioranza, votare senza di esso rappresenta, a prescindere dal tipo di legge vigente, in ogni caso una possibilità legittima, ergo grillo pone una questione lecita

      2. nessuno è obbligato a raccogliere le sfide di renzi, anzi, direi che è esattamente l’opposto, visto che ad oggi renzi, sotto il profilo nazionale, è solo un futuro candidato

      3. se l’abolizione delle provincie è quanto indicato nel d.l. 138/2011 allora il movimento ha tutto il diritto, per coerenza con il proprio non statuto (la invito al raffronto dei testi) a non procedere in nessun senso che non sia quello di proporre una legge promulgata dal parlamento e regolarmente discussa (sottaciamo il sequestro della funzione legislativa che ormai da 3 anni ha privato praticamente il parlamento ad opera del governo)

      4. i “forconi” sono cittadini agricoltori e lavoratori che legittimamente protestano, è pieno diritto del movimento aderire e/o appoggiare, non certo coloro che delinquono, per i quali dovrebbe, in uno stato di diritto, esistere una magistratura celere ed efficace

      5. la storia ci ha già condannato non si preoccupi, si dibatte del dopo…

    • 1- lecita quanto paradossale e contro il bene del paese
      2- nessuno è obbligato a fare cose intelligenti
      3- In mancanza di argomenti la storiella della coerenza al no-statuto è un sempre verde…Per coerenza al non-statuto i cittadini del M5S non dovrebbero partecipare ai talk show (e qualcuno dovrebbe richiamarli o chiederne l’espulsione) . Per coerenza al non statuto quelli del M5S dovevano votare liberamente la fiducia senza ingerenze e pressioni o commenti da parte di grillo (un eufemismo , ha scelto lui praticamente senza mezzi termini ). Il non statuto, la democrazia diretta ( dov’è la piattaforma online ? ), l’uno che vale uno, sono definitivamente morti non esistono più.
      4- Non ho detto che siano criminali. Legittimamente protestano nel nome della costituzione con istanze e pretese che calpestano la costituzione stessa e uno dei leader invoca un governo presieduto dalle forze dell’ordine (senza considerare i legami tra gli organizzatori e i partiti di estrema destra ormai noti su tutti il web )..Contenti voi

    • Renzi ha lanciato non una sfida ma bensì una delle sue trovate come sempre ha fatto e continuerò a fare:
      1) non abolizione dei rimborsi, caro, bensì rinunciare prendersi la rata di 40 milioni che spetta al pd! il m5s ha risposto che deve rinunciare a tutti i rimborsi in toto anche quelli che si sono pappati negli anni precedenti! ma non lo farà visto che ha il bilancio in rosso…
      2) abolizione delle province da un personaggio che è stato presidente della provincia di firenze?mah! che coerenza comunque… ti ricordo,nel caso te lo fossi scordato, che il m5s non si candida alle provinciali e aggiungiamo anche la condanna della corte dei conti in primo grado per renzi quando era presidente della provincia :DD e dovrebbe essere costui o chi ha deciso di mettersi a fianco nel pd ad abolire le province? ma questa abolizione delle provincie, lo sai vero che non è una vera abolizione?secondo te mettere insieme città e provincie come metropoli che risultati porterà? a parte alla creazione di altri enti che dovranno gestire tutto e a un aumento delle spese addirittura superiore a quello attuale? non lo dico io, lo dice la corte dei conti.
      3)il lavoro degli altri?intendi il pd? il pdl ops scusa n.c.d. e forza italia? guarda tieniti nei pantaloni, ti sto per dare una notizia! non lavora il pd…si limita a approvare i decreti del governo delle basse intese eh si! e se li seguissi i lavori in aula te ne saresti accorto da mooolto tempo. A proposito giusto per completezza di informazione, guarda che il m5s ha votato molti degli emendamenti presentati dal pd a cominciare dalla proposta giachetti(pd) per tornare al mattarellum. Scusa a proposito volete farlo morire di fame, oppure lo accontentate e si ritorna al mattarellum? e sempre per tua informazione c’è una proposta di legge elettorale ferma in commissione da 27 settimane…tenuta lì al calduccio dalla presidente di commissione finocchiaro , che è del pd se non erro…ah un altra chicca secondo il m5s si dovrebbe andare al voto con il mattarelum perchè non è incostituzionale come il porcellum eheh , quando le motivazioni della sentenza usciranno probabilmente ci saranno centinaia di deputati pd e di altri schieramenti che saranno illeggittimi perchè eletti con il premio di maggioranza, che per l’appunto è stato dichiarato incostituzionale. Ma il tuo buon renzi lo vuole nella nuova legge elettorale o almeno così ha affermato il suo uomo da mentana(la nostra Lezzi l’ha smerdato spiacente…) mmm… complimenti avete pagato 2/4 euro per una vera lenza
      4) non ti rispondo sul lavoro dei deputati o portavoce al senato, che ho contribuito ad eleggere perchè il post è già troppo lungo e sinceramente non credo servirebbe a farti cambiare idea , sui preconcetti che ti hanno inculcato quelli si retorici!!! a proposito chiedi al renzino e alla serracchiani(che ha trovato il modo di aumentarsi lo stipendio di presidente della regione) se mollano la poltrona di sindaco l’uno e presidente della regione l’altra visto che sono stati chiamati a incarichi più alti….bè visti dal tuo punto di vista sì, dal mio molto bassi….

    • Antonella..
      1) quindi o rinunciano a tutto o è meglio che non rinuncino nemmeno a 40 milioni ?? 40 milioni fanno schifo al paese ?
      2) appunto per eliminare le province è necessario lavorare ed è necessaria una collaborazione e mediazione tra le parti politiche, lavoro che prontamente il M5S si rifiuta di fare perchè “non vuole sporcarsi le mani” col PD , bene , benissimo, il popolino vi acclama
      3) Stai divagando, Il mattarellum è una legge elettorale sbagliata se non una porcata , o forze maggioritarie lavorano insieme per cambiare la legge elettorale o non faranno niente e con tale legge porcata si riformerà pure il prossimo governo.

      Suvvia , che accettino la sfida di renzi alla mediazione, se va bene i nostri eroi cittadini riusciranno a fare qualcosa di concreto per il paese ADESSO, (non tra 1..2..3 anni , forse, dopo le elezioni).
      Se va male non farete niente come al solito.
      Se renzi è così palesemente corrotto e viscido come lo descrivi lo inchioderete con tutte le sue responsabilità di fronte a tutte le persone intelligenti dotate di una coscienza critica.

    • “la parte sana del paese è quella dei poveri, dei pensionati sotto 1000 euro, dei precari (pagati con la lotteria), dei disoccupati…..il resto vive di privilegi, di imbrogli, di espedienti….

    • Luca…caro luca prima di postare panzane è bene informarsi. il m5s “te lo ripeto” perchè mi sembra, che tu non abbia afferrato HA votato proposte e emendamenti di altri partiti compreso il pd! di che caspita stai cianciando se la collaborazione il m5s l’ha sempre data quando le proposte erano buone e non delle emerite carognate. I 40 milioni che il tuo partito si è rubato insieme al resto dei rimborsi vanno restituiti senza se e senza ma. Non ci sono trattative per questo mi spiace, perchè quando ti rubano dei soldi non vai a trattare per averne solo una parte li vuoi indietro tutti. La proposta di Renzi(di cui adesso non si parla perchè ha ben altri problemi :D) assomiglia tanto alle proposte che ti facevano i ladri dopo averti rubato moto o macchina, la rivuoi allora devi pagare…stai scherzando vero? e tuttavia mi domando se si fosse andati a vedere il bluff di renzi(non si tratta di altro) chissà come sarebbe finita? probabilmente con lo sputt……mento definitivo del tuo bimbo. E per finire non sono io che divago 🙂 ti ho messo davanti dei fatti che dimostrano tutta la cialtroneria ( e cerco di essere buona) dei dirigenti del tuo partito, a cui piace tanto riempirsi la bocca di belle parole ma di fatti pochini… e come si può pretendere di prendere sul serio gente del genere? siamo seri su…e già che ci sei chiediti come vengono scelti questi dirigenti, e che metodo si usa per candidarli. Forse e dico forse pagano per farsi mettere nelle liste? mi pare fosse civati che abbia affermato di aver pagato 30.000 euro per farsi candidare. Ma con dei dirigenti così, vai a puntare il ditino sul m5s? ma per favore vai a giocare con i lego e lascia parlare gli adulti, se non riesci a essere serio

  • Complimenti a Claudio Messora, su Renzie e su questa stampa asservita ai poteri forti a scapito delle persone povere hai scritto tutto quello che avrei voluto scrivere io.

    Il secondo V-DAY di Grillo mi ha fatto aprire gli occhi sul tipo d’informazione fatta da servi di partito che abbiamo in Italia e da quel momento non ho mai piu’ comprato 1 solo giornale e non lo comprerò più.

  • Tempo addietro ho letto un commento di una persona che detesto, proprio mi viene il vomito solamente a pensarla, ma questo suo commento era lungimirante, questa persona è quel grandissimo statista di Dalema, che ha detto pressappoco che la libertà di informazione in Italia è all’80 posto e siamo anche dietro lo Zimbawe semplicemente perchè in italia non c’e informazione, ma gruppi di potere che usano i loro giornali per attacare o difendersi dai loro nemici politici, punto!
    Ecco perchè Grillo ha ragione da vendere a mettere alla gogna queste persone che scrivono su questo tipi di giornali, come il Sig.PG Battista del Corriere, Maria Novella Oppo dell’Unità e Francesco Merlo di Repubblica, semplicemente perchè questi signori hanno si la tessera, ma non sono giornalisti, sono solamente emementi di questo sistema marcio fino al midollo e quindi le critiche a Grillo sono, come al solito calunnie,

  • Firenzi,Firenzi, mamma mia è bastato un pseudo pdandreottiano,tutti pronti a pagare per votarlo,già votarlo 1,2,3,4,5, volte magari di più,dimostrando piacere ,si piacere a pagare per, votare un giovane vecchio politico!Speranze riposte in nulla,M5S,ultimo arrivato pieno di colpe!Grillo comico inutile,invece questo governo,grande riformista che non ha fatto una riforma,Bildelberghiano,facitore di inganni,distruttore dell’Italia,Letta zio che ha tolto di mezzo l’Arcoreano, per far strada al nipotino!Già tutti pronti (tutti si fa per dire),mi viene in mente il caso Mattei,il caso Moro,personaggi politici VERI,hanno dato la vita per questo Paese!Ora, un governo voluto da NESSUNO,votato da NESSUNO,seguace di una unione europea forte ( vedremo presto quanto forte ,con la Russia),unione distruttrice di Paesi non confacenti al fabbisogno americano,un PD meno L sostenuto da Goldman Sachs!Insomma, panzane su bugie ,dette a un Popolo credulone,”la luce in fondo al tunnel”,frase cult di un governo finto che toglie tasse semplicemente cambiandole il nome !Ora è apparso il messia di non so cosa,tutti li a sperare in un cambiamento,poveri illusi da anni da un partito operaio che non sa più neanche cosa siano gli operai,sindacati senza un bilancio visibile e controllabile,(qualcuno si salva,pochi),ora questi “forconi”,antidemocratici, rivoluzionari, rivoluzionari comel’Ucraina,L’ una è rivoluzione buona,l’altra è cattiva!Già un giudizio è sempre da dare!Signori miei,non funziona così,la storia fa sempre chiarezza ,la verità verrà a galla, io sento gli interventi del M5S in parlamento,dicono cose sacro sante!Basta rossi e neri,è tempo di onesti e disonesti,i disonesti penso,anzi sono sicuro che li conosciamo,forse è ora di far emergere gli onesti e a loro faccio i miei migliori auguri!Saluto Messora (sempre grande).Paolo buon.

  • Dopo anni di studi in economia, dopo aver constato chi fa l’endorsement dell’ebetino strangola famiglie e, soprattutto, dopo aver letto i dotti commenti di @Luca, sono arrivato a una conclusione:

    R€NZI è KOMUNISTA è farà una società più equa e giusta!

    Con R€NZIE bandiera rossa trionferà!!

  • Il sistema che è marcio sino al midollo, rendendosi conto
    che la vecchia classe politica è impresentabile, cerca nuove
    leve che facciano il lavoro sporco dei precedenti.
    In questo marasma, il M5S se fosse un po’ più furbo,
    potrebbe approfittarne alla grande.

  • M. Renzi? meglio Carcarlo Pravettoni !
    M. Salvini? meglio Cetto La Qualunque !
    A. Alfano? prima braccio destro ora sinistro domani braccio morto del cdx.
    S.Berlusconi = inqualificabile.
    E. Letta è l’inconsistenza dell’essere…. premier.

    Vorrei tanto capire come possono milioni di connazionali farsi rappresentare da questa accozzaglia di persone vacue:
    sono come loro?
    sono peggio di loro?
    sono sotto l’effetto Valium?
    hanno il cervello a bagno maria…. De Filippi?

    Forse degli antropologi stranieri potrebbero aiutarci a capire, ma sarebbe meglio chiamare l’esorcista padre G. Amorth per cacciare il maligno dall’Italia!

  • E’ evidente:
    decaduto un pregiudicato se ne elegge un altro uguale che prima di arrivare a sentenza si mangerà un altro pezzo del nostro paese.
    Unica salvezza 51%.
    FORZA RAGAZZI!!

  • Aver votato M5S forrse non mi da tutte le credenziali per esprimere alcuni dubbi non su Renzi che in una parola non mi sembra parlare con l’anima.. ne dei giornalisti che non seguo e che lei Messora evidenzia nella loro falsità…Io vorrei invece che la voce del movimento 5S fosse ancora più forte e in particolare nell’espressione dei suoi massimi rappresentanti su due o tre temi che sono l’origine di tutti i mali degli ultimi cent’anni di storia del mondo occidentale : 1° Il furto della sovranità monetaria ad opera di astutissimi banchieri direttamente consigliati dal povero Satana…e a tale asservimento aggiungasi a giorni nostri per noi poveri Italiani (che non sian Popolo perché sian divisi) le tragiche vicende europeistiche dell’ultimo ventennio..Vorrei che fosse a maggior conoscenza di tutti la spoliazione sistematica della forza e delle risorse della nostra nazione…E che questa situazione trovasse il primo giro di boa nell ‘uscita dall’ euro caldeggiata e dichiarata senza alcuna paura…Non si tratta di tornare al passato ..ma di di riprendersi una libertà anche se imperfetta ..ora perduta

  • un idiota degno degli idioti che lo sostengono
    da credente mi sento offeso da quella foto

    lelamedispadaccinonero.blogspot.it

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi