10 MILIONI SENZA

10milionisenza

Ci sono oltre 10 milioni di cittadini europei senza rappresentanza. Tutti coloro che hanno votato il Movimento 5 Stelle, lo Ukip e gli altri componenti del gruppo europeo EFDD si sono infatti visti privare della possibilità di eleggere i loro presidenti e vicepresidenti nelle commissioni parlamentari. Tali ruoli, essenziali per un corretto bilanciamento democratico, sono sempre stati attribuiti, per consolidata prassi istituzionale, attraverso l’utilizzo del metodo D’Hondt, un algoritmo di calcolo che lascia poco spazio alle interpretazioni.

Tuttavia, nella legislatura corrente, le forze politiche maggiori si sono coalizzate per negare al gruppo EFDD la possibilità di esprimere i suoi presidenti e i suoi vicepresidenti. Sarebbe questo il principio di inclusione democratica e di tutela delle minoranze, che dicono ispiri l’Unione Europea? Siamo alle solite: quando i risultati dei referendum non piacevano, l’Europa li faceva rifare. Ora che a non piacere sono i risultati delle elezioni, tolgono alle forze politiche sgradite il diritto di fare politica come tutti gli altri. Ma non lo tolgono alle delegazioni nazionali presenti in Parlamento, bensì a quei 10 milioni di elettori che le hanno votate perché le volevano esattamente così, anche se a quelli come Juncker non piace.

Tra quei 10 milioni di cittadini europei ci siete anche voi. Dovete chiedere di essere trattati come tutti gli altri. Non state chiedendo di avere più diritti, ma certamente neppure meno di quelli che vi spetterebbero se le vostre idee politiche vi avessero portato a votare altrimenti, magari in maniera più allineata al pensiero dominante. Non può essere che vi siano “10 milioni” di persone “senza” qualcosa che agli altri è invece concesso.

Mandate allora una email alla Commissione Europea, al Parlamento Europeo e alla Corte di Giustizia Europea. Fatelo adesso, per chiedere che per quanto riguarda la composizione delle commissioni e la distribuzione delle nomine venga ripristinata la quota di rappresentanza che la corretta applicazione del metodo D’Hondt avrebbe garantito a tutte le forze politiche.

Siete ad un click: http://10milionisenza.5stelleeuropa.it/

Io, come voi, sono uno di quei #10milioniSenza.
Probabilmente anche tu che mi stai leggendo.

15 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • basta essere democratici con questa gente..loro con noi non lo sono mai stati e non lo saranno mai.. non vorrei essere brutale..ma ho paura che sara’ un bagno di sangue….

    • Purtroppo è una questione di numeri, finché riusciranno a dividerci, non potremo mai nulla contro il pensiero unico. Gli stessi numeri del M5s non bastano: abbiamo elettori che pensano che il PD sia un partito di sinistra, tifosi o fun-boys del Berlusconi, leghisti e nostalgici della Repubblica sociale. Siamo sottoposti al “panem et circenses” e “divide et impera”, un fuoco incrociato che copre gli interessi dell’1% della popolazione, che si permette gionali e giornalisti. Non aspettiamoci il sangue, semmai un nuovo flusso migratorio degli italiani non raccomandati. Nel dubbio rinnoviamo i passaporti.

  • ho sempre sostenuto che per cambiare la politica dell’Unione Europea è necessario cambiare la politica in l’Italia.
    Quel 42% che votò Renzi ha consapevolmente consolidato questo sistema di potere dispotico e autoritario che sta scientemente esautorando noi cittadini dei diritti civili acquisiti dal 1947.

  • Si sa che il concetto di democrazia, per i poteri forti, è
    una grande scocciatura.
    Claudio sta a voi attuare delle strategie che coinvolgano il
    più possibile l’opinione pubblica, attraverso ogni sistema di
    informazione, che faccia capire ai molti LOBOTOMIZZATI,
    quello che sta succedendo e succederà, delle nostre vite.
    In sostanza dovete muovervi e non aspettare che passi
    nel fiume il cadavere del nemico, come voleva fare
    Grillo e Casaleggio.

  • la mia considerazione può sembrare astrusa ma, come possiamo pensare razionalmente che l’Italia possa funzionare bene ed essere alla pari delle altre nazioni europee se le stesse persone che gestiscono la politica sono le medesime che gestiscono l’economia la finanza, l’informazione mediatica, l’industria il commercio e perfino il gioco del calcio?

  • per non parlare poi di quelli (come me) che nell’ue e nell’euro non ci vogliono proprio stare…

    lelamedispadaccinonero.blogspot.it

  • rinnovo i miei complimenti a quel 42% di creduloni che votarono Renzi:
    • credendo che con 80€ al mese avrebbero risolto i loro problemi,
    • credendo che riformando il Senato per parare il deretano agli amici di merende si possa risolvere la crisi economica e finanziaria,
    • credendo che a settembre Renzi tirerà fuori come il mago Zurlì 43 MLD di euro per riaccendere i motori dell’economia, praticamente una goccia di benzina nel serbatoio di una Ferrari, men che meno degli 80€ mensili.

    complimenti ancora a quel 42% di beoti italioti masochisti che scegliendo Renzi il “democratico” sinistroide si sono calati e si caleranno ancora sulle palle la tagliola istituzionale per far tacere i diritti civili di 60 milioni di esseri umani, che avranno la nuova Costituzione cambiata in 40 articoli firmati da Silvio Berlusconi pregiudicato condannato per un reato contro lo Stato italiano, cioè contro di noi.

    • 80 euro?????
      a dicembre ci sarà la tredicesima decurtata da 300 a 500 euro…..ci sarà da ridere (o da piangere). La notizia già circola nell’ambiente pubblico ed è formale.
      Naturalmente io questo lo dicevo ancora prima che i delinquenti del nostro governo comprassero i voti dei cittadini stolti.
      In quanto alle elezioni europee:
      gli Italiani hanno votato per una mucca maschio…..che non produce latte.
      Chi fa le leggi è la commissione europea, il parlamento europeo non è nemmeno in grado di fare nulla.
      Perchè lo si è votato?
      Per legittimare la commissione europea composta da non eletti.
      Joppolo diceva che la partita doveva essere a coppe o a denari e mai a bastoni e spade…..temo che su questa cosa si sbagliava.

      • le elezioni eu sono servite solo a prendere in giro la gente…
        il partito dell’ astensione però ( e ne sono felice ) ha sbaragliato tutti, ciò significa che in astratto la gran parte della gente non vuole far parte o non riconosce questa “unione”

    • il governo dello showman Renzie e ballerine ha messo una nuova tassa di euro 4 sull’acquisto degli smartphones!

      Ma come diceva che con la spending review e la vendita della migliori aziende di Stato, la riforma del Senato e della legge elettorale avrebbe risolto il problema invece s’attacca come una piattola anche ai telefonini?

      Mi viene da ridere pensando a cosa saranno capaci di grattare dalle tasche dei cittadini a settembre-ottobre o nei primi mesi del 2015 per garantire 80 mensili!

      Comunque va tutto bene così, alla grande! Le fabbriche chiudono, gli artigiani falliscono ci saranno più disoccupati incazzati per le strade di Roma, evidentemente 4 MLN di poveri in fila alla Caritas più 6 MLN al limite della povertà sono ancora pochi e troppo poco incazzati, quindi mi AUGURO con TUTTO il CUORE che perdano il lavoro altri 5 anzi 10 MLN di italiani (di quel 42%) così non pagheranno le tasse per alimentare la politica saccheggiatrice generando deflazione al punto di non riuscire a pagare pensioni e stipendi statali…. ed allora siii il boom economico al contrario!

  • spudorato Renzie che presenzia a Genonva l’arrivo della C. Concordia con il sorriso sulle volto, cosa non farebbe un egocentrico per un voto.

  • piccola nota ma affatto insignificante per capire il colpo di Stato soft attuato da Renzi e Napolitano, ieri PD e FI hanno bocciato l’emendamento per dimezzare il numero dei Deputati di Camera e Senato, inserendolo in uno marchingegno incostituzionale che ha eliminato con una sola votazione oltre 1000 emendamenti.

    Quel 42% di intelligentoni italioni non si sono resi conto che votando PD alle europee hanno autorizzato il buffoncello fiorentino a trasformare la Carta Costituzionale in carta igienica.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi