Brunetta spamma Juncker

Renato Brunetta Jean-Claude Juncker

Renato Renato… ma secondo te Juncker non le sa le cose che gli hai scritto? Secondo te ha bisogno della letterina a Babbo Natale, visto il periodo? E quali segreti da consumato economista gli avresti poi rivelato, nella tua lettera? Indiscrezioni di palazzo? Dati inaccessibili dall’esterno? Un brunetta-leak con i pizzini segreti di Renzi a Napolitano? Macché: gli hai fatto perdere tempo per dirgli che il limite del 3% forse lo sforiamo, che la spending review è solo un pomposo annuncio ma non funzionerà, e che (udite udite) abbiamo ancora un debito pubblico altissimo e non si fa niente per ridurlo.Se volevi farti un po’ di pubblicità, non c’era bisogno di rompere le palle a Juncker, che ha già il suo bel da fare a commissariarci e gli informatori non gli mancano (e queste cose le leggono sui giornali tutti i giorni): potevi raccontarci invece cosa ha promesso Renzi a Berlusconi in cambio del suo appoggio alla legge elettorale. Ecco, così ci avresti forse detto qualcosa di nuovo, invece di offendere l’intelligenza degli italiani con il solito caro, vecchio, squallido teatrino della politica di facciata.

La lettera di Renato Brunetta a Jean-Claude Juncker

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi