Alberto Airola sulle espulsioni di Artini e Pinna da Mentana

Alberto Airola, capogruppo al Senato del Movimento 5 Stelle, è stato ospite in apertura del TG7 di Enrico Mentana. Sentite cosa ha detto circa le espulsioni di Massimo Artini e Paola Pinna (per saperne di più, leggi “Il rispetto delle regole“.

27 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Basta coi candidati frutto dei gazebo. O Grillo si mette in testa di candidare gente conosciuta (per bene ma conosciuta e stimata) o scompare.
    Le faccine bellin belline non sono sopportate dalla gente che dice 1) “I politici sono tutti uguali” quindi meglio pd e pdl perchè almeno hanno le palle 2) “I grillini che vengono candidati sono il gerarca locale (perchè 1 non vale davvero 1) visto che ci sono logiche plebiscitarie alle riunioni (meet up) e non certo il migliore….oppure candidano il lecchino che non emerge e non suscita invidie.
    Esperienza personale.

    • Sul punto 2) mi pare che per esempio alle Europee i Pizzarotti vari si siano lamentati del fatto che i candidati non provenissero dai Meetup.

  • questo non e pronto per la tv e troppo nervoso e pauroso di come rispondere mettete quelli che sanno rispondere tranquilli questo continua a tremare la testa schiacciarsi le mani non lo vedo un candidato per la tv

  • Nella base del diritto dei paesi civili un giudice e giuria (quindi noi chiamtai a votare/giudicare) deve sentire entrambi le parti e avere il tempo necessario per formulare la sentenza. Io ho votato contro le espulsioni, inquanto non mi è stato dato il tempo sufficiente per valutare chi ha torto e chi no, controllo per caso le mail e vedo che oggi si votava la espulsione. Un po’ tardi per dare l’avviso e un po presto per chiudere le votazioni che hanno un bel peso politico all’interno del movimento e fuori.

  • Mi spiace dirlo, ma ci stiamo dando la zappa ai piedi.
    Non si può lavorare in modo così disastroso!
    Beppe vuol distruggere il bel giocatolo che ha costruito?

  • Lo dico con umiltà, questo è l’ennesimo errore di comunicazione. Attenti, il messaggio che arriva è pessimo e le relative votazioni lo stanno dimostrando: il m5s cambi direzione comunicativa o finisce come un aereo con pilota schizofrenico…
    Nel merito chi non rispetta le regole fuori, ma i panni sporchi vanno
    lavati in casa. Trasparenza si ma riservatezza organizzativa è necessaria
    Buttare fuori comunicati come questo manda tre messaggi: 1 sgretolamento 2 gogna mediatica 3 conferma alle critiche sul movimento. Nei fatti i partiti espellono centinaia di iscritti. ma nessuno ne parla. Certamente ne parlerebbero lo stesso i giornali ma avrebbero maggiore difficoltà a farlo. Se non fornisci armi al nemico nessuno gli impedisce di attaccarti, ma almeno avrai uno scudo col quale proteggerti e avrai ancora in mano una spada col quale attaccare. Cosa che il movimento attualmente non fa.

  • a mio parere,verità o no,non era questo il momento di fare polemiche o espellere qualcuno, si poteva essere piu’ cauti approfondento di piu’.Si è mancato di senso di responsabilità e senso pratico.Proprio dopo il segnale, in qualche modo negativo delle elezioni,bisognava ricompattare e invece ci si è esposti in maniera becera.In questo modo si va nella direzione voluta dal PD e delle altre forze politiche.Da sostenitore e tesserato del movimento provo senso di frustrazione misto a rabbia e tristezza,secondo quali criteri e senso pratico si puo’ raccogliere consenso dopo questa “bomba”..non bastavano già i vari dissapori interni?Intendiamoci non sono nella posizione di difendere o accusare,ma posso dire che questo sembra il segnale dell’inizio di un’inevitable catastrofe.Ho l’impressione che la rabbia accumuluta contro una società cieca che continua a preferire la solita politica,stia spingendo i nostri “vertici”a buttare la spugna tirandosi dietro il carrozzone e,per favore finitela con l’offendere l’intelligenza altrui dicendo che va bene!Come spiega Giannulli sul sul blog solo con l’umiltà e presa di consienza riconoscendo i propri errori si puo’ pensare di recupare non con simili porcate che riflettono le “purghe” di qualche regime.

    • A mio parere invece , quello che deve fare la differenza è la coerenza,costi quel che costi. Siamo diversi dalle logiche che regolano i partiti perchè non ci sentiamo dei politici ma gente con l’entusiasmo di cambiare la cultura di un paese.Finchè nella politica ci saranno tutti questi soldi la tentazione di fare i voltagabbana è enorme. Ed è questo che gli Italiani che continuano a votare i vecchi ed i nuovi delinquenti devono capire. Continueremo per questa difficile e impervia strada,ostracolati da tutti i mezzi che la stampa e la casta ci mandera’ contro, ma rimarremo fedeli al nostro ruolo e nessuno potra’ mai ricattarci.

  • CHI AVESSE SEGUITO LE RENDICONTAZIONI OGGI IERI NON AVREBBE AVUTO DUBBI SUL VOTO ED IL RISULTATO NE E’ LA CONFERMA UN’ABBRACCIO A TUTTI GLI ONESTI .

  • HARAKIRI, ecco cosa sta faceno Grillo & c.
    E non entro nel merito, anzi, essendo sardo so che la realtà sulla Pinna è ancora peggiore di quanto trapela sui media. Ma anche del Cotti non è che i sardi (che lo conoscono) siano entusiasti, tutt’altro.
    Ma il punto non è questo.
    Il fatto è che il M5S manca di visione storica, di quella che Toni Negri chiamerebbe “soggettività rivoluzionaria” della “moltitudine” e di pura e semplice democrazia vera..
    Tutti i parlamentari M5S andrebbero messi difronte al fatto che NON hanno fatto la Rivoluzione, non hanno nemmeno rappresentato una rottura col regime, ne sono stati cooptati e ora fanno parte del potere. E il potere corrompe, enormemente e inesorabilmente, lo si sa sin da Tacito e Cicerone. Niente di nuovo sotto il sole.
    Eppoi
    I parlamentari NON sono sottoposti a vincolo alcuno, a parte la propria coscienza. In questo paese di tradizioni clerico.fasciste non riusciamo ancora a capire ciò.
    Il processo morale on-line piacerebbe moltissimo ad ogni dittatore, passato, presente e futuro.
    Del resto “i dittatori amano le elezioni”, (Chomsky)

    Pinna e quell’atro mi fanno personalmente schifo, ma non puoi sbatterli fuori con una ordalia mediatica, sembra la Gestapo di Equitalia che ti toglie la casa se manchi qualche rata agli usurai legalizzati di regime.
    La forma è sostanza.
    Ci sono parlamentari 5 stelle che si ritiene sbaglino? Se ne parli, si apra un dibattito sul web, si creino software partecipativi nuovi, si tolga la censura alle varie piattaforme M5S locali, dove essere bannati se si critica i leader è la prassi.
    Non che il capo, col suo canale privato richieda per acclamazione la testa dei colpevoli, colpevoli già dall’inizio, per effetto del dispositivo (in senso focaultiano) che si crea.

    E si,, a livello locale se critichi uno vieni addirittura cancellato, sbianchettato, senza nemmeno la dicitura “commento cancellato” (come su molti altri siti, del resto….) mentre sul meetup le critiche vengono ignorate o relegatecome ultima discussione, a fondo pagina, invisibili, anche se cronologicamente sarebbero prioritarie.
    Insomma il M5S è ancora molto lontano dalla democrazia del XXI secolo, quella che sta nscendo dai movimenti tipo Occupy, Indignados etc.
    Nell’italia della legge Reale e del codice Rocco il massimo della libertò immaginabile è un capo che propone il rogo, naturalmente coi + nobili motivi….sic Da galileo e giordano Bruno a Bertolucci e Pasolini: che si bruci l’eretico!!

    Insomma in questo paese non sappiamo cos’è la democrazia. E non sappiamo nemmeno + cosa è la lotta, il nemico..
    Invece di fare la guerra alle banke, all’euro, al regime, ci si fa la guerra intestina e per delle cazzate, degli scontrini,
    Che se Pinna e Artini avessero veramente provato a fare la Rivoluzione, gli si sarebbe perdonato tutto, o quasi. Ma non l’hanno fatto, loro come nessun’altro dei M5S. Questo non gli si perdona. Per questo la gente non vota + il M5S.
    Anzi, per questo la massa cerebrolesa dalla tv, ma che non arriva + a fine mese,alla farsa elettorale di regime non si presta +.
    Ma dell’astensione storica di questo paese non si parla.
    Del mancato ruolo rivoluzionario del M5S guai a parlarne.
    Di boicottaggio alle banke nemmeno a pensarci.
    Di dittatura europea da combattere nemmeno un fiato.
    Del che fare contro la dittatura UE, silenzio.
    Solo gossip, polemica per sinecure, ecco cosa è (diventato ?) il M5S.

    M5S: do’è il cambiamento? Cosa è cambiato VERAMENTEi ìn questo paese di merda dopo un anno e mezzo che siete sugli scranni dei palazzi di regime? Niente!
    https://www.youtube.com/watch?v=4dM3chlIiKk

    Del resto la storia insegna, semmai ha qualcosa da insegnare che coi processi non si sono mai fatte le Rivoluzioni, ma solo le vendette, anzi, dopo rivoluzioni e guerre civili seguono le amnistie, NON i processi (a parte eccezioni come Norimberga, che sono aberrazioni storiche).
    http://www.ibs.it/code/9788806137328/demandt-alexander/processare-nemico.html
    Processi?
    Da Socrate a Gesù, Da Galileo a Bertrand Russell, Dai Rosemberg ai Danilo Dolci. Dai processi staliniani e quelli imbastiti contro i partigiani NO TAV, Niente di nuovo sotto il sole.
    Ma non è quella la strada.
    Pesrsino dopo MANI PULITE questo paese di merda è rimasto mafiosamente corrotto e marcio come prima.
    O Grillo vuole creare la VIRTU’ per decreto, come il regime che faq le orwelliane “LEGGI ANTICORRUZIONE” come se l’onestà potesse essere imposta per decreto. sic!
    Purtroppo secoli di clero , di impero, di fascismo, di mafia, di corruzione ci hanno ridotti così.
    Prendiamone atto, non c’è + nulla da fare.
    Questo esperimento storico è finito.
    Disobbedienza civile, secessione, indipendenza.. solo questo ci resta per diventare liberi e dovremo lottare tutti insieme, senza deleghe, senza capi, come moltitudine autorganizzata. Con le armi dell’organizzazione e della conoscenza e del RIFIUTO dell’obbedienza alla dittatura UE.
    Questo modello sociale neoliberale, verticale, totalitario è finito, è fallito.
    Il regime, come le banke, come i processi, sono costruzioni ideologiche, mendaci e false, servono solo per tenerci soggiogati, per obbedire a una menzogna. Come il DEBITO.
    Spetta a noi dire basta.
    Grillo ha aperto e chiuso una parentesi, un tentativo di liberazione Ha gettato qualche seme. Forse nei punti sbagati, forse il terreno non era adatto.
    Requiem per il M5S . Ma non arrendiamoci, la lotta dei poveri cristi contro i ricchi bastardi che ci sfruttano è eterna e sempre aperta.

    Un grazie triste a Grillo. Ma la colpa è anche e soprattutto nostra.

  • Come anticipato dal post precedente da Messora e confermato dalle parole di Grillo riportate dal Fatto “Non siamo passati dall’assemblea perché non avremmo avuto la maggioranza per far passare la mozione”, Airola si è trovato nella scomoda posizione di giustificare un vero è proprio atto di arbitrio e di conseguenza le sue argomentazioni difficilmente potevano essere convincenti anzi direi il contrario.

  • nulla da fare nemmeno a Mentana piacciono le regole o meglio condizioni sottoscritte da quei due furbetti prima d’essere eletti.

    Un giornalista che fa domande pleonastiche su cose ovvie e palesi per buttarla in caciara e confondere il telespettatore.

    Invece di fargli domande sull’operato politico del MoVimento oppure invitarlo a “bersaglio mobile” per chiedergli cosa stanno facendo all’opposizione….. chiede spiegazioni dell’espulsioni di chi non ha rispettato le regole?

  • vorrei dire a mentana come mai in queste cose e aperto al chiarimento e’alle varie opposizione che fa da anni il m 5 stelle non e mai interessato,perche non ha evidenziato il fatto della tagliola perche si opponevano ai miliardi dati alle banche ,ai miliardi ti tasse non pagati dagli solt mac,il reddito di cittatinanza bocciato ..le pensione d’oro bocciata..i senatori a vita ..bocciata.i doppi stipendi ai parlamentari(vedi amato da rottamare??) bocciata.la riduzione dei parlamentari bocciata..la riduzione degli stipendi dei parlamentari promesse e non attuati.il vitaliazio ai politici indagati ed in galera, il finanziamento ai partiti.berluscone x 7 anni allontanato dai pubblici uffuci ed e’sempre in giro…e ce bne sarebbero tanto da dire e mentana viene a rompre i cogl….con questte cosie ma vai affa ………..stronzo.. quelli sono problemi interni e soldi dei parlamentari non sodli eventualmente fregati a noi italiani.

    • Tutte cose giustissime, resta il fatto che tutti stanno parlando (negativamente) delle espulsioni, così come noi su questo blog, mentre fuori la gente aspetta cambiamenti sostanziali.
      Dal punto di vista tattico questa e’ una catastrofe che ci costerà cara.

  • Gli attivisti continuavano da sei mesi a sollecitare su Facebook, mail ecc. quelli che non hanno rendicontato…INFORMATEVI! Grillo ha solo fatto quelli che la maggioranza degli attivisti ha chiesto!

    • Il problema e’ che non ci sono soltanto gli attivisti, ma anche i sostenitori, che come me non riescono a riconoscere l’ utilità di un’ azione del genere in questo momento e che si fanno parecchie altre domande:
      -visto che hanno pubblicato la rendicontazione in internet,chi ha ragione? -Chi ha controllato?
      – Perché soltanto loro e non tutti gli altri che non hanno rendicontato, o hanno rendicontato tardi e/o in maniera non corretta;
      -perché è stato invertito l’ ordine della procedura di espulsione;
      -perché gli si è impedito di difendersi e di ascoltare la loro versione; ecc.
      Come dimostra anche l’ accesa discussione in questo blog, dal punto di vista mediatico, questa azione si sta rivelando un disastro, la perita di immagine e credibilità catastrofica A PRESCINDERE SUL CHI HA RAGIONE O TORTO.
      Mi domando se volete ridurre il movimento ad una microscopica setta di fedelissimi al capo (al quale riconosco indubbi meriti ma che non ha cambiato ne passo ne linguaggio una volta entrati in parlamento) dogmatica e burocratica, il cui interesse ultimo è l’ applicazione di regole con una mentalità da commercialista e non quello di cambiare il paese,

    • Carlo, l’utilità é molto semplice: Ci sono delle regole, e direi anche sensate, e vanno rispettate. A forza di eccezioni anche il M5S si trasformerebbe in un crogiolo di parassiti. Se due non rendicontano e non viene presa nessuna azione, poi cominciano a non farlo tutti …… e poi che si fa? Si dice che la trasparenza nel M5S non è più un valore ? E poi con che credibilitá la si richiede al governo e alle istituzioni tutte?

  • E’ così difficile in questo paese rispettare le regole? Questa faccenda mi ricorda quello che va contromano in autostrada e si domanda perché tutti quelli che incontra gli lampeggiano con i fari.

  • Ma é tanto difficile capirlo? Ci sono delle regole, sono state infrante. Lo sxcandalo sono un condannato per dnno erariale come presidente del cosiglio, non l’espulsione di due che non sono in grado di pubblicare le rendiconatazioni

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi