La metà della Terra è in mano a 70 milioni di persone.

Il benessere mondiale è sempre più concentrato nelle mani di una piccola élite. Questi magnati hanno generato e sostengono le loro enormi ricchezze attraverso interessi ed attività in pochi ma importanti settori economici, tra i quali la finanza, le assicurazioni, la farmaceutica e l’assistenza sanitaria. Questi colossi spendono milioni di dollari ogni anno in attività di lobbying per creare un substrato politico che protegga e valorizzi ancora di più i loro interessi. La politica finisce così per destinare ingenti risorse a tutelare pochi ma potenti gruppi di interesse piuttosto che il benessere della popolazione intera. L’attività di lobbying nelle istituzioni europee è meno visibile rispetto a quella degli Stati Uniti d’America, ma esercita una pressione costante e più sordida, proprio perché i riflettori su Bruxelles sono costantemente spenti.Se qualcuno avesse ancora dei dubbi su chi ha tratto vantaggi dagli effetti della cosiddetta crisi, ecco come può toglierseli. Ve lo ricordate quel famoso 1% della popolazione che aveva tutto? I suoi guadagni sono cresciuti del 60% negli ultimi 20 anni. Ma soprattutto, nel 2009 deteneva il 44% delle ricchezze globali, nel 2014 il 48% e nel 2015 la percentuale supererà il 50%, con una media di reddito pari a 2,7 milioni di dollari. Significa che la metà della Terra è in mano a 70 milioni di persone. Poi ci sono 1 miliardo e 400 milioni di persone che si prendono l’alta metà (il 46%) e 5 miliardi e 530.000 persone che guadagnano un settecentesimo di quel famoso 1%, con una media di 3.851$ a testa in un anno intero (dati Oxfam).

La metà della Terra è in mano a 70 milioni di persone
Inutile gridare alla luna. Per invertire questa tendenza e riprenderci questo pianeta bisogna colpire l’1% nei suoi interessi: iniziando con il far emergere i legami tra la politica del Parlamento Europeo e le attività di lobbying delle grandi multinazionali.

8 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • esatto!!!
    Questo 1% determina la miseria la fame le malattie di miliardi di persone, solo per accumulare denaro che non riusciranno mai a spendere e beni materiali che non riusciranno mai a consumare e vivere.
    Praticamente 1% di esseri umani affetti da malattia mentale non classificata dalla scienza della psichiatria come il peggiore dei mali di cui l’essere umano può ammalarsi, a confronto le follie naziste e sovietiche appaiono dilettantistiche.

    • magari fosse così semplice!
      Ne uscirebbero altri 1%, purtroppo è causa dei difetti congeniti dell’essere umano, ecco perchè esistono la Politica e la Costituzione che sanciscono equamente diritti e doveri, esplicati mediante legislazione atta a regolare la vita e le attività dell’uomo.
      Ma se la stessa “politica” non applica quei principi e valori facendoli rispettare si finisce nel caos, praticamente ciò che stiamo vivendo oggi.

  • Mah! io aprirei una battuta di caccia che invece di coinvolgere poveri animali innocenti si rivolgesse piuttosto verso i veri criminali dell’umanità!

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi