Lobby al Parlamento Europeo: anche Paperino e il porno fanno pressioni

Julia Reda - Ecco L elenco Dei Lobbisti
La maggioranza delle leggi che il parlamento italiano vota, derivano dalle direttive dell’Unione Europea. Tutto quello che conta avviene qui, a Bruxelles. Ma di Bruxelles nessuno vi racconta niente. Curioso, no? E le lobby, nel buio dei media, fanno festa. O pensavate forse che i cattivoni stessero tutti a Montecitorio e a Palazzo Madama? Quelli più pericolosi si aggirano qui, in Belgio. Prendono sotto braccio i parlamentari, sono gentili, li lusingano, fanno gli amiconi, qualche volta fanno cadeaux travestiti da articoli promozionali. Sono come squali che infestano una vasca di tonni freschi, appena arrivati.  E non fanno i vostri interessi, ma i loro. Volete un esempio? Eccolo!


L’unica pirata tedesca eletta al Parlamento Europeo si chiama Julia Reda. Ha 29 anni. Il 10 novembre 2014 è stata incaricata di stilare un rapporto sulla vecchia direttiva europea del copyright, datata 2001. Da allora è stata letteralmente tempestata di richieste di incontro da parte dei rappresentanti dei vari gruppi di interesse. Almeno 86! E lei, ligia a un ideale di trasparenza raro come un diamante prezioso, le ha minuziosamente appuntate tutte, pubblicando poi tutti i dati. Per darmi un’idea, ecco i picchi delle pressioni delle lobby in concomitanza con l’assegnazione del rapporto.

Julia Reda - Request Lobbies 480px

La maggior parte delle pressioni sono arrivate dagli editori, dai distributori, dai gestori dei diritti, dai fornitori di servizi e dagli intermediari, mentre la categoria meno presente, paradossalmente, è proprio quella degli autori. Ecco il grafico a torta (torta è la parola giusta).

JuliaReda - Richieste Lobby Per Gruppi Di Interesse 480

L’elenco delle lobby che hanno cercato di influenzare il rapporto di Reda (consultabile qui) è disponibile in un foglio di lavoro pubblicato in rete: clicca qui per leggerlo.

Saltano all’occhio molti dei maggiori player globali, come Google, Apple, Intel, Vivendi, Canal+, Samsung, perfino la Federazione Internazionale dell’Industria della Pornografia e la Walt Disney!.

A ben vedere ne manca una: la lobby dei cittadini. E anche se Julia ha fatto un ottimo lavoro, dando corpo a una richiesta di Transparecy International sull’adozione della legislative footprint (una proposta di documento dove ogni politico dovrebbe annotare il giorno, il luogo, l’interlocutore e l’oggetto della conversazione avuta con ogni lobbista), dobbiamo spingere perché il suo esempio sia adottato da tutti i parlamentari eletti al parlamento nazionale e specialmente al Parlamento Europeo. Infatti, se questi sono i dati relativi a un solo eurodeputato nell’arco di pochi mesi, riuscite ad immaginare quale sabba mefistofelico si scateni intorno ai 751 eurodeputati per un’intera legislatura?

Combattere questo sistema opaco, portandolo alla luce del sole, deve essere un nostro obiettivo primario nell’immediato futuro.

22 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Claudio, ma non l’hai capito? Non ci sarà più bisogno di questa roba qui, questa è “the crisis of democracy” ( commissione trilaterale 1973 ) il futuro è un altro… Il presente l’abbiamo perso, lottiamo per il futuro.

  • Non c’è bisogno di alcun commento, sono cose troppo più grandi dell’essere umano : BISOGNO USCIRE DALLA COMUNITA’ EUROPEA, E BASTA ! E AL PIU’ PRESTOOOOOOOOO !!!!!!!!!!!!!!

  • Ci vorrebbe qualcuno che la faccia una “lobby dei cittadini”. Una lobby in crowfunding (perché ovviamente ci vogliono i soldi) rivolta ad argomenti di interesse pubblico, e comunque trasparente. Se le lobby devono influire che lo facciano almeno in modo rappresentativo.
    Sarebbe un modo un po’ strano di riportare un po’ di democrazia nelle istituzioni, ma più realizzabile di altri.

    Claudio se farai il lobbista dei cittadini io un po’ di fondi ce li metto.

  • popolo di ingenui o furbi? E’ sempre stato così anche in Italia, a Roma le così dette lobby, cricche, holding ecc… hanno uffici di rappresentanza intorno a palazzo Madama, Montecitorio e Chigi!
    Per quale motivo non dovrebbero esserci a Bruxelles intorno al parlamento UE che “governa” 500 milioni di consumatori?

    Propendo per un popolo di ingenui che cascano dal pero!
    Ma secondo voi quale funzione hanno gli uffici personali assegnati a Deputati e Senatori come palazzo Marino e non solo, per i quali lo Stato paga affitti alle stesse lobby per decine di milioni di euro?

    Questo sistema va abbattuto senza lasciare “feriti” nè “prigionieri” VIA TUTTI rifondiamo questo Paese!!!
    Allora vi chiedo: quale forza politica onesta e coerente è in grado di rivoluzionare culturalmente il sistema politico italiano se non il M5S?

  • perchè il rapporto di Reda non è stato tradotto in italiano?
    Visto che l’Italia paga MLD di euro anche per avere il servizio di traduzione di tutti i documenti UE.
    Forse perchè l’Italia in UE non conta una ceppa di lippa!

  • Incredibilmente non è stato un europarlamentare italiano a fare questo lavoro egregio! Strano, sono sempre lì attentissimi, pronti a scovare inghippi e riportare tutto ai cittadini che rappresentano 🙁 Che nausea. Tralatro l’UE ruba solo per il fatto di esistere: due sedi, di cui una totalmente inutile (l’altra poco, o dannosa).

  • non vorrei sapere quanti di questi fanno parte delle case farmaceutiche, Industria bellica, giocchi d azzardo, industria del tabacco…. Bravo Claudio Messora …… !!!

  • Cercate il monumento
    fatto erigere in Georgia (USA) nei pressi della città di Elberton,
    direzione nord, sulla strada n. 77. È formato da sei
    monoliti pesantissimi, cinque dei quali sono piazzati in senso
    verticale, e sono alti sei metri. Per identificare il posto
    ho utilizzato l’Atlas dell’American Automobile Association,
    e con grande sorpresa ho scoperto che le coordinate topografiche
    indicanti il luogo esatto erano: G7». 8
    Chi ha finanziato il “monumento”?
    Manca la firma, ma i messaggi scolpiti in otto lingue
    sui pietroni verticali la rivelano in modo indiretto. Si tratta
    di maltusianisti, le cui teorie pretendono che la popolazione
    mondiale sia eccessiva. 9 I maltusianisti che hanno fatto costruire
    questo monumento non si accontentano di dire che
    sulla terra c’è troppa gente. Pretendono che per avere un
    mondo ordinato e armonioso bisogna eliminare al più presto
    sei miliardi di persone. Sei miliardi… Un errore di
    stampa?
    Non si tratta di un errore di stampa. La prima frase
    del testo dice: «Mantenere il Genere umano sotto i 500 milioni
    di abitanti, in costante equilibrio con la natura».(cit.De Parvulis-Dal Mondialismo massonico al Mondialismo messianico)

    • Interessante … ti sembrea così strano che il problema dei problemi sia la sovrapopolazione della terra? C’è da discutere sui rimedi. Se hai proposte ragionate sul modo migliore per ridurre velocemente la popolazione, son pronto ad ascoltarti. Non so se hai notato che sui media non parlano di questo Titanic. Meglio far suonare l’orchestra …

    • è vero! Claudio corre anche rischi seri, svelare queste trame trovare nessi e connessi tra affari leciti ed illeciti con la politica a livelli istituzionali nazionali ed internazionali per erudire il cittadino portarlo a conoscenza di accordi a suo danno significa farsi dei nemici.

      Ovvio che il mainstream mediatico dell’informazione privata di questo tema non ne parla essendo parte integrante, ma nemmeno le tv di Stato in quanto gestite dai partiti politici anch’essi parte integrante del sistema dedito al saccheggio della ricchezza pubblica non solo materiale ma anche culturale.

  • In Italia abbiamo avuto ministri come gasparri o forse peggio rotondi un vero mentecatto. Per non parlare di galan clini o scaiola.
    Mi chiedo ma la lega era al governo con il nano?

    • non è solo un problema di ministri, è tutto il sistema politico e istituzionale andato a male, è marcito in putrefazione.
      E’ in atto un colpo di stato da decenni, attuato da cricche e lobby che un poco alla volta stanno trasformando un sistema sociale civile e democratico in un mega campo di concentramento per sottrarre diritti e beni materiali alla maggior parte dei cittadini.

      Sotto gli occhi degli ultimi tre presidenti della repubblica si è perpetrato un pedissequo saccheggio di ricchezza e democrazia, nessuno si è opposto anzi si sono uniti tutti per devastare tutto ciò poteva essere fagocitato, perfino carpire la più preziosa delle risorse umane la fiducia degli elettori ingannandola per decenni con false promesse.

      Possiamo parlare quanto e come vogliamo di economia e finanza globalizzazione capitalismo dell’eurocapestro della Germania della triade, disquisire di spred jobact quantitative easing e di tutte le minkiate che BCE e Renzusconi ruttano dalla mattina alla sera, ma non ci accorgiamo che la nostra inquietante crisi è di natura culturale, se non ci accorgiamo che siamo ostaggio e “governati” da una masnada di corsari e delinquenti in certi casi malati di mente ogni soluzione tecnocratica pensata ed attuata da costoro in ambito politico/economico non sortirà nessun effetto tranne che peggiorare la realtà.

  • Forse è per questo che le lobby stanno togliendo il voto ai cittadini? Per poter decidere loro senza più i “portavoce dei cittadini”? Lo stanno già dimezzando con la riforma del senato. E’ forse una riforma voluta dai parlamentari questa…o dalle lobby?

  • mi perdonerete se copio ed incollo ma a riprova di quanto sostenuto eccovi la cricca alias lobby degli affari in parlamento pochi minuti fa:

    Carlo Sibilia
    2 min ·

    Testo emendamento

    “Indennità è sospesa al membro della Camera dei deputati sottoposto a misure cautelari personali o comunque privato della libertà personale o mantenuto in detenzione”

    Caso pratico: Giancarlo Galan ha patteggiato una pena di 2 anni e 10 mesi restituendo 2,6 milioni di euro per reati di corruzione, concussione e riciclaggio. Ancora presidente della commissione Cultura e percepisce stipendio dalla Camera dei deputati.

    Caso pratico 2: Francoantonio Genovese si trova in arresto (quindi in carcere) per reati tributari nonché per associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio, al peculato ed alla truffa per il conseguimento di erogazioni pubbliche.
    Ancora percepisce stipendio dalla Camera dei deputati

    PD ha votato NO
    M5S ha votato SI
    SEL ha votato NO
    Lega Nord ha votato SI
    Forza Italia ha votato NO
    NCD ha votato NO
    Scelta Civica ha votato NO
    Per l’Italia ha votato NO

    l’onestà la correttezza non passano e muore la democrazia e l’Italia!

    • ed ancora ieri:

      Carlo Sibilia

      Testo emendamento

      “Non possono ricoprire la carica di senatore coloro che sono stati condannati con sentenza definitiva per delitto non colposo”

      PD ha votato NO
      M5S ha votato SI
      SEL ha votato NO
      Lega Nord ha votato NO
      Forza Italia ha votato NO
      NCD ha votato NO
      Scelta Civica ha votato NO
      Per l’Italia ha votato NO

      saranno quelli condannati a vario titolo provenienti dalle 20 Regioni.

      p.s. l’altro giorno in Germania si è dimesso il responsabile/presidente di un partito xenofobo perchè fotografato con i baffetti alla Hitler!

  • ….e intanto la merkel viene in italia ad indicarci quale dovrà essere il prossimo presidente della repubblica. Stesso copione che si è avuto per monti, Letta, Napolitano 2 e Renzi!!!

  • Io sosterrei a manetta Claudio Messora se lavorasse con i fuoriusciti del M5S per creare un movimento democratico dal basso (come doveva essere il M5S) e li aiutasse ad avere una immagine e una visibilità, per sostenere il confronto con il poderoso blog di Grillo.
    Certo non sarebbe facile.

    • I fuoriusciti dal m5s dovrebbero fuoriuscire anche dal parlamento se fossero minimamente coerenti con le idee che sposarono quando furono scelti per far parte dei candidati m5s. Ma che te lo dico a fa’

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi