Chi sono i terroristi?

chi è il terrorista scream

 lettere al blog 

Quali sono i criteri usati dai mass media nell’utilizzo della parola “terrorista“? Perché alcuni invasati che sterminano la redazione di un giornale sono chiamati” terroristi“, mentre un pilota della Germanwings, Andreas Lubitz, che “vuole fare qualcosa di grande e far parlare di sé” no? Perché Claudio Giardiello che spara in tribunale perché “vuole vendicarsi di chi lo ha rovinato” e di un sistema giudiziario che non riconosce, ammazzando quattro persone, viene chiamato “assalitore“? Perché i mafiosi che terrorizzano continuamente imprenditori, commercianti e cittadini, “non riconoscendo un sistema e volendo realizzare di fatto un contro stato rispetto a quello costituito“, non vengono chiamati “terroristi“? E perché i manganellatori euroburocrati dell’austerity (che non è una religione ma un credo personale e opinabile), che per salvare le banche terrorizzano milioni di persone con lo spettro della disoccupazione e della fame, non sono chiamati “terroristi” ma “politici“?Come diceva William Shakespeare, se una “rosa” si chiamasse “patata” avrebbe lo stesso identico profumo.

Rispondetemi grazie, El Fane Anas

7 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • “Chi fa parte di un gruppo che adotta la violenza come metodo di lotta politica”
    Fonte: http://dizionari.corriere.it/dizionario_italiano/T/terrorista.shtml

    secondo me perchè:
    – Gli invasati sì: erano un gruppo e adducevano motivazioni politiche.
    – Andreas Lubitz no: non era parte di un gruppo e non lo faceva per lotta politica
    – Claudio Giardiello No: idem sopra.
    – i mafiosi nemmeno: pur facendo parte di un gruppo, non mi risulta facciano lotta politica.

    sui “manganellatori euroburocrati” … non oso dire nulla, ho troppa paura. :-O

    • tu hai preso per buona la definizione del dizionario del corriere.it ! Io prendo per buona la MIA definizione del Terrorismo : ” Qualsiasi persona, gruppo o organizzazione che provochi terrore e’ un TERRORISTA !!! ” quindi tutti quelli che Claudio ha citato nel posto in un modo o nell altro hanno terrorizzato delle persone di fatto sono TERRORISTI e aggiungo alla lista; chi finanzia i copi di stato, chi fa il lavoro dellle agenzie di Rating manipolando i dati per favorire o sfavorire un mercato o un paese, chi esporta la Sua democrazia con i droni…..!!!

    • Dissento dal fatto che non sia lotta politica:
      http://dizionari.corriere.it/dizionario_italiano/P/politica.shtml
      oppure
      come dice la Treccani:
      “Era il termine in uso per designare ciò che appartiene alla dimensione della vita comune, dunque allo Stato (πόλις) e al cittadino (πολίτης). Centro e insieme oggetto della p. è la πόλις, la vita nella città e della città; τά πολιτικά è l’espressione che indica, in generale, le questioni politiche.”

      Quindi i mafiosi agiscono sulla vita pubblica e politica, fanno politica. Ciao.

  • Massimo Lodi Rizzini (FB)
    6 aprile alle ore 20.27 · ·
    Al-Nusra i terroristi finanziati da Obama e protetti dalla UE e dalla GB, li usano per far cadere Assad in Siria.
    Il terrorismo esiste perchè lo vogliono Londra, Obama e la UE, perchè lo finanziano i migliori alleati della City e di Wall-Street, i sauditi, i qatariani e la Turchia del sedicente sultano Erdogan.
    Renzi sa e acconsente.(e se non sa è meglio che vada a parcheggiare scooter nei parcheggi dei fast-food

  • Alberto Pd …. “tu hai preso per buona la definizione del dizionario del corriere.it ! Io prendo per buona la MIA definizione del Terrorismo : ” Qualsiasi persona, gruppo o organizzazione che provochi terrore e’ un TERRORISTA !!! ” quindi tutti quelli che Claudio ha citato nel posto in un modo o nell altro hanno terrorizzato delle persone di fatto sono TERRORISTI e aggiungo alla lista; chi finanzia i copi di stato, chi fa il lavoro dellle agenzie di Rating manipolando i dati per favorire o sfavorire un mercato o un paese, chi esporta la Sua democrazia con i droni…..!!!

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi