Avete voluto la bicicletta, adesso PEDALATE! #MissionePutin

Missione Putin

Vi ho chiesto chi avreste voluto intervistare: avete scelto Vladimir Putin. Vi ho chiesto di scrivere le domande che avreste voluto fare, e l’avete fatto da soli. Vi ho chiesto di votare, fra tutte le domande che avete immaginato, quali fossero le migliori, e l’avete fatto (Qui il Pdf con i risultati delle vostre preferenze). Adesso non ci sono più scuse. Quello che dovete fare, se volete davvero che un leader politico mondiale come il Presidente della Federazione Russa prenda in esame la proposta, è farglielo sapere. Come? Semplice: a questo link troverete una petizione da firmare: “Presidente Putin, conceda un’intervista alla rete italiana“. Firmatela e fate in modo che la firmino anche i vostri amici, colleghi, conoscenti, familiari. Poi, subito dopo, scrivete una breve lettera al Presidente Putin utilizzando questo modulo: “Send a letter to the President“. Siate brevi, concisi, chiedete solo di prendere in considerazione l’idea di concedere un’intervista alla rete. Se il vostro inglese è traballante, scrivete solo:
Mr. President, please give us the chance to interview you:
https://www.change.org/p/vladimir-putin-conceda-un-intervista-alla-rete-italiana.
Best regards, Nome Cognome“.

L’impresa non è certamente tra le più facili, ma niente è impossibile. Più sarete, più la meta diventerà a portata di mano.
Firma adesso la petizione, ESCLUSIVAMENTE AL LINK SOTTOSTANTE:

https://www.change.org/p/vladimir-putin-conceda-un-intervista-alla-rete-italiana


IL TESTO DELLA PETIZIONE
PRESIDENTE PUTIN, CONCEDA UN’INTERVISTA ALLA RETE ITALIANA

Presidente Putin,

 Europaleaks ha organizzato un sondaggio per chiedere ai suoi followers chi volessero intervistare. A grande maggioranza, la rete ha indicato il suo nome, con migliaia di preferenze. Successivamente, i sostenitori della sua candidatura si sono confrontati online, in uno spazio collaborativo aperto e orizzontale, per formulare le domande che avrebbero desiderato porgerle. Queste domande sono state sottoposte a un’ulteriore votazione che ne ha selezionate dieci. Saremmo dunque onorati se lei volesse rispondere alla richiesta che proviene da una parte della rete italiana che desidera conoscere la sua opinione in maniera diretta, non filtrata, per avere uno strumento di interpretazione dei fenomeni geopolitici che stanno attraversando la storia contemporanea. Ovviamente ci rendiamo conto dei suoi impegni, ma siamo anche consapevoli che un tale evento, forse unico nella storia (ovvero la possibilità che semplici cittadini, grazie alla rete, possano confrontarsi in prima persona con uno dei leader mondiali di riferimento), verrebbe salutato da quella parte dell’Occidente interessata a una reale democrazia dell’informazione in maniera estremamente favorevole.

 Con questa petizione siamo dunque a chiederle il privilegio di poterla intervistare e, fedeli al criterio della trasparenza, siamo in grado di consegnarle anticipatamente le domande che le vorremmo porre.

Le saremmo grati se volesse far pervenire la sua disponibilità all’intervista all’indirizzo email: europaleaks@europaleaks.com

#MISSIONEPUTIN: LE 10 DOMANDE DELLA RETE

1. La Grecia attraversa una crisi economica pesantissima e la sua permanenza nell’euro è ogni giorno messa in discussione. Ripagare il debito sembra un’impresa impossibile. L’uscita della Grecia dall’euro, magari contando sull’aiuto della Russia, le sembra un’opzione credibile? E nel caso in cui la Russia venisse in aiuto della Grecia, sostenendo il suo percorso di uscita dall’euro, quali conseguenze potrebbero esserci secondo lei sul piano internazionale?

2. Sappiamo che è in atto un processo di accantonamento del dollaro come moneta di riserva mondiale. Il suo paese, assieme a Cina, Iran e India, sta abbandonando il dollaro come moneta di scambio negli acquisti di petrolio e gas naturale. Gli oligarchi stracciano le proprie Visa per carte di credito russe. Si è paventata perfino l’espulsione della Russia dal sistema Swift. Quella che è stata definita da Valery Giscard d’Estaing come l’epoca del “privilegio esorbitante” del dollaro sembra volgere al termine con la fine del signoraggio del biglietto verde. Con quali progetti la Russia procede in questo intento?

3. La Federazione Russa avrà una banca centrale pubblica nel prossimo futuro?

4. E’ fondata la notizia circa la costituzione di un organismo alternativo al FMI?

5. Quali politiche adotterebbe in Europa se fosse Presidente dell’Unione Europea? La Russia preferirebbe un’Europa Unita sotto l’egida della moneta unica europea o secondo lei l’Europa, intesa come unione di popoli, dovrebbe tornare alle monete nazionali per uscire dalla pesante crisi in cui versa?

6. Come interpreta le sanzioni alla Russia da parte dell’Unione Europea, che ha deciso di assecondare la proposta dalla Nato, Stati Uniti in primis, sapendo che avrebbero danneggiato gli stati membri della UE tanto quanto la Russia stessa? Che rapporto c’è oggi tra la Russia e l’Unione Europea?

7. Cosa ne pensa dello straordinario sviluppo della Cina e della sua crescita sproporzionata rispetto ai paesi dell’occidente? In che modo crede che possa influenzare, nei prossimi anni, le scelte politiche e strategiche degli altri paesi, compresa la Russia? In particolare, il partenariato russo-cinese è una realtà consolidata da anni ormai. La creazione della SCO, il recente accordo sulla fornitura di gas trentennale a Pechino, ha rafforzato questa partnership. Ma la Cina detiene gran parte del debito pubblico degli USA e potrebbe quindi non essere di suo interesse danneggiarli. E’ sicuro che per la Cina questi accordi abbiano la stessa importanza che hanno per la Russia? Qual è il futuro delle relazioni sino-russe?

8. Quali politiche monetarie ha in serbo la Russia per contrastare l’euro e il dollaro?

9. L’ISIS è ormai una minaccia globale, ma restano alcuni aspetti oscuri. Qual è la sua opinione in merito alle azioni che sarebbe opportuno intraprendere nei confronti di questa organizzazione terroristica? La Russia che ruolo potrebbe avere?

10. Quali sono i reali motivi della crisi in Ucraina? Ritiene che l’informazione in Europa abbia manipolato oppure occultato alcuni fatti, condizionando negativamente l’opinione pubblica?

5 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • é LA VERITA’ SE NON POSSO COMMENTARE COME DESIDERO.ALLORA NON CHIEDETE COMMENTI:NON HO OFFESO NESSUNO.ANZI:MI SENTO OFFESA DAL GOVERNO E DALLE ISTITUZIONI PER IL LORO COMPORTAMENTO INEDUCATO NEI MIEI CONFRONTI E DI TANTI ITAIANI:NON SIAMO RISPETTATO.SIAMO LESI NEI NOSTRI DIRITTI

  • Quanto è inutile far rete se pochi tra quelli che votano e commentano hanno una minima idea di quel Putin ha già affermato e gli accordi già in atto. Con queste 10 domande raffazzonate ci facciamo solo la figura degli ignoranti che siamo. Claudio ti scongiuro, riformula i temi più votati in 10 domande articolate. Le maratone di interviste a Putin sono ormai una consuetudine e rispondono a nove delle 10 domande della rete (eravamo in 429, mi interesserebbe sapere quanti hanno seguito i q&a dell’ultimo anno). All’autore della domanda 3, per come posta, Putin ripeterà per l’ennesima volta che Nabiullina sta facendo un buon lavoro e l’ întervento della banca centrale, anche se tardivo, è stato fondamentale per… blablabla. Il dibattito in Russia sul tema è acceso ma Putin per ora non si è esposto.

  • L’Europa deve associarsi all’economia Russa, per combattere l’imperialismo americano in Europa che sta distruggendo la ns. economia con la globalizzazione voluta dagli Usa, passando per l’Ue e moneta unica. Oggi gli Stati dell’eurozona sono colonie tedesco-americane sfruttati al fine di coinvolgere denaro ns. nelle banche americane, così l’America si arricchisce con i ns. soldi, il nostro lavoro. e gli europei sempre più schiavi di un sistema economico voluto solo dagli Usa per governare tutto il mondo. Noi dobbiamo ribellarci a questa economia mettendoci con la Russia Paese europeo anch’esso. ricco di materie prime quindi lo scambio di mercato con la Russia sarebbe di compensazione, senza stravolgere le economie di altri Stati. Con la Russia si tornerebbe alla moneta sovrana all’economia reale che uno Stato riesce a creare con le proprie risorse e il mercato risulterebbe più equilibrato tra Stati. La Russia è un a potenza militare e con l’aria che tira oggi è meglio essere protetti da una grande potenza militare quale è la Russia. Tutto questo deve avvenire con Putin, perché una volta Putin uscito di scena il successore sarà in grado di fronteggiare l’Imperialismo americano? Per la Russia una volta alla ribalta mondiale economica riuscirà pure a indebolire il dollaro e il rublo piano piano prenderà un posto rilevante nella economia mondiale. Quindi alla fine L’Europa intera risulterà una potenza da confrontarsi con l’America.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi