PRODI: PUTIN VOLEVA ALLEARSI ALLE DEMOCRAZIE OCCIDENTALI. SAPEVA CHE SAREBBE STATO ASSEDIATO

Prodi a Che Tempo Che Fa: “Quando Putin cominciava a salire venne a trovarmi Gorbaciov, e mi disse: ‘Sta salendo una persona al vertice russo con un curriculum vita brutto, ma è l’unico‘ e mi ricordo bene la frase ‘che può salvare la Russia e legarla alle democrazie occidentali‘. Mi colpì moltissimo. E all’inizio (io ero presidente della Commissione Europea) il rapporto Russia-Europa andò piuttosto bene. Cominciammo a collaborare bene.

La grande rottura – e lo ricordo perché ho passato ore ed ore alla vigilia della guerra in Iraq, a discutere di questo fatto drammatico – fu proprio la guerra in Iraq, con Putin che dice: ‘Da domani io sono sotto assedio. Proseguiranno con l’Ucraina e la Georgia‘. E cominciò la rottura che tuttora dura.”


FIRMA LA PETIZIONE PER CHIEDERE A PUTIN DI RISPONDERE ALLE VOSTRE DOMANDE: clicca qui.

Missione Putin

3 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • A prescindere da una mia personale inclinazione ad apprezzare Putin, almeno “nel complesso di quello che lui presenta, di se stesso, all’esterno”, non riesco ad avere un’opinione chiara su di lui.

    Mi sono rivolto, in sedi diverse, a vari amici Ucraini e Russi residenti in Italia, persone che non si conoscono, chiedendo loro cosa pensassero di Putin.

    Le risposte che ricevuto sono state state molto negative, in genere condite da insulti, anche piuttosto pesanti.

    Dovendo raccontare i pareri ricevuti, “convertendoli” in un linguaggio “probo” e non quello che è stato usato in origine da chi li ha espressi, risulta che Putin sarebbe un bugiardo compulsivo, in grado di mentire come se quello che dice fosse vero.

    Una persona che fa una “politica di immagine”, totalmente diversa dalle azioni concrete, e che occulta, in maniera assoluta, o promuove mediaticamente quello che più fa comodo al suo gioco, unicamente nel proprio interesse personale e della politica che lo sostiene, a discapito di tutto e di tutti.

    Non mi aspettavo l’astio che mi è stato dimostrato nei suoi confronti e la cosa mi ha sorpreso e lasciato perplesso.

    Di certo, ritengo più attendibile il parere di chi è concretamente vicino a quella realtà, piuttosto che quello di chi la osserva da lontano.

    Ad esempio il mio personale, che pur essendo “semi-positivistico” rimane comunque un parere costruito sulle informazioni che si possono attingere in giro, nei vari modi possibili, ma non sull’esperienza.

    Agitarsi nel dubbio o riposare in un possibile errore?

    Sarebbe davvero interessante ascoltare quali sarebbero le risposte “pubbliche” di Putin a delle domande dirette, forse anche diverse da quelle elencate nella petizione, oppure le stesse ma poste in maniera meno “arrotondata”.

    Ma quanto, di quelle risposte, sarebbe verità e quanto “propaganda”?

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi