Il favoloso mondo di Sergio

Mattarella Corruzione Ai Giovani

Sergio Mattarella ai giovani sulla corruzione: “E’ un fenomeno che vediamo diffuso. E’ come se vi fosse una sorta di concezione rapinatoria della vita.” E sull’Europa, invece, solo la celebrazione degli ultimi decenni di pace. E’ il favoloso mondo di Sergio e, prima ancora, di Napolitano.

Capisco che le due guerre mondiali abbiano fatto più o meno 100 milioni di morti in tutto il mondo e che rappresentino quindi lo spettro più importante da debellare, ma che oggi il nostro continente sia attraversato da guerre invisibili, causa di impoverimento, indigenza, morte per mancanza di risorse assistenziali, suicidi per l’impossibilità di onorare i propri debiti, e tutto per un ostinato, cocciuto progetto elitario di ridefinizione della geografia economica e dei rapporti commerciali, è un concetto che nessuno, a livello istituzionale, riesce ad esprimere.

Sono passati 70 anni dalla fine della seconda guerra mondiale. Questo non significa che la storia non si possa ripetere e che non sia necessario prestare attenzione, ma continuare a guardare al passato come se non vi fosse oggi un presente fatto di nuove minacce e di nuovi orrori da scongiurare è un atteggiamento miope, maschera interessi di portata peggiore della semplice corruzione e non restituisce ai giovani un quadro realistico della situazione attuale. Cresceranno pensando che il problema è solo la mazzetta del consigliere comunale locale e non vedranno mai il devastante asservimento dei diritti di cittadinanza alle logiche di una tecnocrazia finanziaria che occupa tutti i posti di più alto livello, imponendo le sue logiche esattamente come una qualunque dittatura. La dittatura perfetta, perché nessuno la vede, nessuno la sente.

Quando la smettiamo di raccontare ai ragazzi storielle della buonanotte, fatte di lupi cattivi e di cacciatori buoni, per farli crescere nel favoloso mondo di Amélie?

6 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • può svanire la coscienza di un uomo?

    Fu promotore della Legge elett. mattarellum, diventato membro del Corte Costituzionale che bocciò il Porcellum ponendo seri dubbi sulla legittimità delle ultime elezioni politiche e di un Governo che poi lo eleggerà Capo dello Stato, lo stesso Governo che approva una nuova Legge elett. l’italicum che per combinati disposti modificherà una ventina di articoli della Costituzione della quale Lui Presidente della Repubblica è garante, Legge elettorale scandalosa per l’iter formativo parlamentare eluso autoritariamente, che arriverà al Quirinale in un lampo sottoscriverà senza dubitare minimamente sui contenuti antidemocratici e legittimità costituzionale.

    Ditemi voi, si può adoperare la coscienza a fasi alterne o il Capo dello Stato è diventato un passacarte?

  • Mattarella è visibilmente un fantoccio. Un Presidente che deve solo “ratificare” quanto già deciso a Berlino, Bruxelles e Francoforte. Hanno scelto bene: un anziano rassicurante, che gode del consenso della maggioranza senza particolare sforzo, dando così un’aura di ‘Costituzionalità” anche a provvedimenti visibilmente antidemocratici…

  • se fosse stato un Capo di Stato con carattere non sarebbe andato a consegnare la coppa Italia, motivando il diniego per la presenza inopportuna causa corruzione del mondo calcistico in campo e fuori dagli stadi nel sistema dei diritti tv a pagamento.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi