Le prove del più grande furto della storia.

image

In alto l’esposizione verso la Grecia a dicembre 2009. L’esposizione italiana, francese o tedesca era esattamente pari a zero. Erano le banche private ad avere allegramente prestato decine di miliardi alle controparti greche, e a rivolerle indietro quando sono andate in crisi a seguito della bolla dei subprime, lasciando la Grecia in ginocchio. Qui intervengono le generose istituzioni europee e internazionali con i “piani di salvataggio”, che altro non sono stati se non una gigantesca partita di giro per mettere al sicuro le banche francesi, tedesche e di altri Paesi. Il debito passato dal privato al pubblico, secondo il noto principio di privatizzare i profitti e socializzare le perdite.
Ad affermarlo è anche un delegato del FMI, che già a gennaio 2010 denunciava come il presunto salvataggio della Grecia fosse «concepito solo per salvare i creditori, nella gran parte banche del vecchio continente e non la Grecia». Uno studio indipendente ha mostrato come per lo meno il 77% di tutti gli aiuti forniti alla Grecia tra maggio 2010 e giugno 2013 siano finiti al settore finanziario e non alla popolazione o allo Stato ellenico.

Tratto da “nonconimieisoldi“.

13 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    • ho la netta sensazione che tu sei uno di quelli che nel 2001, all’introduzione dell’euro, ci fece risciroppare quel bandito incompetente di berlusconi.BASTA A PRENDERSELA CON L’EUROPA!!

  • aridaje…. non è l’euro-moneta la causa dei nostri mali ma è la politica nazionale condotta da debosciati corrotti e incapaci d’arginare i delinquenti della finanza creativa,

    “”””DATO DI FATTO INCONFUTABILE: impossibile che politici italiani incapaci e corrotti possano contrastare dei colleghi stranieri altrettanto incapaci e delinquenti””””

    ma noi cittadini elettori ci dobbiamo mettere d’accordo se buttare via oltre mezzo secolo di politica europeista ritornando a casa nostra, oppure modificare sostanzialmente gli errori tecnici e politici sottoscritti nei trattati UE, ciò possiamo farlo solo eleggendo al Governo italiano persone corrette ligie ai principi sanciti nelle nostra Costituzione Repubblicana che non contrasta con il progetto originale di Europa Unita.

  • una volta si conquistavano i paesi con le guerre: cannoni, soldati, fucili.. adesso con la finanza e’ molto piu’ semplice.. chi ci rimette alla fine sono sempre i cittadini

  • Chissa’ se faranno vedere questi grafici, facili da capire anche per l’italiano medio, nei TIGGI nazionali….

    • Ovviamente no! Di “educare” il popolo, fargli sapere esattamente come stanno le cose non se ne parla proprio. “Sapere e’ potere” e questi mica vogliono dare al popolo il potere!!!!

    • io sono stato obbligato a studiare per capire bene come siamo gestiti (cittadini) be non mi sembra di raccontarvi una novità se percepiamo che è tutto imposto in forma di regime e infatti è così e tu ti domanderai e i miei diritti di essere umano? dove sono finiti? la nostra cara italia ci vende quotidianamente come merce di scambio con la firma di un avvallo di nostro padre o chi denuncia quando nasciamo, con il certificato di nascita ci trasforma in bond azionari e ci vendono e scambiano nel mercato americano….quello che ancora non spiegano hai dormienti è il gioco del trast creato ancora nel lontano 1302 prima bolla papale, la soluzione a tanti di questi problemi messi e imposti dalle leggi si possono risolvere in breve basta studiare un po http://www.popolounico.it ma bisogna averne la voglia e la necessità altrimenti il povero italiota non si sveglia….

  • ancora c’è chi si nasconde dietro il nome di Berlusconi?????
    Aggiornati !!!!! Siamo PURTROPPO in mano o in tasca (scegli tu) a coloro che, sicuramente, tu hai votato e voluto al potere, e che se la ridono e se la godono anche alla faccia tua!!!! Auguri!!!!

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi