Zitti zitti, ecco la norma che salva i banchieri dalla galera

Con il sole di ferragosto e mentre i giornali esultano perché un italiano su due va al mare, arriva il consueto colpetto del Governo, che ieri nel disinteresse generale ha fatto passare il Comma Salva-Banchieri. Una nuova norma che depenalizza il falso in bilancio. Eccola qui: (scritta come sempre perché non ci capiate nulla):

l-bis. Ai fini dell’applicazione della disposizione del comma 1, non si tiene conto della non corretta classificazione, della valutazione di elementi attivi o passivi oggettivamente esistenti, rispetto ai quali i criteri concretamente applicati sono stati comunque indicati nel bilancio ovvero in altra documentazione rilevante ai fini fiscali, della violazione dei criteri di determinazione dell’esercizio di competenza, della non inerenza, della non deducibilità di elementi passivi reali.
Insomma, basterà che a fronte di documenti contabili eccessivamente creativi ci si giustifichi sostenendo di essersi ispirati al manuale delle Giovani Marmotte. Curiosamente, la norma arriva proprio quando a Londra i primi banchieri finiscono in galera, nel silenzio generale dei media. L’analisi di Marco Saba su Byoblu.com, nel video.

IMPORTANTE: Questo video e questo articolo ti sono stati offerti dai sostenitori di questo blog, attraverso le loro donazioni, in cambio di una partecipazione diretta alla scelta degli intervistati, della scelta delle domande, della possibilità di avere visibilità per il proprio sito o per la propria attività, oppure per semplice responsabilità nei confronti dell’informazione libera. Unisciti a loro, clicca qui: http://www.byoblu.com/sostienimi.

6 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • questa norma ha valore retroattivo? Oppure c’è in corso un indagine della Magistratura su qualche banca o impresa per cui la politica partitica corre ai ripari prima della sentenza?
    Essendoci chiare nette commistioni e collusioni tra partiti e finanza creativa esiste il pericolo che il “responsabile indagato” parli e sveli nomi cognomi e altro, quindi a tutela di tutti si escogita un salvacondotto una sorta di “immunità parlamentare” anche per gli operatori del settore bancario e imprenditoriale.

    Lo stesso criterio è stato utilizzato nella attuale riforma della P.A. dove è previsto nel caso di reato abuso d’ufficio ecc… commesso da un pubblico impiegato o dirigente la “pena” del demansionamento invece del licenziamento, al contrario di quanto sancito dal job act per i lavoratori in ambito privato.
    Ciò va ricollegato all’entrata in vigore della legge Bassanini 1998 con la quale molte responsabilità nella redazione degli atti amministrativi sono passate dalla “politica” ai dirigenti, capi settore ecc… per cui le Giunte Comunali ecc… per rendere operative ed eseguibili certe deliberazioni devono ottenere l’autorizzazione tecnica dei dirigenti capi, quindi per attuare quella politica spesso sprecona devono “ammorbidire” i suddetti responsabili, inizialmente avvenne con l’aggiunta allo stipendio base dei premi produzione in migliaia di euro, (esistono dirigenti comunali che percepiscono oltre 100 mila € annui) oggi viste le difficoltà oggettive per una realtà critica per tanti fattori si è pensato di proteggere con “l’immunità” anche quei dipendenti statali con responsabilità tecnico-amministrative, senza i quali la politica non potrebbe sprecare un centesimo.

    Ecco spiegata in sintesi l’origine dei nostri mali.

  • Grazie a Daniele Pesco (M5S) che ha portato all’attenzione di tutti questo comma e a Messora che con ironia ha rilanciato la notizia.

  • In un mondo governato dalla finanza, chi vuoi che ne tragga vantaggio?
    Fino a che punto potranno tirare la corda?
    I corsi e ricorsi storici vorrebbero che l’oppressione finanziaria fosse già saltata in aria, ma ci troviamo ad avere a che fare con popoli ancora troppo inconsapevoli per poter reagire.
    Oltre vent’anni, abbiamo un’altissimi capacità di sopportazione.

  • Grazie a Daniele Pesco, a Saba e a Messora.
    Il fatto che sentano il bisogno di proteggersi aggiustando le leggi significa che non si sentono in posizione di totale sicurezza. Più loro costruiscono queste barricate più ci sara bisogno di smontare.

  • C’è un governo, nella storia del dopoguerra, che è stato più a favore della finanza internazionale? C’è un partito che è mai stato più a favore delle banche del PD? Dalla svendita della Banca d’Italia, al decreto sulle popolari, che di fatto le rende acquisibili dai gruppi finanziari stranieri, Renzi e PD passeranno alla storia per aver dato l’ultima spallata a queta malandata Italia (spero).

  • Lo scopo dei troll è quello di inquinare le discussioni distogliendo l’attenzione dai temi veramente importanti, aizzando lo scontro, favorendo polemiche infinite che non portano a nulla. Per fare questo usano “strumenti” che sono più o meno sempre gli stessi: l’attacco personale, la deviazione dell’attenzione, l’attaccarsi a particolari e rispondere a presunte affermazioni che l’interlocutore avrebbe fatto (e che in realtà non ha fatto).

    Nella discussione precedente relativa al dibattito sulla creazione del denaro un commentatore insiste su un paradosso: “Supponiamo – dice – che un correntista ritiri i soldi tramite assegno circolare e metta tale assegno sotto il materasso: come farà la banca ripagare questa cifra? ” Senza rendersi conto che

    1) la situazione è paradossale, e, in quanto tale, non apporta alcun vantaggio alla comprensione del fenomeno “signoraggio”;
    2) la banca sarebbe eventualmente beneficiaria di un comportamento del genere: se prima aveva una passività in bilancio (i soldi depositati sul cc dei propri correntisti sono passività per la banca: cioè debiti), nel momento in cui scrìive un assegno circolare e questo non viene mai incassato risolve semmai un problema;
    3) l’affermazione successiva che io avrei fatto (le bancjhe possono scrivere quanti zeri vogliono sui loro conti senza dover ottemperare alcuna regola) rientra nella casistica delle affermazioni messe in bocca all’interlocutore che questi non ha mai detto. Infatti le banche devono obbedire a delle regole (Basilea dice niente?), ogni tanto qualcuna fallisce (ma questo non elimina il problema: come se il fatto che ogni tanto un ladro viene preso smentisse l’esistenza dei ladri) e può emettere denaro solo se c’è qualcuno che lo chiede in prestito.

    Tutto ciò a cosa serve al povero lettore? A niente, ma lo distrae dal problema vero.

    Tale problema si può molto semplicemente riassumere come segue:

    a) IL SISTEMA ANCARIO CREA DENARO DAL NULLA
    b) QUESTO DENARO VIENE EMESSO A DEBITO, CIOE’ SOLO SE QUALCUNO SI INDEBITA PER AVERLO
    c) QUESTO CREA UN DOPPIO PROBLEMA:
    c.1) IL DEBITO E’ MATEMATICAMENTE INESTINGUIBILE
    c.2) CHI EMETTE DENARO, POTENDO DECIDERE A CHI PRESTARLO E A CHI NO, DIVENTA (LO E’ GIA’ DI FATTO) IL VERO POTERE, SOPRA QUELLO DEI GOVERNI, TOGLIENDO DI FATTO SIGNIFICATO ALLA PAROLA DEMOCRAZIA.

    Così dfficile da capire?

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi