Adesso ve lo dice un giudice costituzionale: Zagrebelsky. Non va bene neanche lui?

Gustavo Zagrebelsky
“Oggi, è quasi toccato ai Greci, domani chissà. È un concetto sconvolgente, che contraddice le categorie del diritto pubblico formatesi intorno all’idea dello Stato. Esso poteva contrarre debiti che doveva onorare. Ma poteva farlo secondo la sostenibilità dei suoi conti. Non era un contraente come tutti gli altri. Incorreva, sì, in crisi finanziarie che lo mettevano in difficoltà. Ma aveva, per definizione, il diritto all’ultima parola.  Poteva, ad esempio, aumentare il prelievo fiscale, ridurre o “consolidare” il debito, oppure stampare carta moneta: la zecca era organo vitale dello Stato, tanto quanto l’esercito. Come tutte le costruzioni umane, anche questa poteva disintegrarsi e venire alla fine. Era il “dio in terra”, ma pur sempre un “dio mortale”, secondo l’espressione di Thomas Hobbes. Tuttavia, le ragioni della sua morte erano tutte di diritto pubblico: lotte intestine, o sconfitte in guerra. Non erano ragioni di diritto commerciale, cioè di diritto privato.

 Se oggi diciamo che lo Stato può fallire, è perché il suo attributo fondamentale — la sovranità — è venuto a mancare. Di fronte a lui si erge un potere che non solo lo può condizionare, ma lo può spodestare. Lo Stato china la testa di fronte a una nuova sovranità, la sovranità dei creditori.

[…]

Agli Stati indebitati e insolventi si può rimproverare il loro spirito di cicale. Ma il potere finanziario, nel suo insieme, vive di indebitamenti e accreditamenti ed è perciò amico delle cicale. Senza cicale e solo con formiche non potrebbe esistere. Onde, è vuoto moralismo il rimprovero d’essersi indebitati, quando proprio i creditori sono interessati al loro indebitamento. In secondo luogo, l’erosione della sovranità è la resa alla legge dei più forti”. [Gustavo Zegrebelsky]

fonte: Repubblica

 

LO SAPEVI CHE PUOI DECIDERE LE INTERVISTE?
A luglio, questo blog ha prodotto informazioni per cinque milioni e mezzo di lettori unici solo su Facebook e 400mila visualizzazioni video su Youtube.
Da solo posso fare molto, ma insieme possiamo vincere! Da oggi, se doni o collabori, puoi entrare nell’area riservata, partecipare alle discussioni interne, alle decisioni sulle interviste e sulle domande e vedere contenuti dedicati. E puoi avere il tuo nome e un link al tuo sito nei ringraziamenti dei video prodotti (come in fondo al video di oggi).

Partecipa: clicca qui.

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Indebitarsi è uguale ad aver venduto il proprio futuro, spesso per inezie, e c’è chi lo ha comprato con promesse di primi e cotillon, proposti da avvenenti signorine che ti ammaliano prendendo la loro parte.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi