Leggete questo. Poi tornate a giocare con le biglie.

Pd Autoctoni Filiera Produttiva
Il Pd getta finalmente la maschera. Le balle non puoi tenerle dentro per sempre: prima o poi ti scappano. “Dati dicono immigrati si stanno integrando e sostituendo ad autoctoni nella filiera produttiva“, lancia in un tweet. Ma forse, più che “Pd”, dovremmo dire il “Pude“: il Partito Unico dell’Euro. Non dimentichiamo infatti che era Franco Frattini, nel 2007, che da vice-presidente della Commissione Europea raccontava alla London School of Economics i piani UE per sostituire gli “autoctoni” (come chiamano voi italiani i DeputatiPd nel loro delirio) con gli immigrati, secondo il tema in voga fin dal 2001, anno in cui l’Onu pubblicò un celebre studio sulla necessità di provvedere ad una immigrazione sostitutiva nel vecchio continente.

Da lì agli sbarchi sui gommoni che tutti fanno finta di non riuscire a contrastare, a costo di migliaia di vite umane; da lì all’apertura delle frontiere della Merkel per rivitalizzare l’industria automobilistica in crisi dopo il calo della domanda cinese; da lì al momentaneo varco nel filo spinato ungherese, per permettere alla Repubblica Ceca di mettere al lavoro 5000 siriani nella piccola media impresa, sottolineando che sono ottimi lavoratori perché a differenza nostra loro tengono al loro posto di lavoro  (leggi: abbassamento dei diritti), il passo è breve. Lo Ius Soli si inserisce evidentemente in questo solco.Ormai solo chi non vuole vedere, non vede. C’era un tempo in cui l’Europa era forte e dominava il mondo. Poi si è suicidata con la secondo guerra mondiale. Da quel momento in poi gli Stati Uniti d’America hanno preso il sopravvento e hanno tirato tutti i fili che c’erano da tirare. A iniziare dalla moneta unica (qui George Friedman stesso lo ammette), per finire con la costruzione degli Stati Uniti d’Europa, passando per la dominazione politica di paesi come l’Italia (i cui capi di Stato hanno sempre avuto l’obbligo di firma a Washington, dal primo dopo guerra fino a Giorgio Napolitano. Craxi alzò la testa a Sigonella e disse che l’Europa sarebbe stata un inferno, e guardate che fine ha fatto) e per la colonizzazione commerciale definitiva (pensate al TTIP).

Lo scopo? Semplice: avere un’Europa debole e sottomessa, nel tentativo di non perdere il loro predominio culturale (Hollywood, gli hamburger, la musica, lo spazio, il settore militare, la tecnologia). Il che passa obbligatoriamente per la destabilizzazione cronica delle aree strategiche, dal medio-oriente ai paesi dell’est, alla stessa Europa investendola di ondate migratorie che non è in grado di affrontare (sempre Friedman: ”La destabilizzazione è il vero scopo delle nostre azioni estere, non instaurare una democrazia. Una volta destabilizzato un paese, dobbiamo dire ‘missione compiuta’ e tornarcene a casa”).

I responsabili sono i servi di Washington che hanno fatto il lavoro sporco per loro, dai vari Kalergi fino alle sinistre rincoglionite che hanno creduto e credono ancora di essere tanto buoni (tipo Prodi che credeva al buon cuore di Kohl), per terminare certamente con gli euroburocrati collusi con i club paramassonici alla Bilderberg che hanno preso in mano i centri di potere e lavorano in nome e per conto delle 147 banche che posseggono e controllano tutto. E in loro nome (cfr: Monti “Le imprese americane, soprattutto le grandi, sono state sempre tra i fattori di spinta dell’integrazione europea, per il loro vantaggio materiale“) distruggono la domanda interna dei singoli stati, firmano trattati fregandosene della volontà popolare (Cecilia Malmström: “Il mio mandato non arriva dai cittadini europei“) e sono ormai pronti a sostituire la democrazia con un nuovo modello di governo dove loro sono i cani pastori e noi il gregge, da trattarsi con umana misericordia ma senza consentire nessuna fuga in avanti (Draghi: “l’euro è irreversibile“; Monti: “Le pecore non possono saperne più del loro pastore“).

Questi sono i tempi in cui viviamo. Non c’è altro. Tutto il resto è rumore, distrazione, panem et circenses: è lo schiocco del bastone sul selciato per mettervi paura e non farvi alzare la testa.

E adesso unite i puntini

clicca per guardare il video: “Non c’è nessuna crisi”,
un mio vecchio video dell’agosto 2011
NonCeNessunaCrisiBlogVideoIcon

15 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • fino alla penultima tutte le generazioni avevano qualcosa da insegnare ai loro figli….poi qualche cosa accadde,tra grandi fratelli e talk show…tra miserie e miserabili sparì pensiero e onestà,morale e dignità,l’arroganza e la prevaricazione piovvero a fiumi…avvenne di tutto tranne ciò che era auspicabile,e chi doveva urlare tacque….chi doveva prendere posizione e dare pugni si fece pecora….ora il gregge è così vasto che il belato annichilisce ogni altro suono….c’è poco da unire puntini,è da tempo che sono uniti ed l disegno che formano farebbe rabbrividire Orwell e le sue più tetre previsioni…!!

  • Abbiamo bisogno di soluzioni Doctor Messora (con tutto rispetto). Dei problemi la gente ne è consapevolissima (siamo solo viziati a far finta di nulla).

    VenusProject, PrincipiaCybernetica, FreeWorldCharter, MoneyFreeWorld sono le soluzioni. Quando inizieremo noi italiani a far partire un nuovo umanesimo e un nuovo rinascimento da questa rete, per costruire su questa rete un modello nuovo di società? Quando? Basta usare la rete solo per denunciare…usiamola anche per costruire “consapevoli” alternative. Vi prego.

    http://reader.ilmiolibro.kataweb.it/v/1135226/

  • cmq questo processo è ovvio da anni ormai (anche io l’ho denunciato creando le foto sotto). ci mancava solo che se ne vantassero ora…siamo all frutta. manicomio a cielo aperto

    Gennaio 2014
    https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10203144298754675&set=a.1060797286513.2011193.1423361752&type=3&theater

    Agosto 2014
    https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10204782406106335&set=a.1060797286513.2011193.1423361752&type=3&theater

  • In ogni caso la popolazione europea “autoctona” scomparirà entro un secolo per via di un fatto naturale: tasso demografico pari a 1.3 (al momento, ma potrebbe ulteriormente diminuire) a differenza di quello degli immigrati che è anche 8 volte superiore.

    • non è un fatto naturale ma sociale: vi hanno portato a non fare più figli rendendo impossibile trovare un lavoro ed una casa rendendo lo studio alienante, facendo circolare tonnellate di droga, rincoglionendovi con la TV … tutti questi (ed altri) fattori incidono chi più ne ha meno figli fa …
      questo rientra nel discorso di Messora, cioè il fatto è stato se non pianificato come i nazi con i campi di sterminio, perlomeno previsto ed agevolato. Quando un popolo diventa troppo consapevole dei meccanismi fondamentali della sua schiavitù come ad esempio la moneta diventa troppo oneroso tenerlo in catene meglio sostituirlo …

    • Gli immigrati, quando arrivano in Europa, hanno quasi lo stesso livello di natalità.
      Sono le condizioni del Paese d’arrivo a impostare il numero di figli che puoi mantenere.

  • Dobbiamo combattere e sconfiggere la falsa crisi e usare la loro stessa arma, creando una moneta popolare solo accettata dal popolo, riprendere dove aveva lasciato il compianto Giacinto Auriti…… Claudio insieme al movimento 5 stelle avete un potenziale bel divulgare e far capire alla gente cosa sarebbe meglio fare….. Una volta che il popolo apre gli occhi saranno guai per gli speculatori…..

  • Se i salari dei dipendenti/operai sono troppo bassi, le aziende vanno in crisi, in quanto non trovano clienti a cui vendere i loro beni.

    Se lo stipendio/paga basta solo per mangiare e pagare l’affitto; tutti gli altri beni resteranno invenduti.

    E’ assurdo pensare che pagando meno i dipendenti, ci si arricchisca… è una tattica che funziona nel breve periodo; nel lungo periodo è una strategia perdente!

  • Così come raccontato da Messora nella storiella, quando la popolazione diventa troppo povera e indebitata; il mercato degli speculatori entra in crisi; e come giustamente continua la storia, alla fine il popolo si riprende tutto e manda alla ghigliottina gli sfruttatori.

    Mentalità perdente, pensare di poter sfruttare sempre, senza pagarne il costo del danno che si è fatto.

  • Sono sempre più convinta che la soluzione sta in una data : 1789 , con annessi ma senza connessi( terrore)- più che la ghigliottina però , tornerei alle tradizioni delle nostre radici Romane e Celtiche: Leoni o Uomo di canne. Ogni buonismo lo pegheremmo con una pugnalata alle spalle.

  • Discorsi frettolosi con conoscenti che concordano col fatto che che il Capitalismo ha creato un mondo “utilitaristico“che non riesce più a rallentare e l’Europa scopre che uno dei suoi destini è l’implosione…Il gregge è aumentato ma non comprende che è esso stesso la sua un unica salvezza.

  • Già. Nella mentalità contorta di questi borghesi neoliberisti che si spacciano per progressisti di sinistra, sostituire gli “indigeni” con “diversamente bianchi” (che secondo Kalergi sarebbero più ubbidienti e facilmente controllabili…) malpagati sarebbe più facile che costruire un tessuto produttivo in cui integrare gli “autoctoni”: perchè questi ultimi hanno “l’arroganza” di pretendere stipendi che, grazie all’euro, non possono più essere erogati, mentre i “neri” si accontentano: ma fino a quando? Fino a quando, sostituiti gli “autoctoni” in tutto e per tutto, non chiederanno gli stessi loro diritti! Li abbiamo visti questi “placidi servi”, come diventano “choosy” già per quanto riguarda il mangiare e come si ribellano mettendo a ferro e fuoco interi quartieri, quando non ricevono la paghetta… E abbiamo visto anche in che modo il “governo” e i magistrati accondiscendenti (in quanto imbevuti da ideali “liberali di sinistra”…) lasciano persino che occupino le case altrui senza che sia possibile mandarli via, oppure li scarcerino senza problemi pur dopo aver commesso delitti di varia entità: primi tra tutti gli stupri, quasi giustificati con motivazioni che parrebbero voler dire “si sentono soli e sono bisognosi d’affetto”, oppure che “fa parte della loro cultura ritenere le donne degli oggetti”… Per non dire dello spacciare: “poverini, se non c’è lavoro, cosa devono fare? Avete visto quindi che occorre trovargli un lavoro”? Oppure di quando vengono “sfruttati dal caporalato” (che per incciso sfrutat pure slavi ed altri europei…).
    E per forza! La verità è che quando ingolfi tutt’in una volta un paese con torme di persone che saranno pure umani come te, ma hanno fede e cultura RADICALMENTE diverse dalle tue, si verificano scompensi che prima o poi sfociano in contrasti violenti. E molto spesso finisce che a prevalere è chi è disperato e arrabbiato.
    Dunque respingerli, contenerli e farli progredire piuttosto nei loro paesi non è questione di “razzismo”, ma di civiltà e autoconservazione. Se solo non continuassero a mandarceli appositamente!

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi