Matteo Renzi mente per 6 miliardi di euro

Durante la conferenza stampa di fine anno cogliendo uno sbadiglio del cronista (Franco Bechis di Libero) che aveva di fronte, Matteo Renzi lo ha sfidato a verificare le cifre che stava snocciolando sulla spending review. Ha pure minacciato: “Ti cedo Yoram Gutgeld (il commissario di governo alla spending review) così ci passi insieme tutto il Capodanno e controllate i numeri“. Purtroppo per il premier, ancora una volta il fact checking gli ha dato torto. Quei numeri non hanno corrispondenza nelle leggi del suo governo. Ai ministeri sono stati tagliati fino al 2018 esattamente la metà di quei fondi: 6 miliardi di euro e non 12,3. Non solo: controllando le tabelle di copertura dei più importanti provvedimenti di finanza pubblica, viene fuori una verità diametralmente opposta a quella raccontata da Renzi. Invece della spending review c’è stata una spendingde più“.

Complessivamente con la mano destra ha tagliato 51 miliardi e 845 milioni di euro di spesa pubblica e con la mano sinistra l’ha aumentata di 164 miliardi e 535 milioni di euro. Risultato netto: una spesa aumentata fra il 2014 e il 2018 di 112,7 miliardi di euro.

Come si faccia a intestarsi 6,3 miliardi di euro di tagli che non ci sono, sperando che gli italiani non se ne accorgano, si può spiegare unicamente con la convinzione che un titolo valga cento volte di più di una verifica che nessuno andrà mai a controllare. Grazie a Franco Bechis, sempre attento a fare le pulci alle finanziarie.

Del resto, parliamo di quello stesso Matteo Renzi che, mentre dall’aeroporto di Cagliari partono cargo pieni di bombe destinate all’Arabia Saudita, che poi finiscono nelle mani delle formazioni estremiste, dichiara candidamente che l’Italia non fa affari con chi finanzia l’Isis.

9 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • …..ma in fondo cosa sta facendo di male il capo del governo della nazione in cui viviamo e cerchiamo di lavorare e sopravvivere e pagare le tasse……ecetera eccetera eccetera ? : STA DIFENDENDO IL proprio POSTO DI LAVORO, regalatogli, come succede ovumque, con una raccomandazione dell”uomo che piu’venduto e mantenuto di questa povera nazione….a causa del quali i padri fondatori di quell’ITALIA difesa con la vita si rivoltano e rivoltano e rivoltano nella tomba …e lo aspettano con pazienza, di tempo ne hanno).
    La domanda che dovremmo porci e che mi pongo e vi pongo e’: perché anche noi non DIFENDIAMO ogni nostro singolo posto di lavoro così come i padri fondatori, i partigiani, uomini donne bambini, difesero la libertà ?
    Invece di continuare ad essere pecore da tostare che procreank altre pecore….?!

  • E chi fugge da questo regime marcio criminale di merda fa benissimo. Meglio vivere in un paese normale che in un paese di merda come questo.

  • -commentare renzi è triste: trattasi di un “abusivo-bugiardo” al 100%.
    -se noi italiani avessimo le “palle” avremmo già mandato lui e i suoi simili in un carcere di prima classe di un isola in Antartide, sulla quale lanciare i viveri ecc. con elicotteri, e il medico -quando servisse- con la necessaria dose di tricnina (ecc.).
    non ho scherzato, perchè non riesco più a sorridere.
    paolo
    .

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi