Francia contro nostro peschereccio: “Sono saliti a bordo con un’ascia in mano!”.

Francia, gamberoni e pesce spada. Una chicca per capire quanto siamo pezza da piedi in Europa e quanto Craxi invece abbia dato fastidio per talune sue manifestazioni di sovranità “paritetica” con paesi come USA o Francia.

Francia - Il mare è nostrum, non lorum

di Nicoletta Forcheri su Sotto banco – carta canta – 21 gennaio 2016

E’ di questi giorni la notizia che un peschereccio italiano è stato sequestrato nelle acque marittime italiane al largo di Ventimiglia dalle dogane francesi e rilasciato sotto cauzione di 8000 euro.

Il trattato con la Francia …che non è mai stato firmato.

Com’è possibile? E’ possibile perché l’Italia ha firmato un trattato, il 21 marzo 2015, di rimaneggiamento dei confini marittimi tra Francia e Italia, naturalmente tutta a vantaggio della Francia. Un rimaneggiamento che andava a modificare una convenzione storica che risale al 1892. Lo sapevate? Non mi sembra che ne sia stato fatto un sia pur minimo caso. Comunque la cosa è inaudita lo stesso perché:

  1. il sequestro interviene allorquando l’Italia non ha ancora ratificato il trattato, ma solo la Francia;
  2. nel trattato vi è una clausola che prevede la libera circolazione dei pescherecci nello sconfino, tranne in quella parte di mare dove è stato sequestrato il peschereccio, che è appunto il fosso del cimitero o dei gamberoni, una parte di mare dove i francesi non vanno tradizionalmente mai a pescare: l’esproprio (perché di esproprio trattasi) semmai sarà stato voluto da qualche multinazionale;
  3. la ciliegina poi è stata quando per pagare la penale della cauzione il tribunale di Nizza ha rifiutato l’assegno circolare non fidandosi delle banche italiane suggerendo quindi un bonifico.

Una parte di Italia che viene via a pezzi

Sempre in questa stessa parte d’Italia, dove nella mappa vedete una rientranza rispetto al confine naturale con l’Italia, un ampio territorio era già stato ceduto dopo la guerra, con borghi e valli incantate e soprattutto ricche dighe elettriche.

Il sequestro è avvenuto in acque territoriali italiane, davanti a Ventimiglia, allorquando il trattato di rimaneggiamento dei confini non è ancora stato ratificato dall’Italia! La verità è che si stanno preparando a fare a pezzi il nostro paese. Noi abbiamo ancora meno sovranità da quando, grazie all’attacco ignobile sotto la cintura del bail in, si è provocato un fuggi fuggi panicato dalle nostre banche. Prova ne sia che il Tribunale di Nizza non ha accettato l’assegno circolare del peschereccio con la scusa che “non si fida delle banche italiane”: ha preteso un bonifico.

Ed ecco come siamo stati trattati dai francesi, nella testimonianza del comandante del peschereccio Ciro Lobasso: «Sono saliti a bordo con un’ascia in mano, minacciando di tagliarci le reti. Poi ci hanno chiesto con arroganza se nascondevamo armi. Anzi, volevano che le tirassimo fuori, ma noi a bordo ovviamente non ne teniamo. Infine, hanno minacciato di metterci le manette e dopo aver preso il comando dell’imbarcazione ci hanno trainati al porto di Nizza».

Intanto, il cargo Modern Express sta per abbattersi sulle coste francesi, con 300 tonnellate di gasolio nei serbatoi.

7 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • ecco come e quanto ci rispettano i FR dopo aver salvato i loro confini e Parigi:

    http://www.difesa.it/Primo_Piano/Pagine/Italiani_Bligny.aspx

    Ma non solo, l’ultimo militare della I° guerra Mondiale morto nel 2008 in FR a 110 anni fu sepolto con gli onori militari alla presenza del Governo francese, si chiamava Lazzaro Ponticelli italiano di nascita ma che servì due nazioni come militare.

    MALEDETTI quei libri scolastici di storia dove scritte menzogne e occultate verità che gridano giustizia.
    MALEDETTA la stampa cinica e mercenaria, MALEDETTI quei politici che oggi si apprestano a distruggere la Costituzione della Repubblica italiana nata dal sacrificio ultimo e definitivo di milioni di cittadini italiani.

    • la storia recente andrebbe riscritta attenendosi scrupolosamente ai fatti accaduti per capire come la politica e gli interessi massonici si intreccino o interferiscano nelle vicende nazionali determinando nel bene o nel male cambiamenti sociali, culturali, economici di cui oggi cerchiamo spiegazioni.

      Agli inizi della I° guerra mondiale 2100 italiani della Legione Garibaldina combatterono al fianco dei soldati francesi per difendere i confini sul fronte della Argonne a Belle Etoile nei pressi di Bois de Bolante contrastando l’avanzata delle truppe germaniche, ciò avveniva nel dicembre del 1914, ma circa un anno dopo nel 1915 il Governo italiano decise ufficialmente di entrare nel conflitto bellico, poi nel 1918 inviare soldati del Regio Esercito Italiano come descritto nel link di sopra.

      Questo accadimento poco ricordato dagli storici e giornalisti evidenzia come società segrete lobbistico/massoniche abbiano il potere di intervenire politicamente, economicamente e militarmente in scenari nazionali e internazionali per difendere i propri interessi, prima che qualunque Governo nazionale politicamente riconosciuto prenda decisioni e posizioni politiche, economiche o militari per risolvere il problema.

      Può sfuggire a qualcuno il fatto che le brigate/truppe/legioni garibaldine combatterono oltre all’unificazione italiana (su cui ci sarebbe da riscrivere molto) altre battaglie e guerre fuori dei confini italiani, al fianco dei greci, ungheresi nel sud america ecc… chiamate e assoldate all’occorrenza da quelle società segrete e massoniche per risolvere il problema.

      Oggi in tempi moderni esistono i mercenari, ma il “potere occulto” utilizza il sistema del sobillare, aiutare, risolvere, ribaltare e sostituire governi di Paesi “ostili” ai propri interessi non è cambiato nelle finalità ma solo nei mezzi.

    • Maledico ogni monumento ai “fessi” caduti che incontro. I morti di tutte le guerre con il loro sangue ingrassano i maiali che le scatenano. Quanti caduti italiani sui fronti della prima guerra sono stati in realtà uccisi alle spalle dai carabinieri perchè non andavano all’assalto?

  • Dico una cosa, i massoni italiani sono cosi tale e quale come quei meschini maffiosi che credono di comandare e non si accorgono
    che due nazioni di questa ipocrita europa approfittano della loro
    debolezza e mancanza di coscienza.L´occupazione è gia programmato
    per esempio uscita libera dal trentino sul mare adriatico,occupazione
    della sardegna,sicilia,parte della puglia.I sacrifici per l`unione Italiana
    non viene più considerato.È una vera vergogna che i nostri figli vengono
    sacrificati per questo sporcato tricolore e nessuno se ne accorge.

  • rimanendo in tema Francia, confini nazionali, pescherecci e altro, dopo 35 anni pare ci siano novità sul volo ITAVIA Bologna-Palermo del 1980, in cui flotte aeronavali “alleate” francesi e USA dislocate nel mar Tirreno tra Corsica e Sicilia abbatterono con un missile l’aeromobile DC-9 ITAVIA , nei pressi di Ustica in acque territoriali italiane.
    La tesi del missile lanciato in volo (sbagliando obiettivo) da un caccia francese prende consistenza, dopo decenni di bugie dei governi FR e USA si hanno le prove che in quell’area c’erano in atto consistenti operazioni militari (negate dai rispettivi governi) che invece oggi trovano riscontro in documenti e testimonianze; sembrerebbe ci fossero anche due velivoli militari italiani.

    Ricordo una puntata tv di “telefono giallo” conduttore Augias (credo 1988) durante la quale arrivò una telefonata di un pescatore, asserendo che la sera della tragedia si trovava in mare con il peschereccio, confermò che nella zona c’erano diversi velivoli in operazione.

    La tragica vicenda vedrebbe coinvolto Gheddafi misteriosamente in volo quella sera in scia al DC-9 ITAVIA, riapre capitoli oscuri della nostra recente storia che trovano chiarezza e spiegazioni nelle odierne vicende internazionali di geopolitica per il dominio di aree geografiche ex coloniali, ma ancora controllate e sfruttate dal sistema capitalistico occidentale; un escalation di vicende politiche, economiche e terroristiche note (sul web si trova la cronologia dei fatti) di come la Libia di Gheddafi diventò dagli anni 70 il nemico n°1 di FR e USA che tentò di eliminare nel 1986 il leader libico con un blitz non riuscito, obiettivo poi raggiunto con l’aiuto dei servizi segreti FR nel 2011.

    In tutto ciò (non sono poca cosa oltre 50 anni di geopolitica italiana nel mediterraneo ENI ed altro) l’Italia che ruoli ha avuto e sta avendo nello scacchiere NATO e UE?
    Una cosa è certa mentre gli altri stati UE perfino la Germania trovano consensi appoggi politici accordi economici in e fuori la CE, gli unici a perdere la sovranità nazionale in tutti gli ambiti siamo noi italiani?

    Visto e considerato che il Capo di Governo dimostra incompetenze su tutti i fronti…. Presidente della Repubblica Mattarella? Se è vivo batta un colpo per il bene nazionale!

  • dalle fonti storiche sarebbero 700 i soldati “giustiziati” per codardia da processi sommari, soldati che non rispondevano o rifiutavano comandi assegnati dai superiori e puniti da altri militari che eseguivano ordini senza esitare impartiti dagli stessi superiori, questo è uno dei molteplici effetti perversi e violenti che scaturiscono dalle guerre.
    Oggi per la maggioranza sono volontari professionisti militari della guerra, all’epoca erano giovani coscritti con la forza, non avevano scelta.

    Dichiarata la belligeranza muore ogni diritto e valore etico-morale in base al principio che i nostri avi hanno insegnato, mors tua vita mea, anche oggi non esiste convenzione di Ginevra o diritti sanciti dalla CRI che tengano, altro che civiltà, si continua come nulla fosse senza scrupoli a bombardare appositamente e scientemente ospedali e scuole, catturare imprigionare in lager e torturare uomini donne vecchi e bambini, come se non bastasse “in tempi di pace” ridurli alla fame e sete adoperando meccanismi o sistemi economici e finanziari.

    Tutto questo casino di bassa macelleria a costi elevatissimi che sta riducendo il pianeta Terra in un mega mattatoio accade perché uno sparuto gruppo di uomini (1%) decide di appropriarsi indebitamente della ricchezza appartenente alla stragrande maggioranza (99%) della popolazione terrestre.

    Prima di fare o imporre la pace con gli altri… l’essere umano dovrebbe fare pace con se stesso! E menomale che Dio creò l’uomo a sua immagine e somiglianza, deve aver commesso qualche irrilevante errore?

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi