Cervello: la bufala dell’emisfero destro contro quello sinistro

È il fondamento di miriadi di test di valutazione della personalità, di tantissimi libri di auto-motivazione ed esercizi di team-building. Ed è tutta una bufala. La cultura popolare porta a ritenere che le persone logiche, metodiche e analitiche siano dominate dall’emisfero sinistro del cervello, mentre i creativi, gli artisti, siano dominati dalla parte destra. Il punto è che la scienza non ha mai sostenuto questa teoria.

Cervello - La bufala dell'emisfero destro contro quello sinistro

Gli esperimenti sul cervello

Gli scienziati dell’Università dello Utah hanno sfatato questo mito basandosi sull’analisi di oltre 1.000 cervelli, che non hanno evidenziato alcuna prova del fatto che le persone, in via preferenziale, utilizzino uno dei due emisferi cerebrali. Tutti i soggetti esaminati hanno utilizzato in maniera equa sia il lato destro che quello sinistro del cervello, per tutta la durata degli esperimenti. Un paper che descrive questo studio è apparso sul giornale PLOS ONE, il 14 agosto 2013.

I neuroscienziati al lavoro

Non è vero che che l’emisfero sinistro sia associato con la logica o con la facoltà del ragionamento più di quello destro“, dice il dottor Jeff Anderson, direttore del fMRI Neurosurgical Mapping Service all’Università dello Utah: “Inoltre, la creatività non si sviluppa nell’emisfero destro più che in quello sinistro“.

Il team di Anderson ha esaminato scansioni del cervello di soggetti tra i 7 e i 29 anni, a riposo. Hanno cercato attività in oltre 7 mila regioni cerebrali ed esaminato le connessioni neuronali all’interno e tra queste regioni. Anche se hanno rilevato complessi di intenso traffico neuronale in alcune regioni chiave, mediamente entrambi i lati del cervello erano essenzialmente paritari in quanto al coinvolgimento delle reti e delle connessioni neuronali.

Non abbiamo visto schemi nei quali tutta la rete dell’emisfero sinistro, o tutta quella dell’emisfero destro, è più interconnessa in alcuni soggetti“, sottolinea il primo firmatario dello studio, Jared Nielsen.

Il mito dell’emisfero destro e di quello sinistro del cervello

Il mito delle persone che usano di più la parte sinistra del cervello, o quella destra, ha avuto inizio dalla ricerca, vincitrice di un Premio Nobel, di Roger Sperry, risalente agli anni ’60. Sperry studiò i pazienti affetti da epilessia, trattati chirurgicamente in maniera da dividere il cervello lungo il corpo calloso. Siccome il corpo calloso collega i due emisferi del cervello, la parte sinistra e quella destra, in questi pazienti, non potevano più comunicare. Attraverso una serie di studi brillanti, Sperry determinò quali aree del cervello erano così coinvolte nel linguaggio, nella comprensione della matematica, nel disegno e in altre capacità. In seguito, sulla base di questi studi, qualche psicologo entusiasta ha ipotizzato che le differenti personalità e altri attributi umani fossero determinati dal fatto che uno dei due emisferi fosse dominante rispetto all’altro.

La comunità dei neuroscienziati, tuttavia, non ha mai sostenuto questa nozione”, conferma Anderson, “e ora ne abbiamo evidenza, grazie ad oltre mille scansioni cerebrali che non mostrano assolutamente alcun segno di dominanza destra o sinistra“.

Il team di Anderson ha puntualizzato che non era al lavoro per demitizzare la questione: il suo obiettivo era di comprendere meglio la lateralizzazione cerebrale per migliorare condizioni quali la sindrome di Down, l’autismo o la schizofrenia, dove gli emisferi destro e sinistro giocano ruoli atipici.

 

2 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi