La Commissione Europea vuole più reattori nucleari ovunque. Subito!

La Commissione europea vuole “accelerare” la costruzione di reattori nucleari in Europa. Lo scrive oggi lo Spiegel online che cita un documento “strategico” di Bruxelles volto a “tutelare il predominio tecnologico nel settore nucleare” europeo.

LA UE VUOLE PIÙ NUCLEARE

Secondo il documento, “gli stati membri devono rafforzare la cooperazione in materia di ricerca, sviluppo, finanziamento e costruzione di reattori di nuova generazione”. La documentazione deve costituire la base della futura politica atomica dell’Unione e servire da base di discussione, domani, per l’incontro dei commissari con competenze in politica energetica e successivamente essere sottoposto al vaglio del Parlamento europeo. Secondo questo progetto l’Ue dovrebbe accelerare in particolare la costruzione di minireattori che dovrebbero entrare in funzione al più tardi nel 2030. Nel documento viene proposto fra l’altro di migliorare il quadro degli investimenti con l’ipotesi di fondi dall’Efsi (il Fondo europeo per gli investimenti strategici), dalla Bei (la Banca europea per gli investimenti) e dai programmi di ricerca europei. L’obiettivo della Commissione Ue è duplice, riassume lo Spiegel online: ridurre la dipendenza dell’Europa dal gas russo e contemporaneamente ottemperare agli impegni di riduzione di Co2. Prioritario, si legge nel documento, resta l’obiettivo della sicurezza per qualsiasi attività nucleare.

Attualmente nell’Unione europea sono in funzione 131 centrali nucleari in 14 Paesi che producono circa 121 Gigawatt al giorno. In altri 14 Paesi ci sono progetti per la costruzione di nuove centrali. La Germania, al contrario dovrebbe spegnere il suo ultimo reattore nucleare nel 2022. In Italia il nucleare è stato bandito da un referendum del 1986 e nel 2011 un nuovo referendum ha confermato la scelta degli italiani. –

Fonte: RaiNews

3 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • reattori “ovunque e subito” non c’e’ scritto da nessuna parte, e’ un titolo terroristico, tanto per cambiae. L’Italia e’ l’unico paese che ha detto no al nucleare con un referendum, gli altri paesi se lo tengono stretto e anche la Germania per ora mantiene le centrali, quindi fa bene l’UE a cercare di mantenere il know-how in una tecnologia che potrebbe rivelarsi necessaria in futuro.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi