Il TTIP è fallito. E mo’ chi glielo dice a Cecilia Malmström?

Il mio intervento a La Gabbia di mercoledì 4 novembre 2015, andato in onda alle 23.40 circa, sui pericoli del TTIP.

Il vicecancelliere e ministro dell’Economia tedesco, Sigmar Gabriel, ammette il fallimento dei negoziati Usa-Ue sul trattato di libero scambio (Ttip). «I negoziati con gli Stati Uniti sono effettivamente falliti perché come europei non possiamo accettare supinamente le richieste americane» ha detto il ministro socialdemocratico in un’intervista alla rete tedesca Zdf, sottolineando come ormai «non ci sarà più alcun passo avanti, anche se nessuno lo vuole ammettere veramente». Gabriel ha anche sottolineato che in 14 round di colloqui le parti non hanno trovato un’intesa su un solo capitolo dei 27 sul tavolo.

I negoziati, avviati nel 2013, non hanno mai avuto vita facile. Non solo la Germania ma anche la Francia non ha mai nascosto le perplessità per quello che sembrava uno strumento unilaterale americano.

A CHE PUNTO ERA IL TTIP NEGLI USA

In realtà non giunge inaspettata una dichiarazione del genere vista la congiuntura politica di qua e di là dell’Atlantico. Già a maggio sui media americani si poteva leggere che l’accordo sul Ttip era morto quando il candidato repubblicano Donald Trump e la candidata democratica Hillary Clinton hanno iniziato a dire le stesse cose: il primo lo attacca ogni giorno, le ultime dichiarazioni della seconda sono state all’insegna di «dubbi e preoccupazioni».

L’America aspetta infatti le elezioni presidenziali di novembre e Hillary Clinton ha fatto marcia indietro sul Ttip che un tempo appoggiava in linea con Obama perché la questione in patria è tutto fuorché popolare: in tempi in cui i due candidati alla Casa Bianca promettono il ritorno di manodopera che non tornerà più, parte dell’opinione pubblica vede nel trattato una ulteriore minaccia alla working class americana impoverita. Una paura che Trump ha cavalcato da subito e a cui Clinton ha ceduto anche per non perdere quell’elettorato democratico che ha sostenuto il suo sfidante interno, Bernie Sanders. Allo stesso tempo, l’attuale presidente Obama ha il potere dell’anatra zoppa (lame duck) – così si chiama il presidente a fine mandato – e un Congresso ostile.

A CHE PUNTO ERA IL TTIP IN EUROPA

In Europa chi dovrebbe decidere non se la passa meglio: sia la Francia sia la Germania aspettano le elezioni nel 2017 per cui prima della fine del prossimo anno qualsiasi iniziativa sarebbe improduttiva perché manca un mandato forte agli attuali leader. E perché, come in America, parte dell’opinione pubblica si è schierata contro l’accordo in nome della tutela dei posti di lavoro e dell’ambiente, nonché per la paura per gli Ogm.

All’inizio dell’estate, già il ministro italiano dello sviluppo economico Carlo Calenda aveva avvertito che il Ttip era in bilico: «Il Ttip – aveva detto – secondo me salta perché siamo arrivati troppo lunghi sulla negoziazione» quindi «sarà molto difficile che passi e sarà una sconfitta per tutti».

Qualcuno ricorderà che il Commissario UE Cecilia Malmström, che aveva in carico la gestione delle trattative lato Unione Europea, dopo la grande manifestazione di Berlino, dove in piazza scesero tra le 100 mila e le 250 mila persone, così rispose a un attonino giornalista: “Non prendo ordini dai cittadini“. Adesso, chi glielo spiega che i cittadini, gli ordini, hanno finito per darglieli?

fonte (tranne l’ultimo paragrafo): ilSole24Ore.

9 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    • perché lor signori non sono ancora del tutto svincolati dall’onere di rispondere ai cittadini, e 250 mila tedeschi che scendono in piazza a Berlino, compresi 3 milioni e mezzo di firme di una petizione online, fanno riflettere, soprattutto in vista delle elezioni. Ovviamente la battaglia è solo rimandata. Ma intanto segna un punto e porta a casa.

  • Il ttip non sara passato ma il ceta con il canada e in fase di approvazione dai parlamenti nazionali…non sara che per ora le corporation americane si accontentano di utilizzare il trampolino di lancio canadese utilizzando le loro filiali???

    • grano con diserbanti e carne bovina grassa agli ormoni: questo ci offre la globalizzazione!! Anche i fatti di questi giorni al comune di roma fanno pensare che in politica spesso “le donne sono peggio”…

  • questo round è una vittoria per il NO, ma sembrerebbe rimasto in piedi il CETA un altro trattato peggiore del TTIP.

  • E’ anche un’ottima occasione per far comprendere al popolo bue (smartphon-rincoglionito!) cosa è la commiSSione EUROpea :
    un covo eversivo di collaborazionisti nominati da banchieri e redditieri arroccati in bce per essere al riparo del processo elettorale !
    A CALCI IN CULO IMBARCHIAMOLI TUTTI per la COLONIA PENALE DELL’ISOLA DEL DIAVOLO nella Guyana francese !

  • Leggendo un po’ in giro mi sembra di capire che non sia ancora stato affossato questa schifezza…..aspettiamoci sorprese!!
    La Cecilia come cavolo si chiama bisognerebbe prenderla a calci nel deretano e fuori dalle scatole, vada a fare quello che gli riesce meglio: leccare il deterano ai potenti

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi