Barbara De Rossi: “Prendevo 20/25mila euro al mese: non mi sono certo arricchita!”

Barbara De Rossi - A Rai3 prendevo solo 20-25mila euro al mese - non mi sono certo arricchita

Solo il 24 luglio, questo blog ricordava lo scandalo degli stipendi Rai. Fino a 300 mila euro all’anno a gente che non faceva niente (non è un modo di dire: dipendenti con contratto a tempo indeterminato e senza alcun ruolo), per arrivare ai 330 mila di Monica Maggioni (che nonostante il lauto stipendio pubblico per occuparsi di informazione nell’interesse di tutti, modera gli incontri della Trilaterale, a porte chiuse, dove si prendono decisioni politiche di alto livello) e ai 652 mila di Campo Dall’Orto.

Oggi, sul Fatto Quotidiano, Barbara De Rossi, valente conduttrice di Amore Criminale, si lamenta di essere stata silurata da Daria Bignardi senza neanche una telefonata. “Andava benissimo“, dice: “L’ho lasciato col 9 per cento di share che per Rai3 è un grande successo“. E poi aggiunge: “E le garantisco che questo è un programma che non facevo per soldi, guadagnavo 5.000 euro lordi a puntata, non mi sono certo arricchita“.Amore Criminale“, come si può vedere dalla programmazione Rai, andava in onda anche tutte le settimane. Questo significa che Barbara De Rossi percepiva 20 mila euro lordi al mese (e se capita un mese con 5 appuntamenti, anche 25 mila). Insomma, come non manifestarle solidarietà: non si può certo dire che uno si arricchisca, con 20/25 mila euro al mese.

Ovviamente, qualcuno obietterà che lo stipendio deve essere commisurato alle proprie responsabilità e alle proprie competenze, ma sarà vero che un conduttore televisivo ha più responsabilità o competenze di un meccanico che vi sistema i freni e dal quale dipende la vostra stessa vita? O di un vigile che sostituisce un semaforo a un incrocio? O di un poliziotto che rischia la pelle su una pattuglia della volante, senza benzina, per un decimo del suo stipendio? Qualche anno fa ho scritto questo: “Così uguali, così diversi“. E lo penso ancora.

Senza contare che… in tempi di austerity, ci vuole proprio un bel coraggio per sostenere in pubblico, davanti agli italiani senza lavoro, che con 20 mila euro al mese “non si diventa certo ricchi”. Nessuno ti vieta di pensarlo, se sei veramente “carica”, ma per rispetto della gente che non arriva alla fine del mese, il senso del pudore dovrebbe suggerirti di tacere.

12 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • questo è il saccheggio che da molti decenni avviene nelle casse dello Stato, soldi dei cittadini cioè nostri.
    Il popolo la massa del 99% delle persone paga le tasse, lavora per 1000 euro al mese facendo i conti con i centesimi di euro per arrivare a fine, chi è costretto a far debiti per pagare le utenze necessarie per vivere, chi non ha il lavoro ma costretto comunque a pagare IVA sui generi di prima necessità, accise sul carburante e balzelli medievali, per pagare sta gentaglia 1% asserragliata nelle Istituzioni pubbliche pagate milioni di euro all’anno per devastare ancor di più la vita di noi cittadini.

    Ma alle feste de l’Unità di cosa parlano e discutono?
    Fate sapere ai partecipanti elettori che mentre loro mangiano polenta e salsicce bevendo lambrusco i politici del PD FI NCD SEL LEGA ecc… si stanno mangiando l’intera Italia.

  • i soldi dello stato non sono nostri per il fatto che ancora non si è stabilito in via giudiziaria di chi sia l’effettiva proprietà dell’Euro o di qual si voglia moneta legata al dollaro, per convenzione delle elitè sta bene che sia così,….la giustizia direbbe altro

  • Sgrunt… A questa non ce la faccio a non rispondere.
    Capisco che la signora per il tipo di vita che fa, forse la quantità del vil denaro non sia una questione così importante, ma per la maggior parte dei comuni mortali invece lo é. Una canzone per bambini dell’albero azzurro faceva “Una parola é una perla, e tu perciò non sciuparla, non sporcarla non sprecarla. PRIMA PENSA E POI PARLA”

    • ma proprio non hanno pudore nel dire certe cose?non ti sei arricchita? e quanto ti ci vuole al mese per arricchirti?allora tutti i vigili del fuoco,i poliziotti i medici gli infermieri che dedicano la loro vita al benessere del cittadino quanto dovrebbero guadagnare?invece tu prendi 2o-25 mila euro al mese senza fare niente di che contro i 1500-1600 che prendono la maggior parte di queste persone e ti lamenti?ma hai una faccia tosta che veramente è da prendere a schiaffi

  • ma veramente? ma vi rendete conto? non si puo’ sentire e’ una cosa aghiacciante, non pozsso concepire queste cose prendo solo vi rendete conto solo venticinqueeuro al mese!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • ma della notizia che la moglie dello strakazzaro ha trovato il lavoro a tempo indeterminato come insegnante solamente con una chiamata diretta non se ne parla?

    • …il tragico è che, anche se se ne parla, non se ne fa assolutamente niente…e la nasuta insegnante moglie dello strakazzaro può continuare ad andare in giro col maritino con l’aereo di stato…

  • Porella! Che cosa vuoi che siano 25 mila euro al mese, se ha spese al di sopra di quanto guadagna? Bisogna domandarsi: dove li spende? Cosa compra? Quante seratine fa, se le fa, al mese? E in caso affermativo il fornaio porta la farina in chicchi? Saputo questo, potremmo avere gli elementi per valutare correttamente.

  • C’è da augurarsi che questa sua “puntualizzazione” la abbia fatta solo per far capire come lei, che comunque conduceva il programma 8quindi qualche cosa faceva), “riceveva solo” 20/25 mila euro mensili rispetto a chi non facendo assolutamente una emerita mazza magari guadagnava 10 e più volte tanto.
    Comunque, la “sparata” è stata davvero offensiva per milioni di italiani, ricordiamo alla De Rossi che milioni di pensionati vivono con meno di 500 euro al mese.

  • Un programma che era una schifezza totale come tanti altri programmi RAI che di servizio pubblico ormai ha meno dello zero!!

    Ma và a ciapà i ratt!!

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi