Ecco a chi serve il rientro dei capitali all’estero

Si chiama Voluntary Disclosure, o giù di lì. È la procedura di emersione e rientro di capitali detenuti all’estero, che consente ai contribuenti (o meglio, ai “non” contribuenti) di regolarizzare la propria posizione denunciando spontaneamente all’Amministrazione finanziaria la violazione degli obblighi di monitoraggio. L’Agenzia delle Entrate la chiama Collaborazione Volontaria.

Ha fatto molto discutere, soprattutto per l’evidente assist al riciclaggio di denaro sporco o del nero. Del resto per fare cassa o aumentare il Pil nominale, cosa non si farebbe! C’è chi ha messo direttamente il traffico di stupefacenti, il commercio illegale di tabacco e il giro d’affari della prostituzione nel prodotto interno lordo del suo paese, come la Germania di Angela Merkel, che in una notte si è così arricchita di molti miliardi alla faccia di chi, per rispettare i parametri, non può neanche ricostruire le case dopo un terremoto.

Adesso vediamo un caso scuola. Così che si capisca bene a cosa serve, nel concreto, questa voluntary disclosure.

Francesca Persi è l’assistente di Fabrizio Corona. Lui è “una macchina da guerra”, come lo definisce lei. Riesce a guadagnare anche 2 mila euro in 16 minuti. Testimonial, sponsor, campagne pubblicitarie, cene, apparizioni in ogni tipo di locale, dalle discoteche ai centri estetici, felici di buttare via il guadagno di un mese per avere un quarto d’ora una celebrità come Fabrizio nel loro negozio.

Ma c’è un problema: molti di questi soldi sono completamente in nero. Specialmente al sud. Dove li mettiamo, allora, 3 milioni di euro in contanti? Hai voglia a fare controsoffitti e a riempire materassi. Che poi arriva il primo pirla che sa scassinare le porte di casa e ti ciula tutto. E allora che si fa?

Semplice: si cerca su internet, si riempie qualche valigione di banconote (come ai tempi del Far West) e si va in Austria, dove si affitta qualche cassetta di sicurezza da stipare fino all’inverosimile. E poi? E poi si aderisce alla Voluntary Disclosure. Si paga qualcosina di tasse et voilà: tutto il denaro di dubbia provenienza adesso è lecitamente di tua proprietà, alla faccia di quelli che si sono sudati anche l’ultima cartella di Equitalia.

Questo risulta agli atti, raccontato al gip Paolo Guidi dalla Persi, interrogata alla presenza degli avvocati Ivano Chiesa e Cristina Morrone.

Quando vi parlano di emersione di capitali detenuti all’estero, vi parlano di condoni all’italiana di questo genere qua. Non vi piace la tassazione del vostro paese? Non volete fare come quegli scemi che pagano le tasse? E che problema c’è… Vi costruite la vostra tassazione su misura, aspettando la prima Voluntary Disclosure utile. Quanti Fabrizio Corona ci sono in Italia? Quanti sono quelli con traffici addirittura peggiori, che poi si godono la villa al mare, legamente acquistata con capitali dichiarati all’Agenzia delle Entrate grazie alla Collaborazione Volontaria? Quante di quelle ville grondano sangue o sono state costruite calpestando i diritti di milioni di piccoli Fantozzi indifesi di fronte al fisco?

Allora, se la tassazione agevolata fai-da-te vale per i pochi che se lo possono permettere, facciamo un bel tana libera tutti e lasciamo libertà di deposito degli stipendi direttamente all’estero, per poi decidere quando e come pagare le tasse a seconda dell’offerta del Governo. Ma soprattutto, “se” pagare le tasse.

 

2 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Se guardo in faccia la realta’ e si crede a Tremonti pare che ci siano circa 500 miliardi di euro di Italiani all’estero gestiti da banche straniere che speculano anche contro il nostro paese, io sono disposto a turarmi il naso e farli rientrare se vengono reinvestiti in Italia, altrimenti continuiamo a dare la caccia alle streghe ( piccole tralaltro) e vedere licenziamenti, svalutazioni immobiliari ecc.ecc., finisco col dire che in un Paese che non ha visione del futuro (POLITICA),dove il suo popolo guarda solo al proprio orticello e meglio fare di necessita’ virtu’, spero di non suscitare la rabbia di nessuno, cordialmente Vincenzo

  • Nei paesi dove si pagano poche o niente tasse non c’è evasione e l’economia prospera. L’italia per tanti motivi deve essere rifatta tutta dalle fondamenta. L’ultima è che Renzi si è comprato un quadri jet di lusso da 170 milioni di euro, mentre fanno tagli sulla sanità. Cioè taglia le prestazione sociali e non elimina gli sprechi. In questa situazione non c’è da preoccuparsi che gli italiani evadino come i politici rubano. Più o meno un equivale all’altro.
    POPOLO SVEGLIA!!!

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi