Referendum: vinta una battaglia, ma la guerra continua – Diego Fusaro

“L’élite mondialista tornerà presto o tardi ad attaccare la Costituzione e lo Stato sovrano nazionale. Il suo obiettivo è quello della distruzione degli stati sovrani nazionali, che dopo il 1989 sono i soli ancora a resistono come luoghi del primato della politica sull’economia. La battaglia è vinta” – diceva Diego Fusaro in questo video registrato subito dopo l’esito del referendum -, “ma la guerra continua”.

Come ampiamente prevedibile da chiunque sia uscito dal Matrix e abbia intuito quali sono le trame dei gruppi di potere internazionali che vogliono sciogliere i popoli e creare il grande supermercato perfetto, non c’è voluto molto perché questa premonizione trovasse radicamento nella realtà. Ecco quello che sta succedendo da ieri, spiegato nel video seguente e confermato dalle indiscrezioni di questa mattina (qui più informazioni).

2 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Tutto ok le argomentazioni nel video ma come ti ho chiesto anche nel il video “Come ti ribalto il referendum” su YouTube presente in questo post, cosa ne pensa di tutto ciò il M5S. Visto che sono interessati anche ad andare a votare quanto prima e cosa intendono fare per contrastrare questa eventualità che viene detta nei video sopracitati. Grazie

  • E’ assolutamente necessario che gl’Italiani vengano illuminati sui danni incalcolabili che la Comunità Europea ha architettato e sta ponendo in essere a danno della nostra autonomia finanziaria e decisionale. L’Italia rischia di perdere la propria sovranità. Di tutto dobbiamo ringraziare in primis Romano Prodi , che si sta di nuovo proponendo alla ribalta politica.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi