Ecco la lista dei ministri appena comunicata da Gentiloni

Ministri Senza Portafoglio

Rapporti con il Parlamento: Anna Finocchiaro
Semplificazione della Pubblica Amministrazione: Marianna Madia
Ministro degli Affari regionali: Enrico Costa
Ministro per la Coesione Territoriale e Mezzogiorno: Claudio De Vincenti
Ministro dello Sport: Luca Lotti

Ministri con portafoglio

Ministro degli Affari esteri e della Cooperazione Internazionale: Angelino Alfano
Ministro dell’Interno: Marco Minniti
Ministro della Giustizia: Andrea Orlando
Ministro della Difesa: Roberta Pinotti
Ministro dell’Economia e delle Finanze: Pier Carlo Padoan
Ministro dello Sviluppo economico: Carlo Calenda
Ministro delle Politiche Agricole, alimentari e forestali: Maurizio Martin
Ministro dell’Ambiente, Tutela del Territorio e del Mare: Gianluca Galletti
Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti: Graziano Del Rio
Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali: Giuliano Poletti
Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca: Valeria Fedeli
Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo: Dario Franceschini
Ministro della Salute: Beatrice Lorenzin

Verrà proposta come Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, con funzioni di segretario del Consiglio dei Ministri Maria Elena Boschi.

5 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • perché meravigliarsi?
    In Italia il sistema politico democratico è stato soppiantato dal sistema partitocratico di stampo mafioso da decenni.

  • comunque ce lo meritiamo di essere presi per il culo e poi a schiaffi da sta gentaglia, siamo un popolo incapace di reagire ne con metodi violenti ne con metodi sopratutto civili e democratici a nostra disposizione, la prova è l’astensione alle elezioni politiche e per quelli che vanno il rivotare sempre la stessa cricca è la prova che questa nazione è morta culturalmente, popolo imbelle incapace di qualsiasi rivalsa morale, al quale è stata negata l’istruzione di base, sostituita la coscienza con le mance elettorali, favoritismi e corruzione.

    Saremo mai capaci di punire severamente i “nostri” politici come i francesi hanno fatto con Sarkozy?
    Il job act in Francia è stato applicato?
    Il governo FR ha mantenuto in suo possesso gli asset economici e strategici nazionali mentre i nostri vari governi li hanno venduti ai peggiori offerenti tra cui il governo FR che sta facendo shopping delle nostre ricchezze!!!!
    I francesi sono a casa nostra a trivellare la nostre risorse oltre a scalzarci nella leadership petrolifera in Libia.

    Se al governo abbiamo gentaccia incapace di saper fare gli interessi nazionali quindi del popolo, come possiamo pretendere di uscire dalla crisi economica e sociale?

    Ma all’apice della disgraziata Italia colloco insieme alla classe politica e dirigente la categoria dei giornalisti che tutto fanno tranne divulgare le vere informazione necessarie per formare le coscienze del cittadino, sono rari i veri Giornalisti che con coraggio e deontologia professionale svolgono una funzione sociale e culturale essenziale per la civiltà di un popolo che dovrebbe emanciparsi in nazione, invece di regredire in sudditi.

  • di solito in un sistema economico-politico corretto chi fallisce un obbiettivo strategico viene sostituito o licenziato, in Italia invece si viene premiati!!! Non solo la Boschi artefice della schiforma, anche la Madia a cui la Consulta ha bocciato la riforma della PA, guarda caso scritta a 4 mani con il figlio del PdR Mattarella!!! Già il fatto che il PdR avrebbe dovuto controfirmare un riforma scritta dal figlio si ravviserebbe un mega conflitto d’interessi, ma addirittura bocciata perchè anticostituzionale la dice lunga sul guazzabuglio di persone che ci governano.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi