Becchi sulla Post-verità vs Luciano Fontana: il suo giornale è una vergogna!

Paolo Becchi su TGCOM, non le manda a dire a Luciano Fontana, direttore del Corriere della Sera: “Io avrei vergogna se fossi il direttore di un giornale che si permette ancora oggi, quando ci sono critiche totali da tutte le parti del mondo contro una moneta che sta distruggendo il nostro paese, di uscire col suo giornale ancora con l’apologia della moneta unica. È una vergogna! E spero che coloro che ci stanno ascoltando si rendano conto di come è stato ridotto il giornale che lei sta dirigendo!“.

E sulla post-verità: “è la libertà della rete contro la schiavitù organizzata“.

4 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Salvaguardare e difendere l’opinione libera i rete é dovere di tutti, e il M5S che nasce, vive e continua a crescere in rete ( e in piazza naturalmente ) ha il dovere di portare avanti una proposta di legge per mettere al sicuro la libertà di opinione e di espressione di tutti..

  • Ciao Claudio, posso suggerirti di fare un post dove spieghi alle persone totalmente o parzialmente profane di rete come assicurarsi che le fonti di un post che si vuole pubblicare o condividere siano affidabili? Quali criteri di ricerca usare per assicurarsi di esse? Non sarebbe una cattiva idea, insomma si eviterebbe davvero la diffusione di bufale che girano sul web magari volute proprio da quei canali media di cui si parla! Grazie!

  • Uno scienziato disse:. “non posso controllare e vietare a chi compra e leggi i miei i libri di deformare e spacciare la mia scienza e farla sua..” Chiunque può fare una pagina, un gruppo aperto o chiuso, gli iscritti devono rispettare le regole del gruppo. Se qualcuno ha postato bufale e falsità o frasi ingiuriose, gli amministratori del gruppo o pagina dovrebbero fare rispettare le regole, ed eventualmente cancellare l’iscrizione al gruppo. Quindi, chi si sente OFFESO quereli gli amministratori che non fanno rispettare le regole. SE INVECE NON VUOLE SEGUA LA PRASSI DI FACEBOOK. “Come amministratori del gruppo, potreste dover gestire dei membri che postano contenuti inappropiati o illeciti. Rimuovere i post è semplice, basta cliccare sulla freccina vicina al post in questione.
    Potete scegliere “Cancella post”, “Cancella post e rimuovi utente” oppure “Riporta/segnala come spam” per far intervenire le autorità di Facebook.. Cari Giornalisti offesi, scrivete bufale e falsità ogni giorno, e quando qualcuno vi dice la verità. gridate al fascismo? Invece quello che ha detto Pitruzzella di voler censurare la libertà con un Tribunale Politico Europeo, non è fascismo moderno? Come mai non avete scritto nulla ma inveito contro Grillo quando ha proposto una giuria di lettori non di burocrati censori? Non ci voleva un genio per capire che le regole ci sono già, bastava connettersi e leggerle come funziona la Rete.

  • mi viene un grande dubbio: non è che oggi la stragrande maggioranza delle così dette “bufale” sia postata ad arte proprio da quel potere dominante per crearsi artatamente il pretesto giusto per intervenire sulla libertà altrui?

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi