Il grafico che ci condanna: altri 14 anni di disoccupazione!

Italia - Pil Reale - Recupero livelli pre-crisi nel 2024

di Fabio Dragoni

Inquietante a dire poco l’ultimo report CGIA. Previsioni che se confermate dai fatti spegnerebbero ogni dubbio in merito all’incapacità del Paese di recuperare il sentiero della crescita. Se mai qualcuno di voi ne avesse. Andiamo con ordine. Nel 2016 il reddito dell’Italia è stato pari a quello di 16 anni fa. E fra otto anni nel 2024 la previsione è che il nostro PIL tornerà a toccare quello di otto anni fa. Prima dello scoppio della grande crisi. Mentre solo nel 2032 dovremmo tornare ai livelli di disoccupazione che avevamo nel 2008 (*).

Italia - dinamiche del mercato del lavoro dal 2017 al 2034

(*) Dal momento che le previsioni si fermano al 2026 e che per il tasso di disoccupazione e il numero disoccupati in quell’anno non si raggiungerebbero ancora i livelli pre-crisi, l’Ufficio Studi CGIA ha formulato alcune previsioni di massima (dal 2027 in poi) che devono ovviamente essere prese con prudenza; si è ipotizzato che il tasso di disoccupazione scenda dello 0,3% all’anno mentre il numero dei disoccupati diminuisca del 5% all’anno.

1 commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Ciao Claudio, io non posso fare a meno di notare che nei periodi di governo Berlusconi (per carità, le sue colpe ce le ha, come ce le aveva pure Giolitti, e ammesso e non concesso per tutti e due) il grafico ha un andamento “inquietevole”… cioè: sarei disposto a pagargli un soggiorno ad Amsterdam per rivedere i miracoli dell’ “Unto”.

    Scherzi a parte, per riallacciarmi al discorso Zero Hedge, dell’altro tuo post, ho come l’impressione che il problema non sia l’Europa brutta e cattiva, diciamocelo: quello che è successo nei periodi di governo Berlusconi, non è successo perchè è uscito dall’Euro e i sinistrorsi ci sono ricascati a piè pari. L’euro è la regola per tutti e solo i governi capaci si barcamenano alla grande (com’era quella del maiale che da vivo puzzava e da prosciutto…) quindi Grillo ha colto un ovvietà, vale a dire che il sistema bancario funziona in questo modo, ma perchè le altre nazioni che funzionano, non ne risentono, o ne risentono in maniera minore? Perchè non hanno la sinistra italiana? perchè non hanno la mafia? (capitale o giù di lì, ma proprio giù giù) perchè non hanno le cooperative? perchè non hanno il Vaticano? perchè hanno un attaccamento più consistente alla bandiera/popolo/nazione d’appartenenza?

    E questi sono i capisaldi, andando in là con la fantasia, mi sono chiesto, ma perchè a questo punto non vogliono morto Grillo, così come hanno voluto morto Berlusconi? (perchè ci sono tanti modi per uccidere una persona, e quello cruento è controproducente per loro, in quanto produce un martire, e non li faccio tanto scemi)
    O ancora più in là: la data della fine del riarmo Russo è stimata per il 2030/2035, quello cinese con 10/15 anni di anticipo (2020/2025), non sarebbe una fortuita coincidenza quest’uscita dalla recessione di alcuni paesi dell’eurozona proprio a ridosso di eventi come questi?
    Da sempre il M5S mi è sembrato in odore col PCC, (e a dir la verità anche qualcuno in Germania, dato che senza l’indotto cinese la carfactory d’Europa si blocca) sarà questo il motivo di tutto questo darsi da fare contro l’Unione Europea, dato che, torno a ripeterlo, personalmente mi sembra che più che l’Euro, il vero problema sia la criminalità organizzata (sia in giacca e cravatta che col colletto zozzo) e la dilagante corruzione per interessi esterni?

    E per finire una domanda che c’entra con tutto e con niente: Trump si dice che sia stato eletto grazie agli hacker russi (badando alle solite ca**ate di regime, in quanto non hanno modificato l’esito del voto online, ma hanno solo divulgato le e-mail della Clinton (solo… :’) ) e perchè mai questa ingerenza? la Clinton voleva fare la guerra alla Russia, Trump alla Cina, stai a vedere che alla Russia fa comodo l’inasprirsi della situazione fra America e Cina?

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi