Sovranità vs Inflazione – Scontro plastico tra Marco Mori e Salvo Cozzolino

Marco Mori vs Salvo Cozzolino è uno scontro che mette in scena il classico campionario degli argomenti contro la sovranità monetaria: inflazione, debito, helicopter money e tutto il resto. Solo una precisazione aggiuntiva per Cozzolino: qualcuno gli dica che dal 1946 al 1970 l’economia andava bene, anche in condizioni di cambio fisso, perché c’era un Paese da ricostruire, raso al suolo dalle bombe, e c’era qualcun altro che metteva i soldi.

3 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Questa richiesta di spesa pubblica per risollevare l’economia mi “riporta alla memoria” un fatto… di questi giorni:
    Vaccini gratis per tutti i bambini e anziani!
    Già, giusto!
    Ma chi ce li mette i soldi per pagare le case farmaceutiche?
    Uno stanziamento statale di 800 milioni!
    E dove li prende lo stato questi 800 milioni?
    Glieli forniamo noi comuni cittadini!
    E come?
    Ci aumentano le tasse o non usano quelle già pagate per fini utili per noi e non per loro come il riempirci le vene di metalli pesanti!
    Perciò noi alla fine della giostra pagheremo questi vaccini o subiremo comunque un danno a causa di una mala gestione delle finanze pubbliche?
    Certamente!
    E dove ce lo prenderemo sempre e comunque?
    In c***!

  • L’analista finanziario e’ poco credibile perche’ deve tirare l’acqua al proprio mulino, infatti vive di finanza la peste del secolo. Ha la testa infarcita di falsita’ neoliberiste probabilmente studiate alla Bocconi dei boccaloni.
    Ricordate che una moneta senza Stato non puo’ chiamarsi tale ma e’ il modo per far si che uno Stato non possa autogovernarsi ma sia governato dai mariuoli che gli imprestano le banconote ossia pezzi di carta creati dal nulla gravati di interessi. L’analista probabilmente ha studiato sui libri sbagliati delle mezze verita’.

  • Con i vaccini si “regalano ” soldi alle multinazionali del farmaco.
    Ovviamente non è questa la spesa pubblica auspicabile.
    La spesa pubblica deve servire all’economia italiana: Lavoro utile e produttivo per tutti i disoccupati, salari e pensioni adeguate, aiutare il vero Made in Italy, Sanità efficiente, Scuola e Ricerca, Salvaguardia ambientale, Fonti rinnovabili, Rinazionalizzazione di Banche e imprese strategiche in crisi (nuova IRI)….
    Questa è la Spesa Pubblica che serve a rilanciare l’Italia, non certo le grandi opere inutili, le “regalie” alle multinazionali, le ruberie dei soliti “Furbacchioni”, i privilegi di pochi…

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi