I 5 STELLE EUROPA CONTRO IL RICATTO DELLA COMMISSIONE UE AI SOCIAL MEDIA

p.s. le interrogazioni depositate al Parlamento Europeo da membri della delegazioni M5S Europa sono due. Una è quella che descrivo qui sopra, l’altra è quella oggetto del post di Isabella Adinolfi sul blog delle Stelle.

di MoVimento 5 Stelle Europa

A gennaio 2017 la piattaforma Google AdSense ha annunciato di aver disattivato la monetizzazione pubblicitaria relativa a 340 siti. Le motivazioni sono semplici e inquietanti: ci sarebbe un inganno dei lettori sulla natura delle notizie pubblicate, questi siti – secondo il gigante della Silicon Valley – diffonderebbero “fake news“. Inoltre, non sarebbero editori “strutturati” e quindi adibiti a diffondere contenuti. Questa decisione presa da monopolista, non sindacabile, è di una violenza inaudita.

Si può non essere d’accordo con quello che scrive un blogger o un sito d’informazione, ma la legge prevede già adeguati strumenti di tutela. La verità è che questa mossa arriva da lontano, ovvero dal tramonto inesorabile dei media tradizionali che non riescono più ad influenzare l’opinione pubblica come un tempo.

Grazie alla rete, milioni di persone riescono ad informarsi e ad approfondire argomenti d’interesse specifico ascoltando non solo una fonte, ma confrontando opinioni diverse. Opinioni che derivano anche da blogger specializzati nei settori più disparati, o semplicemente da cittadini informati che decidono di mettere la loro esperienza e conoscenza a disposizione della collettività.

Con questo atto intimidatorio si ritorna indietro di almeno vent’anni. La liberà informazione in rete è l’infrastruttura portante del futuro, l’autostrada della conoscenza e della consapevolezza. Eliminare questo principio e di conseguenza le “voci discordanti” equivale a mettere i bastoni tra le ruote ai cittadini. Appare dunque evidente come il regime di monopolio, con cui Google è autorizzato a eliminare chi non è gradito, si scontri con i diritti fondamentali che tengono insieme la società moderna. Ovvero quelli legati alla libertà d’espressione e d’informazione.

Questa azione si scontra con la carta dei diritti fondamentali dell’UE e con altri Trattati. La delegazione del M5S in Europa ha quindi deciso di inviare un’interrogazione alla Commissione europea con una richiesta di chiarimenti e di eventuali azioni da mettere in campo per reagire all’aggressione.

LIVE: Google, Fake News, Censura, Tecnicismi… parliamone

5 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Ciao,
    complimenti per il tuo blog e per la tua battaglia. Ero presente alla lezione della Link Campus University (non so se ricordi, ho fatto l’intervento relativo a Lorenzo Valla e alla Donazione di Costantino). Un’idea: perché non lanciare un motore di ricerca concorrente rispetto ai colossi, un “Free Search” dell’informazione libera e alternativa? Io credo che il pubblico del web ne sarebbe felice!
    Ciao
    Federica Sbrana

    • Federica, aldila’ del fatto che sulle competenze tecniche puoi senz’altro trovare volontari che a costo bassissimo se nona titolo gratuito, possono essere coinvolti, il problema sta nei costi che un tale sistema avrebbe. Se guardi google news, per esempio, si affida alla infrastruttura “corposa” dei datacenter do google. In pratica, servono un sacco di soldi…Avevo gia’ studiato questa opportunita’ per quanto riguarda un motore di ricerca per le informazioni terapeutiche e mediche, e i numeri necessari per sostenerlo sono molto fuori dalla normale portata. Nulla vieta pero’ di sperare che il buon Claudio, abbia qualche asso nella manica.

  • Lo spero. Io so soltanto che ero andata piuttosto titubante alla lezione del Corso di aggiornamento per giornalisti della Link Campus e che dopo aver ascoltato l’intervento di Claudio Messora sono andata a casa felice e sollevata. Il coraggio, la lucidità di analisi e l’intelligenza di Claudio Messora mi hanno colpito immediatamente. L’andare contro corrente, in un Paese come l’Italia, è proprio soltanto delle menti migliori.
    Ancora grazie.
    Federica

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi