Un lavoro per Kid Laura and the Debunkers: le Fake News di Repubblica

Sgarbi pubblica su Facebook una telefonata in cui un’imitatore di Grillo gli chiede di smentire di avere mai sostenuto che Virginia Raggi è una “depensante“. La telefonata è un chiaro “fake”: chi conosce Grillo sa che non solo le pause, le esitazioni, le inflessioni della voce non gli corrispondono, ma non gli corrisponde neanche questo modo un po’ spaesato, sperduto, di affrontare una simile questione. Grillo avrebbe chiamato Sgarbi e lo avrebbe mandato affanculo, oppure non lo avrebbe chiamato per niente. Non solo, ma a un certo punto della finta telefonata si sente anche il suggeritore sullo sfondo, che presumibilmente sembra essere Giuseppe Cruciani. Probabilmente il finto Grillo era David Parenzo.

Una burla, insomma. Uno scherzo telefonico orchestrato a tre, che risulta del tutto evidente dallo stesso ascolto della clip (perfino Sgarbi è innaturale). Non se ne accorge solo un blogger, ma se ne accorgono anche i famosi “utonti” della rete (come il sistema ama definirli, al punto da costringere i social network a difenderli da se stessi), i quali lungi dall’essere scandalizzati, commentano con sarcasmo. E allora, secondo voi, è possibile che non se ne accorga un giornalista? Tanto più se lavora in uno dei due maggiori quotidiani nazionali?

La notizia non meriterebbe neppure un trafiletto nella sezione dei necrologi, se non fosse che Repubblica ci fa un riquadro a pagina 11.

E come dà la notizia Repubblica? Parla apertamente di burla? No. Il titolo è scritto come se si trattasse di una notizia vera, mentre nel testo si limita a parlare di “una telefonata fatta ieri da una persona con una voce che appare simile a quella di Grillo“. Nessun accenno a ciò che qualunque “utonto” della rete capisce subito: che si trattasse cioè di una presa in giro.

La notizia è costruita in maniera tale che i lettori del quotidiano, la maggior parte dei quali hanno altro da fare che non andarsi a cercare il video di Sgarbi con la telefonata, possano lasciare la pagina con la sensazione che quella telefonata possa essere verosimilmente accaduta. Chi legge questo trafiletto, cioè, può credere che la vicenda sia reale.

Si tratta a tutti gli effetti, per il modo in cui è stata data, di una colossale “fake news”, talmente evidente che nessun giornalista che si possa definire tale avrebbe potuto equivocare, data in modo da farla apparire verosimile. Si tratta cioè di manipolazione volontaria, che è peggio della disinformazione semplice.

Hey, questo è un lavoro per Super-Laura e i suoi debunkers!

Kid Boldrini and the debunkers

Del resto, non ci vuole molto per rendersi conto di come Repubblica stia conducendo una enorme campagna che deforma, ingigantendole, questioni che francamente non dovrebbero occupare le prime pagine dei giornali così a lungo. Per capirlo fatevi una semplice domanda: conoscete i nomi di uno qualunque dei componenti dell’amministrazione (dirigenti e collaboratori) di una qualunque delle giunte precedenti, non solo di Roma, ma di uno qualunque degli ottimila e passa comuni italiani? Sapete come, perché, quando e con quali costi sono stati assunti? Eppure sono mesi che l’Italia, quella raccontata dalla stampa, si sofferma su vita, morte e miracoli, della squadra che compone i gabinetti di Virginia Raggi, la quale forse non sarà una navigatissima lupa di mare della politica, ma francamente viene dissezionata con tale e tanta capillarità, che se avessero fatto lo stesso con D’Alema, Draghi, Craxi, Monti, Padoan, Renzi e uno qualunque dei potenti che hanno pilotato questo Paese nelle secche ove ci troviamo adesso, ora saremmo indiscutibilmente una florida economia.


Ti aspetto sul Canale Telegram di questo blog, dove potrai ricevere tutte le notifiche e gli aggiornamenti del blog in tempo reale, e anche partecipare ad animate discussioni. 
 Questo è il link per unirti al Canale: https://t.me/ByobluOfficial

Se hai bisogno di una mano per installare e usare Telegram:

  1. Come installare Telegram su Pc:
    https://www.youtube.com/watch?v=KXPv3288UZQ
  2. Come installare Telegram su smartphone:
    https://www.youtube.com/watch?v=F3C6NiTjzQg
  3. Come entrare nel mega gruppo “Io sono un lettore libero” e come unirsi al Canale “ByobluOfficial”:
    https://www.youtube.com/watch?v=9vu4htqdhyE

6 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Come ho già avuto modo di osservare, se i proponimenti della Boldrini dovessero essere applicati alla lettera, i primi a farne le spese sarebbero i media principali. A pieno titolo.

  • Ognuno di noi spende mediamente circa 1.000 euro all’anno in bollette per l’energia elettrica e il 10% va alla RAI, quelli che fanno l’informazione seria e giusta.
    Il 10% della spesa energetica delle famiglie italiane, 2.000 milioni di Euro alla RAI!
    Poi ci sono i milioni di euro per i contributi pubblici ai giornali.
    Tonnellate di carta e inchiostro per i feticisti che amano sentire l’odore del vero giornalismo e poi si dichiarano ecologisti.

    Visto che ci teniamo tanto alla libertà e pluralità dell’informazione mi piacerebbe disporre di quel denaro e scegliere personalmente a chi darlo.
    Penso che il contributo economico all’informazione debba essere una scelta individuale.

    • bravissimo claudio !
      purtroppo esistono ancora persone che danno retta ad attivissimo, puente e coltelli.
      se tutto va bene col prossimo governo saranno incriminati a dovere.

  • Se gli autoreferenziali “debunkers” si occupassero analiticamente e seriamente di “Repubblica”, avrebbero materiale per centinaia di articoli e decine di libri.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi