Diego Fusaro: ma quale new economy? Si chiama lavorare per niente!

Diego Fusaro sulla cosiddetta “new economy“. Dal caso Amazon in poi, è chiaro che si tratta di un nuovo sistema di sfruttamento dei lavoratori. Il lavoro prevede che ci siano dei diritti e che il lavoratore venga considerato alla stregua di un essere umano portatore di dignità e non di prezzo. L’essere umano ha valore e non ha prezzo. Carlo Marx disse: “guardiamo agli Expo per vedere le tendenze del Capitale”. L’Expo di Milano ci ha dato la tendenza futura del capitale: lavorare per niente. Schiavitù, economia della promessa, sfruttamento a livelli mai raggiunti prima. Questa è la tendenza che i signori del capitalismo legittimano come competitività, privatizzazione, saccheggio degli ultimi beni comuni rimasti, aggressione frontale al mondo del lavoro giustificata con nomi altisonanti, rigorosamente in inglese, figuriamoci! Jobs Act in luogo di “riforme del lavoro”. Ma sono riforme solo per loro, in realtà si tratta di aggressioni totali al mondo del lavoro.

4 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Bisogna agire e anche d’urgenza. La situazione è molto più globale di quello che si creda. Capire velocemente chi sono i veri nemici e agire. Aprire gli occhi del popolo.

  • E’ così ovvio scambiare i propri saperi o le proprie abilità a fronte di un corrispettivo, assoggettando lo scambio alle regole della domanda e della offerta come se il lavoro fosse una normale acquisto di merce? Se è normale allora è normale che un neurochirurgo sia pagato poco rispetto ad un idraulico se ce ne sono troppi. Non so cosa sia , ma c’é qualche cosa che non mi torna.

Top

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato l'utilizzo dei cookie. Leggi tutto ...

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi